• Save
I Distretti Della Conoscenza
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

I Distretti Della Conoscenza

  • 2,159 views
Uploaded on

Dinamiche di innovazione nel sistemo produttivo italiano

Dinamiche di innovazione nel sistemo produttivo italiano

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,159
On Slideshare
2,157
From Embeds
2
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
2

Embeds 2

http://www.slideshare.net 2

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Dinamiche di innovazione del sistema produttivo : i distretti della conoscenza
  • 2. Il problema Perdita di competitività delle piccole e medie imprese nei settori tradizionali; mancanza di investimenti, progetti e modelli per l’innovazione
  • 3. Nel decennio 1991-2001 le aziende con un solo addetto sono cresciute del 48% e hanno determinato un aumento della occupazione pari al 49% Il 58,3% delle imprese italiane ha un solo addetto. Il 95% non supera i 10 Il nanismo aziendale
  • 4. Le conseguenze
    • Individualismo imprenditoriale e capitale sociale debole
    • Cultura imprenditoriale chiusa
    • Eccessiva molecolarizzazione delle realtà aziendali
    • Difficoltà a condividere le conoscenze
    • Incapacità di progettare strategie innovative di lungo periodo
  • 5. In crisi non è solo un mercato, ma i modelli , le idee e i progetti che dovrebbero alimentarlo.
  • 6. Caratteristiche
      • Operano alcune imprese di medie dimensioni con poteri di mercato e capacità industriali fra loro equivalenti
      • Esistono solamente una o poche imprese di grandi dimensioni che emergono sulle altre per potere di mercato e leadership commerciale
      • Distretti caratterizzati dalla presenza di una diffusa platea di piccole imprese e di aziende artigianali di dimensioni simili, dove non emerge nessuna realtà produttiva e commercialmente dominante
      • Natuzzi; Etna Valley,…
      • Montebelluna, Castelgoffredo
      • Riviera del Brenta, Prato, Bassa Veronese, Verona, Valpollicella
      • Investimenti in infrastrutture e sistemi informatici di base
      • Trust interface, centri servizi, investimenti comuni in formazione, marketing, cultura distrettuale
      • Bisogno di integra-
      • zione, strategie comuni, massa critica, investimenti in servizi e infrastrutture distrettuale
      • Legami stabili, e organizzazione gerarchica
      • Legami stabili all’interno di filiere in concorrenza, individualismo imprenditoriale
      • Legami deboli, mercato molto frammentato e poco organizzato
    Descrizione Tipo Esempi Esigenze Caratteristiche Possibili tipologie di Rete Indotto Polverizzato Concorrenziale
  • 7. Evoluzione delle esportazioni a confronto Fonte: elaborazioni Banca Intesa su dati Istat
  • 8. Evoluzione delle esportazioni delle aree distrettuali a confronto
  • 9. Le componenti dello sviluppo T alento C ollaborazione T ecnologia Richard Florida, "L'Ascesa della classe creativa“, 2004
  • 10. Il problema Situazione “attendista” dei piccoli imprenditori. Le imprese dimostrano una scarsa propensione alla cooperazione e i processi di innovazione a livello locale sono spesso ostacolati dall’incapacità a condividere obiettivi e progetti di lungo periodo
  • 11. T ecnologia
  • 12. Gli operatori nei settori innovativi (v. per 100.000 abitanti) Fonte: Fonte: elaborazione Censis su dati Istat, Seat, 2003
  • 13. Le reti interaziendali all’interno dei distretti Livello di interattività
  • 14. B ilancia T ecnologica dei P agamenti 2004 – migliaia di euro
  • 15. C ollaborazione
  • 16. Le collaborazioni Fonte: indagini Censis, 2003-2005
  • 17. Un confronto europeo Quota di PMI che innovano in forma cooperativa rispetto al totale delle PMI, ( val .%) Fonte: EIS, 2002
