• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Guida Flash Video 1.1.1
 

Guida Flash Video 1.1.1

on

  • 1,507 views

Traduzione della guida a Flash Video, aggiornata a Flash CS3.

Traduzione della guida a Flash Video, aggiornata a Flash CS3.

Statistics

Views

Total Views
1,507
Views on SlideShare
1,507
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Guida Flash Video 1.1.1 Guida Flash Video 1.1.1 Document Transcript

    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 Guida a Flash Video www.sonoquipermeritosuo.com/pro/guida-flv Versione: 1.1.1 del 09 Aprile 2008 Traduzione a cura di Giovanni AnticoIndice dei contenuti Premessa ...............................................................................................................................2 Passaggi per creare Flash video........................................................................................................................2 Introduzione al video per Internet ..................................................................................................................2 Introduzione a Flash video .................................................................................................................................3 Funzionalità per il video in Adobe Flash CS3 Professional.....................................................................3 Opzioni per distribuire Flash video.....................................................................................5 Incorporare il video nei file SWF.......................................................................................................................6 Scaricamento progressivo di FLV esterni......................................................................................................6 Informazioni sullo streaming video ................................................................................................................7 Confronto dettagliato delle opzioni di distribuzione ..............................................................................8 Acquisire e comprimere video...........................................................................................10 Comprimere in Flash video e creare i file FLV .......................................................................................... 10 Come ottenere buoni risultati dallacquisizione di video.................................................................... 12 Procedure ottimali per la compressione di video................................................................................... 13 Inserire Flash video in pagine Web ...................................................................................14 Importazione di Flash video in Dreamweaver ......................................................................................... 14 Importazione di video in Flash CS3 Professional .................................................................................... 14 Sincronizzare i video con altri contenuti ..........................................................................16 Informazioni sui cue point ................................................................................................................................ 16 Checklist per sincronizzare il video ad altri contenuti .......................................................................... 17 Uso del componente FLVPlaybackCaptioning ........................................................................................ 17 Gli standard Video PAL e NTSC..........................................................................................18 Dimensione dei fotogrammi .......................................................................................................................... 19 Frequenza dei fotogrammi.............................................................................................................................. 19 Formato dei pixel ................................................................................................................................................ 19 Video interlacciato e progressivo ................................................................................................................. 20 Introduzione ai formati video HD ................................................................................................................. 21 Risorse on-line ....................................................................................................................22 Titoli di coda e ringraziamenti ....................................................................................................................... 24________________________________________________________________________________ 1 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1PremessaFlash video permette di pubblicare con facilità video sul web, in un formato universalmente fruibile medianteAdobe Flash® Player. Questa guida tratta e indica gli strumenti per sviluppare e pubblicare progetti con Flash video.Diversi contenuti di queste pagine provengono dalla Documentazione di Flash e in buona parte sono stati tradottidalla Flash video learning guide (in inglese).Nota: Questa guida è nata per gli utenti di Flash CS3 Professional. Per gli utenti di Flash Professional 8, è disponibile laprecedente Guida di apprendimento di Flash Video.Passaggi per creare Flash videoI seguenti passaggi descrivono come creare e pubblicare Flash video on-demand (pre-registrato), i cui i metodi diproduzione e pubblicazione differiscono da quelli per il live video (in diretta). Per approfondimenti sul live video èpossibile fare riferimento a Flash Media Server Developer Center (in inglese).Per creare Flash video on-demand: • Preparare i contenuti video: finalizzare il montaggio e la postproduzione del video. • Scegliere il metodo di distribuzione. Vedere le Opzioni per distribuire Flash video. • Comprimere il video nel formato Flash video (FLV). Vedere Acquisire e comprimere video. • Inserire il video all’interno di pagine web. Vedere Inserire Flash video in pagine web.Introduzione al video per InternetIl video ed Internet sembrano essere destinati ad una naturale convergenza. Il video è il media che riproduce piùfedelmente le nostre esperienze quotidiane di percezione e Internet rappresenta una riserva inesauribile ditipologie di contenuti e possibilità di interazione. Tuttavia, i primi video pubblicati sul web erano spesso limitati ariquadri isolati dal contesto e a finestre pop-up che coprivano le pagine a cui erano collegati. La qualitàdell’immagine, inoltre, era inizialmente piuttosto bassa e l’esperienza complessiva nella fruizione del video alquantopovera. Le principali limitazioni tecniche che in passato hanno impedito di sfruttare il pieno potenziale del video,includono:Limiti di bandaIl video è un formato che richiede unelevata quantità di dati: anche filmati brevi possono occupare diversimegabyte. La crescente diffusione della banda larga ha ampiamente ridotto questa limitazione, riducendo i tempidi attesa per la fruizione di video. Un numero sempre più grande di navigatori ha una connessione Internet veloce,come ADSL e fibra ottica.Complessità nel preparare video per il webGli strumenti per creare e controllare interattività, navigazione ed integrazione con altri media, non sono standard.Molti programmi per la fruizione di video on-line non sono pre-installati sulla maggior parte dei computer. Laconseguenza è che molti utenti sono costretti ad attendere lo scaricamento e l’installazione di un plug-in o diunapplicazione specifica prima di poter visualizzare i contenuti video di un sito.Mancanza di integrazione con altri contenuti webLa maggior parte dei formati video per il web non offre possibilità di integrazione con altri media e le opzioni diinserimento si limitano a riquadri isolati nella pagina, o peggio a finestre pop-up. Fortunatamente Flash videosupera queste limitazioni, permettendo di inserire facilmente contenuti video nel contesto appropriato.________________________________________________________________________________ 2 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Introduzione a Flash videoFlash video offre possibilità tecniche e creative che permettono di produrre esperienze immersive e coinvolgentiunendo video, dati, grafica, audio, contenuti dinamici e interattivi. I vantaggi nell’utilizzo di Flash per pubblicarevideo online includono:UbiquitàFlash Player, sin dall’introduzione di Flash video nel 2002, si è rivelato il client video per il Web più diffuso, installatosu oltre il 96% dei computer connessi ad Internet. Inoltre, Flash Player è compatibile con un ampio spettro dipiattaforme e sistemi operativi. L’ubiquità di Flash Player assicura che un maggior numero di visitatori possa fruiredei contenuti video senza dover scaricare plug-in aggiuntivi, permettendo così di raggiungere più persone conminor costi di sviluppo, test e supporto.Massimo controllo creativoFlash video è integrabile perfettamente con il look di ogni sito: l’interfaccia del player video può essere interamentepersonalizzata con un nuovo “skin”: dimensioni ed proporzioni possono essere adattate ai contenuti e sonoaggiornabili dinamicamente.Esperienze ricche, interattive e contenuti contestualiFlash interpreta il video allo stesso modo degli altri contributi: si può posizionare il video su livelli, controllarlo viacodice e trattarlo come gli altri simboli in un file SWF. Flash video può diventare così parte integrantedell’esperienza di navigazione, al contrario delle finestre a comparsa o pop-up che la interrompono. L’immagineseguente mostra un esempio di una pagina Web contenente Flash video sincronizzato al testo e alla grafica.Figura 1. Flash video riprodotto all’interno di un file SWF, caricato da una pagina HMLI file SWF possono contenere grafica, testi e il codice per controllare l’interattività (ad esempio per il play del video oper la sincronizzazione con altri contenuti). I file FLV possono contenere sia audio sia video ed essere a loro voltacaricati e mostrati all’interno dei file SWF.Funzionalità di Flash per il video e strumenti di produzioneNelle prossime pagine verranno presentati gli strumenti, le funzionalità, i server e i servizi con cui è possibile creareesperienze coinvolgenti basate su Flash video.Funzionalità per il video in Adobe Flash CS3 ProfessionalFlash CS3 Professional è lo strumento principale per la produzione di progetti con Flash Video. Tra le funzionalitànative dedicate al video: • Procedura guidata Importa video di Flash Selezionare File > Importa > Importa Video per importare video in Flash. Appare così una finestra di dialogo che guida nei passaggi necessari per convertire nel formato FLV e per configurare il componente FLVPlayback. Con questa procedura è possibile comprimere un solo video per volta.