Il recupero di materia ed energia:     l’esperienza di TerniGreen          Perugia, 19 Aprile 2012
Disclaimer        This document has been prepared by TerniGreen solely for information purposes and for use in        pres...
Indice            Federico Zacaglioni         Head of Corporate Communication T.E.R.N.I. Research S.p.A.                 ...
Assetto Proprietario e Corporate Governance                                       T.E.R.N.I. Research S.p.A.              ...
Gli investimenti del Gruppo in Umbria al 1Q2012                                         Impianti                      Impi...
Sito industriale di Nera Montoro                  Infrastruttura / logistica  •   Distanza da uscita autostrada A1 (Orte):...
Recupero energetico da Energy efficiency e Renewables                                                    LIGHT AREAS      ...
Business model                 ENVIRONMENT                 green industry al servizio dell’ambiente                 Gestio...
Approccio Strategico         Un mix economico finanziario integrato ed equilibrato                       Capital Intensive...
Posizionamento strategico Green Industry                                       MAX     Minimizzazione           preferenza...
Modello di business Environment      Raccolta             Selezione                Trattamento/Riciclo                    ...
Piano investimenti 2012 - 2013Valore complessivo investimenti: 30 mln di euro                                             ...
Il mercato di riferimento: la digestione anaerobica (impianti a biogas)Produzione degli impianti a biogas(1999-2009)      ...
Il mercato di riferimento: recupero PFUProduzione PFU in Italia nel 2009                                       Destinazion...
Attività di “Recupero materiali” e “Recupero energetico” (1/2)                                       Impianto di recupero ...
Recupero di materia: Impianto PFUProcesso di riduzione volumetrica   R 13                             •   Capacità autoriz...
Recupero di materia: Impianto PFU: impieghi         ASFALTI MODIFICATI                   MATERIALE DA INTASO PER          ...
Attività di “Recupero materiali” e “Recupero energetico” (2/2)                           Impianto di compostaggio/digestio...
Impianto di digestione anaerobica con valorizzazione energetica    e di compostaggio e biostabilizzazione di rifiuti a mat...
Impianto di digestione anaerobica con valorizzazione energetica e di compostaggio e biostabilizzazione di rifiuti a matric...
Impianto di compostaggio/digestione anaerobica di Nera Montoro                                                            ...
Q&A      22
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Presentazione terni green_recupero-materia

1,048 views
934 views

Published on

Progettpo Wasman, convegno su "Contenere e riciclare". Relazione di TerniGreen. Perugia 19/04/2012

Published in: Investor Relations
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,048
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione terni green_recupero-materia

  1. 1. Il recupero di materia ed energia: l’esperienza di TerniGreen Perugia, 19 Aprile 2012
  2. 2. Disclaimer This document has been prepared by TerniGreen solely for information purposes and for use in presentations of the Group’s strategies and financials. The information contained herein has not been independently verified. No representation or warranty, express or implied, is made as to, and no reliance should be placed on, the fairness, accuracy, completeness or correctness of the information or opinions contained herein. Neither the company, its advisors or representatives shall have any liability whatsoever (in negligence or otherwise) for any loss howsoever arising from any use of this document or its contents or otherwise arising in connection with this document. The forward-looking information contained