Il dipartimento di riabilitazione: esperienze a confronto

1,808 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,808
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il dipartimento di riabilitazione: esperienze a confronto

  1. 1. IL DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE: ESPERIENZE A CONFRONTO Franco Pesaresi ANCI MARCHE
  2. 2. Il dipartimento di riabilitazione Le indicazioni normative <ul><li>Le linee guida nazionali sulla riabilitazione del 1998 non se ne occupano direttamente. </li></ul><ul><li>Regioni : indicazioni normative generali sui dipartimenti </li></ul><ul><li>Regioni : indicazioni normative specifiche sui dipartimenti di riabilitazione </li></ul>
  3. 3. Regioni: indicazioni sui dipartimenti <ul><li>Maggior parte delle regioni criteri flessibili nella identificazione dei dipartimenti. </li></ul><ul><li>Due regioni hanno previsto esplicitamente il dipartimento di riabilitazione. </li></ul><ul><li>Lombardia: prevede nelle strutture a bassa complessità specialistica almeno 4 dipartimenti di base fra cui il dipartimento di medicina e riabilitazione. </li></ul><ul><li>Valle d’Aosta: Ha previsto il dipartimento di riabilitazione così composto: riabilitazione, otorino, neurologia, ortopedia, geriatria, neuropsichiatria infantile, assistenza di base distrettuale. </li></ul>
  4. 4. indicazioni regionali sui dipartimenti di riabilitazione/1 <ul><li>6 regioni danno indicazioni specifiche: Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Sicilia, Umbria, Veneto. </li></ul><ul><li>Norme attente alla generica elencazione delle funzioni e degli obiettivi del dipartimento. </li></ul><ul><li>Nessuno spazio per gli argomenti che possono legittimare la previsione del dipartimento di riabilitazione. </li></ul>
  5. 5. Indicazioni regionali sui dipartimenti di riabilitazione/2 <ul><li>Dalle regioni viene prevalentemente il suggerimento: </li></ul><ul><ul><li>Per la costituzione di un dipartimento transmurale di riabilitazione </li></ul></ul><ul><ul><li>il dip. aggreghi, in genere, riabilitazione e lungodegenza post-acuzie </li></ul></ul><ul><ul><li>3 regioni ( E.R., Sic. e Ven .): il dip. deve trovare una integrazione delle attività sanitarie di riabilitazione ospedaliere ed extraospedaliere, con gli interventi sociali riabilitativi </li></ul></ul>
  6. 6. Indicazioni regionali sui dipartimenti di riabilitazione/3 <ul><li>Nulla si dice sulle problematiche organizzative della transmuralità, sul livello di integrazione e gli obiettivi comuni che possono giustificarne l’aggregazione con la lungodegenza. </li></ul>
  7. 7. Il dipartimento di riabilitazione nelle Marche <ul><li>Non ci sono indicazioni regionali </li></ul><ul><li>Ci sono indicazioni negli atti aziendali delle aziende, in particolare dell’ASUR </li></ul><ul><li>ASUR e aziende ospedaliere con due modelli dipartimentali diversi </li></ul>
  8. 8. ASUR <ul><li>L’ASUR ha previsto di norma 6 dipartimenti strutturali per ogni presidio ospedaliero. Uno di questi è il dipartimento di riabilitazione. </li></ul><ul><li>Il dipartimento di riabilitazione è transmurale. </li></ul><ul><li>Flessibilità: sono previsti dipartimenti aziendali, sovrazonali, zonali strutturali, funzionali, interaziendali, transmurali e tecnico-scientifici. </li></ul>
  9. 9. Aziende ospedaliere <ul><li>«Ospedali riuniti« Ancona : Servizio di riabilitazione sta nel dip. «Scienze motorie e chirurgia ricostruttiva«. Neuroriabilitazione sta nel dip. di «Scienze neurologiche« </li></ul><ul><li>«S. Salvatore« Pesaro : Riabilitazione non prevista. </li></ul>
  10. 10. Hic sunt leones <ul><li>Nel complesso le indicazioni delle regioni nella materia sono quantitativamente modeste e qualitativamente poco incisive (e poco praticate). </li></ul><ul><li>Occorre sostanzialmente addentrarsi in un territorio nuovo. In buona parte da esplorare e sperimentare. </li></ul>
  11. 11. I dipartimenti di riabilitazione <ul><li>Dipartimento per : integrazione, continuità assistenziale e miglior utilizzo delle risorse </li></ul><ul><li>Riabilitazione per : completare il percorso assistenziale (legandosi a ciò che viene prima e dopo) </li></ul><ul><li>Dobbiamo credere nei dipartimenti e nella riabilitazione. Come? </li></ul>
  12. 12. dipartimenti di riabilitazione come? <ul><li>Più unità operative complesse (fughe corporative impossibili) </li></ul><ul><li>Flessibilità e creatività nella organizzazione </li></ul><ul><li>Coinvolgimento della riabilitazione privata </li></ul><ul><li>Coinvolgimento della riabilitazione sociale </li></ul>
  13. 13. La riabilitazione nelle Marche <ul><li>Apprezzabile ma con criticità </li></ul><ul><li>Distribuzione non equilibrata delle risorse </li></ul><ul><li>Straordinaria mobilità passiva: 3.398 ricoveri di cui 1466 fuori regione (43%) </li></ul><ul><li>Dotazione ospedaliera inadeguata (presenza riabilitazione tra le più basse d’Italia + assenza alte specialità) </li></ul>
  14. 14. Cosa fare? <ul><li>Sviluppare la riabilitazione con una politica organica: piano per la riabilitazione </li></ul><ul><li>Redistribuzione equilibrata nel territorio delle risorse </li></ul><ul><li>Combattere mobilità passiva con il potenziamento della riabilitazione ospedaliera </li></ul><ul><li>Realizzazione alte specialità: (unità spinale, unità gravi disabilità in età evolutiva, unità gravi cerebrolesioni acquisite) </li></ul>
  15. 15. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×