________________________________________________________________________________ 3 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 • Compressione video, cue point ed esportazione in XML È possibile esportare i settaggi per la compressione e i cue point in un file XML, usando la procedura guidata Importa video di Flash o l’applicazione Flash Video Encoder. Le impostazioni salvate nel file XML possono essere importate con la stessa procedura per tutte le fasi della produzione. • Componente FLVPlayback Questo componente permette di caricare file FLV esterni al file SWF e di stabilire connessioni a Flash Media Server (in inglese). Flash CS3 Professional include il componente FLVPlayback per ActionScript 3.0 e una versione per progetti in ActionScript 2.0. • Componenti FLVPlayback Custom UI Permettono di creare facilmente una propria configurazione personalizzata di controlli per il componente FLVPlayback. Per informazioni, vedere l’articolo Skinning the FLVPlayback (in inglese). • Componente FLVPlaybackCaptioning Nuovo componente di Flash CS3 Professional, permette di includere il supporto per l’inserimento di didascalie in un video controllato dal componente FLVPlayback in un progetto ActionScript 3.0. Consultare la sezione di questo documento: Sincronizzare i video con altri contenuti. • Aggiornamenti dell’interfaccia Il componente FLVPlayback per ActionScript 3.0 è stato rinnovato con funzionalità che ne permettono il ridimensionamento durante la visione di una serie di video, l’ingrandimento a pieno schermo e l’anteprima di video esterni. • Codec Video Flash Player 7 ha introdotto il codec Sorenson Spark. Flash Player 8 ha introdotto il codec On2 VP6. Flash Player 9 update 3 ha esteso il supporto al codec H.264. • Opzioni di codifica È possibile comprimere il video in diversi modi: con la procedura guidata importa video di Flash, con l’applicativo Flash Video Encoder oppure con il plug-in di esportazione FLV QuickTime, che permette di esportare file FLV da qualsiasi altro programma che supporta i plug-in di esportazione QuickTime. • Adobe Flash CS3 Video Encoder Questo applicativo permette di selezionare più sorgenti video e convertirle in FLV, con la possibilità di gestirne la coda di lavorazione. Flash CS3 Video Encoder viene installato durante l’installazione di Flash CS3 Professional. • Adobe Flash Player 9 È il programma che visualizza i video e gli altri contenuti Flash. È altamente ottimizzato per garantire le migliori prestazioni nella riproduzione e interazione, è multipiattaforma e di dimensioni molto contenute.Altri programmi, server e servizi per il videoOltre a Flash CS3 Professional, ci sono diversi strumenti che offrono diverse possibilità di produzione e distribuzione: • Flash Media Server In precedenza chiamato Flash Communication Server, Flash Media Server (in inglese) è dedicato allo stream di contenuti audiovisivi per Flash Player 6 e versioni successive. Per distribuire video mediante streaming è necessario installare e configurare Flash Media Server. • Flash Video Streaming Service Questo servizio ad abbonamento (in inglese) proposto da terze parti è basato su Flash Media Server per offrire alte prestazioni e scalabilità. È pensato per chi non può installare Flash Media Server o non è interessato a farlo. Per ulteriori informazioni, consultare l’articolo Delivering High- Quality Video with Flash Video Streaming Service (in inglese). • Flash Media Encoder È un applicazione dedicata all’acquisizione audio/video in diretta per lo streaming live con Flash Media Server (FMS) o con Flash Video Streaming Service (FVSS). Per ulteriori informazioni, consultare la pagina Flash Media Encoder (in inglese).________________________________________________________________________________ 4 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 • Adobe Dreamweaver CS3 Questo programma dedicato al web design consente di inserire molto velocemente Flash video nelle pagine HTML; offre opzioni di personalizzazione più limitate rispetto a Flash CS3 Professional. È necessario avere già a disposizione file FLV per l’inserimento in Dreamweaver. • Adobe After Effects CS3 Professional e Premiere Pro CS3 I programmi Adobe per la motion graphics e il montaggio video possono esportare video in formato FLV.Opzioni per distribuire Flash videoPrima di poter utilizzare Flash video sul proprio sito, è necessario decidere come distribuirlo; le due opzioniprincipali sono lo scaricamento progressivo e lo streaming. I file FLV, così come i file SWF, sono già predisposti peressere scaricati progressivamente, mentre per lo streaming è necessario l’utilizzo di Flash Media Server.Nota: Una terza possibilità è quella di incorporare il video nella linea temporale di Flash, ma è consigliabile solamente per filmatimolto corti e privi di traccia audio.La tabella riportata di seguito contiene indicazioni per individuare l’opzione di distribuzione più adatta. Per ogniscenario di utilizzo è indicata l’opzione consigliata tra l’incorporamento del video nella linea temporale, loscaricamento progressivo e lo streaming video. Tabella 1. Opzioni per distribuire Flash video Incorporato Progressivo Streaming Filmato lungo meno di 5 secondi • • Filmato lungo dai 5 ai 30 secondi • • Filmato lungo più di 30 secondi • Basso numero di utenti previsto • Alto numero di utenti previsto • Avvio istantaneo • Protezione dei contenuti • Distribuzione di video in diretta • Streaming adeguato per la connessione dell’utente • Uso di SMIL per la selezione dei file •Per ulteriori informazioni sulle possibilità di distribuzione, consultare la sezione Opzioni per distribuire Flash video.Dopo aver scelto un’opzione per distribuire il video, si può selezionare l’applicativo: Flash o Dreamweaver.Importare direttamente il video in Dreamweaver è l’opzione ideale per inserire ed impaginare facilmente Flashvideo in pagine HTML, senza elementi di interattività ulteriore rispetto ai semplici controlli (come play, pausa ostop).Per offrire agli utenti esperienze con un maggior livello di interattività o per personalizzare completamentel’interfaccia del video player, è necessario avvalersi delle funzionalità di Flash CS3 Professional, che permette anchedi comprimere i video. Per ulteriori informazioni, consultare la sezione Inserire Flash video in pagine web.Opzioni per distribuire Flash videoRiepilogo delle opzioni di distribuzioneFlash CS3 Professional permette di distribuire contenuti video nelle seguenti modalità: • Incorporando il video all’interno del file SWF, come descritto nella sezione Incorporare il video nei file SWF.________________________________________________________________________________ 5 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 • Scaricando progressivamente un file FLV esterno, come indicato nella sezione Scaricamento progressivo. • Fornendo streaming video con Flash Media Server (in precedenza chiamato Communication Server) o con un servizio Flash Video Streaming Service: consultare la sezione Informazioni sullo streaming video.Per trasmettere video live (in diretta), è necessario ricorrere ad una soluzione in streaming. Per informazioni,consultare l’articolo di Chris Hock: Understanding the Difference Between Progressive Download and StreamingVideo (in inglese).Incorporare il video nei file SWFSin dall’introduzione di Flash MX e di Flash Player 6, è stato possibile inserire video nei file SWF, importandoli eposizionandoli nella linea temporale dell’ambiente di lavoro in Flash. Una volta pubblicato, il file SWF contiene cosìl’intero contenuto video. Quest’approccio richiede solo un comune web server per pubblicare on-line il video.Tuttavia, questa strada è consigliabile unicamente per filmati molto corti (durata inferiore ai 10 secondi). Per tutti glialtri casi, è sconsigliato l’incorporamento del video nei file SWF.Incorporare i video nel file SWF permette di visualizzarne i singoli fotogrammi lungo la linea temporale di Flash, dicreare grafica in sovraimpressione, animazioni o interattività, sfruttando gli strumenti all’interno dell’ambiente dilavoro di Flash CS3 Professional. Tuttavia questo approccio ha delle limitazioni: • Se il contenuto video viene modificato, è necessario riaprire Flash, importare nuovamente il video, controllare che la durata coincida con quella della linea temporale in cui è inserito, testare la navigazione ed intervenire per possibili correzioni, quindi ripubblicare il file SWF. • Per avere un’anteprima o per testare anche solo una parte dei contenuti, è necessario ripubblicare l’intero video e contenuto SWF, con un conseguente rallentamento nella produzione. • Tutto il video viene scaricato sul computer dell’utente e ne impegna la memoria. • Dopo la riproduzione di un paio di minuti di video, possono verificarsi problemi di sincronizzazione tra l’audio e il video. • La lunghezza dei filmati è limitata a 16.000 fotogrammi, (equivalenti a 10 minuti per clip da 25fps). • Il numero di fotogrammi al secondo del video e della linea temporale di Flash devono coincidere per evitare alterazioni nella velocità di riproduzione.Per queste limitazioni, la soluzione di incorporare il video è consigliabile solo per pochi casi, quando i filmati sonomolto corti, la qualità del video non è determinante e quando non sono previsti aggiornamenti.Scaricamento progressivo di FLV esterniFlash Player 7 ha introdotto lo scaricamento progressivo, che permette di iniziare a vedere un video prima che siastato scaricato completamente. In particolare sono stati introdotti gli oggetti netConnection e netStream nellinguaggio ActionScript, con cui controllare il pre-caricamento prima di avviare l’esecuzione. Il