herein has been prepared on the basis of a number of assumptions which may prove to be incorrect and, accordingly, actual results may vary. This document does not constitute an offer or invitation to purchase or subscribe for any securities and no part of it shall form the basis of or be relied upon in connection with any contract or commitment whatsoever. The information herein may not be reproduced or published in whole or in part, for any purpose, or distributed to any other party. These materials do not constitute or form a part of any offer or solicitation to purchase or subscribe for securities. 2
  3. 3. Indice  Federico Zacaglioni Head of Corporate Communication T.E.R.N.I. Research S.p.A. 3
  4. 4. Assetto Proprietario e Corporate Governance T.E.R.N.I. Research S.p.A. 60,67% 41,5% (quota gruppo 63,47%) 100% 21,97% 62% 100% (1) 50% (2) TerniEnergia S.p.A.: NuovaTIC S.r.l.: • System Integration / EPC Proprietà degli impianti industriali del sito TerniGreen S.p.A.: • Power Generation di Nera Montoro (in precedenza polo • Decommissioning impianti industriali • Efficienza energetica chimico ex Gruppo ENI ed ex Yara) • Sistemi e servizi tecnologici • Bonifica terreni e depurazione acque • Trattamento FORSU con produzione di materia prima seconda (compost) ed energia • Recupero PFU (1) Attività di video-controllo e video-sorveglianza su impianti fotovoltaici (2) JV paritetica con ASM Terni S.p.A. 4
  5. 5. Gli investimenti del Gruppo in Umbria al 1Q2012 Impianti Impianti FV Industriali € 73,9 mln ambientali € 16,5 mln Immobili, Infrastrutture R&D e attrezzature € 1 mln € 16,8 mln
  6. 6. Sito industriale di Nera Montoro Infrastruttura / logistica • Distanza da uscita autostrada A1 (Orte): 5 Km • Presenza di stazione ferroviaria Nera Montoro • Raccordo ferroviario interno Potenziale di sviluppo futuro • Superficie complessiva: 24 Ha • Superficie coperta: 2,3 Ha • Volume di stoccaggio: 7.000 m3 (espandibili a 20.000 m3) L’implementazione delle attività previste nel piano industriale porterà all’occupazione di circa 13.000 m.q. coperti ulteriormente espandibili a condizioni vantaggiose rispetto a quelle di mercato 6
  7. 7. Recupero energetico da Energy efficiency e Renewables LIGHT AREAS Intervento di efficienza energetica illuminotecnica dell’area industriale realizzato per Nuova TIC Srl da Lucos Alternative Energies, società del Gruppo TerniEnergia • 401 punti luce • Riduzione dei consumi annui: da 385.005 kWh a circa 142.619 kWh (63%) • Energy saving 10 anni: 2,8 milioni di kWh. • Risparmi ambientali/anno: 53,4 tonnellate equivalenti di petrolio (TEP), 369 barili di petrolio, 150 tonnellate di CO2. • Investimento FTT: Euro 0,4 milioni, comprensivo del contratto decennale di operation & maintenance. PV ROOFTOP PLANTS Impianto fotovoltaico di potenza complessiva installata di circa 1 MWp su una superficie complessiva di 12.500 mq • Aree coperte: immobili Palazzina Direzionale, Magazzino centrale, Officina meccanica e Biodigestore GreenAsm; • Produzione anno: 1,15 milioni di kWh, 20% dei consumi dello stabilimento; • Riduzione delle emissioni: 700 tonnellate/anno di CO2; • Utilizzo di moduli e celle made in Italy; • Investimento: Euro 2,6 milioni.
  8. 8. Business model ENVIRONMENT green industry al servizio dell’ambiente Gestione di impianti industriali nei settori: • Waste Management • Recupero materia • Recupero energetico • Depurazione acque • Trattamento rifiuti speciali Fornitura di servizi nei settori: • Decomissioning industriale • Bonifica suoli • Recupero metalli CLEANTECH tecnologia al servizio dell’ambiente Sviluppo prodotti e fornitura servizi per: • Incremento dell’uso razionale di energia • Monitoraggio ambientale • Awareness security • Smart metering • Gestione dell’erogazione di energia programmata 8
  9. 9. Approccio Strategico Un mix economico finanziario integrato ed equilibrato Capital Intensive Short Term Cash Generating Business Business 9
