• Save
Open Source Strategies for Public Administrations
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Open Source Strategies for Public Administrations

on

  • 1,625 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,625
Views on SlideShare
1,623
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
1
Comments
0

1 Embed 2

http://www.slideshare.net 2

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Open Source Strategies for Public Administrations Open Source Strategies for Public Administrations Presentation Transcript

  • Strategie per la diffusione dell’Open Source nella Pubblica Amministrazione Marco Gentili Carlo Pecchia Area Metodologie per la qualità e l’innovazione organizzativa‏
  • Due parole chiave per il fare della PA
    • Trasparenza
      • nello sviluppo del software applicativo
      • nella evoluzione del software (MEV)
      • nella valutazione delle possibili alternative
    • Condivisione
      • della conoscenza
        • requisiti utente
        • soluzioni tecnologiche
      • delle capacità
      • dei costi
      • dei rischi
  • Modelli operativi per il fare della PA Open Standard Open Source Community Riuso
  • Open Standard
    • Adottati e mantenuti da un’organizzazione no-profit
      • definiti mediante processi decisionali aperti ( trasparenza )‏
      • guidati dal consenso ( condivisione )
    • Libera disponibilità delle specifiche
      • eventualmente ad un costo nominale
    • Copyright, brevetti, marchi registrati disponibili
      • irrevocabilmente
    • Assenza di vincoli
      • al riuso, a modifiche e/o estensioni
  • Open Source (OS)
    • Si distingue per la disponibilità del codice sorgente e per la possibilità di modificarlo
    • Libertà garantite dalla licenza applicata
    • Caratterizzato da trasparenza del processo di sviluppo, manutenzione, evoluzione
    • Nato per la condivisione di costi e rischi da parte di sviluppatori
    • Condivisione facilitata dal web
  • Community
    • Creazione e diffusione delle comunità di interesse facilitata dal web
      • Una delle prime è stata quella degli sviluppatori (DARPA)
    • Community come “centro di controllo” di ogni progetto OS
    • Garantisce accesso paritetico all’informazione ( trasparenza )
    • Per ogni progetto OS l’analisi della community di riferimento aiuta a stabilirne la qualità
      • evoluzione
      • supporto tecnico
      • presenza di servizi a pagamento
  • Riuso
    • Ogni programma sviluppato ad hoc per una PA è suscettibile a riuso da parte di altre PA
    • Il C.A.D agli artt. 69 e 70 prevede che
      • gli applicativi devono venire sviluppati tenendo conto del possibile futuro riuso da parte di altre PA ( condivisione )
      • deve essere istituita una banca dati di applicativi riusabili all’interno della PA
  • Diffusione del software OS nella PAC fonte: CNIPA Stato dell’informatizzazione delle PAC
  • Diffusione del software OS nella PAC fonte: CNIPA Stato dell’informatizzazione delle PAC
    • Uso dell’OS incentrato sullo strato middleware
    • Aumento dei casi di adozione di OS all’interno della medesima PA
    • Crescente ricorso ai servizi offerti dal mercato (78% degli utilizzatori)
    • Vantaggio percepito nella riduzione dei costi (soprattutto legati alle licenze), e quindi minore “barriera all’entrata”
    • Possibilità di investire in formazione, customizzazione, integrazione, usufruendo dei servizi presenti sul territorio (incentivi al mercato locale)
  • Diffusione del software OS nella PAL
    • Secondo il rapporto ISTAT 2007
    • http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20080307_00/
      • il 78,4% delle PAL utilizza software OS
      • dato sostanzialmente in linea con quello delle PAC
    • Numerosi casi segnalati nella Vetrina dell’Osservatorio Open Source del CNIPA
      • funzionamento interno (back-office)
      • servizi offerti a cittadini ed imprese (front-office)
    • 41 comuni per un totale di circa 4 milioni di residenti
      • Arezzo, Bologna, Bolzano, Imola, Lecco, Modena, Pescara, Pisa, Roma, Trento, Spezia, Udine …
    • 12 province per un totale di circa 2 milioni di residenti
      • Asti, Ferrara, Parma, Pisa, Reggio Emilia …
  • Diffusione del software OS nella PAL
    • L’ Osservatorio Open Source evidenzia
      • uso per sistemi operativi e middleware
        • mail server
        • print server
        • web server
        • framework app.
