Your SlideShare is downloading. ×
Internet ed i liberi professionisti   pt1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Internet ed i liberi professionisti pt1

2,310
views

Published on

Seminario "Internet e la libera professione", organizzato da AGEOCL a Caltanissetta il 08/04/2011 - Come pubblicizzare l'attività dei liberi professionisti online. Posizionamento sui motori di …

Seminario "Internet e la libera professione", organizzato da AGEOCL a Caltanissetta il 08/04/2011 - Come pubblicizzare l'attività dei liberi professionisti online. Posizionamento sui motori di ricerca, personal branding, google adwords, campagne ppc

Published in: Career, Technology, Design

0 Comments
7 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,310
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
7
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. WEB - Internet per nuove occasioni di lavoro Caltanissetta 8 Aprile 2011 – ITI Mottura Dott. Geol. Antonino Argentati – 3389687800 - 0934597211
  • 2. Presentazione
    • Il mio nome è Nino Argentati e dal 1995 sono un geologo e un consulente aziendale per Internet .
    • Sono convinto che:
    • Un libero professionista sia un piccolo imprenditore di se stesso e che, come tale, possa beneficiare di una presenza online al pari di una qualsiasi azienda;
    • In questo momento c’è un vuoto che può essere colmato da chi si muove per primo (con incredibili vantaggi in termini di visibilità e ritorno economico);
    • Sia importante creare un brand personale (può aiutare moltissimo);
    • Essere presenti online significa avere un buon sito web (punto di partenza) e svolgere attività promozionale mediante i numerosi strumenti a disposizione (social network, campagne di mail marketing, campagne di posizionamento sui motori di ricerca, etc…)
    • Un buon sito web debba essere facile da usare e ben visibile sui motori di ricerca. Nel realizzare siti web cerco di pormi sempre dal punto di vista degli utenti finali e di realizzare pertanto siti web che siano pensati innanzitutto per loro, i fruitori del sito, a tutto vantaggio per l'azienda cliente.
  • 3. Sono un libero professionista – a me il sito web non serve… …NE SEI SICURO?
    • Esigenze di un libero professionista
    • Attestarsi nel territorio come punto di riferimento nel proprio settore
    • Trovare nuove commesse e allargare il numero di clienti
    • Trovare nuovi partner
    • Fornire nuovi servizi ai clienti e ai partner già acquisiti (download certificati riservati, documenti, etc…)
    • Internet può aiutare moltissimo a raggiungere ognuno di questi obiettivi e ad aprire nuove porte verso strade sconosciute ed inaspettate
  • 4. Esempio personale di nuove opportunità
    • GEOLOGIA
    • WEB
    • Guida per le tematiche geologiche di SuperEva – portale nazionale con immensa visibilità – 3 anni – ERRORE PORTA CHIUSA
    • Incarichi da utenti finali
    • Collaborazioni con altri liberi professionisti di altre regioni (Es: FF.SS.)
    • Contatti con giornalisti per varie tematiche
    • Numerose richieste di preventivo
    • Percezione di un grande studio
    • Numerosi Curricula ricevuti
    • Strada poco battuta per motivi personali – sito vecchio di almeno 10 anni
    Daniele Tombolini – ex arbitro serie A, commentatore sportivo RAI – Enologo - Cliente CLIC grazie alla visibilità offerta da Internet LA VISIBILITA’ OFFERTA DA INTERNET PUO’ APRIRE STRADE NUOVE E AIUTARE A RAGGIUNGERE OBIETTIVI DIFFICILMENTE RAGGIUNGIBILI
  • 5. Sempre visibile per centinaia/migliaia di parole chiave diverse
  • 6. Ma i professionisti dove sono?
    • Geologo palermo
    • Geologo messina
    • Geologo Caltanissetta
    • Ricerche idriche messina
    • Ingegnere Enna
    • Architetto Enna
    • Geometra Caltanissetta
    • Accatastamenti Catania
    Attualmente c’è una grande lacuna (sui motori di ricerca)che se opportunamente sfruttata può rappresentare una fonte enorme di business (per i primi che lo faranno).
