Certificazione del personale e delleaziende che operano nella installazione,manutenzione o riparazione di impianticontenen...
2Menu Certificazione, obbligo del DPR 43/2012 Registro Telematico Iter di certificazione operatore Iter di certificazi...
3Dove c’è innovazione, c’è ICIM ICIM, nel corso di 25 anni di attività, si è affermato come uno dei principaliEnti di Cer...
4L’assetto societario ICIM S.p.A, Ente di Certificazione Italiano indipendente fondatonel 1988 come Istituto di Certifica...
5L’assetto societarioAssociazioni Industriali ANIMA - Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica v...
6AccreditamentiDa ACCREDIA per: certificazione di sistemi di gestione per la qualità, ambiente esicurezza, certificazion...
7Accordi internazionali Membro di EFSG - European Fire and Security Group Membro dell’IECEE IEC per la certificazione de...
8Notifiche Direttive 2009/105/CE Recipienti semplici a pressione. 89/106/CEE Materiali da costruzione. 2006/42/CE Macch...
9Verso un business sostenibileICIM crede nella qualità dei propri servizi e intendedifferenziare la propria offerta ancora...
10essere il punto di riferimento per quelle organizzazioni pubbliche eprivate che credono che INNOVAZIONE e SOSTENIBILITÀ ...
11LINEE DI ATTIVITÀAmbiente, Sistema Azienda, Qualità,Salute & Sicurezza, Energia, Prodotti,IT Security, Sostenibilità.Pro...
12Regolamento 842/2006Obiettivo del Regolamento 842/2006 è la riduzione delle emissioni di: Idrofluorocarburi (HFC) Perf...
13DPR 43/2012Il DPR 43/2012 disciplina le modalità di attuazione delRegolamento CE 842/06 individuazione delle autorità c...
14DPR 43/2012 - I settori coinvoltiRegolamento CE 303/08: refrigerazione; condizionamento d’aria; pompe di calore.Regol...
15DPR 43/2012 – I refrigeranti contemplati dal Regolamento Per i refrigeranti viene spesso utilizzata la nomenclatura ind...
16 Il modo più facile per individuare il tipo di refrigerante è controllarel’etichetta sull’apparecchiatura Le apparecch...
17DPR 43/2012 – Requisiti Organismi di Certificazione Gli OdC devono essere in possesso dell’accreditamento in base alle ...
18Accreditamento ICIMICIM ha ottenuto il 10 Ottobre 2012 l’accreditamento da Accredia come OdC,per lo schema F-GAS, per le...
19Il Registro è istituito presso il Ministero dell’Ambiente gestito dalle Camere di Commercio del capoluogo di Regione o...
20DPR 43/2012 – Registro telematicoGli organismi dicertificazionedevono iscriversi alRegistro istituitopresso le Camere di...
21DPR 43/2012 - Obbligo iscrizione al RegistroA partire dal 12 Febbraio 2013 devono iscriversi alRegistro telematico gesti...
22DPR 43/2012 – Regolamenti Tecnici ACCREDIA Accredia ha predisposto dei regolamenti tecnici al fine di identificare lemo...
23Certificazione F-GAS È una specifica certificazione per gli operatori e le imprese che operano sudeterminati tipi di im...
24DPR 43/2012 - Obbligo certificazione Il certificato viene rilasciato da un organismodi certificazione (OdC) accreditato...
25La Commissione esaminatrice ha il compito di gestire laregolarità delle procedure d’esame, è composta e presiedutada per...
26Certificazione - operatoreICIM provvederà a emettere badge di qualifica con foto enominativo del candidato.La certificaz...
27Certificazione - impreseLe imprese vengono certificate sepredispongono un ‘Piano della qualità’ ai sensidella UNI ISO 10...
28Certificazione - impreseLa certificazione delle imprese di installatori,manutentori o riparatori di impianti disciplinat...
29Procedura certificazione impreseA formale accettazione della quotazione ICIMinvierà la documentazione per iniziare le at...
30Certificazione - impreseL’ impresa è tenuta a informare l’OdC su eventuali variazioniaziendali, modifiche del personale ...
31 Il 12 Aprile è entrato in vigore il decreto legislativo, approvato dal Consigliodei Ministri il 31 Gennaio 2013 e pubb...