      • diffusione di applicazioni web per back-office e front-office
        • web browser
        • suite office
  • Criticità
    • Principali ostacoli per l’adozione del Sw OS da parte delle PA
      • Limitata diffusione della conoscenza del sw OS
        • Punto di vista della PA diverso da quello dei fornitori ICT
        • Tecnica
        • Normativa
      • Confusione sulle licenze Open Source
        • Molteplici approcci
      • Difficoltà nella valutazione dei prodotti software OS
        • Il CAD prevede (art.68) l’esecuzione di “valutazioni comparative di tipo tecnico ed economico”
      • Scarsa conoscenza dei prodotti software OS sviluppati da altre amministrazioni
        • Necessità di incentivare una visione multiamministrativa
  • A. Conoscenza del Sw OS
    • Non esiste una conoscenza diffusa del Sw OS nella PA
      • codificata in un approccio pragmatico ed operativo
      • condiviso con i diversi stakeholder
      • specifico del ruolo della PA in una Community OS
    • Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICTper la definizione ed il governo dei contratti della PA
      • Quando utilizzare Sw OS ?
      • Perchè realizzare Sw OS ?
      • Come appaltare lo sviluppo di Sw ?
      • Come gestire ed utilizzare una Community OS ?
      • Come valutare un Sw OS ?
      • Che licenza OS utilizzare ?
  • Marco Gentili - CNIPA A. Conoscenza del Sw OS 4 Manuale operativo Dizionario delle forniture ICT 8 Manuale applicativo Analisi di fattibilità per l’acquisizione delle forniture ICT 3 Manuale applicativo Appalto pubblico di forniture ICT 7 Manuale applicativo Governo dei contratti ICT ITIL Iso 9001 COBIT Iso 10006 CMMI Iso 20000 PM Bok Iso 27000 Prince2 12 Manuale applicativo Valutazione in itinere ed ex post di contratti e progetti ICT EUCIP 6 Manuale di riferimento Modelli per la qualità forniture ICT 1 Manuale d’uso Presentazione e utilizzo delle Linee Guida SERVQUAL Iso 12207 Iso 9126 9 Manuale di riferimento Dizionario delle Best Practices 2 Manuale applicativo Strategie di acquisizione delle forniture ICT 5 Manuale applicativo Esempi di applicazione strategie di acquisizione selezione del fornitore Definizione contratto governo contratto analisi di fattibilità valutazione 11 Manuale di riferimento Organizzazione della funzione per il governo dell’ICT 10 Manuale di riferimento Dizionario dei profili professionali ICT Linee guida per la qualità delle forniture ICT
  • A. Conoscenza del Sw OS esigenze servizi innovazione PA Università Mercato ICT software applicativo Open Source Riuso OS
  • A. Conoscenza del Sw OS
    • Tipologie di partecipanti ad una Community OS
        • necessità di chiarire i punti di vista di ciascuno
      • PA costituenti la domanda
        • Forniscono i requisiti per un determinato prodotto software ( riuso ex ante )
      • Fornitore ICT
        • Selezionato tramite gara pubblica
        • Realizza il prodotto Sw
        • Il prodotto finito viene rilasciato con licenza OS
      • Mondo accademico
        • Fornisce contributi innovativi
        • Si relaziona con il mercato ICT (collaborazioni, spin-off)
  • A. Conoscenza del Sw OS
    • Definire una strategia per lo sviluppo di software applicativo significa verificare
      • conformità rispetto ai requisiti utente
      • integrazione verso altri applicativi
      • qualità del prodotto
      • grado di diffusione
        • casi d’uso
        • eventuali problemi
      • prospettive future
        • supporto
        • solidità dello sviluppo
      • tecnologia utilizzata
  • A. Conoscenza del Sw OS
    • Verifiche specifiche per il software Open Source
