Pof 2012 13
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Pof 2012 13

on

  • 1,784 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,784
Views on SlideShare
1,283
Embed Views
501

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

1 Embed 501

http://www.iisteramo.it 501

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Pof 2012 13 Pof 2012 13 Document Transcript

  • I.T.I.S.: Chimica, Materiali e Biotecnologie, Elettronica ed Elettrotecnica, Informatica e Telecomunicazioni, Meccanica Meccatronica ed Energia, Trasporti e LogisticaI.T.S.G.: Costruzioni Ambiente TerritorioI.P.S.I.A.: Manutenzione assistenza tecnica; I.P.S.S.S.: OdontotecnicoVia S. Marino, n. 12 - 64100 Teramowww.iisteramo.it Piano IL DIRIGENTE SCOLASTICO Formativa A.S. 2012/13 dell’Offerta “Alessandrini-Marino-Forti” ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE Prof.ssa Stefania Nardini
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13SOMMARIOL’ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE “ALESSANDRINI- MARINO-FORTI” DI TERAMO ..................................................... 2LI.T.I.S. “E. ALESSANDRINI” ................................................................................................................................................ 4 SPAZI E LABORATORI ...................................................................................................................................................... 3 ATTIVITA CURRICOLARI ................................................................................................................................................. 5 NUOVO ORDINAMENTO ................................................................................................................................................. 5 INDIRIZZI DI STUDIO ED ARTICOLAZIONI ....................................................................................................... 7 INDIRIZZO “INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI” ..................................................................................................... 9 INDIRIZZO “MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA” ............................................................................................ 11 INDIRIZZO “ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA” ........................................................................................................ 13 INDIRIZZO “CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE” ................................................................................................. 15 INDIRIZZO “TRASPORTI E LOGISTICA” ......................................................................................................................... 17 ORDINAMENTO PREVIGENTE ....................................................................................................................................... 20 CORSO SERALE PROGETTO SIRIO ................................................................................................................................. 25 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 26LI.T.G. “C. FORTI” ............................................................................................................................................................. 27 SPAZI E LABORATORI .................................................................................................................................................. 27 INDIRIZZO “COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO” ............................................................................................... 30 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 32LIPSIA-IPSSS “E. MARINO” ............................................................................................................................................... 33 SPAZI E LABORATORI .................................................................................................................................................... 33 ATTIVITA CURRICULARI ............................................................................................................................................... 34 NUOVO ORDINAMENTO ............................................................................................................................................... 34 INDIRIZZO “MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA” ................................................................................................ 38 INDIRIZZO "SERVIZI SOCIO-SANITARI"………………………………………………………………………………………………..……………………41 ORDINAMENTO PREVIGENTE ....................................................................................................................................... 42 PROFILI PROFESSIONALI ............................................................................................................................................... 45 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 49PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA ................................................................................................................................... 50 IL MODELLO EDUCATIVO ............................................................................................................................................. 51 CITTADINANZA E COSTITUZIONE .................................................................................................................................. 53 FIGURE DI SISTEMA ...................................................................................................................................................... 54 STRATEGIE DIDATTICO-RELAZIONALI ........................................................................................................................... 56 FUNZIONI STRUMENTALI.............................................................................................................................................. 57 PROGETTI...................................................................................................................................................................... 61 ATTIVITA’ DIDATTICHE INTEGRATIVE ........................................................................................................................... 63 2
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 SUDDIVISIONE DELL’ANNO SCOLASTICO ...................................................................................................................... 64 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE - ITS - .......................................................................................................................... 64 COMUNICAZIONE ......................................................................................................................................................... 64 VALUTAZIONE ............................................................................................................................................................... 65 CREDITO SCOLASTICO................................................................................................................................................... 67 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI ............................................................................................ 71 VALUTAZIONE DEL POF ................................................................................................................................................ 72 ORGANIGRAMMA ........................................................................................................................................................ 75ALLEGATI ........................................................................................................................................................................... 85 PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’ .............................................................................................................. 85 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ..................................................................................................................................... 88 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO D’ISTITUTO ................................................................................................................ 89 GLI ASSI CULTURALI ...................................................................................................................................................... 93 3
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13L’ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE “ALESSANDRINI- MARINO-FORTI” DI TERAMODal primo settembre 2009, per effetto del processo di dimensionamento delle istituzioni scolastiche, l’ITIS “EmilioAlessandrini” di Teramo e l’IPSIA “Ettore Marino” di Teramo, pur mantenendo invariate le loro caratteristiche sulpiano strutturale e didattico, sono stati accorpati dal punto di vista amministrativo in un unico Istituto di IstruzioneSuperiore “Alessandrini – Marino”. Un’ ulteriore tappa del processo di dimensionamento degli istituti scolastici haportato all’accorpamento dell’Istituto Tecnico per Geometri “Carlo Forti” di Teramo con la nascita, dal primosettembre 2012, dell’Istituto di Istruzione Superiore “ Alessandrini – Marino – Forti”.LI.T.I.S. “E. ALESSANDRINI”LI.T.I.S. "E. Alessandrini" è un Istituto superiore ad indirizzo tecnico – scientifico, i cui corsi si articolano in cinque anni,al termine dei quali gli allievi conseguono un diploma di scuola secondaria di secondo grado che offre le seguentipossibilità :  accesso diretto a tutte le Facoltà Universitarie ed Accademie Militari  esercizio della libera professione come Perito Industriale  consulente presso le Camere di Commercio ed i tribunali  inserimento nel mondo del lavoro come coordinatore e dirigente in aziende pubbliche e private;  insegnamento tecnico- pratico nei laboratori degli Istituti Tecnici e Professionali.LI.T.I.S. "E. Alessandrini" è frequentato attualmente da circa 570 allievi.A partire dall’a.s. 2006/07 è stato attivato un corso serale (progetto Sirio) per lavoratori-studenti ad indirizzoElettrotecnica ed automazione.Coloro i quali hanno proseguito gli studi universitari hanno generalmente conseguito la laurea nelle facoltà acarattere scientifico-tecnologico, come ingegneria, fisica, chimica ed operano nel mondo dell’industria, delle libereprofessioni, dellinsegnamento e della pubblica amministrazione.SPAZI E LABORATORILIstituto, situato a Teramo in zona semicentrale, a pochi passi dallautostazione e dalla stazione ferroviaria, offregrandi spazi interni, un ampio giardino, piazzali, viali ed unarea destinata a parcheggio. Un bar interno garantisce agliallievi consumazioni a prezzi particolarmente modici.La palestra, di ben 1105 mq, attrezzata per ogni attività ginnico sportiva, rappresenta la più ampia struttura sportivascolastica nel comprensorio regionale.L’Auditorium, realizzato di recente dalla Provincia di Teramo, con una capacità di 211 posti, è una sala polifunzionalea servizio della scuola e della città per riunioni, convegni e manifestazioni culturali.Gli spazi comuni (atri, corridoi, ecc. ), recentemente rinnovati e adeguati alle norme di sicurezza ed antincendio, sonoampi e luminosi e fungono, insieme al giardino, da comodo punto di incontro per tutte le componenti scolastiche.La biblioteca è centralizzata ed aggiornata, fornita soprattutto di testi nei settori attinenti agli indirizzi dispecializzazione.I laboratori, numerosi, ampi e ben attrezzati, costituiscono motivo d’orgoglio per l’Istituto, che nel corso dei decenni,pur fra le innumerevoli difficoltà economiche degli ultimi anni, non ha cessato di investire in essi, per garantirnel’efficienza e la rispondenza alle necessità didattiche imposte dalle innovazioni tecnologiche. Essi sono i seguenti: 4
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Aula C.A.D. (Disegno tecnico al computer) Aula multimediale Informatica Tecnologico Sistemi Automatici Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica TDP Elettronica TDP Elettrotecnica Automazione Analisi Chimiche Chimica biennio Fisica Pneumatica ed Automazione Macchine utensiliPARTICOLARITA’In questi anni l’Istituto è presente nel Web con un sito ricco e costantemente aggiornato, che si sta predisponendo percomunicazioni interattive con il mondo degli studenti, delle famiglie e, naturalmente, del personale.Sono motivo d’orgoglio, per l’Istituto, i lusinghieri risultati conseguiti da allievi interni in competizioni nazionali ,comele Olimpiadi della Matematica, dell’Informatica, della Statistica, le Olimpiadi dell’Automazione ed i Giochi dellaChimica (questi ultimi sono svolti, a livello regionale, nel nostro Istituto), concorsi e rassegne nazionali, dedicati allavalorizzazione delle eccellenze che emergono nel sistema d’istruzione nazionale.Un riconoscimento all’impegno profuso dall’Istituto nell’innalzamento della qualità dell’Offerta Formativa è anchearrivato dal CERN di Ginevra e dal prof. Zichichi, con i quali fu avviato il progetto “Extreme Energy Events (EEE)"per l’installazione e messa in funzione nell’Istituto di un telescopio MRPC per rilevare e studiare gli eventi cosmici adaltissima energia.L’Istituto inoltre è TEST CENTER accreditato per il conseguimento della certificazione ECDL delle competenzeinformatiche, e periodicamente organizza corsi di preparazione ed esami per ottenere la PATENTE EUROPEA DELCOMPUTER. 5
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ATTIVITA CURRICOLARIA partire dall’anno scolastico 2010-2011 l’Istituto sta attuando il percorso di studi previsto dalregolamento di riordino degli istituti tecnici emanato dal Presidente della Repubblica il 15 marzo2010 [DPR n. 88 del 15/03/2010]. Le modifiche rispetto all’ordinamento previgente riguarderannogli studenti iscritti alle classi prime, seconde e terze. Nelle pagine seguenti, dunque, si procederàdistinguendo tra Nuovo ordinamento (relativo alle classi prime, seconde e terze) e Ordinamentoprevigente (relativo alle classi quarte e quinte).NUOVO ORDINAMENTO[classi prime, seconde e terze]PremessaI percorsi degli Istituti Tecnici sono parte integrante del secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione di cuiall’articolo 1 del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, come modificato dall’articolo 13 della legge 2 aprile 2007,n. 40.Gli Istituti Tecnici costituiscono un’articolazione dell’istruzione tecnica e professionale dotata di una propria identitàculturale, che fa riferimento al profilo educativo, culturale e professionale dello studente, a conclusione del secondociclo del sistema educativo di istruzione e formazione di cui all’articolo 1, comma 5, del decreto legislativo n. 226/05.IL PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEGLI ISTITUTI TECNICIL’identità degli istituti tecnici è connotata da una solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea conle indicazioni dell’Unione europea. Costruita attraverso lo studio, l’approfondimento, l’applicazione di linguaggi emetodologie di carattere generale e specifico, tale identità è espressa da un numero limitato di ampi indirizzi, correlatia settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese.I percorsi degli istituti tecnici si articolano in unarea di istruzione generale comune e in aree di indirizzo. I risultati diapprendimento costituiscono il riferimento per le linee guida nazionali di cui all’articolo 8, comma 3, del regolamentodi riordino, definite a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche. Le linee guidacomprendono altresì l’articolazione in competenze, abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento, anche conriferimento al Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (European QualificationsFramework-EQF).L’area di istruzione generale ha l’obiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso ilrafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali che caratterizzano l’obbligo di istruzione: asse dei linguaggi,matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale.Le aree di indirizzo hanno l’obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili invari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestireautonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilitàper la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti.Le attività e gli insegnamenti relativi a “Cittadinanza e Costituzione” di cui all’art. 1 del decreto legge 1 settembre 2008n. 137 convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2008 n. 169, coinvolgono tutti gli ambiti disciplinari e sisviluppano, in particolare, in quelli di interesse storico-sociale e giuridico-economico.I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti di inserirsidirettamente nel mondo del lavoro, di accedere all’università, al sistema dell’istruzione e formazione tecnica superiorenonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l’accesso agli albi delle professioni tecniche secondo le normevigenti in materia. 6
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13RISULTATI DI APPRENDIMENTO COMUNI A TUTTI I PERCORSIA conclusione dei percorsi degli istituti tecnici, gli studenti - attraverso lo studio, le esperienze operative di laboratorioe in contesti reali, la disponibilità al confronto e al lavoro cooperativo, la valorizzazione della loro creatività edautonomia – sono in grado di:agire in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione, a partire dai quali saper valutare fatti eispirare i propri comportamenti personali e sociali;utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabiledi fronte alla realtà, ai suoi fenomeni e ai suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente;padroneggiare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei varicontesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici;riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, delle arti e orientarsi agevolmentefra testi e autori fondamentali, con riferimento sopratutto a tematiche di tipo scientifico, tecnologico ed economico;riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali, dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con lestrutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo;stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali sia in una prospettiva interculturale siaai fini della mobilità di studio e di lavoro;utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere previste dai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti econtesti di studio e di lavoro;riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione;individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento allestrategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete;riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea ed esercitare in modo efficace lapratica sportiva per il benessere individuale e collettivo;collocare le scoperte scientifiche e le innovazioni tecnologiche in una dimensione storico-culturale ed etica, nellaconsapevolezza della storicità dei saperi;utilizzare modelli appropriati per investigare su fenomeni e interpretare dati sperimentali;riconoscere, nei diversi campi disciplinari studiati, i criteri scientifici di affidabilità delle conoscenze e delle conclusioniche vi afferiscono;padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrativi della matematica; possedere gli strumentimatematici, statistici e del calcolo delle probabilità necessari per la comprensione delle discipline scientifiche e perpoter operare nel campo delle scienze applicate;collocare il pensiero matematico e scientifico nei grandi temi dello sviluppo della storia delle idee, della cultura, dellescoperte scientifiche e delle invenzioni tecnologiche;utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare;padroneggiare l’uso di strumenti tecnologici con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, allatutela della persona, dell’ambiente e del territorio;utilizzare, in contesti di ricerca applicata, procedure e tecniche per trovare soluzioni innovative e migliorative, inrelazione ai campi di propria competenza;cogliere l’importanza dell’orientamento al risultato, del lavoro per obiettivi e della necessità di assumereresponsabilità nel rispetto dell’etica e della deontologia professionale;saper interpretare il proprio autonomo ruolo nel lavoro di gruppo; analizzare criticamente il contributo apportatodalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e dei valori, al cambiamento delle condizioni di vita e dei modidi fruizione culturale;essere consapevole del valore sociale della propria attività, partecipando attivamente alla vita civile e culturale alivello locale, nazionale e comunitario. 7
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13STRUMENTI ORGANIZZATIVI E METODOLOGICII percorsi degli istituti tecnici sono caratterizzati da spazi crescenti di flessibilità, dal primo biennio al quinto anno,funzionali agli indirizzi, per corrispondere alle esigenze poste dall’innovazione tecnologica e dai fabbisogni espressi dalmondo del lavoro e delle professioni, nonché alle vocazioni del territorio. A questo fine, gli istituti tecnici organizzanospecifiche attività formative nell’ambito della loro autonomia didattica, organizzativa e di ricerca e sviluppo incostante raccordo con i sistemi produttivi del territorio.Gli aspetti tecnologici e tecnici sono presenti fin dal primo biennio ove, attraverso l’apprendimento dei saperi-chiave,acquisiti soprattutto attraverso l’attività di laboratorio, esplicano una funzione orientativa. Nel secondo biennio, lediscipline di indirizzo assumono connotazioni specifiche in una dimensione politecnica, con l’obiettivo di farraggiungere agli studenti, nel quinto anno, una adeguata competenza professionale di settore, idonea anche per laprosecuzione degli studi a livello terziario con particolare riferimento all’esercizio delle professioni tecniche. Il secondobiennio e il quinto anno costituiscono, quindi, un percorso unitario per accompagnare e sostenere le scelte dellostudente nella costruzione progressiva del suo progetto di vita, di studio e di lavoro.Le metodologie sono finalizzate a valorizzare il metodo scientifico e il pensiero operativo; analizzare e risolvereproblemi; educare al lavoro cooperativo per progetti; orientare a gestire processi in contesti organizzati. Lemetodologie educano, inoltre, all’uso di modelli di simulazione e di linguaggi specifici, strumenti essenziali per faracquisire agli studenti i risultati di apprendimento attesi a conclusione del quinquennio. Tali metodologie richiedonoun sistematico ricorso alla didattica di laboratorio, in modo rispondente agli obiettivi, ai contenuti dell’apprendimentoe alle esigenze degli studenti, per consentire loro di cogliere concretamente l’interdipendenza tra scienza, tecnologia edimensione operativa della conoscenza .Gli stage, i tirocini e l’alternanza scuola/lavoro sono strumenti didattici fondamentali per far conseguire agli studenti irisultati di apprendimento attesi e attivare un proficuo collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni,compreso il volontariato ed il privato sociale.Gli istituti tecnici possono dotarsi, nell’ambito della loro autonomia, di strutture innovative, quali i dipartimenti e ilcomitato tecnico-scientifico, per rendere l’organizzazione funzionale al raggiungimento degli obiettivi che connotanola loro identità culturale.Gli istituti tecnici per il settore tecnologico sono dotati di ufficio tecnico.Gli istituti attivano modalità per la costante autovalutazione dei risultati conseguiti, con riferimento agli indicatoristabiliti a livello nazionale secondo quanto previsto all’articolo 8, comma 2 , lettera c) del presente regolamento.Ai fini di cui sopra possono avvalersi anche della collaborazione di esperti del mondo del lavoro e delle professioni.INDIRIZZI DI STUDIO ED ARTICOLAZIONI MECCANICA E ELETTROTECNICA ED INFORMATICA E CHIMICA, MATERIALI TRASPORTI E MECCATRONICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI E BIOTECNOLOGIE LOGISTICA • Meccanica e meccatronica • Elettronica • Informatica • Chimica e materiali • Costruzione del mezzo • Energia • Elettrotecnica • Telecomunicazioni • Biotecnologie ambientali • Logistica • Automazione 8
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORETECNOLOGICOA conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i seguenti risultati specificati in termini dicompetenze:  Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani.  Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici.  Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro.  Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente.  Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo.  Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione.  Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete.  Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un’altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER).  Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea e l’importanza che riveste la pratica dell’attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo.  Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative.  Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni.  Utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare dati.  Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare.  Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell’ambiente e del territorio.  Utilizzare i principali concetti relativi alleconomia e allorganizzazione dei processi produttivi e dei servizi.  Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento.  Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti.  Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali.  Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento.Il percorso didattico degli Istituti Tecnici è strutturato in:  un primo biennio, dedicato allacquisizione dei saperi e delle competenze previsti per lassolvimento dellobbligo di istruzione e di apprendimenti che introducono progressivamente agli indirizzi;  in secondo biennio e un quinto anno, che costituiscono un complessivo triennio in cui gli indirizzi possono articolarsi nelle opzioni richieste dal territorio e dal mondo del lavoro e delle professioni;  il quinto anno si conclude con lEsame di Stato. 9
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI”PROFILOIl Diplomato in “Informatica e Telecomunicazioni”:ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell’elaborazione dell’informazione, delle applicazioni etecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione;ha competenze e conoscenze che, a seconda delle diverse articolazioni, si rivolgono all’analisi, progettazione,installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali eapparati di trasmissione e ricezione dei segnali;ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale– orientato ai servizi – per i sistemi dedicati “incorporati”;collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti lasicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (“privacy”).È in grado dicollaborare, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e diintervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell’organizzazione produttiva delle imprese;collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagireefficacemente, sia nella forma scritta che orale;esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale,concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell’obiettivo, nell’analisi e nella realizzazione delle soluzioni;utilizzare a livello avanzato la lingua inglese per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forteinternazionalizzazione;definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d’uso.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI • viene approfondita l’analisi, la • viene approfondita l’analisi, la comparazione e la progettazione di comparazione, la progettazione, dispositivi e strumenti informatici e lo installazione e gestione di dispositivi e sviluppo delle applicazioni strumenti elettronici e sistemi di informatiche. telecomunicazione, lo sviluppo di applicazioni informatiche per reti locali e servizi a distanza.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Informatica e telecomunicazioni” consegue irisultati di apprendimento, di seguito specificati in termini di competenze:1 – scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali.2 – Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione.3 – Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e dellasicurezza.4 – Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 10