  10. 10. Posizionamento strategico Green Industry MAX Minimizzazione preferenza / accettazione Riutilizzo Livello di Riciclo e compostaggio Recupero materia e/o energia MIN Smaltimento 10
  11. 11. Modello di business Environment Raccolta Selezione Trattamento/Riciclo Smaltimento PFU** BIOMASSE E E ALTRI BONIFICA REFLUI FORSU* METALS RIFIUTI ATTIVITA’ ZOOTECNICI SPECIALI • Decommissioning  Riutilizzo materiali siti industriali • Impianti • Impianti PFU e Impianti di  Recupero materiali compostaggio verticalizzazione • Impianto di trattamento rifiuti speciali • Impianto di depurazione reflui industriali • Impianto a • Impianto digestione  Recupero energetico biomasse anaerobica • Impianto depurazione acque di falda  Bonifica contaminate/fanghi; • Bonifica terreni contaminati. * FORSU: Frazione organica rifiuti solidi urbani ** PFU: Pneumatici fuori uso 11
  12. 12. Piano investimenti 2012 - 2013Valore complessivo investimenti: 30 mln di euro 1Q 2Q 3Q 4Q 1Q 2Q 3Q 4Q Biodigestore di Nera Montoro 43.500 4,8 Impianto compostaggio di Calimera 30.000 Impianto a biomasse di Borgosesia 8.000 5,4 Impianto di PFU 20.000 Impianto di verticalizzazione PFU - Colorazione 3.800 Impianto di verticalizzazione PFU - Tappeto 3.800 Impianto di PFU 20.000 Impianto di depurazione reflui industriali 65.000 Impianto trattamento rifiuti speciali 20.000 12
  13. 13. Il mercato di riferimento: la digestione anaerobica (impianti a biogas)Produzione degli impianti a biogas(1999-2009) Numero/potenza degli impianti a biogas (1999-2009) 2.000 1.800 1.740 1.600 1.600 600 300 1.447 273 1.400 1.336 500 239 250 1.200 1.170 1.198 215 208 1.033 190 378 Numero impianti 400 366 200 GWh 1.000 943 174 180 347 149 310 284 MW 800 300 131 268 150 684 257 119 583 566 224 600 103 198 200 180 100 400 143 100 50 200 0 0 0 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 • La produzione annua di energia elettrica da biogas è passata da 583 • Tra il 1999 e il 2009, il numero di impianti in Italia è aumentato da 103 GWh nel 1999 a 1.740 GWh nel 2009 (CAGR del 12%). nel 1999 a 273 nel 2009 ad un tasso medio annuo di crescita (CAGR) del 10% • Anche la potenza installata è aumentata da 143 MW a 378 MW con un CAGR del 10% • Nel 2009 la dimensione media unitaria degli impianti a biogas in Italia era pari a 1,4 MW Fonte Rapporto Biomasse 2009, GSE 13
  14. 14. Il mercato di riferimento: recupero PFUProduzione PFU in Italia nel 2009 Destinazione PFU in Italia nel 2009 Flussi non controllati Autocarro 25% 6% Autovettura 85% Mezzi a due Recupero ruote energetico 8% 55% Mezzi industriali e agricoli Recupero 1% materiale 20% I PFU prodotti annualmente in Italia sono circa 350 mila tonnellate, Della quantità di PFU prodotta nel 2009, circa la metà è stata destinata al frutto della vendita di pneumatici pari a: recupero energetico, il 20% è stata recuperata come materia prima seconda per utilizzi urbani e industriali (dato pari alla metà della media • 30 milioni per autovetture; Europea) e il 25% si è dispersa in traffici o pratiche illegali. • 2 milioni per autocarri; • 3 milioni per mezzi a 2 ruote; Attualmente in Italia esistono 12 impianti di recupero PFU: secondo • 200 mila per mezzi ind.li e agricoli. stime di Ecodama Consulting per smaltire la quantità di PFU prodotta in Italia ne servirebbero 67 Fonte Ecopneus 14
  15. 15. Attività di “Recupero materiali” e “Recupero energetico” (1/2) Impianto di recupero PFU di Nera Montoro (Narni – TR) • Autorizzazione Unica già ottenuta impianto in esercizio dal 3 ottobre 2011 • Capacità: 4 ton /h e 26.000 ton/anno • Tecnologia: Riduzione degli PFU in polvere e/o granuli separando la gomma dall’acciaio e dalla fibra di poliestere contenuti negli pneumatici. • Business ad elevata marginalità (ricavi da conferimento rifiuti in entrata, ricavi da vendita materia prima seconda e bassi costi di smaltimento) Materia Prima Conferitore Impianto degli PFU Gate-fee Vendita Seconda (polverino, recupero PFU granulato) 26.000 ton/anno 7.500 ton/anno capacità iniziale su un turno giornaliero di 8 ore per poi passare a 2 o 3 turni 15