pre-caricamentopermette di evitare possibili interruzioni nella riproduzione del video, a causa di un avanzamento nella riproduzionepiù rapido di quello nello scaricamento del file.Il vantaggio di avere il contenuto video, ovvero il file FLV, esterno rispetto al file SWF è quello di poter modificare ilvideo in maniera indipendente dall’interfaccia con i controlli (come play, pausa, stop o volume). In questo modo èpiù semplice e veloce aggiornare il video, anche se ne viene modificata la durata.Flash Professional (a partire dalla versione Flash MX Professional 2004) comprende inoltre componenti videoutilizzabili per aggiungere rapidamente un controllo completo per la riproduzione di un file MP3 o FLV esterno alfile SWF. In Flash CS3 Professional, il componente FLVPlayback supporta sia lo scaricamento progressivo di FLVesterni sia lo streaming di file FLV. Questo componente è facilmente personalizzabile e il suo aspetto può essereadattato alla grafica di qualsiasi sito. Per informazioni, consultare l’articolo di Dan Carr: Skinning the ActionScript 3.0FLVPlayback component (in inglese).Flash CS3 Professional include una serie di Comportamenti predefiniti che possono essere usati in combinazionecon i componenti per il video, in modo da automatizzare lo sviluppo dell’interazione tra sequenze video e slide diun progetto. È da notare che i comportamenti predefiniti sono disponibili in Flash CS3 Professional se lapubblicazione è impostata per ActionScript 2.0. Per i dettagli nell’uso di ActionScript 2.0 e i componenti video,________________________________________________________________________________ 6 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1consultare l’aiuto in linea di Flash CS3 Professional. Per informazioni sull’uso dei comportamenti predefiniti in FlashProfessional 8 o in Flash CS3 Professional con ActionScript 2.0, consultare l’articolo di Dan Carr: Controlling Flashvideo with the FLVPlayback behaviors (in inglese).Lo scaricamento progressivo di file FLV esterni ha diversi vantaggi rispetto all’incorporamento nei file SWF: • Durante la creazione, è necessario pubblicare solo linterfaccia del file SWF per eseguire lanteprima o la prova di una parte o di tutto il contenuto Flash. Il tempo necessario per eseguire lanteprima risulta quindi inferiore e i risultati possono essere visualizzati più rapidamente ad ogni revisione ed aggiornamento. • Con un progetto in ActionScript 2.0, la riproduzione del video inizia subito dopo lo scaricamento del primo segmento e il salvataggio nella cache sul disco locale. • Con un progetto in ActionScript 3.0, l’avvio della riproduzione può essere controllato perché venga prima scaricato un segmento di video abbastanza lungo da assicurare una riproduzione ininterrotta dall’inizio alla fine del video. • I video non hanno limiti per dimensione o durata, non si presentano problemi di sincronizzazione audio, né restrizioni dovute alla memoria. • La frequenza dei fotogrammi del video possono essere differenti da quelli del file SWF che lo carica, garantendo così una maggiore flessibilità nell’impostare il progetto Flash o nel modificare il video.Nota: Un file FLV verrà sempre scaricato progressivamente se distribuito tramite un web server: per poterlo servire in streamingè necessario Flash Media Server.Informazioni sullo streaming videoL’opzione più completa, efficace ed affidabile è lo streaming dei file audio e video da un server dedicato, su cui èinstallato Flash Media Server (in precedenza chiamato Flash Communication Server). Durante lo streaming ogniclient apre una connessione persistente verso il video server e viene stabilita una stretta relazione tra il videodistribuito e linterazione lato client. Questo approccio permette di sfruttare funzionalità come monitoraggio,statistiche dettagliate e un’ampia gamma di funzioni interattive. È inoltre possibile riconoscere la velocità diconnessione (detta larghezza di banda) degli utenti, in modo da fornire ad ognuno il video dalle dimensioni piùadeguate.Come avviene con lo scaricamento progressivo, il contenuto del video (file FLV) rimane separato ed indipendenterispetto al contenuto Flash e ai controlli per la riproduzione. Per questo motivo è facile modificare i contenuti videosenza intervenire e ripubblicare i file SWF. Inoltre, grazie alla connessione persistente tra il client e il server durantelo streaming, il contenuto FLV può essere modificato in base al feedback ricevuto dall’applicazione o dall’utente. Èpossibile, ad esempio, passare ad un video di peso inferiore in caso di congestionamento della rete.Lo streaming offre diversi vantaggi, tra cui: • La riproduzione del video inizia prima rispetto agli altri approcci. • Lo streaming consuma meno risorse sul computer dell’utente, impegnando meno memoria e spazio su disco, perché non viene scaricato tutto il file video. • Lutilizzo delle risorse di rete risulta più efficiente poiché vengono inviate al client solo le parti del video visionate. • Il livello di sicurezza e protezione è maggiore in quanto i contenuti video non vengono salvati nella cache del computer client. • Si possono sfruttare funzionalità di controllo, report e statistiche accurate, ad esempio per monitorare la visione degli annunci pubblicitari. • È possibile distribuire audio e video dal vivo e acquisire video da una webcam o una videocamera digitale.________________________________________________________________________________ 7 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 • Streaming multiway e multiutente, per creare applicazioni di messaggistica, chat o videoconferenze. • Controllo tramite script lato server per la creazione di playlist, per la sincronizzazione degli stream, l’adattamento nella distribuzione dei contenuti rispetto alla velocità di connessione dell’utente. • Monitoraggio avanzato, reportistica sul traffico e stream video.Gli utenti che non desiderano acquistare, installare, gestire hardware e software per Flash Media Server possonougualmente usufruire di tutti i vantaggi dello stream rivolgendosi ad un fornitore specializzato che offre Flash VideoStreaming Service (FVSS). Questo servizio è unimplementazione con carico bilanciato e ridondante di Flash MediaServer, offerta da partner autorizzati da Adobe tramite il Content Delivery Network (CDN). Per ulteriori informazioni,visitare la pagina Flash Video Streaming Service (in inglese).Un nuovo strumento a corredo di Flash Media Server è Adobe Flash Media Encoder, che permette di acquisire videoe audio da sorgenti come microfoni, webcam o videocamere, e di trasmetterlo in tempo reale a Flash Media Serverdurante uno streaming live. Per ulteriori informazioni sullo streaming di video in diretta, consultare Flash MediaServer Developer Center (in inglese).Confronto dettagliato delle opzioni di distribuzioneLa Tabella riportata di seguito confronta le caratteristiche delle diverse opzioni di distribuzione SWF con video incorporato FLV in scaricamento Streaming del file FLV progressivo Come impostazione predefinita, Come per FLV progressivo. la procedura guidata “Importa I file FLV possono essere video di Flash” comprime il In aggiunta, le funzionalità di compressi tramite video usando il codec VP6 per rilevamento della larghezza di l’esportazione da programmi Flash Player 8, e il codec banda permettono di video (con il plug-in di Sorenson Spark per l’uso con trasmettere all’utente un fileCodifica esportazione FLV QuickTime), Flash Player 7. In alternativa, i ottimizzato per la sua con la procedura guidata file FLV già compressi possono connessione. Importa video di Flash o con essere importati e posizionati È possibile utilizzare sorgenti l’applicazione Flash Video nella linea temporale di Flash video dal vivo, come webcam o Encoder. (non è necessario comprimerli videocamere e controllarne le nuovamente). opzioni di compressione. I file SWF contengono il video, l’audio e l’interfaccia del player: ne risulta un unico file SWF di I file SWF e FLV sono separati: peso maggiore. I file SWF peròPeso file ne risulta un file SWF di peso Come per FLV progressivo. possono essere caricati l’uno inferiore. dall’altro, dando così la possibilità di suddividere singoli filmati su più file. Se incorporato nella linea temporale di Flash, il video è Il video è riprodotto soltanto visibile sui singoli fotogrammi eAccesso dalla durante l’esecuzione del può essere trattato come ognilinea filmato SWF. I singoli Come per FLV progressivo. altro oggetto nello stage.temporale fotogrammi non sono visibili Questo approccio è adatto per nello stage di Flash. creare interazioni basate su singoli fotogrammi del video. Per pubblicare o provare il I file FLV sono richiamati Come per FLV progressivo. contenuto Flash, è necessario durante l’esecuzione dei file È inoltre possibile richiamare filePubblicazione pubblicare ogni volta tutto il file SWF. La pubblicazione del FLV da indirizzi virtuali, come reti video. Per modificare i file video contenuto SWF è molto più SAN o Flash Video Streaming è necessario reimportarli veloce rispetto a quella di SWF Service CDN.