Focus Group Open Source 17.6.2010 Leonardo Miconi

1,787 views
1,709 views

Published on

"Bandi di gara: le novità recate nel codice dei contratti pubblici e le principali criticità. Uno sguardo all'emanando regolamento.", Leonardo Miconi, dirigente dell' Ufficio V - Finanza di Progetto dell'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici.

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,787
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Focus Group Open Source 17.6.2010 Leonardo Miconi

  1. 1. Bandi di gara: le novità recate nel codice dei contratti pubblici e le principali criticità. Uno sguardo all'emanando regolamento.<br />Roma, 17 giugno 2010<br />1<br />Leonardo Miconi<br />
  2. 2. Il piano degli argomenti<br />La progettazione del bando di gara: i rapporti con il procedimento e la simulazione della gara<br />Nozione e funzione del bando di gara<br />Riferimenti normativi sui contenuti del bando e altre fonti<br />Contenuti minimi previsti dal codice e gli arricchimenti consentiti o necessitati <br />La interpretazione delle clausole<br />Il ruolo del bando nei contratti atipici, nelle procedure speciali e nella finanza di progetto<br />I vizi tipici dell’aggiudicazione che scaturiscono dal bando <br />Il contenzioso sul bando di gara: il “precontenzioso” e la “comunicazione preventiva”<br />La documentazione tipica della gara e ALL. IX A<br />Alcune previsioni sui bandi recate nell’emanando regolamento<br />I bandi su misura<br />Uno sguardo ai dati statistici dell’Osservatorio<br />2<br />Leonardo Miconi<br />
  3. 3. La progettazione del bando di gara<br />Il bando dovrebbe sottoporsi sempre a una “analisi di sensitività” ex-ante per valutare la robustezza del processo decisionale ..<br />Leonardo Miconi<br />3<br />
  4. 4. Esempio di misura della sensibilità dell’ordinamento delle alternative, ai valori assegnati ai pesi<br />4<br /><ul><li>AT (absolutetop: valore assoluto nel quale non cambia l’ordinamento)
  5. 5. PT (percentage top) = AT / valore assoluto (qui del peso wj): percentuale che il peso deve subire, perché cambi la prima alternativa
  6. 6. Sensibilità = 1 / PT
  7. 7. I Criteri 3 e 4 si definiscono robusti
  8. 8. Il Criterio 1 dovrebbe aumentare dell’842 % per modificare l’ordinamento; è dunque poco sensibile alla stregua di un criterio robusto.
  9. 9. Il Criterio 2 dovrebbe aumentare del 68 %: è critico ma la sua percentuale, rimane piuttosto elevata
  10. 10. Conclusioni: l’ordinamento può essere considerato stabile</li></ul>Leonardo Miconi<br />
  11. 11. Nozione di “bando” principali indicazioni, giurisprudenza<br /><ul><li>Atto che rende noto agli operatori economici l’oggetto e le condizioni del contratto che la s.a. intende stipulare
  12. 12. E’ la lexspecialis: vale per i concorrenti e vale per la stazione appaltante (C.S., Sez. V, decisione 20.03.2005, n.1453)
  13. 13. Assolve a una funzione autolimitante
  14. 14. E’ indifferente alle variazioni successive delle leggi che intervengono dopo la sua pubblicazione (cfr. anche art.253, comma 1, del Codice)
  15. 15. L’entrata in vigore di una nuova norma può modificare il contratto ma non il bando
  16. 16. Vi può essere la modifica o l’annullamento volontario del bando per adeguamenti (cfr. finanza di progetto) </li></ul>Leonardo Miconi<br />5<br />
  17. 17. Le principali decisioni che il codice affida al bando di gara<br />I requisiti di partecipazione dei concorrenti <br />Il criterio di aggiudicazione <br />Le leggi di valutazione del prezzo e degli altri elementi<br />Ponderazione degli elementi di valutazione (con qualche eccezione)<br />Metodo di ordinamento delle offerte<br />L’esclusione automatica sottoglia comunitaria<br />Le modalità di verifica della congruità delle offerte anormalmente basse<br />I miglioramenti ai documenti a base di gara<br />La tipologia del contratto<br />Il regime del subappalto<br />Le categorie di qualificazione dell’esecutore<br />principali e secondarie (servizi e forniture)<br />prevalente o scorporate (lavori)<br />I tempi di pubblicità del bando<br />Modalità di corresponsione dei pagamenti<br />Modalità di presa visione della documentazione o dei luoghi<br />Leonardo Miconi<br />6<br />
