Partner Sociali uniti contro lo sfruttamento sessuale dei minori nelsettore del turismo – SAFE HOSTFirenze, maggio 2013Kri...
Settore turistico UE2• Settore relativamenteresistente, nonostanteincertezza economica• Settore fondamentale perlo svilupp...
Europa: destinazione turistica N°1 nel mondoGrazie a:•Patrimonio storico eculturale•Attrazioni naturali•Qualità dei serviz...
4SfideEuropa destinazione turistica N°1 nel mondoma sono presenti molte difficoltà•Cambiamenti sociali e demografici•Crisi...
Opportunità• Autorità locali, regionali, nazionali e UE oltre agliattori privati stanno lavorando duramente persviluppare ...
Estensione delle competenze UE• Dal primo dicembre 2009, la UE può intervenire per“sostenere, coordinare o complementare l...
Obiettivi e azioni della UE (1)• Migliorare loffertaturistica attraverso:• Migliore sfruttamento deivantaggi competitivi e...
Obiettivi e azioni della UE (2)Migliorare la domanda di turismo UEe aumentare il desiderio di Europaattraveso:Promozione d...
Obiettivi e azioni della UE (3)• Aumentare il flusso intraturisticodella UE attraveso ladiversificazione dei prodottituris...
Carta Europea per un turismo sostenibilee responsabile• Sviluppata con laiuto di TSG• Consultazioni pubbliche nel 2012 sui...
Carta Europea per un turismo sostenibile e responsabile• Principi generali per un turismo sostenibile e responsabilenella ...
Carta Europea per un turismo sostenibilee responsabile• Possibili linee guida sullimplementazionecontenente linee generali...
Sistema europeo di indicatori turistici (ETIS)• Un sistema di gestione basato sul monitoraggio, la gestione e ilmigliorame...
Sistema europeo di indicatori turistici(ETIS)• Tre fasi pilota (9 mesi ciascuna) ->poss.revisione (2015/2016)• Due chiamat...
Certificazione europea per schemi turistici diqualità• Obbiettivo: coerenza della valutazione presso I partecipantiagli sc...
Inserire il turismo nelle altre politiche UEIncrementare la cooperazione con I vari DG ele parti interessate pubbliche e p...
Informazioni generali• Il nostro sito web:http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/tourism/index_en.htmhttp://europa.eu/read...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

2013 05 18 safe host conference krisztina boros ita

376 views
320 views

Published on

Sexual tourism against minors is a world plague that encompasses mainly the south east Asian region, Latin America, Africa and eastern Europe. Western countries are those which register the biggest outgoing fluxes. Sexual tourists abuse of the common channels and networks of tourism to reach their victims. Companies and workers in the sector may play an important role in the prevention and struggle against this practice. To be able to do this, they must learn how to identify and prevent it, they need to possess the knowledge and skills to identify it and have the tools to actively prevent those who exploit and those that make use of this practice from making use of tourist services to reach their victims. To Favor the establishment of a permanent social dialogue platform for tourism, encouraging the exchange and synergies between social parts throughout the whole supply chain, starting from the exchange of actions for the fight against child exploitation in the tourism sector, and the adoption of Directive 2011/92/EU. Analyze the ways in which services and tourism channels are used for illegal aims and identify changes linked with use of information and communication technologies. Evaluate good practices that social parts, individually or jointly, have enacted to prevent and fight against this phenomenon. Equip the tourism industry with innovative and practical tools for the struggle against child sexual exploitation throughout the whole supply chain.
Il turismo sessuale a danno dei minori è una piaga mondiale che attanaglia in modo particolare Sud-est asiatico, America Latina, Africa ed Europa orientale. I paesi occidentali sono quelli da cui si registrano i maggiori flussi in partenza. I turisti sessuali abusano dei canali e delle reti del turismo per raggiungere le loro vittime. Imprese e lavoratori del settore possono giocare un ruolo prezioso per prevenire e contrastare il fenomeno. Per farlo essi devono imparare a riconoscerlo e a prevenirlo, devono cioè avere le conoscenze e le competenze per identificarlo ed essere dotati di strumenti concreti per impedire a sfruttatori e clienti di utilizzare i servizi turistici per raggiungere le loro vittime. Favorire l’istituzione del tavolo di dialogo sociale europeo del turismo incoraggiando gli scambi e le sinergie tra gli attori sociali di tutta la filiera, a partire dalla condivisione di azioni per la lotta allo sfruttamento sessuale dei minori nel turismo e l’attuazione della Direttiva 2011/92/UE sul tema.Analizzare le modalità con cui i servizi e i canali del turismo vengono utilizzati per scopi impropri e identificare i cambiamenti legati all’uso delle tecnologie di informazione e comunicazione Censire le buone pratiche che le parti sociali individualmente o collegialmente hanno messo in campo per prevenire e contrastare il fenomeno. Dotare l’industria del turismo di strumenti innovativi e pratici per il contrasto allo sfruttamento sessuale dei minori lungo tutta la filiera