  • 7. La cultura del prodotto servizio
    • Quando decidete di acquistare una macchina nuova scegliete fra le diverse proposte del mercato in funzione dei vostri desideri, esigenze, costi, etc..
    • Non necessariamente dovete essere degli esperti meccanici
    • In ogni caso sceglierete se diesel/benzina, elegante o sportiva, monovolume/berlina/SUV, colore, cilindrata, etc..
    • I siti web sulla base di cosa li scegliete? Come devono esser fatti? A quali esigenze devono rispondere?
    • I siti web sono un prodotto o un servizio ?
  • 8. 10 regole per siti web di qualità
    • E' inutile realizzare un sito web se questo non è presente ai primi posti nei motori di ricerca;
    • E' inutile posizionare un sito web di scarsa qualità (poco usabile, con contenuti poco interessanti) ai primi posti nei motori di ricerca.
    • Le pagine devono essere leggibili a colpo d'occhio. La stragrande maggioranza degli utenti passa in media pochi secondi (20-25) su ogni pagina web che visita.
    • I siti web devono essere accessibili con qualunque dotazione hardware e software.
    • Il caricamento delle pagine deve essere immediato.
    • Utenti differenti si comportano in maniera diversa. Il tuo sito web deve essere adatto al tuo target di riferimento.
    • Non piace a nessuno vedere sempre gli stessi contenuti. Se il tuo sito web non è aggiornato spesso perderai tutti gli utenti che trovi.
    • I motori di ricerca si comportano come gli utenti. Vogliono informazioni pertinenti e aggiornate spesso.
    • Sono i contenuti testuali che fanno grande un sito. Fotografie, immagini, file multimediali e musicali possono contribuire ad arricchire graficamente il sito web, ma sono i contenuti che lo portano ai primi posti nei motori di ricerca. … e infine...
    • Fare un sito web è facilissimo... ...farlo bene può essere molto complicato.
  • 9.
    • Usare se stessi per creare un marchio, una garanzia di fiducia e di valore
  • 10. Personal Branding – Perché
    • Aumentare la credibilità come esperto in un certo campo, aumentare la propria visibilità , utilizzando in maniera intelligente i nuovi media e ampliare in modo determinante la propria rete di potenziali partner e clienti
    • BRAND (marca, marchio): è il processo mediante il quale si crea e si diffonde la notorietà del marchio, ovvero l'insieme delle strategie volte a creare un'identità e un'immagine aziendale distintiva rispetto alla concorrenza (es: Coca Cola, Marlboro, Apple, etc..)
  • 11. Personal Branding - Come
    • Non basta essere bravi
    • Più sei bravo e più ti concentri sul tuo lavoro meno probabilità avrai di fare carriera
    • Mentre tu sei concentrato sul tuo lavoro qualcun altro ha speso una percentuale del suo tempo a fare marketing di se stesso, evidenziando i suoi punti di forza e creando relazioni produttive con i colleghi.
    • Se sei bravo ma nessuno lo sa , serve a poco, al di là della soddisfazione personale.
    • Identificare i propri pregi, saperli comunicare attraverso gli strumenti giusti .
  • 12. 3 grandi delusioni
    • Convinzione N°1 – Al pubblico interessa il mio servizio
    • Delusione n° 1 – Il pubblico non sa nemmeno che esisti (i geologi dipendono dagli altri liberi professionisti)
    • Convinzione N°2 – I miei servizi sono migliori di quelli dei miei concorrenti
    • Delusione n° 2 – Offrite, più o meno, tutti la stessa cosa ( e tutti sono disposti ad improvvisarsi esperti in un settore, tanto il cliente non ne capisce niente)
    • Convinzione N°3 – La mia competenza conta più della mia visibilità
    • Delusione n° 3 – Competenza e visibilità ugualmente importanti. Se punti tutto sulle tue capacità senza dedicarti alla promozione, rischi di non raggiungere i contatti necessari per rendere sostenibile e profittevole la tua attività
  • 13. Identificare la USP
    • Unique Selling Proposition
    • Cosa ti differenzia dai tuoi competitors e chi lo sa?