________________________________________________________________________________ 8 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 SWF con video incorporato FLV in scaricamento Streaming del file FLV progressivo manualmente nella linea che incorporano video. temporale di Flash. I file FLV possono essere aggiornati senza riaprire e modificare il file SWF che li carica. La frequenza di fotogrammi Il file video FLV può avere una Come per FLV progressivo. La (ovvero il numero diFrequenza dei frequenza di fotogrammi frequenza di fotogrammi per il fotogrammi al secondo) delfotogrammi differente da quella impostata video dal vivo è controllabile via video e del file SWF deve per il file SWF. codice. coincidere. Come per FLV progressivo. È La riproduzione del video viene possibile inoltre utilizzare controllata dalla linea temporale Si può usare l’oggetto ActionScript lato server per del file SWF che include il video. netStream in ActionScript per funzionalità aggiuntive come laAccesso da Flash CS3 Professional offre caricare, riprodurre, sincronizzazione degli stream, laActionScript diversi Comportamenti interrompere e controllare gestione di playlist, predefiniti per controllare la l’avanzamento di diversi file l’adeguamento dei contenuti alla riproduzione audio e video per FLV esterni. velocità di connessione progetti in ActionScript 2.0. dell’utente, e altro ancora. Come per FLV progressivo. È Si può usare il componente inoltre possibile selezionare MediaPlayback (con Flash MX come sorgenti, contenuti in Professional 2004 e successivi) Nessun componente specifico streaming da Flash Media ServerComponenti o il componente FLVPlayback per il video. o Flash Video Streaming Service. (con Flash Professional 8 e Si possono usare i componenti di successivi), per controllare e Flash Media Server per lo visualizzare file FLV esterni. streaming live e multiway. Il file SWF viene scaricato I video sono trasmessi in I file FLV vengono scaricati progressivamente, a meno che streaming da Flash Media Server progressivamente e salvati sia incorporato in un movie clip. e vengono riprodotti sul nella cache sul discoDistribuzione In tal caso l’intero video deve computer client, quindi eliminati dell’utente ed eseguiti dalWeb essere scaricato dall’utente e progressivamente dalla memoria disco locale. Non devono caricato in memoria prima che durante la riproduzione. Nessun essere caricati interamente in ne possa avvenire la file viene salvato nella cache del memoria. riproduzione. client. Prestazioni migliori rispetto all’incorporamento, con Offre le migliori prestazioni dal possibilità di usare video di punto di vista della distribuzione La sincronizzazione dell’audio e durata e dimensioni maggiori Web, con un livello di video è limitata a circa 2 minuti. senza problemi di compressione abbinabile allaPrestazioni La durata complessiva è limitata sincronizzazione audio/video. velocità di connessione degli dalla memoria RAM disponibile Permette di alzare la qualità utenti. La qualità dell’immagine è sul computer dell’utente. dell’immagine, che è limitata limitata solamente dalla velocità dallo spazio disponibile sul delle connessioni. disco rigido del computer client. Video molto corti, (il limite Alto numero di filmati, durata raccomandato è di 10 secondi, il senza limiti, eventi in diretta e Video più lunghi, di dimensioni limite accettabile è un minuto), streaming multidirezionali (come superiori (come pieno PAL aApplicazioni di ridotte dimensioni (pari o video-chat o video-conferenza 720x576) e frequenza di inferiori a 320x240), e con una con più utenti fotogrammi più alta (25 fps). bassa frequenza di fotogrammi contemporaneamente connessi) al secondo (massimo 12-15 fps).________________________________________________________________________________ 9 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Acquisire e comprimere videoPrima di inserire video on demand (preregistrati) in una pagina Web, è necessario acquisire e comprimere il video informato Adobe Flash Video (FLV).Questa sezione contiene informazioni su come acquisire video preregistrato e fornisce i concetti di base sullacompressione (o codifica) di Flash Video e su come ottenere risultati ottimali. I passaggi indicati in seguitopresuppongono che si disponga già dei contenuti video pronti per la conversione in FLV. Molti strumenti di editingvideo permettono di acquisire il video direttamente da una videocamera digitale. Per alcuni suggerimentisullacquisizione video, vedere la sezione Come ottenere buoni risultati dallacquisizione di video.Per informazioni sulla conversione (codifica) di materiale video preesistente nel formato FLV, vedere la sezioneComprimere in Flash video e creare i file FLV.Per acquisire e pubblicare video in diretta, è necessario utilizzare Adobe Media Encoder e Flash Media Server (inprecedenza denominato Flash Communication Server). Per ulteriori informazioni vedere la pagina Trasmissione divideo dal vivo (in italiano) o Flash Media Server Developer Center (in inglese).Comprimere in Flash video e creare i file FLVFlash permette di utilizzare molteplici soluzioni per la compressione dei video nel formato FLV.Procedura guidata Importa video di FlashLa procedura importa video di Flash consente di comprimere i video in formato FLV direttamente durantelimportazione. Tuttavia, la procedura guidata presenta alcuni limiti. Consente infatti di codificare un solo video allavolta e rende inaccessibile l’ambiente di lavoro in Flash CS3 Professional sino al termine della compressione, chepuò richiedere diverso tempo per i filmati più lunghi.Per gli utenti che utilizzano filmati di durata maggiore o che pubblicano frequentemente contenuti video, Flash CS3Professional fornisce Flash CS3 Video Encoder e la funzione di esportazione QuickTime.Flash CS3 Video EncoderFlash CS3 Video Encoder può comprimere più filmati anche mentre si eseguono altre operazioni in Flash CS3Professional. Flash CS3 Video Encoder consente inoltre di creare una coda di lavoro: al termine della compressionedi un filmato viene automaticamente avviata la compressione del filmato successivo. Oltre a consentire diselezionare le opzioni per la compressione audio e video, Flash CS3 Video Encoder permette anche di incorporare icue point e di regolare le opzioni per ritagliare e ridimensionare i filmati. Per ulteriori informazioni, consultare laGuida in linea dellapplicazione Flash CS3 Video Encoder.Nota: Sia la procedura guidata Importa video di Flash e Flash CS3 Video Encoder permettono di esportare Ie opzioni dicompressione e dei cue point in file XML utilizzabili in produzioni successive.Plug-in di esportazione FLV QuickTimeSe sul computer sono installati Adobe Flash CS3 Professional e Apple QuickTime 6.1.1, è possibile usare il Plug-inFLV Export per esportare i file FLV dalle applicazioni di montaggio supportate. In seguito, è possibile importarequesti file FLV direttamente in Flash per usarli nei documenti Flash.Il Plug-in FLV Export supporta le seguenti applicazioni video: • Adobe After Effects (Windows e Macintosh) • Adobe Premiere Pro CS3 (Windows e Macintosh) • Apple Final Cut Pro (Macintosh) • Apple QuickTime Pro (Windows e Macintosh) • Avid Xpress DV (Windows e Macintosh)Se si utilizza il plug-in di esportazione FLV QuickTime per esportare i file FLV da Flash CS3 Video Encoder o daunapplicazione di montaggio video, il processo di lavorazione dei file FLV viene semplificato in modoconsiderevole. Con il plug-in di esportazione FLV, è possibile selezionare le opzioni di codifica per il contenuto video________________________________________________________________________________ 10 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1e audio al momento dellesportazione, incluse la sequenza di fotogrammi, la velocità di trasferimento, la qualità ealtre opzioni. È possibile importare i file FLV direttamente in Flash senza necessità di codificare nuovamente il videodopo limportazione.Informazioni sui codec On2 VP6 e Sorenson SparkCome impostazione predefinita, Flash Video Encoder esporta i video codificati mediante codec On2 VP6 (FlashPlayer 8 e successivi) e Sorenson Spark (Flash Player 7). Un codec è un algoritmo di compressione/decompressioneche controlla il modo in cui i file video vengono compressi durante la codifica e decompressi durante lariproduzione. VP6 è il codec più utilizzato per la creazione di contenuto video Flash in quanto offre una maggiorqualità video, rispetto al Sorenson Spark, mantenendo più misurate le dimensioni dei file.Se il contenuto Flash carica in modo dinamico i video Flash (mediante scaricamento progressivo o Flash MediaServer), è possibile utilizzare il codec VP6 senza che sia necessario ripubblicare il file SWF per Flash Player 9, acondizione che per la visualizzazione del contenuto venga utilizzato Flash Player 8 o successivo. Mediante lostreaming o lo scaricamento del video VP6 in Flash versioni 6 o 7 e la riproduzione del contenuto mediante FlashPlayer 8, si evita di dover ricreare i file SWF per poterli utilizzare con Flash Player 8.Supporto del codec H.264Con l’aggiornamento a Flash player 9 update 3, chiamato anche “MovieStar”, è stato esteso il supporto al codecH.264, che offre uneccellente qualità video. Nella stesso aggiornamento è stata implementata anche un’ulterioreottimizzazione del player per sfruttare l’accelerazione hardware delle schede grafiche in modo da poter riprodurrecon fluidità anche video in alta definizione e a pieno schermo. Per informazioni sui formati in alta definizione,vedere il capitolo: introduzione ai formati video HD.Per maggiori informazioni sulla tecnologia H.264, consultare: • Documentazione sul supporto di video in alta definizione: http://www.adobe.com/it/products/hdvideo/supported_technologies/h264.html • Domande frequenti sullo standard H. 264 http://www.adobe.com/it/products/hdvideo/faq/Nota : dati sulla diffusione del player in Europa, aggiornati a Dicembre 2007 e pubblicati:http://www.adobe.com/products/player_census/flashplayer/version_penetration.html Codec Flash Player diffusione H. 264 9 update 3 (dato non disponibile) 9 94.3 % Sorenson Spark 8 97.6 % 7 98.1 % On2 VP6 6 98.1 %________________________________________________________________________________ 11 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Come ottenere buoni risultati dallacquisizione di videoOltre alle caratteristiche specifiche di un contributo video, unampia varietà di fattori incide sullefficienza dellacompressione e sui risultati in riproduzione, in particolare: la qualità della sorgente e il movimento nei fotogrammi.Qualità della sorgenteLa qualità dei contributi video si determina già dal momento in cui viene premuto il tasto di registrazione dellavideocamera. Di seguito vengono fornite alcune linee guida per ottenere una qualità migliore e risultati ottimali conla compressione. • Utilizzare un cavalletto per ridurre il movimento della videocamera. Se la videocamera non è stabile, le immagini risulteranno mosse e unelevata percentuale di pixel nel video varierà da fotogramma a fotogramma. Con una videocamera fissa si riduce la differenza tra i fotogrammi e la qualità risulterà migliore, soprattutto con rapporti di compressione maggiore (velocità di trasferimento dati inferiore). • Adottare una buona illuminazione. La qualità delle immagini risulterà bassa se la luce è inadeguata, anche se si usa una videocamera di fascia alta fissata su un cavalletto. Unilluminazione insufficiente è la causa del rumore