32Il Decreto individua le seguenti modalità sanzionatorie su accertamenti nelcaso in cui l’«operatore» effettui: violazio...
33 Inoltre per la non iscrizione al Registro Telematico presso le Camere diCommercio sono previste sanzioni (art. 10), sa...
34Certificati provvisoriImprese e persone fisiche che svolgono le attività disciplinatedal DPR 43 possono avvalersi di un ...
35Deroghe transitorie Deroga di certificazione per 2 anni per le persone che svolgono attività su apparecchiature fisse ...
36Esenzioni che svolge operazioni di saldature ebrasatura nell’ambito delle attivitàdisciplinate dal DPR 43 purché taliop...
37Registri degli impianti Gli operatori delle apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamentod’aria, pompe di ca...
38Riconoscimento dei certificati rilasciati da altro Stato UE I certificati sono validi in tutti gli stati membri della U...
39ICIM ha qualificato circa 50 sedi dislocate su tutto ilterritorio nazionale al fine di avere una penetrazioneregionale s...
40www.fgas.itwww.accredia.itwww.icim.itApprofondimenti
41Contattifigureprofessionali@icim.it(Per la certificazione dellepersone)aziendefgas@icim.it(Per la certificazionedell’imp...
42
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Icim presentazione DEL DOTT. CROCI DEL

656 views
531 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
656
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Icim presentazione DEL DOTT. CROCI DEL

  1. 1. Certificazione del personale e delleaziende che operano nella installazione,manutenzione o riparazione di impianticontenenti taluni F-GAS ai sensi del DPR43 del 2012Obblighi, scadenze e sanzioni15 Maggio 2013, VicenzaCentro Produttività Veneto
  2. 2. 2Menu Certificazione, obbligo del DPR 43/2012 Registro Telematico Iter di certificazione operatore Iter di certificazione impresa Sanzioni Deroghe transitorie Esenzioni Registro Impianti
  3. 3. 3Dove c’è innovazione, c’è ICIM ICIM, nel corso di 25 anni di attività, si è affermato come uno dei principaliEnti di Certificazione italiani, conseguendo una crescita costante difatturato e dimensioni grazie alla sua riconosciuta competenza tecnica.I tradizionali settori merceologici di riferimento, connessi alla meccanica eall’impiantistica, costituiscono oggi la concreta base di partenza per losviluppo di nuovi obiettivi in contesti e scenari nuovi.
  4. 4. 4L’assetto societario ICIM S.p.A, Ente di Certificazione Italiano indipendente fondatonel 1988 come Istituto di Certificazione Industriale per laMeccanica con la missione di promuovere la qualità nelle soleindustrie meccaniche, ha poi esteso il suo campo di attività aglialtri settori merceologici, alle ispezioni e alla formazione. Nel2000 ICIM si trasforma in Società per Azioni ereditando tutte leattività operative e commerciali.Socio unico di ICIM S.p.A. èASSOICIM, Associazione chepromuove lo sviluppo delSistema Italia attraverso lacultura della qualità.
  5. 5. 5L’assetto societarioAssociazioni Industriali ANIMA - Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica varia ed Affine e ASA, larelativa società di servizi UCIMU - Unione dei Costruttori Italiani di Macchine Utensili ACIMIT - Associazione Costruttori Italiani di Macchinari per l’Industria Tessile ASSOLOMBARDA - Associazione territoriale dell’industria e del terziario avanzato di Confindustria UNIONMECCANICA CONFAPI - Unione Nazionale della Piccola e Media Industria Metalmeccanica ASSISTAL - Associazione Nazionale Costruttori di ImpiantiEnti di diritto pubblico CTI - Comitato Termotecnico Italiano CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano INAIL – Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche MINISTERO DEL LAVOROImprese private Enel, Snam Rete Gas, Ansaldo EnergiaAltre associazioni UNC - Unione Nazionale ConsumatoriSOCI
  6. 6. 6AccreditamentiDa ACCREDIA per: certificazione di sistemi di gestione per la qualità, ambiente esicurezza, certificazione di prodotti, certificazione di sistemi di gestione per la sicurezza delleinformazioni, certificazione di sistemi di gestione dell’energia, ispezioni di tipo A, certificazione dei biocarburanti e bioliquidi, certificazione delle figure professionali e delle imprese cheoperano con gas fluorurati a effetto serra.Dal Comitato Ecolabel-Ecoaudit Sezione EMAS Italia comeVERIFICATORE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE n° 1221/09.Dal Ministero Ambiente come verificatore Emission Trading per leattività e categorie dimensionali 1.1(B).Da IATF - in qualità di membro CISQ Automotive – per lacertificazione secondo lo standard ISO/TS 16949.
