Your SlideShare is downloading. ×
0
Tendenze del cinema americano contemporaneo<br />A partire dagli anni ’90…<br />La metamorfosi dell’eroe<br />Gli spietati...
La violenza e la sua rappresentazione<br />Da PULP FICTION <br />a<br />NaturalBornKillers<br />Seven<br />Saw<br />Hostel...
La logica della serialità<br />Sequel<br />Matrix<br />Batman<br />Spiderman<br />Terminator<br />Scream<br />Nightmare<br...
L’influenza degli altri linguaggi<br />TV<br />INTERNET  (Redacted)<br />FUMETTO (Sin City)<br />VIDEOGAME  (Lola corre)SO...
La mutazione, nel cinema, deve avvenire attraverso una piccola rivoluzione linguistica, che cerca di cogliere proprio la n...
Gianni Canova _ L’ALIENO E IL PIPISTRELLO<br />“quella distanza (fra i personaggi, fra i personaggi e la macchina da presa...
La narrazione cinematografica è diventata sinonimo con l’enunciazione della sorveglianza<br />Nemico Pubblico<br />Red Roa...
Thomas Y. Levin _ Rhetoricof the TemporalIndex<br />In un’epoca in cui la fotografia ha perso la sua matrice ontologica e ...
Philip K. DICK<br />Total Recall(1990) di P.Verhoeven<br />Minority Report (2002) di S.Spielberg<br />Paycheck (2003) di J...
Cromosomi dickiani<br />The Matrix<br />Se mi lasci ti cancello <br />Cronenberg<br />Videodrome e eXistenZ<br />SHYAMALAN...
la realtà è ciò che noi definiamo tale<br /> Dick complica questo assunto costringendo i suoi protagonisti a misurarsi con...
CRISI DEL SOGGETTO<br />Lost Highway<br />Memento<br />Eternal Sunshine of the Spotless Mind<br />FIGHT CLUB<br />
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Ultime tendenze

366

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
366
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Ultime tendenze"

  1. 1. Tendenze del cinema americano contemporaneo<br />A partire dagli anni ’90…<br />La metamorfosi dell’eroe<br />Gli spietati (C.EASTWOOD)<br />Il grande Lebowski (J. e E. Coen)<br />L’esercito delle 12 scimmie (T. Gilliam)<br />FORREST GUMP<br />
  2. 2. La violenza e la sua rappresentazione<br />Da PULP FICTION <br />a<br />NaturalBornKillers<br />Seven<br />Saw<br />Hostel<br />Scorsese<br />Fino alla riflessione metacinematografica di <br />SCREAM<br />
  3. 3. La logica della serialità<br />Sequel<br />Matrix<br />Batman<br />Spiderman<br />Terminator<br />Scream<br />Nightmare<br />…<br />Remake da altri tempi: Far fromHeaven, Psycho<br />Remake da altri luoghi: The Ring, Let Me In, trilogia Larsson…<br />Reboot: Halloween, Batman, James Bond, Star Trek, Venerdì 13… <br />
  4. 4. L’influenza degli altri linguaggi<br />TV<br />INTERNET (Redacted)<br />FUMETTO (Sin City)<br />VIDEOGAME (Lola corre)SORVEGLIANZA<br />
  5. 5. La mutazione, nel cinema, deve avvenire attraverso una piccola rivoluzione linguistica, che cerca di cogliere proprio la nuova dimensione dello spettatore e la sua rivoluzionata posizione rispetto all’oggetto della visione.<br />Annullamento della distanza che c’è fra chi guarda e ciò che è guardato. <br />Spettatore e oggetto della visione non abitano più due dimensioni separate la cui intercapedine spaziale era colmata dallo sguardo e dalla, sua implicita, distanza<br />
  6. 6. Gianni Canova _ L’ALIENO E IL PIPISTRELLO<br />“quella distanza (fra i personaggi, fra i personaggi e la macchina da presa, fra la macchina da presa e noi) su cui il cinema ha fondato i propri modi di rappresentazione e le proprie strategie di erotizzazione dell’immagine filmica è sostituita dal toccare ottico del cinema contemporaneo: che è avvolgente, immersivo, inglobante. Che assorbe chi lo guarda al proprio interno, nella contiguità fisica e tattile con le immagini […]”<br />
  7. 7. La narrazione cinematografica è diventata sinonimo con l’enunciazione della sorveglianza<br />Nemico Pubblico<br />Red Road<br />My Little Eye<br />Niente da nascondere<br />FUNNY GAMES<br />
  8. 8. Thomas Y. Levin _ Rhetoricof the TemporalIndex<br />In un’epoca in cui la fotografia ha perso la sua matrice ontologica e realista, le immagini della sorveglianza rimangono sempre “immagini di qualcosa”<br />
  9. 9. Philip K. DICK<br />Total Recall(1990) di P.Verhoeven<br />Minority Report (2002) di S.Spielberg<br />Paycheck (2003) di John Woo<br />A Scanner Darkly(2006) di R.Linklater<br />CHE COSA E’ LA REALTA’?<br />COSA SIGNIFICA ESSERE UMANI?<br />il mondo come costruzione artificiale, la realtà come gigantesca illusione, l’identità come materia instabile e inverificabile<br />la crisi del soggetto <br />- la compresenza di realtà parallele<br />- la sostanziale falsità delle nostre percezioni<br /> - l’idea del complotto come trama ordita ai danni dell’individuo<br /> - la sorveglianza ossessiva esercitata dagli apparati di potere.<br />
  10. 10. Cromosomi dickiani<br />The Matrix<br />Se mi lasci ti cancello <br />Cronenberg<br />Videodrome e eXistenZ<br />SHYAMALAN<br />Unbreakable – Il predestinato <br />The Village<br />(ma anche il Malcolm/Bruce Willis che scopre di essere morto in Il sesto senso fa pensare al Joe Chip del romanzo Ubik<br />L’esercito delle 12 scimmie di Gilliam<br />Memento <br />The Final Cut<br />Dark City<br />
  11. 11. la realtà è ciò che noi definiamo tale<br /> Dick complica questo assunto costringendo i suoi protagonisti a misurarsi con la scoperta di questa “truffa” esistenziale. Ragle, il protagonista del romanzo Tempo fuor di sesto scopre che la realtà che crede di abitare è una messa in scena costruita intorno a lui<br />
  12. 12. CRISI DEL SOGGETTO<br />Lost Highway<br />Memento<br />Eternal Sunshine of the Spotless Mind<br />FIGHT CLUB<br />
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×