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 – Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti.6 – Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza.In relazione alle articolazioni ”Informatica” e “Telecomunicazioni”, le competenze di cui sopra sono differentementesviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Materie comuni a tutte le articolazioni Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1 Sistemi e reti 4(2) 4 4 Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di 3(1) 3 4 telecomunicazioni Gestione progetto, organizzazione d’impresa 3Articolazione “Informatica”Informatica 6(4) 6 6Telecomunicazioni 3(1) 3Articolazione “Telecomunicazioni”Informatica 3 3Telecomunicazioni 6 6 6Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 11
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA”PROFILOIl Diplomato in Meccanica, Meccatronica ed Energia:ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni; inoltre, hacompetenze sulle macchine e sui dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizinei diversi contesti economici.Nelle attività produttive d’interesse, egli collabora nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e deiprodotti, nella realizzazione dei relativi processi produttivi; interviene nella manutenzione ordinaria e nell’esercizio disistemi meccanici ed elettromeccanici complessi; è in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impiantiindustriali.È in grado diintegrare le conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici dedicati con le nozioni dibase di fisica e chimica, economia e organizzazione; interviene nell’automazione industriale e nel controllo econduzione dei processi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione, all’adeguamento tecnologico eorganizzativo delle imprese, per il miglioramento della qualità ed economicità dei prodotti; elabora cicli di lavorazione,analizzandone e valutandone i costi;intervenire, relativamente alle tipologie di produzione, nei processi di conversione, gestione ed utilizzo dell’energia edel loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente;agire autonomamente, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale;pianificare la produzione e la certificazione degli apparati progettati, documentando il lavoro svolto, valutando irisultati conseguiti, redigendo istruzioni tecniche e manuali d’uso.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Meccanica e meccatronica Energia • sono approfondite, nei diversi contesti • sono approfondite, in particolare, le produttivi, le tematiche generali specifiche problematiche collegate alla connesse alla progettazione, conversione e utilizzazione dell’energia, ai realizzazione e gestione di apparati e relativi sistemi tecnici e alle normative sistemi e alla relativa organizzazione del per la sicurezza e la tutela dell’ambiente. lavoro.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Meccanica, meccatronica ed energia” consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Individuare le proprietà dei materiali in relazione all’impiego, ai processi produttivi e ai trattamenti.2 – Misurare, elaborare e valutare grandezze e caratteristiche tecniche con opportuna strumentazione.3 – Organizzare il processo produttivo contribuendo a definire le modalità di realizzazione, di controllo e collaudo delprodotto.4 – Documentare e seguire i processi di industrializzazione.5 – Progettare strutture apparati e sistemi, applicando anche modelli matematici, e analizzarne le risposte allesollecitazioni meccaniche, termiche, elettriche e di altra natura.6 – Progettare, assemblare, collaudare e predisporre la manutenzione di componenti, di macchine e di sistemitermotecnici di varia natura.7 – Organizzare e gestire processi di manutenzione per i principali apparati dei sistemi di trasporto, nel rispetto dellerelative procedure. 12
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/138 – Definire, classificare e programmare sistemi di automazione integrata e robotica applicata ai processi produttivi.9 – Gestire ed innovare processi correlati a funzioni aziendali.10 – Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali della qualità e della sicurezza.In relazione alle articolazioni: ”Meccanica e meccatronica” ed “Energia”, le competenze di cui sopra sonodifferentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO MECCANICA MECCATRONICA E ENERGIA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazione “Meccanica e meccatronica” Meccanica, macchine ed 4(1) 4 4 energia Sistemi e 4(2) 3 3 automazione Tecnologie meccaniche di processo e 5(3) 5 5 prodotto Disegno, progettazione e organizzazione 3(2) 4 5 industrialeArticolazione “Energia” Meccanica, macchine ed 5 5 5 energia Sistemi e 4 4 4 automazione Tecnologie meccaniche di processo e 4 2 2 prodotto Impianti energetici, disegno e 3 5 6 progettazioneTotale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenza 13
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Prove: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO “ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA”PROFILOIl Diplomato in “Elettronica ed Elettrotecnica”:ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici, elettronici e dellemacchine elettriche, della generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi perla generazione, conversione e trasporto dell’energia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione;nei contesti produttivi d’interesse, collabora nella progettazione, costruzione e collaudo di sistemi elettrici edelettronici, di impianti elettrici e sistemi di automazione.È grado dioperare nell’organizzazione dei servizi e nell’esercizio di sistemi elettrici ed elettronici complessi;sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti, apparecchi e apparati elettronici;utilizzare le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato;integrare conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per intervenire dell’automazione industriale enel controllo dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione e all’adeguamentotecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione;intervenire nei processi di conversione dell’energia elettrica, anche di fonti alternative, e del loro controllo, perottimizzare il consumo energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza;nell’ambito delle normative vigenti, collaborare al mantenimento della sicurezza sul lavoro e nella tutela ambientale,contribuendo al miglioramento della qualità dei prodotti e dell’organizzazione produttiva delle aziende.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Elettronica Elettrotecnica Automazione • viene approfondita la • viene approfondita la • viene approfondita la progettazione, progettazione, progettazione, realizzazione e gestione realizzazione e gestione realizzazione e gestione di sistemi e circuiti di impianti elettrici civili e di sistemi di controllo. elettronici.. industriali.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Elettronica ed elettrotecnica” consegue i risultatidi apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1– Applicare nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature elettriche ed elettroniche iprocedimenti dell’elettrotecnica e dell’elettronica.2 – Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura per effettuare verifiche,controlli e collaudi.3 – Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche delle macchine elettriche e delle apparecchiature elettroniche, conriferimento ai criteri di scelta per la loro utilizzazione e interfacciamento.4 – Gestire progetti. 14
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 – Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali.6 – Utilizzare linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ad ambiti specifici di applicazione.7 – Analizzare il funzionamento, progettare e implementare sistemi automatici.In relazione alle articolazioni: ”Elettronica”, “Elettrotecnica” ed “Automazione”, le competenze di cui sopra sonodifferentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Diritto ed economia[O] 2 2 Materie comuni a tutte le articolazioni Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative [S-O] 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1 Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici 5(3) 5 6Articolazioni “Elettronica” ed “Elettrotecnica”Elettrotecnica ed elettronica 7(3) 6 6Sistemi automatici 4(2) 5 5Articolazione “Automazione”Elettrotecnica ed elettronica 7 5 5Sistemi automatici 4 6 6Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 15
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE”PROFILOIl Diplomato in “Chimica, materiali e biotecnologie”:ha competenze specifiche nel campo dei materiali, delle analisi strumentali chimico-biologiche, nei processi diproduzione, in relazione alle esigenze delle realtà territoriali, negli ambiti chimico, merceologico, biologico,farmaceutico, tintorio e conciario;ha competenze nel settore della prevenzione e della gestione di situazioni a rischio ambientale e sanitario.È in grado di:collaborare, nei contesti produttivi d’interesse, nella gestione e nel controllo dei processi, nella gestione emanutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici, partecipando alla risoluzione delle problematicherelative agli stessi;ha competenze per l’analisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale;integrare competenze di chimica, di biologia e microbiologia, di impianti e di processi chimici e biotecnologici, diorganizzazione e automazione industriale, per contribuire all’innovazione dei processi e delle relative procedure digestione e di controllo, per il sistematico adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese;applicare i principi e gli strumenti in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, del miglioramentodella qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi; - collaborare nella pianificazione, gestione e controllo dellestrumentazioni di laboratorio di analisi e nello sviluppo del processo e del prodotto;verificare la corrispondenza del prodotto alle specifiche dichiarate, applicando le procedure e i protocolli dell’area dicompetenza; controllare il ciclo di produzione utilizzando software dedicati, sia alle tecniche di analisi di laboratoriosia al controllo e gestione degli impianti; essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nelcontesto culturale e sociale in cui sono applicate.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Chimica e materiali Biotecnologie ambientali •vengono identificate, acquisite e approfondite, •vengono identificate, acquisite e approfondite le nelle attività di laboratorio, le competenze competenze relative al governo e controllo di relative alle metodiche per la preparazione e per progetti, processi e attività, nel rispetto delle la caratterizzazione dei sistemi chimici, normative sulla protezione ambientale e sulla all’elaborazione, realizzazione e controllo di sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro, e allo progetti chimici e biotecnologici e alla studio delle interazioni fra sistemi energetici e progettazione, gestione e controllo di impianti ambiente, specialmente riferite all’impatto chimici. ambientale degli impianti e alle relative emissioni inquinanti.A conclusione del percorso quinquennale, Il Diplomato nell’indirizzo “Chimica, materiali e biotecnologie” consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Acquisire i dati ed esprimere quantitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni di un fenomenoattraverso grandezze fondamentali e derivate.2 – Individuare e gestire le informazioni per organizzare le attività sperimentali.3 – Utilizzare i concetti, i principi e i modelli della chimica fisica per interpretare la struttura dei sistemi e le lorotrasformazioni.4 – Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie, nel contesto culturale e sociale in cui sonoapplicate. 16
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 - Intervenire nella pianificazione di attività e controllo della qualità del lavoro nei processi chimici e biotecnologici.6 – Elaborare progetti chimici e biotecnologici e gestire attività di laboratorio.7 – Controllare progetti e attività, applicando le normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza.In relazione a ciascuna delle articolazioni le competenze elencate sono sviluppate coerentemente con la peculiaritàdel percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [S-P] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazioni “Chimica e materiali”Chimica analitica e strumentale 7(4) 6 8Chimica organica e biochimica 5(3) 5 3Tecnologie chimiche industriali 4(1) 5 6Articolazione “Biotecnologie ambientali”Chimica analitica e strumentale 4 4 4Chimica organica e biochimica 4 4 4Biologia, microbiologia e tecnologie di controllo ambientale 6 6 6Fisica ambientale 2 2 3Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 17 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 17
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “TRASPORTI E LOGISTICA”PROFILOIl Diplomato in “Trasporti e logistica”:- ha competenze tecniche specifiche e metodi di lavoro funzionali allo svolgimento delle attivitàinerenti la progettazione, la realizzazione, il mantenimento in efficienza dei mezzi e degli impiantirelativi, nonché l’organizzazione di servizi logistici;- opera nell’ambito dell’area Logistica, nel campo delle infrastrutture, delle modalità di gestionedel traffico e relativa assistenza, delle procedure di spostamento e trasporto, della conduzione delmezzo in rapporto alla tipologia d’interesse, della gestione dell’impresa di trasporti e della logisticanelle sue diverse componenti: corrieri, vettori, operatori di nodo e intermediari logistici;- possiede una cultura sistemica ed è in grado di attivarsi in ciascuno dei segmenti operativi delsettore in cui è orientato e di quelli collaterali.Sbocchi professionali:- Partecipare ai concorsi pubblici.- Lavorare presso società di navigazione aree, marittime e dei trasporti terrestri.- Operare come impiegato nelle industrie come responsabile della logistica.- Svolgere la libera professione.- Accesso a tutti i percorsi universitari o potrà proseguire gli studi nei corsi di formazioneprofessionale post diploma.Nella “top ten” delle figure più difficili da reperire, secondo i dati Excelsior di Unioncamere, gliaddetti alla logistica sono al secondo posto.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: "Costruzione del mezzo" e "Logistica" Costruzione del mezzo Logistica • riguarda la costruzione e la • riguarda l’approfondimento delle manutenzione del mezzo aereo, navale problematiche relative alla gestione, al e terrestre e l’acquisizione delle controllo degli aspetti organizzativi del professionalità nel campo delle trasporto aereo, marittimo e terrestre, certificazioni didoneità all’impiego dei anche al fine di valorizzare mezzi medesimi. l’acquisizione di idonee professionalità nell’interrelazione fra le diverse componenti.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione “Costruzione del mezzo”consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Identificare, descrivere e comparare tipologie e funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto.2 – Gestire il funzionamento di uno specifico mezzo di trasporto e intervenire nelle fasi diprogettazione, costruzione e manutenzione dei suoi diversi componenti. 18
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/133 – Mantenere in efficienza il mezzo di trasporto e gli impianti relativi.4 – Gestire e mantenere in efficienza i sistemi, gli strumenti e le attrezzature per il carico e loscarico dei passeggeri e delle merci, anche in situazioni di emergenza.5 – Gestire la riparazione dei diversi apparati del mezzo pianificandone il controllo e laregolazione.6 – Valutare l’impatto ambientale per un corretto uso delle risorse e delle tecnologie.7 – Gestire le attività affidate seguendo le procedure del sistema qualità, nel rispetto dellenormative di sicurezza.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione "Logistica" consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Gestire tipologie e funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto.2 – Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto.3 – Utilizzare i sistemi di assistenza, monitoraggio e comunicazione nei vari tipi di trasporto. /p>4 – Gestire in modo appropriato gli spazi a bordo e organizzare i servizi di carico e scarico, disistemazione delle merci e dei passeggeri.5 – Gestire l’attività di trasporto tenendo conto delle interazioni con l’ambiente esterno (fisico edelle condizioni meteorologiche) in cui viene espletata.6 – Organizzare la spedizione in rapporto alle motivazioni del viaggio ed alla sicurezza deglispostamenti.7 – Sovrintendere ai servizi di piattaforma per la gestione delle merci e dei flussi passeggeri inpartenza ed in arrivo.8 – Operare nel sistema qualità nel rispetto delle normative di sicurezza. 19
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13QUADRO ORARIO INDIRIZZO TRASPORTI E LOGISTICA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 2 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3 3 Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3 3 Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3 3 Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3 Scienze e tecnologie applicate [S-P] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazione “Costruzione del mezzo”Struttura, costruzione, sistemi e impianti del mezzo 7 6 8Meccanica, macchine e sistemi propulsivi 5 5 3Logistica 4 5 6Articolazione “Logistica”Scienze della navigazione e struttura dei mezzi di trasporto 4 4 4Meccanica e macchine 4 4 4Logistica 6 6 6Scienze della navigazione e struttura dei mezzi di trasporto 2 2 3Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 17 10 20
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORDINAMENTO PREVIGENTE[classi quarte e quinte]Il triennio è finalizzato a consolidare e sviluppare la formazione generale e a costruire la professionalità attraverso leproposte formative delle varie specializzazioni. Come previsto dal DPR emanato il 15 marzo 2010 in tutte le classi èstata effettuata la riduzione a 32 ore settimanali. (Circolare 4651 del 31 /05/2011).INDIRIZZO CHIMICO AMBIENTALEIl diploma di perito chimico permette:di esercitare la libera professione come consulente nel settore ambientale (inquinamento dellaria, acqua e suolo) edigienico sanitario;di inserirsi in tutte le industrie alimentari, chimiche e manifatturiere, come capo reparto addetto al controllo qualità,nei laboratori pubblici e privati, nelle pubbliche amministrazioni come esperto nel settore ecologico ambientale.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe IV Classe VReligione/Attività alternative 1 1Lingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia e Filosofia [O] 2 2Lingua straniera [O] 3 2Matematica [S-O] 3 3Economia Industriale, elementi di diritto e legislazione sanitaria ed ambientale[O] 2 2Chimica fisica ambientale [O] 2(1) 3Chimica organica, bio-organica, elementi di ecologia e tossicologia [O-P IV° anno]; [O V° anno] 5 (3) 3 (2)Analisi chimica, elaborazione dati e laboratorio [O-P/G] 4 (3) 4 (4)Chimica degli agenti inquinanti [O] - 2(2)Tecnologie chimiche ambientali, principi di automazione e laboratorio [S/G-O] 5 (2) 5 (2)Educazione fisica [O-P] 2 2Totale ore – tra parentesi ore di laboratorio- 32 (9) 32 (10)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO MECCANICOIl diploma di perito meccanico: prepara al ruolo di caporeparto dellindustria meccanica ed al ruolo di organizzazione della manutenzione in qualsiasitipo di industria;consente lesercizio della libera professione nel campo della progettazione di impianti idrici, di riscaldamento e di ariacompressa; crea la figura di perito per linfortunistica stradale. 21
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13QUADRO ORARIO Discipline del piano di studio Classe Classe V IV Lingua e lettere italiane [S-O] 3 3 Storia [O] 2 2 Lingua straniera [O] 2 2 Matematica [S-O] 3 3 Economia Industriale ed elementi di diritto [O] 2 2 Meccanica applicata e Macchine fluido [S-O] 4 (1) 4 Tecnologia meccanica ed Esercitazioni [O-P] 5 (3) 5 (4) Disegno, Progettazione ed Organ.ne ind.le [S/G-O] 5 (1) 5 (2) Sistemi ed Automazione industriale [O-P] 3 (3) 3 (2) Educazione fisica [O-P] 2 2 Religione/Attività Alternative 1 1 Totale ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32 (8) 32 (8)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONIIl diploma di perito elettronico:crea una figura di tecnico specializzato in settori di avanguardia: elettronica, automatismi,telecomunicazioni e informatica, permettendo linserimento in ogni tipo di industria, laboratorio,studio tecnico, azienda e pubblica amministrazione.consente lesercizio della libera professione nel campo elettrico ed elettronico.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe Classe IV VLingua e lettere italiane[S-O] 3 3Storia[O] 2 2Lingua Straniera ; [O] 3 2Economia industriale ed elementi di diritto [O] 2 2Matematica [S-O] 3 3Meccanica e macchine [O] - -Elettrotecnica [S-O] 2 -Elettronica [S-O-P] 4 (2) 4 (2)Sistemi elettronici automatici [S-O] 3 (2) 5 (2) 22
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Telecomunicazioni [S-O] 3 4 (1)Tecnologie elettroniche disegno e progettazione [G-O-P] 4 (3) 4 (3)Educazione Fisica [O-P] 2 2Religione / Attività alternative 1 1Totale ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32(7) 32(8)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONEIl diploma di perito elettrotecnico:permette di esercitare la libera professione nel campo della progettazione degli impianti elettrici civili ed industriali;consente linserimento nella piccola, media e grande industria con responsabilità di caporeparto addetto allaprogettazione, al controllo e alla manutenzione degli impianti e dei macchinari elettrici.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe IV Classe VLingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia [O] 2 2Lingua Straniera [O ] 2 2Economia industriale con elementi di diritto [O] 2 2Matematica [S-O] 3 3Meccanica e macchine [O] - -Elettrotecnica [S-O-P] 4 (2) 5 (2)Elettronica [O] 3 -Sistemi elettrici automatici [S-O] 3 (2) 4 (2)Impianti elettrici[S-O] 3 4Tecnologie elettriche, disegno e progettazione 4 (3) 4 (3)[S-O-P]Educazione Fisica [O-P] 2 2Religione / Attività alternative 1 1Totale ore –tra parentesi le ore di laboratorio 32(7) 32(7)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 23
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO INFORMATICA (ABACUS)Il perito Industriale per linformatica collabora all’analisi di sistemi informatici ed alla progettazione di programmiapplicativi, sviluppa pacchetti software di vario genere, progetta sistemi di elaborazione dati anche in rete locale,pianifica lo sviluppo delle risorse informatiche nelle aziende, cura l’esercizio di sistemi di elaborazione dati, assiste gliutenti dei sistemi di elaborazione dati fornendo consulenza e formazione di baseQUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe Classe V IVLingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia ed educazione civica [O] 2 2Educazione fisica [O-P] 2 2Lingua straniera (Inglese) [O] 3 3Matematica [S-O-P] 4(1) 3(1)Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa [O-P] 3 3(1)Elettronica e telecomunicazioni [S-O-P] 4(2) 5(3)Informatica [S-O] 5(3) 5(4)Sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni 5(3) 5(3)[S-O-P]Religione - attività alternativa 1 1TOTALE ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32(9) 32(12)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 24
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13CORSO SERALE PROGETTO SIRIOIl progetto SIRIO è nato dall’esigenza di rispondere ai profondi cambiamenti dell’ultimo ventennioche hanno posto l’esigenza di soddisfare, in modo adeguato, i nuovi bisogni formativi espressidalla società, con il ricorso ad efficaci forme di educazione permanente. Esso, infatti, intendesoddisfare la necessità di realizzare più agili e nuove forme di qualificazione di giovani ed adultiprivi di una professionalità aggiornata per i quali il possesso del diploma di licenza media noncostituisce più una garanzia dall’emarginazione culturale e/o lavorativa. Parimenti, risponde albisogno di consentire la “riconversione professionale” ad adulti già inseriti in attività lavorative,che vogliano ripensare o debbano ricomporre la loro identità professionale. Questo interventointende anche essere, da un lato, uno strumento volto a contenere la dispersione scolastica e,dall’altro, una risposta ai bisogni di una maggiore formazione espressa dal mondo imprenditoriale.Il percorso formativo è caratterizzato da elementi di flessibilità e modularità ed è strutturato, nelnostro istituto, in un triennio finalizzato al conseguimento della maturità tecnica industriale negliindirizzi meccanica ed elettrotecnica e automazione. I corsi, considerata la particolaritàdell’utenza, prevedono le attività curricolari nella fascia serale su cinque giorni e 28 oresettimanali.ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONEMaterie e quadro orarioMateria III ° IV ° V° ProvaItaliano e Storia 4 4 4 SOInglese 2 2 2 SO (a)Economia industriale e Diritto - 2 2 OMatematica 4 3 2 SOMeccanica e macchine 3 - - OElettronica 4(2) 3 - SO (b)Elettrotecnica 4(2) 4(2) 6(2) SOPSistemi elettrici 3(2) 3(2) 3(2) SOImpianti elettrici - 3 4 SOTecnologie, disegno e progettazione 4(3) 4(4) 5(4) GOPArea di progetto (c) (c) (c)Totale ore 28(9) 28(8) 28(8)NoteI numeri tra parentesi indicano le ore di laboratorioProve: S Scritto O Orale P Pratico G Grafico(a) Nel quarto e quinto anno la prova è solo orale(b) Nel quarto anno la prova è solo orale(c) AllArea di progetto può essere assegnato un monte ore annuo pari ad un massimo del 10% del monte oreannuo delle discipline coinvolte. 25
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13MECCANICAMaterie e quadro orarioMateria III ° IV ° V° ProvaItaliano Storia 4 4 4 SOInglese 2 2 2 SO (a)Economia industriale e Diritto - 2 2 OMatematica 4 3 2 SOMeccanica e macchine a fluido 6(2) 4(2) 4 SOTecnologia meccanica 4(4) 4(4) 5(5) OPe esercitazioniDisegno, progettazione e organizzazione 4 5(1) 5(2) SGOSistemi e automazione 4(2) 4(3) 4(3) OPArea di progetto (b) (b) (b)Totale ore 28(8) 28(10) 28(10)NoteI numeri tra parentesi indicano le ore di laboratorio che si svolgono sempre con la presenza dellinsegnantedella materia e di un insegnante tecnico pratico specifico della materia.Prove: S Scritto O Orale P Pratico G Grafico(a) Nel quarto e quinto anno la prova è solo orale(b) AllArea di progetto può essere assegnato un monte ore annuo pari ad un massimo del 10% del monte oreannuo delle discipline coinvolte.ORARIO DELLE LEZIONIITIS “ALESSANDRINI” Lunedì e Sabato Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 8.05 9.05 10.05 11.05 12.05 8.05 9.35 10.35 11.35 12.35 9.05 10.05 11.05 12.05 13.05 9.35 10.35 11.35 12.35 13.30 Intervallo biennio 9.55 – 10.05 Intervallo biennio 10.25 – 10.35 Intervallo triennio 10.55 – 11.05 Intervallo triennio 11.25 – 11.35 26
