• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Servizi per la non autosufficienza nelle Marche
 

Servizi per la non autosufficienza nelle Marche

on

  • 640 views

 

Statistics

Views

Total Views
640
Views on SlideShare
640
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Servizi per la non autosufficienza nelle Marche Servizi per la non autosufficienza nelle Marche Presentation Transcript

    • Non autosufficienza nelle Marche:Luci ed ombre del vigente quadro normativo Franco Pesaresi Senigallia 16 maggio 2008
    • Gli anziani non autosufficienti nelle MarchePrimi in Italia per speranza di vita: 79,2 annimaschi e 84,8 femmine.Nelle Marche gli anziani disabili sono il 17,3% paria circa 60.000.Anziani non autosufficienti: circa il 10,2% pari acirca 35.000 (in condizione di cofinamento individuale + quellin.a. in residenze) Franco Pesaresi 2
    • Le badanti nelle MarcheNelle Marche almeno 20.000 famiglie con anziani ricevono unaiuto privato: soprattutto badanti..Si stima che le badanti siano almeno 12.000 nelle Marche e chequindi il rapporto assistenti familiari/anziani sia del 3,2%. In Italiaquesto rapporto sale al 4,4%.Le badanti hanno rivoluzionato il mercato dell’assistenza. Dal1999 è stabile il numero degli anziani in strutture residenziali.La badanti hanno posto problemi nuovi: qualità dell’assistenza,lavoro nero, gestione del mercato del lavoro. Franco Pesaresi 3
    • Le badanti/ che fare?Governare il fenomeno. Diverse regioni (nonancora le Marche) hanno realizzato programmidi intervento in questo settore. Come?– Qualificare le badanti con corsi di formazione– Far incontrare la domanda e l’offerta– Sostenere le famiglie bisognose e l’emersione del lavoro nero con sostegni economici («assegno assistenti«, pagamento contributi, ecc.) Franco Pesaresi 4
    • Assegni di cura e di servizio 2004 Regione % anziani1. Bolzano 3,82. Friuli V.G. 2,33. Veneto 1,94. Emilia Romagna 1,85. Lombardia 1,615. Marche 0,0Italia 0,8 Franco Pesaresi 5
    • ADI assistenza domiciliare integrata 2005 Regione % anziani1. Friuli V.G. 8,02. Molise 6,13. Emilia Romagna 5,44. Veneto 5,15. Umbria 4,27. Marche 3,4Italia 2,9 Franco Pesaresi 6
    • L’ADI per gli anziani nelle Marche 2005Anziani trattati: 11.459.Ore annue per caso: Marche 32, Italia 23,Marche 8°.Integrazione sociosanitaria: del 3,4% in ADI sololo 0,5% ha una assistenza integrata sociosanitaria.Criticità: integrazione con il SAD. Mancaregolamentazione e riparto oneri. Franco Pesaresi 7
    • SAD assistenza domiciliare sociale 2003 Regione % anziani1. Valle d’Aosta 3,92. Bolzano 3,93. Sardegna 3,84. Molise 3,65. Sicilia 3,520. Marche 0,9Italia 1,8 Franco Pesaresi 8
    • SAD nelle Marche3.003 anziani (0,9%) assistiti nel 2003. Serviziopresente in 163 comuniNel 69% dei casi non si superano le 5 oresettimanali per utente; 24%: 5-10 ore; 7%: 10-25ore. Media 250 ore annue, 4,8 ore settimanali.Criticità:servizio non adeguatamente diffuso,servizio tutti i giorni e per più ore, integrazionesociosanitaria carente, privilegiare cura dellapersona rispetto alla cura della casa. Franco Pesaresi 9
    • L’assistenza residenziale per anziani in Italia 2000 2001 2002 2003 2004 Posti letto 247.371 214.679 250.028 258.983 248.217Ospiti anziani 318.203 312.366 351.532 341.248 342.088 % sugli 3,0 2,9 3,2 3,1 3,0 anziani Non 64,4% 66,1% 67,1% 68,7 70,3autosufficienti Franco Pesaresi 10
    • L’assistenza residenziale per anziani nelle Marche 2000 2001 2002 2003 2004Posti letto 6.480 7.370 7.411 Ospiti 7.897 8.178 9.507 9.849 10.789 anziani % sugli 2,5 2,5 2,9 2,9 3,2 anziani Franco Pesaresi 11
    • Anziani n.a. ricoverati nelle Marche ISTAT: 70,3% n.a.= 7.585 anziani ricoverati RUG: 84,0% n.a. = 9.063 anziani ricoveratiChe hanno bisogno di assistenza socio-sanitaria Servono pertanto fra i 5.000 e i 6.000 pl di RP+RSA. Franco Pesaresi 12
    • Ripartizione della spesaresidenziale per anziani in Italia Fig. 2 - Ripartizione della spesa per assistenza residenziale per anziani. Italia 2004 comune 9% ASL 44% utente 47% Franco Pesaresi 13
    • Spesa sanitaria mensile (media) per anziano ospite di struttura residenziale Regione Euro (2004)1. Lazio 2.736 84%2. Trento 1.897 58%3. Campania 1.650 82%4. Calabria 1.540 49%5. Umbria 1.479 59%16. Marche 520 33%Italia 983 43% Franco Pesaresi 14