      • Community
        • livello di attività, eterogeneità, skill
      • Esistenza di supporto tecnico
        • servizi “evoluti” a pagamento
        • da entità riconducibili alla community
      • Esistenza di servizi di formazione e addestramento
        • Uso del prodotto (utenti)
        • Modifica del prodotto (sviluppatori)
      • Esistenza e qualità della documentazione
        • tecnica
        • utente
  • B. Licenza per il Sw OS
    • Famiglia GPL
      • ogni prodotto derivato dal Sw OS originario (o da una sua componente) dovrà essere rilasciato con la stessa licenza (garantisce massima apertura)
    • Famiglia BSD
      • ogni prodotto derivato dal Sw OS originario (o da una sua componente) potrà essere commercializzato con licenza proprietaria (incentiva maggiormente gli sviluppatori)
    • EUPL (European Union Public Licence) - Famiglia GPL
      • Usata dalla CE per rilasciare i propri Sw applicativi (Gen 08)
      • unico strumento legale comunitario)
      • tradotta in tutte le lingue dell’UE incluso l’italiano
      • in attesa di approvazione da parte dell’OSI
  • C. Valutazione dei prodotti Sw OS
    • Valutazione comparativa onerosa per la PA appaltante
      • Spesso affidata direttamente ai fornitori
      • Fatta a partire da pregresse valutazioni fatte da altre PA
      • Realizzata collaborativamente da più PA interessate
      • Realizzata Piena condivisione ed accesso alle valutazioni effettuate dalle PA
    • Metodologia univoca per la PA
      • Usando specifiche metriche per i progetti OS
      • Recependo il meglio dei modelli per la valutazione del Sw OS
    • Strumento di valutazione del Sw OS (OS x OS)
      • Sviluppato autoreferenzialmente per il tramite di una community OS
  • C. Valutazione dei prodotti Sw OS
    • Modelli disponibili per la valutazione del Sw OS
        • OpenBRR (Open Business Readiness Rating)
        • Open Source Maturity Model
        • Navica
    Condiviso tra più PA Singola PA
  • D. Conoscenza prodotti OS della PA
    • Soluzioni comuni a problemi comuni
    • Necessario classificare il Sw OS realizzato o da realizzare
      • in base ai sistemi funzionali , componenti di un sistema informativo
      • in base ai bacini di utenza , che raggruppano tipologie di servizio destinate a cittadini ed imprese
  • Marco Gentili - CNIPA Sistemi per il governo delle conoscenze Sistemi per il governo delle risorse finanziarie, materiali e umane Sistemi per il governo delle relazioni e interazioni Ingegneria progettazione e automazione (CAD, CAE) Asset management Contabilità e controllo di gestione Business intelligence Apprendimento Funzionalità semantiche Motori di ricerca Controllo di processi produttivi e di ambienti Georeferenziazione e sistemi informativi territoriali Trattamento immagini ed estrazione informazioni Riconoscimento vocale Gestione documentale e workflow Content management systems Gestione delle risorse umane Project management Supply chain management systems (procurement, logistica) Soluzioni di collaborazione E-mail systems Identificazione, autorizzazione ed accesso Customer relationship management Sviluppare Sw per Sistemi Funzionali