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
376
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2013 05 18 safe host conference krisztina boros ita

  1. 1. Partner Sociali uniti contro lo sfruttamento sessuale dei minori nelsettore del turismo – SAFE HOSTFirenze, maggio 2013Krisztina BOROSCommissione Europea, DG Impresa & IndustriaTourism Policy UnitPolitiche europee sul turismo in relazioneallo sfruttamento sessuale dei minori nelturismo – competenze, sfide e opportunità
  2. 2. Settore turistico UE2• Settore relativamenteresistente, nonostanteincertezza economica• Settore fondamentale perlo sviluppo economico eloccupazione sostenibile• 3% del PIL UE3.6% della forza lavoro totale• 8 millioni di posti dilavoroCon lindotto:8.4% del PIL UE9.1% della forza lavoro totale20 millioni di posti di lavoroSource: WTTC 2013
  3. 3. Europa: destinazione turistica N°1 nel mondoGrazie a:•Patrimonio storico eculturale•Attrazioni naturali•Qualità dei servizi•Buoni collegamenti•Sicurezza•ecc…3INSERT
  4. 4. 4SfideEuropa destinazione turistica N°1 nel mondoma sono presenti molte difficoltà•Cambiamenti sociali e demografici•Crisi economica•Cambiamento climatico•Innovazione e tecnologie•Competitor• Destinazioni attraenti• A volte regole sociali e ambientali meno severe•ecc.4
  5. 5. Opportunità• Autorità locali, regionali, nazionali e UE oltre agliattori privati stanno lavorando duramente persviluppare il settore del turismo ma è necessaria unacooperazione aggiuntiva per:• Facilitare lincremento dei flussi turistici allinterno dellaUE, specialmente in bassa stagione• Migliorare la sostenibilità sociale e ambientale delturismo• Attrarre nuovi turisti da mercati del terzo mondo,specialmente nazioni emergenti BRIC• Creare un ambiente favorevole alla competitività delsettore turistico e delle sue imprese.5
  6. 6. Estensione delle competenze UE• Dal primo dicembre 2009, la UE può intervenire per“sostenere, coordinare o complementare le azionidegli Stati Membri”*6* Articoli 6 e 195 del Trattato sul funzionamento dellUnione Europea• Le sue azioni sarannorivolte in particolare a“incoraggiare lacreazione di unambiente favorevoleper lo sviluppo” di unsettore del turismocompetitivo.
  7. 7. Obiettivi e azioni della UE (1)• Migliorare loffertaturistica attraverso:• Migliore sfruttamento deivantaggi competitivi europei• Incoraggiare e promuovere Iprodotti tipici turisticitransnazionali, gli itinerari e lerotte culturali• Dare priorità allo svilupposostenibile, alle qualificheprofessionali e ai servizi diqualità 7
  8. 8. Obiettivi e azioni della UE (2)Migliorare la domanda di turismo UEe aumentare il desiderio di Europaattraveso:Promozione di pratiche ecomportamenti sostenibili/responsabilida parte degli stakeholderCarta Europea per il turismo sostenibilee responsabileETIS• Promozione dellEuropea come“destinazione turistica unica”"Europa – quando siete pronti”"Destinazione 2020" in coop con ETC. 8
  9. 9. Obiettivi e azioni della UE (3)• Aumentare il flusso intraturisticodella UE attraveso ladiversificazione dei prodottituristici e turismo a basso costo."Calypso" – Piattaforma operativa daLuglio 2013"Turismo per la terza età" - 2 progettiin corso dal Gennaio 2013 per unadurata di 11 mesi.• Turismo mainstream attraversole politiche UE e gli strumentifinanziari9
  10. 10. Carta Europea per un turismo sostenibilee responsabile• Sviluppata con laiuto di TSG• Consultazioni pubbliche nel 2012 suipossibili contenuti• Testo ancora in via di svilupppo• Gruppi bersaglio:• Autorità pubbliche• Destinazioni• Imprese• Turisti 10