nellimmagine: disturbi diversi per ogni fotogramma rendono difficile la compressione del file con una buona qualità. Per ottenere una qualità accettabile di un contributo con presenze rilevanti di rumore è necessario aumentare la qualità di compressione fino ad ottenere file dal peso più elevato di quello che sarebbe possibile ottenere a partire da video privo di rumore. • Utilizzare una videocamera di buona qualità. Le videocamere di fascia bassa producono un livello elevato di rumore video, anche se utilizzate con cavalletto e con unilluminazione ottimale. Per molte produzioni non è possibile o conveniente ripetere le riprese: il costo per il noleggio o acquisto di attrezzatura adeguata riduce il rischio di dover rimediare ad un segnale video disturbato. • Cercare di ottenere i massimi risultati con gli strumenti a disposizione. Le videocamere digitali di fascia alta garantiscono immagini nitide e prive di rumore se utilizzate con unilluminazione corretta e un cavalletto. Condizioni di produzione ottimali assicurano compressioni migliori: minor peso dei file e migliore qualità dell’immagine. Se tuttavia non si dispone di attrezzature professionali, di un cavalletto e di buona illuminazione, è possibile comunque cercare un compromesso accettabile. Ad esempio girare con luce naturale può supplire alla mancanza di faretti, appoggiare la telecamere su di un tavolo può supplire alla mancanza di un cavalletto. È bene ricordare per tutta la produzione che più alta sarà la qualità dell’immagine nel girato, migliori saranno i risultati nella compressione. • Comprimere il video partendo dal sorgente originale. Ricomprimere in FLV un video che era già stato compresso in altri formati (ad eccezione di quelli privi di perdita di qualità), può ridurre l’efficacia della codifica in FLV e la qualità dell’immagine finale. Le compressioni con perdita di qualità, infatti, introducono disturbi e artefatti visibili, che portano a dimensioni maggiori per i file finali FLV o minore qualità rispetto ai file FLV ottenibili a partire da formati non compressi. • Movimento tra i fotogrammi. Il movimento nei fotogrammi è un ulteriore fattore da tenere presente ai fini della compressione video. Si tratta della percentuale di pixel che varia da un fotogramma allaltro e può essere causata dallo spostamento di una persona o di un oggetto e da effetti della fotocamera o di post-produzione, dove: o Le persone e gli oggetti in movimento possono essere persone che passano davanti allobiettivo, foglie mosse dal vento, automobili di passaggio o il primo piano molto ravvicinato di un viso. o Gli effetti della videocamera quali la panoramica, lo zoom o larresto manuale causano una variazione di quasi il 100% dei pixel da fotogramma a fotogramma. o Anche gli effetti di post-produzione, quali la dissolvenza, la comparsa di oggetti o altri effetti video complessi causano la modifica di unelevata percentuale di pixel da un fotogramma allaltro.Maggiore è il movimento all’interno di un video, maggiore è la quantità di informazioni che il codec dovràelaborare. In un filmato con poco movimento (ad esempio una persona inquadrata a mezzo busto mentre parla) lavariazione dei pixel tra i fotogrammi è ridotta. In questo caso sarà possibile utilizzare fotogrammi chiave confrequenza minore, ottenendo così file FLV di dimensioni inferiori rispetto a quelle ottenibili a partire da filmati conmolto movimento e che richiedono quindi fotogrammi chiave con frequenze elevate.________________________________________________________________________________ 12 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Il codec di compressione, infatti, registra alcuni fotogrammi non compressi, detti fotogrammi chiave. I fotogrammichiave vengono posizionati all’interno del flusso video con un determinato intervallo (ad esempio ogni 5 secondi): ilcodec codifica la differenza tra un fotogramma e il seguente, in modo da consentire durante la visione del video (odecodifica) la ricostruzione del movimento compreso in quell’intervallo di tempo.Procedure ottimali per la compressione di videoPer ottenere una buona compressione video è necessario cercare il miglior compromesso tra unampia varietà difattori, tra cui la quantità di movimento, la dimensione dei file, la larghezza di banda disponibile, la frequenza deifotogrammi, lintervallo tra fotogrammi chiave e le dimensioni dei pixel del video.Questi fattori sono controllabili specificando dei valori per la compressione in Flash Video: alcune impostazionivengono descritte in termini generali in questa sezione; per dettagli tecnici sulle altre impostazioni, vedere lasezione Informazioni tecniche sugli standard video.Per informazioni dettagliate sui valori da utilizzare per le varie impostazioni, vedere larticolo di Kevin TowesEncoding Best Practices for Prerecorded Flash Video (in inglese).Di seguito sono presentate alcune indicazioni generali per la compressione in formato Flash Video di contributi chedevono essere pubblicati su Internet: • Una larghezza di banda (detta anche velocità di trasferimento dati) superiore consente di utilizzare video con maggior movimento, file di dimensioni maggiori, alta frequenza dei fotogrammi e dimensioni superiori dei pixel. • Un minor movimento nel video consente di ottenere file FLV di dimensioni inferiori e richiede una larghezza di banda minore. • Per larghezze di banda limitate, ridurre la frequenza dei fotogrammi chiave. Adottando, ad esempio, un fotogramma chiave ogni sei secondi, limmagine risulterà più sfuocata ma la velocità di connessione richiesta sarà inferiore. • Una presenza maggiore di movimento richiede una maggiore velocità di trasferimento dei dati, maggiore frequenza dei fotogrammi e dei fotogrammi chiave. Con clip contenenti molto movimento la quantità di informazioni codificate è sensibilmente superiore. Queste condizioni non sono consigliate in presenza di larghezza di banda limitata, perché nel file FLV deve contenere un numero superiore di fotogrammi chiave non compressi. • Ridurre le dimensioni del filmato (larghezza e altezza in pixel) quando la larghezza di banda è limitata e sono importanti sia la qualità dell’immagine sia la fluidità (ottenibile solo con un alto numero di fotogrammi al secondo). • Se la sorgente video da comprimere proviene da una videocamera, attivare l’opzione per il deinterlacciamento e impostare la codifica in Flash Video sul campo superiore. Se il video è interlacciato, selezionando questa opzione le prestazioni / qualità della codifica e della riproduzione risulteranno migliorate.Informazioni sulla velocità di trasferimentoLa velocità di trasferimento è la quantità di dati trasferiti al secondo. Quando si esegue la compressione in FlashVideo, si specifica una velocità di trasferimento. Selezionare una velocità di trasferimento adeguata al tipo diconnessione prevista per il proprio pubblico. Se la maggior parte dei visitatori di un sito utilizza modem a 56 kb/s, èsconsigliata la pubblicazione di video con una velocità di trasferimento di 1 Mb/s, che sarebbe più indicata per siticon utenti dotati di connessioni veloci, come ADSL e fibra ottica.Informazioni sui fotogrammi chiaveI filmati in Flash Video sono costituiti da una sequenza di fotogrammi chiave (immagini di fotogrammi noncompresse estratte dal video a intervalli regolari), ognuno dei quali è seguito da informazioni su come modificare ipixel del fotogramma chiave per produrre i fotogrammi delta tra un fotogramma chiave e il successivo. Durante lariproduzione, il decodificatore ricrea i fotogrammi delta in base ai fotogrammi chiave.Lintervallo di fotogrammi chiave è il numero di fotogrammi delta compresi tra i fotogrammi chiave. Più lintervallo èlungo, più difficile sarà per il decodificatore ricreare i fotogrammi mancanti. Inoltre con un intervallo troppo lungotra i fotogrammi chiave si rischia di non disporre di una velocità di trasferimento dati sufficiente per comprimere etrasmettere i bit di dati. Per questo motivo, se per un clip video con grande quantità di movimento viene utilizzatoun intervallo tra fotogrammi chiave troppo lungo, la qualità risulterà scadente.________________________________________________________________________________ 13 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Con Flash i fotogrammi chiave sono importanti per il controllo della riproduzione dei filmati. I fotogrammi chiave,infatti, influenzano la precisione nell’avanzamento manuale e nella ricerca di determinati punti all’interno del videodurante la sua riproduzione.Nota: Per consentire un accurato controllo sull’avanzamento e una migliore ricerca di punti precisi all’interno del video, ènecessario eseguire lo streaming video mediante Flash Media Server o Flash Video Streaming Service. Per consentire la ricerca e ilsalto a punti precisi con lo scaricamento progressivo, è necessario incorporare cue point durante la compressione. Taleoperazione include un fotogramma chiave (non compresso) per ogni cue point.Inserire Flash video in pagine WebPer aggiungere contenuti Flash Video alle pagine Web è possibile adottare due diversi approcci: Dreamweaver oFlash. Prima di inserire video nelle pagine è necessario definire il metodo di distribuzione: scaricamento progressivoo streaming. Per ulteriori informazioni, vedere le opzioni di distribuzione per Flash video.È possibile utilizzare Dreamweaver per aggiungere rapidamente video a una pagina Web senza dovere aprire Flash.Per ulteriori capacità avanzate, ad esempio laggiunta di interattività, la possibilità di scegliere tra una gamma piùvasta di interfacce personalizzate, lassociazione di video ad altre animazioni Flash e la sincronizzazione di video contesto e grafica, utilizzare Flash.Quando si aggiunge Flash Video a una pagina, occorre aggiungere anche un meccanismo per il rilevamento di FlashPlayer. In particolare occorre verificare che i visitatori che tentano di visualizzare la pagina dispongano di unaversione di Flash Player che permetta di riprodurre il contenuto fornito. Per informazioni sul rilevamento dei plug-in,vedere larticolo di Robert Hoekman Best Practices for Flash Player Detection (in inglese).Importazione di Flash video in DreamweaverLa procedura riportata di seguito descrive come aggiungere contenuto Flash Video a una pagina Web allinterno diDreamweaver. Prima di cominciare è necessario disporre di un file Flash Video (FLV) codificato.Per aggiungere Flash video ad una pagina Web mediante Dreamweaver: 1. Acquisire e/o codificare un file FLV. Per informazioni, vedere Acquisire e comprimere video. 