Il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza nel settore agroalimentare ed ambientale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza nel settore agroalimentare ed ambientale

on

  • 749 views

Antonino Failla, presidente dell'Associazione Italiana Ingegneria Agraria (AIIA) presenta il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza sul lavoro e propone soluzioni operative.

Antonino Failla, presidente dell'Associazione Italiana Ingegneria Agraria (AIIA) presenta il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza sul lavoro e propone soluzioni operative.

Statistics

Views

Total Views
749
Slideshare-icon Views on SlideShare
749
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza nel settore agroalimentare ed ambientale Il contributo dell'ingegneria agraria alla sicurezza nel settore agroalimentare ed ambientale Presentation Transcript

    • Il contributo dell’ingegneria agraria alla sicurezza nel settore agroalimentare ed ambientale Failla Antonino Presidente dell’Associazione Italiana Ingegneria Agraria Roma, 25 settembre 2008
    • Associazione Italiana Ingegneria Agraria (AIIA) L’AIIA raggruppa studiosi, professionisti e tecnici che operano nell’ambito di quelle discipline scientifiche e tecniche attinenti alle opere di ingegneria applicata allo sviluppo dei sistemi agroalimentari ed ambientali. Tra gli scopi dell’associazione ricordiamo: Promuovere lo sviluppo dell’ingegneria agraria favorendo le relazioni fra gli studiosi e gli operatori del settore Attivare e mantenere collegamenti con istituzioni affini italiane ed estere Coordinare convegni, seminari, incontri di studi per la trattazione di questioni e problemi di carattere scientifico e tecnico pertinenti l’Ingegneria Agraria
    • L’AIIA è articolata in 7 Sezioni: I. Utilizzazione del suolo e delle acque II. Costruzioni rurali, impianti e territorio III. Meccanizzazione e tecnologie per le produzioni agricole IV. Elettrificazione agricola ed utilizzazione dell’energia V. Ergonomia ed organizzazione del lavoro VI. Macchine ed impianti per la trasformazione delle produzioni agricole VII. Tecnologie informatiche e della comunicazione
    • Andamento degli infortuni sul lavoro in Agricoltura (dati INAIL)
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Interventi colturali (lavorazioni, concimazioni, semina, distribuzione fitofarmaci, raccolta, ecc.)
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Governo degli animali
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Realizzazione e gestione di edifici rurali (stalle, serre, ecc) e di impianti
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Lavorazione e confezionamento dei prodotti agricoli
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Impianti per la captazione e la distribuzione dell’acqua
    • Comparti a rischio di infortuni nell’ambito dell’Ingegneria Agraria Impianti per il trattamento dei reflui
    • Cosa fa per la sicurezza l’Ingegneria Agraria Indagini conoscitive specifiche del fenomeno per settori di attività e rilevazione delle carenze nelle differenti situazioni operative Raccomandazioni tecniche, manuali di buone pratiche per settori specifici Studi, approfondimenti, progetti di ricerca nazionali ed internazionali (es. PRIN: Produrre in sicurezza nelle filiere agroalimentari e forestali) Incontri, convegni e seminari a livello nazionale ed internazionale
    • Proposte operative L’AIIA, ad integrazione di quanto già fatto o in corso, convinti che formazione ed informazione sono alla base della prevenzione, potrebbe: Diventare referente, per la sicurezza in Agricoltura, per conto del Ministero, nei confronti delle Regioni e degli Enti che devono svolgere l’attività di formazione e promozione, per coordinare ed uniformare secondo univoci criteri le diverse azioni condotte localmente. Produrre e divulgare, anche attraverso iniziative dimostrative itineranti, materiali informativi, manuali, siti web, ecc. Promuovere corsi di formazione, anche a distanza, come e-learning. Attivare un servizio di monitoraggio sulla situazione esistente e sulla sua evoluzione nel tempo così da trarre utili indicazioni per orientare in modo più efficace l’azione preventiva.