L'esperienza dell'introduzione
di EUPL in Istat
Carlo Vaccari
responsabile sviluppo software
27.10.2010
2
open source in Istat - 1
fin dagli anni '90: soluzioni open source adottate nelle
infrastrutture e nello sviluppo di app...
3
open source in Istat - 2
software statistico open:
“R”
migrazione da SAS: risparmio di centinaia di k€/anno
sviluppo di ...
4
il problema della licenza
Prima del 2007:
diffusione da anni sul sito istituzionale (OTS Osservatorio
Tecnologico del So...
5
parere 1
2008 quesito a Consip: appunto “tendenzialmente” negativo
un appunto dell'ufficio legale, non un parere in sens...
6
parere 2.1
Commissione Cultura Camera (Folena, Iodice): parere
positivo per tre motivi:
1) non contraddice la volontà de...
7
parere 2.2
“Pertanto, l'uso del termine "cessione", nel contesto della
norma, non può che stare a significare il trasfer...
8
la soluzione EUPL
EUPL, la prima licenza F/OSS europea, creata per iniziativa
della Commissione Europea.
Approvata dalla...
9
EUPL
Esistono più di 100 licenze “open”: scopo dell'EUPL non è
competere con queste, ma incoraggiare le PA europee ad
ab...
10
iniziative in europa
1. OSOR (Open Source Observatory and Repository), del
progetto IDABC finanziato dalla Commissione ...
11
conclusioni
anche questa volta l'Europa ci salva
Cosa serve per le PA:
- seguire le nuove proposte, es:
OSOR Guidelines...
... grazie per l'attenzione!
http://vaccaricarlo.wordpress.com
vaccari@istat.it
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Focus group 27.09.2010 Carlo Vaccari

454

Published on

"L'esperienza dell'introduzione di EUPL in Istat"

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
454
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Focus group 27.09.2010 Carlo Vaccari"