  7. 7. 7Accordi internazionali Membro di EFSG - European Fire and Security Group Membro dell’IECEE IEC per la certificazione dei modulifotovoltaici Organismo riconosciuto dal CEN per il rilascio del SolarKeymark. Come membro della Federazione CISQ, ICIM aderisceal circuito internazionale IQNet (the InternationalCertification Network). Firmatario dell’Eurocer Building Agreement per ilriconoscimento della validità europea dellacertificazione di prodotto nel settore dellecostruzioni. ICIM ha recentemente firmato un agreement con ISCC- International Sustainability & Carbon Certification,uno dei primi schemi europei qualificati, ed èdiventato Cooperating Certification Body per loschema ISCC sui bioliquidi e biocarburanti.
  8. 8. 8Notifiche Direttive 2009/105/CE Recipienti semplici a pressione. 89/106/CEE Materiali da costruzione. 2006/42/CE Macchine. 95/16/CE Ascensori. 2000/14/CE Emissione acustica ambientale delle macchine edattrezzature destinate a funzionare allaperto. 94/9/CE Apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzatiin atmosfera potenzialmente esplosiva (ATEX). 93/42/CEE Dispositivi medici. 97/23/CE Attrezzature a pressione (PED). Idoneità ad operare quale Organismo di certificazione nell’ambito delDecreto 28 marzo 2000 n.179 Settembre 2000 MICA - Ufficio CentraleMetrico e del Saggio dei Metalli Preziosi. Verifiche periodiche su ascensori ai sensi del DPR 162/99 e s.m. e i. Verifiche periodiche degli impianti di messa a terra previstidal DPR 462/01.
  9. 9. 9Verso un business sostenibileICIM crede nella qualità dei propri servizi e intendedifferenziare la propria offerta ancorandosi ai valori chel’hanno aiutata a crescere in oltre venti anni di attività: atteggiamento imparziale nell’esecuzione delleattività; onestà, professionalità e competenza; ascolto delle esigenze dei clienti e supportonell’identificazione dei servizi più idonei a sviluppareil loro business; rispetto e collaborazione tra tutti coloro che operanonell’ambito dei servizi offerti al mercato; orientamento all’innovazione e allo sviluppo evalorizzazione delle conoscenze; gestione efficiente e profittevole, che garantiscamargini per alimentare la crescita.
  10. 10. 10essere il punto di riferimento per quelle organizzazioni pubbliche eprivate che credono che INNOVAZIONE e SOSTENIBILITÀ sianoelementi fondamentali per il proprio sviluppo.Il nuovo posizionamento di ICIM fa leva sul settore «Energia» e sui temidell’INNOVAZIONE e della SOSTENIBILITÀMISSIONIl riposizionamento di ICIM sul mercatoAREE DI BUSINESSSistemiProdottoIspezioniEnergiaSociale5diventare leader riconosciuto, per esperienza e competenza, neiservizi a supporto dell’innovazione e della sostenibilità.OBIETTIVO
  11. 11. 11LINEE DI ATTIVITÀAmbiente, Sistema Azienda, Qualità,Salute & Sicurezza, Energia, Prodotti,IT Security, Sostenibilità.Progetto formativo ICIM8101CORSIa oggi programmati nel territorio nazionale,rivolti a differenti segmenti professionali,divisi tra Percorsi Formativi, Formazione in-house e Formazione Finanziata.La Fabbrica della Conoscenza
  12. 12. 12Regolamento 842/2006Obiettivo del Regolamento 842/2006 è la riduzione delle emissioni di: Idrofluorocarburi (HFC) Perfluorocarburi (PFC) Esafluoruro di zolfo (SF6)utilizzati in alcune tipologie di apparecchiature ed applicazioni industrialiIl gas fluorurati concorrono alle emissioni ad effetto serra disciplinate dalProtocollo di Kyoto.