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORARIO SERALE PROGETTO SIRIO Ora Lun. Mar. Mer. Gio. Ven. 1 17.00 -17.50 2 17.50 – 18.40 3 18.40 – 19.30 4 19.30 – 20.20 5 20.20 – 21.10 6 21.10 – 22.00L’ITG “C.FORTI”LI.T.G. "C.Forti" è un Istituto tecnico , settore tecnologico, con indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio.I corsi si articolano in cinque anni, al termine dei quali gli allievi conseguono un diploma di scuola secondaria disecondo grado.SPAZI E LABORATORIL’area di pertinenza della scuola è composta da un ampio spazio antistante, recintato, parte del quale è arredato averde, parte destinato a parcheggio e parte per attività sportive (campo di pallacanestro).La planimetria dell’edificio ha la forma di una elle (L), con due ali collegate tra di loro dall’atrio di ingresso:  una con direzione Sud-Est, che si eleva in parte a tre piani ed in parte a due piani;  l’altra con direzione Sud-Ovest, che si eleva in parte a due piani ed in parte al solo piano rialzato.Per i collegamenti verticali dell’edificio, sono presenti tre ampie scalinate, situate una al centro dell’atrio di ingressoprincipale e le altre due nelle estremità delle ali. È presente, inoltre, un ascensore nell’ala Sud-Est, che collegal’ingresso del piano terra al secondo piano. 27
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ALA Piano Terra Atrio di ingresso principale BibliotecaSUD- (ingresso su Archivio uffici di SegreteriaEST Via Cona): Laboratorio di Tecnologia delle Costruzioni Palestra con gradinata Spogliatoi (n°2) con servizi (n°2) e docce Magazzini (n°2) annessi alla Palestra Uffici di Presidenza e Segreteria Piano Primo Aule (n°8) (rialzato): Servizi (n°3) Magazzini per attrezzature (n°3) Laboratorio di Chimica e Fisica Laboratorio di Lingue Aule di Informatica (n°3) Aula Multimediale Aula C.I.C. Aula di Disegno con tecnigrafi Aule (n°5) Piano Aula di Agraria e Scienza . Secondo: Aula di Costruzioni Laboratorio di G.P.S. e Fotogrammetria Servizi (n°2) Scale di sicurezza 28
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Aule (n°5) ALA Piano Primo Servizi (n°2 + 1 per portatori handicap) Sala Professori SUD- (rialzato) Auditorium con saletta di regia OVEST Laboratorio di Informatica Aula Centro Educazione Ambientale Zona di ricreazione con bar Ripostiglio attrezzi pulizia Aule (n°5) Piano Secondo Servizi (n°2) Scale di sicurezzaLABORATORI Aula di Disegno con tecnigrafi. 2 Aule di Informatica. Aula multimediale con proiezione audiovisiva collegata al PC per disegno tridimensionale . Aula per il C.I.C.. Laboratorio di Tecnologia delle Costruzioni. Laboratorio di Fisica. Laboratorio di Chimica. Laboratorio di Lingue. Laboratorio di Agraria e Scienze. Laboratorio di Costruzioni. Laboratorio di Topografia. Laboratorio di Fotogrammetria (G.P.S.). 29
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO”PROFILO PROFESSIONALE DEL DIPLOMATO IN COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIOLa preparazione specifica del diplomato in “Costruzioni, Ambiente e Territorio” si basa prevalentemente sul possessodi capacità grafico-progettuali, relative ai settori del rilievo e delle costruzioni e di conoscenze inerenti l’organizzazionee la gestione del territorio.La formazione integrata da idonee capacità linguistico-espressive e logico-matematiche sarà completata da buoneconoscenze economiche, giuridiche ed amministrative e consentirà al diplomato l’inserimento in situazioni di lavorodiversificate e/o la prosecuzione degli studi.Il livello di formazione, orientato verso un’operatività professionale di grado intermedio, sarà raggiunto tramitel’acquisizione dei principi e dei metodi fondamentali delle aree di competenza. Frequenti esercitazioni ed incontri conesperienze reali renderanno familiari all’alunno le moderne tecniche operative e ne stimoleranno la propensione alcontinuo aggiornamento dopo il conseguimento del diploma.COERENTEMENTE CON QUESTE FINALITÀ, IL DIPLOMATO DOVRÀ:  Partecipare alla progettazione, realizzazione, conservazione, trasformazione e miglioramento di opere civili di caratteristiche coerenti con le competenze professionali.  Operare, anche in gruppi di lavoro, nell’organizzazione, assistenza, gestione e direzione dei cantieri.  Organizzare e redigere computi metrici preventivi e consuntivi e tenere regolamentari registri di cantiere, anche con l’ausilio di mezzi informatici.  Effettuare rilievi utilizzando metodi e tecniche tradizionali ed innovative, con applicazioni relative alla rappresentazione del territorio urbano ed extraurbano.L’ATTIVITÀ DIDATTICA DOVRÀ ESSERE IMPOSTATA IN MODO DA CONSENTIRE LAMATURAZIONE DI CAPACITÀ OPERATIVE CHE METTANO IL DIPLOMATO IN GRADO DI:  Collaborare alla progettazione e realizzazione di modesti impianti tecnologici (idrici, igienico-sanitari, termici), anche in funzione del risparmio energetico.  Inserirsi in gruppi di lavoro per progettazioni urbanistiche ed elaborazioni di carte tematiche.  Partecipare ad interventi sul territorio, sia in fase progettuale che esecutiva, per la realizzazione di infrastrutture, di opere di difesa e salvaguardia, di interventi idraulici e di bonifica di modeste dimensioni.  Valutare, anche sotto l’aspetto dell’impatto ambientale, immobili civili ed interventi territoriali di difesa dell’ambiente.  Effettuare accertamenti e stime catastali.Le capacità indicate saranno integrate con una sufficiente conoscenza della legislazione inerente il campo di attività.L’Istituto, inoltre, attraverso interventi compensativi, migliora la formazione dell’alunno con l’acquisizione disignificative conoscenze informatiche e linguistiche, dell’utilizzo degli strumenti tecnici e professionali più aggiornati(visite alle mostre, studi professionali, laboratori ed aziende), per meglio rispondere alle esigenze di una professione incontinua evoluzione e costretta a misurarsi nel contesto europeo e mondiale. 30
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORARIO SETTIMANALE DELLE LEZIONIIl quadro orario settimanale delle lezioni, suddiviso per materie, è il seguente:MATERIE ORE SETTIMANALIDI BIENNIO TRIENNIOINSEGNAMENTO I II III IV VReligione Cattolica o 1 1 1 1 1attività alternativaLingua e Lettere Italiane 4 4 4 3 3Storia ed Educazione Civica - - - 2 2Storia, Cittadinanza e Costituzione 2 2 2 - -Lingua Inglese 3 3 3 - -Matematica 4 4 3 3 -Complementi di Matematica - - 1 - -Tecnologie Informatiche 3 - - - -Lab. di Inform. (compresenza) 2 - - - -Scienze della Terra e Biologia 2 2 - - -Fisica 3 3 - - -Lab. di Fis. (compresenza) 1 1 - - -Chimica 3 3 - - -Lab. di Chim. (compresenza) 1 1 - - -Tecnologie e Tecniche di 3 3 - - -Rappresentazione GraficaLab. di T.T.R.G. (compresenza) 1 1 - - -Scienze e Tecnologie Applicate - 3 - - -Geopedologia, Economia ed Estimo - - 3 - -Economia e Contabilità - - - 2 -Estimo - - - 2 5Tecnologia delle Costruzioni - - - 4 3Costruzioni - - - 4 6Progettazione, Costruzione e - - 7 - -ImpiantiTopografia - - 4 7 7Gestione del cantiere e Sicurezza - - 2 - -Discipline Giuridiche ed - - - 2 3EconomicheDiritto ed Economia 2 2 - - -Educazione Fisica - - - 2 2Scienze Motorie e Sportive 2 2 2 - -TOTALE ORE 32 32 32 32 32 31
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORARIO DELLE LEZIONI ITG “C.FORTI” Lunedì – Mercoledì – Giovedì Martedì - Venerdì I ORA 8.15 – 9.13 I ORA 8.15 – 9.13 II ORA 9.13 – 10.11 II ORA 9.13 – 10.11 III ORA 10.11 – 11.04 III ORA 10.11 – 11.04 ricreazione 11.04 – 11.14 ricreazione 11.04 – 11.14 IV ORA 11.14 – 12.07 IV ORA 11.14 – 12.07 V ORA 12.07 – 13.05 V ORA 12.07 – 13.24 Ricreazione pranzo 13.24 – 13.44 VI ORA 13.44 – 14.32 VII ORA 14.32 – 15.30 VIII ORA 15.30 – 16.28 32
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13LIPSIA –IPSSS “E. MARINO”L’IPSIA “Ettore Marino” è un istituto superiore ad indirizzo tecnico – professionale il cui percorso formativo ha ladurata di cinque anni. A seguito dell’applicazione, a partire dall’a.s. 2010/11, del regolamento di riordino degli istitutiprofessionali le classi prime, seconde e terze seguono il percorso di studi previsto dal Nuovo Ordinamento, mentre leclassi quarte e quinte quello relativo all’Ordinamento Previgente.Al termine del quinquennio gli allievi conseguono un diploma di scuola secondaria di secondo grado che offre leseguenti possibilità :  accesso diretto al lavoro come tecnico specializzato;  iscrizione a tutte le facoltà universitarie;  iscrizione ai corsi di specializzazione regionali di più alto livello;  inserimento nelle scuole tecniche come insegnante di laboratorioSPAZI E LABORATORIIn linea con le indicazioni generali dellIstruzione Professionale e tenendo conto dei profili di studio, la preparazionedegli alunni è frutto di un insegnamento che privilegia il saper fare rispetto alla trattazione teorica; per questo motivo ilaboratori sono particolarmente importanti per lo svolgimento delle attività didattiche e costituiscono gli spaziprivilegiati per la formazione degli studenti.LIstituto è dotato delle strutture tipiche di una scuola: una palestra, unaula magna, una biblioteca.Il nostro istituto è dotato di spazi e attrezzature pienamente rispondenti alle esigenze didattiche; oltre alle aulenecessarie per ospitare le classi, dispone di numerosi laboratori: LABORATORI 3 laboratori di elettronica; DELLINDIRIZZO 2 laboratori di elettrotecnica ( uno dotato di dispositivi a logica programmabile [PLC]) ELETTRICO- ELETTRONICO Un laboratorio dedicato alla realizzazione delle applicazioni domotiche, attuale frontiera dell’impiantistica; Unaula speciale dedicata alle misure elettriche computerizzate; 2 aule di informatica con linee ADSL per il collegamento ad internet; Locali ed attrezzature per la realizzazione di circuiti stampati; LABORATORI Officina meccanica; DELLINDIRIZZO MECCANICO 2 aule di informatica con linee ADSL per il collegamento ad internet; Laboratorio di pneumatica; Laboratorio tecnologico dotato di : centro di misura computerizzato, fresatrice e tornio CNC, sistema CAD-CAM; LABORATORI DELLINDIRIZZO Laboratorio odontotecnico ODONTOTECNICO 33
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Le esercitazioni di fisica e chimica vengono effettuate presso i laboratori dell’ITIS.ATTIVITA’ CURRICOLARIA partire dall’anno scolastico 2010-2011 l’Istituto sta attuando il percorso di studi previsto dalregolamento di riordino degli istituti professionali emanato dal Presidente della Repubblica il 15marzo 2010 [DPR n. 87 del 15/03/2010]. Le modifiche rispetto all’ordinamento previgenteriguarderanno gli studenti iscritti alle classi prime, seconde e terze. Nelle pagine seguenti, dunque,si procederà distinguendo tra Nuovo ordinamento (relativo alle classi prime, seconde e terze) eOrdinamento previgente (relativo alle classi quarte e quinte).NUOVO ORDINAMENTO[CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE]PremessaI percorsi degli Istituti Professionali sono parte integrante del sistema dellistruzione secondaria superiore in cui siarticola il secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione. Essi sono finalizzati al conseguimento di un diplomaquinquennale di istruzione secondaria superiore.Gli istituti professionali costituiscono un’articolazione dell’istruzione tecnica e professionale, dotata di una propriaidentità culturale, metodologica e organizzativa, che fa riferimento al profilo educativo, culturale e professionale dellostudente, a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione.II PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALILidentità degli istituti professionali è connotata dallintegrazione tra una solida base di istruzione generale e la culturaprofessionale che consente agli studenti di sviluppare i saperi e le competenze necessari ad assumere ruoli tecnicioperativi nei settori produttivi e di servizio di riferimento, considerati nella loro dimensione sistemica.In linea con le indicazioni dellUnione europea e in coerenza con la normativa sullobbligo di istruzione, che prevede lostudio, lapprofondimento e lapplicazione di linguaggi e metodologie di carattere generale e specifico, loffertaformativa degli istituti professionali si articola in unarea di istruzione generale, comune a tutti i percorsi, e in aree diindirizzo. I risultati di apprendimento di cui ai paragrafi seguenti costituiscono il riferimento per le linee guidanazionali, definite a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche. Le linee guidacomprendono altresì l’articolazione in competenze, abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento, anche conriferimento al Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (European QualificationsFramework-EQF).Larea di istruzione generale ha lobiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso ilrafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali, che caratterizzano lobbligo di istruzione: asse dei linguaggi,matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale.Gli studenti degli istituti professionali conseguono la propria preparazione di base con luso sistematico di metodi che,attraverso la personalizzazione dei percorsi, valorizzano lapprendimento in contesti formali, non formali e informali.Le aree di indirizzo, presenti sin dal primo biennio, hanno lobiettivo di far acquisire agli studenti competenzespendibili in vari contesti di vita e di lavoro, mettendo i diplomati in grado di assumere autonome responsabilità neiprocessi produttivi e di servizio e di collaborare costruttivamente alla soluzione di problemi.Le attività e gli insegnamenti relativi a “Cittadinanza e Costituzione”, coinvolgono tutti gli ambiti disciplinari e sisviluppano, in particolare, in quelli di interesse storico-sociale e giuridico-economico. 34
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Assume particolare importanza nella progettazione formativa del nostro istituto professionale la scelta metodologicadellalternanza scuola lavoro, che consente pluralità di soluzioni didattiche e favorisce il collegamento con il territorio.I risultati di apprendimento, attesi a conclusione del percorso quinquennale, consentono agli studenti di inserirsi nelmondo del lavoro, di proseguire nel sistema dellistruzione e formazione tecnica superiore, nei percorsi universitarinonché nei percorsi di studio e di lavoro previsti per laccesso agli albi delle professioni tecniche secondo le normevigenti in materia. A tale scopo, viene assicurato nel corso del quinquennio un orientamento permanente chefavorisca da parte degli studenti scelte fondate e consapevoli.RISULTATI DI APPRENDIMENTO COMUNI A TUTTI I PERCORSII percorsi del nostro istituto professionale hanno lobiettivo di far acquisire agli studenti competenze basatesullintegrazione tra i saperi tecnico-professionali e i saperi linguistici e storico-sociali, da esercitare nei diversi contestioperativi di riferimento. A conclusione dei percorsi, gli studenti sono in grado di:  agire in riferimento ad un sistema di valori, coerenti con i principi della Costituzione, in base ai quali essere in grado di valutare fatti e orientare i propri comportamenti personali, sociali e professionali;  utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale, critico, creativo e responsabile nei confronti della realtà, dei suoi fenomeni e dei suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente;  utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici e professionali;  riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, delle arti e orientarsi agevolmente fra testi e autori fondamentali, a partire dalle componenti di natura tecnico-professionale correlate ai settori di riferimento;  riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali, dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture, demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo;  stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro;  utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere previste dai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti e contesti di studio e di lavoro;  riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali;  individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete;  utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare;  riconoscere i principali aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea ed esercitare in modo efficace la pratica sportiva per il benessere individuale e collettivo;  comprendere e utilizzare i principali concetti relativi alleconomia, allorganizzazione, allo svolgimento dei processi produttivi e dei servizi;  utilizzare i concetti e i fondamentali strumenti delle diverse discipline per comprendere la realtà ed operare in campi applicativi;  padroneggiare luso di strumenti tecnologici con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dellambiente e del territorio;  individuare i problemi attinenti al proprio ambito di competenza e impegnarsi nella loro soluzione collaborando efficacemente con gli altri;  utilizzare strategie orientate al risultato, del lavoro per obiettivi e alla necessità di assumere responsabilità nel rispetto delletica e della deontologia professionale;  compiere scelte autonome in relazione ai propri percorsi di studio e di lavoro lungo tutto larco della vita nella prospettiva dellapprendimento permanente;  partecipare attivamente alla vita sociale e culturale a livello locale, nazionale e comunitario. 35
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13PROFILO CULTURALE E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEI PERCORSI DEL SETTORE INDUSTRIAE ARTIGIANATOII profilo del "settore industria e artigianato" si caratterizza per una cultura tecnico-professionale, che consente dioperare efficacemente in ambiti connotati da processi di innovazione tecnologica e organizzativa in costanteevoluzione.Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, sono in grado di:  riconoscere nellevoluzione dei processi produttivi, le componenti scientifiche, eco-nomiche, tecnologiche e artistiche che li hanno determinati nel corso della storia, con riferimento sia ai diversi contesti locali e globali sia ai mutamenti delle condizioni di vita;  utilizzare le tecnologie specifiche del settore e sapersi orientare nella normativa di riferimento;  applicare le normative che disciplinano i processi produttivi, con riferimento alla riservatezza, alla sicurezza e salute sui luoghi di vita e di lavoro, alla tutela e alla valo-rizzazione dellambiente e del territorio;  intervenire, per la parte di propria competenza e con l’utilizzo di strumenti tecnologici, nelle diverse fasi e livelli del processo dei servizi, per la produzione della documentazione richiesta e per l’esercizio del controllo di qualità;  svolgere la propria attività operando in équipe, integrando le proprie competenze al-linterno di un dato processo produttivo;  riconoscere e applicare i principi dellorganizzazione, della gestione e del controllo dei diversi processi produttivi assicurando i livelli di qualità richiesti;  riconoscere e valorizzare le componenti creative in relazione allideazione di processi e prodotti innovativi nellambito industriale e artigianale;  comprendere le implicazioni etiche, sociali, scientifiche, produttive, economiche, ambientali dellinnovazione tecnologica e delle sue applicazioni industriali, artigianali e artistiche.PROFILO CULTURALE E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEI PERCORSI DEL SETTORE SERVIZI,INDIRIZZO “SERVIZI SOCIO-SANITARI”Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, sono in grado di:  partecipare alla rilevazione dei bisogni socio-sanitari del territorio attraverso l’interazione con soggetti istituzionali e professionali;  rapportarsi ai competenti Enti pubblici e privati anche per orientare l’utenza verso idonee strutture ;  intervenire nella gestione dell’impresa socio-sanitaria e nella promozione di reti di servizio per attività di assistenza e di animazione sociale;  applicare la normativa vigente relativa alla privacy e alla sicurezza sociale e sanitaria;  organizzare interventi a sostegno dell’inclusione sociale di persone, comunità e fasce deboli;  interagire con gli utenti del servizio e predisporre piani individualizzati di intervento;  individuare soluzioni corrette ai problemi organizzativi, psicologici e igienico-sanitari della vita quotidiana;  utilizzare metodi e strumenti di valutazione e monitoraggio della qualità del servizio erogato nell’ottica del miglioramento e della valorizzazione delle risorse.STRUMENTI ORGANIZZATIVI E METODOLOGICIIl percorso formativo degli istituti professionali è articolato in due bienni e un quinto anno.Il primo biennio è finalizzato al raggiungimento dei saperi e delle competenze relativi agli assi culturali dell’obbligo diistruzione. Le discipline dellarea di indirizzo, presenti in misura consistente fin dal primo biennio, si fondano su 36
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13metodologie laboratoriali per favorire lacquisizione di strumenti concettuali e di procedure applicative funzionali areali situazioni di lavoro. In questa prospettiva, assume un ruolo fondamentale lacquisizione delle competenze chiavedi cittadinanza che consentono di arricchire la cultura dello studente e di accrescere il suo valore in termini dioccupabilità.Lampia flessibilità degli orari garantisce, inoltre, la personalizzazione dei percorsi, anche al fine delleventuale rilasciodella qualifica professionale al termine del terzo anno in regime di sussidiarietà dintesa con la Regione Abruzzo.Il secondo biennio è articolato in due distinte annualità al fine di consentire un raccordo con i percorsi di istruzione eformazione professionale. Le discipline dellarea di indirizzo assumono connotazioni specifiche, con lobiettivo di farraggiungere agli studenti, nel quinto anno, unadeguata competenza professionale nei settori elettrico, elettronico emeccanico, idonea sia allinserimento diretto nel mondo del lavoro, sia al proseguimento degli studi nel sistemadellistruzione e formazione tecnica superiore, sia nei percorsi universitari o di studio e di lavoro previsti per laccessoagli albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia.La flessibilità didattica e organizzativa, che caratterizza i percorsi dellistruzione professionale, è strumento prioritarioper corrispondere alle diverse esigenze di formazione espresse dagli studenti e dalle loro famiglie, alla necessità diprevenire e contrastare la dispersione scolastica e assicurare il successo formativo.I percorsi dellistruzione professionale sono organizzati in modo da favorire organici raccordi in particolare conlistruzione tecnica e con i percorsi regionali di istruzione e formazione professionale, per garantire i passaggi tra isistemi. A tal fine vanno valorizzati gli strumenti di certificazione delle competenze acquisite dagli studenti.I percorsi degli istituti professionali sono caratterizzati da un raccordo organico con la realtà sociale ed economicalocale, attraverso relazioni con i soggetti istituzionali, economici e sociali presenti nel territorio, compreso ilvolontariato e il privato sociale.La metodologia dellalternanza scuola lavoro è funzionale a questo raccordo sistematico. A tale scopo si assicuranospazi crescenti di flessibilità, dal primo biennio al quinto anno, funzionali agli indirizzi, per corrispondere alle esigenzeindotte dallinnovazione tecnologica e sociale oltre che dai fabbisogni espressi dal mondo del lavoro e delle professionie dalle vocazioni del territorio.Le metodologie didattiche sono improntate alla valorizzazione del metodo laboratoriale e del pensiero operativo,allanalisi e alla soluzione dei problemi, al lavoro cooperativo per progetti, per consentire agli studenti di cogliereconcretamente linterdipendenza tra cultura professionale, tecnologie e dimensione operativa della conoscenza.L’Istituto, nell’ambito dell’autonomia, oltre all’ufficio tecnico, si è dotato di strutture innovative, quale i dipartimenti eil comitato tecnico-scientifico, per rendere lorganizzazione funzionale al raggiungimento degli obiettivi che connotanola nostra identità culturale.E’ stato intrapreso lo studio relativo alle modalità di autovalutazione dell’Istituto con riferimento agli indicatori stabilitia livello nazionale.AREA DI ISTRUZIONE GENERALERISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNIA conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i seguenti risultati di apprendimento in termini dicompetenze:  Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani.  Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici.  Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro.  Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente. 37
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo.  Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione.  Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete.  Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un’altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B2 quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER).  Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea e l’importanza che riveste la pratica dell’attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo.  Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative.  Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni.  Utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare dati.  Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare.  Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell’ambiente e del territorio.  Utilizzare i principali concetti relativi alleconomia e allorganizzazione dei processi produttivi e dei servizi.  Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, della tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento.  Applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti.  Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali.  Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento.INDIRIZZO “MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA”PROFILO PROFESSIONALEIl Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” possiede le competenze pergestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione ecollaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici, anche marittimi.Le sue competenze tecnico-professionali sono specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dalterritorio. È in grado di:  Controllare e ripristinare, durante il ciclo di vita degli apparati e degli impianti, la conformità del loro funzionamento alle specifiche tecniche, alle normative sulla sicurezza degli utenti e sulla salvaguardia dell’ambiente.  Osservare i principi di ergonomia, igiene e sicurezza che presiedono alla realizzazione degli interventi.  Organizzare e intervenire nelle attività per lo smaltimento di scorie e sostanze residue, relative al funzionamento delle macchine, e per la dismissione dei dispositivi.  Utilizzare le competenze multidisciplinari di ambito tecnologico, economico e organizzativo presenti nei processi lavorativi e nei servizi che lo coinvolgono.  Gestire funzionalmente le scorte di magazzino e i procedimenti per l’approvvigionamento.  Reperire e interpretare documentazione tecnica.  Assistere gli utenti e fornire le informazioni utili al corretto uso e funzionamento dei dispositivi.  Agire nel suo campo di intervento nel rispetto delle specifiche normative ed assumersi autonome responsabilità.  Segnalare le disfunzioni non direttamente correlate alle sue competenze tecniche. 38
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  Operare nella gestione dei sevizi, anche valutando i costi e l’economicità degli interventi.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato in “Manutenzione e assistenza tecnica” consegue i seguentirisultati di apprendimento descritti in termini di competenze:  Comprendere, interpretare e analizzare schemi di impianti.  Utilizzare, attraverso la conoscenza e l’applicazione della normativa sulla sicurezza, strumenti e tecnologie specifiche.  Utilizzare la documentazione tecnica prevista dalla normativa per garantire la corretta funzionalità di apparecchiature, impianti e sistemi tecnici per i quali cura la manutenzione.  Individuare i componenti che costituiscono il sistema e i vari materiali impiegati, allo scopo di intervenire nel montaggio, nella sostituzione dei componenti e delle parti, nel rispetto delle modalità e delle procedure stabilite.  Utilizzare correttamente strumenti di misura, controllo e diagnosi, eseguire le regolazioni dei sistemi e degli impianti elettrici.  Garantire e certificare la messa a punto degli impianti e delle macchine a regola d’arte, collaborando alla fase di collaudo e installazione .  Gestire le esigenze del committente, reperire le risorse tecniche e tecnologiche per offrire servizi efficaci e economicamente correlati alle richieste.Le competenze dell’indirizzo « Manutenzione e assistenza tecnica » sono sviluppate e integrate in coerenza con leesigenze del territorio. 39