  11. 11. Carta Europea per un turismo sostenibile e responsabile• Principi generali per un turismo sostenibile e responsabilenella UE, riguardante:• Approcci di sostenibilità economcia, sociale eambientale• Competitività• Patrimonio natuale e culturale• Gestione delle risorse• Coinvolgimento dei lavoratori e monitoraggiodegliimpatti del turismo• Sicurezza in vacanza• Sensibilizzazione sul turismo responsabile• Principi sono di ordine generale per essere applicabili aunampia gamma di servizi turistici• Vari punti di vista sullinclusione dei principi etici 11
  12. 12. Carta Europea per un turismo sostenibilee responsabile• Possibili linee guida sullimplementazionecontenente linee generali di azione• Attività turistiche dovrebbero rispettare ed esseredi beneficio alle comunità localiTutteTutte lele partiparti interessateinteressate dovrebberodovrebbero garantiregarantire lalaprotezioneprotezione deidei bambini ebambini e deidei minoriminori, e, e lavorarelavorare perperleliminazioneleliminazione didi tuttetutte lele formeforme didi sfruttamentosfruttamento sessualesessuale eedeldel lavorolavoro nelnel turismoturismo..• Forma finale ancora non decisa – dapubblicarsi alla fine dellanno. 12
  13. 13. Sistema europeo di indicatori turistici (ETIS)• Un sistema di gestione basato sul monitoraggio, la gestione e ilmiglioramento della sostenibilità delle destinazioni, consistente di:• Una cassetta degli attrezzi• Una serie di indicatori chiave+ una serie di indicatori opzionali A• Una serie di dati per registrare e immaganizzare I dati• Benefici economici, ambientali e sociali• Indicatori relativi al turismo responsabile:• Imprese che adottano misure di CSR (gestione delle destinazioni -chiave)• Reclami dei turisti presso la polizia (valore economico –opzionale)• Punto di vista dei residenti sullimpatto del turismo sullidentitàdell destinazioni (sociale – opzionale)
  14. 14. Sistema europeo di indicatori turistici(ETIS)• Tre fasi pilota (9 mesi ciascuna) ->poss.revisione (2015/2016)• Due chiamate per esprimere interesse – ddlnluglio 2013• Per le destinazioni interessate a testare il sistema• Esperienza professionale > gruppo di lavoro informaleObiettivo finale:• Un sistema di paragone a livello europeo• Potenziale uso per lOsservatorio sul turismo potenziale
  15. 15. Certificazione europea per schemi turistici diqualità• Obbiettivo: coerenza della valutazione presso I partecipantiagli schemi > fiducia dei consumatori > incentivi commerciali• Valore aggiunto:• Visibilità su larga scala per I partecipanti e le imprese membre• Valore in cambio di soldi pe I consumatori• Strumento legale: Regolamento > direttamente applicabile inciascuna MS. Partecipazione volontaria agli schemi di qualità(opt-in= contenuti vincolanti)• Adozione prevista: prima della pausa estiva• Parlamento e Consiglio europei: (poss. Adozione durantelattuale mandato del Parlamento Europeo)• Presidenza LT :due incontri di consiglio: Luglio e Ottobre 2013 15
  16. 16. Inserire il turismo nelle altre politiche UEIncrementare la cooperazione con I vari DG ele parti interessate pubbliche e private:•DG JUST – Pacchetti viaggio•DG HOME – facilitazioni visto, diritti deiminori•DG MARE – turismo marittimo•DG ENV – Etichettatura ecologica UE, EMASDG CNECT – trustmark online•DG SANCO – sicurezza antincendio, paragoneonline dei siti16
  17. 17. Informazioni generali• Il nostro sito web:http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/tourism/index_en.htmhttp://europa.eu/readyforeurope/• Contatti:ENTR-TOURISM-POLICY@ec.europa.eu17Grazie per lavostra attenzione

×