I.T.I.S.: Chimica, Materiali e Biotecnologie, Elettronica ed Elettrotecnica,        Informatica e Telecomunicazioni, Mecca...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                                                        ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                                                        ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                           POF 2012/13L’ISTITUTO D’ISTRU...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                        POF 2012/13 Aula C.A.D. (Disegno...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                          POF 2012/13ATTIVITA CURRICOLAR...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                           POF 2012/13RISULTATI DI APPRE...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                                 POF 2012/13STRUMENTI OR...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                        POF 2012/13RISULTATI DI APPRENDI...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                        POF 2012/13INDIRIZZO “INFORMATIC...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                           POF 2012/135 – Configurare, installare e gest...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                        POF 2012/13INDIRIZZO “MECCANICA,...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                                POF 2012/138 – Definire,...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                          POF 2012/13Prove: S= Scritto; ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                     POF 2012/135 – Gestire processi pro...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                           POF 2012/13INDIRIZZO “CHIMICA...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                POF 2012/135 - Intervenire nella pianifi...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                         POF 2012/13INDIRIZZO “TRASPORTI E LOGISTICA”PRO...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                          POF 2012/133 – Mantenere in efficienza il mezz...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                            POF 2012/13QUADRO ORARIO IND...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                       POF 2012/13ORDINAMENTO PREVIGENTE...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                            POF 2012/13QUADRO ORARIO Discipline del pian...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                          POF 2012/13Telecomunicazioni [...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                         POF 2012/13INDIRIZZO INFORMATIC...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                              POF 2012/13CORSO SERALE PROGETTO SIRIOIl p...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                   POF 2012/13MECCANICAMaterie e quadro ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                          POF 2012/13ORARIO SERALE PROGE...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                   POF 2012/13ALA         Piano Terra                                   ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                               POF 2012/13                              ...
I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI                                                        POF 2012/13INDIRIZZO “COSTRUZION...
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Pof 2012 13
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pof 2012 13

1,638 views
1,564 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,638
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pof 2012 13

  1. 1. I.T.I.S.: Chimica, Materiali e Biotecnologie, Elettronica ed Elettrotecnica, Informatica e Telecomunicazioni, Meccanica Meccatronica ed Energia, Trasporti e LogisticaI.T.S.G.: Costruzioni Ambiente TerritorioI.P.S.I.A.: Manutenzione assistenza tecnica; I.P.S.S.S.: OdontotecnicoVia S. Marino, n. 12 - 64100 Teramowww.iisteramo.it Piano IL DIRIGENTE SCOLASTICO Formativa A.S. 2012/13 dell’Offerta “Alessandrini-Marino-Forti” ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE Prof.ssa Stefania Nardini
  2. 2. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13SOMMARIOL’ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE “ALESSANDRINI- MARINO-FORTI” DI TERAMO ..................................................... 2LI.T.I.S. “E. ALESSANDRINI” ................................................................................................................................................ 4 SPAZI E LABORATORI ...................................................................................................................................................... 3 ATTIVITA CURRICOLARI ................................................................................................................................................. 5 NUOVO ORDINAMENTO ................................................................................................................................................. 5 INDIRIZZI DI STUDIO ED ARTICOLAZIONI ....................................................................................................... 7 INDIRIZZO “INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI” ..................................................................................................... 9 INDIRIZZO “MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA” ............................................................................................ 11 INDIRIZZO “ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA” ........................................................................................................ 13 INDIRIZZO “CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE” ................................................................................................. 15 INDIRIZZO “TRASPORTI E LOGISTICA” ......................................................................................................................... 17 ORDINAMENTO PREVIGENTE ....................................................................................................................................... 