Your SlideShare is downloading. ×

Porta sociale di accesso: tendenze in Italia

293

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
293
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA PORTA SOCIALE DI ACCESSO:LE TENDENZE I ITALIA Franco Pesaresi Dirigente Servizi sociali comune di Ancona Presidente ANOSS Ancona 19 giugno 2008 1
  • 2. Piano nazionale sociale 2001-03 2001-Occorre istituire in ogni ambito territoriale una«porta unitaria di accesso« al sistema dei servizi • Tale da essere accogliente nei confronti della più ampia tipologia di esigenze e • Tecnicamente capace di assolvere la funzione di segretariato sociale (inteso come livello essenziale art. 22 L. 328)Nel pdz vanno individuate le soluzioni più idoneeper unificare l’accesso ai servizi sociali e a quellisociosanitari presenti nel distretto sanitario(accordo con ASL). «Porta unica di accesso«. 2
  • 3. Segretariato sociale secondo il Piano sociale nazionaleIl segretariato sociale deve garantire : – Informazioni complete ai cittadini in merito ai diritti, alle prestazioni, alle modalità di accesso ai servizi;– Funzione di orientamento;– Funzione di osservatorio dei bisogni e delle risorse del territorio;– Capacità di ascolto;– Funzione di filtro. 3
  • 4. terminologia usata dalle regioniL’ indicazione nazionale è statainterpretata da regioni e comuni construtture dal contenuto similare mavariamente denominate: • Sportello sociale (Emilia Romagna) • Sportello di cittadinanza (Liguria) • Ufficio di cittadinanza (Umbria) • Ufficio di promozione sociale (Marche) • Porta unitaria di accesso (Campania) • Porta sociale (Roma) 4
  • 5. DefinizioneChe cosa si intende per Portasociale? «La porta unitaria di accoglienza e di accesso al sistema integrato locale degli interventi e dei servizi sociali« 5
  • 6. Le funzioni delle Porte socialiPorte (e Sportelli) sociali previsti da oltre metà delleregioni (Abruzzo, Campania, E. Romagna, Lazio, Liguria,Marche,Trento, Toscana, Umbria, Veneto, ecc.).Le funzioni possibili, seppur diversamentecombinate e previste dalle regioni, sono leseguenti: • Informazione • Accompagnamento • Promozione • Osservatorio 6
  • 7. Porte sociali e segretariato socialeLe funzioni della Porta sociale sono in buona partesovrapponibili a quelle del segretariato sociale.Secondo l’EISS il segretariato sociale ha le seguentifunzioni: – Informare – Dare aiuto e consulenza, anche orientando verso il servizio giusto – Osservatorio sulla situazione globale della zona – Promozione alla partecipazione e sviluppo della dimensione preventiva ed educativa della comunità. 7
  • 8. La funzione INFORMAZIONEAscolto delle richieste e dei bisogni;Comunicazione della informazione;Orientamento del destinatario nella letturadell’informazione fornita;Orientamento verso il canale più adeguatoper ottenere una informazione relativa adaltri servizi.Prevista in tutte le esperienze attive. 8
  • 9. La funzione ACCOMPAGNAMENTOIndirizza attivamente e accompagnal’utente verso le strutture erogatrici diservizi (diversi da quelli forniti dalla porta sociale)attraverso, per esempio, la definizione diappuntamenti (per la presa in carico) el’attivazione di équipe professionali.Prevista nella grande maggioranza delleesperienze regionali e locali. 9
  • 10. La funzione PROMOZIONEPromuovere all’esterno un servizio e lasua visibilità sul territorio;Tutelare e promuovere il corretto utilizzodel sistema integrato dei servizi sociali(apropriatezza);Costruire e sviluppare reti di partenariato;Funzione prevista da alcune regioni(Marche, Umbria, ecc.). 10
  • 11. La funzione OSSERVATORIOSi sostanzia nell’attività di raccolta e dianalisi di dati sulla domanda e sull’offertadi servizi.Realizzano prevalentemente attività dimonitoraggio dei servizi e degli interventierogati sul territorio di riferimento ecurano la ricezione dei reclami e lagestione delle liste d’attesa.Prevista in alcune realtà. 11
  • 12. Umbria: Ufficio di cittadinanzaAttivato in tutti gli ambiti. Bacino 20.000 ab. Funzionigarantite in ogni comune.Personale di riferimento: 2 assistenti sociali, 1educatore, 1 comunicatore sociale.Funzioni: • Ascolto • Organizzazione di risorse della comunità locale • Informazione e comunicazione • Consulenza sociale • Orientamento • Accompagnamento • Erogazione di alcune prestazioni assistenziali (compresa presa in carico) 12
  • 13. Umbria: Ufficio di cittadinanza/2 La caratteristica è quella di lavorare sui bisogni della comunità e non solo sulla domanda. Fa progettazione sociale. Cerca di superare la logica del servizio che si attiva solo su domanda. L’ufficio di cittadinanza è il livello organizzativo che ricomprende il segretariato sociale e il servizio sociale professionale e quindi eroga le prestazioni socio-assistenziali loro proprie. 13
  • 14. E. Romagna: Sportelli socialiForniscono informazioni ed orientamento aicittadini sui diritti e servizi sociali. Gestione delprimo contatto ed invio ai servizi specifici.E’ parte integrante del segretariato socialeDa attivare in tutte le zoneNecessita di un sistema informativo in grado dicollegare i vari punti di accesso sociali,sociosanitari e sanitari.L.g. da emanare.32 sperimentazioni realizzate 14
