Your SlideShare is downloading. ×

Piattaforme Didattiche

5,230

Published on

Piattaforme didattiche, moodle, e-learning

Piattaforme didattiche, moodle, e-learning

Published in: Education, Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,230
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
63
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Piattaforme didattiche
    • Narni, 17 Febbraio 2010
    • Copyright © Gustavo Caprioli, 2010
    • Questo contenuto didattico è disponibile nei termini della licenza
    • Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported
    • il cui testo è disponibile alla pagina Internet http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/
  • 2. Che cosa è una piattaforma
    • Una piattaforma didattica è uno spazio web, o meglio un sito, specificamente pensato e strutturato per gestire attività didattiche online via Internet.
    • Le piattaforme didattiche sono comunemente identificate con la sigla LMS “Learning Management System” ovvero “Sistema per la Gestione dell'Apprendimento”.
  • 3. Come funziona
    • Funziona come un programma residente non nel nostro computer ma in un server web, questi tipi di programma vengono comunemente definiti “application web”.
    • Questo programma si utilizza via Internet, con un normale browser tipo Firefox o Internet Explorer, senza installare nulla nel proprio computer, anzi sarà possibile utilizzarlo da qualsiasi computer collegato ad Internet e localizzato in qualsiasi parte del mondo.
  • 4. In pratica
    • In pratica è un ambiente Internet predisposto per gestire una serie di attività didattiche. In questo “contenitore” gli studenti posso trovare l'elenco dei corsi disponibili, sceglierne uno o più, effettuare eventuali operazioni di tipo amministrativo (una sorta di segreteria online), trovare lezioni e materiali da studiare, interagire con i docenti e gli altri studenti, sottoporre lavori, svolgere compiti anche collaborando con altri studenti e altro -
    • cfr articolo di Francesco Leonetti, LMS, CMS, MS, eccetera... , all'indirizzo http://www.espertoweb.it/articolo.php?id_articolo=lms_cms
  • 5. Tipi di piattaforme
    • Esistono diversi tipi di piattaforme didattiche commerciali e open source.
    • Le principali piattaforme commerciali, che necessitano l'acquisto dei diritti d'uso dell'applicazione da installare nello spazio web della scuola, sono Saba Learning Enterprise, Lotus Learning Space, WebCT Campus Edition, Docent Enterprise 1 .
    • Le principali piattaforme open source sono Moodle, Docebo, ATutor, Claroline, Dokeos, Ilias.
    • Proprio queste ultime sono le più diffuse tra le principali istituti di istruzione quali Università, Scuole etc.
    • Per un approfondimento delle principali piattaforme commerciali puoi consultare il sito dell'Osservatorio Tecnologico del Ministero dell'Istruzione a questo indirizzo http://www.osservatoriotecnologico.it/internet/e-learning/piattaforme_commerciali_e-learning.htm
  • 6. Moodle
    • “ Moodle è stato creato da Martin Dougiamas, in un Dottorato di ricerca studiò "L'uso dell'Open source per supportare un'epistemologia sociale costruttiva dell'insegnamento e dell'apprendimento nelle comunità di internet".
    • Rispetto ad altre piattaforme Moodle si caratterizza per un approccio di tipo costruttivista ., enfatizzando il fatto che gli studenti (non solo i professori) possano contribuire all'esperienza educativa in molti modi. Le caratteristiche di Moodle riflettono questo in vari aspetti progettuali, come il rendere possibile agli studenti il commentare i contenuti in un database (o contribuire all'inserimento di dati) o lavorare collaborativamente in un wiki.
    • La parola Moodle è un acronimo per Modular Object-Oriented Dynamic Learning Enviroment (Ambiente di Apprendimento Dinamico Modulare e Orientato ad Oggetti), anche se originariamente la M stava per "Martin", il nome del primo sviluppatore Martin Dougiamas.
  • 7. Le principali funzionalità di Moodle
    • Diamo per scontato che qualcuno, probabilmente l'amministratore dello spazio web della scuola, ha già installato Moodle, creato il nostro corso, il nostro utente e gli utenti per gli studenti. Vediamo le principali attività che il docente può gestire con Moodle:
      • scelta del formato del corso
      • forum
      • chat
      • risorse
      • compiti
      • glossario
      • wiki
      • compito
      • Quiz
      • Lezione
      • Risorse SCORM
      • report e valutazioni
  • 8. Ruoli in Moodle
    • Ogni utente registrato nella piattaforma didattica potrà svolgere attività e operazioni in base al ruolo ad esso attribuito (variabile tra corso e corso)
    • I ruoli sono molti e personalizzabili, I principali sono
      • Amministratore (ha la possibilità di fare qualsiasi cosa nella piattaforma)
      • Docente (gestisce un singolo corso inserendo attività e risorse, valutando I compiti etc.)
      • Studente (ususfruisce dell’attività didattica per lui predisposta)
  • 9. CRITICITA’ (alcune)
    • Gap tecnologico a livello di attrezzature e background da parte degli studenti... e dei docenti
    • Motivazione degli studenti... e dei docenti
    • Tempo necessario per la preparazione e la scelta dei materiali
  • 10. PUNTI DI FORZA (alcuni)
    • Possibilità di riutilizzo dei materiali (propri o materiali aperti prodotti da altri)
    • Sempre chiaro filo narrativo dell’attività didattica
    • Multimedialità e interattività
    • Coinvolgimento degli studenti

×