20 CORSO SERALE PROGETTO SIRIO ................................................................................................................................. 25 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 26LI.T.G. “C. FORTI” ............................................................................................................................................................. 27 SPAZI E LABORATORI .................................................................................................................................................. 27 INDIRIZZO “COSTRUZIONI,AMBIENTE E TERRITORIO” ............................................................................................... 30 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 32LIPSIA-IPSSS “E. MARINO” ............................................................................................................................................... 33 SPAZI E LABORATORI .................................................................................................................................................... 33 ATTIVITA CURRICULARI ............................................................................................................................................... 34 NUOVO ORDINAMENTO ............................................................................................................................................... 34 INDIRIZZO “MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA” ................................................................................................ 38 INDIRIZZO "SERVIZI SOCIO-SANITARI"………………………………………………………………………………………………..……………………41 ORDINAMENTO PREVIGENTE ....................................................................................................................................... 42 PROFILI PROFESSIONALI ............................................................................................................................................... 45 ORARIO DELLE LEZIONI ................................................................................................................................................. 49PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA ................................................................................................................................... 50 IL MODELLO EDUCATIVO ............................................................................................................................................. 51 CITTADINANZA E COSTITUZIONE .................................................................................................................................. 53 FIGURE DI SISTEMA ...................................................................................................................................................... 54 STRATEGIE DIDATTICO-RELAZIONALI ........................................................................................................................... 56 FUNZIONI STRUMENTALI.............................................................................................................................................. 57 PROGETTI...................................................................................................................................................................... 61 ATTIVITA’ DIDATTICHE INTEGRATIVE ........................................................................................................................... 63 2
  3. 3. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 SUDDIVISIONE DELL’ANNO SCOLASTICO ...................................................................................................................... 64 ISTITUTO TECNICO SUPERIORE - ITS - .......................................................................................................................... 64 COMUNICAZIONE ......................................................................................................................................................... 64 VALUTAZIONE ............................................................................................................................................................... 65 CREDITO SCOLASTICO................................................................................................................................................... 67 VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI ............................................................................................ 71 VALUTAZIONE DEL POF ................................................................................................................................................ 72 ORGANIGRAMMA ........................................................................................................................................................ 75ALLEGATI ........................................................................................................................................................................... 85 PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’ .............................................................................................................. 85 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ..................................................................................................................................... 88 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO D’ISTITUTO ................................................................................................................ 89 GLI ASSI CULTURALI ...................................................................................................................................................... 93 3
