Your SlideShare is downloading. ×
0
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Alba del '900
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Alba del '900

744

Published on

Caratteri dell'industrializzazione italiana con esempi locali e non. Cultura ed immaginario della Belle Epoque

Caratteri dell'industrializzazione italiana con esempi locali e non. Cultura ed immaginario della Belle Epoque

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
744
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Storia del NovecentoSocietà Cultura politica
  • 2. I lezione
  • 3. Agricoltura estensiva Agricoltura intensiva (frumento ...) (ortaggi, frutta, vite, olio ...) scarso investimento alto investimento poca manodopera molta manodopera pochi rischi molti rischiscarso collegamento al mercato forte collegamento a mercato ed (come lautoconsumo) industria latifondo piccole proprietà basso reddito alto reddito
  • 4. Fattori dellindustrializzazionedisponibilità di materie prime e fonti di energiasviluppo commerciale e disponibilità di capitali infrastrutture (strade, porti, ferrovie*) ricerca scientifica e tecnologica borghesia al potere meccanizzazione dellagricoltura (disponibilità di manodopera)
  • 5. 1912
  • 6. Frederick Winslow Taylor
  • 7. 1911
  • 8. Industrie in Europa a fine Ottocento
  • 9. Andamento demografico 1958-79
  • 10. Durante la Belle Époque (prosperità, progresso e pace),leconomia si trasforma con grandi imprese, come la moderna industria meccanica (Fiat 1899, Olivetti 1908) ed elettrica.Anche le industrie tradizionali, stoffe di cotone e di lana o alimentari, diventano più grandi e complesse.
  • 11. ex teatro di Santa Radegonda
  • 12. Ling. Giuseppe Colombo, politecnico di Milano, aveva visitato la Mostra InternazionaledellElettricità di Parigi nella primavera del 1881ed aveva subito iniziato dei contatti commercialicon la Compagnie Continental Edison di Parigi,che curava gli interessi di Edison in Europa, per acquistare a buon prezzo i macchinari che laEdison aveva portato a Parigi per l’Esposizione.Con il sostegno di alcune banche, fonda a Milano il Comitato Promotore per lApplicazione dellEnergia Elettrica in Italia.
  • 13. Nel 1882, il comitato acquista il vecchio teatro di Santa Radegonda per installarvi le dinamo Edison.La notte di Santo Stefano del 1883, i generatori diSanta Radegonda, in occasione della prima della "Gioconda" di Ponchielli, illuminano il Teatro alla Scala con 2.880 lampade ad incandescenza.
  • 14. in quei giorni, il Corriere della Sera scrisse:"Dellilluminazione non esageriamo punto dicendo che ha veramente meravigliato. Coloro che sipropongono di applicare lilluminazione elettrica sugrande scala nella nostra città hanno vinto iersera una grande battaglia."
  • 15. Agli inizi del Novecento, le città cambiano volto: fabbriche e uffici case operaie e tramway automobili, biciclette e illuminazione elettrica
  • 16. Suffragio universale maschile: (1792 Rivoluzione Francese) 1848 Francia (1893 Nuova Zelanda, anche femminile) 1890 Francia, Germania, Svizzera e Spagna 1893 Belgio 1898 Norvegia 1907 Impero Austro-ungarico; Norvegia e Finlandia (anche femminile) 1912 Italia (con limitazioni)1918 Stati Uniti, Gran Bretagna (anche femminile, GB da 30 anni) 1946 Francia e Italia (anche femminile) 1971 Svizzera (anche femminile)
  • 17. Partiti di opinione Partiti di massa (o delite)organizzazione solo elettorale struttura permanente e radicata nel territorio (apparati, federazioni, sezioni) riferimento ad interessi ideologia stabile ed assoluta temporaneiappartenenza sociale fluttuante forte identità di classe (o ristretta) es. partito liberale es. partito socialista o cattolico (Destra e Sinistra Storiche)
  • 18. Liberalismo Democrazia Socialismoprincipio: insufficienza delle leggi di insufficienzaautoregolazione del mercato mercato, necessità di un delluguaglianza politica (legge della governo delleconomia domanda/offerta)conseguenza: suffragio universale abolizione della proprietàsuffragio ristretto alle privatacategorie più abbienti (tutti gli interessi devono(i loro interessi coincidono essere rappresentati nello (uguaglianza reale)con quelli dellintera società) stato) “più mercato, meno stato” lo stato controlla leconomia tutta leconomia nelle mani “più stato, meno mercato” dello stato (comunismo) uguaglianza di partenza uguaglianza (riduzione delle nessuna differenza sociale e differenze sociali di arrivo differenze sociali) come nessuna concorrenza positività della concorrenza punto di arrivo concorrenza da controllare sistema elettorale sistema elettorale (socialdemocrazia riformista maggioritario proporzionale e comunismo rivoluzionario) monarchia costituzionale monarchia parlamentare