  18. 18. Riferimenti normativi per la compilazione del bando di gara<br /><ul><li>Art.63 e ss. del DLgs n.163 del 2006
  19. 19. Allegati IX A, B, C e D del codice
  20. 20. Allegato X
  21. 21. Bandi tipo pubblicati dall’Autorità ex art.7, comma 4, lett. h), D.Lgs. 163/2006
  22. 22. Determinazione n.25 del 2001 (categorie e subappalto nei contratti di lavori)
  23. 23. Determinazione n. 3 del 20.05.2009 (art.153, Codice: linee guida per i bandi e i documenti di gara)</li></ul>Leonardo Miconi<br />7<br />
  24. 24. I contenuti minimi e le integrazioni <br /><ul><li>Ha un contenuto minimo indicato dal codice
  25. 25. cfr. All. IX A, B e C
  26. 26. schemi di bando pubblicati da AVCP (cfr. det. n.3 del 2009)
  27. 27. Il bando può contenere elementi ulteriori rispetto alle leggi, purché rispettosi dei principi di adeguatezza e di logicità con riguardo a:
  28. 28. profilo dei requisiti aggiuntivi (casistica ampia)
  29. 29. servizi e forniture (maggiore flessibilità artt. 41 e 42 del codice)
  30. 30. Il bando deve ritenersi integrato dalle leggi aventi valore imperativo
  31. 31. si applicano anche se non richiamate</li></ul>Leonardo Miconi<br />8<br />
  32. 32. La interpretazione delle “clausole”<br />Leonardo Miconi<br />9<br />Per chiarire una clausola del bando, deve farsi riferimento alla serie complessiva delle disposizioni evitando le interpretazioni e deve prevalere la partecipazione alla gara invece che la esclusione<br />Per chiarire una clausola deve farsi una valutazione letterale del bando<br />Non tutte le disposizioni sono inderogabili e cogenti, ma solo quelle essenziali e non suscettibili di adempimenti sostitutivi (cfr art.46, codice: le s.a. invitano i concorrenti a completare o fornire chiarimenti sui certificati, documenti e dichiarazioni) <br />Le ragioni formali di esclusione dalla gara rilevano solo quando rispondono ad un particolare interesse della amministrazione e garantiscano la parità di condizioni fra i concorrenti <br />
  33. 33. Il contenzioso sul bando <br /><ul><li>Sono immediatamente impugnabili, qualora le clausole limitino la partecipazione dei concorrenti (restrittive)
  34. 34. Il bando può essere sottoposto alla composizione stragiudiziale delle liti ai sensi dell’art.6, co. 7, lett. n), del D.Lgs. 12 aprile 2006, n.163
  35. 35. Il bando può essere modificato in autotutela, a seguito della “comunicazione preventiva” rivolta dal concorrente al RP (cfr. art.245-bis)</li></ul>Leonardo Miconi<br />10<br />
  36. 36. Il ruolo del bando nelle procedure speciali e nei contratti atipici<br />Per l’aggiudicazione di edilizia residenziale pubblica, con contributo superiore al 50 % (cfr. art.61, codice)<br />Le s.a. applicano gli artt. 2, 63, 64, 65, 66, 70, 71, 77, 78, 79 oltre agli artt. da 34 a 52<br />Per i contratti di locazione finanziaria (cfr. art.160 bis) il bando determina i requisiti soggettivi, funzionali, economici e tecnico organizzativi di partecipazione:<br />Localizzazione dell’opera<br />Requisiti dei concorrenti<br />Progettazione<br />Livello di ingerenza della PA ammesso<br />Direzione dei lavori e collaudo <br />Per i contratti della finanza di progetto l’art.153, comma 6, prevede:<br />Il bando indica i criteri, secondo l’ordine di importanza loro attribuita, in base ai quali si procede alla valutazione comparativa tra le diverse proposte.<br />Leonardo Miconi<br />11<br />
  37. 37. Vizi del procedimento di aggiudicazione secondo VILA<br />Requisiti troppo limitativi<br />Categorie di qualificazione errate<br />Condizioni o adempimenti specifici dei concorrenti<br />Lavori svolti dai concorrenti uguali a quelli a base di gara<br />Mancanza presupposti di scelta della procedura negoziata <br />Frazionamento dell’appalto sottosoglia<br />Art.122, co. 7-bis, del codice<br />Art.57, comma 6, del codice<br />Frazionamento dell’appalto nei servizi di ingegneria e architettura<br />Per rimanere sotto soglia comunitaria<br />Per rimanere sotto la soglia di 100.000 euro<br />Prezzi non remunerativi (diverso da mancato aggiornamento)<br />Elementi di valutazione della OEV, non ancorati all’offerta tecnica:<br />Si assegna un punteggio al curriculum dei lavori dei concorrenti o ai fatturati specifici<br />Visite di presa visione dei luoghi o delle opere non adeguate<br />12<br />Leonardo Miconi<br />