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13QUADRO ORARIOINDIRIZZO “MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA” nei settori produttivi:Operatore Elettrico – Operatore Elettronico – Operatore MeccanicoPERCORSI DI QUALIFICHE TRIENNALIOperatore Elettrico – Operatore Elettronico – Operatore Meccanico ORE SETTIMANALI DISCIPLINE 1° biennio 2° biennio 5° anno 1° 2° 3° 4° 5°Lingua e letteratura italiana [S-O] 4* 4* 4* 4 4Lingua inglese [S-O] 3* 3* 3* 3 3Storia [O] 2* 2* 2 2 2Matematica [S-O] 4* 4* 3* 3 3Diritto ed economia [O] 2* 2*Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2* 2*Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [G-O] 3 3Scienze integrate (Fisica) [O-P] 2(1) 2(1)Scienze integrate (Chimica) [O-P] 2(1) 2(1)Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione [S-P] 2 2Laboratori tecnologici ed esercitazioni [P] 3+1 3+1 4+1 3 3Tecnologie meccaniche e Operatore 2 (2) 5 3applicazioni elettrico/elettronico Operatore meccanico 8 (2)Tecnologie elettrico- Operatore 8 (2) 4 3elettroniche e applicazioni elettrico/elettronico Operatore meccanico 2 (2)Tecnologie e tecniche di installazione e di manutenzione 3 (2) 5 8 Totale ore 32 32 32 32 32 di cui in compresenza 4 6 6 6 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 80Tra parentesi sono indicate le ore di compresenza con l’Insegnante Tecnico Pratico ed evidenziata in rossola flessibilità orariaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico(*) PRIMO BIENNIO 40
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Utilizzando la quota di autonomia verranno ridotte di 33 ore totali gli insegnamenti delle discipline dellareacomune indicate nel prospetto; lo stesso numero di ore verranno "caricate" nella disciplina "Laboratori edesercitazioni".(*) TERZO ANNO1. Utilizzando la quota di autonomia verranno ridotte di 20 ore totali gli insegnamenti delle discipline della-rea comune indicate nel prospetto; lo stesso numero di ore verranno "caricate" nella disciplina "Laboratoried esercitazioni" .2. Utilizzando la quota di flessibilità, per i corsi Elettrico ed Elettronico, verranno effettuate 3 h aggiuntivenella disciplina " Tecnologie elettrico-elettroniche e applicazioni " e ridotte di pari numero le ore di lezionesettimanali nella disciplina " Tecnologie meccaniche e applicazioni ". Viceversa avviene per il corso di Mec-canica. 3. I rispettivi Consigli di classe declineranno i programmi delle singole discipline ( in particolare quelle di in-dirizzo ) "curvandoli" al profilo in uscita della qualifica professionale.4. Verranno realizzate due settimane - 80 h- di stage in aziende del territorio dei rispettivi settori di qualifi-ca.INDIRIZZO “SERVIZI SOCIO-SANITARI”- ARTICOLAZIONE “ARTI AUSILIARI DELLE PROFESSIONISANITARIE. OTTICO”PROFILO PROFESSIONALEIl Diplomato di istruzione professionale, nell’articolazione “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie, Ottico”dell’indirizzo “Servizi socio-sanitari”, possiede le competenze di ottica ed oftalmica necessarie per realizzare, nellaboratorio oftalmico, ogni tipo di soluzione ottica personalizzata e per confezionare, manutenere e commercializzareocchiali e lenti, nel rispetto della normativa vigente.A conclusione del percorso quinquennale è in grado di:  Realizzare ausili ottici su prescrizione del medico e nel rispetto della normativa vigente.  Assistere tecnicamente il cliente, nel rispetto della prescrizione medica, nella selezione della montatura e delle lenti oftalmiche sulla base delle caratteristiche fisiche, dell’occupazione e delle abitudini.  Informare il cliente sull’uso e sulla corretta manutenzione degli ausili ottici forniti.  Misurare i parametri anatomici del paziente necessari all’assemblaggio degli ausili ottici.  Utilizzare macchine computerizzate per sagomare le lenti e assemblarle nelle montature in conformità con la prescrizione medica.  Compilare e firmare il certificato di conformità degli ausili ottici nel rispetto della prescrizione oftalmica e delle norme vigenti.  Definire la prescrizione oftalmica dei difetti semplici (miopia e presbiopia, con esclusione dellipermetropia, astigmatismo e afalchia).  Aggiornare le proprie competenze relativamente alle innovazioni scientifiche e tecnologiche, nel rispetto della vigente normativa. 41
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 -QUADRO ORARIO ARTICOLAZIONE “ARTI AUSILIARI DELLE PROFESSIONI SANITARIE. OTTICO” ORE SETTIMANALIDISCIPLINE 1° biennio 2° biennio 5° anno 1° 2° 3° 4° 5°Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3Storia [O] 2 2 2 2 2Matematica [S-O] 4 4 3 3 3Diritto ed economia [O] 2 2Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1Scienze integrate (Fisica) [O-P] 2(1) 2(1)Scienze integrate (Chimica) [O-P] 2(1) 2(1)Discipline sanitarie (Anatomia, fisiopatologia oculare e 2 2 2(2) 5(3) 5(3)Igiene)Diritto e pratica commerciale, legislazione socio-sanitaria 2Ottica, ottica applicata 2 2 4(2) 4(2) 4(2)Esercitazioni di lenti oftalmiche (4) (4) (5) (2)Esercitazioni di optometria (4) (4) (4)Esercitazioni di contattologia (2) (2) (2)Totale ore 32 32 32 32 32di cui in compresenza 4 5 5Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO “SERVIZI SOCIO-SANITARI”- ARTICOLAZIONE “ARTI AUSILIARI DELLE PROFESSIONISANITARIE. ODONTOTECNICO”PROFILO PROFESSIONALEIl Diplomato di istruzione professionale, nell’articolazione “Arti ausiliarie delle professioni sanitarie. Odontotecnico”dell’indirizzo “Servizi socio-sanitari”, possiede le competenze necessarie per predisporre, nel Laboratorioodontotecnico, nel rispetto della normativa vigente, apparecchi di protesi dentaria, su modelli forniti da professionistisanitari abilitati.A conclusione del percorso quinquennale è in grado di:  Utilizzare le tecniche di lavorazione necessarie a costruire tutti i tipi di protesi: provvisoria, fissa e mobile.  Applicare le conoscenze di anatomia dell’apparato boccale, di biomeccanica, di fisica, e di chimica per la realizzazione di un manufatto protesico.  Eseguire tutte le lavorazioni del gesso sviluppando le impronte e collocare i relativi modelli sui dispositivi di registrazione occlusale. 42
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  Correlare lo spazio reale con la relativa rappresentazione grafica e convertire la rappresentazione grafica bidimensionale in un modello a tre dimensioni.  Adoperare strumenti di precisione per costruire, levigare e rifinire le protesi.  Applicare la normativa del settore con riferimento alle norme di igiene e sicurezza del lavoro e di prevenzione degli infortuni.  Interagire con lo specialista odontoiatra.  Aggiornare le competenze relativamente alle innovazioni scientifiche e tecnologiche nel rispetto della vigente normativa.QUADRO ORARIO ARTICO LAZIONE “ARTI AUSILIARI DELLE PROFESSION I SANITARIE.ODONTOTECNICO ” ORE SETTIMANALIDISCIPLINE 1° biennio 2° biennio 5° anno 1° 2° 3° 4° 5°Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3Storia [O] 2 2 2 2 2Matematica [S-O] 4 4 3 3 3Diritto ed economia [O] 2 2Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1Scienze integrate (Fisica) [O-P] 2(1) 2(1)Scienze integrate (Chimica) [O-P] 2(1) 2(1)Anatomia Fisiologia Igiene 2 2 2Gnatologia 2 3Rappresentazione e Modellazione odontotecnica 2 2 4(4) 4(4)Diritto e pratica commerciale. Legislazione socio-sanitaria 2Esercitazioni di Laboratorio di odontotecnica (4) (4) (7) (7) (8)Scienze dei materiali dentali e laboratorio 4(2) 4(2) 4(2)Totale ore 32 32 32 32 32di cui in compresenza 6 2Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 43
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORDINAMENTO PREVIGENTE[classi quarte e quinte]Il percorso formativo è suddiviso in due cicli:Triennio di qualificaÈ finalizzato a far conseguire una buona cultura generale nell’indirizzo prescelto ed una formazioneprofessionale che costituisca base solida per le successive specializzazioni. E’ costituito da un biennioiniziale ed un monoennio [terzo anno]. Le materie di formazione generale del biennio iniziale, sono lestesse di tutti gli altri corsi di istruzione professionale, in modo da facilitare eventuali passaggi da o versoaltri indirizzi di studi. Il monoennio di qualifica è finalizzato all’acquisizione di una professionalità di basenelle discipline di indirizzo. Al suo termine si sostiene l’esame per ottenere il diploma di qualificaprofessionale che permette di inserirsi nel mondo del lavoro o di continuare negli studi nel successivobiennio post-qualifica.Nel nostro Istituto si consegue il diploma di qualifica per i seguenti indirizzi: Operatore Elettrico Operatore Elettronico Operatore MeccanicoBiennio post qualificaIl curricolo dei corsi post qualifica è strutturato in un biennio caratterizzato da tre aree formative tra lorocoordinate: Area delle discipline comuni di formazione umanistica e scientifica Area delle discipline di indirizzo Area di professionalizzazioneL’Area di professionalizzazione consiste nello svolgimento di 132 ore – nel biennio – di attività di alternanzascuola lavoro e prevede anche uno stage nelle aziende limitrofe operanti nei settori produttivi meccanico,elettrico ed elettronico.Al termine del corso gli allievi conseguono i seguenti titoli:Diploma di istruzione secondaria superioreTecnico delle Industrie ElettricheTecnico delle Industrie ElettronicheTecnico delle Industrie MeccanicheIl diploma di qualifica consente: - accesso diretto al lavoro come operaio specializzato; - inserimento nelle scuole come tecnico di laboratorio; - prosecuzione negli studi nei corsi post qualifica degli istituti professionali - prosecuzione negli studi, con esami integrativi, in istituti di ordine diverso 44
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Il diploma del quinto anno consente:  accesso diretto al lavoro come tecnico specializzato;  iscrizione a tutte le facoltà universitarie;  iscrizione ai corsi di specializzazione regionali di più alto livello;  inserimento nelle scuole tecniche come insegnante di laboratorioPROFILI PROFESSIONALI ORDINAMENTO PREVIGENTEOPERATORE ELETTRICOLoperatore elettrico può essere impiegato nellimpiantistica civile ed industriale ed è in grado di utilizzaresia i componenti e le macchine elettriche sia alcuni dispositivi elettronici, analogici e digitali, destinati allaregolazione ed al comando. Egli è in grado di:  installare e collaudare e mantenere linee e quadri elettrici, apparecchiature automatiche di controllo;  realizzare e riparare impianti elettrici di uso civile, piccoli automatismi di tipo digitale cablati e a logica programmabile.Deve quindi conoscere:  i principi di base dellelettricità ed in particolare dei circuiti elettrici,  le principali macchine elettriche ed i relativi controlli e comandi,  il disegno di impianti elettrici e le principali norme relative ad essi,  il funzionamento dei principali dispositivi elettronici analogici, dei trasduttori e dei dispositivi pneumatici,  le tecniche di realizzazione di semplici automatismi mediante dispositivi logici cablati e programmabili,  le tecniche e gli strumenti di misura e collaudo sia manuali sia automatizzati.Loperatore elettrico, inoltre, deve essere in grado di operare in situazioni di lavoro organizzato e quindi dilavorare in gruppo e di adottare le necessarie tecniche di comunicazione e documentazione. Deve avereuna visione sufficientemente ampia delle tecnologie e della loro evoluzione in modo da accettare leinnovazioni, così come deve saper affrontare, nellambito delle sue abilità di base, problemi nuovi.OPERATORE ELETTRONICOLoperatore elettronico può essere impiegato sia nelle industrie produttrici ed utilizzatrici diapparecchiature elettroniche sia nelle imprese di commercializzazione e manutenzione dellelettronicacivile ed è in grado di utilizzare, oltre ai componenti fondamentali degli impianti elettrici, dispositivielettronici analogici digitali e programmabili con particolare riferimento a quelli destinati alla regolazioneed al controllo. Egli è in grado di:  installare e collaudare e mantenere apparecchiature elettroniche di vario genere ed in particolare quelle destinate alla misura ed ai controlli automatici;  realizzare e riparare piccoli impianti elettrici ed automatismi di tipo digitale cablati o a logica programmabile anche basati sulluso dei microprocessori. 45
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Deve quindi conoscere:  i principi di base dellelettricità ed in particolare dei circuiti elettrici,  il disegno di impianti elettrici e le principali norme relative ad essi,  il funzionamento e la costituzione dei dispositivi elettronici analogici fondamentali, dei trasduttori e dei sistemi di regolazione,  le tecniche di realizzazione di automatismi mediante dispositivi logici cablati e programmabili anche basati su sistemi di microprocessore  i fondamenti delle tecniche di programmazione a livello macchina e con linguaggi di alto livello,  le tecniche e gli strumenti di misura e collaudo sia manuali sia automatizzati.Loperatore elettronico, inoltre, deve essere in grado di operare in situazioni di lavoro organizzato e quindidi lavorare in gruppo e di adottare le necessarie tecniche di comunicazione e documentazione. Deve avereuna visione sufficientemente ampia delle tecnologie e della loro evoluzione in modo da accettare leinnovazioni, così come deve saper affrontare, nellambito delle sue abilità di base, problemi nuovi.OPERATORE MECCANICOLe profonde innovazioni tecnologiche degli ultimi decenni hanno fatto emergere un nuovo modello difigura professionale secondo cui labilità manuale nellesecuzione delle varie lavorazioni è stata sostituitadalla capacità di eseguire controlli, manutenzione e preparazione degli strumenti di lavoro. Il nuovomeccanico deve conoscere gli elementi generali di elettronica e di informatica ed essere pronto adaffrontare la molteplicità delle varie situazioni applicative.Di conseguenze è necessario sviluppare negli allievi, accanto a un solido bagaglio tecnico-scientifico di base,la disponibilità a essere flessibili, cioè capaci di affrontare sempre nuove situazioni sapendo ragionare permodelli e sistemi, a impadronirsi alloccorrenza di nuove grammatiche e a mettere continuamente in giocoil proprio sapere in una prospettiva di educazione permanente.Lutilizzazione sia dei comandi automatici sia degli elementi di elaborazione di tutte le informazioni chedevono essere fornite agli organi di movimento, di lavoro, di controllo ecc., costituiscono quindi un punto diriferimento obbligatorio. Loperatore meccanico per la produzione, fornito di diploma di qualifica, deveessere a conoscenza della fondamentale importanza della produttività ed economicità delle lavorazioni. Eglideve saper leggere un disegno tecnico e trarne le informazioni necessarie per poter eseguire lavorazioni sumacchine tradizionali nonché semplici lavorazioni su CNC. Deve inoltre conoscere le varie tecnologie e, inparticolare, la lavorabilità dei differenti materiali, il corretto uso degli utensili e degli attrezzi, ilfunzionamento delle macchine utensili e le diverse modalità di attrezzamento. E gli deve essere in grado dipredisporre le macchine, gli utensili e gli attrezzi in relazione alle differenti esigenze della produzione. Laconoscenza e l uso dei vari tipi di comando automatico, pneumatico, oleodinamico, idraulico, nonché ilsolo uso dei comandi elettromagnetici ed elettronici, devono consentire, infine, la concreta realizzazione disemplici movimentazioni finalizzate alla automatizzazione della produzione. Deve avere conoscenze dibase nel campo delle macchine motrici e operatrici.TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHEIl Tecnico delle Industrie Elettriche (TIEL) può svolgere un ruolo attivo e responsabile di progettazione,esecuzione di compiti, coordinamento di personale, organizzazione di risorse e gestione di unità produttivenei campi della distribuzione ed utilizzazione dell’energia e ne conosce le modalità di produzione. Sia in uncontesto di lavoro autonomo che in un contesto produttivo industriale, il TIEL è in grado di:progettare impianti elettrici civili ed industriali di comune applicazione; 46
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13di utilizzare la documentazione tecnica relativa alle macchine, ai componenti ed agli impianti elettrici;intervenire sul controllo dei sistemi di potenza;saper scegliere ed utilizzare i normali dispositivi di automazione industriale;gestire la conduzione da titolare o da responsabile tecnico di imprese installatrici di impianti elettrici.Il TIEL è preparato a svolgere un ruolo complesso in riferimento sia alla gestione delle risorse umane chealla gestione delle risorse materiali e degli interi processi produttivi. In riferimento alla prima, il TIEL, oltre acapacità professionali specifiche del settore di intervento, possiede spiccate qualità umane che glipermettono di lavorare in gruppo, di controllare e coordinare il lavoro degli operatori alle macchine e agliimpianti. In riferimento alla seconda, ha conoscenze adeguate a coordinare operativamente i reperimentoe limpiego delle risorse, stabilendo collegamenti e collaborazioni, intervenendo nella realizzazione diopere, nella loro attivazione e nella gestione di impianti industriali. Il TIEL conosce, applica e fa applicareoltre che le nozioni tecniche specifiche delle mansioni professionali assunte le norme di sicurezza in vigore,al fine di realizzare opere a "regola darte", conosce ed applica norme amministrative riguardanti lagestione del personale, laggiudicazione degli appalti, la contabilità ed il collaudo delle opere. È in grado didocumentare il proprio lavoro nei suoi aspetti tecnici, amministrativi ed organizzativi. Infine, sa consultaremanuali e testi tecnici in lingua straniera.TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHEIl Tecnico delle Industrie Elettroniche (TIEN) può svolgere un ruolo attivo e responsabile nella realizzazionedi semplici progetti, esecuzione di compiti, coordinamento di personale, organizzazione di risorse egestione di unità produttive nei campi dell’elettronica industriale e delle telecomunicazioni. Sia in uncontesto di lavoro autonomo che in un contesto produttivo industriale, il TIEN è in grado di:  progettare circuiti elettronici di comune applicazione nel campo dellelettronica industriale e delle telecomunicazioni;  utilizzare la documentazione tecnica relativa ai componenti e dispositivi elettronici;  scegliere dispositivi e apparecchiature in base a criteri tecnici ed economici;  installare e collaudare sistemi di controllo e di telecomunicazioni, intervenendo in fase di manutenzione di primo livello (trouble -shooting);  di gestire la conduzione da titolare o da responsabile tecnico di imprese installatrici di dispositivi elettronici e di sistemi di telecomunicazione.Il TIEN è preparato a svolgere un ruolo complesso in riferimento sia alla gestione delle risorse umane chealla gestione delle risorse materiali e degli interi processi produttivi. In riferimento alla prima, il TIEN, oltrea capacità professionali specifiche del settore di intervento, possiede le capacità necessarie per lavorare ingruppo, controllare e coordinare il lavoro degli operatori alle macchine e agli impianti. In riferimento allaseconda, ha conoscenze adeguate a coordinare operativamente il reperimento e limpiego delle risorse,stabilendo collegamenti e collaborazioni, intervenendo nella realizzazione di opere, nella loro attivazione enella gestione di impianti industriali e sistemi di telecomunicazioni. Il TIEN conosce, applica e fa applicareoltre che le nozioni tecniche specifiche delle mansioni professionali assunte le norme di sicurezza in vigore,al fine di realizzare opere a "regola darte", conosce ed applica norme amministrative riguardanti lagestione del personale, laggiudicazione degli appalti, la contabilità ed il collaudo delle opere. È in grado didocumentare il proprio lavoro nei suoi aspetti tecnici, amministrativi ed organizzativi. Infine, sa consultaremanuali e testi tecnici in lingua straniera.Tecnico delle industrie meccanicheIl Tecnico delle Industrie Meccaniche (TIM) svolge il ruolo di organizzazione e coordinamento operativo nelsettore produttivo. Per adempiere a questa funzione deve essere in grado di gestire sistemi di 47
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13automazione, attrezzare le relative macchine, sovrintende al lavoro diretto sulle macchine (CNC - DNC -CAD - CAM), coordinare i controlli qualitativi e gestire la manutenzione. Tale processo formativo, atto adeterminare una mentalità di operatore di processo, contiene i prerequisiti utili per ulterioriapprofondimenti, sia per il raccordo con la formazione in azienda.PIANO DI STUDI INDIRIZZO TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHEMaterie di insegnamento Biennio post - qualifica IV VItaliano [S-O] 4 4Storia [O] 2 2Lingua straniera (Inglese o Francese) [S-O] 3 3Matematica [S-O] 3 3Ed. Fisica [O-P] 2 2Religione Cattolica o attività alternativa 1 1Elettrotecnica, elett.ca ed appl.oni [S-O-P] 9 (3) 9 (3)Sistemi, automazione e org. Produzione [S-O-P] 6 (3) 6 (3) Di cui ore di Laboratorio 6 6 Totale ore 30 30ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 66 66(*): Tra parentesi sono indicate le ore di compresenza con l’Insegnante Tecnico PraticoProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoPIANO DI STUDI INDIRIZZO TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRONICHEMaterie di insegnamento Biennio post - qualifica IV VItaliano [S-O] 4 4Storia [O] 2 2Lingua straniera (Inglese o Francese) [S-O] 3 3Matematica [S-O] 3 3Ed. Fisica [O-P] 2 2Religione Cattolica o attività alternativa 1 1Elettronica, telecomunicazioni ed applic. [S-O-P] 9 (3) 9 (3)Sistemi, automazione e org. Produzione [S-O-P] 6 (3) 6 (3)Esercitazioni Pratiche [P]Totale ore 30 30ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 66 66Tra parentesi sono indicate le ore di compresenza con l’Insegnante Tecnico PraticoProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 48
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13PIANO DI STUDI INDIRIZZO TECNICO DELLE INDUSTRIE MECCANICHEMaterie di insegnamento Biennio post - qualifica IV VItaliano[S-O] 4 4Storia [O] 2 2Lingua straniera (Inglese o Francese) [S-O] 3 3Matematica [S-O] 3 3Ed. Fisica [O-P] 2 2Religione Cattolica o attività alternativa 1 1Tecnologia meccanica e laboratorio [O-P] 8(6)Tecnica della prod.ne e laboratorio [S-O-P] 8(6)Meccanica applicata alle macchine [S-O] 4Macchine a fluido [S-O] 4Elettrotecnica e elettronica [S-O] 3 3Totale ore 30 30ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 66 66(*): Tra parentesi sono indicate le ore di compresenza con l’Insegnante Tecnico PraticoProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoORARIO DELLE LEZIONI IPSIA-IPSSS “E.MARINO” Lunedì e Sabato Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 8.05 9.05 10.05 11.05 12.05 8.05 09.05 10.05 11.05 12.05 9.05 10.05 11.05 12.05 13.05 9.05 10.05 11.05 12.05 13.30 Intervallo biennio 9.55 – 10.05 Intervallo biennio 10.25 – 10.35 Intervallo triennio 10.55 – 11.05 Intervallo triennio 11.25 – 11.35 49
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVAPREMESSAIn ottemperanza agli orientamenti dell’U.E., con la Legge n. 296 del 27 dicembre del 2006, art. 1, comma 622, ilGoverno italiano ha innalzato l’obbligo scolastico a 10 anni di frequenza delle istituzioni formative, per consentirel’acquisizione dei saperi e delle competenze previste dai curricoli relativi ai primi due anni degli Istituti di istruzionesecondaria di secondo grado.L’elevamento dell’obbligo d’istruzione intende favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé e di unainterazione positiva con la realtà naturale e sociale. Inoltre esso offre strumenti per contrastare il fenomeno delladispersione scolastica e formativa.I saperi e le competenze per l’assolvimento dell’obbligo d’istruzione sono riferiti ai quattro ASSI CULTURALI (deilinguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale), contenuti nel documento tecnico allegato al DecretoMinisteriale n. 139 del 22 agosto 2007, recante norme in materia di adempimento dell’obbligo d’istruzione. I saperisono articolati in abilità/capacità e conoscenze, con riferimento al sistema di descrizione previsto per l’adozione delQuadro europeo dei Titoli e delle Qualifiche (EQF). La competenza digitale, contenuta nell’asse dei linguaggi, ècomune a tutti gli assi, sia per favorire l’accesso ai saperi, sia per rafforzare le potenzialità espressive individuali.I saperi e le competenze sono orientati all’acquisizione delle COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA, che preparino igiovani alla vita adulta e che consentano di consolidare e accrescere saperi e competenze in un processo diAPPRENDIMENTO PERMANENTE.In APPENDICE al presente documento sono riportati stralci del documento tecnico allegato al Decreto Ministeriale n.139 del 22 agosto 2007, riguardanti gli ASSI CULTURALI e le COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA.In ottemperanza a quanto sopra, l’IIS “Alessandrini – Marino” ha elaborato le programmazioni nei vari Dipartimentidisciplinari facendo riferimento agli assi culturali ed alle competenze chiave di cittadinanza.CRITERI DI ELABORAZIONE E DEFINIZIONEIl Piano dell’Offerta Formativa è stato elaborato sulla base dei seguenti criteri declinati dal Consiglio d’Istituto:  Adeguare l’offerta formativa alle esigenze espresse dal contesto socio-culturale e produttivo;  Potenziare i rapporti con il mondo del lavoro, gli Enti Esterni e l’Università ai fini dell’orientamento degli alunni in uscita, dell’alternanza scuola-lavoro e dell’effettuazione di stage;  Realizzare progetti per la didattica, per l’educazione civile e sociale, per l’integrazione, la formazione culturale, la capacità di dialogo con gli altri, con le Istituzioni e la società;  Contrastare la dispersione scolastica;  Prevedere interventi specifici per il recupero, il sostegno e l’integrazione.ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALIL’Istituto garantisce la formazione integrale della persona nel pieno rispetto delle diversità, delle culture e dellereligioni. Esso è particolarmente attento all’accoglienza, all’integrazione e all’inclusione degli alunni con BisogniEducativi Speciali. All’interno di questo grande gruppo l’Istituto promuove il successo formativo degli alunnidiversamente abili, di quelli con disturbi specifici di apprendimento e la loro inclusione intesa come partecipazioneattiva alla vita comunitaria, in attuazione dei principi espressi dalla Costituzione, dalla L. 104/92 e successivemodifiche, dalle Linee guida MIUR del 04/08/09 e dalla Legge n.170 dell’8/10/2010. Nel processo di inclusione deidiversamente abili nel contesto scolastico, particolare importanza ha il gruppo di lavoro per l’handicap di Istituto 50
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13(GLH), inteso come collettivo che si assume la responsabilità di monitorare l’integrazione nel suo complesso, con unimpegno costante rispetto al rischio di emarginazione.A tal fine saranno utilizzati la Diagnosi Funzionale, il Profilo Dinamico Funzionale, il Piano Educativo Personalizzato, ilPiano Educativo Individualizzato, il GLH, gli incontri con gli operatori e con la famiglia. Tali incontri costituiranno, oltreche momento di verifica e monitoraggio, anche momenti utili a delineare il percorso da seguire per una correttainclusione degli alunni.ISTRUZIONE DOMICILIARENel caso in cui, per sopraggiunte gravi ragioni di salute, un alunno si trovi nella impossibilità di seguire le attivitàscolastiche in Istituto, ma sia nelle condizioni mentali e fisiche per proseguire il percorso scolastico, l’Istituto mette inatto tutte le azioni necessarie a garantire all’alunno la prosecuzione del percorso formativo, anche in ambientedomestico od ospedaliero.SCELTE DIDATTICO-PEDAGOGICHELa programmazione didattica ed educativa ai vari livelli, nonché le attività extracurriculari, dovranno perseguire leseguenti finalità: rendere gli allievi rendere consapevoli gli allievi protagonisti del proprio fornire gli strumenti per: dei processi cognitivi attivati processo di apprendimento, per: inteso come capacità di: •comprendere le relazioni tra •sviluppare un pensiero •osservare le conoscenze pregresse e i creativo; •selezionare nuovi saperi, •saper esplicitare a se stessi e •rielaborare le informazioni •saper usare le informazioni agli altri la propria visione che provengono dalla realtà apprese in contesti diversi e soggettiva; o da esperienze di imprevisti, •confrontarsi con idee laboratorio •imparare ad utilizzare nuove diverse; idee, nuovi metodi e nuove •comprendere le relazioni tra tecnologie; le conoscenze e l’esperienza;IL MODELLO EDUCATIVOIL NOSTRO STUDENTE  è curioso e versatile  ama chiedersi il perché delle cose  ha interesse per le tecnologie moderne  ha propensione per linformatica ed il mondo delle scienze 51
