Sicurezza fv conti 2011 11-16 b

  • 1,109 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,109
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
15
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Progettare ed Installare il fotovoltaico a regola d’arte 18 novembre 2011, Rho FieraMilanoLa sicurezza nell’installazione di impianti fotovoltaici Prof. Fabio Conti Prof. Gianluca Ruggieri Ing. Davide Carbognani Dipartimento BICOM Università degli Studi dell’Insubria Varese
  • 2. PartecipantiUniversità degli studi dell’Insubria di Varese e ComoCorso di Laurea triennale inIngegneria per la Sicurezza del Lavoro e dell’AmbienteAssociazione L’Isola che c’èRete comasca di economia solidalePartners professionaliAssociazioni, cooperative ed imprese installatrici
  • 3. ObiettiviLimitazione dei rischi: Caduta dall’alto, elettrocuzione, scivolamento, ecc.. Committenti “domestici” Installatori Aumento della consapevolezza Ausilio nella scelta e nella gestione dei dispositivi contro le cadute dall’alto NON si vuole sostituire il P.S.C. né altri documenti ufficiali NON si vuole sostituire la necessaria formazione dei tecnici
  • 4. Riferimenti normativi Decreto Legislativo 81/08 Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Titoli III, IV, V Norme tecniche UNI UNI 8088:1980 UNI EN 1004: 2005 UNI EN 795: 2002 UNI EN 131-1: 2007 UNI EN 363: 2008 UNI EN 131-2: 2010 UNI EN 355: 2003 UNI EN 131-3: 2007 UNI EN 360: 2003 UNI EN 131-4: 2007 UNI EN 13374: 2004
  • 5. Sistemi di sicurezza: PonteggioDispositivo di Protezione Collettiva (DPC)In alcune fasi, consente di lavorare senzavincoli ulteriori (imbrago, cordini, ecc.)Utilizzo molto intuitivoOttimo per cantieri di lunga durataPuò funzionare da sistema di accesso incopertura e da sistema anticaduta materialiCosto non trascurabileNecessità di documentazione specifica(PIMUS)Necessario ancoraggio in facciata
  • 6. Sistemi di sicurezza: Parapetti Dispositivi di Protezione Collettiva (DPC) Se installati correttamente su tutti i lati necessari, consentono di lavorare in copertura senza vincoli Talvolta difficoltosi da installare in sicurezza Devono essere di classe di resistenza adeguata Necessitano di adeguato sistema di accesso in copertura (es. “trabattello”)
  • 7. Sistemi di sicurezza: Linea vitaUtilizzabile quando è difficoltoso installare i DPCRichiede DPI complementariOperatori formati e abilitatiImpegno psicofisico non trascurabileNecessita di adeguato sistema di accesso in copertura Linea Vita FISSA Linea Vita PROVVISORIA •Tenuta certificata •Riutilizzabile dall’impresa in •Richiede progetto più cantieri •Richiede abilitazione •Costo minore rispetto ad una all’installazione L.V. fissa •Soggetta a revisione •Rischio di usare punti di periodica ancoraggio non sicuri •Riutilizzabile per ogni futuro intervento in copertura
  • 8. Ponteggio: l’unica scelta? Priorità alle misure di protezione Collettiva (D.Lgs. 81/’08, art. 111) Casi in cui è palesemente sconveniente installare il ponteggio al posto della linea vita (cantieri di pochi giorni) Introduzione di ulteriori rischi in cantiere, legati allinstallazione dello stesso ponteggio Confronto con lASL da parte del Comitato Paritetico Territoriale di Varese: non vi sono controindicazioni di sorta alla scelta della linea vita, purché gli operatori siano formati, lattrezzatura sia certificata, il P.O.S. corretto, ecc.Non è sempre e comunque "fuorilegge" utilizzare lalinea vita anche se è possibile montare il ponteggio
  • 9. Dispositivi di protezione individuale (DPI)Dotazione personale minima necessariaDotazione accessoria•Correlata al sistema di trattenutae al sistema di accesso•Costi di acquisto da considerareal momento della scelta delsistema di sicurezza
  • 10. Struttura ed elementi del documento PARTI COSTITUENTI IL MANUALE REALIZZATO NEL PROGETTO: •Albero delle decisioni •Elenco delle casistiche •Schede di scelta •Schede di soluzione •Glossario
  • 11. Albero delle decisioni
  • 12. Elenco casistiche e Schede di scelta
  • 13. Esempio:scelta di una scheda soluzione Partenza dall’albero delle decisioni Indicazione dell’inclinazione della copertura Risposte ai quesiti sull’esistente in cantiere: ponteggio Orientamento con scheda di scelta “PONTEGGIO” Risposte ai quesiti sull’esistente in cantiere: parapetti e linee vita Orientamento con schede di scelta “LINEA VITA FISSA” e “LINEA VITA PROVVISORIA” Soluzione scelta: LINEA VITA PROVVISORIA Valutazione dell’ingresso in copertura: schede gruppo 5 (trabattello) Passaggio ad Elenco delle casistiche: scelta della scheda 5b in base alle risposte fornite
  • 14. Piano di Sicurezza e Coordinamento (P.S.C.): si può evitare? Testo unico, articolo 90: “in presenza di più imprese in cantiere, anche se non operano contemporaneamente, va nominato un coordinatore per la sicurezza che stenda il P.S.C.”Quali sono le caratteristiche per cui linterferenza tra le imprese è difatto nulla?Come è possibile dimostrarlo?Esclusivamente con un cronoprogramma contenuto proprio nel PSC
  • 15. Riferimenti •Documento distribuito ai partners del progetto•Documento reperibile su richiesta a: ”Isola che c’è”: energia@lisolachece.org•Prossimamente online (rinnovata sezione Energia) www.lisolachece.org GRAZIE PER L’ATTENZIONE