Gravidanza e allattamento: corpo e psiche si nutrono Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell’alimentazione As...
Gravidanza
<ul><li>La nutrizione influenza la salute della madre e i rischi di complicanze della gravidanza </li></ul><ul><li>influen...
La salute della madre prima del concepimento <ul><li>Importante determinante della salute del nascituro </li></ul><ul><li>...
Malattie croniche e gravidanza <ul><li>Le donne ipertese sono a rischio aumentato di morbidità e mortalità materna, fetale...
Modifiche fisiologiche nella madre <ul><li>Aumento del volume di plasma, dei globuli rossi e del volume del cuore </li></u...
L’aumento di peso <ul><li>Un peso alla nascita ottimale è influenzato dall’aumento di peso della madre </li></ul><ul><li>U...
Fabbisogni di energia e nutrienti <ul><li>Le scelte dietetiche della donna in gravidanza devono supportare gli aumentati f...
Alcol <ul><li>L’alcol può causare numerosi effetti negativi sul feto, i più gravi dei quali sono la sindrome alcolica feta...
Fumo <ul><li>Il fumo aumenta i livelli di carbossiemoglobina e riduce il flusso di sangue attraverso la placenta, riducend...
Droghe <ul><li>Marijuana, cocaina e eroina hanno effetti devastanti sul feto: </li></ul><ul><ul><li>parti prematuri e abor...
Toxoplasmosi <ul><li>E’ causata da un protozoo, il Toxoplasma gondii </li></ul><ul><li>L’uomo può infettarsi cibandosi del...
Esercizio fisico <ul><li>L’attività fisica, in assenza di evidenti controindicazioni, va incoraggiata </li></ul><ul><li>L’...
Problemi gastrointestinali <ul><li>Nausee e vomito: spesso è di aiuto mangiare porzioni più piccole e aumentare la frequen...
Diabete gestazionale <ul><li>Colpisce il 4% delle gravide </li></ul><ul><li>Rappresentano dei fattori di rischio: l’età, i...
Disordini della pressione arteriosa <ul><li>Ipertensione: > 140 mmHg (massima) o > 90 mmHg (minima) </li></ul><ul><li>Pree...
Allattamento
Primi mesi di vita <ul><li>I pediatri e gli esperti di nutrizione considerano cruciali i primi 24 mesi di vita </li></ul><...
Allattamento materno <ul><li>Nella produzione del latte umano si distinguono tre periodi, con relative variazioni nella su...
Il latte materno <ul><li>Il latte materno fornisce sia nutrimento che sostanze bioattive (Ab, ormoni, antibiotici, antioss...
Composizione dei latti Latte umano Formulato Latte vaccino Formulato preparato in casa Energia (kcal) 67 60-75 66 63 Prote...
<ul><li>La lattogenesi inizialmente non richiede la stimolazione della ghiandola mammaria ma è necessario che questa inizi...
<ul><li>L’allattamento al seno sembra favorire un miglior sviluppo intellettivo, probabilmente perché contiene alcuni acid...
Controindicazioni <ul><li>Controindicazioni o impedimenti di origine materna </li></ul><ul><li>Infezione materna da virus ...
Benefici per la madre <ul><li>Ridotto rischio di perdita di sangue dall’utero dopo il parto per maggiori contrazioni </li>...
Alcune regole importanti quando si allatta <ul><li>Non fumare, il fumo diminuisce la montata lattea e le sostanze tossiche...
Allattamento artificiale <ul><li>Il latte artificiale è l’unica alternativa nel primo anno di vita del bambino  </li></ul>...
Caratteristiche del latte adattato <ul><li>Quota proteica ridotta </li></ul><ul><li>Sostituzione di quasi tutta la caseina...
Tipi di latte artificiale <ul><li>Latte formulato di partenza, per i primi sei mesi </li></ul><ul><li>Latte di proseguimen...
Tipologie di latte artificiale <ul><li>Latti liquidi (da diluire, riducono gli errori di preparazione, ma si conservano po...
L’alimentazione della  donna in allattamento <ul><li>I fabbisogni nutritivi della donna che allatta sono superiori a quell...
Alimenti da evitare o moderare <ul><li>Alimenti che danno un cattivo sapore al latte (asparagi, aglio, cipolle, cavoli, ma...