  1. 1. L'esperienza dell'introduzione di EUPL in Istat Carlo Vaccari responsabile sviluppo software 27.10.2010
  2. 2. 2 open source in Istat - 1 fin dagli anni '90: soluzioni open source adottate nelle infrastrutture e nello sviluppo di applicazioni Web dal 2000: azione di “lobbying” da parte di tecnici e disponibilità del nuovo management IT → 2004: gruppo di lavoro “ufficiale” sull'open source → 2006: Linux come architettura standard per i server → 2008: nuovi standard in Istat: almeno un pacchetto open per ogni categoria di software
  3. 3. 3 open source in Istat - 2 software statistico open: “R” migrazione da SAS: risparmio di centinaia di k€/anno sviluppo di componenti condivisi con la community RELAIS (REcord Linkage At IStat): primo pacchetto nato in logica open source: strumenti: architettura Java - “R” metodo: cooperazione tra statistici metodologi e informatici apertura: cooperazione con altri istituti di statistica INS
  4. 4. 4 il problema della licenza Prima del 2007: diffusione da anni sul sito istituzionale (OTS Osservatorio Tecnologico del Software http://www.istat.it/strumenti/metodi/software/ ) di componenti software senza specificazione del tipo di licenza / copyright 2007: sviluppo RELAIS e sua diffusione su osor.eu → per la diffusione su sito: quesito a Direzione Generale nella prima risposta si ipotizza un possibile “danno erariale” (warning: non sono un giurista! scusate linguaggio/gergo)
  5. 5. 5 parere 1 2008 quesito a Consip: appunto “tendenzialmente” negativo un appunto dell'ufficio legale, non un parere in senso stretto, ma “considerazioni sulla problematica dell'utilizzo dell'OS nella PA. Gli appunti riguardano codice sviluppato o modificato da una ipotetica PA, e il problema si pone se e solo se questo è poi reso disponibile ad altri.” “... partendo dai principi generali di contabilità pubblica, appare evidenziato che una PA non possa cedere gratuitamente beni a terzi soggetti privati” “... in considerazione della classificazione del bene “software”- si ripete, classificabile quale bene mobile immateriale - nonché , in considerazione dell’ambito applicativo della suddetta norma, si potrebbe addivenire alla conclusione di divieto di cessione gratuita dello stesso a soggetti terzi.”
  6. 6. 6 parere 2.1 Commissione Cultura Camera (Folena, Iodice): parere positivo per tre motivi: 1) non contraddice la volontà dell'Autorità politica che ha dato implicito riconoscimento alla definizione di Open Source da parte dell'OSI; 2) non si configura come "cessione" poiché di nulla la P.A. si priva; 3) corrisponde ai generali criteri di efficienza, di buon andamento e di economicità, poiché permette, almeno in potenza, anche notevoli risparmi di spesa sullo sviluppo del software.
  7. 7. 7 parere 2.2 “Pertanto, l'uso del termine "cessione", nel contesto della norma, non può che stare a significare il trasferimento del bene dalla P.A. verso terzi, a titolo gratuito, con la corrispondente perdita da parte di quest'ultima della possibilità di utilizzarlo ai propri fini. Nel caso di beni immateriali come il software, peraltro, si può intendere come cessione non solo quella fisica quanto quella dei diritti associati alla licenza.” Va quindi analizzato … il fatto che il software open source non viene di norma "ceduto" per sua stessa natura. Esso, difatti ... è accompagnato da una licenza che prevede … la condivisione del codice sorgente senza che il primo licenziatario, né l'autore, debbano privarsene. Pertanto, il concetto di "cessione" (ossia trasferimento verso terzi con conseguente privazione dei diritti da parte dell'autore o del licenziatario) risulta nei fatti inapplicabile al software open source.”
  8. 8. 8 la soluzione EUPL EUPL, la prima licenza F/OSS europea, creata per iniziativa della Commissione Europea. Approvata dalla Commissione il 9 gennaio 2007 in tre lingue, validata nel 2008 nelle 22 lingue ufficiali dell'Unione Europea Nel 2009 viene adottata una nuova versione (EUPL v.1.1) e nel marzo 2009 EUPL viene certificata dall'OSI (Open Source Initiative) EUPL è uno strumento legale unico, in quanto elaborato nel rispetto della legge europea e ha valore legale (grazie anche alla traduzione!) in tutti gli stati europei
  9. 9. 9 EUPL Esistono più di 100 licenze “open”: scopo dell'EUPL non è competere con queste, ma incoraggiare le PA europee ad abbracciare il modello FLOSS per valorizzare software e conoscenza, a partire dalle stesse istituzioni europee EUPL è quindi compatibile con alcune licenze copyleft, inclusa la GPLv2 Licenza usata per tutti i software open rilasciati dalle istituzioni europee
  10. 10. 10 iniziative in europa 1. OSOR (Open Source Observatory and Repository), del progetto IDABC finanziato dalla Commissione Europea repository (con forge) di soluzioni open supporto legale sul FLOSS (specie EUPL) communities dedicate ad aspetti particolari (es.) 2. Sharing Advisory Board (Eurostat, OECD, UNECE) per la condivisione del software tra istituzioni statistiche http://www1.unece.org/stat/platform/display/msis/Software+Sharing 3. ESSnet CORA (COmmon Reference Architecture) per la definizione di un'architettura che faciliti lo scambio del sw 4. ...
  11. 11. 11 conclusioni anche questa volta l'Europa ci salva Cosa serve per le PA: - seguire le nuove proposte, es: OSOR Guidelines - Public procurement and OSS) - per i tecnici (e i dirigenti) informatici “sporcarsi le mani” con le questioni giuridiche - un supporto giuridico “pieno” … da chi? - la community e lo scambio di esperienze
  12. 12. ... grazie per l'attenzione! http://vaccaricarlo.wordpress.com vaccari@istat.it

×