2. Selezionare Inserisci > Oggetto multimediale > Flash Video. 3. Nella finestra di dialogo Inserisci Flash Video, selezionare Video a scaricamento progressivo o Video Streaming dal menu a comparsa Tipo di video. 4. Impostare le rimanenti opzioni della finestra di dialogo.È possibile selezionare unopzione per linserimento di codice che rilevi la versione di Flash Player necessaria pervisualizzare il video inserito e che richieda allutente di scaricarla se non dispone della versione corretta.Per unesercitazione sulla creazione di un progetto in Dreamweaver comprendente Flash Video, vedere larticolo diJen deHaan Presenting Video with the Flash Video Component in Dreamweaver 8 (in inglese).Importazione di video in Flash CS3 ProfessionalNell’ambiente di lavoro di Flash CS3 Professional è possibile creare uninterfaccia completa per la riproduzione divideo nel browser.La procedura riportata di seguito descrive come utilizzare i componenti per creare contenuto Flash Video. Èpossibile importare un file video già distribuito su un server Web, o selezionare un file video archiviato localmentesul computer e caricarlo sul server dopo averlo importato nel file FLA. Per informazioni sulla codifica manuale deicontrolli video con ActionScript, vedere la sezione Riproduzione dinamica di file FLV esterni dei LiveDocs di Flash.Per importare un video per lo scaricamento progressivo: 1. Per importare il filmato nel documento Flash corrente, selezionare File > Importa > Importa video. Si avvierà così la procedura guidata importa video di Flash. 2. Selezionare il video clip da importare. Selezionare un video clip archiviato sul computer locale o immettere lURL di un video già caricato su un server Web.________________________________________________________________________________ 14 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 3. Selezionare Scaricamento progressivo da un server Web. 4. (Opzionale) Se il video che si sta distribuendo non è in formato FLV, viene visualizzato il pannello Codifica. Per ulteriori informazioni sulla codifica dei video mediante la procedura guidata importa video di Flash, vedere la sezione "Selezione di un profilo di codifica video" dei Live Docs. 5. Selezionare uno skin per il video clip. È possibile scegliere di: • Non utilizzare uno skin con il video. • Utilizzare uno degli skin predefiniti. • Utilizzare uno skin personalizzato creato dallutente, immettendo l’indirizzo URL del relativo file SWF sul server. Per ulteriori informazioni, vedere larticolo di Dan Carr Personalizzazione del componente FLVPlayback pubblicato nel Centro per sviluppatori, o la sezione "Creazione di un nuovo skin" sui LiveDocs di Flash. • La procedura guidata Importa video di Flash comprime il filmato sorgente nel formato FLV (se non è già in formato FLV) e crea un componente video sullo stage che può essere utilizzato per provare la riproduzione del video prima della pubblicazione sul Web server. 6. Caricare le risorse seguenti sul server Web in cui risiede il video: • Il video clip compresso in formato FLV (che si trova nella stessa cartella del filmato sorgente e che ha un’estensione .flv). Nota: Flash utilizza un percorso relativo che punta al file FLV (relativo al file SWF) per consentire di utilizzare a livello locale la stessa struttura di directory del server. • Lo skin video (se si è scelto di usarne uno). Se si sceglie di utilizzare uno skin predefinito, Flash lo copia nella stessa cartella del file FLA. • Il file SWF che contiene il componente video.Mediante la finestra di ispezione dei componenti, modificare il campo URL del componente in modo che riflettalURL del server Web sui cui si sta caricando il video. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Impostazione delparametro contentPath, nei LiveDocs di Flash.Nota: Il parametro contentPath appena descritto è disponibile quando si utilizza la versione in ActionScript 2.0 del componenteFLVPlayback. Per informazioni sull’uso del parametro source nella versione del componente in ActionScript 3.0, vedere neiLiveDocs la sezione "Impostazione del parametro source."Importazione di video con Flash Media Server o FVSS:È possibile importare un file video già distribuito su Flash Media Server (in precedenza denominato FlashCommunication Server) o FVSS, oppure selezionare un file video archiviato localmente sul computer e caricarlo sulserver dopo averlo importato nel file FLA. 1. Per importare il video clip nel documento Flash corrente, selezionare File > Importa > Importa video. Si avvierà così la procedura guidata importa video di Flash. 2. Selezionare il video clip da importare. Selezionare un video clip archiviato sul computer locale o immettere lURL di un video già caricato su Flash Media Server o Flash Video Streaming Service (FVSS). 3. Selezionare In streaming da Flash Video Streaming Service (FVSS) o In streaming da Flash Media Server (in precedenza denominato Flash Communication Server) 4. (Opzionale) Se il video da distribuire non è in formato FLV, è possibile utilizzare il pannello Codifica per selezionare un profilo di codifica e ritagliare, tagliare e suddividere il video clip. Nota: questo passaggio vale solo se si stanno caricando filmati dal computer locale. I video già distribuiti su un server devono essere stati codificati in precedenza in formato FLV. Per ulteriori informazioni sulla codifica dei video mediante la procedura guidata importa video di Flash, vedere la sezione "Selezione di un profilo di codifica video" dei Live Docs. 5. Selezionare uno skin per il video clip. È possibile scegliere di: • Non utilizzare uno skin con il video.________________________________________________________________________________ 15 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1 • Utilizzare uno degli skin predefiniti. • Utilizzare uno skin personalizzato creato dallutente, immettendo l’indirizzo URL del relativo file SWF sul server. Lautocomposizione Importa video codifica il video clip di origine nel formato FLV (se non è già in formato FLV) e crea un componente video sullo stage che può essere utilizzato per provare la riproduzione del video localmente. 6. Caricare le seguenti risorse su Flash Media Server o sul FVSS in cui risiede il video: • Il video clip compresso in formato FLV (che si trova nella stessa cartella del filmato sorgente e che ha un’estensione .flv). Nota: se il video clip su cui si sta lavorando è già stato caricato su Flash Media Server o FVSS, saltare questo passaggio. • Lo skin video (se si è scelto di usarne uno) Se si sceglie di utilizzare uno skin predefinito, Flash lo copia nella stessa cartella del file FLA. • Il file SWF che contiene il componente video. È necessario modificare il campo URL del componente FLVPlayback per specificare il server Web in cui si sta caricando il video.Sincronizzare i video con altri contenutiFino ad ora è stato mostrato come produrre e pubblicare Flash video in pagine Web. Il passaggio logico successivo èquello di utilizzare le potenzialità di Flash per sincronizzare i contributi video con altre tipologie di contenuti. FlashCS3 Professional offre un ampio numero di funzionalità che permettono di sincronizzare titoli, animazioni, grafica odidascalie con momenti precisi di un video.Questa sezione introduce i concetti principali per la sincronizzazione, come le nuove funzionalità dei componenti inActionScript 3 per sottotitolare il video tramite i cue point. Per approfondimenti ed esempi sulla sincronizzazionevideo, consultare la pagina Flash video templates (in inglese).Informazioni sui cue pointI cue point sono dei marcatori abbinabili ai file FLV e sono utilizzati per specificare gli istanti a cui devono esseresincronizzati altri contenuti o azioni. Iniziare ad utilizzare i cue point apre molteplici possibilità nel combinare Flashvideo con altri tipi di contenuti.I tipi di cue pointEsistono tre tipi di cue point: di navigazione, di evento e ActionScript. I cue point di navigazione e di evento vengonoincorporati direttamente nel file FLV durante la compressione. I cue point di navigazione sono l’ideale per progetti incui si vuole consentire il salto a punti precisi del video. Durante la compressione in Flash Video, vengono aggiuntifotogrammi chiave in corrispondenza dei cue point, in modo da permettere una navigazione al fotogramma esatto.Anche i cue point di evento vengono incorporati nei file FLV durante la loro compressione. Possono essere usati persincronizzare ed attivare eventi in corrispondenza di punti precisi nella riproduzione del video FLV.I cue point ActionScript, invece, non vengono incorporati nei file FLV: vengono aggiunti via ActionScript durante lariproduzione del video. Sono meno accurati rispetto a quelli incorporati (fino a un decimo di secondo), ma èpossibile migliorare la precisione abbassando il valore della proprietà playheadUpdateInterval.Nota: Incorporare i cue point di navigazione direttamente nel video è il modo migliore per permettere una ricerca precisa nelvideo scaricato progressivamente. Quando si creano interfacce dove dei pulsanti permettono all’utente di saltare a punti esattinel tempo, è consigliato l’incorporamento dei cue point durante la compressione video.Creare cue pointI cue point di navigazione e di evento possono essere aggiunti mediante la procedura guidata Importa video di Flasho con Flash CS3 Video Encoder prima di avviare la compressione. I cue point ActionScript possono essere aggiuntimediante il componente FLVPlayback, impostandone i relativi parametri nella finestra di ispezione Proprietà,oppure mediante ActionScript.