WOMENOMICS
DONNE, LAVORO, ECONOMIA, FECONDITA’
IL VALORE DELLA DIVERSITA’
Trieste, 16 maggio 2014
PUNTO 1
Più che etica, è economia!
Lavoro femminile & PIL
La presenza di più donne in posizioni decisionali
•  migliora la redditività e la governance
•  diminuisce la corruzione
E...
Occupazione e retribuzione
Giornata lavorativa
Donne: 9,9 h (5,1 h lavori di casa, 2,3 h per sé)
Uomini: 8,6 h (2,4 h lavori di casa, 3,3 h per sé)
Nella vita di tutti i giorni
Educazione: 55% laureate
Potere d’acquisto: 85%
Posti in asilo nido: 11%
In politica
Ruoli elettivi/di nomina: 19%
Governo: 50% dei ministri, 35%
ministeri con portafoglio
Parlamento: 31% donne (...
Al lavoro
Impiegate: 57%
Dirigenti: 13%
Nei cda: 17%
Part time: 82% donne
Imprenditrici/autonome: 23%
Start up: 11%
5. The overall index
The several sub dimensions described in Section 4 compose the overall index, in whose
definition each...
Table 5
Indicators of regional availability of care services for children aged 0-2 (1)
(per 100 residents aged 0-2)
REGION...
PAROLA CHIAVE: FLESSIBILITA’ E CONCILIAZIONE?
PAROLA CHIAVE: FLESSIBILITA’ E CONCILIAZIONE!
Aziende: welfare
•  banca ore, job sharing familiare, part
time
•  convenzioni con asili nido e summer
camp, servizio di b...
Imprenditoria: spazi e servizi
PUNTO 2
L’economia è cambiata: dal possesso allo scambio
L’economia è cambiata: dal PIL al BES
Il lavoro è cambiato: benessere e sostenibilità
Il lavoro è cambiato: mancession
Le donne sono cambiate: famiglia
Le donne sono cambiate: famiglia e lavoro
Le donne sono cambiate? Immagine
1985
Le donne sono cambiate? Immagine
2014
Le donne sono cambiate!
Le donne sono cambiate! Role model
A PARI MERITO,
VOTA UNA DONNA!
Grazie!
www.womenomics.it
Francesca Panzarin
Email: francescap@womenomics.it
Skype: francesca.panzarin
www. pianoc.it
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi

926 views
859 views

Published on

presentazione al convegno "Wonderfullydifferent - Il valore della diversità", Trieste 16 maggio 2013