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  vuole sperimentare e verificare le cose che apprende  è disponibile a lavorare in gruppo  è capace di operare autonomamente  intende progettare il suo futuro  sa che una solida formazione culturale in campo tecnico scientifico può migliorare le sue prospettive.LI.I.S. " ALESSANDRINI- MARINO-FORTI" OPERA PER CONTRIBUIRE A FORMARE UNCITTADINO CHE •ascoltare e comprendere le ragioni dell’altro; •sostenere le proprie ragioni senza prevaricare quelle dell’altro, né con l’aggressione verbale, né con la violenza fisica; •raggiungere una emotività equilibrata; •rispettare l’altro nella persona fisica e morale, senza mortificarlo o nei rapporti con l’altro offenderlo per le sue caratteristiche fisiche e psicologiche, per le sue sia in grado di: abitudini, per le sue esperienze, per la sua provenienza, per la sua lingua, per la sua cultura, per la sua religione. •rispettare le cose dell’altro; •lavorare con l’altro; •attenersi alle regole stabilite dal Regolamento d’Istituto. •rispettare le leggi dello Stato; •rispettare le regole della comunità della quale fa parte, nella consapevolezza che i diritti di ogni soggetto non sono illimitati, ma si fermano laddove iniziano i diritti degli altri; Nei rapporti con la •rispettare gli altri; collettività e con le •rispettare l’ambiente e gli animali; istituzioni sia in grado •rispettare le cose che non gli appartengono, siano esse di un privato di o della collettività; •ispirare il proprio comportamento di cittadino alla conoscenza ed alla partecipazione attiva e propositiva per la soluzione dei problemi della collettività; •sentirsi responsabile delle proprie azioni e delle proprie omissioni. •una solida formazione culturale •un metodo di studio flessibile ed in continua evoluzione Nella dimensione •un ampio ventaglio di competenze e capacità operative professionale possieda: •la conoscenza delle realtà produttive locali tramite esperienze dirette •gli strumenti per una scelta consapevole del percorso di studi universitari o per l’inserimento nel mondo del lavoroOBIETTIVO DELLA SCUOLA è definire una figura umana e professionale capace dinserirsi ed interagire in contestisociali e realtà produttive molto differenziati e caratterizzati da rapida evoluzione, sia dal punto di vista politico-economico che da quello tecnologico ed organizzativo.L’Istituto si propone di rendere più incisive le iniziative di lotta all’assenteismo, alla dispersione scolastica, dimigliorare la comunicazione fra scuola e famiglia, e di sostenere, l’arricchimento dell’offerta formativa. 52
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13CITTADINANZA E COSTITUZIONE L’educazione alla legalità, anche nel senso di rapporto fra “cittadino e Costituzione”, è obiettivo fondamentale di tuttii docenti e di ogni ambito disciplinare. Essa si può attuare in modo più o meno strutturato, cogliendo ogni occasionedella vita scolastica ed extrascolastica per proporre una riflessione consapevole sul rapporto fra singolo e collettività.L’articolo 1 della Legge n.169/2008 prevede l’introduzione, nel nostro sistema scolastico, dell’insegnamento di“Cittadinanza e Costituzione”, da impartire nell’ambito del monte ore delle aree storico-geografica e storico-sociale.L’obiettivo è quello di sensibilizzare le giovani generazioni alla riflessione su temi attuali ed urgenti in una societàcomplessa e pluralista come quella contemporanea, per giungere ad un compiuto e partecipato esercizio dei diritti edei doveri, a partire da quelli scolastici.Tenuto conto di tale obiettivo, l’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione” si propone come attività trasversale emultidisciplinare.Si Suggeriscono alcune possibili linee di attuazione, oltre alla normale trattazione curricolare nell’ambito delladisciplina del “Diritto”:  approfondire i contenuti relativi a principi e regole che costituiscono il fondamento della convivenza civile;  prendere spunto dal vissuto scolastico o dalla lettura del “Quotidiano in classe” per inserire, laddove possibile, argomenti significativi;  tradurre i contenuti appresi in competenze, attraverso esperienze e rielaborazioni personali;  stabilire o rafforzare ogni possibile e utile raccordo con le famiglie, gli Enti locali, le agenzie culturali operanti sul territorio.Il POF conferma inoltre l’importanza dell’obiettivo della ricerca di positive relazioni di collaborazione e sostegno,anche economico, con Enti e soggetti, pubblici e privati, presenti sul territorio.ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICAPer i ragazzi che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione Cattolica è prevista, come attività alternativa, lapossibilità di approfondire il confronto tra culture diverse. 53
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13FIGURE DI SISTEMAPer dare attuazione al POF sono fondamentali le figure di sistema del Coordinatore-tutor di classe e del Coordinatoredi Dipartimento.COMPETENZE E FUNZIONI DEL COORDINATORE DI CLASSE Il coordinatore - tutor di classe è: •il punto di riferimento per i problemi che sorgono all’interno della classe e per le azioni da mettere in atto •responsabile dell’attuazione delle decisioni scaturite dal lavoro del Consiglio di classe •facilitatore di rapporti fra i docenti e promotore dell’assunzione compiti e responsabilità nell’ambito del C.d.c. •facilitatore di rapporti non burocratici con le famiglie In rapporto agli alunni: •interviene sulle situazioni a rischio e cerca soluzioni adeguate in collaborazione con il C.d.c. (tutoraggio) •segnala le situazioni di maggiore difficoltà alle figure di riferimento per il disagio scolastico •controlla che gli alunni informino i genitori sulle comunicazioni scuola/famiglia •tiene i rapporti con i rappresentanti degli alunni diventando il tramite di questi con il C.d. c. e la Dirigenza •assegna i posti agli alunni e redige la pianta dell’aula In rapporto ai genitori: •informa e convoca in maniera tempestiva e regolare i genitori degli alunni in difficoltà •assicura la comunicazione telefonica o scritta tempestiva alle famiglie in relazione a problemi di condotta e di frequenza degli alunni •comunica, su mandato del C.d.c., i risultati del trimestre, curando la consegna delle pagelle •comunica le linee guida del P.O.F. d’Istituto e presenta il Patto Educativo •introduce le assemblee dei genitori preliminari alle elezioni dei loro rappresentanti •cura i rapporti con i rappresentanti dei genitori della classe e ne chiede e promuove il contributo In rapporto ai colleghi ed al Consiglio di classe: •controlla il registro di classe (assenze, ritardi, note disciplinari,giustificazioni, ecc.) •annota sul registro di classe la partecipazione della classe a progetti, manifestazioni culturali, uscite sul territorio, visite e viaggi d’istruzione, etc. •guida e coordina i Consigli di classe su delega del Dirigente Scolastico •cura la verbalizzazione delle decisioni del C.d.c. •relaziona in merito all’andamento generale della classe •propone le visite guidate ed i viaggi di istruzione per la classe •coordina gli interventi di recupero e di valorizzazione delle eccellenze •verifica il corretto svolgimento di quanto concordato in sede di programmazione della classe •propone riunioni straordinarie del C.d. c. •cura la stesura del Documento del C.d.c. delle classi quinte per gli Esami di Stato •coordina l’utilizzo del materiale necessario per le operazioni di scrutinio finale. •In caso di necessità può portare avanti azioni di monitoraggio di eventuali problematiche emergenti nella classe. •referente rispetto alla Dirigenza 54
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13COMPETENZE E FUNZIONI DEL COORDINATORE DI DIPARTIMENTO Coordina le attività del Dipartimento È responsabile del coordinamento delle dal punto di vista logistico-temporale attività didattiche che coinvolgono il Pianifica lintegrazione delle attività facendosi carico delle esigenze e delle proprio Dipartimento ed ha ruolo di previste dai Progetti Speciali con problematiche relative alla disciplina in tramite tra la Dirigenza e i docenti del lattività curricolare. sede di Collegio Docenti e nei confronti Dipartimento. della dirigenza. Coordina la formulazione e la realizzazione delle attività di recupero È sub-consegnatario di tutto il ed approfondimento relative alla materiale in gestione al Dipartimento Programma gli ampliamenti e le disciplina, oltreché le attività extra- non assegnato a responsabili di cui integrazioni del parco strumenti. curricolari in cui sia coinvolto il provvede a disporre un elenco Dipartimento Nell’ambito delle specializzazioni il E’ membro, all’occorrenza, del Coordina lo svolgimento e la Coordinatore di Dipartimento, in Comitato Tecnico-Scientifico previsto verbalizzazione immediata delle collaborazione con la Funzione dalla Riforma degli Istituti Tecnici e riunioni del Dipartimento e le raccoglie Strumentale preposta, coordina le Professionali. nellapposito registro. attività di orientamento nella scelta delle articolazioni/settori produttivi. 55
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13STRATEGIE DIDATTICO-RELAZIONALI Corsi di Compatibilmente con le risorse economiche attribuite all’Istituto e tenuto conto recupero delle esigenze organizzative, durante l’anno verranno attivati interventi di disciplinare recupero in orario curricolare [Pause didattiche e sportello didattico], in orari pomeridiani e nel periodo estivo [IDEI] a beneficio degli studenti che evidenzino nel primo quadrimestre risultati insoddisfacenti o che sono stati promossi con debito formativo. Potenziamento ai fini dellorientamento degli alunni in uscita, dellalternanza scuola-lavoro, dei rapporti con delleffettuazione di stage e del reperimento di risorse economiche per il il mondo del finanziamento di (o la cooperazione in) progetti interni o esterni lavoro, gli enti esterni e luniversità Incremento dei ai fini dell’orientamento e della continuità, perseguito dall’apposita funzione rapporti con le strumentale, di concerto con la Commissione per la promozione dell’Istituto e scuole medie l’orientamento Corsi di aggiornamento ed allo scopo di migliorare laspetto metodologico e relazionale autoformazione per il della didattica. personale docente Attività integrative, momenti di arricchimento culturale, esperienze di didattica multidisciplinare, visite e viaggi d’istruzione Ottimizzazione della informatizzazione degli scrutini, della rilevazione delle assenze e dei ritardi, la sperimentazione del registro informatico e della tecnologia della LIM. Attivazione di uno sportello di ascolto interno all’Istituto in collaborazione con la ASL, per il counseling, per il monitoraggio delle situazioni di disagio adolescenziale e per la prevenzione della dispersione scolastica e delle devianze giovanili. Prosecuzione del percorso di Autoanalisi dei processi, dell’organizzazione e dei risultati, per percorso di meglio capire e valorizzare i propri punti di forza e per individuare ed agire sui autovalutazione fattori di debolezza. A tal proposito l’Istrituto ha già raggiunto un risultato d’Istituto: avendo conseguito nel 2011 la certificazione qualità del Marchio Saperi 56
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13FUNZIONI STRUMENTALIFUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. DELL’ITIS “ALESSANDRINI”1) ORIENTAMENTO E CONTINUITÀ "IN ENTRATA" (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMOGRADO-SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO), IN ITINERE (BIENNIO-TRIENNIO) ERIORIENTAMENTO VERSO ALTRI ISTITUTI CON ORGANIZZAZIONE DI PASSERELLE.  curare i contatti con le scuole secondarie di primo grado della provincia, allo scopo di organizzare incontri con i docenti delle stesse, attuare progettazioni comuni e coordinare le visite e gli eventuali stages degli alunni delle terze classi della scuola secondaria di primo grado presso le varie specializzazioni dellIstituto;  raccogliere informazioni presso le scuole di provenienza su alunni interessati da particolari problematiche;  predisporre, di concerto con la Commissione P.O.F. e con le specializzazioni, materiale informativo e promozionale, anche prodotto dagli alunni dell’Istituto, da presentare durante gli incontri nelle scuole medie;  coordinare gli eventuali progetti interni destinati a sviluppare attività di stage che coinvolgano sia alunni della scuola secondaria di primo grado che dellIstituto;  organizzare le attività di orientamento interno nelle classi seconde per la scelta delle specializzazioni;  organizzare “passerelle” fra l’Istituto ed altre Istituzioni formative presenti sul territorio per il riorientamento di alunni che ritengono di aver sbagliato la scelta della scuola superiore;  monitorare ed autovalutare i risultati.2) ORIENTAMENTO "IN USCITA" (SCUOLA MEDIA SUPERIORE - MONDO DEL LAVORO –UNIVERSITÀ-ISTRUZIONE TECNICA SUPERIORE).  organizzare stages per gli alunni del Triennio di tutte le specializzazioni dellistituto presso aziende presenti sul territorio, con relativi monitoraggio e certificazioni;  organizzare momenti di informazione e di formazione, in sede e fuori sede, con l’Università, le Agenzie ministeriali di supporto alla riforma, formatori accreditati nella formazione tecnica superiore o europea, Enti rappresentanti il mondo del lavoro per l’orientamento degli alunni in uscita;  progettare ed organizzare l’alternanza scuola-lavoro, con relativa ricerca di risorse economiche;  curare il monitoraggio delle attività o degli studi intrapresi dagli ex-alunni degli ultimi 5 anni;  monitorare ed autovalutare i risultati ed eventualmente metterli a disposizione del Ministero della Pubblica Istruzione. 57
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. DELL’ITG “FORTI” 1) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI ITG  integrare le attività del responsabile ITG anche in sua assenza;  organizzazione e coordinamento delle attività didattiche di recupero ITG;  cura della preparazione degli alunni delle classi terminali ai test di selezione per l’ammissione all’Università o all’Istituto Tecnico Superiore;  organizzazione progetti dIstituto;  referente INVALSI/OCSE-PISA;  rapporti con il territorio;  scrutinio informatico ed Esami di Stato. 2) ORIENTAMENTO E CONTINUITÀ "IN ENTRATA E USCITA" (SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO-SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO), IN ITINERE (BIENNIO- TRIENNIO) E RIORIENTAMENTO VERSO ALTRI ISTITUTI CON ORGANIZZAZIONE DI PASSERELLE.  curare i contatti con le scuole secondarie di primo grado della provincia, allo scopo di organizzare incontri con i docenti delle stesse, attuare progettazioni comuni e coordinare le visite e gli eventuali stages degli alunni delle terze classi della scuola secondaria di primo grado presso le varie specializzazioni dellIstituto;  raccogliere informazioni presso le scuole di provenienza su alunni interessati da particolari problematiche;  predisporre, di concerto con la Commissione P.O.F. e con le specializzazioni, materiale informativo e promozionale, anche prodotto dagli alunni dell’Istituto, da presentare durante gli incontri nelle scuole medie;  coordinare gli eventuali progetti interni destinati a sviluppare attività di stage che coinvolgano sia alunni della scuola secondaria di primo grado che dellIstituto;  organizzare le attività di orientamento interno nelle classi seconde per la scelta delle specializzazioni;  organizzare “passerelle” fra l’Istituto ed altre Istituzioni formative presenti sul territorio per il riorientamento di alunni che ritengono di aver sbagliato la scelta della scuola superiore;  organizzare momenti di informazione e di formazione, in sede e fuori sede, con l’Università, le Agenzie ministeriali di supporto alla riforma, formatori accreditati nella formazione tecnica superiore o europea, Enti rappresentanti il mondo del lavoro per l’orientamento degli alunni in uscita;  curare il monitoraggio delle attività o degli studi intrapresi dagli ex-alunni degli ultimi 5 anni;  monitorare ed autovalutare i risultati ed eventualmente metterli a disposizione del Ministero della Pubblica Istruzione. 58
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. DELL’IPSIA/IPSSS “MARINO” 1) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI IPSIA/IPSSS  integrare le attività del vicepreside IPSIA anche in sua assenza;  organizzazione e coordinamento delle attività didattiche di recupero IPSIA;  cura della preparazione degli alunni delle classi terminali ai test di selezione per l’ammissione all’Università o all’Istituto Tecnico Superiore;  organizzazione progetti dIstituto;  referente INVALSI/OCSE-PISA;  rapporti con il territorio;  scrutinio informatico ed Esami di Stato.2) ORIENTAMENTO E CONTINUITÀ "IN ENTRATA E USCITA" (SCUOLA SECONDARIA DIPRIMO GRADO-SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO), IN ITINERE (BIENNIO-TRIENNIO)E RIORIENTAMENTO VERSO ALTRI ISTITUTI CO N ORGANIZZAZIONE DI PASSERELLE.  curare i contatti con le scuole secondarie di primo grado della provincia, allo scopo di organizzare incontri con i docenti delle stesse, attuare progettazioni comuni e coordinare le visite e gli eventuali stages degli alunni delle terze classi della scuola secondaria di primo grado presso le varie specializzazioni dellIstituto;  raccogliere informazioni presso le scuole di provenienza su alunni interessati da particolari problematiche;  predisporre, di concerto con la Commissione P.O.F. e con le specializzazioni, materiale informativo e promozionale, anche prodotto dagli alunni dell’Istituto, da presentare durante gli incontri nelle scuole medie;  coordinare gli eventuali progetti interni destinati a sviluppare attività di stage che coinvolgano sia alunni della scuola secondaria di primo grado che dellIstituto;  organizzare le attività di orientamento interno nelle classi seconde per la scelta delle specializzazioni;  organizzare “passerelle” fra l’Istituto ed altre Istituzioni formative presenti sul territorio per il riorientamento di alunni che ritengono di aver sbagliato la scelta della scuola superiore;  organizzare momenti di informazione e di formazione, in sede e fuori sede, con l’Università, le Agenzie ministeriali di supporto alla riforma, formatori accreditati nella formazione tecnica superiore o europea, Enti rappresentanti il mondo del lavoro per l’orientamento degli alunni in uscita;  curare il monitoraggio delle attività o degli studi intrapresi dagli ex-alunni degli ultimi 5 anni;  monitorare ed autovalutare i risultati ed eventualmente metterli a disposizione del Ministero della Pubblica Istruzione. 59
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13FUNZIONI STRUMENTALI PER L’I.I.S. “ALESSANDRINI-MARINO-FORTI” 1) PREVENZIONE DEL DISAGIO SCOLASTICO, DELLA DISPERSIONE ED EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ  coordinamento dei progetti sulla dispersione;  coordinamento progetti proposti da enti locali;  fungere da supporto ai coordinatori-tutor, ai docenti, agli alunni ed alle famiglie per la prevenzione e la cura del disagio scolastico;  proporre, unitamente alle altre strutture presenti sul territorio, interventi per la cura della salute fisica e mentale dei ragazzi ( ad esempio informazioni sullalcolismo, le droghe, il tabagismo, le malattie sessualmente trasmissibili);  promuovere l’educazione alla legalità;  proporre strategie di intervento sul fenomeno della dispersione nell’Istituto e coordinare le relative azioni;  borse di studio;  competizioni scolastiche sia nazionali che internazionali;  monitorare ed autovalutare i risultati. 2) SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI IIS  integrare le attività del vicepreside vicario ITIS anche in sua assenza;  organizzazione convegni ed eventi;  organizzazione di attività di aggiornamento e formazione del personale docente dell’IIS sui seguenti argomenti: o competenze a conclusione dell’obbligo di istruzione; o innovazioni didattiche connesse alla riforma, con particolare attenzione alle attività laboratoriali.  organizzazione e coordinamento delle attività didattiche di recupero ITIS;  organizzazione progetti dIstituto;  referente INVALSI/OCSE-PISA;  rapporti con il territorio;  scrutinio informatico ed Esami di Stato;  verbalizzazione Collegio Docenti. 3) GESTIONE DEL PIANO D ELLOFFERTA FORMATIVA P.O.F. E MONITORAGGIO  coordinamento della rispettiva commissione per la quale, in accordo con i componenti, fissa : o convocazioni; o procedure di lavoro; o obiettivi da raggiungere;  coordinamento dellattività del piano;  rilevazione fabbisogni utenti;  cura e raccolta dei materiali per la revisione del P.O.F. (parte annuale);  stesura e adattamenti del POF in versione cartacea, multimediale e di sintesi;  stesura di estratti ed opuscoli informativi del POF per gli allievi e le famiglie; 60
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  stesura e revisione dei Regolamenti (regolamento dIstituto, carta dei servizi, ecc.);  stesura e revisione del patto di corresponsabilità;  coordinamento della progettazione curricolare per assi culturali;  comunicazione interna esterna;  esame e monitoraggio del P.O.F. e dei progetti;  autovalutazione e valutazione del P.O.F.;  qualità ed autovalutazione di Istituto;  monitoraggio Patto per la Scuol@2.0;  valutazione complessiva, intermedia e finale dellofferta formativa dellIstituto  predisposizione delle attività di autovalutazione dell’Istituto (rilevazione soddisfazione degli utenti (genitori e studenti) e del personale dellIstituto, ecc.;  statistiche sui risultati intermedi e finali degli studentiPROGETTICRITERI PER L’ATTRIBUZIONE DELL’ORDINE DI PRIORITA’ DEI PROGETTIIl Collegio docenti, recependo le indicazioni della Commissione POF, ha deliberato di adottare i seguenti criteri perstabilire l’attivazione e l’ordine di priorità di finanziamento dei progetti pervenuti: progetti “storici” dell’Istituto: • ECDL Progetti con il • Olimpiadi della Chimica, della Progetti Progetti maggior Valenza Ricaduta progetti a Matematica, riguardanti le riguardanti numero di formativa e Progetti promozionale costo zero dellInformatica attività l’istruzione classi e professionale esterni • Patentino per l’Istituto sportive domiciliare studenti del progetto • Progetti coinvolti riguardanti la lingua straniera 61
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Il Consiglio di Classe delibera in merito all’adesione ai progetti proposti; verranno favoriti i progetti con un numerocongruo di partecipanti (almeno 16 studenti); i progetti che non registreranno l’effettiva partecipazione di almeno 16studenti saranno sospesi, anche in itinere.Di seguito le tabelle dei progetti approvati:PROGETTI DA REALIZZARE NEI LIMITI DELLE RISORSE DISPONIBILITITOLO DEL PROGETTO PROPONENTE CLASSI FINANZ. FINANZ. ESPERIENZE INTERNO AVVIATE ESTERNOECDL - corsi preparazione Giannandrè II-III-IV SI SI SIECDL-gestione test center Giannandrè, Di II-III-IV SI SI Sabatino F., Di GabrieleGiochi della chimica Di Simone II-III-IV-V SI NO SIGiochi della matematica Ghiraldini Tutte SI NO SIPatentino del ciclomotore Conte I-II-III SI NO SIOlimpiadi dell’Informatica Progetto d’Istituto Triennio SI NO SI InformaticaOlimpiadi della Statistica Progetto d’Istituto III,IV,V SI NO SICertificazioni linguistiche Bassi III, IV, V SI NO NOScuola pulita Progetto d’Istituto tutte SI NO NOScuola amica Progetto d’Istituto tutte SI NO NOAlternanza scuola-lavoro Progetto d’Istituto III Ipsia SI NOIPSIAGiochi sportivi studenteschi Del Zoppo (ITIS) IV, V SI NO SI Di Nicola (ITG)Multicultura Progetto d’Istituto tutte SI NO SIPROGETTI ATTIVABILI SE FINANZIATI CON RISORSE ESTERNE DISPONIBILI- DA REPERIRE - OSE “RIMODULATI A COSTO ZERO”Titolo del progetto Proponente Classi Finanz. interno Finanz. Esperienze esterno avviateCEA Pirocchi (ITG) ITG “Forti” NO SI SI 62
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13PROGETTI A COSTO ZE ROTitolo del progetto Proponente Classi Esperienze avviateIl rumore negli ambienti di vita e di lavoro Pilotti IV-V chimica SIGreen 4 Young Olivieri III-IV ITIS IPSIA NO ITG (alcune classi)Peer Education-Prevenzione malattie Olivieri II-III-IV ITIS IPSIA SIsessualmente trasmesseFisco e scuola Olivieri V NOEducazione alla legalità Olivieri Tutte SIScienze ed etica Di Simone V (ITIS) SIProgetti in collaborazione con l’ordine dei Progetto Classi ITG NOGeometri d’Istituto “Forti”Scuola senza fumo Progetto tutte NO d’IstitutoUnplugged Olivieri tutte NOTutela ambiente Pilotti III, IV, V CH SIATTIVITA DIDATTICHE INTEGRATIVENella convinzione che l’attenzione verso i grandi problemi del mondo contemporaneo e la ricchezza di stimoli allariflessione, alla conoscenza di sé e degli altri concorrano in modo potente allo sviluppo dell’autonomia di giudizio edalla maturazione intellettuale ed umana delle giovani generazioni, l’Istituto organizza per gli allievi ( o recepisceproposte avanzate da soggetti esterni per far partecipare gli alunni ad ) attività formative e ricreative decise eprogrammate dal Collegio dei docenti, tenendo conto delle proposte effettuate dal Comitato Studentesco (secondo ladirettiva ministeriale n.133 del 03/04/1996) ed attuate previa delibera dei Consigli di classe .Esse consistono in:  viaggi e visite d’istruzione, uscite sul territorio;  visite ad aziende, mostre, istituzioni scientifiche;  partecipazione a concorsi e a manifestazioni culturali di varia natura;  visione di spettacoli teatrali, musicali e cinematografici;  partecipazione a progetti didattici multidisciplinari;  seminari condotti da esperti;  attività di alternanza scuola lavoro  interventi educativi specifici, da svolgersi in orario curricolare o extracurricolare, connessi all’Educazione alla salute (alimentare, motoria, sessuale, alla prevenzione delle malattie e delle dipendenze), alla solidarietà, alla integrazione, alla multiculturalità, alla conoscenza della Costituzione della Repubblica, all’educazione alla legalità (in riferimento all’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”), alla sicurezza nei luoghi di lavoro, al pronto soccorso, all’educazione ambientale, stradale, all’educazione artistica, teatrale, alla fruizione ed alla produzione nei linguaggi 63
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ATTIVITA’ DI ACCOGLIENZALa scuola non deve solo promuovere l’apprendimento ma anche curare il benessere psicologico degli alunni, tenendoconto dei loro problemi , della loro realtà familiare, sociale ed economica, delle difficoltà che incontrano nell’inserirsiin un ambiente nuovo e nelle comunicazioni interpersonali con i docenti e con i compagni.A questo proposito l’attività di accoglienza per gli alunni delle classi iniziali si propone di:  favorire l’instaurarsi di un rapporto tra professori ed alunni non autoritario, ma basato sul dialogo e sulla disponibilità;  favorire l’inserimento dell’alunno nel gruppo-classe creando ogni possibilità di socializzazione;  fornire agli alunni le informazioni di base sull’Istituto: spazi, accessi, orari, servizi;  fornire le informazioni di base sugli Organi Collegiali della Scuola, sui diritti e sui doveri.SUDDIVISIONE DELLAN NO SCOLASTICOIl Collegio dei docenti ha deliberato di suddividere lanno scolastico in due quadrimestri; il primo termina il 31 gennaio;il secondo termina il giorno 8 giugno 2013.ISTITUTO TECNICO SUPERIORE - ITS -Il 12 ottobre 2010 il nostro istituto ha firmato, insieme ad altre istituzioni del nostro territorio - la Provincia di Teramo,i Comuni di Teramo e Giulianova, la Camera di Commercio, la Fondazione Tercas, l’Università di Teramo, gli Istitutiscolastici "Di Poppa-Rozzi" di Teramo e "Crocetti" di Giulianova, le associazioni imprenditoriali Confindustria Teramo,Leadercoop, Consorzio Agire, lassociazione professionale Collegio Agrotecnici di Teramo - latto costitutivo dellaFondazione di partecipazione denominata "Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy SistemaAgroalimentare". L’ITS è nato per rispondere alle crescenti richieste di tecnici specializzati da parte delle aziendeabruzzesi che operano nel settore agroalimentare. Il percorso di studi della durata biennale comprende anche stageformativi in azienda e permette di far conseguire ai giovani ed adulti il diploma di “Tecnico superiore per lavalorizzazione dei prodotti vegetali della dieta mediterranea .COMUNICAZIONEIl Dirigente scolastico riceve tutti i giorni , previo appuntamento, dalle ore 10.00 alle ore 12.00.La segreteria didattica è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 8.30 e dalle ore 11.30 alle ore13.30; il sabato dalle ore 8.00 alle ore 14.00; il giovedì pomeriggio, dalle ore 15.00 alle ore 18.30.I docenti ricevono i genitori in orario antimeridiano, su appuntamento, nella prima settimana del mese duranteun’ora indicata.Nel corso dellanno scolastico sono previsti due colloqui scuola - famiglia in orario pomeridiano.Il controllo delle assenze viene effettuato dai docenti delle classi e dalla Dirigenza. 64