      • Il geologo X ha molta esperienza nella ricerca idrica – ma chi lo sa?
      • Il geologo Y può avvalersi di un enorme banca dati in quanto figlio di un anziano geologo che ha fatto la storia della geologia in Sicilia – Quanti sono a saperlo (tra i potenziali clienti)?
      • Il geologo Z ha fatto molti lavori relativi alle rocce da scavo mentre molti colleghi sono totalmente digiuni di questi argomenti. Chi lo sa?
  • 14. Come e quanto vengono cercati i liberi professionisti in rete www.clicsnc.it– info@clicsnc.it – 3389687800 - 0934597211
  • 15. Utilizzo di internet Fonte AUDIWEB – dati aggiornati a gennaio 2011
  • 16. Quale attività viene svolta
  • 17. Ricerche su Google - Professioni
  • 18. Ricerche su Google - Pozzi
  • 19. Ricerche su Google – Pozzi neri
  • 20. Ricerche su Google - Frane
  • 21. Ricerche su google - Crepe Vedi esempio geotec lesioni sui muri
  • 22. Ricerche su Google – decreto milleproroghe
  • 23. La coda lunga delle parole chiave In molti casi, gli eventi poco frequenti o di bassa ampiezza (la coda lunga), possono cumulativamente superare in numero o in importanza la porzione iniziale della curva, di modo che presi tutti insieme rappresentino la maggioranza parole chiave molto generiche , competitività molto elevata per cui raggiungere ottimi posizionamenti è molto costoso e richiede tempo (es: geologo, avvocato, ingegnere, etc…); parole chiave molto specifiche , bassi volumi di accesso, bassa competitività. Generano poco traffico sul sito, ma se vengono sommate complessivamente tra di loro generano un volume di accessi superiore a quello delle chiavi di ricerca più generiche (es: geologo sicilia centrale, ingegnere energie rinnovabili, architetto arredatore interni Catania) Coda lunga sito Sidercem Coda lunga sito Geoplants Coda lunga sito Frescodivigna L'espressione coda lunga è stata coniata da Chris Anderson in un articolo dell'ottobre 2004 su Wired Magazine per descrivere alcuni modelli economici e commerciali, come ad esempio Amazon.com. Ove i costi di magazzino e distribuzione sono elevati, vengono venduti solo i prodotti più popolari. Ove al contrario la coda lunga funziona, i gusti delle minoranze vengono soddisfatti e gli individui hanno maggiore possibilità di scelta.
  • 24. Fornire contenuti rilevanti
    • Content is the King
    • Contenuti rilevanti, pertinenti ed aggiornati spesso
    • Articoli tecnici specifici di approfondimento
    • La pubblicità non è pubblicità quando è informazione/utile (es: cartellone stradale ristorante)
    • Esempi:
    • Agriturismo Gabilia – Geologia Sicilia centrale – Google
    • Articoli Geoplants – Piezometri elettrici - Google
    • Articoli Sidercem – Prove di carico statico – Google
    • Sito web Icem Laboratori - Non funziona (vediamo più avanti)
  • 25.
    • Google, Yahoo, Bing
    • Posizionamento organico e PPC
    • Scelta delle parole chiave
    • Utilizzo delle parole chiave
    • Ottimizzazione dei testi per i motori di ricerca
    • Page Rank e TrustRank
    • Attività di scambio link
    • Article marketing ed e-mail marketing
    • Web SPAM ed e-mail SPAM
      • Tecniche white hat e black hat
  • 26. Come vengono usati i motori di ricerca in Italia
    • La maggioranza degli italiani che accedono a internet utilizzano i motori di ricerca per trovare informazioni in rete.
