Primavera a Palazzo - Gorgonzola MI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Primavera a Palazzo - Gorgonzola MI

on

  • 529 views

 

Statistics

Views

Total Views
529
Views on SlideShare
529
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Primavera a Palazzo - Gorgonzola MI Primavera a Palazzo - Gorgonzola MI Document Transcript

    • Primaveraa Palazzoseconda edizionearte - musica - teatro13 aprile - 23 giugno 2013Piazza della Repubblica - Gorgonzolaassociazione culturalecon il patrocinio del Comune di Gorgonzola
    • Mi sembra molto buona l’idea di riunire in un’unica manifestazione variearti (cultura, fotografia, musica, teatro) che dialogano tra di loro e con glispettatori.“Primavera a Palazzo” ha avuto nel 2012 un grande successo di pubblicoe di critica e mi sembra giusto non solo riproporla, ma farla diventare unatradizione per la nostra città.Credo molto nell’investimento pubblico in arte e cultura, ma penso che siafondamentale l’apporto dei privati.La neonata “Associazione culturale Palazzo Pirola”, a cui dò il benvenuto eche già ringrazio, si occuperà della gestione e delle manifestazioni nel nostrogioiello espositivo.Walter BaldiSindaco di GorgonzolaAnche questa primavera riapriamo le porte di Palazzo Pirola.L’esperienza positiva dell’anno passato ha motivato il desiderio e l’esigenzadi fondare un’associazione culturale ufficializzandone la nascita nel 2013.Il nostro proposito rimane quello di ridestare l’interesse, la curiosità nelterritorio attraverso una protagonista indiscussa: l’arte. Poterla rendereaccessibile a chiunque desideri lasciarsi trasportare dalle melodie di unconcerto, emozionare da una mostra di pittura o fotografia, sorprenderedall’improvvisazione di una performance teatrale, questo il nostro obiettivo.Palazzo Freganeschi-Pirola rende, con la sua storia, le sue sale e i suoiaffreschi, ancor più emozionante e intenso il rapporto tra opera d’arte evisitatore.L’espressione della creatività degli artisti che quest’anno vi faremo conoscere,sarà capace di muovere sensazioni attraverso forme molto differenti fra loro.Dieci inviti per vedere, ascoltare e magari stupirsi.Il programma si snoderà sempre nei fine settimana dal 13 aprile al 23 giugno.Associazione culturale Palazzo Pirolaassociazione culturaleCittà di Gorgonzola
    • L’associazione culturale Palazzo Pirola nata nelgennaio del 2013, si propone di tutelare e di curaregli spazi espositivi di Palazzo Freganeschi-Pirola diproprietà del Comune di Gorgonzola.L’associazione intende inoltre proporre PalazzoFreganeschi-Pirola come luogo d’incontro e diaggregazione nel nome di comuni interessi culturali,allo scopo di incentivare le occasioni d’incontro e lerelazioni sociali per un arricchimento personale deipropri soci e della collettività.L’intento è quello di favorire la creatività in diversiambiti espressivi ampliando la conoscenza dellacultura musicale, letteraria e artistica in genere,attraverso contatti fra persone, enti e associazioni.Gli spazi saranno anche un punto d’incontro perpromuovere la valorizzazione del nostro territorioorganizzando laboratori artistici, formativi e di ricerca.Chiunque desideri collaborare e associarsi èbenvenuto. Si accettano idee, proposte e sostegnoall’indirizzo e-mail soci@palazzopirola.itl’associazione culturalepalazzo pirola
    • 13 aprile - 23 giugnoorari“Primavera a Palazzo”ore 18.00martedì-venerdì: 17.00-19.00sabato e domenica: 10.00-12.00 / 16.00-19.00lunedì: chiusoinaugurazione eventiespositiviapertura palazzofreganeschi-pirolaPalazzo Freganeschi-Pirola • Piazza della Repubblica (angolo vicolo Filippo Corridoni)www.palazzopirola.it • info@palazzopirola.it
    • 13 aprile - 27 aprileLe città che ci aspettanoLo sguardo umano rivela l’intimo nelle differenti dimensioni urbaneRassegna che accomuna quattro fotografi diversi performazione, età e poetica che si sono misurati con iltema della dimensione urbana vissuta sia nelle sue realiconnotazioni, sia in quelle intimamente metaforiche.Michela Bernasconi esalta l’audacia architettonica conimmagini attraversate da graffi, linee, che svettano sottocieli minacciosi, mentre Tono Mucchi modifica l’aspettodi facciate di edifici milanesi murando alcune finestre oaprendone altre su improbabili paesaggi esotici. EnricoCerretelli e Luciano Bobba ci parlano di New York: l’unoattraverso murales e graffiti, l’altro grazie ai riflessi che cirestituiscono frammenti di modernità.Michela BernasconiLuciano BobbaEnrico CerretelliTono MucchiTeatribùscuola di teatro e agenziad’improvvisazione teatralesabato 20 aprile - ore 21.00Real gamesIl gioco dell’improvvisazioneSpettacolo fatto da, con e per il pubblico, crea un totalecoinvolgimento poiché saranno colti “al volo” gli spuntisuggeriti dal pubblico stesso e trasformati dai giocAttoriin performance creative e artistiche.Basterà una semplice parola per far nascereun’improvvisazione.Basterà un colore, un’emozione o un numero per farnepartire subito un’altra.Tutto è sempre suggerito dal pubblico, tutto è sempreinerente al “tema” della serata.