________________________________________________________________________________ 16 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Note: I cue point possono essere esportati in file XML mediante la procedura guidata Importa video di Flash o con Flash VideoEncoder. I file XML esportati possono essere caricati nuovamente mentre si lavora con altri video o con altri progetti, in modo daallineare diversi contributi e ridurre i tempi di produzione.Interazione con i cue pointUna volta creati i cue point, è possibile controllarne l’interattività mediante codice ActionScript. I cue point sonoaccessibili all’interno di un filmato Flash nella forma di eventi ActionScript. Per intercettare un evento cuePoint, ènecessario utilizzare un oggetto listener per controllare il verificarsi dell’evento, secondo il modello diprogrammazione del componente. È da notare che il codice richiesto dalla versione in ActionScript 2.0 delcomponente FLVPlayback è differente da quella per la versione in ActionScript 3.0. • Per informazioni sulla gestione degli eventi con ActionScript 2.0 e dei parametri per i cue point, consultare la sezione Ricerca dei cue point, nei LiveDocs di Flash 8. • Per informazioni sulla gestione degli eventi con ActionScript 2.0 e dei parametri per i cue point, consultare la sezione Intercettazione degli eventi cuePoint, nei LiveDocs di Flash CS3.Parametri dei cue pointQuando si intercetta un evento cuePoint in ActionScript, un oggetto che contiene le informazioni sul cue point èpassato alla funzione che gestisce l’evento. È possibile poi decidere l’interazione nella risposta all’evento.Le seguenti proprietà sono contenute nell’oggetto info in un evento cuePoint: • name: Il nome associato al cue point. • time: Il riferimento temporale del cue point. • type: Il tipo di cue point, che può essere navigation, event o actionscript. • parameters: Un oggetto contenente variabili associate con il cue point.Metodi comuni per sincronizzare contenuti Flash al videoUna volta scritto il codice che intercetta i cue point e resi accessibili i suoi parametri, si può definire un’azione chesarà correttamente sincronizzata al video. I due modi più diffusi per sincronizzare altri contenuti sono quelli dicontrollare la navigazione nella linea temporale di Flash con etichette fotogramma il cui nome corrisponda a quellodei cue point o di saltare a slide con lo stesso nome dei cue point. In questo modo il nome dato ai cue point puòessere usato come input per sincronizzare punti precisi nel video ad altri contenuti.Checklist per sincronizzare il video ad altri contenutiSeguirà un elenco che descrive i passaggi più comuni per creare progetti con video sincronizzato a testo o graficanella linea temporale di Flash.Per creare una presentazione con video sincronizzato 1. Acquisire i contributi video e scegliere i punti a cui fare riferimento per la sincronizzazione. 2. Comprimere il video in formato FLV incorporando i cue point di navigazione nei punti scelti. 3. Creare un progetto di Flash ed aggiungere dei fotogrammi chiave nella linea temporale principale. Aggiungere per ogni cue point un’etichetta di fotogramma il cui nome corrisponda a quello del cue point. 4. Posizionare il contenuto sui fotogrammi chiave facendoli coincidere con i cue point, prestando attenzione che combaci il nome dell’etichetta dei fotogrammi chiave con quello dei cue point desiderati. 5. Importare il file FLV usando la procedura guidata Importa video di Flash o con il componente FLVPlayback. 6. Aggiungere un cuePoint event listener al componente FLVPlayback e aggiungere il codice per controllare l’event listener al frame 1 della linea temporale principale. 7. Nel codice dell’event handler, aggiungere un’azione gotoAndStop che punti all’etichetta di fotogramma con il nome corrispondente a quello rilevato con il parametro name del cue point.Uso del componente FLVPlaybackCaptioning________________________________________________________________________________ 17 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1La versione in ActionScript 3.0 del componente FLVPlayback include il nuovo componente FLVPlaybackCaptioning.Il componente FLVPlaybackCaptioning consente di aggiungere facilmente didascalie per l’accessibilità, perdescrivere o tradurre i contenuti in varie lingue.Il componente in ActionScript 3.0 offre due possibilità per inserire le didascalie: 1. Usando un file XML secondo lo standard del W3C chiamato “Timed Text”. 2. Usando un file XML che contenga i cue point di evento con le didascalie associate nei parametri dei cue point.Entrambe le opzioni permettono di sincronizzare le didascalie con punti specifici nel video durante la suariproduzione. In questo caso, la sincronizzazione avviene grazie al componente FLVPlaybackCaptioning cheautomaticamente intercetta i cue point di evento e li sincronizza se si trovano nella stessa linea temporale delcomponente. Per aggiungere didascalie o sottotitoli non è necessario scrivere codice ActionScript, perché ilcomponente FLVPlayback funziona già autonomamente ed offre le seguenti funzionalità: • L’attacco delle didascalie può essere regolato, e anche la durata se si usa un file Timed Text. • Il testo delle didascalie può essere formattato all’interno del nodo head nel file XML. • Le didascalie possono essere attivate e disattivate tramite un pulsante dedicato. • Viene supportata l’opzione di inserire tracce di didascalie in lingue diverse • È possibile creare più istanze di FLVPlaybackCaptioning per più istanze di FLVPlaybackPer informazioni sul componente FLVPlaybackCaptioning in ActionScript 3.0, consultare la sezione Uso delcomponente FLVPlaybackCaptioning nei LiveDocs di Flash.Gli standard Video PAL e NTSCIl video trasmesso in televisione si basa su standard stabiliti negli anni 50, quando è stata introdotta la televisione acolori. I formati principali utilizzati oggi sono NTSC (acronimo di National Television System Committee) e PAL(acronimo di Phase Alternating Line). In Italia è utilizzato il PAL, così come nella maggior parte dei paesi europei,mentre NTSC è lo standard utilizzato in America e in Giappone.Nessuno dei due standard video è adatto per la presentazione sui monitor dei computer. Ciascuno di essi infattipresenta problemi in termini di ottimizzazione del video per la distribuzione Web: • Dimensione dei fotogrammi: NTSC e PAL sono associati a dimensioni dellimmagine diverse rispetto alle dimensioni disponibili per i monitor dei computer. • Frequenza dei fotogrammi: NTSC e PAL hanno frequenze dei fotogrammi diverse rispetto a quelle utilizzate per i monitor dei computer. • Forma dei pixel: NTSC e PAL utilizzano la stessa forma di pixel (detta D1, in pratica rettangolare) che tuttavia è diversa rispetto a quella utilizzata dai monitor dei computer (quadrata). • Visualizzazione: le immagini NTSC e PAL sono composte da due campi "interlacciati" separati, mentre i monitor dei computer visualizzano immagini "progressive".Tabella 3. Nella seguente tabella sono riepilogate le differenze: Dimensione Frequenza dei Forma dei pixel Visualizzazione dellimmagine fotogrammiNTSC 720 x 480 29.97 D1 InterlacciataPAL 720 x 576 25 D1 Interlacciata VariabileComputer – Quadrata Progressiva (più grande)________________________________________________________________________________ 18 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Dimensione dei fotogrammiGli schermi televisivi sono composti da linee orizzontali, mentre i monitor dei computer sono composti da una seriedi pixel orizzontali e verticali. La risoluzione standard per la televisione NTSC è di 525 linee, mentre per PAL è di 576linee. La maggior parte dei monitor di computer vanta risoluzioni verticali superiori (misurate in pixel), come 768 o1024, che richiedono quindi un’interpolazione durante la riproduzione per ingrandire l’immagine fino ad andare apieno schermo.Frequenza dei fotogrammiIl video è essenzialmente una sequenza di immagini, riprodotte sullo schermo in rapida successione per darelillusione del movimento. Il numero di fotogrammi visualizzati al secondo è detto frequenza dei fotogrammi. Lafrequenza dei fotogrammi viene misurata in fotogrammi al secondo (fps). A una frequenza di fotogrammi superiorecorrisponde un numero maggiore di fotogrammi per secondo utilizzati per visualizzare la sequenza di immagini eper ottenere un movimento più fluido. Lalta qualità, tuttavia, comporta uno svantaggio, in quanto le frequenze difotogrammi superiori richiedono una maggiore quantità di dati (e quindi di larghezza di banda) per visualizzare ilvideo.In caso di video compresso in formati come Flash Video, un numero maggiore di fotogrammi visualizzati al secondocorrisponde a una dimensione file maggiore. Per ridurre la dimensione finale del file, è necessario ridurre lafrequenza di fotogrammi o la velocità di trasferimento dei dati. Se per ottenere un file di dimensioni minori si scegliequesta seconda opzione, lasciando invariata la frequenza dei fotogrammi, la qualità dellimmagine risulterà ridotta.Se invece si riduce la frequenza dei fotogrammi lasciando invariata la velocità di trasferimento dei dati, ledimensioni del file risulteranno inferiori ma il movimento del video potrebbe apparire poco fluido e il videoprocedere a scatti.Se si sceglie di ridurre la frequenza dei fotogrammi, si consiglia di utilizzare un rapporto di divisione per numeri paririspetto alla frequenza originale. Se lorigine ha una frequenza di fotogrammi pari a 24 fps, ridurla a 12, 8, 6, 4, 3 o 2fps, mentre se la frequenza di origine è pari a 30 fps, in genere è possibile ridurla a 15 fps, 10 fps, 6 fps e così via.Formato dei pixelSecondo la specifica PAL e NTSC D1/DV, i pixel sono di forma non quadrata (in genere si parla di proporzioni D1),mentre i pixel dei monitor dei computer sono quadrati. I pixel D1 sono più corti in senso verticale. Per questomotivo se si osserva unimmagine video D1 su un monitor di computer, questa apparirà schiacciata verticalmente egli attori sembreranno più bassi. Se questa immagine viene visualizzata su un monitor televisivo, la larghezza deipixel è superiore rispetto alla loro altezza e i pixel hanno un aspetto normale (vedere la figura seguente).Figura 2. Limmagine a sinistra è visualizzata su uno schermo video, mentre quella a destra è visualizzata su un monitor per computer.Limmagine sembra compressa in senso verticale sul monitor del computer, ma appare normale sullo schermo videoPer questo motivo la forma dei pixel delle immagini video destinate alla visualizzazione su monitor di computerdeve essere corretta convertendo limmagine in scala 4:3. Per NTSC la risoluzione a pixel quadrati è 720 x 540 (concompensazione verticale), mentre per PAL è 768 x 572 (con compensazione verticale). Le