Luoghi comuni <ul><li>Un seno piccolo fa poco latte </li></ul><ul><li>Allattando i capelli diventano fragili </li></ul><ul...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE!
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Lez. 1 Gravidanza E Allattamento

6,809 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
6,809
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
42
Actions
Shares
0
Downloads
63
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lez. 1 Gravidanza E Allattamento

  1. 1. Gravidanza e allattamento: corpo e psiche si nutrono Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell’alimentazione Associazione culturale “Il Bradipo” - Lodi
  2. 2. Gravidanza
  3. 3. <ul><li>La nutrizione influenza la salute della madre e i rischi di complicanze della gravidanza </li></ul><ul><li>influenza anche la crescita e lo sviluppo del feto, il rischio di difetti congeniti, e la salute alla nascita </li></ul><ul><li>la salute materno-infantile è un predittore importante della salute futura dei cittadini di una nazione </li></ul>
  4. 4. La salute della madre prima del concepimento <ul><li>Importante determinante della salute del nascituro </li></ul><ul><li>Acido folico (almeno un mese prima dal concepimento) </li></ul><ul><li>Vitamina B12 nei vegani e vegetariani (rischio neural tube development) </li></ul><ul><li>Importante è lo stato del ferro che dovrebbe essere normale </li></ul><ul><li>Le donne obese potrebbero avere problemi ad allattare e sono più a rischio di diabete gestazionale e di ipertensione gestazionale </li></ul>
  5. 5. Malattie croniche e gravidanza <ul><li>Le donne ipertese sono a rischio aumentato di morbidità e mortalità materna, fetale e neonatale </li></ul><ul><li>Il diabete aumenta i rischio di difetti congeniti, soprattuto al cuore e al snc (non osservato nelle donne che prima del concepimento prendono vitamine) </li></ul>
  6. 6. Modifiche fisiologiche nella madre <ul><li>Aumento del volume di plasma, dei globuli rossi e del volume del cuore </li></ul><ul><li>Il diaframma si alza riducendo la capacità polmonare </li></ul><ul><li>Aumenta l’appetito, anche se all’inizio si può avere nausea e vomito </li></ul><ul><li>La motilità intestinale è ridotta per l’aumento del progesterone </li></ul><ul><li>Il MB aumenta </li></ul>
  7. 7. L’aumento di peso <ul><li>Un peso alla nascita ottimale è influenzato dall’aumento di peso della madre </li></ul><ul><li>Un aumento di peso insufficiente può risultare in una ridotta salute del feto e aumentato rischio di parto prematuro </li></ul><ul><li>Un aumento di peso eccessivo influenza la crescita del bambino e la sua adiposità e il rischio di obesità futura. inoltre aumenta il rischio di mantenere un peso eccessivo anche dopo il parto </li></ul><ul><li>Donne sottopeso: 11 – 13 kg </li></ul><ul><li>Normopeso: 9 – 11 kg </li></ul><ul><li>Sovrappeso/Obese: 7-9 kg </li></ul>
  8. 8. Fabbisogni di energia e nutrienti <ul><li>Le scelte dietetiche della donna in gravidanza devono supportare gli aumentati fabbisogni nutritivi </li></ul><ul><li>Aumentano i fabbisogni di energia e nutrienti, soprattutto: ferro, calcio, acido folico, vitamina B12 </li></ul><ul><li>Attenzione a bere e a consumare fibra! L’acqua dovrebbe essere scelta a basso contenuto di nitrati! </li></ul><ul><li>E’ importante assumere fonti di acidi grassi essenziali (omega-3 e omega-6) </li></ul>
  9. 9. Alcol <ul><li>L’alcol può causare numerosi effetti negativi sul feto, i più gravi dei quali sono la sindrome alcolica fetale (FAS) e l’aumentato rischio di mortalità </li></ul><ul><li>Sindrome alcolica fetale: anomalie del sistema nervoso centrale, anomalie del viso, ritardo mentale, ritardo della crescita </li></ul><ul><li>L’alcol andrebbe evitato completamente durante la gravidanza </li></ul>