  • 18. Gli ostacoli all’uso di Ict per le PMI, in azienda
  • 19. T alento
  • 20. Fonte: elaborazione Censis su dati Istat Popolazione con almeno 15 anni di età per sesso e titolo di studio (val. %), 2003 Occupati per sesso e titolo di studio (val. %), 2003 10,0 34,6 7,6 35,0 12,9 Totale 8,6 28,1 9,1 38,4 15,8 Femmine 10,8 38,5 6,7 32,9 11,1 Maschi Ness. /elemen. Lic. media Qualifica Diploma Laurea 27,9 33,0 5,1 26,3 7,7 Totale 32,5 30,0 5,2 24,9 7,3 Femmine 22,8 36,3 5,0 27,8 8,1 Maschi Ness. /elemen. Lic. media Qualifica Diploma Laurea
  • 21. Addetti in R&S Fonte:elaborazione Isfort su dati Istat, 2003
  • 22. Che fare ?
  • 23. Individuare modelli , idee e progetti in grado di riavviare un mercato in crisi
  • 24. Capire le dinamiche in atto
  • 25. Caratteristiche
      • Operano alcune imprese di medie dimensioni con poteri di mercato e capacità industriali fra loro equivalenti
      • Esistono solamente una o poche imprese di grandi dimensioni che emergono sulle altre per potere di mercato e leadership commerciale
      • Distretti caratterizzati dalla presenza di una diffusa platea di piccole imprese e di aziende artigianali di dimensioni simili, dove non emerge nessuna realtà produttiva e commercialmente dominante
      • Natuzzi; Etna Valley,…
      • Montebelluna, Castelgoffredo
      • Riviera del Brenta, Prato, Bassa Veronese, Verona, Valpollicella
      • Investimenti in infrastrutture e sistemi informatici di base
      • Trust interface, centri servizi, investimenti comuni in formazione, marketing, cultura distrettuale
      • Bisogno di integra-
      • zione, strategie comuni, massa critica, investimenti in servizi e infrastrutture distrettuale
      • Legami stabili, e organizzazione gerarchica
      • Legami stabili all’interno di filiere in concorrenza, individualismo imprenditoriale
      • Legami deboli, mercato molto frammentato e poco organizzato
    Descrizione Tipo Esempi Esigenze Caratteristiche Possibili tipologie di Rete Indotto Polverizzato Concorrenziale
  • 26. La network analysis, permette
    • Di individuare e misurare :
    • dinamiche socioeconomiche territoriali
    • relazionalità e propensione alla collaborazione
    • la leadership dell’innovazione
    • natura dei legami interni al territorio
  • 27. Sostenere e facilitare i cambiamenti
  • 28. Fattori critici di successo: “ruoli pivotali” per i modelli di cooperazione
    • Esigenza
    • Supportare la diffusione di “attori” che assumano leadership nei progetti di cooperazione:
      • Superando limitata capacità progettuale delle PMI e difficoltà nell’accesso a infrastrutture / competenze necessarie
      • Favorendo il superamento di barriere culturali all’aggregazione
        • Limitata ambizione alla crescita
        • Paura di perdere controllo
        • Timore della “trasparenza”
    Ruoli pivotali necessari Sponsor Coinvolge le PMI e crea consenso su uno o più progetti di cooperazione Unità di implementazione Assicura gestione operativa dei progetti e fornitura di servizi/ infrastrutture (proprie o in outsourcing) Può coincidere con lo sponsor se in possesso delle necessarie competenze/risorse
  • 29. Quali soggetti?
  • 30. Il grande ente: nodo di connessione, polo culturale e scientifico e soggetto attivo nel processo di innovazione La media e grande impresa: in grado di contagiare il sistema circostante Le imprese a rete: le uniche in grado di fare da software di connessione tra le diverse soggettualità I poli universitari e tecnologici: knowledge hub territoriali
  • 31. Informazioni e chiarimenti [email_address] www. censis .it Disegni di Massimo Nota Foto Creactive