risoluzioni video finaliutilizzate comunemente su Internet includono 640 x 480, 512 x 384, 320 x 240 e 160 x 120.La maggior parte delle applicazioni video compensa la diversa forma dei pixel riducendo in scala limmagine videoin tempo reale durante il rendering sul monitor del computer. Questa operazione viene effettuata perché leimmagini potrebbero essere destinate alla visualizzazione finale su un monitor televisivo, pertanto la riduzione inscala dei pixel effettivi nel file video introdurrebbe una distorsione dovuta a questa operazione. Se invece leimmagini sono destinate alla visualizzazione sul Web, la compensazione in tempo reale non è una soluzione valida,________________________________________________________________________________ 19 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1perché la sequenza video è destinata a essere visualizzata su un monitor a pixel quadrati e il rendering risulterebbeforzato per compensare la discrepanza.Video interlacciato e progressivoLe immagini video sono composte da due campi interlacciati che insieme formano un fotogramma. Questoapproccio è stato introdotto con linvenzione della televisione a causa di una limitazione tecnica che impediva ildisegno "progressivo" di un fotogramma completo sul monitor (dallalto al basso) senza causare un sensibiledisturbo visivo. Suddividendo limmagine in due campi (o semiquadri) e visualizzandoli uno dopo laltro, il disturboveniva eliminato. Un singolo gruppo di linee è detto campo. I due campi sono detti rispettivamente camposuperiore e campo inferiore, campo 1 e campo 2, campo pari e campo dispari ecc. Purtroppo non vi è unanomenclatura standard.Figura 3. Limmagine riportata sopra mostra due campi e il fotogramma risultante dal loro interlacciamento.Nelle riprese reali i due campi interlacciati spesso sono molto simili e non vengono prodotti disturbi quando siosserva un fotogramma video sul monitor di un computer. Tuttavia le riprese che includono un movimento elevatoe soggetti che cambiano rapidamente (ad esempio se la videocamera viene spostata o si interpongono dellepersone) mostrano disturbi notevoli se i campi vengono visualizzati simultaneamente su un monitor per computere la qualità risulta disturbata. Questo comportamento è dovuto alla composizione di due momenti di tempoallinterno di un fotogramma.Per ottenere un video nitido su un monitor di computer, quindi, i fotogrammi del video devono esseredeinterlacciati allo scopo di eliminare uno dei campi. Metà delle informazioni di ogni fotogramma viene pertantoeliminata e le informazioni rimanenti vengono duplicate o interpolate. Nel caso del formato PAL si ottengono 25fotogrammi di 25 punti distinti nel tempo.Figura 4. Limmagine a sinistra è un fotogramma interlacciato. Nellimmagine a destra uno dei campi è stato eliminato per produrreun fotogramma "deinterlacciato".I nuovi standard video della televisione digitale hanno ridotto l’uso dellinterlacciamento a favore di tecniche divisualizzazione a scansione progressiva. Le videocamere a scansione progressiva in genere sono in grado di passaredalla scansione progressiva al video interlacciato e la maggior parte di esse dispone di unampia varietà difrequenze di fotogrammi con e senza interlacciamento. Frequenze di fotogrammi standard sono 60p (60 fpsprogressivo), 30i (30 fps interlacciato), 30p (30 fps progressivo) e 24p (24 fps progressivo). In presenza di immaginiprogressive non è necessario deinterlacciare le riprese prima della distribuzione sul Web.________________________________________________________________________________ 20 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Introduzione ai formati video HDIl formato televisivo più diffuso ed utilizzato attualmente è detto SDTV, (acronimo del termine inglese StandardDefinition Television), ed indica genericamente il livello di definizione standard. I formati più diffusi per latelevisione SDTV sono PAL e NTSC, descritti nel precedente capitolo: Gli standard Video PAL e NTSC. Il formatoSDTV, tuttavia, verrà progressivamente sostituito dalla televisione in alta definizione, chiamata comunementeHDTV, (acronimo del termine inglese High Definition TeleVision), che si sta diffondendo sempre più rapidamente. InItalia le prime trasmissioni in alta definizione sono avvenute con i campionati mondiali di calcio e con i giochiolimpici invernali di Torino 2006. Le trasmissioni via satellite sono state le prime a beneficiare dell’alta definizione,ma sono state sperimentate anche quelle vie frequenze terrestre.La televisione in alta definizione ha una dimensione di fotogramma con rapporto proporzionale standard in 16:9 e sidifferenzia per la maggiore risoluzione. Esistono diversi formati video per la tecnologia HDTV, che varianoprincipalmente per la risoluzione dell’immagine. Il rapporto proporzionale è stato fissato in 16:9 per tutte le variantie il termine di riferimento utilizzato per indicare i vari formati è l’altezza in pixel del fotogramma video. Il formato dirisoluzione piena è caratterizzato da 1920 pixel orizzontali per 1080pixel verticali, e viene comunemente chiamato1080p o FULL HD.Nel formato 720p, invece, l’immagine è composta da 1280 pixel orizzontali per 720 pixel verticali ed è spessoindicato come HD READY per sottolinearne la compatibilità con il formato di dimensioni maggiori: un televisore HDREADY può trasmettere immagini in alta definizione, anche se con un dettaglio inferiore rispetto ad un televisoreFULL HD. Esistono anche altri formati per il video in alta definizione, per ulteriori indicazioni consultare: Informazionisul video ad alta definizione (HD) e Understanding and Using High-Definition Video (in inglese).Figura 5. Confronto tra le dimensioni dei vari formati video. Il formato in HD pieno è composto da circa 2 milioni di pixel, ovvero ildoppio di quelli del formato HD 720p, che a sua volta è 4 volte più grande di un clip video ottimizzato per il web a 640 x 360 pixel.________________________________________________________________________________ 21 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Risorse on-lineRisorse e documentazione in ItalianoBlog su Adobe Flash Media Serverwww.sonoquipermeritosuo.com/pro/Centro risorse di Adobe Flash CS3www.adobe.com/support/documentation/it/flash/Flash Professional e il formato Flash Videowww.adobe.com/it/products/flash/video/Adobe Creative Suite Production Premiumwww.adobe.com/it/products/creativesuite/productionSito degli Adobe Guru che collaborano con Adobe Italiawww.adobeguru.comAugitaly: Adobe User Group Italianohttp://blog.augitaly.comCommunity su Flashwww.actionscript.itRisorse e documentazione in ingleseWhite Paper e guideTechnical White Paper: Adobe Flash Media Server 3www.adobe.com/products/flashmediaserver/pdfs/FlashMediaServer3_WhitePaper_ue.pdfA Streaming Media Primerwww.adobe.com/products/aftereffects/pdfs/AdobeStr.pdfA Digital Video Primer: Understanding and Using High-Definition Videowww.adobe.com/designcenter/productionstudio/articles/prs1ip_hdprimer/prs1ip_hdprimer.pdfVideo content protection measures enabled by Flash Media Serverwww.adobe.com/devnet/flashmediaserver/articles/protecting_video_fms.htmlFlash video learning guidewww.adobe.com/devnet/flash/articles/video_guide.htmGalleryFlash On™ (Adobe video showcase)www.adobe.com/flashonHD Video with Adobe Flashwww.adobe.com/products/hdvideoAdobe HD Gallerywww.adobe.com/products/hdvideo/hdgallery________________________________________________________________________________ 22 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Centro per sviluppatoriAdobe Flash Media Server productswww.adobe.com/products/flashmediaserver/Adobe – Video Technology Centerwww.adobe.com/devnet/video/Adobe - Flash Media Server Developer Centerwww.adobe.com/devnet/flashmediaserver/Risorse e documentazioneUnderstanding the difference between progressive download and streaming video:www.adobe.com/devnet/flash/articles/flv_download.htmlwww.adobe.com/products/hdvideo/supported_technologies/streaming.htmlDRM and digital media protection with Flash Media Serverwww.adobe.com/devnet/flashmediaserver/articles/digital_media_protection.htmlwww.adobe.com/products/hdvideo/supported_technologies/content_protection.htmlPerformance-tuning Flash Media Server 2 for live webcasts using Linuxwww.adobe.com/devnet/flashmediaserver/articles/performance_tuning_webcasts.htmlExploring Flash Player support for high-definition H.264 video and AAC audiowww.adobe.com/devnet/flashplayer/articles/hd_video_flash_player.htmlAAC-HE version 2 detailswww.adobe.com/products/hdvideo/supported_technologies/heaacv2.htmlH.264 detailswww.adobe.com/products/hdvideo/supported_technologies/h264.htmlStreaming Through Firewalls and Proxies: From the Client’s Perspective:www.adobe.com/devnet/flashcom/articles/firewall_streaming.htmlFlash Media Encoder 2:www.adobe.com/products/flashmediaserver/flashmediaencoderAdobe FVSS partners:www.adobe.com/go/fvssFlash Media Solution Provider programwww.adobe.com/go/fmspFlash Player 9 Update FAQhttp://labs.adobe.com/wiki/index.php/Flash_Player:9:Update:H.264Flash Media Server communityFMSGuru.comwww.fmsguru.comFlashComGuruwww.flashcomguru.comFlashConnectionswww.flashconnections.com________________________________________________________________________________ 23 di 24
    • Guida a Flash Video Versione 1.1.1Titoli di codaA riguardo dell’autore Giovanni Antico è Adobe Guru per il digital video e il digital imaging. Si occupa di motion graphics, post produzione video e fotografica, interaction e graphic design, Flash e Flash video. www.gantico.itRingraziamentiUn caloroso grazie per Adobe Italia, in particolare:Andrea Amadeo, Business Development Manager | Digital Video & Web, per la raccolta di documentazione.Daria Lazzari, Marketing Manager | Creative Solutions di Adobe Italia, per la divulgazione e comunicazione.Matteo Oriani, System Engineer | Creative Solutions, per il supporto sempre tempestivo.Un grande grazie anche per:Gabriele Orlini, Adobe DMO Consultant e Adobe Guru, per la pubblicazione su sonoquipermeritosuo.com.Paolo Bottazzini, Information Architect di Logicware, per la revisione testi. Copyright © 2008 Adobe Systems Incorporated. Tutti i diritti riservati.________________________________________________________________________________ 24 di 24