  4. 4. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13L’ISTITUTO D’ISTRUZIONE SUPERIORE “ALESSANDRINI- MARINO-FORTI” DI TERAMODal primo settembre 2009, per effetto del processo di dimensionamento delle istituzioni scolastiche, l’ITIS “EmilioAlessandrini” di Teramo e l’IPSIA “Ettore Marino” di Teramo, pur mantenendo invariate le loro caratteristiche sulpiano strutturale e didattico, sono stati accorpati dal punto di vista amministrativo in un unico Istituto di IstruzioneSuperiore “Alessandrini – Marino”. Un’ ulteriore tappa del processo di dimensionamento degli istituti scolastici haportato all’accorpamento dell’Istituto Tecnico per Geometri “Carlo Forti” di Teramo con la nascita, dal primosettembre 2012, dell’Istituto di Istruzione Superiore “ Alessandrini – Marino – Forti”.LI.T.I.S. “E. ALESSANDRINI”LI.T.I.S. "E. Alessandrini" è un Istituto superiore ad indirizzo tecnico – scientifico, i cui corsi si articolano in cinque anni,al termine dei quali gli allievi conseguono un diploma di scuola secondaria di secondo grado che offre le seguentipossibilità :  accesso diretto a tutte le Facoltà Universitarie ed Accademie Militari  esercizio della libera professione come Perito Industriale  consulente presso le Camere di Commercio ed i tribunali  inserimento nel mondo del lavoro come coordinatore e dirigente in aziende pubbliche e private;  insegnamento tecnico- pratico nei laboratori degli Istituti Tecnici e Professionali.LI.T.I.S. "E. Alessandrini" è frequentato attualmente da circa 570 allievi.A partire dall’a.s. 2006/07 è stato attivato un corso serale (progetto Sirio) per lavoratori-studenti ad indirizzoElettrotecnica ed automazione.Coloro i quali hanno proseguito gli studi universitari hanno generalmente conseguito la laurea nelle facoltà acarattere scientifico-tecnologico, come ingegneria, fisica, chimica ed operano nel mondo dell’industria, delle libereprofessioni, dellinsegnamento e della pubblica amministrazione.SPAZI E LABORATORILIstituto, situato a Teramo in zona semicentrale, a pochi passi dallautostazione e dalla stazione ferroviaria, offregrandi spazi interni, un ampio giardino, piazzali, viali ed unarea destinata a parcheggio. Un bar interno garantisce agliallievi consumazioni a prezzi particolarmente modici.La palestra, di ben 1105 mq, attrezzata per ogni attività ginnico sportiva, rappresenta la più ampia struttura sportivascolastica nel comprensorio regionale.L’Auditorium, realizzato di recente dalla Provincia di Teramo, con una capacità di 211 posti, è una sala polifunzionalea servizio della scuola e della città per riunioni, convegni e manifestazioni culturali.Gli spazi comuni (atri, corridoi, ecc. ), recentemente rinnovati e adeguati alle norme di sicurezza ed antincendio, sonoampi e luminosi e fungono, insieme al giardino, da comodo punto di incontro per tutte le componenti scolastiche.La biblioteca è centralizzata ed aggiornata, fornita soprattutto di testi nei settori attinenti agli indirizzi dispecializzazione.I laboratori, numerosi, ampi e ben attrezzati, costituiscono motivo d’orgoglio per l’Istituto, che nel corso dei decenni,pur fra le innumerevoli difficoltà economiche degli ultimi anni, non ha cessato di investire in essi, per garantirnel’efficienza e la rispondenza alle necessità didattiche imposte dalle innovazioni tecnologiche. Essi sono i seguenti: 4
  5. 5. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Aula C.A.D. (Disegno tecnico al computer) Aula multimediale Informatica Tecnologico Sistemi Automatici Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica TDP Elettronica TDP Elettrotecnica Automazione Analisi Chimiche Chimica biennio Fisica Pneumatica ed Automazione Macchine utensiliPARTICOLARITA’In questi anni l’Istituto è presente nel Web con un sito ricco e costantemente aggiornato, che si sta predisponendo percomunicazioni interattive con il mondo degli studenti, delle famiglie e, naturalmente, del personale.Sono motivo d’orgoglio, per l’Istituto, i lusinghieri risultati conseguiti da allievi interni in competizioni nazionali ,comele Olimpiadi della Matematica, dell’Informatica, della Statistica, le Olimpiadi dell’Automazione ed i Giochi dellaChimica (questi ultimi sono svolti, a livello regionale, nel nostro Istituto), concorsi e rassegne nazionali, dedicati allavalorizzazione delle eccellenze che emergono nel sistema d’istruzione nazionale.Un riconoscimento all’impegno profuso dall’Istituto nell’innalzamento della qualità dell’Offerta Formativa è anchearrivato dal CERN di Ginevra e dal prof. Zichichi, con i quali fu avviato il progetto “Extreme Energy Events (EEE)"per l’installazione e messa in funzione nell’Istituto di un telescopio MRPC per rilevare e studiare gli eventi cosmici adaltissima energia.L’Istituto inoltre è TEST CENTER accreditato per il conseguimento della certificazione ECDL delle competenzeinformatiche, e periodicamente organizza corsi di preparazione ed esami per ottenere la PATENTE EUROPEA DELCOMPUTER. 5
  6. 6. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ATTIVITA CURRICOLARIA partire dall’anno scolastico 2010-2011 l’Istituto sta attuando il percorso di studi previsto dalregolamento di riordino degli istituti tecnici emanato dal Presidente della Repubblica il 15 marzo2010 [DPR n. 88 del 15/03/2010]. Le modifiche rispetto all’ordinamento previgente riguarderannogli studenti iscritti alle classi prime, seconde e terze. Nelle pagine seguenti, dunque, si procederàdistinguendo tra Nuovo ordinamento (relativo alle classi prime, seconde e terze) e Ordinamentoprevigente (relativo alle classi quarte e quinte).NUOVO ORDINAMENTO[classi prime, seconde e terze]PremessaI percorsi degli Istituti Tecnici sono parte integrante del secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione di cuiall’articolo 1 del decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, come modificato dall’articolo 13 della legge 2 aprile 2007,n. 40.Gli Istituti Tecnici costituiscono un’articolazione dell’istruzione tecnica e professionale dotata di una propria identitàculturale, che fa riferimento al profilo educativo, culturale e professionale dello studente, a conclusione del secondociclo del sistema educativo di istruzione e formazione di cui all’articolo 1, comma 5, del decreto legislativo n. 226/05.IL PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE DEGLI ISTITUTI TECNICIL’identità degli istituti tecnici è connotata da una solida base culturale a carattere scientifico e tecnologico in linea conle indicazioni dell’Unione europea. Costruita attraverso lo studio, l’approfondimento, l’applicazione di linguaggi emetodologie di carattere generale e specifico, tale identità è espressa da un numero limitato di ampi indirizzi, correlatia settori fondamentali per lo sviluppo economico e produttivo del Paese.I percorsi degli istituti tecnici si articolano