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Alle famiglie che lo desiderano vengono inviate, via SMS, comunicazioni intorno alle assenze ed ai ritardi dei proprifigli. L’Istituto sta predisponendo la possibilità, per le famiglie, di controllare la frequenza dei figli on line. Casi diassenze reiterate vengono segnalati dalla scuola.VALUTAZIONECRITERI GENERALI DI VALUTAZIONELa valutazione è intesa come:  controllo di tutto il processo formativo nella sua complessità di elementi agenti e interazioni;  verifica della qualità della prestazione dell’allievo e non giudizio sulla sua persona;  valutazione interattiva del percorso di apprendimento e di insegnamento che consente al docente non solo di accertare e interpretare il raggiungimento degli obiettivi, ma anche di progettare eventuali correzioni ed integrazioni.  Pertanto essa ha le seguenti funzioni:  funzione diagnostica iniziale per l’accertamento delle situazioni iniziali.  funzione diagnostica in itinere per l’accertamento delle conoscenze e delle competenze raggiunte in relazione agli obiettivi posti.  funzione formativa, con indicazioni utili per individuare e superare le difficoltà.  funzione sommativa con l’accertamento dei risultati finali raggiunti.La valutazione sommativa terrà conto, oltre che del livello di partenza, dell’evoluzione del processo di apprendimento,del metodo di lavoro e delle competenze raggiunte. Pertanto terrà conto  della valutazione terminale di ogni fase di lavoro e di quella complessiva di fine quadrimestre;  degli standard di disciplina, fissati dai dipartimenti disciplinari, che stabiliscono la corrispondenza tra obiettivi prefissati e competenze e/o livelli di abilità raggiunti dagli allievi;  della convenzione terminologica dei LIVELLI DI VALUTAZIONE sottomenzionati, volta ad evitare fraintendimenti in sede di scrutinio.Nel giudizio complessivo saranno valutati, accanto alle “prove” orali e scritte, l’impegno e la costanza nellarielaborazione domestica, la disponibilità e la partecipazione costruttiva al dialogo educativo, la capacità di attenzionee di rielaborazione personale, la volontà di migliorare le proprie conoscenze, la collaborazione offerta a progettimultidisciplinari e ad iniziative volte a migliorare la formazione, la correttezza del comportamento.I criteri di valutazione delle prove scritte verranno esplicitati alla classe di volta in volta, mentre quello di valutazionedelle performances orali verrà illustrato agli alunni nella fase iniziale dell’anno scolastico.Sono previste almeno 3 prove scritte e 3 valutazioni orali per quadrimestre mentre, per le discipline che prevedonoanche l’attività di Laboratorio, sono previste almeno 2 prove scritte, 2 orali e 2 pratiche.Il Collegio dei Docenti, dopo aver visionato la circolare ministeriale n.89 del 18 ottobre 2012, recepisce e approva che,negli scrutini intermedi delle classi del nuovo ordinamento, la valutazione dei risultati raggiunti sia formulata, inciascuna disciplina, mediante un voto unico, come nello scrutinio finale.LIVELLI DI VALUTAZIONEVoto Giudizio Descrittore1-2 DEL TUTTO INSUFFICIENTE dimostra completo disinteresse per lattività didattica, non si sottopone alle verifiche3 SCARSO si disinteressa dellattività didattica, non si impegna, disconosce i contenuti della disciplina, non si orienta neppure se guidato 65
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/134 GRAVEMENTE non possiede i contenuti minimi, limpegno è discontinuo e superficiale, INSUFFICIENTE dimostra difficoltà di orientamento anche se guidato5 MEDIOCRE/ ha acquisito i concetti in modo frammentario, non conosce tutti i contenuti INSUFFICIENZA NON minimi, non applica sempre correttamente le informazioni ma, se guidato, si GRAVE orienta6 SUFFICIENTE conosce i contenuti minimi, non commette errori significativi e comunque, se guidato, riesce a correggerli7 DISCRETO ha acquisito una conoscenza appropriata dei contenuti, tende ad approfondirli, sa orientarsi8 BUONO ha acquisito una conoscenza appropriata ed esauriente dei contenuti, è capace di ampliare i temi e di collegare tra loro argomenti diversi9 OTTIMO ha acquisito padronanza della disciplina, della quale dimostra un approfondita conoscenza sostanziale, manifesta spiccato senso critico, sa proporre problemi e lavorare su progetti autonomamente10 ECCELLENTE ha acquisito una padronanza completa della disciplina, della quale dimostra unapprofondita conoscenza formale e sostanziale, manifesta spiccata capacità di lavorare autonomamente arricchendo ed approfondendo i contenuti disciplinari anche con rielaborazioni originali.ALUNNI DIVERSAMENTE ABILISCHEDA DI VALUTAZIONE PER LE VERIFICHE SCRITTEALUNNI DIVERSAMENTE ABILI CHE SEGUONO UNA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PEROBIETTIVI MINIMIIndicatore descrittoreAutonomia nello svolgimento della Supporto necessario 1verifica Aiuto nello svolgimento di passaggi concettuali 2 Aiuto nello svolgimento di calcoli o passaggi meccanici 3 Aiuto limitato a delucidazioni nella comprensione della 4 consegna Autonomia nello svolgimento della prova 5Miglioramenti rispetto alla verifica Non è verificabile alcun miglioramento 0precedente Impegno notevole ma progressi limitati 1 Miglioramento percettibile 2Esecuzione della verifica Non è stata svolta 0 È stata svolta parzialmente in maniera non sufficiente 1 È stata svolta parzialmente in maniera sufficiente 2 E stata svolta interamente 3Eventuali punteggi per incrementare ________________________________ 0,5 ÷2 *il voto ________________________________ TOT. …10 66
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13*La valutazione è una dimensione educativa e formativa finalizzata a verificare i risultati ottenuti sia in termini dimutamento sia di prestazioni; pertanto è possibile incrementare il voto dell’alunno diversamente abile e differenziarela valutazione. 67
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13SCHEDA DI VALUTAZIONE PER LE VERIFICHE ORALIALUNNI DIVERSAMENTE ABILI CHE SEGUONO UNA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PEROBIETTIVI MINIMILe verifiche orali devono essere necessariamente concordate con lalunno e/o con linsegnante specializzatoIndicatore descrittoreEsposizione Insufficientemente chiara 2 Guidata dal docente 3 Chiara 4Contenuti Assenti 1Riferiti agli obiettivi minimi Sufficientemente compresi 2 Ampliamente compresi 3 Completi 4Eventuali annotazioni per ________________________________incrementare il voto ________________________________ 0,5 ÷2 ________________________________ TOT.VERIFICHEPer l’attuazione delle verifiche al termine di una fase di lavoro, si farà riferimento ai seguenti principi:  Coerenza della tipologia e del livello delle prove con la relativa sezione di lavoro effettivamente svolta in classe.  Costanza ed adeguata distribuzione delle prove nel corso dell’anno scolastico.CREDITO SCOLASTICOIl “credito scolastico” è il punteggio attribuito dal consiglio di classe ad ogni studente nello scrutinio finale di ciascunodegli ultimi tre anni della scuola superiore, in caso di ammissione alla classe successiva. Si tratta di un patrimonio dipunti, non superiore a venticinque, che ogni studente costruisce durante gli ultimi tre anni di corso e che contribuisceper un quarto (25 punti su 100) a determinare il punteggio finale dell’esame di stato.Concorrono a formare il credito scolastico sia gli elementi di giudizio relativi alle valutazioni scolastiche degli allievi(compreso il voto di comportamento) sia le eventuali esperienze formative realizzate all’interno - attivitàcomplementari e integrative - e all’esterno della scuola - credito formativo - .Attività complementari e integrativeSono tutte le attività non curriculari organizzate dalla scuola o svolte autonomamente dagli allievinell’ambito dell’arricchimento dell’offerta formativa.In particolare si tengono in considerazione:  Attività di sostegno all’organizzazione e alla promozione dell’Istituto (es. Open-Day, Orientamento, Linux Day, ecc.) 68
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13  Rappresentante effettivo negli Organi Collegiali (es. Rappresentante di classe, d’Istituto, Consulta Prov.)  Partecipazione ad attività opzionali, di arricchimento formativo e complementari (es. Corsi di eccellenza pomeridiani, Olimpiadi di Informatica e di Matematica, stage in azienda o Istituti universitari, corsi di Alternanza scuola lavoro ecc)  Vincitore di premi a concorso e/o borse di studio, partecipazione a progetti  Corsi di lingua straniera con certificazione delle competenze  ECDL - aver superato almeno 2 esami /annoCrediti formativiSono tutte le esperienze acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori dellasocietà civile, legati alla formazione della persona ed alla crescita umana, civile e culturale, qualiquelli relativi, in particolare, alle attività culturali, alla formazione professionale, al lavoro,all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport.Le certificazioni utili per l’attribuzione del credito formativo, acquisite a partire dal terzo annoscolastico e conseguite anche durante i mesi estivi, potranno essere presentate nell’anno scolasticosuccessivo.La documentazione relativa all’esperienza che dà luogo ai Crediti formativi deve comprendereun’attestazione proveniente dagli enti, associazioni, istituzioni presso i quali lo studente harealizzato l’esperienza e contenente una sintetica descrizione dell’esperienza stessa. Lapresentazione della domanda per il riconoscimento dei crediti formativi deve essere inoltrata nonoltre il 15 maggio dell’anno in corso.In particolare si tengono in considerazione:  Attività sportiva agonistica (promossa da enti riconosciuti dal C.O.N.I.)  Frequenza di attività teatrali con impegno di almeno 60 ore/anno  Frequenza del conservatorio o comunque lo studio di uno strumento, se certificato da Enti riconosciuti  Donatore di sangue  Attività di volontariato allinterno di organismi riconosciuti  Partecipazione a corsi o attività volte alla tutela dell’ambiente  Superamento del test finale del corso di Primo Soccorso  Corsi di lingue straniere svolti da enti esterni, anche all’estero, con certificazione delle abilità conseguite ed il superamento di esami conclusivi;  1°, 2°, 3° posto conseguito in concorsi riservati agli studenti e promossi da Enti e Associazioni riconosciute;  Ogni altra attività svolta in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, civile, culturale, sulla base della loro rilevanza qualitativa, coerentemente al corso di studi seguito.Nel caso in cui l’alunno abbia scelto di assentarsi dalla scuola per partecipare ad iniziativeformative in ambito extrascolastico, potrà far valere tali attività come crediti formativi qualorapresentino i requisiti previsti dal D.M. n. 49 del 24/2/2000Tenendo conto del DM n. 99 del 16/12/2009, l’attribuzione del credito scolastico viene stabilitosecondo la tabella e gli indicatori seguenti: 69
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13TABELLA DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICOMEDIA Punti classe terza e quarta Punti classe quintadei votiM=6 3-4 4 punti con almeno 3 indicatori 4-5 5 punti con almeno 3 indicatori positivi positivi6<M≤7 4-5 5 punti con almeno 3 indicatori 5-6 6 punti con almeno 3 indicatori positivi o positivi o media ≥ 6,5 e almeno 2 media ≥ 6,5 e almeno 2 indicatori positivi indicatori positivi7<M≤8 5-6 6 punti con almeno 3 indicatori 6-7 7 punti con almeno 3 indicatori positivi o positivi o media ≥ 7,5 e almeno media ≥ 7,5 e almeno 2 indicatori positivi 2 indicatori positivi8<M≤9 6-7 7 punti con almeno 3 indicatori 7-8 8 punti con almeno 3 indicatori positivi o positivi o media ≥ 8,5 e almeno 2 media ≥ 8,5 e almeno 2 indicatori positivi indicatori positivi9<M≤ 7-8 8 punti con almeno 3 indicatori 8-9 9 punti con almeno 3 indicatori positivi o10 positivi o media ≥ 9,5 e almeno 2 media ≥ 9,5 e almeno 2 indicatori positivi indicatori positiviIndicatori:  Assiduità della frequenza scolastica; ovvero:  numero di assenze non superiore a giorni 20 [10% monte ore]  numero di ritardi non sanciti con ammonizione  eventuali impedimenti oggettivi alla frequenza e alla puntualità saranno valutati dal Consiglio di Classe.  Interesse e Impegno nella partecipazione al dialogo educativo  Partecipazione alle attività complementari e integrative promosse dalla Scuola  Interesse e profitto IRC/attività alternativa  Valutazione pari o superiore a “discreto”  Partecipazione alle attività extrascolastiche (Credito formativo).NOTA – “M” rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Ai finidell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, nessunvoto può essere inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con lattribuzione di ununico voto secondo lordinamento vigente. Sempre ai fini dell’ammissione alla classe successiva e dell’ammissioneall’esame conclusivo del secondo ciclo di istruzione, il voto di comportamento non può essere inferiore a sei decimi. Ilvoto di comportamento, concorre, nello stesso modo dei voti relativi a ciascuna disciplina o gruppo di disciplinevalutate con l’attribuzione di un unico voto secondo l’ordinamento vigente, alla determinazione della media M dei voticonseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Per la terza classe degli istituti professionali M èrappresentato dal voto conseguito agli esami di qualifica, espresso in decimi (ad esempio al voto di esami di qualificadi 65/centesimi corrisponde M = 6,5).Si attribuisce il punteggio minimo nella banda di oscillazione, all’alunno che è stato ammesso alla classe successiva oall’esame di stato con “voto di consiglio” (difformità tra il voto proposto dal docente e il voto ottenuto) o che è statopromosso con debito.Il consiglio di classe, ai sensi del DPR 323 art 11 comma 4, nello scrutinio finale dell’ultimo anno, può motivatamenteintegrare il punteggio complessivo conseguito dall’alunno in considerazione del particolare impegno e merito 70
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13scolastico dimostrati nel recupero di situazioni di svantaggio presentatesi negli anni precedenti in relazione asituazioni familiari o personali dell’alunno stesso, che hanno determinato un minor rendimento.VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTILo scopo della valutazione del comportamento non è la volontà di sanzionare, ma quella di educare e facilitare unprocesso di consapevolezza e recupero di un eventuale disagio.Pertanto il comportamento sarà osservato in itinere e la sua valutazione nascerà dall’osservazione dei cambiamenti edella crescita globale dello studente, tenuto anche conto del fatto che la scuola, insieme alle altre agenzie educative,mette in atto le strategie possibili per il recupero dei comportamenti disfunzionali.Alla luce del modello di cittadino di cui sopra, nella valutazione della CONDOTTA, cioè del COMPORTAMENTO deglistudenti, si considerano i seguenti due aspetti fondamentali:  il COMPORTAMENTO SOCIALE  il COMPORTAMENTO DI LAVORO. Del COMPORTAMENTO Del COMPORTAMENTO SOCIALE si valutano DI LAVORO si valutano il corretto rapporto con gli altri, cioè le caratteristiche e la qualità della relazione l’intensità e la costanza dell’IMPEGNO con il gruppo classe, con i docenti e con tutto il personale; l’intensità e la costanza dell’ATTENZIONE il corretto rapporto con l’ambiente; l’intensità e la costanza della RESPONSABILITA’ l’autocontrollo, cioè la capacità di dominare la propria emotività l’intensità e la costanza della PARTECIPAZIONE.Pertanto, tenuto conto dei CRITERI sopra esposti;in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 2 del D.L. n. 137 dell’1/09/2008, che, in relazione alla valutazione delcomportamento degli studenti, dichiara che la classificazione con voti decimali del comportamento concorre allavalutazione complessiva dello studente in sede di scrutinio intermedio e finale e, qualora essa sia insufficiente, cioèpari a 5/10, potrà determinare la non ammissione all’anno successivo di corso o agli esami di stato;considerato che il voto di condotta viene attribuito dal Consiglio di Classe in sede di scrutinio secondo la seguenteprocedura:  il docente che ha il maggior numero di ore propone il voto di condotta;  il Consiglio di Classe approva all’unanimità o a maggioranza tale voto;tenendo presenti gli indicatori per la valutazione del comportamento contenuti nella tabella del credito scolastico enella Circolare ministeriale 01/1971; 71
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13TABELLA DEGLI INDICATORI DEL COMPORTAMENTO  rispetto del regolamento d’Istituto;  correttezza e collaborazione con insegnanti e compagni;  annotazioni disciplinari, ammonizioni, allontanamenti dalla scuola;  frequenza;  puntualità;  interesse ed attenzione;  impegno nello studio;  responsabilità nel rispetto delle scadenze scolastiche e delle consegne;  partecipazione attiva alle lezioni;Tenendo presente la suddetta tabella l’Istituto ha elaborato la seguenteGRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTIComportamento PunteggioRispetto degli altri e delle Istituzioni; 10Ruolo propositivo all’interno della classe;Scrupoloso rispetto del regolamento scolastico;Nessun richiamo scritto e/o provvedimento disciplinare;Frequenza assidua;Interesse e partecipazione attiva alle lezioni;Regolare e accurato svolgimento dei compiti assegnati.Rispetto degli altri e delle Istituzioni; 98Ruolo positivo all’interno della classe;Rispetto del regolamento scolastico;Nessun richiamo scritto e/o provvedimento disciplinare;Frequenza regolare;Interesse e partecipazione al lavoro scolastico;Regolare svolgimento dei compiti assegnati.Rispetto formale e non pienamente consapevole degli altri e delle Istituzioni ; 7Ruolo non negativo all’interno della classe;Rispetto del regolamento scolastico;Presenza di richiami scritti per mancanze non gravi;Nessun provvedimento disciplinare;Frequenza abbastanza regolare;Interesse e partecipazione discontinui al lavoro scolastico;Irregolare svolgimento dei compiti assegnati.Difficoltà nel rispetto degli altri e delle Istituzioni; 6Ruolo talvolta negativo all’interno della classe;Difficoltà nel rispetto del regolamento scolastico;Presenza di richiami scritti e/o provvedimenti disciplinari per mancanze non particolarmentegravi;Frequenza irregolare;Interesse e partecipazione superficiali e discontinui al lavoro scolastico;Saltuario svolgimento dei compiti assegnati. 72
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Mancanza di rispetto degli altri e delle Istituzioni; 5Ruolo negativo all’interno della classe;Mancanza di rispetto del regolamento scolastico;Presenza di richiami scritti e/o provvedimenti disciplinari per mancanze anche gravi;Frequenza molto irregolare;Scarso interesse e partecipazione molto discontinua al lavoro scolastico;Mancato svolgimento dei compiti assegnati.Note:  I voti da 10 (dieci) a 6 (sei) concorrono alla determinazione della media del profitto scolastico.  Il voto 5 (cinque) comporta, in sede di scrutinio finale, la non ammissione alla classe successiva, pur a fronte di voti positivi nelle singole materie di studio.  Una sola sospensione inferiore a cinque giorni, se è seguita da una chiara dimostrazione di recupero comportamentale e tenuto conto delle circostanze della sospensione stessa, può ancora permettere l’accesso alla fascia del voto 7 (sette).  Più sospensioni o una sola sospensione superiore a cinque giorni escludono automaticamente dalla fascia del voto 7 (sette).VALUTAZIONE DEL P.O.F.Nel rispetto delle finalità e degli obiettivi dell’Istituto sopra descritti, il Collegio dei docenti ritiene che sia prioritario ilmiglioramento dei seguenti ambiti:  innalzamento del successo scolastico e lotta alla dispersione,  coinvolgimento delle famiglie,  orientamento e collegamenti con lUniversità, il mondo del lavoro e le Istituzioni sul territorio. 73
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Macroindicatori • Collegialità, partecipazione, integrazione, comunicazione, gestione spazi, gestione tempi. • Commissioni di lavoro presenti allinterno del Collegio dei docenti (Collegialità) • Efficienza dellUfficio Tecnico • Tempi di consegna di certificati e facilità di accesso ai documenti • Funzionamento della biblioteca • Attività del Consiglio dIstituto, Collegio dei Docenti e Consigli di classe • Criteri di stesura dellorario settimanale • Efficacia della comunicazione valutativa e didattica- disciplinare • Funzionalità dei laboratori • Funzionamento della palestra • Uso di sussidi didattici • Aggiornamento degli insegnanti Indicatori • Progetti finanziati e realizzati • Attività integrative svolte • Rispetto del regolamento dIstituto • Funzionamento del C.I.C • Partecipazione a manifestazioni culturali sul territorio • Partecipazione a gare a carattere nazionale riguardanti la Fisica, la Chimica e la Matematica • Organizzazione di attività sportive a carattere extracurricolare • Visite e viaggi distruzione • Organizzazione delle attività di recupero curricolare • Efficacia dell informazione sulle realtà occupazionali del territorio in relazione allindirizzo di studi • Contatti con il mondo del lavoro e con lUniversità, utilizzo delledificio scolastico • Numero di commissioni esistenti, frequenza e regolarità delle riunioni, produzione di materiale condiviso dal Collegio dei docenti; • Tempo intercorrente tra la richiesta dintervento e lintervento stesso, preparazione del lavoro del Consiglio dIstituto per quanto riguarda preventivi e piani dacquisto; • Presenza del personale agli sportelli, orario di apertura al pubblico, esistenza di unapposita modulistica, tempi di consegna dei certificati; • Orari di apertura della biblioteca, modalità di consegna dei testi (immediata o con prenotazione), presenza di testi di tutte le discipline, presenza di riviste, esistenza di abbonamenti, tempo intercorrente tra la richiesta e lacquisto dei testi; • Scansione temporale, programmazione delle riunioni, presenza di un preciso ordine del giorno, esistenza di un regolamento di funzionamento, pubblicazione degli atti, esecuzione delle decisioni; • Esistenza di un criterio didattico condiviso; • Comunicazioni scritte periodiche con valutazioni e frequenza degli alunni, comunicazioni scritte eccezionali, colloqui dei singoli docenti, colloqui generali, sportello famiglie; • Numero di ore di lezione effettive, presenza di materiale aggiornato, adeguatezza alle norme di sicurezza, proporzione strumenti - alunni, stato delle attrezzature, effettivo utilizzo delle attrezzature, Descrittori manutenzione; • Attrezzature presenti, adeguatezza alle norme di sicurezza, manutenzione, ore di utilizzo effettivo di (riferiti agli tutto limpianto, ore di utilizzo pomeridiano; • Presenza di sussidi, facilità di accesso per i docenti, piano di utilizzo nella programmazione; indicatori • Esistenza di piani di aggiornamento, presenza di corsi richiesti dai docenti e dal personale A.T.A., frequenza ai corsi dei docenti e del personale A.T.A.; sopraelencati) • Rapporto tra progetti finanziati e progetti realizzati; • Numero delle attività, coinvolgimento degli alunni, frequenza; • Conoscenza e condivisione del regolamento, aggiornamento periodico; • Attività svolte, ore di apertura dello sportello, numero di insegnanti e di esperti esterni che prestano la loro opera; • Partecipazione di scuola, di classe ed individuale; • Numero di alunni partecipanti; • Numero di gare, varietà delle discipline, percentuale di alunni coinvolti; • Corrispondenza delle visite e dei viaggi alla programmazione curricolare, classi coinvolte, numero di alunni coinvolti; • Frequenza di corsi nellanno, numero di corsi attivati, numero di ore pomeridiane dedicate al recupero, frequenza dei corsi da parte degli alunni; • Numero di attività programmate a tal fine, presenza di esperti esterni; • Esistenza di una "funzione strumentale", esistenza di convenzioni, attività di orientamento universitario; • Possibilità di utilizzare la struttura scolastica in orario pomeridiano (giorni ed orario di apertura). 74
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORGANIGRAMMAIl Dirigente Scolastico dellI.I.S “Alessandrini- Marino-Forti” è la prof.ssa Stefania Nardini.I Collaboratori del Preside sono: prof. Roberto Arduini (docente Vicario) e il prof. Candeloro Di Biagio (fiduciario sedeIPSIA).Il Dirigente Amministrativo è la dr.ssa Giulia Di Felice.La nostra struttura operativa si articola in sei livelli: 1. Il Consiglio di Istituto e la sua Giunta 2. Il Collegio dei Docenti 3. I Consigli di Classe 4. I Dipartimenti disciplinari 5. Le Commissioni di lavoro 6. I singoli insegnantiIl Consiglio di Istituto definisce gli indirizzi generali e cura gli aspetti amministrativo - contabili.Il Collegio dei Docenti stabilisce i criteri generali della programmazione educativa e didattica.I Consigli di Classe provvedono, in ogni singola classe, ad individuare gli obiettivi trasversali di tutte le discipline, adefinire metodi, strumenti e attività integrative e complementari, a coordinare le attività in modo da consentire unaequilibrata distribuzione dei compiti da svolgere e degli impegni scolastici.Ogni classe è coordinata da un docente che si occupa dellandamento didattico - disciplinare, mantiene i contatti conle famiglie, segnalando lo scarso profitto, le assenze ed i ritardi ripetuti, i comportamenti problematici degli alunni,coordina le attività integrative e presiede i Consigli di Classe su delega del Dirigente scolastico.I Dipartimenti disciplinari programmano le attività didattiche facendo riferimento agli ASSI CULTURALI ed alleCOMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA da acquisire al termine dell’istruzione obbligatoria ed alle conoscenze,competenze ed abilità da possedere alla fine dei percorsi di specializzazione. Essi individuano gli obiettivi trasversali edisciplinari, indicano, per ogni disciplina, le conoscenze, le capacità e le competenze minime indispensabili per lapromozione ed i relativi criteri di valutazione; pianificano luso dei sussidi didattici e dei laboratori; fissano i criteri perl’adozione dei libri di testo ed eventualmente propongono variazioni ai programmi e attivazione di sperimentazioni.Le Commissioni di lavoro analizzano bisogni e risorse, approfondiscono la conoscenza delle innovazioni normative eformulano proposte operative per la loro traduzione in concreta prassi scolastica, operano per la realizzazione diparticolari progetti o iniziative. 75