  10. 10. Fumo <ul><li>Il fumo aumenta i livelli di carbossiemoglobina e riduce il flusso di sangue attraverso la placenta, riducendo quindi il livello di ossigeno che arriva al feto </li></ul><ul><li>Alcuni esempi di effetti spiacevoli sul nascituro: </li></ul><ul><ul><li>Maggiore rischio di parti prematuri e aborti </li></ul></ul><ul><ul><li>Ridotto peso alla nascita (anche se il fumo è leggero) </li></ul></ul><ul><ul><li>Possibili effetti genotossici (danno al DNA) nel feto </li></ul></ul><ul><li>-> Il fumo andrebbe evitato completamente durante la gravidanza! </li></ul>
  11. 11. Droghe <ul><li>Marijuana, cocaina e eroina hanno effetti devastanti sul feto: </li></ul><ul><ul><li>parti prematuri e aborti spontanei </li></ul></ul><ul><ul><li>elevato tasso di mortalità infantile </li></ul></ul><ul><li>Spesso il loro uso è accompagnato dall’uso di alcol e fumo di sigaretta </li></ul>
  12. 12. Toxoplasmosi <ul><li>E’ causata da un protozoo, il Toxoplasma gondii </li></ul><ul><li>L’uomo può infettarsi cibandosi delle carni di animali infetti, oppure venendo a contatto con materiale contaminato dalle feci di gatto infetto </li></ul><ul><li>Il rischio (gravi forme di fetopatia) esiste solo se la donna si contagia per la prima volta durante la gravidanza e persiste per tutti i 9 mesi </li></ul><ul><li>Prevenzione: non consumare carni e pesci crudi o poco cotti né salumi </li></ul><ul><li>Lavare accuratamente frutta e verdura </li></ul><ul><li>Non consumare verdure o frutta crude fuori casa quando non si è certi delle modalità di lavaggio </li></ul><ul><li>Il microonde non dà certezze di bonifica </li></ul>
  13. 13. Esercizio fisico <ul><li>L’attività fisica, in assenza di evidenti controindicazioni, va incoraggiata </li></ul><ul><li>L’esercizio previene l’eccessivo aumento di peso e predispone ad un parto più veloce </li></ul><ul><li>Riduce il rischio di diabete gestazionale </li></ul><ul><li>Vanno evitati gli sport con un elevato rischio di cadute o traumi addominali, scuba diving e gli esercizi che prevedono una posizione supina dopo il primo trimestre </li></ul>
  14. 14. Problemi gastrointestinali <ul><li>Nausee e vomito: spesso è di aiuto mangiare porzioni più piccole e aumentare la frequenza dei pasti, evitando cibi dall’odore forte e bevendo adeguate quantità di liquidi </li></ul><ul><li>La costipazione è un altro fenomeno comune: e può essere aggravata con supplementi eccessivi di ferro. Può aiutare l’esercizio fisico e l’assunzione di liquidi </li></ul>
  15. 15. Diabete gestazionale <ul><li>Colpisce il 4% delle gravide </li></ul><ul><li>Rappresentano dei fattori di rischio: l’età, il peso prima della gravidanza, la familiarità per il diabete </li></ul><ul><li>Le complicazioni associate a questa condizione sono: rischio di macrosomia (peso alla nascita > 4 kg, complicazione più comune), iperbilirubinemia, ipoglicemia e eritremia </li></ul><ul><li>É importante monitorare la glicemia e seguire le indicazioni dietetiche dei diabetici (e.g.: riduzione degli zuccheri semplici) </li></ul>
  16. 16. Disordini della pressione arteriosa <ul><li>Ipertensione: > 140 mmHg (massima) o > 90 mmHg (minima) </li></ul><ul><li>Preeclampsia (più comune nelle primipare): ipertensione con proteinuria (> 300 mg/24h) dopo 20 settimane di gestazione. Può evolvere in eclampsia con formazione di edemi </li></ul><ul><li>Sembra che un’alimentazione carente possa avere un ruolo, ma i fattori di rischio precisi non sono stati ancora individuati </li></ul><ul><li>Attenzione all’introito di sodio! </li></ul>
  17. 17. Allattamento