    • sabato 11 maggio - ore 21.00Jazz session1 maggio - 15 maggioNovecentoDa Sironi a FontanaLa collezione che presentiamo è costituita da opereparadossalmente diverse, a volte contraddittorie, da cuiemerge però un tratto comune, il coraggio della ricercaper la cultura internazionale del XX secolo.Protagonisti indiscussi che hanno saputo creare unconfronto dialettico con le novità formali introdotte daimovimenti internazionali sin dai primi decenni.Dai fondatori del gruppo del Novecento, che nellaMilano degli anni Venti e Trenta ritornarono al figurativoe all’arte antica, agli artisti che nel secondo dopoguerrarifondarono i linguaggi visivi.Sono qui ben rappresentati gli artefici di movimentiartistici che tra gli anni Cinquanta e Sessanta crearonoun nuovo concetto di spazialità.Massimo CampigliFelice CasoratiFilippo De PisisMario Sironiprimo novecentoRoberto CrippaGianni DovaLucio FontanaspazialistiAgostino BonalumiEnrico CastellaniDadamainoazimutGruppo che offre spontaneità, dialogo ed energia.Grandi e piccole canzoni stimolano le improvvisazionidei cinque musicisti in un gioco in tempo reale cheregala sempre delle sorprese: piccoli viaggi nel mondodei suoni, del pulsare e zigzagare del ritmo e nel fluiredel tempo.Simona SeverinivoceGiacomo TringalivibrafonoMario ManducichitarraCristiano Da RoscontrabbassoFilippo Monicobatteria
    • 18 maggio - 5 giugnoAliensLe forme alienanti del contemporaneoGli artisti sono chiamati a esprimere, attraverso laloro tecnica e concettualità, la tematica riguardantel’alienazione umana.“Le identità sono sempre più provvisorie e legatealle funzioni transitorie degli utenti dei vari sistemi:stradale, commerciale, bancario, ecc... Siamo soli ma altempo stesso accomunati agli altri da relazioni di tipocontrattuale o da norme prescrittive. L’esercizio di questepratiche solipolistiche ha trasformato la coesistenzasociale in un arcipelago di individualità contigue madistinte, sostanzialmente indifferenti le une alle altre.”Trentadue artisti fra i qualiquattordici presenti adalmeno una edizione dellaBiennale Arti Visive diVenezia; tre segnalati dalCorriere della Sera comemigliori artisti del 2012;uno presente con operein permanenza pressoil museo mart di Rovereto,uno dei migliori ventimusei al mondo.a cura del magazineFrattura Scompostawww.fratturascomposta.itL’Orchestra Giovanile Crescendo, con la partecipazionedi giovani narratori, presenta uno spettacolo in cui suonie parole, melodia, ritmo e racconto si uniscono percondurci, tra follia e saggezza, nel mondo cavallerescoe al tempo stesso dolcemente malinconico del Cavalieredalla Trista Figura e del suo fido scudiero.Crescendoorchestra giovanileJudit Földesdirettoresabato 25 maggio - ore 21.00Don chisciotte della ManciaSuite musicale per voci narranti e strumenti di Miguel de CervantesMusiche di Georg Philipp TelemannDa 25 anni la Corale si prepara, si aggiorna e realizza conpassione repertori che spaziano dal medioevo agli autoricontemporanei della musica sacra e profana nella ricercadi emozioni sempre nuove.Corale Santa Ceciliacoro polifonicoLuisella Grandimaestrosabato 1 giugno - ore 21.00Viaggio nella musica tra i secoli
    • 8 giugno - 23 giugno2013/15 Natura permanente e la CuraProgetto Dieci.due! International research contemporary art, MilanoLa Natura, presente prima dell’essere umano, vienesuggerita quale punto di partenza, una bussola perproiezioni future, tempo e mutamenti infiniti nella costantedegli elementi permanenti, partendo dall’Aria e dall’Acquae il Luogo/memoria, le tracce/esistenza, le mappe perripensare tutto con sensibilità, spiritualità, nuove percezioniper nuovi intenti. Citando Eleonora Fiorani: “L’arte abita ilterritorio, l’arte abita lo spazio e il tempo si collegano ivari spazi del territorio, si crea la struttura unitaria tra i varispazi ed i tempi rapporto con la memoria, progettazionedel futuro arte che produce narrazioni e quindi risignifica iluoghi riannodando i fili interrotti”.Trentacinque artisti peruna mostra collettiva d’artecontemporanea e stanzalaboratorio progetti futuria cura diGiovanna MaulinoMaria Rosa Pividoritesto diEleonora Fioraniwww.diecipuntodue.itsabato 22 giugno - ore 21.00Hard groundMusic & puppets a cura dell’associazione culturale Quintospaziosabato 15 giugno - ore 21.00Uncle jasse Rocks the squareLa band nasce nell’estate del 2010. Cinque musicisticon esperienza e un solo obiettivo: proporre un grandeshow fatto di sudore ed energia ”dannatamente rock”!Suonano nei migliori locali della Lombardia con un soloscopo: divertire gli altri divertendo se stessi.Il repertorio di cover, dai brani più famosi ai più ricercati,soddisfa tutti i palati di un pubblico amante della musicasuonata con passione e adrenalina.Massimo Di Lucavoce e armonicaRoberto PinneriMichele Trottachitarra e coriDiego Gattobasso e coriAndrea RuccibatteriaVisual performance liberamente ispirata al poemetto diTom Waits “Seeds on hard ground”.Esistenze ai margini che animano scene per pupazzi,ombre, voci, dal fondo della dura terra.Max MarchesimusichePaola BassaniSerena Croccocostruzione e animazioneGiulia Frovavideografie