  13. 13. 13DPR 43/2012Il DPR 43/2012 disciplina le modalità di attuazione delRegolamento CE 842/06 individuazione delle autorità competenti determinazione delle procedure per designare gli organismi di certificazione (OdC) delle persone e delleimprese rilasciare i certificati provvisori acquisizione dei dati sulle emissioni tenuta dei registri da parte degli OdC con le posizioni delle persone e delleimprese certificate etichettatura delle apparecchiature
  14. 14. 14DPR 43/2012 - I settori coinvoltiRegolamento CE 303/08: refrigerazione; condizionamento d’aria; pompe di calore.Regolamento CE 304/08: sistemi di protezione antincendio.Regolamento CE 305/08: recupero F-GAS dai commutatori AT.Regolamento CE 306/08: recupero taluni solventi a base di F-GASdalle apparecchiature; attività/apparecchi che contengono gasfluorurati ad effetto serra.I settori coinvolti sono definiti dai seguenti regolamenti
  15. 15. 15DPR 43/2012 – I refrigeranti contemplati dal Regolamento Per i refrigeranti viene spesso utilizzata la nomenclatura industriale, cui si fadi solito riferimento con un numero preceduto da “R” (abbreviazione di“Refrigerante”), per esempio R-134a sta per HFC-134° Si usano anche nomi commerciali specifici Nelle apparecchiature di refrigerazione di più grandi dimensioni, comequelle usate nei supermercati sono ampiamente usati come refrigeranti gasfluorurati:•R-134a (HFC)•R-404A (miscela di HFC) Per le apparecchiature di condizionamento d’aria, i gas fluorurati sonoampiamente impiegati miscele HFC tipo:•R-410•R-407C
  16. 16. 16 Il modo più facile per individuare il tipo di refrigerante è controllarel’etichetta sull’apparecchiatura Le apparecchiature di refrigerazione, di condizionamento d’aria e pompe dicalore contenenti gas fluorurati immesse in commercio nellUE dopo il 1°aprile 2008 devono riportare un’etichetta con il testo “Contiene gasfluorurati ad effetto serra disciplinati dal protocollo di Kyoto” e devonoanche indicare il tipo e la quantità di gas fluorurato.DPR 43/2012 – I refrigeranti contemplati dal Regolamento
  17. 17. 17DPR 43/2012 – Requisiti Organismi di Certificazione Gli OdC devono essere in possesso dell’accreditamento in base alle norme EN17024 (certificazione delle persone) ed EN 45011 (certificazione delleimprese) per la certificazione delle persone e delle imprese (Regolamento 303e 304). Gli OdC accreditati da ACCREDIA vengono autorizzati dal MinisteroAmbiente previa approvazione del loro tariffario contenente i costi relativia: presentazione domanda di certificazione esame della documentazione verifiche ispettive (valutazione, estensione, sorveglianza, rinnovo) rilascio della certificazione spese (viaggio, vitto, alloggio, etc.)
  18. 18. 18Accreditamento ICIMICIM ha ottenuto il 10 Ottobre 2012 l’accreditamento da Accredia come OdC,per lo schema F-GAS, per le figure professionali ai sensi del DPR n. 43. InoltreICIM ha avuto l’approvazione da parte del Ministero dell’Ambiente e dellaTutela del Territorio e del Mare del tariffario F-GAS in data 31 Ottobre 2012.ICIM ha ottenuto il 11 Marzo 2013 l’accreditamento da Accredia come OdC, perlo schema F-GAS, per le imprese ai sensi del DPR n. 43. Inoltre ICIM ha avutol’approvazione da parte del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorioe del Mare del tariffario F-GAS in data 8 Aprile 2013.PRS N. 082C
  19. 19. 19Il Registro è istituito presso il Ministero dell’Ambiente gestito dalle Camere di Commercio del capoluogo di Regione o provinciaautonomaE contiene l’elenco degli organismi di certificazione, attestazione e valutazione dellaconformità abilitati delle persone e delle imprese certificate, con certificato provvisorio e conattestazione delle persone non soggette ad obbligo di certificazione delle persone e delle imprese certificate da altro stato UE che hannotrasmesso copia del certificato alla Camera di commercioDPR 43/2012 – Registro telematico
  20. 20. 20DPR 43/2012 – Registro telematicoGli organismi dicertificazionedevono iscriversi alRegistro istituitopresso le Camere diCommercioTrasmettono alla Cameradi Commercio le informazionirelative a: persone ed impresecertificate rinnovo delle certificazioni sospensione o revoca deicertificati
  21. 21. 21DPR 43/2012 - Obbligo iscrizione al RegistroA partire dal 12 Febbraio 2013 devono iscriversi alRegistro telematico gestito dalla Camere diCommercio (presso il sito www.fgas.it) le personee le imprese che svolgono attività suapparecchiature fisse di refrigerazione,condizionamento d’aria, pompe di calore edimpianti di protezione antincendio ed estintori.L’iscrizione al Registro Telematico è condizionenecessaria per avviare l’iter di certificazione siaper le persone che per le imprese.RegistroIl registro telematico è di competenza delle camere di commercio, èpossibile richiedere informazioni sulla procedura di iscrizione consultandoil sito www.fgas.it o richiedendo informazioni alla Camera di Commerciodel capoluogo di Regione.