  18. 18. Primi mesi di vita <ul><li>I pediatri e gli esperti di nutrizione considerano cruciali i primi 24 mesi di vita </li></ul><ul><li>Nel 1° anno di vita il bambino triplica di peso, aumenta del 50% la lunghezza e del 25% la circonferenza cranica </li></ul><ul><li>Nel 2° anno il peso aumenta del 20%, la lunghezza del 5% e la circonferenza cranica del 4% </li></ul><ul><li>Nei primi 18-24 mesi viene orientato il metabolismo energetico di tutta la vita successiva </li></ul>
  19. 19. Allattamento materno <ul><li>Nella produzione del latte umano si distinguono tre periodi, con relative variazioni nella sua composizione: </li></ul><ul><ul><li>Fase colostrale: fino al 5° giorno dopo il parto </li></ul></ul><ul><ul><li>Fase di transizione: dal 6° al 10° giorno </li></ul></ul><ul><ul><li>Fase del latte maturo: dal 10° giorno in poi </li></ul></ul>
  20. 20. Il latte materno <ul><li>Il latte materno fornisce sia nutrimento che sostanze bioattive (Ab, ormoni, antibiotici, antiossidanti) utili per la crescita, lo sviluppo e la salute del bambino </li></ul><ul><li>Il suo contenuto in vitamine varia a seconda dello stato nutrizionale della madre </li></ul><ul><li>L’allattamento esclusivo al seno è il metodo preferito di nutrimento del bambino per i primi 6 mesi e fino a 2 anni (OMS) </li></ul><ul><li>Il latte materno protegge dalle malattie infettive, allergie, dalle malattie virali e (sembra) dalle malattie croniche a base immunologica (diabete, celiachia, tumori infantili e infiammazione cronica dell’intestino) </li></ul>
  21. 21. Composizione dei latti Latte umano Formulato Latte vaccino Formulato preparato in casa Energia (kcal) 67 60-75 66 63 Proteine (g) 1,3 1,2 – 1,95 3,2 2,1 Grassi (g) 4,2 2,1 – 4,2 3,9 2,5 Carboidrati (g) 7 4,6 – 9,1 4,6 8,0 Calcio (mg) 35 59 120 75 Ferro (  g) 76 325 - 975 60 39
  22. 22. <ul><li>La lattogenesi inizialmente non richiede la stimolazione della ghiandola mammaria ma è necessario che questa inizi entro 3-4 giorni per mantenere la secrezione del latte </li></ul><ul><li>Quando il latte non è rimosso dal bambino o in altro modo, la secrezione termina generalmente entro un paio di giorni </li></ul>
  23. 23. <ul><li>L’allattamento al seno sembra favorire un miglior sviluppo intellettivo, probabilmente perché contiene alcuni acidi grassi a lunga catena (DHA, AA), i cui precursori sono contenuti anche nei formulati ma il bambino non li sa sintetizzare </li></ul><ul><li>L’allattamento sembra ridurre il rischio futuro di sviluppare sovrappeso e obesità, probabilmente favorendo l’auto-regolazione dell’introito di energia </li></ul>
  24. 24. Controindicazioni <ul><li>Controindicazioni o impedimenti di origine materna </li></ul><ul><li>Infezione materna da virus dell’AIDS (le indicazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sono differenti per i Paesi in via di sviluppo) </li></ul><ul><li>Malattie severamente debilitanti (es. sepsi, nefrite cronica, tifo, tubercolosi in fase attiva) </li></ul><ul><li>Psicosi post-partum (non depressione!) </li></ul><ul><li>Insufficiente produzione di latte </li></ul><ul><li>Assunzione materna di farmaci incompatibili con l’allattamento (ad es. antitumorali) </li></ul><ul><li>Malformazioni del capezzolo (si può eventualmente somministrare il latte materno prelevato con il tiralatte) </li></ul><ul><li>Mastite </li></ul><ul><li>Controindicazioni o impedimenti legati al neonato </li></ul><ul><li>Malformazioni delle labbra, della bocca, dell’esofago o della trachea </li></ul><ul><li>Debolezza della suzione (può essere transitoria) </li></ul><ul><li>Ittero da latte materno (sospendere l’allattamento per 2-3 giorni) </li></ul><ul><li>Galattosemia </li></ul><ul><li>Fenilchetonuria (sono ammesse piccole quantità di latte materno) </li></ul>
  25. 25. Benefici per la madre <ul><li>Ridotto rischio di perdita di sangue dall’utero dopo il parto per maggiori contrazioni </li></ul><ul><li>Minor rischio di cancro al seno (ridotta esposizione agli estrogeni) </li></ul><ul><li>Ridotto rischio di cancro all’ovaio </li></ul><ul><li>La durata dell’allattamento (e anche il numero di figli allattati) non sembra influenzare il rischio futuro di osteoporosi. la densità ossea torna normale entro pochi mesi dallo svezzamento </li></ul>