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORGANIGRAMMA ed INCARICHI A.S. 2011-2012DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Stefania Nardini COLLABORATORI DEL Collaboratore Vicario Prof. Roberto Arduini DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore fiduciario IPSIA Prof. Candeloro Di BiagioResponsabile Istituto Forti Prof. Carlo QuartapelleFUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVAFUNZIONE DOCENTE/I INCARICATO/IOrientamento e continuità in entrata ITIS Prof.ssa Sonia BruniOrientamento in uscita Prof. Marcello FarinelliOrientamento e continuità in entrata e in uscita IPSIA Prof. Ludovico Di PietroOrientamento e continuità in entrata e in uscita ITG Prof. Ennio PirocchiPrevenzione del disagio scolastico, della dispersione ed Prof. Nicola Olivierieducazione alla legalitàSostegno al lavoro dei docenti IIS Prof. Luca Di CarloSostegno al lavoro dei docenti ITG Prof. Sandro Di Aldobrando Prof. Mariano CifoneSostegno al lavoro dei docenti IPSIA Prof. Roberto TulljGestione del Piano dellOfferta Formativa P.O.F. e Prof.ssa Paola Angelonimonitoraggio Prof.ssa Adriana PisciellaCOORDINATORI DEI DIPARTIMENTI [DIP. COMUNI ITIS-ITG-IPSIA]Lettere Biennio Prof.ssa Patrizia Di SabatinoLettere Triennio Prof.ssa Angela FortiLingua Inglese e Francese Prof.ssa Maria SpinozziReligione e Diritto Prof.ssa Gabriella CarliniScienze e Fisica Prof. Nicola OlivieriChimica Prof. Pasquale PilottiMatematica (compreso applicata) Prof.ssa Gaetana Zizi 76
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Ed. Fisica Prof.ssa Maria Grazia Del ZoppoSostegno Prof.ssa Valentina NardiCOORDINATORI DEI DIPARTIMENTI ITISMeccanica Prof. Carlo Di FilippoElettronica Prof. Roberto ConteElettrotecnica Prof. Marcello FarinelliInformatica Prof.ssa Adriana PisciellaCOORDINATORI DEI DIPARTIMENTI ITGProgettazione, costruzioni e impianti Prof. Filippo PomponiTecnologia delle costruzioniTopografia, Geopedologia, economia ed estimo Prof. Sandro Di AltobrandoCOORDINATORI DEI DIPARTIMENTI IPSIAMeccanica Prof. Luciano RocciElettronica Prof. Paolo SciarraElettrotecnica Prof. Ludovico Di PietroOdontotecnicoCOMMISSIONE RICERCA INNOVAZIONE E PROGETTAZIONEProf.ri Mauro De Berardis – referente - , Almerindo Capuani, Paola Angeloni, Candeloro Di Biagio, LoretoGiovannucci, Francesco Di Sabatino, Iole MarinaTosi , Giacomo Bocci, Roberto Arduini, Roberto Tullj, Sorgi,Pallotti,Chicchi , Roberto ConteCommissione POFProf. Roberto ArduiniProf. Francesco Di SabatinoProf.ssa Costantina EbanoProf.ssa Angela GhiraldiniProf.ssa Rosaria GiannandrèProf. Angela FortiProf. Roberto ConteProf. Pasquale PilottiProf. Nicola OlivieriProf. Salvatore Del SordoProf. Cifone Mariano 77
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Commissione orientamento ITISProff.ri: Arduini, Angeloni, Acciaio, Di Gabriele, Marsico, Farinelli, Di Sabatino Patrizia, Roscioli, Di Vincenzo G.Commissione orientamento IPSIAProff.ri: Di Biagio, Bocci, Bosica,Iannacci, Chiucchi, Di Pietro, Ebano, Giovannucci, Rocci,TulljCommissione orientamento ITGProff.ri: Forti, Di Nicola, Cicconi, Di Altobrando, Cifone, PirocchiAltri incarichiObbligo scolastico e formativo [Osservatorio scolastico provinciale] Prof.ssaSonia BruniReferente corso Sirio Prof. Roberto ArduiniResponsabile e Coordinatore sito Web Prof. Francesco Di SabatinoIIS”Alessandrini-Marino-Forti”Informatizzazione Scrutini, Esami di Stato e Registro Elettronico Prof. Di Carlo Luca Prof. Tullj RobertoSupporto informatico e manutenzione personal computer ITIS Prof. Roberto ConteSupporto informatico e manutenzione personal computer IPSIA Prof. Loreto GiovannucciSupporto informatico e manutenzione personal computer ITG Prof. Giovanni ValentiniGruppo sportivo Prof.ssa Maria Grazia Del Zoppo Prof.ssa Giuseppina Falà Prof. Di Nicola Roberto Prof. De DominicisOrario scolastico ITIS Prof. Luca Di Carlo Prof. Roberto ConteOrario scolastico IPSIA Prof. Roberto TulljOrario scolastico ITG Prof. Valentini GiovanniFormazione classi Prof.ssaSonia Bruni Prof.ssaIole Marina TosiCoordinamento certificazione linguistica Prof.ssaGabriella BassiReferente certificazione linguistica ITG Prof.ssa Calore DanilaReferente patentino ITIS-IPSIA-ITG Prof. Roberto ConteReferente scuola a domicilio ITIS-IPSIA-ITG Prof.ssaPaola Angeloni 78
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Altri incarichiReferente dei coordinatori di dipartimento ITIS-IPSIA-ITG Prof. Pasquale PilottiResponsabili Ufficio TecnicoITIS : Prof. Domenico Faragalli IPSIA : Prof. Salvatore Del SordoCommissione Dismissione MaterialiProf.ri Domenico Faragalli, Salvatore Del SordoResponsabile Progetto CEAProf. Ennio PirocchiCommissione ComeniusProf.ri Loreto Giovannucci - referente -, Nicola Olivieri, Raffaella De Matteis, Roberto Conte, Di Gaspare, DiVincenzo Giorgia, Gambacorta, Di Claudio Denia, Vetuschi MaurizioTurismo scolasticoITIS: Prof.ri Domenico Faragalli, Mario Di DonatoIPSIA: Prof. Salvatore Del SordoITG: Prof.ri Cifone Mariano, Volpini Achille, CardiscianiRESPONSABILI DEI LABORATORI ITISFisica N. 1 Prof. Carlo RicciardiChimica Biennio N. 2 Prof. Antonella Di FeliceInformatica – matematica - N. 3 Prof. Dionigi MarsicoTecn. meccanica – macchine utensili N. 4 Prof. Alessandro BernardiSistemi e autom. ind. Mecc. e macch. N. 5 Prof. Carlo Di FilippoDisegno – Organizzazione N. 6 Prof. Luca Di CarloElettrotecnica N. 7 Prof. Marcello FarinelliSistemi elettrici N. 8 Prof. Riccardo Di GabrieleTDP elettrotecnica – TDP elettrotecnica N. 9 Prof. Filippo Di ValentinoChimica Triennio N. 10 Prof. Paolo De BerardisElettronica N. 11 Prof. Giuseppe Marozzi 79
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Sistemi elettronici N. 13 Prof. Roberto ConteAula multimediale N. 14 Prof. Settimio AcciaioPalestra N. 15 Prof.ssa Maria Grazia Del ZoppoRESPONSABILI DEI LABORATORI IPSIAAula Multimediale N. 1 Prof. Salvatore Del SordoAula Multimediale N. 2 Prof. Loreto GiovannucciLaboratorio di Pneumatica N. 3 Prof. Luciano RocciLaboratorio Tecnologico N. 4 Prof. Giacomo BocciLaboratorio Officina Elettrica N. 6 Prof. Carmine BosicaLaboratorio Off. Elettromeccanica N. 8 Prof. Candeloro Di BiagioLaboratorio Misure elettroniche N. 10 Prof. Paolo SciarraAula PLC N. 11 Prof. Ludovico Di PietroLaboratorio elettronica N. 13 Prof. Fernando RapagnàLaboratorio Macchine utensili N. 14 Prof. Luigi Di SabatinoAttività ginnico sportive N. 15 Prof.ssa Natalia De FabritiisLaboratorio di Odontotecnica N.9RESPONSABILI DEI LABORATORI ITGFisica Prof. SorgiChimica Prof. CifoneInformatica Prof. MacinatiTopografia Prof. PomponiCostruzione Prof. CollevecchioCoordinatori di classe ITIS1a A Prof. Nicola Olivieri1a B Prof. Pasquale Pilotti1a C Prof.ssa Mastracci Annamaria1a D Prof.ssa Denia Di Claudio1a E Prof. Settimio Acciaio1a F Prof.ssa Fabiola Di Gaspare2a A Prof.ssa Paola Angeloni 80
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Coordinatori di classe ITIS2a B Prof. Nicola Olivieri2a C Prof.ssa Gaetana Zizi2a D Prof.ssa Maria Letizia Fatigati2a E Prof.ssa Mastracci Annamaria3a A ch. Prof.ssa Rosaria Giannandrè4a A ch. Prof. Paola Angeloni5a A ch. Prof. Paolo De Berardis3a AE Prof. Marcello Farinelli4a AE. Prof. Riccardo Di Gabriele5a AE Prof. Marcello Farinelli4a AT Prof. Franco D’Amico5a AT Prof.ssa Gaetana Zizi3a AM Prof. Carlo Di Filippo4a AM Prof.ssa Maria Letizia Fatigati5a AM Prof. Luca Di Carlo3a BM Prof. Luca Di Carlo3a AI Prof. Mauro De Berardis3a BI Prof. Franco Roscioli4a AI Prof.ssa Sonia Bruni4a BI Prof.ssa Sonia Bruni5a AI Prof.ssa Adriana Pisciella5a BI Prof.ssa Iole Tosi4a SIRIO Prof. Roberto ArduiniCoordinatori di classe IPSIA1a A Prof. Danilo Pelusi1a B Prof.ssa Stefania Fiore1a C Prof.ssa Costantina Ebano1a D Prof. Roberto Tullj2a A Prof. Riccardo Chiucchi 81
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Coordinatori di classe IPSIA2a B Prof. Nadia Dall’Agata2a C Prof.ssa Stefania Fiore3a A Prof. Giacomo Bocci3a B Prof. Candeloro Di Biagio3a C Prof.ssa Costantina Ebano4a A Prof. Luigi Di Sabatino4a B Prof. Candeloro Di Biagio4a C Prof. Paolo Sciarra4a D Prof. Ludovico Di Pietro5a A Prof. Luciano Rocci5a B Prof. Loreto Giovannucci5a C Prof. Roberto Tullj5a D Prof. Di Pietro LudovicoCoordinatori di classe ITG1a A Prof. Quartapelle1a B Prof.ssa Iagnemma1a C Prof. Cifone2a A Prof.ssa Tancredi2a B Prof. Tedeschini2a C Prof. Cifone3a A Prof. Pirocchi3a B Prof.ssa Patriarca3a C Prof.ssa Pallotti4a A Prof.ssa Cardisciani4a B Prof.ssa Forti4a C Prof.ssa Merighi5a A Prof. Di Aldobrando5a B Prof. Ceci5a C Prof. Cicconi 82
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135a D Prof. VolpiniTUTORS III AREA E ALTERNANZA SCUOLA LAVORO IPSIA4a A Prof. Luigi Di Sabatino4a B Prof. Candeloro Di Biagio4a C Prof. Giovanni Pecoraro5a A Prof. Luciano Rocci5a B Prof. Loreto Giovannucci5a C Prof. Antonio Chiodi5a D Prof. Ludovico Di PietroTUTORS ALTERNANZA SCUOLA LAVORO CLASSI IIIPSIA3a A Prof. Giacomo Bocci3a B Prof. Carmine Bosica3a C Prof. Fernando D’AgostinoCOMITATO DI VALUTAZIONEProf.ssa Carlini Gabriella, Prof.ssa Micaletti Ortensia, Prof. Sorgi, Prof.ssa Ebano CostantinaI membri supplenti: Prof.Di Biagio, Prof. Tullj RobertoCOMMISSIONE ELETTORALEDocenti: Prof. D’Amico, prof. Pecoraro 83
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Il Piano per l’0fferta Formativa è stato approvato:  dal Consiglio dIstituto per quanto riguarda le linee dindirizzo del Piano dellofferta formativa e per la parte organizzativa e finanziaria;  dal Collegio dei Docenti per la parte formativo - didattica, con delibera del 29/10/2012Teramo, Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Stefania Nardini 84
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ALLEGATIPATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’stipulato fraL’ Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo, lo studente_______ della classe _____ e il genitore________Visto il D.M. n° 5843/A3 del 16/10/2006 “ Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità”Visti i D.P.R. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse edegli studenti della scuola secondaria”Visto il D.M. n. 16 del 5/2/2007 “ Linee di indirizzo generali e di azioni a livello nazionale per la prevenzione delbullismo”Visto il D.M. n. 30 del 15/3/2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altridispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, doveri di vigilanza e dicorresponsabilità dei genitori e dei docenti”LA SCUOLA SI IMPEGNA A:garantire un Piano dell’Offerta Formativa basato su iniziative e progetti volti a promuovere:il successo dello studentela sua valorizzazionela sua preparazione culturale e la sua realizzazione umanacreare un clima sereno in cui stimolare il dialogo e la discussione per:favorire l’integrazionefavorire l’accoglienzafavorire il rispetto di sé, dell’altro e delle cosepromuovere i comportamenti solidali e civilisostenere e potenziare le eccellenze sia nell’ordinaria attività curricolare che attraverso iniziative extracurricolarirealizzare i curricoli disciplinari e le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche indicate nel Piano dell’OffertaFormativa, tutelando il diritto ad apprendere anche degli studenti in situazione di svantaggiofavorire il successo scolastico anche attraverso le attività di recupero delle insufficienze fissate dagli organi o richiestedagli studenti ( sportello didattico ), compatibilmente con le risorse economiche a disposizione dall’Istitutofavorire, anche attraverso attività progettuali integrative (incontri culturali, uscite didattiche…), la maturazione deicomportamenti e dei valori, combattendo ogni forma di pregiudizio ed emarginazionesostenere un rapporto di relazione aperto al dialogo e alla collaborazione, presentando e spiegando alla classe i pianidi lavoro delle singole discipline, evidenziando i contenuti, gli obiettivi e i criteri di valutazioneprocedere periodicamente alle attività di verifica e di valutazione con trasparenza, motivando i risultati, comunicandole valutazioni delle prove agli studenti e promovendo la capacità di autovalutazionesupportare l’alunno nelle scelte scolastiche e professionali per l’attuazione del proprio progetto di vita (orientamentoin itinere ed orientamento in uscita) anche attraverso iniziative di relazione con il mondo del lavoro 85
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13rispettare la riservatezza in relazione ai problemi degli studenti e delle famigliefornire sostegno psicopedagogico e promuovere l’educazione a stili di vita corretti anche tramite l’intervento diesperti esternimigliorare costantemente la strumentazione tecnologica dei laboratorifavorire la partecipazione delle famiglie alla vita scolastica, mettendo a disposizione aule e strumentazioni necessarierecepire dalle famiglie le istanze volte al miglioramento del servizio scolasticocomunicare alle famiglie tutte le notizie relative alla crescita didattica ed educativa dello studente, in particolare lesituazioni disciplinarmente rilevanti e/o ricorrenti, che possono costituire un ostacolo al processo educativo e diapprendimentoLO STUDENTE SI IMPEGNA A:conoscere il Piano dell’Offerta Formativa per:condividere le scelte della scuoladiscuterne con la famigliaassumerne la responsabilitàcollaborare all’attuazionetenere un comportamento corretto e civile per:rispettare le persone, le attività, gli oggetti presenti nella scuolafavorire l’integrazione e l’accoglienzafavorire la solidarietàessere puntuale alle lezioni e frequentarle con regolaritàsvolgere il lavoro richiesto a scuola e a casa con cura ed impegno costanti, rispettando le scadenze fissate per leverifichenon usare mai in classe il cellularelasciare l’aula solo se autorizzato dal docentechiedere di uscire dall’aula solo in caso di necessità ed uno per voltaintervenire durante le lezioni in modo adeguato e pertinenteutilizzare correttamente strutture, macchinari e sussidi didatticicondividere la responsabilità di rendere accogliente l’ambiente scolastico e averne cura come importante fattore diqualità della vita della scuolainformare la famiglia di quanto avviene nella vita scolastica, anche consegnando le comunicazioni che l’Istituto inviaalle famiglieosservare, con senso di responsabilità, le disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti e dallenorme di sicurezza che vengono forniti dall’Istitutoprendere atto e condividere le finalità dei provvedimenti disciplinari, che tendono al rafforzamento del senso diresponsabilità ed al ripristino dei rapporti corretti all’interno della comunità scolasticaLA FAMIGLIA SI IMPEGNA A:prendere visione del Piano dell’Offerta Formativa per:condividere le scelte della scuoladiscuterne con il proprio figlioassumerne la responsabilitàcondividere con gli insegnanti le linee comuni per: 86
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13non creare conflitticonsentire alla scuola di operare con continuità e tranquillitàinformarsi costantemente dell’andamento didattico ed educativo del proprio figlio per:seguirne la crescita umana e culturalecollaborare con la scuolapartecipare ai Consigli di classe, alle assemblee ed ai colloqui, per affrontare problematiche specifiche relative adaspetti comportamentali e di apprendimento dello studentegiustificare assenze e ritardi nei tempi e nei modi previsti dal regolamento d’Istitutolimitare al massimo gli ingressi posticipati e le uscite anticipate degli allievi dall’Istituto, rispettando quanto previstodal regolamento d’Istitutoconoscere tutte le iniziative messe in atto dalla scuola attraverso la lettura delle comunicazioni, le circolari o anchevisitando il sito dell’Istituto ( www.itisteramo.it )collaborare con l’istituzione scolastica affinché l’alunno rispetti le regole e partecipi responsabilmente alla vita dellaclasse e della scuolaprendere visione delle comunicazioni e delle ammonizioni provenienti dalla scuolastimolare nei figli una riflessione sul loro comportamentocollaborare nell’azione educativa anche nel caso di provvedimenti disciplinarifarsi carico insieme ai figli di eventuali risarcimenti per danni provocati da comportamenti non correttiTeramo, li……………….IL DIRIGENTE SCOLASTICO IL GENITORE LO STUDENTE 87
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13REGOLAMENTO DI DISCIPLINADOVERI MANCANZE DISCIPLINARI INTERVENTO - SANZIONE ORGANI COMPETENTICORRETTA Mancanza di materiale didattico, di Richiamo verbale;PARTECIPAZIONE abbigliamento idoneo per laboratori ed Annotazione sul diario e/oALLE ATTIVITA’ educazione fisica; convocazione dei genitori;DIDATTICHE Mancanza o incuria del libretto Annotazione sul registro di Insegnante; personale; classe; Esecuzione di compiti di altre materie; Assegnazione di compiti Ritardi nella presentazione della supplementari; giustificazione; Ritardi al rientro dellintervallo o ai cambi di ora Ammonizione. Dirigente Disattenzione e disturbo durante le ore scolastico; di lezione; Mancato rispetto delle norme comportamentali e di buona educazione; Comportamento scorretto durante le assemblee e le attività le attività pomeridiane ed extracurriculari; Disturbo nei corridoi durante le ore di lezione.COMPORTAMENTI Allontanamento arbitrario dall’aula o Ammonizione; DirigenteGRAVI dall’Istituto. scolastico; 3 ritardi superiori ai 10 minuti in un mese Sospensione con possibilità di Consiglio di Allontanamento dal piano durante la conversione in un lavoro classe. ricreazione socialmente utile; Uso di un “linguaggio” offensivo e Sospensione (fino a cinque lesivo della dignità degli altri e delle giorni) con possibilità di Consiglio di Istituzioni attraverso qualsiasi forma di conversione in un lavoro classe. comunicazione: verbale, gestuale, ma socialmente utile;RISPETTARE LE anche attraverso l’utilizzo di nuovePERSONE, LE NORME tecnologie (immagini, telefoni cellulari,E LE LEGGI ANCHE ecc.);DURANTE LE USCITE Comportamenti non rispettosi neiDIDATTICHE confronti di persone o cose e mancata osservanza delle indicazioni e prescrizioni degli accompagnatori durante le visite guidate, gite d’istruzione, ecc.; Colluttazioni, risse; Ammonizione; Dirigente Atti di violenza nei confronti di terzi. scolastico; Sospensione (fino a quindici Consiglio di giorni) con possibilità di classe. conversione in un lavoro socialmente utile; Prevaricazioni / Intimidazioni; Sospensione (fino a quindici Consiglio di Qualsiasi forma di bullismo. giorni) con possibilità di classe. conversione in un lavoro socialmente utile. 88
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Furti Sospensione (fino a quindici Consiglio di giorni) con possibilità di classe. conversione in un lavoro socialmente utile, risarcimento ed eventuale segnalazione allaRISPETTARE LE pubblica sicurezza.PERSONE, LE NORME Danneggiamento di materiale esposto Ammonizione e risarcimento. DirigenteE LE LEGGI che sia espressione di attività scolastico.ANCHE DURANTE LE scolastiche, attività extrascolastiche oUSCITE DIDATTICHE libero pensiero. Uso dei cellulari, iPod e similari; Ritiro dell’oggetto; Insegnante; Possesso di oggetti potenzialmente Annotazione sul registro di pericolosi o inadeguati al contesto classe; scolastico. Convocazione dei genitori. Ammonizione / Convocazione dei Dirigente genitori. scolastico. Violazione del divieto di fumare nei Sanzioni amministrative vigenti; Dirigente locali della scuola Ammonizione; scolastico; Segnalazione alle autorità competenti; Danni a strutture architettoniche, Sospensione (fino a quindici Consiglio di arredi, attrezzature, strumentazione ed giorni) con possibilità di classe. atti ufficiali; conversione in un lavoroRISPETTARE Violazione delle norme di sicurezza in socialmente utile, risarcimentoSTRUTTURE E SPAZI tutti i locali dell’Istituto; ed eventuale segnalazione allaDI LAVORO Atti che mettono in pericolo pubblica sicurezza; l’incolumità propria ed altrui. Risarcimento singolo o collettivo. Dirigente scolastico Aule, laboratori e spazi lasciati in Annotazione sul registro di classe Insegnante; condizioni tali da pregiudicarne e obbligo di pulizia e riordino Dirigente l’utilizzo. tempestivo. scolastico.I reati di particole gravità richiedono l’intervento del Consiglio d’Istituto e possono prevedere Consigliol’allontanamento dalla comunità scolastica per una durata commisurata alla gravità del reato o d’Istitutodefinitiva e segnalazione alle forze di pubblica sicurezza.NOTA: L’ammonizione viene comunicata alla famiglia dal coordinatore di classeORGANO DI GARANZIAContro la sanzione disciplinare lo studente o chi ne ha interesse, entro 15 giorni dalla comunicazione della irrogazione,può ricorrere ad un apposito Organo di garanzia che dovrà esprimersi nei successivi 10 giorni.Tale ricorso va presentato dallo studente e/o dai genitori, in forma scritta, e opportunamente integrato da tutti glielementi utili al Dirigente Scolastico. 89
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13LOrgano di garanzia è formato dal Dirigente Scolastico che lo presiede, da un docente designato dal ConsigliodIstituto, da un rappresentante eletto dagli studenti e da un rappresentante eletto dai genitori.Le deliberazioni dellOrgano di garanzia sono valide se adottate:in prima convocazione dalla totalità dei membriin seconda convocazione dai membri effettivamente presenti.LOrgano di garanzia interviene su richiesta degli studenti o di chiunque ne abbia interesse, anche sui conflitti chesorgano allinterno della scuola in merito allapplicazione del Regolamento.ESTRATTO DAL REGOLAMENTO D’ISTITUTODIRITTI E DOVERI DELLE STUDENTESSE E DEGLI STUDENTIArt. 22DIRITTIGli studenti hanno diritto a disporre di un servizio di qualità, sia nel campo delle infrastrutture scolastiche (es:strumentazioni tecnologiche, laboratori), sia nel campo educativo-didattico (es: offerte formative integrative edaggiuntive, iniziative per il recupero di situazioni di ritardo e svantaggio ), sia nella sfera del benessere psico-fisico (es:salubrità degli ambienti, assistenza psicologica);Gli studenti hanno diritto (sia come singoli sia in forma associata ) a una partecipazione attiva e responsabile alla vitadella scuola nei diversi livelli (classe, corso, istituto) nelle modalità previste dalla legge;Gli studenti possono chiedere di esprimere la loro opinione in materia di programmazione e definizione degli obiettivididattici, organizzazione della vita scolastica, criteri di valutazione, scelta dei libri e del materiale didattico;Gli studenti esercitano autonomamente il diritto di scelta tra le attività curriculari alternative e tra le attivitàfacoltative offerte dalla scuola;Tutti gli studenti hanno diritto al rispetto della vita culturale e religiosa della comunità alla quale appartengono;Per le opzioni a disposizione di quanti non si avvalgono dell’insegnamento della religione cattolica si fa riferimento allacircolare ministeriale 122 del 9 maggio 1991;E’ consentita l’uscita degli allievi dall’aula nel corso della mattinata, non più di uno alla volta e, comunque, di norma,solo per gravi necessità e non durante la prima ora di lezione;La scuola permette l’entrata o l’uscita fuori orario solo in caso di comprovata necessità ed in presenza di una espressarichiesta dei genitori;Il libretto delle giustificazioni è strumento indispensabile di comunicazione con le famiglie. Per gli alunni minorenni illibretto sarà consegnato alle famiglie all’inizio dell’anno scolastico;Le comunicazioni tra scuola e famiglia avvengono per mezzo del libretto delle giustificazioni, inoltro di fotocopie,circolari, telefonicamente, a mezzo di posta ordinaria e elettronica, SMS;La scuola si impegna a comunicare alle famiglie le modalità e l’orario di ricevimento dei docenti e dei coordinatori diclasse per l’intero anno scolastico. Al di fuori di tali orari, in caso di necessità ed urgenza, le famiglie potrannoincontrare i docenti solo tramite accordi preventivi.Per aiutare gli alunni in difficoltà, la scuola prevede l’istituzione gratuita di corsi di recupero e potenziamento. E’obbligatoria la presenza a queste attività di supporto. La famiglia verrà informata per iscritto sui tempi e le modalitàdei corsi;All’inizio dell’anno scolastico gli studenti di ogni classe eleggono due rappresentanti i quali parteciperanno agli incontricon i docenti e i rappresentanti dei genitori. Il consiglio di classe potrà essere convocato, con avviso di almeno cinquegiorni, anche su richiesta di una sola componente;Ogni anno gli studenti eleggono quattro rappresentati al Consiglio di Istituto ed un rappresentante alla ConsultaProvinciale; 90
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Il diritto di assemblea degli studenti in orario scolastico, da ottobre ad aprile è così regolato:Le assemblee di classe (una ogni mese) sono convocate previa presentazione per iscritto con almeno 5 giorni dianticipo, dell’ordine del giorno alla dirigenza scolastica e previo assenso dei docenti delle discipline interessate;Le assemblee d’istituto (una ogni mese) vengono convocate con la presentazione al dirigente scolastico della richiestadi convocazione firmata dai rappresentanti degli studenti al consiglio di istituto. Tale richiesta va fatta con non menodi 5 giorni di anticipo e ne viene data comunicazione a tutte le classi;Per tutta la durata delle assemblee studentesche autorizzate sarà sospesa la normale attività didattica e sarannopresenti a scuola i docenti titolari delle ore di insegnamento utilizzate;Per le attività parascolastiche, culturali, politiche, sportive e ricreative, che il consiglio d’istituto abbia approvato, glistudenti possono disporre dei locali e delle attrezzature della scuola, fuori dall’orario delle lezioni, secondo preventivoaccordo con il dirigente scolastico.La attività parascolastiche, interscolastiche ed extrascolastiche possono essere proposte anche dagli studenti. Tutte leiniziative vanno corredate da un apposito progetto che ne specifichi finalità ed obiettivi, modalità di attuazione edeventuali oneri finanziari. Esse vengono esaminate per l’eventuale approvazione dal consiglio d’istituto.Ogni alunno e ogni gruppo di alunni può esprimere i propri orientamenti e rendere pubbliche le proprie iniziativeattraverso manifesti datati e firmati affissi negli spazi a ciò destinati. I manifesti potranno essere rimossi dopo 15giorni, al fine di permettere la più ampia utilizzazione degli spazi disponibili da parte di tutti gli studenti.DOVERIGli alunni sono tenuti ad avere nei confronti del Dirigente Scolastico, di tutto il personale e dei compagni, lo stessorispetto, anche formale, consono ad una convivenza civile.Gli alunni sono tenuti a frequentare regolarmente le lezioni, a favorirne lo svolgimento e ad assolvere assiduamenteagli impegni di studio. La presenza a scuola è obbligatoria anche per tutte le attività organizzate e programmate intempo utile dal consiglio di classe. Gli alunni maggiorenni hanno diritto alla autogiustificazione delle assenze; i minoridevono presentare la giustificazione firmata da uno dei genitori o da chi ne fa le veci.Le assenze ed i ritardi devono essere giustificate dai genitori tramite lapposito libretto e devono essere presentate alrientro in classe, allinizio della prima ora di lezione allinsegnante che provvederà a controfirmare e a prendere notasul registro. Se lassenza dovuta a malattia supera i cinque giorni occorre presentare una certificazione medica.Lalunno che non giustifichi la sua assenza entro 3 giorni, se minore, dovrà essere accompagnato da uno dei genitori eda chi ne fa le veci; se maggiorenne dovrà giustificare direttamente al Dirigente Scolastico. In caso di ripetute assenze,su segnalazione dei docenti della classe, potranno essere inviate tempestive comunicazioni scritte alle famiglie anchedegli alunni maggiorenni.Non è consentito agli alunni di allontanarsi arbitrariamente dall’edificio scolastico per tutta la durata delle lezioni.In caso di astensione collettiva delle lezioni, gli alunni devono presentare regolare giustificazione, fatte salve lecompetenze del Dirigente Scolastico e degli organi collegiali previste dalla vigente normativa in materia.Al cambio di insegnante, negli spostamenti da unaula allaltra, allingresso e alluscita gli alunni devono tenere uncomportamento corretto ed educato. Non è permesso correre, uscire dalla classe senza autorizzazione, gridare neicorridoi e nelle aule, ecc...Gli alunni possono recarsi nella sala insegnanti, in biblioteca, in palestra, nei laboratori solo con lautorizzazione esotto il controllo di un insegnante che se ne assuma la responsabilità.Durante lintervallo sia nella scuola che nel cortile sono da evitare tutte le attività che possono diventare pericolosi (ades. spingersi, salire e scendere le scale, ecc...): gli alunni dovranno seguire le indicazioni degli insegnanti e deicollaboratori scolastici.I servizi vanno utilizzati in modo corretto e devono essere rispettate le più elementari norme di igiene e pulizia.Saranno puniti con severità tutti gli episodi di violenza che dovessero verificarsi tra gli alunni sia allinterno della scuolache fuori. Tutti devono poter frequentare la scuola con serenità senza dover subire le prepotenze di altri.Nelle aule e nel cortile ci sono appositi contenitori per la raccolta dei rifiuti: è necessario utilizzarli correttamente. 91
