Prima lezione

1,962 views
1,763 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,962
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Prima lezione

  1. 1. Accademia di Belle Arti di Palermo Anno accademico 2010-2011 Storia del cinema e del video [email_address]
  2. 2. Il linguaggio filmico e la storia del cinema - Il film: dal soggetto alla sala cinematografica, le fasi della produzione. I mestieri del cinema. - Strumenti di analisi critica. Elementi essenziali di critica ed estetica cinematografica. - Grammatica del film: le inquadrature, il montaggio, il sonoro. - Il cinema delle origini. Dalla preistoria ai Lumiére. Mèlies. Griffith. - L’espressionismo tedesco. Lang, Murnau. Il realismo oggettivo e il kammerspiel . L’influenza delle altre arti. - Il cinema delle avanguardie artistiche. Futurismo, Dada, surrealismo. - La scuola sovietica, le teorie del montaggio. Ejsenŝtein, Pudovkin, Kulesov. Le applicazioni contemporanee delle varie tecniche di montaggio. Vertov e il cineocchio . - Il cinema Hollywoodiano degli anni ’20 e ’30. Chaplin e von Stroheim. - Lo studio-system e i suoi principali protagonisti. Ford, Hawks, Capra. - I generi: temi, forme, significati - Il cinema americano anni ’40 e ’50. Orson Welles. Quarto potere - Il neorealismo italiano. De Sica, Rossellini, De Santis. La teoria: Cesare Zavattini. - La Nouvelle Vague. Godard e Truffaut - Il cinema americano degli anni ‘60 - Stanley Kubrick. - Il cinema dei grandi autori. Fellini, Antonioni, Bergman, Buñuel - Il nuovo cinema americano e i movie brats . Gli anni ’70. Scorsese, Coppola, Altman, Spielberg. - Gli anni ’80. L’era reaganiana, i blockbuster, gli hard bodies . Lucas, Spielberg, De Palma, Mann, Carpenter. - Oltre il postmoderno. Il cinema della mutazione. Le serie e i remake. Dagli effetti speciali alla dittatura del digitale. - Il cinema nella società globale: dislocazione e rilocazione, new media e visual convergence
  3. 3. Libri di testo Gli studenti dovranno presentare all’esame un testo a scelta dalla lista A e uno dalla lista B. Dovranno inoltre affrontare una discussione in merito ai film esaminati nel corso delle lezioni. A. Storia del cinema - David Bordwell, Kristin Thompson, Storia del cinema e dei film. Dalle origini a oggi , McGraw Companies (45€) - Gianni Rondolino, Dario Tomasi, Manuale di storia del cinema , UTET Università (35€) - Massimo Moscati, Breve storia del cinema , Bompiani (10€) B. Estetica cinematografica - Jacques Aumont, Alain Bergala, Michel Marie, Marc Vernet, Estetica del film , Lindau (22€) - estratti - Mario Pezzella, Estetica del cinema, Il Mulino (11,50 €) - Dominique Chateau, Introduzione all’estetica del cinema , Lindau (14,50 €)
  4. 4. Filmografia •  Nosferatu il vampiro di Friedrich Wilhelm Murnau (Germania, 1922) • La corazzata Potëmkin di Sergej Ejzenštein (Urrs, 1925) • Metropolis di Fritz Lang (Germania, 1927) •  L’uomo con la macchina da presa di Dziga Vertov  (Urss, 1929) •  Un Chien andalou di Luis Buñuel (Francia, 1929) • Antologia delle avanguardie: Leger, Clair, Eggeling, Richter, Ray, Duchamp •  Tempi moderni di Charlie Chaplin (Usa, 1936) •  Quarto potere di Orson Welles (Usa, 1941) • La fiamma del peccato di Billy Wilder (Usa, 1944) •  Ladri di biciclette di Vittorio De Sica (Italia, 1948) • Roma città aperta di Roberto Rossellini (1945) •  La donna che visse due volte di A.Hitchcock (Usa, 1958) •  Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard (Francia, 1959) • I quattrocento colpi di François Truffaut (Francia, 1959) • L’avventura di Michelangelo Antonioni (Italia, 1960) • La dolce vita di Federico Fellini (Italia, 1960)
  5. 5. •  2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick (GB 1968) •  Taxi Driver di Martin Scorsese (Usa, 1976) •  Il cacciatore di Michael Cimino (USA, 1978) •  Apocalypse now di F.F.Coppola (Usa, 1979) • Videodrome di David Cronenberg (Canada, 1983) •  C'era una volta in America di Sergio Leone (Italia-USA, 1984) •  Gli Spietati di Clint Eastwood (USA, 1992) •  Pulp Fiction di Quentin Tarantino (Usa, 1994) • Elephant di Gus van Sant (USA, 2003) • Memento di Christopher Nolan (USA, 2000) • Redacted di Brian De Palma (USA, 2007) • Inception di Christopher Nolan (Usa, 2010)
  6. 6. <ul><li>Come cambia l’esperienza cinematografica alla luce dell’apporto dei nuovi media. </li></ul><ul><li>Il cinema ha coscienza della crisi che sta vivendo: </li></ul><ul><li>Doppio binario della crisi </li></ul><ul><li>Esaurimento crescente della forma drammatica </li></ul><ul><li>Crisi della locazione (RILOCAZIONE – MULTISCREEN ) </li></ul><ul><li>Dove è oggi il cinema? </li></ul>
  7. 7. ESPERIENZA
  8. 8. C'è più cinema qui?
  9. 9. O qui?
  10. 10. O qui?
  11. 11. Lo spettatore La ricostruzione di un significato più ampio La possibilità del cinema di essere specchio di ciò che lo circonda e, allo stesso tempo, di determinarlo Valore del cinema hollywoodiano
  12. 12. Il cinema e i suoi spettatori Il concetto di giudizio Un film bello?
  13. 13. Un film INTERESSANTE
  14. 14. E' importante stabilire il valore di questi film? QUALE ITALIA CI RACCONTANO? QUALI SPOSTAMENTI DETERMINANO NELL'IMMAGINARIO DI UN PAESE?
  15. 15. INLAND EMPIRE e le rovine del senso Il film che non può essere compreso perché è lui che cerca di comprendere lo spettatore La deriva della comprensione, l’abbandono tattile, puramente sensoriale al flusso di immagini Lo scacco dell’interpretazione
  16. 16. <ul><li>Valore sociale ed economico del nuovo status dell’immagine: un’immagine normativa o un’entità dialettica? </li></ul><ul><li>Attività percettive come sintomi della crescente tensione culturale che esiste tra il sé e il contesto. Il contesto rinnovato dell’essere spettatori cinematografici: la “visualità” </li></ul><ul><li>La posizione del cinema mainstream: effetti sociali determinati dalla nuova posizione della vista. </li></ul><ul><li>La supremazia della vista, della visione e la sua crisi. </li></ul><ul><li>Come reagisce Hollywood: il luogo privilegiato della narrazione per immagini è costretto a reinventare il suo linguaggio </li></ul><ul><li>Esempio 3D </li></ul>

×