  26. 26. Alcune regole importanti quando si allatta <ul><li>Non fumare, il fumo diminuisce la montata lattea e le sostanze tossiche passano nel latte </li></ul><ul><li>Non assumere farmaci senza il parere medico </li></ul><ul><li>Moderare o evitare alcolici e alimenti nervini (caffé, té, cioccolato) </li></ul>
  27. 27. Allattamento artificiale <ul><li>Il latte artificiale è l’unica alternativa nel primo anno di vita del bambino </li></ul><ul><li>Il latte vaccino è sconsigliato, perché carente di nutrienti (ferro poco assorbibile, rame, zinco e lattosio ulteriormente ridotti dalla diluizione), perché può danneggiare l’apparato digerente (elevato carico di proteine) e perché eccessivamente ricco di alcuni minerali come il sodio e il fosforo (anche dopo diluizione) </li></ul>
  28. 28. Caratteristiche del latte adattato <ul><li>Quota proteica ridotta </li></ul><ul><li>Sostituzione di quasi tutta la caseina (poco digeribile) con sieroproteine </li></ul><ul><li>Sostituzione dei grassi animali con grassi vegetali </li></ul><ul><li>Mantenimento del lattosio quale zucchero principale come nel latte materno </li></ul><ul><li>Introduzione di vitamine </li></ul><ul><li>Supplementazione con ferro </li></ul>
  29. 29. Tipi di latte artificiale <ul><li>Latte formulato di partenza, per i primi sei mesi </li></ul><ul><li>Latte di proseguimento </li></ul>-> Per il tipo di latte o per decidere quando integrare il latte materno con quello artificiale, consultare sempre il pediatra -> Non smettere mai di allattare in modo improvviso, perché questo potrebbe causare problemi di gonfiore e dolore al seno
  30. 30. Tipologie di latte artificiale <ul><li>Latti liquidi (da diluire, riducono gli errori di preparazione, ma si conservano poco a lungo e hanno costi elevati) </li></ul><ul><li>Latti in polvere (i più comuni, si conservano bene ma vanno dosati con attenzione) </li></ul><ul><li>Latti speciali, dietetici e terapeutici (formule vegetali, a base di soia; idrolisati proteici; formule ipoallergeniche) </li></ul><ul><li>N.B.: il latte di soia è utile come latte di transizione in caso di intolleranza al lattosio, ma non è sempre efficace nel caso di allergia alle proteine del latte (meglio gli idrolisati) </li></ul>
  31. 31. L’alimentazione della donna in allattamento <ul><li>I fabbisogni nutritivi della donna che allatta sono superiori a quelli della donna in stato di gravidanza (fra le 450 e le 550 kcal in più al giorno) </li></ul><ul><li>Aumenta anche il fabbisogno di acqua! (6-700 ml in più al giorno) </li></ul><ul><li>Il modello dietetico consigliato alla puerpera è simile a quello della gestante, con un maggiore fabbisogno di proteine, calcio, altri minerali e vitamine </li></ul><ul><li>Ancora una volta sono importanti gli acidi grassi essenziali (omega-3 e omega-6) </li></ul>
  32. 32. Alimenti da evitare o moderare <ul><li>Alimenti che danno un cattivo sapore al latte (asparagi, aglio, cipolle, cavoli, mandorle amare) </li></ul><ul><li>Alimenti che contengono sostanze allergizzanti (formaggi fermentati, crostacei, molluschi, mitili. A volte anche fragole, ciliegie, pesche, albicocche, ecc.) </li></ul><ul><li>Evitare gli alcolici e ridurre gli alimenti e le bevande nervine (caffè, tè, cioccolato) </li></ul>
  33. 33. Luoghi comuni <ul><li>Un seno piccolo fa poco latte </li></ul><ul><li>Allattando i capelli diventano fragili </li></ul><ul><li>Allattare rovina il seno </li></ul><ul><li>Bere tanto latte ne favorisce la produzione </li></ul><ul><li>La birra favorisce la produzione di alcolici </li></ul>
  34. 34. GRAZIE PER L’ATTENZIONE!

×