Excelsior 2009

446 views

Published on

breve resoconto del rapporto excelsior di unioncamere 2009

Published in: Career
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
446
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Excelsior 2009

  1. 1. Rapporto Excelsior 2009 Alcune considerazioni sul mondo del lavoro basate sulle richieste delle aziende
  2. 2. Cosa è L’Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura, in collaborazione con il Ministero del Lavoro e con l’Unione Europea, realizza, a partire dal 1997, il “Sistema informativo per l’occupazione e la formazione” Excelsior, che ricostruisce annualmente il quadro previsionale della domanda di lavoro e dei fabbisogni professionali e formativi espressi dalle imprese, fornendo indicazioni di estrema utilità soprattutto per supportare le scelte di programmazione della formazione, dell’orientamento e delle politiche del lavoro.
  3. 3. Come viene realizzato Grazie ad una indagine svolta in ogni provincia italiana dalle locali sedi delle Camere di Commercio con interviste dirette o telefoniche ad oltre 100.000 imprese di ogni settore economico e dimensione. E' una delle maggiori indagini statistiche fatte in Italia e rappresenta lo strumento informativo più completo disponibile in Italia per la conoscenza dei fabbisogni professionali e formativi delle imprese.
  4. 4. Cosa viene chiesto Per ogni impresa vengono rilevati i programmi di assunzioni di personale dipendente per i dodici mesi successivi e le relative uscite (per pensionamenti, scadenze di contratto, ecc.). Per le assunzioni sono raccolte informazioni analitiche sulle caratteristiche del personale che l’impresa intende acquisire.
  5. 5. A cosa serve - 1 Le informazioni disponibili sono un fondamentale supporto conoscitivo per: 1. la misurazione della domanda effettiva di professioni nei diversi bacini di lavoro territoriali, in modo da fornire un supporto informativo a quanti - enti pubblici o privati - si trovano impegnati nell’orientare l’offerta di lavoro verso le esigenze espresse dalla domanda o nel favorire l’incontro diretto e puntuale tra domanda ed offerta di lavoro;
  6. 6. A cosa serve - 2 2. l'indirizzo delle scelte dei decisori istituzionali in materia di politiche e programmazione della formazione scolastica e professionale, nonché degli operatori della formazione a tutti i livelli, offrendo informazioni dettagliate sui bisogni di professionalità espressi dalle imprese per il breve e il medio termine; 3. l’orientamento dei giovani che, a conclusione del proprio percorso di formazione, necessitano di informazioni di spendibilità immediata sulle tendenze evolutive del mercato del lavoro in generale e sulle professioni più richieste in particolare .
  7. 7. Alcuni dati dal rapporto 2009
  8. 8. Chi delocalizza? Meno del 10% delle aziende con meno di 250 dipendenti Oltre il 32% delle aziende con più di 500 dipendenti.... Praticamente una grande azienda su tre licenza in Italia e porta la produzione all'estero!
  9. 9. Assunzioni previste 2008: 827.890 * 2009: 523.620 * (tra crisi e delocalizzazioni...) Tra l'11 e il 17% saranno immigrati * non stagionali
  10. 10. Tipologie di contratti Totale assunzioni: 523.620 Tempo indeterminato: 251.710 (48%) Tempo determinato: 212.510 * (40%) Apprendistato: 47.120 * Inserimento: 8.250 * Altri tipi: 4.030 * * Nel corso del 2008 il 18,8% dei dipendenti sono stati riassunti a tempo indeterminato
  11. 11. Livelli di istruzione Universitario 62.640 (12%) Secondario e post secondario 221.830 (42%) Professionale di stato 39.960 (~8%) Corsi regionali di form. Professionale 43.100 (~8%) Scuola dell'obbligo 159.260 (30%) Solo il 12% delle nuove assunzioni prevede il livello più elevato di istruzione.
  12. 12. Le lauree... Nel rapporto vengono evidenziate le tipologie di lauree più richieste nel nostro Paese. Sarebbe interessante incrociare i dati di questa ricerca con le immatricolazioni e i laureati che escono ogni anno dalle nostre Università... Per esempio: vengono richiesti 610 psicologi nel 2009, ma quante persone si laureano in psicolgia all'anno?
  13. 13. Classi di età Su 523.620 assunzioni previste Fino a 24 anni 10,2 % 25-29 anni 26,6 % 30-44 anni 28,1 % 45-54 anni 3,3 % Oltre 55 anni 0,6 % Non rilevante 31,2 %
  14. 14. Settori e territorio Industria 180.450 (settori più importanti: meccanica e trasporti, metalli, alimentari e tabacchi, tessili, abbigliamento e calzature) Servizi 343.170 (settori più importanti: commercio al dettaglio, alberghi, ristoranti e turismo, operativi a imprese e persone) Sul territorio: Nord Ovest 149.450 Nord Est 121.320 Centro 104.680 Sud e isole 148.170
  15. 15. Classe dimensionale Dipendenti assunzioni 1-9 216.110 10-49 86.590 50-249 71.430 250-499 29.410 Oltre 500 120.080 Le PMI sono il perno della nostra economia!
  16. 16. Assunzioni di difficile reperimento Oltre 107.270 figure professionali vengono considerate di „difficile reperimento” dalle aziende italiane in particolari settori. Fra questi: industrie dei metalli, meccaniche e dei trasporti, alimentari e bevande; sanità e servizi sanitari, alberghi, ristoranti e turismo, commercio al dettaglio
  17. 17. E gli stagionali... Oltre ai 523.620 (futuri) dipendenti di cui abbiamo parlato, le aziende richiederanno anche 257.980 persone per lavori stagionali...
  18. 18. Fonti - Unioncamere-Ministero del Lavoro, Sistema Informativo Excelsior 2009 - ISTAT, Università e lavoro: orientarsi con la statistica, Edizione 2009

×