Published in: Economy & Finance

Womenomics 3.0: evoluzione di una teoria in tempo di crisi

  1. 1. WOMENOMICS DONNE, LAVORO, ECONOMIA, FECONDITA’ IL VALORE DELLA DIVERSITA’ Trieste, 16 maggio 2014
  2. 2. PUNTO 1
  3. 3. Più che etica, è economia!
  4. 4. Lavoro femminile & PIL
  5. 5. La presenza di più donne in posizioni decisionali •  migliora la redditività e la governance •  diminuisce la corruzione Ellen Johnson Sirleaf
  6. 6. Occupazione e retribuzione
  7. 7. Giornata lavorativa Donne: 9,9 h (5,1 h lavori di casa, 2,3 h per sé) Uomini: 8,6 h (2,4 h lavori di casa, 3,3 h per sé)
  8. 8. Nella vita di tutti i giorni Educazione: 55% laureate Potere d’acquisto: 85% Posti in asilo nido: 11%
  9. 9. In politica Ruoli elettivi/di nomina: 19% Governo: 50% dei ministri, 35% ministeri con portafoglio Parlamento: 31% donne (16% capogruppo, presidente di commissione, ufficio di presidenza) Consigli regionali: 13%
  10. 10. Al lavoro Impiegate: 57% Dirigenti: 13% Nei cda: 17% Part time: 82% donne Imprenditrici/autonome: 23% Start up: 11%
  11. 11. 5. The overall index The several sub dimensions described in Section 4 compose the overall index, in whose definition each sub dimension is assigned the same weight (Table 6). Table 6 The Gender equality index for the Italian regions (1) (1) Year 2010. Values in bold are below the national average. Region Standardized labour dimension Standardized income dimension Standardized decision making power dimension Standardized time dimension The overall index Piedmont 0.60 0.37 0.42 0.51 0.47 Emilia-Romagna 0.56 0.27 0.44 0.56 0.46 Liguria 0.56 0.32 0.42 0.50 0.45 Umbria 0.43 0.52 0.43 0.39 0.44 Valle d'Aosta 0.58 0.37 0.28 0.51 0.44 Friuli Venezia Giulia 0.53 0.27 0.35 0.56 0.43 Tuscany 0.47 0.44 0.40 0.37 0.42 Marche 0.50 0.40 0.28 0.43 0.40 Provincia Autonoma Bolzano 0.53 0.18 0.32 0.50 0.38 Lazio 0.41 0.42 0.16 0.53 0.38 Sardinia 0.48 0.27 0.29 0.49 0.38 Provincia Autonoma Trento 0.52 0.18 0.31 0.50 0.38 ITALY 0.43 0.29 0.28 0.43 0.36 Lombardy 0.48 0.31 0.16 0.48 0.35 Veneto 0.36 0.32 0.18 0.48 0.34 Molise 0.33 0.22 0.27 0.39 0.30 Sicily 0.20 0.44 0.15 0.34 0.28 Abruzzo 0.37 0.12 0.18 0.44 0.28 Basilicata 0.36 0.24 0.28 0.18 0.27 Campania 0.18 0.25 0.21 0.33 0.24 Puglia 0.16 0.00 0.33 0.44 0.23 Calabria 0.32 0.09 0.04 0.11 0.14 North West 0.55 0.34 0.32 0.50 0.43 North East 0.50 0.24 0.32 0.52 0.40 Centre 0.45 0.45 0.32 0.43 0.41 South and Islands 0.30 0.20 0.22 0.34 0.27 The overall index clearly shows how the North and the South of the country differ from the national average value (0.36). The index takes values above the average in all Northern and Central regions, with the sole exceptions of Veneto and Lombardy. Piedmont achieves the maximum value along all four sub dimensions and in the overall index. The Emilia-Romagna, Liguria, Umbria and
  12. 12. Table 5 Indicators of regional availability of care services for children aged 0-2 (1) (per 100 residents aged 0-2) REGION Kindergartens. Territorial indicators Integrated services and innovative early childhood. Territorial indicators Total Piedmont 11,5 3,3 14,8 Valle d'Aosta 19,8 5,7 25,4 Lombardy 15,1 3,6 18,7 P.A. Bolzano 3,9 10,4 14,4 P.A. Trento 16,0 3,8 19,8 Veneto 10,7 1,8 12,5 Friuli Venezia Giulia 14,5 3,2 17,7 Liguria 13,8 2,8 16,6 Emilia-Romagna 25,2 4,3 29,5 Tuscany 17,4 3,0 20,4 Umbria 21,3 6,4 27,7 Marche 14,4 1,7 16,1 Lazio 12,9 0,7 13,6 Abruzzo 8,1 2,0 10,0 Molise 4,7 0,7 5,4 Campania 1,7 1,0 2,7 Puglia 4,1 0,9 5,0 Basilicata 7,6 0,2 7,8 Calabria 3,1 0,4 3,5 Sicily 5,1 0,1 5,2 Sardinia 10,9 2,2 13,2 ITALY 11,3 2,3 13,6 Source: Istat, L’offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia. (1) School year 2009-2010.
  13. 13. PAROLA CHIAVE: FLESSIBILITA’ E CONCILIAZIONE?
  14. 14. PAROLA CHIAVE: FLESSIBILITA’ E CONCILIAZIONE!
  15. 15. Aziende: welfare •  banca ore, job sharing familiare, part time •  convenzioni con asili nido e summer camp, servizio di baby sitting on demand •  soggiorni all’estero per i figli presso famiglie di altri dipendenti, aiuti scolastici per i figli dei lavoratori del gruppo •  coperture assicurative per spese diagnostiche e specialistiche, microcredito per dipendenti in difficoltà finanziarie
  16. 16. Imprenditoria: spazi e servizi
  17. 17. PUNTO 2
  18. 18. L’economia è cambiata: dal possesso allo scambio
  19. 19. L’economia è cambiata: dal PIL al BES
  20. 20. Il lavoro è cambiato: benessere e sostenibilità
  21. 21. Il lavoro è cambiato: mancession
  22. 22. Le donne sono cambiate: famiglia
  23. 23. Le donne sono cambiate: famiglia e lavoro
  24. 24. Le donne sono cambiate? Immagine 1985
  25. 25. Le donne sono cambiate? Immagine 2014
  26. 26. Le donne sono cambiate!
  27. 27. Le donne sono cambiate! Role model
  28. 28. A PARI MERITO, VOTA UNA DONNA!
  29. 29. Grazie! www.womenomics.it Francesca Panzarin Email: francescap@womenomics.it Skype: francesca.panzarin www. pianoc.it

×