  22. 22. 22DPR 43/2012 – Regolamenti Tecnici ACCREDIA Accredia ha predisposto dei regolamenti tecnici al fine di identificare lemodalità operative con le quali gli OdC debbano svolgere le attività RT 28 e s.m.i. : disciplina le modalità per la certificazione delle figureprofessionali RT 29 e s.m.i. : disciplina le modalità per la certificazione delle imprese(303 e 304) Tutt i Regolamenti Tecnici di Accredia sono scaricabili dal sito pubblicowww.accredia.it
  23. 23. 23Certificazione F-GAS È una specifica certificazione per gli operatori e le imprese che operano sudeterminati tipi di impianti contenenti gas fluorurati, introdotta dal DPR43/2012 in attuazione Regolamento CE 842/06. Obiettivo del Regolamento 842/2006 è la riduzione delle emissioni di Gasfluorurati (di seguito F-GAS) utilizzati in alcune tipologie di apparecchiatureed applicazioni industriali. Il Decreto prevede l’istituzione di un apposito registro telematico nazionaletenuto dal Ministero dell’Ambiente e gestito dalle Camere di Commercio delcapoluogo di Regione o provincia autonoma.
  24. 24. 24DPR 43/2012 - Obbligo certificazione Il certificato viene rilasciato da un organismodi certificazione (OdC) accreditato in accordoai Regolamenti Tecnici di Accredia. La certificazione delle persone fisiche dura 10anni e viene rinnovata previo superamento diun nuovo esame. La certificazione delle imprese dura 5 anni eviene rinnovata tramite una attività da partedell’OdC.
  25. 25. 25La Commissione esaminatrice ha il compito di gestire laregolarità delle procedure d’esame, è composta e presiedutada personale qualificato da ICIM. L’esame prevede una: parte teorica: consiste in una risposta ad un test a domandemultiple tese a valutare una determinata conoscenza e/ocompetenza (vedi RT 28 ACCREDIA); parte pratica: durante la quale al candidato viene assegnatoun compito da svolgere avvalendosi dei materiali eapparecchiature a disposizione(vedi RT 28 ACCREDIA).Alla fine di ogni esame verrà emessa una valutazione diidoneità/non idoneità del candidato. Sono definiti criteriminimi per il superamento dell’esame.Certificazione - operatore
  26. 26. 26Certificazione - operatoreICIM provvederà a emettere badge di qualifica con foto enominativo del candidato.La certificazione dura 10 anni e viene rinnovata, su domandadell’interessato, dall’OdC che ha rilasciato la certificazione.Al termine di ogni sessione d’esame ICIM riceverà dalla Commissioneesaminatrice la documentazione d’esame e l’elenco dei candidati ritenutiidonei.ICIM emetterà un Certificato e inserirà il nominativo all’interno di unapposito registro, consultabile sul sito web www.icim.it.
  27. 27. 27Certificazione - impreseLe imprese vengono certificate sepredispongono un ‘Piano della qualità’ ai sensidella UNI ISO 10005 atto a dimostrare i seguentirequisiti: impiegano personale certificato in numerosufficiente da coprire il volume di attivitàprevisto (almeno 1 operatore certificato ogni200.000 €i fatturato F-Gas); dimostrano che il personale ha a disposizionestrumenti e procedure necessarie persvolgere le attività;Le imprese devono comunicare all’OdC ed allaCamera di Commercio ogni variazione delpersonale certificato e del volume di attività.