in unarea di istruzione generale comune e in aree di indirizzo. I risultati diapprendimento costituiscono il riferimento per le linee guida nazionali di cui all’articolo 8, comma 3, del regolamentodi riordino, definite a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche. Le linee guidacomprendono altresì l’articolazione in competenze, abilità e conoscenze dei risultati di apprendimento, anche conriferimento al Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (European QualificationsFramework-EQF).L’area di istruzione generale ha l’obiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso ilrafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali che caratterizzano l’obbligo di istruzione: asse dei linguaggi,matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale.Le aree di indirizzo hanno l’obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili invari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestireautonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue, assumere progressivamente anche responsabilitàper la valutazione e il miglioramento dei risultati ottenuti.Le attività e gli insegnamenti relativi a “Cittadinanza e Costituzione” di cui all’art. 1 del decreto legge 1 settembre 2008n. 137 convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2008 n. 169, coinvolgono tutti gli ambiti disciplinari e sisviluppano, in particolare, in quelli di interesse storico-sociale e giuridico-economico.I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti di inserirsidirettamente nel mondo del lavoro, di accedere all’università, al sistema dell’istruzione e formazione tecnica superiorenonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l’accesso agli albi delle professioni tecniche secondo le normevigenti in materia. 6
  7. 7. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13RISULTATI DI APPRENDIMENTO COMUNI A TUTTI I PERCORSIA conclusione dei percorsi degli istituti tecnici, gli studenti - attraverso lo studio, le esperienze operative di laboratorioe in contesti reali, la disponibilità al confronto e al lavoro cooperativo, la valorizzazione della loro creatività edautonomia – sono in grado di:agire in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione, a partire dai quali saper valutare fatti eispirare i propri comportamenti personali e sociali;utilizzare gli strumenti culturali e metodologici acquisiti per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabiledi fronte alla realtà, ai suoi fenomeni e ai suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente;padroneggiare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei varicontesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici;riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, delle arti e orientarsi agevolmentefra testi e autori fondamentali, con riferimento sopratutto a tematiche di tipo scientifico, tecnologico ed economico;riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali, dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con lestrutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo;stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali sia in una prospettiva interculturale siaai fini della mobilità di studio e di lavoro;utilizzare i linguaggi settoriali delle lingue straniere previste dai percorsi di studio per interagire in diversi ambiti econtesti di studio e di lavoro;riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione;individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento allestrategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete;riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea ed esercitare in modo efficace lapratica sportiva per il benessere individuale e collettivo;collocare le scoperte scientifiche e le innovazioni tecnologiche in una dimensione storico-culturale ed etica, nellaconsapevolezza della storicità dei saperi;utilizzare modelli appropriati per investigare su fenomeni e interpretare dati sperimentali;riconoscere, nei diversi campi disciplinari studiati, i criteri scientifici di affidabilità delle conoscenze e delle conclusioniche vi afferiscono;padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrativi della matematica; possedere gli strumentimatematici, statistici e del calcolo delle probabilità necessari per la comprensione delle discipline scientifiche e perpoter operare nel campo delle scienze applicate;collocare il pensiero matematico e scientifico nei grandi temi dello sviluppo della storia delle idee, della cultura, dellescoperte scientifiche e delle invenzioni tecnologiche;utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare;padroneggiare l’uso di strumenti tecnologici con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, allatutela della persona, dell’ambiente e del territorio;utilizzare, in contesti di ricerca applicata, procedure e tecniche per trovare soluzioni innovative e migliorative, inrelazione ai campi di propria competenza;cogliere l’importanza dell’orientamento al risultato, del lavoro per obiettivi e della necessità di assumereresponsabilità nel rispetto dell’etica e della deontologia professionale;saper interpretare il proprio autonomo ruolo nel lavoro di gruppo; analizzare criticamente il contributo apportatodalla scienza e dalla tecnologia allo sviluppo dei saperi e dei valori, al cambiamento delle condizioni di vita e dei modidi fruizione culturale;essere consapevole del valore sociale della propria attività, partecipando attivamente alla vita civile e culturale alivello locale, nazionale e comunitario. 7