  • 15. Liguria: sportello di cittadinanzaAttivato in ogni ambito sociale. E’ livelloessenziale di assistenza.Le sue funzioni: • Informazione sui servizi sociali (e sociosanitari) • Orientamento • Consulenza.Previsti anche gli Sportelli sociali che, gestiti daaltri soggetti (terzo settore), forniscono solo informazioni.Presso lo sportello di cittadinanza ha i suoi puntidi accesso anche lo Sportello integratosociosanitario (della ASL) che svolge le stessefunzioni per le prestazioni sociosanitarie. 15
  • 16. Campania: Porta unitaria di accessoDa attivare in ogni ambito dai comuniassociati (con assistenti sociali)Consente l’accesso a tutte le prestazionisocioassistenziali.Svolge i seguenti compiti: • Accoglie la richiesta di servizi sociali e sanitari; • Analisi del caso; • Invio al servizio (sociale, sanitario o sociosanitario) preposto alla gestione del caso; • Presa in carico (accompagnamento + case management). 16
  • 17. Marche: Uffici di promozione socialePrevisti (e realizzati) in tutti gli ambiti sociali.Le funzioni:– Informazioni ai cittadini,– accoglienza e ascolto dei cittadini– Orientamento e accompagnamento– presa in carico, VMD, PAI, accesso alle prestazioni– Servizi disbrigo pratiche– Erogazione di alcune prestazioni di base (Pronto intervento sociale)– Spazi per l’autorganizzazione delle risorse della comunitàIn futuro si prefigura un unico sportello UPS +Sportello della salute 17
  • 18. Ancona: Ufficio di promozione sociale (UPS)L’Ufficio di promozione sociale è la porta unitaria diaccesso al sistema integrato locale degli interventi e deiservizi sociali.Previste 4 sedi. Una realizzata. Una seconda quasi pronta.Costituisce una articolazione organizzativa del distrettosociale.Funzioni: • Segretariato sociale • Orientamento e accompagnamento • Prestazioni ad accesso diretto • Promozione sociale • Osservatorio e verifica del servizio offerto 18
  • 19. Ancona: funzionamento UPS Utenti Porta d’accesso per tutte le prestazioni sociali UPS Distretto sociale – Soddisfa tutte le Servizio socialeprestazioni semplici professionale Presa in carico Soddisfa le necessità complesse e di lungo periodo 19
  • 20. Ancona: UPSOperatori in base al carico di lavoro.Attualmente una assistente sociale ed unaamministrativa. Prevista anche la figuradell’educatore professionale.Apertura al pubblico: 20 ore settimanali.Previsti 2 livelli (vedi diapositiva 23)Prevista unificazione con sportello della salute 20
  • 21. Roma: porte socialiProgetto: 38 porte sociali per avereinformazioni complete e accedere piùfacilmente ai servizi.Le sue funzioni: • Accoglienza-ascolto • Informazione • Accompagnamento • Osservatorio-monitoraggio 21
  • 22. La presa in caricoCollocare la «presa in carico« nella Porta socialesignifica duplicare i Servizi sociali. Non ha senso.Alcune regioni lo hanno fatto.Nei piccoli comuni la diffusione della Portasociale ha comportato la prima presenzaorganizzata dei servizi sociali. Difficile spiegareche poteva svolgere alcune funzioni e non altre.Probabilmente per questo è stata inserita (es.Marche, Umbria).Lo sviluppo delle Porte sociali deve esseredepurata di funzioni improprie. 22
  • 23. Due livelliIn alcuni casi (Marche, Liguria, associazione sono previsti dueintercomunale di Copparo, ecc.)livelli organizzativi degli sportelli: • Primo livello: fornisce sostanzialmente solo informazioni che possono essere erogate da: farmacie, centri sociali, associazioni di volontariato, URP, MMG, patronati, sindacati. • Secondo livello, costituito dagli sportelli sociali. Erogano tutte le prestazioni previste. Sono fornite dal comune. 23
  • 24. Il personale degli sportelli sociali Nelle esperienze comunali si passa da un solo operatore a 6. Media 3,4 Tutti hanno previsto l’assistente sociale, la maggior parte anche un amministrativo. In modo episodico anche altre figure: educatore, comunicatore sociale, pedagogista, psicologa, sociologa, ecc. 24
  • 25. Il bacino della porta socialeLaddove è supportata dalle regioni,la Porta sociale è prevista ogni20.000/24.000 abitanti, fino a 60.000.Sono però previsti sportelli aperti perqualche ora settimanale anche neipiccoli comuni. 25
  • 26. I modelli MODELLI REGIONI prestazioni NOTE1. Porta sociale Emilia Sociali Modalità organizzativa della senza presa Romagna accoglienza che non si in carico Liguria sovrappone a ciò che già c’è.2. Porta sociale Campania Sociali Riproduce modello dei servizicon presa in Marche, sociali (segretariato soc. +carico Umbria servizio soc. professionale).3. Sportello Emilia sanitarie Per le prestazioni sanitariesanitario Romagna distrettuali4. Punto unico Abruzzo, Sociali, In genere per prestazionidi accesso FVG, socio sociali e sociosanitarie. Più Liguria, sanitarie, raramente anche le altre Marche, sanitarie prestazioni distrettuali Puglia 26
  • 27. Le prospettiveSviluppo della Porta sociale di accesso alleprestazioni sociali. Perdita graduale dellefunzioni relative alla presa in carico degli utenti.Evoluzione verso la sperimentazione della Portaunica di accesso alle prestazioni sociali esociosanitarie (in collaborazione con le ASL).Nella realtà poche esperienze significative.Occorre un impegno vero e coerente. Piùoccasioni di benchmarking per far cresceretutto il sistema. 27
  • 28. GRAZIE PER L’ATTENZIONE 28

×