Biblioteca Fiorenzuola

  • 334 views
Uploaded on

Esperienze nella certificazione della qualità in ambito bibliotecario

Esperienze nella certificazione della qualità in ambito bibliotecario

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
334
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Biblioteca Passerini–LandiPiacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo«Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATEIl Settore Socio-Educativo del Comune di Fiorenzuola d’Arda(che comprendeva all’epoca i servizi Biblioteca, Servizieducativi, Servizi socio-assistenziali, Sport, Cittadinanzaresponsabile, Informagiovani e orientamento) attiva unpercorso per la formazione alla gestione di qualità per tutti idipendenti che sfocia nel 2005 nella Certificazione di Qualità.
  • 2. Biblioteca Passerini–Landi Piacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo «Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATE I PROBLEMILa certificazione di una parte dell’Amministrazione comunale creadiscrasia di una parte che funziona in un modo ed un’altra parteche funziona nell’altro: i problemi derivano dalla difficoltà direndere conto di problemi che possono essere risolti da altri uffici,tipicamente il Settore lavori pubblici, il responsabile perl’informatizzazione, la gestione delle pulizie, ecc.
  • 3. Biblioteca Passerini–Landi Piacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo «Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATE I PROBLEMIL’interfaccia con la componente politica non è sempre agevole in presenzadi comportamenti che travalicano le competenze politiche di indirizzosconfinando con indicazioni di natura gestionale.La ri-definizione dei servizi e degli ambiti di competenza dei settori nonsempre tiene in considerazione i vincoli e le possibilità positive dellacertificazione.La ricollocazione periodica di personale crea problemi perché arriva nelsettore personale non formato ai principi della qualità.I servizi attivati all’interno del settore sono molto disomogenei con “velocità”diverse anche a livello della gestione della qualità.
  • 4. Biblioteca Passerini–Landi Piacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo «Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATE I VANTAGGILa certificazione ha permesso alla Biblioteca di effettuare un monitoraggiocontinuo dell’erogazione dei servizi, tenendo sotto controllo sul nascere eventualiproblemi (ad esempio richieste di aumento dei servizi da parte degli studentiuniversitari) ed interfacciando gli utenti istituzionali come scuole e associazioni inmaniera formale e controllata. In particolare con l’Istituto comprensivo,precedentemente considerato (sia dalla Biblioteca sia dai Servizi educativi) più uncompetitore che uno shareholder, si sono costruiti rapporti stabili, mediante incontriformalizzati e calendarizzati permettendo l’ampliamento della collaborazione.
  • 5. Biblioteca Passerini–Landi Piacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo «Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATE I VANTAGGILa stesura di istruzioni operative e l’istituzione di riunioni formative per illustrare lestesse al personale di supporto (volontari, tirocinanti, stagisti) ha permesso dimigliorare il livello di interazione con questa tipologia di personale e permette difornire supporto motivazionale allo stesso facendolo sentire partedell’organizzazione della Biblioteca.
  • 6. Biblioteca Passerini–Landi Piacenza, 27 febbraio 2012 - Seminario formativo «Quale qualità per le biblioteche?» BIBLIOTECHE ITALIANE CERTIFICATE I VANTAGGILe visite da parte dell’ente di certificazione hanno permesso dimettere in luce ed affrontare problemi precedentemente nonriconosciuti, ad esempio lo scarto che non era stato affrontato vistianche i vincoli presenti nella normativa regionale, grazie ad un’ottica“esterna” alla routine bibliotecaria.