          • Google: 94%
          • Yahoo: 21%
          • Alice/Virgilio: 18%
          • Libero/Arianna: 13%
          • Msn/Live: 11%
          • Tiscali: 6%
          • Altri: 4%
  • 27. Motori ed indici di ricerca
    • I principali motori ed indici di ricerca
    • Rapporti tra i principali motori di ricerca
    • Google
      • http://www.google.it
    • Yahoo
      • http://www.yahoo.it
    • Bing
      • http://www.msn.it
    • DMOZ
      • http://www.dmoz.org/
  • 28. Utilizzo delle SERP (search engine results page)
    • Il 93 % degli utenti che effettua una ricerca si ferma alla prima pagina
      • Il 50% fa clic sulla prima voce
    • Poco meno del 7% va alla seconda pagina
    • Percentuali irrilevanti vanno oltre la seconda pagina
    • NON essere presente in prima pagina (con parole chiavi di pertinenza del settore) significa NON essere presenti su Internet
    • ESSERE PRESENTI ai primi posti significa farsi vedere proprio quando l’utente è disposto ad acquistare quello che voi potete vendere (a diff. di quanto avviene in TV, radio, giornali, cartellonistica, etc…)
  • 29. Posizionamento organico e Pay Per Clic (PPC)
    • Per comparire ai primi posti nei motori di ricerca ci sono sostanzialmente due possibilità:
    • 1 - pagare i motori di ricerca affinché, con determinate parole chiave, il vostro annuncio possa comparire in prima pagina;
    • 2 - realizzare un sito web che, per le sue caratteristiche (come è realizzato e quanto spesso viene aggiornato), possa comparire in prima pagina con determinate parole chiave scelte.
    http://www.google.it
  • 30. Posizionamento organico (gratuito) e a pagamento (PPC) Posizionamento organico (gratuito) Posizionamento PPC (a pagamento)
  • 31. Gratis e a pagamento contemporaneamente
  • 32. Eye-tracking
    • Il posizionamento organico garantisce risultati migliori e…a costo zero.
    • L’immagine mostra I risultati di un test sull’eyetracking condotto sui risultati di una ricerca su Google.
    • Gli autori hanno testato 50 persone che hanno eseguito 5 compiti diversi.
    • Le aree colorate in rosso indicano i punti nei quali gli utenti hanno prestato le maggiori attenzioni.
    • Il colore degrada verso tonalità via via più fredde in funzione della minore attenzione degli utenti verso quei punti dello schermo.
  • 33. Posizionamento PPC (Pay Per Clic)
    • Il cliente decide quanto vuole pagare al giorno(es: 10,00 €)
    • Il cliente sceglie le parole chiave per le quali vuole comparire in prima pagina
    • Ogni volta che un utente fa clic sul suo annuncio il cliente paga una piccola cifra (es: 0,10 € - 0,20 €) a Google in funzione della parola chiave per la quale è stato visualizzato
    • Al termine del budget giornaliero l’annuncio non compare più, fino al giorno successivo.
  • 34. Google AdWords Posizionamento PPC (a pagamento)
  • 35. Google AdWords
    • 4 semplici concetti che hanno rivoluzionato la pubblicità online.
    • Rilevanza : L'annuncio pubblicitario sarà mostrato esclusivamente a coloro che stanno cercando il vostro prodotto/servizio;
    • Il modello di prezzo: paghi solo quando un utente fa clic sul tuo annuncio. Non sono più necessari grandi budget per le campagne pubblicitarie on-line;
    • La procedura di iscrizione: chiunque può avviare una campagna pubblicitaria su Google Adwords. I risultati possono variare moltissimo in funzione di come viene impostata e condotta la campagna pubblicitaria;
    • Il metodo dell'asta: Budget e qualità dell’annuncio. Ovvero tanto più rispondente alle ricerche dell'utente sarà l'annuncio quanto più in alto il messaggio pubblicitario comparirà nelle pagine dei risultati di ricerca (Search Engine Results Page - SERP).