  28. 28. 28Certificazione - impreseLa certificazione delle imprese di installatori,manutentori o riparatori di impianti disciplinatidal Regolamento CE 303/2008 e CE 304/2008contenenti F-GAS ha una durata di 5 anni e siattua tramite: Una (1) verifica ispettiva presso l’impresa;Inoltre nell’arco dei 5 anni di validità delcertificato ICIM svolgerà le seguenti attività: tre (3) verifiche documentali; una (1) verifica di sorveglianza pressol’impresa.
  29. 29. 29Procedura certificazione impreseA formale accettazione della quotazione ICIMinvierà la documentazione per iniziare le attività(Questionario, Regolamento ICIM, Regoleparticolari).Successivamente sarà pianificata la visita presso lavostra sede con il valutatore ICIM nella qualesaranno verificati i requisiti indicati nel Pianodella Qualità redatto dall’impresa.ICIM, al fine di garantire la terzietà del propriooperato, non potrà svolgere assistenza oconsulenza su questo schema di certificazione.In caso di azienda con un Sistema di Gestione certificato da ICIM le attività diverifica in campo (audit presso l’azienda) potranno essere pianificate ederogate congiuntamente (Sistemi di Gestione ed F-Gas) al fine di massimizzarel’efficacia dell’audit e minimizzare i costi di trasferta.
  30. 30. 30Certificazione - impreseL’ impresa è tenuta a informare l’OdC su eventuali variazioniaziendali, modifiche del personale o situazioni particolari contrariea quanto previsto nello schema di certificazione e nei regolamenti.La certificazione dura 5 anni e viene rinnovata, su domandadell’interessato, dall’OdC che ha rilasciato la certificazione.Al termine della prima verifica ispettiva ICIM riceverà dal valutatore ilrapporto di audit che insieme alla documentazione raccolta sarannoesaminati dal Comitato di delibera ICIM.In caso di esito positivo ICIM emetterà un Certificato e inserirà ilnominativo all’interno di un apposito registro, consultabile sul sito webwww.icim.it.
  31. 31. 31 Il 12 Aprile è entrato in vigore il decreto legislativo, approvato dal Consigliodei Ministri il 31 Gennaio 2013 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.74 del28-3-2013, che individua le modalità di attuazione del Regolamento CEn.842/2006, in materia di riduzione dell’utilizzo di taluni gas fluorurati adeffetto serra, con riferimento alle autorità competenti ed alle procedureper irrogare le sanzioni amministrative e penali per le violazioni delle normedel Regolamento. L’attività di vigilanza e di accertamento, ai fini dell’irrogazione dellesanzioni, sarà esercitata dal Ministero dell’Ambiente. Le sanzioni applicabili, salvo il fatto non costituisca reato, ammontano daun minimo di 7.000 euro sino a un massimo di 100.000 euro. Le sanzioni si applicano all’»operatore» inteso come proprietariodell’apparecchiatura o dell’impianto qualora non abbia delegato ad unaterza persona l’effettivo controllo sul funzionamento degli stessi (art. 2,paragrafo 6 del Regolamento CE n° 842/2006).Sanzioni
  32. 32. 32Il Decreto individua le seguenti modalità sanzionatorie su accertamenti nelcaso in cui l’«operatore» effettui: violazioni in materia di contenimento delle perdite (art. 3), cioè nonapplicazione della normativa vigente in tema di controllo delle perdite, nontenuta o tenuta incompleta e/o inesatta del registro e all’apparecchiatura odel sistema e utilizzo di personale non certificato; violazioni in materia di recupero gas fluorurati (art. 4), cioè non correttorecupero dei gas fluorurati e utilizzo di persone non certificate; violazione degli obblighi delle imprese (art. 5), cioè utilizzo di personalenon certificato per attività di recupero e contenimento perdite o utilizzo dipersonale non certificato per attività di installazione, manutenzione eriparazione di impianti di condizionamento, refrigerazione, pompe di caloreed antincendio contenenti gas fluorurati.Sanzioni
  33. 33. 33 Inoltre per la non iscrizione al Registro Telematico presso le Camere diCommercio sono previste sanzioni (art. 10), salvo il fatto non costituiscareato, che ammontano da un minimo di 7.000 euro sino a un massimo di10.000 euro. Liscrizione al Registro Telematico è condizione necessaria peravviare liter di certificazione sia delle persone che delle imprese eottemperare ai requisiti previsti dal DPR 42/2012 evitando le sanzioni sopraindicate.Sanzioni
  34. 34. 34Certificati provvisoriImprese e persone fisiche che svolgono le attività disciplinatedal DPR 43 possono avvalersi di un certificato provvisorio, lacui durata è di 6 mesi.Il certificato provvisorio si ottiene presentando alla Camere diCommercio una domanda con dichiarazione sostitutiva cheattesti: per le persone fisiche: il possesso di esperienzaprofessionale di almeno 2 anni acquisita prima dellaentrata in vigore del DPR (05/05/2012); per le imprese: l’impiego di personale certificato (nonvalgono i certificati provvisori).La Camera di Commercio verifica il possesso dei requisiti erilascia i certificati provvisori entro 30 gg dal ricevimentodella domanda.
