• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Corporate blog, vale la pena?
 

Corporate blog, vale la pena?

on

  • 2,682 views

Appunti di viaggio di un neo-blogger, fatti ed esperienze di questi primi tre mesi di attivitŕ.

Appunti di viaggio di un neo-blogger, fatti ed esperienze di questi primi tre mesi di attivitŕ.

Statistics

Views

Total Views
2,682
Views on SlideShare
2,682
Embed Views
0

Actions

Likes
2
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Corporate blog, vale la pena? Corporate blog, vale la pena? Presentation Transcript

  • Corporate blog, vale la pena? appunti di viaggio di un neo-blogger
  • Blogosfera: dimensione 1
  • Blog e Mainstream Media 2
  • La gente parla 3
  • Push vs. Pull 4
  • One-click Web Publishing 5
  •  
  • Blogosphere dimension 1
  • Blogosfera: dimensione 100 volte piĂą grande di 3 anni fa. Raddoppia ogni 6/7 mesi. Ogni secondo in media viene creato 1 blog. Il 55% dei blog è attivo. 4 milioni di blogger scrivono settimanalmente.
  • Mainstream Media vs Blogs 2
  • Blog e Mainstream Media Nelle prime 100 posizioni 12 sono blog. Nelle prime 50 sono solo 3 i blog. Dopo la 5000esima posizione quasi solo blog.
  • People talk 3
  • La gente ne parla male Le “reti sociali” consentono ai singoli di organizzarsi in gruppi di interesse, e il numero dei gruppi che si possono formare cresce esponenzialmente al crescere dei partecipanti. (Legge di Reed). Nel giro di pochissimi giorni un video su come fosse possibile aprire un lucchetto con una BIC è stato ripreso dai media, fino a causare danni ingenti all’azienda produttrice.
  • People talk 3
  • La gente ne parla bene Le “reti sociali” in altri casi hanno effetti di segno opposto, gli utenti autonomamente si organizzano e diventano essi stessi promotori di marchi, promuovono prodotti o addirittura aiutano a definirne di nuovi.
  • Push vs. Pull 4 RSS – Really Simple Syndication
  • Push vs Pull Il formato RSS consente la condivisione di dati sul web, eliminando la necessitĂ  di navigarlo. L’utente viene raggiunto automaticamente dai nuovi contenuti, semplicemente iscrivendosi al “feed” di interesse.
  • Push vs. Pull 4
  • Push vs Pull: Excite Mix Per iniziare a fruire dell’informazione tramite feed non serve installare alcun software. On line si trovano strumenti come Excite Mix, realizzato da un italiano (Andrea Martines), che consentono facilmente di iscriversi a servizi di feed di media, siti istituzionali o semplici blog, grazie a “widget” di facile gestione. http://mix.excite.it
  • One-click Web Publishing 5
  • Pubblicare è facile Pubblicare contenuti sul web è alla portata di tutti, in pochi minuti è possibile attivare un blog senza sostenere alcuna spesa. Se si vuole avere un proprio dominio, in hosting presso qualche provider, esistono soluzioni libere estremamente diffuse e semplici da utilizzare. http://wordpress.org
  • One-click Web Publishing 5
  • Pubblicare è facile: l’esperienza di IPGRI L’International Plant Genetic Resource Institute, basato a roma, voleva riorganizzare i propri processi di comunicazione, con l’obiettivo di rendere coerenti gli output e di coinvolgere tutti gli stakeholder. Robin Good ha aiutato l’ente a sviluppare il progetto tramite un blog, la versione digitale dell’incontro alla macchina del caffè, disintermediando ha permesso che emergessero nuove idee, ha valorizzato l’intelligenza collettiva della struttura.
  • One-click Web Publishing 5
  • Pubblicare è facile: la mia esperienza Prima di avviare il mio blog ho guardato quello che facevano altri professionisti nel mio settore, ho identificato il mio target e ho scelto stile (e lingua) con cui comunicare verso il “mio pubblico”. Poi ho cercato di capire cosa fossero “ping”, “trackback” o “technorati”, ho letto feed che parlavano di corporate blogging, ho letto libri sull’argomento. Ho fatto errori, e ho scoperto qualche cosa, quelle che vi ho raccontato. E voi?
  • mail:Roberto.galoppini@gmail.com blog: http://robertogaloppini.net FIDA – http://www.fidaninform.org