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Gli alunni sono tenuti a rispettare il lavoro e a seguire le indicazioni dei collaboratori scolastici che assicurano, con idocenti, il buon funzionamento della scuola ed in alcuni momenti possono essere incaricati della sorveglianza di unaclasse o di un gruppo di alunni; durante le ore di lezione sorvegliano corridoi e servizi.Gli alunni che, per motivi di salute, non potranno seguire le lezioni di Ed. Fisica dovranno presentare al DirigenteScolastico la domanda di esonero firmata dal genitore unita a certificato del medico su modulo A.S.L. Per la praticadellattività sportiva integrativa, per la partecipazione ai Giochi della Gioventù e per liscrizione ai corsi di nuoto, dovràessere presentato il certificato medico di idoneità alla pratica sportiva specifica.Gli alunni sono tenuti a portare a scuola solo loccorrente per i compiti e le lezioni. Non è consigliabile portare sommedi denaro e oggetti di valore. La scuola, in ogni caso, non risponde comunque di eventuali furti.Ogni studente è responsabile dellintegrità degli arredi e del materiale didattico che la scuola gli affida: coloro cheprovocheranno guasti al materiale e o alle suppellettili della scuola o della Provincia, proprietario dellimmobile,saranno invitati a risarcire i danni. Qualora lautore rimanga ignoto sarà tutta la classe o tutti gli alunni chiamati insolido al risarcimento.16.É fatto divieto agli alunni invitare estranei ed intrattenersi con loro nella scuola.17.E vietato lutilizzo del cellulare durante le ore di lezione. Il D.S. potrà prevedere le misure organizzative più idoneeatte a prevenire, durante lattività didattica, luso scorretto del telefonino.Durante tutte le attività curriculari ed extracurriculari che si tengono al di fuori dell’edificio scolastico (visite guidate,gite d’istruzione, stage, partecipazione a conferenze, spettacoli, ecc. ) gli alunni sono tenuti ad osservare uncomportamento corretto e al rispetto delle cose e delle persone e a seguire scrupolosamente le indicazione e leprescrizioni degli accompagnatori. 92
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13DAL DM N.139 DEL 2007GLI ASSI CULTURALIL’ASSE DEI LINGUAGGIL’asse dei linguaggi ha l’obiettivo di fare acquisire allo studente la padronanza della lingua italiana comericezione e come produzione, scritta e orale; la conoscenza di almeno una lingua straniera; la conoscenza ela fruizione consapevole di molteplici forme espressive non verbali; un adeguato utilizzo delle tecnologiedell’informazione e della comunicazione.La padronanza della lingua italiana è premessa indispensabile all’esercizio consapevole e critico di ogniforma di comunicazione; è comune a tutti i contesti di apprendimento ed è obiettivo delle disciplineafferenti ai quattro assi. Il possesso sicuro della lingua italiana è indispensabile per esprimersi, percomprendere e avere relazioni con gli altri, per far crescere la consapevolezza di sé e della realtà, perinteragire adeguatamente in una pluralità di situazioni comunicative e per esercitare pienamente lacittadinanza.Le competenze comunicative in una lingua straniera facilitano, in contesti multiculturali, la mediazione e lacomprensione delle altre culture; favoriscono la mobilità e le opportunità di studio e di lavoro.Le conoscenze fondamentali delle diverse forme di espressione e del patrimonio artistico e letterariosollecitano e promuovono l’attitudine al pensiero riflessivo e creativo, la sensibilità alla tutela e allaconservazione dei beni culturali e la coscienza del loro valore.La competenza digitale arricchisce le possibilità di accesso ai saperi, consente la realizzazione di percorsiindividuali di apprendimento, la comunicazione interattiva e la personale espressione creativa.L’integrazione tra i diversi linguaggi costituisce strumento fondamentale per acquisire nuove conoscenze eper interpretare la realtà in modo autonomo.COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL’ OBBLIGO DI ISTRUZIONE 1. Padronanza della lingua italiana: a) Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale in vari contesti; b) Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo; c) Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi 2. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi 3. Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario 4. Utilizzare e produrre testi multimediali 93
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Competenze Abilità/capacità ConoscenzePadroneggiare gli Comprendere il messaggio Principali strutture grammaticali dellastrumenti espressivi ed contenuto in un testo orale lingua italianaargomentativiindispensabili pergestire l’interazione Cogliere le relazioni logiche tra le Elementi di base della funzioni della linguacomunicativa verbale varie componenti di un testo oralein vari contesti Lessico fondamentale per la gestione di semplici comunicazioni orali in contesti formali e informali Esporre in modo chiaro logico e Contesto, scopo e destinatario della coerente esperienze vissute o testi comunicazione ascoltati Riconoscere differenti registri Codici fondamentali della comunicazione comunicativi di un testo orale orale, verbale e non verbale Affrontare molteplici situazioni Principi di organizzazione del discorso comunicative scambiando descrittivo, narrativo, espositivo, informazioni, idee per esprimere argomentativo anche il proprio punto di vista Individuare il punto di vista dell’altro in contesti formali ed informaliLeggere, comprendere Padroneggiare le strutture della Strutture essenziali dei testi narrativi,ed interpretare testi lingua presenti nei testi espositivi, argomentativiscritti di vario tipo Principali connettivi logici Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi 94
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Applicare strategie diverse di Tecniche di lettura analitica e sintetica lettura Tecniche di lettura espressiva Denotazione e connotazione Individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo Principali generi letterari, con particolare riferimento alla tradizione italiana Cogliere i caratteri specifici di un testo letterario Contesto storico di riferimento di alcuni autori e opereProdurre testi di vario Ricercare , acquisire e selezionare Elementi strutturali di un testo scrittotipo in relazione ai informazioni generali e specifiche coerente e coesodifferenti scopi in funzione della produzione di testicomunicativi scritti di vario tipo Uso dei dizionari Prendere appunti e redigere sintesi e relazioni Modalità e tecniche delle diverse forme di produzione scritta: riassunto, lettera, Rielaborare in forma chiara le relazioni, ecc. informazioni Produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni comunicative Fasi della produzione scritta: pianificazione,stesura e revisioneUtilizzare una lingua Comprendere i punti principali di Lessico di base su argomenti di vitastraniera per i messaggi e annunci semplici e quotidiana , sociale e professionaleprincipali scopi chiari su argomenti di interessecomunicativi ed personale, quotidiano, sociale ooperativi professionale Ricercare informazioni all’interno di Uso del dizionario bilingue testi di breve estensione di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale 95
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi, relativi all’ambito personale e sociale Utilizzare in modo adeguato le strutture grammaticali Interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Regole grammaticali fondamentali Scrivere brevi testi di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale Corretta pronuncia di un repertorio di parole e frasi memorizzate di uso comune Scrivere correttamente semplici testi su tematiche coerenti con i percorsi di studio Riflettere sui propri atteggiamenti in rapporto all’altro in contesti multiculturali Semplici modalità di scrittura: messaggi brevi, lettera informale Cultura e civiltà dei paesi di cui si studia la lingua 96
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Utilizzare gli Riconoscere e apprezzare le opere Elementi fondamentali per lastrumenti d’arte lettura/ascolto di un’opera d’arte (pittura,fondamentali per una architettura, plastica, fotografia, film,fruizione consapevole musica…..)del patrimonioartistico Principali forme di espressione artistica Conoscere e rispettare i beni culturali e ambientali a partire dal proprio territorioUtilizzare e produrretesti multimediali Comprendere i prodotti della Principali componenti strutturali ed comunicazione audiovisiva espressive di un prodotto audiovisivo Elaborare prodotti multimediali (testi, immagini, suoni , ecc.), anche Semplici applicazioni per la elaborazione con tecnologie digitali audio e video Uso essenziale della comunicazione telematica 97
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13L’ASSE MATEMATICOL’asse matematico ha l’obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo pongano nellecondizioni di possedere una corretta capacità di giudizio e di sapersi orientare consapevolmente nei diversicontesti del mondo contemporaneo.La competenza matematica, che non si esaurisce nel sapere disciplinare e neppure riguarda soltanto gliambiti operativi di riferimento, consiste nell’abilità di individuare e applicare le procedure che consentonodi esprimere e affrontare situazioni problematiche attraverso linguaggi formalizzati.La competenza matematica comporta la capacità e la disponibilità a usare modelli matematici di pensiero(dialettico e algoritmico) e di rappresentazione grafica e simbolica (formule, modelli, costrutti, grafici,carte), la capacità di comprendere ed esprimere adeguatamente informazioni qualitative e quantitative, diesplorare situazioni problematiche, di porsi e risolvere problemi, di progettare e costruire modelli disituazioni reali. Finalità dell’asse matematico è l’acquisizione al termine dell’obbligo d’istruzione delleabilità necessarie per applicare i principi e i processi matematici di base nel contesto quotidiano della sferadomestica e sul lavoro, nonché per seguire e vagliare la coerenza logica delle argomentazioni proprie ealtrui in molteplici contesti di indagine conoscitiva e di decisione.COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL’ OBBLIGO DELL’ISTRUZIONE 1. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica 2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. 3. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi 4. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico 98
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Competenze Abilità/capacità ConoscenzeUtilizzare le tecniche e le Comprendere il significato logico- Gli insiemi numerici N, Z, Q, R;procedure del calcolo aritmetico operativo di numeri appartenenti rappresentazioni, operazioni,ed algebrico, rappresentandole ai diversi sistemi numerici. ordinamento.anche sotto forma grafica Utilizzare le diverse notazioni e saper convertire da una all’altra (da frazioni a decimali, da frazioni I sistemi di numerazione apparenti ad interi, da percentuali a frazioni..); Espressioni algebriche; principali Comprendere il significato di operazioni. potenza; calcolare potenze e applicarne le proprietà. Equazioni e disequazioni di primo Risolvere brevi espressioni nei grado. diversi insiemi numerici; rappresentare la soluzione di un problema con un’espressione e Sistemi di equazioni e calcolarne il valore anche disequazioni di primo grado. utilizzando una calcolatrice. Tradurre brevi istruzioni in sequenze simboliche (anche con tabelle); risolvere sequenze di operazioni e problemi sostituendo alle variabili letterali i valori numerici. Comprendere il significato logico- operativo di rapporto e grandezza derivata; impostare uguaglianze di rapporti per risolvere problemi di proporzionalità e percentuale; risolvere semplici problemi diretti e inversi Risolvere equazioni di primo grado e verificare la correttezza dei procedimenti utilizzati. Rappresentare graficamente equazioni di primo grado; comprendere il concetto di equazione e quello di funzione Risolvere sistemi di equazioni di primo grado seguendo istruzioni e verificarne la correttezza dei risultati. 99
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Confrontare ed analizzare Riconoscere i principali enti, Gli enti fondamentali dellafigure geometriche, figure e luoghi geometrici e geometria e il significato deiindividuando invarianti e descriverli con linguaggio termini: assioma, teorema,relazioni. naturale definizione. Il piano euclideo: relazioni tra individuare le proprietà essenziali rette; congruenza di figure; delle figure e riconoscerle in poligoni e loro proprietà. situazioni concrete Circonferenza e cerchio Misura di grandezze; grandezze Disegnare figure geometriche con incommensurabili; perimetro e semplici tecniche grafiche e area dei poligoni. Teoremi di operative Euclide e di Pitagora. Teorema di Talete e sue conseguenze Applicare le principali formule relative alla retta e alle figure Il metodo delle coordinate: il geometriche sul piano cartesiano piano cartesiano. Interpretazione geometrica dei sistemi di equazioni. In casi reali di facile leggibilità risolvere problemi di tipo Trasformazioni geometriche geometrico, e ripercorrerne le elementari e loro invarianti procedure di soluzione Comprendere i principali passaggi logici di una dimostrazioneIndividuare le strategie Progettare un percorso risolutivo Le fasi risolutive di un problema eappropriate per la soluzione di strutturato in tappe loro rappresentazioni conproblemi Formalizzare il percorso di diagrammi soluzione di un problema Principali rappresentazioni di un attraverso modelli algebrici e oggetto matematico. grafici Tecniche risolutive di un Convalidare i risultati conseguiti problema che utilizzano sia empiricamente, sia mediante frazioni, proporzioni, percentuali, argomentazioni formule geometriche, Tradurre dal linguaggio naturale equazioni e disequazioni di 1° al linguaggio algebrico e grado. viceversaAnalizzare dati e interpretarli Raccogliere, organizzare e Significato di analisi esviluppando deduzioni e rappresentare un insieme di dati. organizzazione di dati numerici.ragionamenti sugli stessi anche Rappresentare classi di dati Il piano cartesiano e il concetto dicon l’ausilio di rappresentazioni mediante istogrammi e diagrammi funzione.grafiche, usando a torta.consapevolmente gli strumentidi calcolo e le potenzialità Leggere e interpretare tabelle e Funzioni di proporzionalitàofferte da applicazioni grafici in termini di diretta, inversa e relativi grafici,specifiche di tipo informatico. corrispondenze fra elementi di funzione lineare. due insiemi. Incertezza di una misura e Riconoscere una relazione tra concetto di errore. variabili, in termini di 100
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 proporzionalità diretta o inversa e formalizzarla attraverso una funzione La notazione scientifica per i matematica. numeri reali. Il concetto e i metodi di approssimazione Rappresentare sul piano cartesiano il grafico di una funzione. Valutare l’ordine di grandezza di i numeri “macchina” un risultato. il concetto di approssimazione Elaborare e gestire semplici semplici applicazioni che calcoli attraverso un foglio consentono di creare, elaborare un elettronico foglio elettronico con le forme Elaborare e gestire un foglio grafiche corrispondenti elettronico per rappresentare in forma grafica i risultati dei calcoli eseguiti 101
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13L’ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICOL’asse scientifico-tecnologico ha l’obiettivo di facilitare lo studente nell’esplorazione del mondo circostante,per osservarne i fenomeni e comprendere il valore della conoscenza del mondo naturale e di quello delleattività umane come parte integrante della sua formazione globale.Si tratta di un campo ampio e importante per l’acquisizione di metodi, concetti, atteggiamenti indispensabi-li ad interrogarsi, osservare e comprendere il mondo e a misurarsi con l’idea di molteplicità, problematicitàe trasformabilità del reale.Per questo l’apprendimento centrato sull’esperienza e l’attività di laboratorio assumono particolare rilievo.L’adozione di strategie d’indagine, di procedure sperimentali e di linguaggi specifici costituisce la base diapplicazione del metodo scientifico che - al di là degli ambiti che lo implicano necessariamente come proto-collo operativo - ha il fine anche di valutare l’impatto sulla realtà concreta di applicazioni tecnologiche spe-cifiche.L’apprendimento dei saperi e delle competenze avviene per ipotesi e verifiche sperimentali, raccolta di dati,valutazione della loro pertinenza ad un dato ambito, formulazione di congetture in base ad essi, costruzionidi modelli; favorisce la capacità di analizzare fenomeni complessi nelle loro componenti fisiche, chimiche,biologiche.Le competenze dell’area scientifico-tecnologica, nel contribuire a fornire la base di lettura della realtà, di-ventano esse stesse strumento per l’esercizio effettivo dei diritti di cittadinanza. Esse concorrono a poten-ziare la capacità dello studente di operare scelte consapevoli ed autonome nei molteplici contesti, indivi-duali e collettivi, della vita reale.E’ molto importante fornire strumenti per far acquisire una visione critica sulle proposte che vengono dallacomunità scientifica e tecnologica, in merito alla soluzione di problemi che riguardano ambiti codificati (fisi-co, chimico, biologico e naturale) e aree di conoscenze al confine tra le discipline anche diversi da quelli sucui si è avuto conoscenza/esperienza diretta nel percorso scolastico e, in particolare, relativi ai problemidella salvaguardia della biosfera.Obiettivo determinante è, infine, rendere gli alunni consapevoli dei legami tra scienza e tecnologie, della lo-ro correlazione con il contesto culturale e sociale con i modelli di sviluppo e con la salvaguardiadell’ambiente, nonché della corrispondenza della tecnologia a problemi concreti con soluzioni appropriate.COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL’ OBBLIGO DI ISTRUZIONE 1. Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti alla realtà naturale e artificiale e riconoscere nelle sue varie forme i concetti di sistema e di complessità 2. Analizzare qualitativamente e quantitativamente fenomeni legati alle trasformazioni di energia a partire dall’esperienza 3. Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nel contesto culturale e sociale in cui vengono applicate 102
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Competenze Abilità/capacità ConoscenzeOsservare, descrivere ed Raccogliere dati attraverso Concetto di misura e sua approssi-analizzare fenomeni appar- l’osservazione diretta dei fenomeni mazionetenenti alla realtà naturale naturali (fisici, chimici, biologici, geo- Errore sulla misurae artificiale e riconoscere logici, ecc..) o degli oggetti artificiali Principali Strumenti e tecniche dinelle sue varie forme i con- o la consultazione di testi e manualicetti di sistema e di com- o media. misurazioneplessità Sequenza delle operazioni da effet- tuare,. Organizzare e rappresentare i dati Fondamentali Meccanismi di catalo- raccolti. gazione Utilizzo dei principali programmi software Individuare, con la guida del docen- Concetto di sistema e di complessità te, una possibile interpretazione dei dati in base a semplici modelli. Presentare i risultati dell’analisi. Schemi, tabelle e grafici Principali Software dedicati. Utilizzare classificazioni, generalizza- Semplici schemi per presentare cor- zioni e/o schemi logici per riconosce- relazioni tra le variabili di un feno- re il modello di riferimento. meno appartenente all’ambito scientifico caratteristico del percor- so formativo. Riconoscere e definire i principali Concetto di ecosistema. aspetti di un ecosistema. Essere consapevoli del ruolo che i Impatto ambientale limiti di tolle- processi tecnologici giocano nella ranza. modifica dell’ambiente che ci circon- da considerato come sistema. Analizzare in maniera sistemica un Concetto di sviluppo sostenibile. determinato ambiente al fine di valu- tarne i rischi per i suoi fruitori. Analizzare un oggetto o un sistema Schemi a blocchi artificiale in termini di funzioni o di Concetto di input-output di un si- architettura. stema artificiale. Diagrammi e schemi logici applicati ai fenomeni osservati. 103
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Analizzare qualitativamen- Interpretare un fenomeno naturale o Concetto di calore e di temperaturate e quantitativamente fe- un sistema artificiale dal punto di vi-nomeni legati alle trasfor- sta energetico distinguendo le variemazioni di energia a partire trasformazioni di energia in rapporto Limiti di sostenibilità delle variabilidall’esperienza alle leggi che le governano. di un ecosistema Avere la consapevolezza dei possibili impatti sull’ambiente naturale dei modi di produzione e di utilizzazione dell’energia nell’ambito quotidiano.Essere consapevole delle Riconoscere il ruolo della tecnologia Strutture concettuali di base del sa-potenzialità delle tecnolo- nella vita quotidiana e nell’economia pere tecnologicogie della società.rispetto al contesto cultu-rale e sociale in cui vengo- Saper cogliere le interazioni tra esi- Fasi di un processo tecnologico (se-no applicate genze di vita e processi tecnologici. quenza delle operazioni: dall’ “idea” all’ “prodotto”) Adottare semplici progetti per la ri- Il metodo della progettazione. soluzione di problemi pratici.. Saper spiegare il principio di funzio- Architettura del computer namento e la struttura dei principali Struttura di Internet dispositivi fisici e software Struttura generale e operazioni co- Utilizzare le funzioni di base dei muni ai diversi pacchetti applicativi software più comuni per produrre (Tipologia di menù, operazioni di testi e comunicazioni multimediali, edizione, creazione e conservazione calcolare e rappresentare dati, dise- di documenti ecc.) gnare, catalogare informazioni, cer- care informazioni e comunicare in Operazioni specifiche di base di al- cuni dei programmi applicativi più rete. comuni 104
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13L’ASSE STORICO-SOCIALEL’asse storico-sociale si fonda su tre ambiti di riferimento: epistemologico, didattico, formativo.Le competenze relative all’area storica riguardano, di fatto, la capacità di percepire gli eventi storici nella lo-ro dimensione locale, nazionale, europea e mondiale e di collocarli secondo le coordinate spazio-temporali,cogliendo nel passato le radici del presente.Se sul piano epistemologico i confini tra la storia, le scienze sociali e l’economia sono distinguibili, più fre-quenti sono le connessioni utili alla comprensione della complessità dei fenomeni analizzati. Comprenderela continuità e la discontinuità, il cambiamento e la diversità in una dimensione diacronica attraverso il con-fronto fra epoche e in dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali è il pri-mo grande obiettivo dello studio della storia.Il senso dell’appartenenza, alimentato dalla consapevolezza da parte dello studente di essere inserito in unsistema di regole fondato sulla tutela e sul riconoscimento dei diritti e dei doveri, concorre alla sua educa-zione alla convivenza e all’esercizio attivo della cittadinanza.La partecipazione responsabile - come persona e cittadino - alla vita sociale permette di ampliare i suoiorizzonti culturali nella difesa della identità personale e nella comprensione dei valori dell’inclusione edell’integrazione.La raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo 18 dicembre 2006 sollecita gli Stati membri a po-tenziare nei giovani lo spirito di intraprendenza e di imprenditorialità. Di conseguenza, per promuovere la pro-gettualità individuale e valorizzare le attitudini per le scelte da compiere per la vita adulta, risulta importantefornire gli strumenti per la conoscenza del tessuto sociale ed economico del territorio, delle regole del mercatodel lavoro, delle possibilità di mobilità.COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL’OBBLIGO DI ISTRUZIONE 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culturali. 2. Collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona, della collettività e dell’ambiente 3. Riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio. 105
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Competenze Abilità/capacità ConoscenzeComprendere il cambiamento ela diversità dei tempi storici in Riconoscere le dimensioni del Le periodizzazioni fondamentaliuna dimensione diacronica at- tempo e dello spazio attraverso della storia mondialetraverso il confronto fra epoche l’osservazione di eventi storici e die in una dimensione sincronica aree geografiche I principali fenomeni storici e leattraverso il confronto fra aree coordinate spazio-tempo che ligeografiche e culturali. Collocare i più rilevanti eventi sto- determinano rici affrontati secondo le coordina- te spazio-tempo Identificare gli elementi maggior- mente significativi per confrontare aree e periodi diversi I principali fenomeni sociali, economici che caratterizzano il mondo contemporaneo, anche in relazione alle diverse culture Conoscere i principali eventi che consentono di comprendere la realtà nazionale ed europea Comprendere il cambiamento in I principali sviluppi storici che relazione agli usi, alle abitudini, al hanno coinvolto il proprio territo- vivere quotidiano nel confronto rio con la propria esperienza personale Leggere - anche in modalità mul- timediale - le differenti fonti lette- rarie, iconografiche, documentarie, cartografiche ricavandone infor- Le diverse tipologie di fonti mazioni su eventi storici di diverse epoche e differenti aree geografi- che Individuare i principali mezzi e strumenti che hanno caratterizzato l’innovazione tecnico- scientifica nel corso della storia Le principali tappe dello sviluppo dell’innovazione tecnico- 106
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 scientifica e della conseguente innovazione tecnologicaCollocare l’esperienza personale Comprendere le caratteristiche Costituzione italianain un sistema di regole fondato fondamentali dei principi e dellesul reciproco riconoscimento dei regole della Costituzione italiana Organi dello Stato e loro funzionidiritti garantiti dalla Costitu- principalizione, a tutela della persona, Individuare le caratteristiche es-della collettività e dell’ambiente senziali della norma giuridica e comprenderle a partire dalle pro- Conoscenze di base sul concetto prie esperienze e dal contesto di norma giuridica e di gerarchia scolastico delle fonti Identificare i diversi modelli istitu- zionali e di organizzazione sociale e le principali relazioni tra perso- na-famiglia- società-Stato Principali Problematiche relative all’integrazione e alla tutela dei diritti umani e alla promozione Riconoscere le funzioni di base delle pari opportunità dello Stato, delle Regioni e degli Enti Locali ed essere in grado di Organi e funzioni di Regione, rivolgersi, per le proprie necessità, Provincia e Comune ai principali servizi da essi erogati Conoscenze essenziali dei servizi Identificare il ruolo delle istituzio- sociali ni europee e dei principali organi- smi di cooperazione internazionale e riconoscere le opportunità offerte alla persona, alla scuola e agli am- biti territoriali di appartenenza Ruolo delle organizzazioni inter- nazionali Adottare nella vita quotidiana comportamenti responsabili per la Principali tappe di sviluppo tutela e il rispetto dell’ambiente e dell’Unione Europea delle risorse naturali Riconoscere le caratteristiche prin- Regole che governanoOrientarsi nel tessuto produtti- cipali del mercato del lavoro e le l’economia e concetti fondamen-vo del proprio territorio. opportunità lavorative offerte dal tali del mercato del lavoro territorio Regole per la costruzione di un curriculum vitae Strumenti essenziali per leggere il tessuto produttivo del proprio territorio 107
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Principali soggetti del sistema economico del proprio territorio Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio 108
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 109
  • I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 110