  • Linee strategiche per realizzare l’amministrazione digitale: - più servizi e più diffusa loro fruizione; maggiore efficienza del back office e riduzione del back - back office - maggiori risorse al cambiamento e minori alla gestione corrente Sviluppare Sw per Bacini d’utenza Tutela salute Soccorso civile Politiche economico-finanziarie e di bilancio Difesa Fascicolo sanitario - Attività di prevenzione -Assistenza domiciliare - Prescrizioni, ricette e certificati del medico di base - Prenotazione accertamenti -Teleconsulto e cura condivisa - Interazione tra ASL e Fornitori - Interazione tra ASL e Strutture sanitarie - Sorveglianza sanitaria ed epidemiologica Informazione - Prevenzione - Esercitazione - Intervento Adempimenti fiscali dei cittadini - Adempimenti fiscali delle imprese - Trasparenza dell'azione fiscale e lotta all'evasione - Sistemi digitali di pagamento e di incasso della PA DA SVILUPPARE Servizi previdenziali e assistenziali Beni culturali e turismo Competitività e sviluppo Infomultimodalità Verifica situazione contributiva - Attivazione trattamento pensionistico - Aggiornamento importi - Interventi di sostegno Autorizzazione manufatti e opere infrastrutturali - Catalogo beni artistici librari e documentali - Informazioni, prenotazioni e altri servizi al pubblico per musei e siti - Interventi di conservazione, fruizione e restauro Gestione autorizzazione avvio attività - Gestione adempimenti previdenziali, assicurativi, ambientali e di sicurezza (Fascicolo unico delle imprese - Sportello unico attività produttive - Portale delle imprese) Notizie e suggerimenti su viabilità e condizioni ambientali - Gestione mezzi pubblici per persone e relativi servizi di prenotazione e pagamento elettronico - Servizi per trasporto merci (monitoraggio, tracciabilità trasporti critici) - Autorizzazione accessi e parcheggi ZTL Istruzione Servizi anagrafici, autorizzazioni, certificazioni Ricerca & Innovazione Giustizia ordinaria e amministrativa Interazione scuola famiglia - Interazione scuola territorio - Sistemi didattici innovativi - Valorizzazione didattica dei docenti DA SVILUPPARE Gestione incentivi per ricerca sviluppo e innovazione - Informazione su opportunità - Definizione e gestione programmi settoriali Processo civile e amministrativo telematico - Processo penale telematico e casellario giudiziario - Processo e giustizia minorile - Esecuzione penale, fase della sorveglianza e detenzione - Servizi informativi Cassazione Sicurezza Edilizia e assetto urbanistico Ambiente e territorio - Energia Agricoltura – Agroalimentare - Pesca Accertamento identità - Rilascio passaporti - Controllo transito frontiere - Sorveglianza luoghi critici e infrastrutture critiche - Prevenzione e repressione reati - Interventi di emergenza Catasto fabbricati e terreni - Dividente demaniale Individuazione e gestione aree protette - Mappe di rischio - Autorizzazione e controllo insediamenti produttivi e infrastrutture - Tutela ambientale e relazione sullo stato dell'ambiente - Gestione ciclo rifiuti - Monitoraggio acqua aria suolo – Uso razionale dell’energia – Cogenerazione distribuita Erogazione contributi - Adempimenti comunitari - Sistema qualità e sicurezza nell'agro-alimentare - Pesca
  • Osservatorio Open Source CNIPA
    • Costituito nel 2003 ( Direttiva del Ministro per l'innovazione e le tecnologie )
    • Aderisce all’OSOR ( European Open Source Observatory and Repository )
    • Obiettivi
      • Diffondere conoscenza sul fenomeno OS nelle PA
      • Offrire supporto tecnico/amministrativo alle PA
    • Attività effettuate
      • Rilevazione Continua delle soluzioni OS adottate presso le PA per raccogliere e diffondere le best practice
      • Vetrina dei prodotti OS in uso nelle PA per la ricerca del Sw OS più adatto alle specifiche esigenze (178 prodotti)
      • Ambiente di Sviluppo Cooperativo strumento per le PA che vogliono collaborare attivamente alla realizzazione di prodotti OS (20 progetti ospitati)
      • Workshop (9 eventi per 2.800 partecipanti nel 2008)
  • Vetrina dei prodotti OS
  • Ambiente di Sviluppo Cooperativo