  35. 35. 35Deroghe transitorie Deroga di certificazione per 2 anni per le persone che svolgono attività su apparecchiature fisse direfrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore nell’ambito di unapprendistato finalizzato all’acquisizione delle capacità tecnichenecessarie a superare l’esame. 1 anno per le persone che svolgono attività su impianti antincendionell’ambito di un apprendistato finalizzato all’acquisizione delle capacitàtecniche necessarie a superare l’esame. La deroga va chiesta alla Camera di Commercio con una dichiarazionesostitutiva che attesti che il richiedente ha i requisiti per chiedere laderoga.
  36. 36. 36Esenzioni che svolge operazioni di saldature ebrasatura nell’ambito delle attivitàdisciplinate dal DPR 43 purché talioperazioni siano svolte sotto lasupervisione di personale certificato; addetta al recupero F-GAS ad effettoserra (con carica < 3 kg) purchéassunta dall’impresa che detienel’autorizzazione e sia in possesso diun attestato di competenza.Non c’è alcun obbligo di certificazione della persona:L’esenzione deve essere richiesta alla Camera di Commercio.
  37. 37. 37Registri degli impianti Gli operatori delle apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamentod’aria, pompe di calore e antincendio tengono il registro dell’apparecchiatura (Regolamento CE 1516/2007) registro del sistema (Regolamento CE 1497/2007) Entro il 31 maggio di ogni anno gli operatori delle applicazioni fisse direfrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore e protezioneantincendio contenenti 3 o più Kg. di gas fluorurati ad effetto serracomunicano al Ministero dell’Ambiente la quantità di emissioni inatmosfera dell’anno precedente come riportato sul Registro di Impianto
  38. 38. 38Riconoscimento dei certificati rilasciati da altro Stato UE I certificati sono validi in tutti gli stati membri della UE e vi è obbligo diriconoscimento reciproco Persone ed imprese in possesso di certificato rilasciato da altro Stato membrolo trasmettono alla Camera di Commercio che li include nel registro Il riconoscimento reciproco non si applica ai certificati provvisori“I certificati rilasciati in Italia da Organismi di Certificazione notificatialla Commissione europea da altri Stati Membri dovranno esserericonosciuti dall’autorità competente italiana, successivamenteall’entrata in vigore del DPR.A tal fine detti certificati dovranno essere accompagnati da unatraduzione giurata in lingua italiana”
  39. 39. 39ICIM ha qualificato circa 50 sedi dislocate su tutto ilterritorio nazionale al fine di avere una penetrazioneregionale sufficiente per intercettare la richiesta degliinstallatori, manutentori, centri/servizi assistenza tecnicache operano con gli F-Gas.Ad oggi sono state esaminate oltre 2000 persone.Attività svolteICIM
  40. 40. 40www.fgas.itwww.accredia.itwww.icim.itApprofondimenti
  41. 41. 41Contattifigureprofessionali@icim.it(Per la certificazione dellepersone)aziendefgas@icim.it(Per la certificazionedell’impresa)Per maggiori informazioni non esitate a contattare:
  42. 42. 42

×