  • 36. Impostazioni della campagna
    • Scelta delle keywords
      • Esatta
      • Estesa ( estremamente rischiosa – la prima scelta di chi non ha esperienza )
      • A frase
      • Corrispondenza inversa (-)
      • Corrispondenza generica(+)
    • Area geografica
    • Fascia oraria/giorni
    • Dati demografici (età/sesso - ancora poco performante)
  • 37. Posizione annunci a pagamento
          • AdRank = Q x CPC max
    Q = qualità , dipende dal rapporto tra keyword/annuncio/landing page Più è alto il punteggio di qualità meno costa la campagna PPC
  • 38. Ottimizzazione annunci A parità di costi è possibile aumentare i clic sugli annunci e quindi la percentuale di conversione
  • 39. Landing page
    • Per aumentare le conversioni
    • Associate agli annunci
    • Specifiche per il target di riferimento
    • Semplici, immediate
    • Chiara “Call to action”
    • Es: Crepe sui muri
      • Video GEOSEC
  • 40. Ottimizzazione delle pagine web
    • Ottimizzazione “ On the page ” (creazione di un tema chiave all’interno della pagina)
    • Ottimizzazione “ Off the page ” (attività di scambio link)
  • 41. Dove inserire le parole chiave (on the page)
    • URL (indirizzo web della pagina)
    • Titolo della pagina
    • Titoli e sottotitoli dei contenuti
    • Nei primi paragrafi del testo
    • In grassetto ed in corsivo all’interno del testo
    • Nelle didascalie e nel testo alternativo delle immagini
    • Negli elenchi puntati
    • All’inizio e alla fine della pagina
    • Meta Tag
    • Etc…
  • 42. Il Page Rank
    • Termine coniato dai fondatori di Google. Rappresenta in forma numerica (da 1 a 10) il rango di una pagina web, o anche la sua popolarità. Più è alto questo valore, maggiore è la rilevanza e l’importanza della pagina.
    • Il valore del PageRank si calcola tramite una formula matematica che somma i link ricevuti da parte di una pagina web, e aumenta all’aumentare di essi.
    • Anchor text in tema con la pagina che riceve il link.
    • Il PR della Toolbar (TBPR) non corrisponde alla realtà. Vecchio di almeno 3 mesi
    • Ultimamente ha perso un poco di importanza
    www.argentati.eu – info@argentati.eu – 3389687800 - 0934597211
  • 43. Page Rank di Google
  • 44. Il Trust Rank
    • Il TrustRank è un indice che identifica la “fiducia” dei motori di ricerca per uno specifico sito web.
    • Un sito di qualità non linkerà mai (o quasi) un sito di bassa qualità o spam (eccezione: vendita links)
    • Questo si traduce in una “trasmissione di fiducia” da un sito ad un altro
    • Man mano che i links si “allontanano” dal sito buono il valore del TrustRank decresce in misura proporzionale
    • Il Trust Rank parte da una rete di siti trust (di fiducia) definiti “hubs” o “seeds”
  • 45. Scambio Link (off the page)
    • Per aumentare il Page Rank ed il Trust Rank è importante avviare una campagna di scambio link
    • I link devono provenire da siti attinenti
    • Provenire preferibilmente da pagine con un alto PR o TR (no da siti SPAM)
    • Devono contenere le parole chiave della pagina a cui puntano (no, clicca qui – no, nome azienda) – ES: click here
    • Una buona rete di link - anche interna al sito stesso - aiuta ad aumentare il valore della pagina per quelle specifiche parole chiave
    • Cominciare da DMOZ
  • 46. Anchor text per il posizionamento
    • La pagina A spinge la pagina B per la parole chiave “campagne PPC”
    ES: click here
  • 47. Google Caffeine
    • Una nuova infrastruttura che permette a Google una migliore archiviazione dei dati a disposizione
    • Con l’arrivo di caffeine è sempre più importante:
    • Aumentare la presenza sui motori di ricerca verticali quali Maps, News, Immagini, video, blog, discussioni, etc..