  38. 38. Vizi del procedimento di aggiudicazione segnalati al “precontenzioso” <br />Requisiti troppo limitativi:<br />Categorie di qualificazione errate<br />Mancato scorporo di alcune categorie<br />Tempo per la formulazione dell’offerta troppo contenuto (con progettazione) <br />Modalità di formulazione delle offerte:<br />Scambio di buste e imprecisioni varie<br />Esclusioni per modellistica allegata al disciplinare di gara non conforme alle norme <br />Elementi di valutazione della OEV, non ancorati all’offerta tecnica:<br />Si assegna un punteggio ai requisiti professionali dei concorrenti<br />Erronea assegnazione dei punteggi, in difformità all’all. E del DPR 554/99<br />Esclusioni varie:<br />Mancanza di requisiti tecnici indicati nel bando (certificato qualità aziendale)<br />Polizza fideiussoria diversa dagli schemi allegati<br />Mancata dichiarazione di avvenuto sopralluogo <br />13<br />Leonardo Miconi<br />
  39. 39. Leonardo Miconi<br />14<br />La documentazione tipica della gara<br />Bando<br />Avviso<br />di pre e post informazione: è un documento conciso per la riduzione dei termini e si pubblica una volta l’anno<br />Disciplinare di gara<br />si associa al bando di gara e contiene le regole minute per la elaborazione dell’offerta<br />Capitolati d’oneri<br />Capitolati tecnici<br />Domanda di partecipazione<br />si utilizza nelle procedure a due fasi (ristrette, dialogo competitivo, negoziata previo bando) <br />Lettera di invito<br />si associa alla domanda di partecipazione o sostituisce il bando nelle procedure “senza pubblicità”<br />Dichiarazioni a corredo dell’offerta<br />sono contenute nel disciplinare, generalmente a pena di esclusione<br />Documenti tecnici a base di gara (SDF, progetti di vario livello)<br />
  40. 40. Leonardo Miconi<br />15<br />Identificazione della amministrazione aggiudicatrice<br />Procedura di selezione dei concorrenti<br />se è una procedura accelerata<br />se un accordo quadro<br />se è un sistema dinamico di acquisizione<br />asta elettronica<br />Forma dell’appalto<br />luogo di esecuzione dei lavori<br />luogo di consegna dei prodotti<br />luogo di prestazione dei servizi<br />Appalti di lavori<br />descrizione ed importi<br />eventuali lotti<br />se è richiesta la progettazione<br />per accordi quadro: importo, durata<br />ALL. IX A del Codice<br />
  41. 41. ALL. IX A del Codice<br />Leonardo Miconi<br />16<br />Varianti <br />se sono ammesse, descrizione dei limiti ed esclusioni<br />Procedure aperte:<br />recapiti s.a. per consultazione o acquisizione capitolati o documenti<br />termini per domande, somme da versare per documenti<br />Termini<br />termine ultimo per ricezione delle offerte (p. aperte)<br />termine ultimo per ricezione offerte indicative (sistema dinamico) <br />termine per ricezione domande di partecipazione (p. ristrette e negoziate)<br />indirizzi cui rivolgere domande e fare offerte<br />Lingua<br />Procedure aperte<br />persone ammesse<br />data e luogo <br />Cauzioni e garanzie<br />
  42. 42. Leonardo Miconi<br />17<br />Appalti di forniture<br />descrizione prodotti e importi<br />quantità<br />per accordi quadro: importo, durata<br />Appalti di servizi<br />categoria del servizio<br />quantità<br />per accordi quadro: importo, durata<br />obbligo di indicare le qualifiche professionali incaricate del servizio<br />Descrizione dei lotti (lavori, servizi, forniture)<br />se ci sono più lotti, indicare la possibilità di fare offerte per uno, per più lotti e/o per l’insieme di lotti<br />Termini - durate<br />per la realizzazione dei lavori<br />completamento forniture/consegna<br />prestazione di servizi<br />per l’avvio dei lavori<br />ALL. IX A del Codice<br />
