• Save
Focus Group Open Source 04.10.2011 Andrea Trentini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Focus Group Open Source 04.10.2011 Andrea Trentini

on

  • 790 views

 

Statistics

Views

Total Views
790
Views on SlideShare
693
Embed Views
97

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 97

http://focusgroupopensource.wordpress.com 97

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Focus Group Open Source 04.10.2011 Andrea Trentini Presentation Transcript

  • 1. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniSoftware Libero @ DICo @ UniMi Andrea Trentini 4 ottobre 2011 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 2. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniTable of contents 1 Contesto (i numeri) Offerta didattica Iscritti 2 Strumenti 3 Atteggiamenti 4 Conclusioni Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 3. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniStruttura DICo & DSI (Milano) & DTI (Crema) circa 300 persone fra docenti, ricercatori, dottorandi e personale non docente Facolt` Scienze a Ateneo UniMi ... unificazioni Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 4. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniOfferta didattica - Primo livello Comunicazione digitale (F47, F2X) Informatica F49 INFORMATICA (CLASSE L-31) (F1X, F67, F54) INFORMATICA MUSICALE (CLASSE L-31) (F3X) Informatica per le telecomunicazioni (F58) Scienze e tecnologie comunicazione musicale (F57, F61) SICUREZZA DEI SISTEMI E DELLE RETI INFORMATICHE (CLASSE L-31) (F68, F69, F59, F60, F55) Riassunte in INFORMATICA, COMUNICAZIONE DIGITALE, INFORMATICA MUSICALE, SICUREZZA DEI SISTEMI E DELLE RETI INFORMATICHE Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 5. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniOfferta didattica - Secondo livello (magistrali) Informatica (F74, F94) INFORMATICA PER LA COMUNICAZIONE (CLASSE LM-18) F1Y Genomica funzionale e bioinformatica F82 Scienze e tecnologie dell’informazione (Crema) F87 SICUREZZA INFORMATICA (CLASSE LM-66) (SEDE DI CREMA) F2Y Tecnologie dell’informazione e della comunicazione F75 BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E BIOINFORMATICA (CLASSE LM - F968) Riassunte in INFORMATICA, INFORMATICA PER LA COMUNICAZIONE, SICUREZZA INFORMATICA. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 6. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniOfferta didattica - Vecchi ordinamenti Informatica (Crema) F30 Informatica (Milano) F28 Scienze dell’informazione F08 (diploma) Informatica F26 (diploma) Informatica (Crema) F38 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 7. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniPrimo livello (1) Corso 10/11 09/10 % tot. Com. dig. F47 359 563 -36% 563 COM. DIG. (L-31) F2X 163 132 23% 130 Informatica F49 617 823 -25% 823 INFORMATICA (L-31) F1X 251 161 56% 158 INFORMATICA (L-31) F67 49 31 58% 31 Informatica (Crema) F54 92 141 -35% 141 I. MUSICALE (L-31) F3X 134 87 54% 86 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 8. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniPrimo livello (2) Corso 10/11 09/10 % tot. I. telecom. F58 80 118 -32% 118 Sc. tec. com. music. F57 15 31 -52% 31 F61 124 174 -29% 174 SICUR. SIST. E RETI INF. (L-31) F68 108 59 83% 59 F69 109 80 36% 79 Sicurezza sist. e reti inf. (CR) F59 172 244 -30% 244 F60 139 199 -30% 199 F55 28 44 -36% 44 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 9. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniMagistrali (1) Corso 10/11 09/10 % tot. Informatica F74 28 59 -53% 59 INFORMATICA (CLASSE LM-18) F94 76 38 100% 38 INFORMATICA PER LA COMUNICAZIONE (CLASSE LM-18) F1Y 74 59 25% 59 Genomica funzionale e bioinformatica F82 6 15 -60% 15 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 10. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniMagistrali (2) Corso 10/11 09/10 % tot. Scienze e tecnologie dell’informazione (Crema) F87 18 36 -50% 36 SICUREZZA INFORMATICA (CLASSE LM-66) (SEDE DI CREMA) F2Y 59 26 127% 26 Tecnologie dell’informazione e della comunicazione F75 40 85 -53% 85 BIOTECNOLOGIE MOLECOLARI E BIOINFORMATICA (CLASSE LM- F968) 56 33 70% 33 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 11. Contesto (i numeri) Strumenti Offerta didattica Atteggiamenti Iscritti ConclusioniVecchi ordinamenti Corso 10/11 09/10 % tot. Informatica (Crema) F30 8 11 -27% 11 Informatica (Milano) F28 23 31 -26% 31 Scienze dell’informazione F08 38 46 -17% 46 Informatica F26 13 18 -28% 18 Informatica (Crema) F38 1 1 0% 1 Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 12. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniNei corsi... Programmazione (Java, C [gcc], ...) Sistemi operativi (Linux, Minix) Database (PostgreSQL) Reti (Java sockets) Sembra bello... Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 13. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniIn dip.to Aule (pc e videolezioni) Laboratori (pc dual boot + minidistro esami) Server PC dei dipendenti (standardizzato) PC personale docente (NON standardizzato) Aneddoto aule Celoria... Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 14. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniFormati PDF Word (a latere) riviste per le pubblicazioni Sembra brutto... Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 15. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniL’inchiesta Chiesto parere ai colleghi (“mandate un tweet...”) Circa 150 destinatari della mail (due invii a distanza di tempo) Ben QUATTRO risposte (sic!) Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 16. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUna visione positiva (Monga) - (1) Come ti ho detto ieri, secondo me il ruolo del sw libero nell’universit`, in special modo per gli specialisti dell’informatica, a ha radicalmente cambiato il modo di fare didattica e ricerca informatica. Didattica: gli studenti hanno possibilit` mai incontrate prima di a ricreare a casa loro setup analoghi a quelli usati nei laboratori. Non ` proprio solo grazie al sw libero, naturalmente. e Ma mi sembra che esso abbia un ruolo fondamentale. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 17. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUna visione positiva (Monga) - (2) Ricerca: la disponibilit` di pezzi *reali* di software che a possono essere studiati, analizzati, migliorati (per cui, p.es., se faccio ricerca sull’ottimizzazione nei compilatori posso usare gcc e introdurne una nuova, tenendo il resto - che non ` il mio “core e business” - cos` com’`). Prima della diffusione massiva del sw ı e libero questa era una possibilit` riservata ai pochi che avevano a un ’attivit` professionale, spesso con problemi di disclosure; ora a ` alla portata della curiosit` di qualsiasi dottorando. e a Ci sono casi precedenti al sw libero in cui comunque i sorgenti erano disponibili per lo studio, vedi Lions’ Commentary on UNIX 6th Edition with Source Code, ma si tratta di eccezioni di nicchia. Un aneddoto sul DSI che forse ricordi, anche se non si tratta strettamente di sw libero....: il DSI fu per anni il mirror italiano di PGP (coetaneo di Linux, distribuito col codice, ma non con licenza libera) e ci` contribu` non poco a o ı maturare l’esperienza in ambito di sicurezza di sistema del dipartimento. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 18. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniAltra positiva (collega ricercatore) Sarei molto favorevole all’introduzione di SL il pi` possibile, soprattutto ove u disponibili valide alternative. Ad es. open/libreoffice nell’ambito degli uffici amministrativi, risparmiando su licenze MS. Dal punto di vista della didattica, l’utilizzo di software libero non ha solo una valenza economica (risparmio licenze), ma anche culturale (penso ai corsi di Sistemi Operativi). Purtroppo, e parlo per esperienza personale e professionale, vi sono ancora situazioni che vincolano l’utilizzo di sw/os proprietari: nel mio caso sto parlando di dispositivi di interazione/tracking i cui driver, librerie e spesso API sono legate e focalizzate solo su ambienti microsoft. Per quanto mi riguarda, nonostante questi vincoli, cerco il pi` possibile di u adottare “strategie libere”, che abbiano comunque una certa solidit` a progettuale (longevit` progetto, frequenza di sviluppo/aggiornamento, a presenza/frequentazione/supporto community). Ad es., nell’ambito grafica faccio spesso riferimento a Blender e ho utilizzato il game engine Panda3D, opensource e progettato/implementato da Disney e Carnagie Mellon Univ. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 19. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUn parere minimale (F. Pagano) Ti posso portare la mia testimonianza all’Universit` di Messina: a per anni ho insegnato Programmazione ed ho sempre adottato e spinto ad usare il software libero. Propongo Eclipse o Netbeans per Java, DevC++ per C++ e persino SharpDevelop per C#. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 20. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUn bel sunto (condivido pienamente) - (1) Ciao, io sono solo un dottorando, non so quanto la mia opinione possa essere rilevante, ma te la scrivo comunque visto il mio interesse per la questione: La mia opinione ` che il SL viene visto troppo spesso semplicemente come e surrogato economico di qualche prodotto proprietario. Qualcosa che si usa come ripiego per la mancanza di soldi... soldi che se ci fossero verrebbero felicemente spesi in licenze. A mio avviso quello che manca, non solo qui, ma anche in altri Dipartimenti ed Atenei ` la comprensione del fatto che la libert` del software sia un valore e a molto pi` importante della gratuit`. u a Libert` oltre tutto che si coniugherebbe perfettamente con un ambiente a accademico ideale, in cui la synusia platonica dovrebbe essere alla base di ogni azione. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 21. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUn bel sunto (condivido pienamente) - (2) Trovo anche abbastanza scandalosa la facilit` con cui durante i a corsi di laurea si decida di insegnare ogni anno a centinaia/migliaia di studenti ad usare questo o quel software proprietario, spesso anche quando esisterebbero alternative libere... ` esattamente come se si facesse pubblicit` ad un e a prodotto di una azienda a lezione ed oltre tutto si costringessero gli studenti a comprarlo; anzi, ` anche peggio, perch´ insegnando e e ad usare un software poi si rendono gli studenti ”dipendenti” da quel prodotto e dall’azienda che lo produce. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 22. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniUn bel sunto (condivido pienamente) - (3) Di sicuro a livello di Ateneo secondo me aiuterebbe molto organizzare dei corsi per il personale docente per sensibilizzare a riguardo dell’argomento Software Libero, cercando di non fare una cosa solo tra chi ` gi` sensibile all’argomento (bisognerebbe e a pensare un po’ alle modalit`...). a Anche un sistema a livello di Ateneo per negare/concedere l’autorizzazione per i diversi corsi di laurea ad adottare o meno un software proprietario, magari con una commissione preposta a valutarne l’indispensabilit`, potrebbe essere a utile... anche se per` l’aumento della burocrazia potrebbe o rendere questa soluzione inconveniente. Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi
  • 23. Contesto (i numeri) Strumenti Atteggiamenti ConclusioniConclusioni C’` ancora molto lavoro da fare, culturalmente parlando e Aspetti economici vs. aspetti politico-ideologici-didattici C’` sensibilit` nei giovani, ma molta ignoranza nei meno e a giovani Anche gli studenti... li stiamo perdendo! es. LUG... Pigrizia e disinteresse Manca offerta “verticale” (libert`, licenze, privacy, etc.) a didattica (primo tentativo quest’anno) Acquistiamo ancora licenze sw (non Microsoft perch´ gratuite e per univ. PURTROPPO!) Andrea Trentini Software Libero @ DICo @ UniMi