    • Aumentare la presenza nei social network (facebook, twitter, linkedin, etc…)
    • Aumentare le conversazioni con le condivisioni
  • 48.
  • 49. Statistiche di accesso
    • Da dove arrivano gli utenti (da quali siti e motori di ricerca, campagne)
    • Da quali luoghi geografici arrivano gli utenti
    • Con quali parole chiave hanno trovato il sito
    • Quali pagine hanno visitato
    • Cosa ha influito sulle conversioni
  • 50. Da dove arrivano gli utenti
    • Sorgenti traffico SIDERCEM
    • Paese/Zona GEOPLANTS
  • 51. Pagine visitate
    • Dove fanno clic gli utenti - GEOPLANTS
    • Quali pagine visitano - SIDERCEM
  • 52. Conversioni
    • Portare un sito web ai primi posti rappresenta il 50% del lavoro. Il restante 50% deve essere mirato ad ottenere un buon tasso di conversione
    • Azione (obiettivo) che vogliamo venga svolta dall’utente ( acquistare un prodotto, leggere un articolo, iscriversi ad una newsletter, chiedere informazioni )
    • A parità di traffico aumenta il numero di clienti
    • Una buona usabilità aumenta il tasso di conversione e quindi il ROI
    Conversione carrello frescodivigna
  • 53. Monitorare le conversioni
    • Seguire tutti i passaggi durante il processo di acquisto
    • Identificare un valore per gli obiettivi NON economici (es: se ogni 100 contatti 1 si risolve in una consulenza del valore di circa 1000,00€ ogni contatto vale 10,00 €)
    • Individuare quali parole chiave convertono maggiormente
    • Individuare quali sono i processi che portano ad una migliore conversione
  • 54.
    • Selezionare il target
    • Usabilità dei siti web
    • Accessibilità dei siti web
    • Definizione degli obiettivi
    • Statistiche di accesso
  • 55. Selezionare il target
    • Studiare metodi di selezione del target – NON RESTARE A GUARDARE
    • Es: Guida Sicilia Hotel Marconi
    • Es: Guida vini Frescodivigna
    • Es: Guida per le analisi di laboratorio
    • Es: Sito web Icem Laboratori
    SQUEEZE PAGE: Sfrutta il principio della reciprocità
  • 56.
    • Persuasive copywriting
  • 57. Persuasive copywriting
    • 3 passi fondamentali per fare marketing on-line
      • Acquisizione dell’utente
      • Conversione
      • Fidelizzazione
  • 58. Acquisizione del cliente
    • On-line
    • Off-line
    • SEO (Search Engine Optimization)
    • SEM (Search Engine Marketing – campagne PPC)
    • Affiliazioni
    • DEM (Direct e-mail Marketing)
    • Blogs
    • Socials (facebook, twitter, you tube)
    • Article Marketing
    • Etc…
    • Reputazione
    • Radio e TV
    • Stampa
    • Pubbliche relazioni
    • Eventi
    • Promozioni
    • Referenti
    • Gadgets
    • Amici e Parenti
    • Etc…
  • 59. Conversione on-line
    • Il sito deve essere accogliente (accessibile ed usabile)
    • Sono nel posto giusto? Trovo la risposta al mio quesito?
    • L’utente si deve riconoscere - “E’ proprio a me che sta parlando”? Sviluppare il senso di appartenenza
    • E’ necessario rassicurare l’utente affinché possa agire (fare un acquisto, inviare una mail, etc…)
    • Fare leva sulle emozioni (lo vediamo meglio fra qualche slide)
  • 60. Fidelizzazione
    • Fondamentale riuscire ad avere la mail dell’utente (unitamente al consenso per la trasmissioni di informazioni che lo riguardano)
    • Necessario quindi convincere l’utente che si è degni di fiducia (e non tradire mai la sua fiducia)
    • Sfruttare tutti i sistemi di comunicazione online (email, feed RSS, Blog, etc…)
    • Pazienza, tenacia, fiducia nei propri mezzi, capacità, competenza, serietà.