    • Posti letto RSA 2004 Regione % anziani1. Trento 5,12. Lombardia 2,73. Toscana 1,34. Abruzzo 0,55. Liguria 0,513. Marche 0,3Italia 0,8 Franco Pesaresi 15
    • RSA nelle MarchePrevisione PSR 1300 p.l. pari allo 0,4% degli anziani. E’molto bassa. Solo cinque regioni hanno una quota piùbassa (Campania, E. Romagna, Sicilia, Trento, Umbria).Attualmente sono presenti 909 pl di RSA pari al 0,3% deglianziani. In Italia oggi sono funzionanti circa 96.250 p.l. diRSA.Occorre aumentare i posti di RSA. Secondo i dati RUG 1500anziani delle case di riposo dovrebbero andare nelle RSA.Unica regione senza standard di personale RSA e quindisenza rette di riferimento. Compartecipazione utentidiversa.Piccole dimensioni. Standard strutturali poveri (permessestanze da 4 letti e non garantito il bagno in camera) Franco Pesaresi 16
    • Residenze protette nelle MarchePSR ha previsto 2.500 p.l.. Pochi per le esigenzedelle case di riposo esistenti.Un grande numero di anziani non autosufficientiistituzionalizzati non si vedono riconosciutal’assistenza sociosanitaria di cui avrebberobisogno.La grande beffa: regione stabilisce rette di € 66, laquota sanitaria di € 33 ma ne paga solo 16. Glistandard assistenziali si dimezzano.Alzheimer Franco Pesaresi 17
    • Residenze protette: quota sanitaria Regione Anno Quota sanitaria al giornoSardegna 2008 10,40Marche 2008 16,00Liguria 2008 27,20Emilia Romagna 2008 21,00 – 26,25 – 34,85Molise 2008 30,00Puglia 2004 32,00Piemonte 2007 34,00 – 36,50Sicilia 2007 35,00Abruzzo 2002 37,95Umbria 2008 41,54Veneto 2008 46,87Calabria 2007 41,40 – 49,62 – 55,20 Franco Pesaresi 18Media regioni 32,66
    • Politiche per la qualità:Autorizzazione e accreditamentoAccreditamento sanitario: RSA. Grave ritardo. Unicaregione senza standard di personale.Autorizzazione sociale: Le Marche tra le primissime regioniad attivarlo (fatto da 13 regioni). Manca accreditamentocome nelle altre regioni (definito solo da Veneto e Molise).Il processo di autorizzazione ha attivato il processo diriconversione delle case di riposo in residenze protette cheva sostenuto con finanziamenti regionali adeguati. Franco Pesaresi 19
    • Politiche per la qualità: L’integrazione socio-sanitaria socio- Necessità Nelle Marche: fatto/non fattoStesso territorio di riferimento FattoStrumenti di programmazione locali Non fattointegrati (PAD e PDZ)Valutazione integrata dei bisogni In prevalenza non fattoRipartizione della spesa per i servizi Non fattosociosanitari fra sanità e comuni/utentePolitiche di promozione dell’integrazione Non fatto Franco Pesaresi 20
    • SINTESI MARCHE Regione Marche Italia PosizioneADI 3,4% 2,9% 7°RSA 0,3% 0,8% 13°Spesa sanitaria 520 € 983 € 16°mensile x anzianoistituzionalizzatoQuota sanitaria/die 16,0 € 32,4 € penultimaresidenze protetteSAD 0,9% 1,8% 20° penultimaAssegni di cura e 0,0% 0,8% 15°serv. ultima 21 Franco Pesaresi
    • Fondo nazionale per le non autosufficienzeNelle scorse settimane il governo ha ripartito ilfondo per le non autosufficienze: anni 2007, 2008(e 2009).Alle Marche vanno 3 +8,8 (+ 11,7) milioni di euro.Saranno certo l’occasione per ripensare esviluppare le politiche per i non autosufficienti.Non si può demandare la politica per i nonautosufficienti a delle risorse il cui futuro è moltoincerto. La regione deve innanzitutto investire lesue risorse altrimenti ogni politica rimane incertae fragile. Franco Pesaresi 22
    • ConclusioniNelle Marche le politiche per gli anziani sono statetrascurate ed oggi sono uno dei punti critici del sistema diwelfare.Cause: eccessiva spesa ospedaliera, attenzioneconcentrata sulla diminuzione della spesa.Modelli, servizi presenti e risorse sono inferiori a quelle ditutto il centro nord (Lazio escluso).Note positive ADI e processo di accreditamento.Le Marche sono la regione italiana dove si vive più a lungo.La regione ha bisogno di una strategia vera, dello sviluppodei servizi del settore e di maggiori risorse (da trasferire dagli altrisettori assistenziali) Franco Pesaresi 23
    • GRAZIE PER L’ATTENZIONE Franco Pesaresi 24