  • 19. R R
  • 20. 1893
  • 21. II lezionela Grande Guerra
  • 22. http://www.tessarolo.co.nr
  • 23. Storia del NovecentoSocietà Cultura politica
  • 24. I lezione
  • 25. Agricoltura estensiva Agricoltura intensiva (frumento ...) (ortaggi, frutta, vite, olio ...) scarso investimento alto investimento poca manodopera molta manodopera pochi rischi molti rischiscarso collegamento al mercato forte collegamento a mercato ed (come lautoconsumo) industria latifondo piccole proprietà basso reddito alto reddito
  • 26. Fattori dellindustrializzazionedisponibilità di materie prime e fonti di energiasviluppo commerciale e disponibilità di capitali infrastrutture (strade, porti, ferrovie*) ricerca scientifica e tecnologica borghesia al potere meccanizzazione dellagricoltura (disponibilità di manodopera)
  • 27. 1912
  • 28. Frederick Winslow Taylor
  • 29. 1911
  • 30. Industrie in Europa a fine Ottocento
  • 31. Andamento demografico 1958-79
  • 32. Durante la Belle Époque (prosperità, progresso e pace),leconomia si trasforma con grandi imprese, come la moderna industria meccanica (Fiat 1899, Olivetti 1908) ed elettrica.Anche le industrie tradizionali, stoffe di cotone e di lana o alimentari, diventano più grandi e complesse.
  • 33. ex teatro di Santa Radegonda
  • 34. Ling. Giuseppe Colombo, politecnico di Milano, aveva visitato la Mostra InternazionaledellElettricità di Parigi nella primavera del 1881ed aveva subito iniziato dei contatti commercialicon la Compagnie Continental Edison di Parigi,che curava gli interessi di Edison in Europa, per acquistare a buon prezzo i macchinari che laEdison aveva portato a Parigi per l’Esposizione.Con il sostegno di alcune banche, fonda a Milano il Comitato Promotore per lApplicazione dellEnergia Elettrica in Italia.
  • 35. Nel 1882, il comitato acquista il vecchio teatro di Santa Radegonda per installarvi le dinamo Edison.La notte di Santo Stefano del 1883, i generatori diSanta Radegonda, in occasione della prima della "Gioconda" di Ponchielli, illuminano il Teatro alla Scala con 2.880 lampade ad incandescenza.
  • 36. in quei giorni, il Corriere della Sera scrisse:"Dellilluminazione non esageriamo punto dicendo che ha veramente meravigliato. Coloro che sipropongono di applicare lilluminazione elettrica sugrande scala nella nostra città hanno vinto iersera una grande battaglia."
  • 37. Agli inizi del Novecento, le città cambiano volto: fabbriche e uffici case operaie e tramway automobili, biciclette e illuminazione elettrica
  • 38. Suffragio universale maschile: (1792 Rivoluzione Francese) 1848 Francia (1893 Nuova Zelanda, anche femminile) 1890 Francia, Germania, Svizzera e Spagna 1893 Belgio 1898 Norvegia 1907 Impero Austro-ungarico; Norvegia e Finlandia (anche femminile) 1912 Italia (con limitazioni)1918 Stati Uniti, Gran Bretagna (anche femminile, GB da 30 anni) 1946 Francia e Italia (anche femminile) 1971 Svizzera (anche femminile)
  • 39. Partiti di opinione Partiti di massa (o delite)organizzazione solo elettorale struttura permanente e radicata nel territorio (apparati, federazioni, sezioni) riferimento ad interessi ideologia stabile ed assoluta temporaneiappartenenza sociale fluttuante forte identità di classe (o ristretta) es. partito liberale es. partito socialista o cattolico (Destra e Sinistra Storiche)
  • 40. Liberalismo Democrazia Socialismoprincipio: insufficienza delle leggi di insufficienzaautoregolazione del mercato mercato, necessità di un delluguaglianza politica (legge della governo delleconomia domanda/offerta)conseguenza: suffragio universale abolizione della proprietàsuffragio ristretto alle privatacategorie più abbienti (tutti gli interessi devono(i loro interessi coincidono essere rappresentati nello (uguaglianza reale)con quelli dellintera società) stato) “più mercato, meno stato” lo stato controlla leconomia tutta leconomia nelle mani “più stato, meno mercato” dello stato (comunismo) uguaglianza di partenza uguaglianza (riduzione delle nessuna differenza sociale e differenze sociali di arrivo differenze sociali) come nessuna concorrenza positività della concorrenza punto di arrivo concorrenza da controllare sistema elettorale sistema elettorale (socialdemocrazia riformista maggioritario proporzionale e comunismo rivoluzionario) monarchia costituzionale monarchia parlamentare
  • 41. R R
  • 42. 1893
  • 43. II lezionela Grande Guerra
  • 44. http://www.tessarolo.co.nr

×