  43. 43. Leonardo Miconi<br />18<br />Modalità di finanziamento e di pagamento<br />Modalità per formare i raggruppamenti di operatori economici<br />Criteri di partecipazione<br />cause di esclusione<br />requisiti generali<br />requisiti di capacità<br />Per accordi quadro<br />numero massimo di operatori economici<br />durata dell’accordo<br />Per dialogo competitivo e p. negoziate con previo bando<br />fasi per ridurre i concorrenti<br />Per procedure ristrette, dialogo e p. negoziate previo bando<br />numero minimo-massimo candidati<br />criteri da applicare per scegliere i candidati da invitare<br />ALL. IX A del Codice<br />
  44. 44. Leonardo Miconi<br />19<br />Per procedure aperte<br />tempo vincolante delle offerte<br />Criterio di scelta delle offerte<br />prezzo più basso<br />offerta economicamente più vantaggiosa<br />pesi ponderali (se non nei capitolati d’oneri o nel documento descrittivo)<br />Ricorsi<br />nome e indirizzo per i ricorsi e/o mediazione<br />termini per i ricorsi<br />indirizzi per informazioni su ricorsi<br />Date<br />di pubblicazione degli avvisi<br />di spedizione del bando<br />ALL. IX A del Codice<br />
  45. 45. Il ruolo del bando nei servizi e forniture, secondo l’art.279 del reg.<br />La progettazione dei servizi e forniture è articolata di norma in un unico livello:<br />Relazione tecnica<br />Calcolo della spesa <br />Capitolato descrittivo e prestazionale<br />È svolta da dipendenti in servizio<br />La progettazione di servizi e forniture, può avvenire nell’ambito di gare per l’affidamento di servizi o di concorsi di progettazione ..<br />Il bando di gara o di concorso, può integrare o ridurre i contenuti del progetto ..<br />Il bando di concorso di progettazione può prevedere due o più livelli della stessa (preliminare e definitivo o esecutivo)<br />
  46. 46. Il bando di gara nelle procedure gestite interamente con sistemi telematici (art.296 del reg.)<br />Il bando, oltre agli elementi indicati nel codice, deve contenere:<br />- la descrizione delle condizioni e delle modalità di presentazione delle offerte ivi compresa l’indicazione dei dispositivi elettronici idonei al collegamento in rete da utilizzare per lo svolgimento e la partecipazione alla procedura di gara; cfr. Art. 77, comma 6, lettera d), del codice)<br />- modalità di valutazione e classificazione delle offerte; <br />- indicazione dei mezzi di comunicazione alternativi al sistema telematico o alla posta certificata in caso di avaria o indisponibilità prolungata del sistema telematico<br />- parametri eformule utilizzati per la graduatoria delle offerte<br />
  47. 47. ALL. M del regolamento: legge per la valutazione di Ci basata su Asoglia e Amax<br />Ci = X • (Ai/Asoglia), se Ai ≤ Asoglia<br />X a scelta tra 0.80, 0.85, 0.90<br />A soglia = ribasso medio delle offerte<br />Ci = X+(1-X)•[(Ai-As)/(Amax-As)]<br />Se Ai cresce, Ci cresce velocemente fino al valore Asoglia = A media<br />As dipende da tutte le offerte e non è noto a priori<br />Non vi è incentivo a fare un ribasso molto elevato<br />Scoraggia la concorrenza aggressiva: tendenza a rincorrere il valore A soglia<br />Leonardo Miconi<br />22<br />Ci=1<br />Ci=X<br />0<br />A soglia<br />A min<br />A max<br />
  48. 48. Bandi su misura: si punta alla valutazione di esperienze possedute dal concorrente pre-designato<br />Si osserva il contrasto dell’elemento afferente la capacità del concorrente con la Circ. della PCM del 1 marzo 2007:<br /> “l'offerta deve .. essere valutata in base a criteri che hanno una diretta connessione con l'oggetto dell'appalto e che servono a misurare il valore, ciò che esclude che si possa fare riferimento alle qualità soggettive dell'offerente”.<br />
  49. 49. La distribuzione dei contratti di lavori prima del codice (anno 2005)<br />Leonardo Miconi<br />24<br />
  50. 50. La distribuzione dei contratti di lavori dopo il codice (anno 2008)<br />Leonardo Miconi<br />25<br />
  51. 51. La distribuzione dei contratti di servizi dopo il codice (anno 2008)<br />Leonardo Miconi<br />26<br />
  52. 52. La distribuzione dei contratti di fornitura dopo il codice (anno 2008)<br />Leonardo Miconi<br />27<br />
  53. 53. Le procedure adottate dopo il codice (anno 2008) per i “servizi” > € 150.000<br />28<br />Leonardo Miconi<br />
  54. 54. Le procedure adottate dopo il codice (anno 2008) per “forniture” > 150.000<br />29<br />Leonardo Miconi<br />

×