Pres Cof
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Pres Cof

  • 412 views
Uploaded on

UNICT - WEB 2.0 E SPAZI VIRTUALI

UNICT - WEB 2.0 E SPAZI VIRTUALI

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
412
On Slideshare
412
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. UNICT - WEB 2.0 E SPAZI VIRTUALI 
 
 
 step per l’orientamento su web e Facebook Piattaforme Ning Social 
 piattaforme virtuali web 2.0 network 
 Gruppi Attivazione 
 Universitari Piattaforme e 12 social Creazione dei strumenti Web network (uno 12 gruppi 2.0: per ogni 
 ed uno master YouTube,Issou, facoltà). per l’Ateneo. Mogulus,Google cal ed altri. Il cuore del progetto consiste nella creazione di una community 
 IL PANORAMA WEB integrata “università-mondo del lavoro-territorio” e operante attraverso la messa in opera di social network sul web. 2.0 
 
 
 Un’idea di questo genere implica la libera espressione della La scelta di creatività: si tratta cioè di una “piazza virtuale” ad altissimo impatto attingere nel vasto panorama di potenziale e di supporto ad iniziative e idee spendibili nel reale, di tipo network ed collaborativo e personalizzabile. applicazioni sul web 2.0 consente L’ingresso dei contenuti del Web nella quotidianità e la familiarità l’utilizzo di acquisita nell’applicarli, stravolgono l’iniziale diffidenza nei confronti del nuovi strumenti mezzo Internet; non più come un’entità surreale o una sterile simulazione per la didattica e del mondo, bensì come elemento che partecipa pienamente al Reale, l’apprendimento, come un’appendice corporea, rendendo gli spazi online estensioni dello in quanto le capacità spazio fisico, cioè quot;piazze virtualiquot;: al loro interno produttori e acquisite dalle consumatori di informazioni -divenuti tra loro indistinguibili- si community si costruiscono incontrano spendendo le proprie competenze, verosimilmente alla realtà, attraverso ma con vantaggi ulteriori. l’apprendimento. I social network diventano così “media caldi”, luoghi di sociale. socializzazione che possiedono un loro genius loci, ossia un’ energia 
 interna capace di intercettare gli individui: visitando le pagine dei social network, gli utenti stabiliscono un’affinità forte e la frequentazione reiterata consente un’assimilazione quasi immediata delle capacità operazionali necessarie ad una interattività completa. Il nocciolo duro del web 2.0 è, e resta l’interconnessione orizzontale e degerarchizzata tra gli utenti; costoro non partecipano più passivamente agli infiniti contenuti della Rete, ma trascinano interattivamente con se porzioni del loro mondo e della loro identità culturale, di cui la Rete è in parte fonte produttrice, talora spazio incubatore, altre volte contenitore ricettivo per l’archiviazione delle informazioni e la contaminazione successiva di altri utenti. Tutto ciò significa anche incrociare le competenze degli individui e renderle più spendibii tramite le quot;sinapsi socialiquot; generate nel Web: così domanda e offerta nel mercato del lavoro si incontrano nello spazio aggregante della Rete. Luoghi virtuali di incontro ed aggregazione