  16. 16. Recupero di materia: Impianto PFUProcesso di riduzione volumetrica R 13 • Capacità autorizzata 26.000 ton/anno (4 ton/h) • R 12 Ciabatta 15 cm x 15 cm • Granulo 0,8 mm ≈ 2.5 mm R3 2.5 mm ≈ 4 mm • Polverino 0 mm≈0,8 mm SCARTI • Scarti ≈ 30%-35% 16
  17. 17. Recupero di materia: Impianto PFU: impieghi ASFALTI MODIFICATI MATERIALE DA INTASO PER MATERIALE PER polverino aggiunto a SUPERFICI SPORTIVE LISOLAMENTO TERMICO, conglomerati bituminosi granulato – propr.drenanti, ACUSTICO, IDRAULICO durabilità, silenziosità, aderenza assorbimento urti granulato legato a miscele in frenata poliuretaniche MATERIALE PER PACCIAMATURA RIUTILIZZO IN MESCOLE RIGENERAZIONE cippato rivestito con resine polverino – miscelato al materiale polverino e granulato poliuretaniche e colorato. plastico per produzione di articoli devulcanizzazione , riciclo tecnici e mescole di pneumatici completo dei polimeri 17
  18. 18. Attività di “Recupero materiali” e “Recupero energetico” (2/2) Impianto di compostaggio/digestione anaerobica di Nera Montoro (Narni – TR) • Impianto autorizzato con AIA (Entrata in esercizio a partire dal2H2012); • Capacità: trattamento di 43.500 ton/anno di rifiuti; • Posizione: area ind.le di 24 Ha (sito Nera Montoro) in prossimità del casello autostradale di Orte sulla A1; • Gestore: JV paritetica tra TerniGreen e ASM Terni SpA che gestisce la raccolta differenziata nel sub-ambito ternano. Conferitore Impianto Compost del rifiuto Gate-fee No costi in uscita (non più rifiuto) compostaggio/DA ASM Terni SpA 23.500 ton/anno 15.000 ton/anno 4,8 GWh/anno Comuni limitrofi 20.000 ton/anno Ceduta alla tariffa omnicomprensiva di 280 Produzione biogas / €/MWh per 15 anni* energia elettrica * Per impianti realizzati entro il 31 dicembre 2012 18
  19. 19. Impianto di digestione anaerobica con valorizzazione energetica e di compostaggio e biostabilizzazione di rifiuti a matrice organica Linee di processo del sistema impiantistico sistema di digestione anaerobica con sistema di trattamento aerobico e produzione di biogas biostabilizzazione trattamento anaerobico della frazione  trattamento aerobico del digestato organica da raccolta differenziata ottenuto dalla fase anaerobica con (forsu),verde e sfalci di potature (verde) e produzione di compost di qualità. dei fanghi civili (fanghi) e altre matrici  biostabilizzazione della frazione organiche con produzione di biogas organica da selezione meccanica dei rsu residuali (fop) con produzione di biostabilizzato 19
  20. 20. Impianto di digestione anaerobica con valorizzazione energetica e di compostaggio e biostabilizzazione di rifiuti a matrice organica Vantaggi delle due fasi di processo• Emissioni zero CO2, no incenerimento ; • Eccellente controllo del processo;• No percolato; • Riduzione dei tempi per avere il prodotto maturo;• No consumo territorio; • Flessibilità di trattamento dei materiali• Recupero delle potenzialità dei fanghi e in entrata; della Forsu ;• La digestione assicura il miglioramento del • Flessibilità su qualità e tipo di compost; bilancio energetico dellimpianto; • Avanzato controllo delle emissioni odorigene;• Miglior controllo delle emissioni olfattive, nei digestori e in biotunnel, chiusi • Assenza di apparecchiature nei locali ermeticamente; (no corrosione);• Il biogas riutilizzato per produrre energia • Trattamento tutto al chiuso; pulita e rinnovabile e sostituire i • Prezzo competitivo sia riguardo ai costi combustibili fossili; di investimento che a quelli desercizio. 20
  21. 21. Impianto di compostaggio/digestione anaerobica di Nera Montoro 21
  22. 22. Q&A 22

×