    • Se si lavora bene e con costanza i risultati arrivano e possono essere anche molto soddisfacenti (es: www.frescodivigna.it - Pagina dei commenti )
  • 61. Percezione soggettiva
    • Il test della ballerina
    Comunicare attraverso un sito web non è affatto semplice. Ogni potenziale cliente percepisce le informazioni secondo schemi soggettivi.
  • 62. Comunicare attraverso le immagini
    • Le Ferrari sono macchine veloci
    • Le Volvo sono macchine sicure
    E viceversa
  • 63. I tre cervelli
    • Il primo corrisponde al cervello rettile ed è sede degli istinti primari e di funzioni vitali come per esempio il controllo del ritmo cardiaco e respiratorio;
    • il secondo corrisponde nella scala evolutiva al cervello dei mammiferi, specie di quelli più antichi ed è coinvolto nell'elaborazione delle emozioni;
    • il terzo , più recente, è esclusivo dei primati ed è sede di tutte le funzioni cognitive e razionali.
  • 64. Stimolare il desiderio Evidenziare la necessità
    • Il cervello intermedio ha il sopravvento sugli altri 2
    • Necessario quindi stimolare le emozioni
    • Le nostre decisioni di acquisto sono basate prevalentemente sul desiderio di possedere quello specifico oggetto
    • Acquistiamo quello che desideriamo, NON quello di cui abbiamo bisogno
    • Dopo avere effettuato l’acquisto cerchiamo una motivazione razionale per giustificare l’acquisto
    • Es: io ed il mio iPhone
    • Es: il cliente non vuole un trapano a percussione con mandrino battente, desidera un buco sul muro .
    • Es:Il cliente non vuole spendere soldi per riparare le lesioni sul muro, desidera una casa più bella e sicura
    • Es: Il cliente non vuole un pozzo nel terreno, desidera poter irrigare il suo giardino
    • Quando proponiamo i nostri servizi cerchiamo sempre di capire cosa desidera il cliente, non di cosa ha bisogno.
  • 65. Il processo AIDA
    • ATTENZIONE (hai quello che voglio? Perché lo dovrei prendere da te?)
    • INTERESSE (Si è quello di cui ho bisogno)
    • DESIDERIO (Fornisci informazioni utili, fallo sentire al sicuro, dagli pieno controllo, guidalo verso l’azione)
    • AZIONE (Cosa devo fare? L’invito a svolgere l’azione desiderata è chiaro?)
    • NON NECESSARIAMENTE L’UTENTE ACQUISTERA’ DAL MIGLIORE O DA CHI HA IL PREZZO PIU’ BASSO, MA DA CHI GLI DARA’ MAGGIOR FIDUCIA
  • 66. Analisi di un caso difficile
    • www.icemlaboratori.it
    • Pochi accessi
    • Altamente targettizzato ma nessun servizio offerto
    • Non aggiornato
    • Buona comunicazione per utenti finali non per professionisti
      • Es: certificazione energetica/rilievi termografici
    • Nessuna collaborazione da parte del cliente
  • 67. Testo consigliato
    • Le armi della persuasione - “Robert Cialdini”
    • Adatto a chiunque: Professionisti, genitori, figli, mariti, mogli, venditori, acquirenti
    • Come imparare a farsi dire di si e a riconoscere le tecniche di persuasione
    • Analizza i 6 principi che compongono il sistema persuasorio: la coerenza-impegno, la reciprocità, la riprova sociale (o imitazione), l'autorità, la simpatia, la scarsità (o timore di restare privi di qualcosa)

×