  8. 8. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13STRUMENTI ORGANIZZATIVI E METODOLOGICII percorsi degli istituti tecnici sono caratterizzati da spazi crescenti di flessibilità, dal primo biennio al quinto anno,funzionali agli indirizzi, per corrispondere alle esigenze poste dall’innovazione tecnologica e dai fabbisogni espressi dalmondo del lavoro e delle professioni, nonché alle vocazioni del territorio. A questo fine, gli istituti tecnici organizzanospecifiche attività formative nell’ambito della loro autonomia didattica, organizzativa e di ricerca e sviluppo incostante raccordo con i sistemi produttivi del territorio.Gli aspetti tecnologici e tecnici sono presenti fin dal primo biennio ove, attraverso l’apprendimento dei saperi-chiave,acquisiti soprattutto attraverso l’attività di laboratorio, esplicano una funzione orientativa. Nel secondo biennio, lediscipline di indirizzo assumono connotazioni specifiche in una dimensione politecnica, con l’obiettivo di farraggiungere agli studenti, nel quinto anno, una adeguata competenza professionale di settore, idonea anche per laprosecuzione degli studi a livello terziario con particolare riferimento all’esercizio delle professioni tecniche. Il secondobiennio e il quinto anno costituiscono, quindi, un percorso unitario per accompagnare e sostenere le scelte dellostudente nella costruzione progressiva del suo progetto di vita, di studio e di lavoro.Le metodologie sono finalizzate a valorizzare il metodo scientifico e il pensiero operativo; analizzare e risolvereproblemi; educare al lavoro cooperativo per progetti; orientare a gestire processi in contesti organizzati. Lemetodologie educano, inoltre, all’uso di modelli di simulazione e di linguaggi specifici, strumenti essenziali per faracquisire agli studenti i risultati di apprendimento attesi a conclusione del quinquennio. Tali metodologie richiedonoun sistematico ricorso alla didattica di laboratorio, in modo rispondente agli obiettivi, ai contenuti dell’apprendimentoe alle esigenze degli studenti, per consentire loro di cogliere concretamente l’interdipendenza tra scienza, tecnologia edimensione operativa della conoscenza .Gli stage, i tirocini e l’alternanza scuola/lavoro sono strumenti didattici fondamentali per far conseguire agli studenti irisultati di apprendimento attesi e attivare un proficuo collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni,compreso il volontariato ed il privato sociale.Gli istituti tecnici possono dotarsi, nell’ambito della loro autonomia, di strutture innovative, quali i dipartimenti e ilcomitato tecnico-scientifico, per rendere l’organizzazione funzionale al raggiungimento degli obiettivi che connotanola loro identità culturale.Gli istituti tecnici per il settore tecnologico sono dotati di ufficio tecnico.Gli istituti attivano modalità per la costante autovalutazione dei risultati conseguiti, con riferimento agli indicatoristabiliti a livello nazionale secondo quanto previsto all’articolo 8, comma 2 , lettera c) del presente regolamento.Ai fini di cui sopra possono avvalersi anche della collaborazione di esperti del mondo del lavoro e delle professioni.INDIRIZZI DI STUDIO ED ARTICOLAZIONI MECCANICA E ELETTROTECNICA ED INFORMATICA E CHIMICA, MATERIALI TRASPORTI E MECCATRONICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI E BIOTECNOLOGIE LOGISTICA • Meccanica e meccatronica • Elettronica • Informatica • Chimica e materiali • Costruzione del mezzo • Energia • Elettrotecnica • Telecomunicazioni • Biotecnologie ambientali • Logistica • Automazione 8
  9. 9. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORETECNOLOGICOA conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i seguenti risultati specificati in termini dicompetenze:  Valutare fatti ed orientare i propri comportamenti in base ad un sistema di valori coerenti con i principi della Costituzione e con le carte internazionali dei diritti umani.  Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti: sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici.  Stabilire collegamenti tra le tradizioni culturali locali, nazionali ed internazionali, sia in prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro.  Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell’apprendimento permanente.  Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell’ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo.  Riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione.  Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete.  Padroneggiare la lingua inglese e, ove prevista, un’altra lingua comunitaria per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER).  Riconoscere gli aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell’espressività corporea e l’importanza che riveste la pratica dell’attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo.  Utilizzare il linguaggio e i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative.  Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni.  Utilizzare i concetti e i modelli delle scienze sperimentali per investigare fenomeni sociali e naturali e per interpretare dati.  Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare.  Analizzare il valore, i limiti e i rischi delle varie soluzioni tecniche per la vita sociale e culturale con particolare attenzione alla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro, alla tutela della persona, dell’ambiente e del territorio.  Utilizzare i principali concetti relativi alleconomia e allorganizzazione dei processi produttivi e dei servizi.  Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento.  Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti.  Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali.  Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di team working più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento.Il percorso didattico degli Istituti Tecnici è strutturato in:  un primo biennio, dedicato allacquisizione dei saperi e delle competenze previsti per lassolvimento dellobbligo di istruzione e di apprendimenti che introducono progressivamente agli indirizzi;  in secondo biennio e un quinto anno, che costituiscono un complessivo triennio in cui gli indirizzi possono articolarsi nelle opzioni richieste dal territorio e dal mondo del lavoro e delle professioni;  il quinto anno si conclude con lEsame di Stato. 9
  10. 10. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI”PROFILOIl Diplomato in “Informatica e Telecomunicazioni”:ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell’elaborazione dell’informazione, delle applicazioni etecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione;ha competenze e conoscenze che, a seconda delle diverse articolazioni, si rivolgono all’analisi, progettazione,installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali eapparati di trasmissione e ricezione dei segnali;ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale– orientato ai servizi – per i sistemi dedicati “incorporati”;collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti lasicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni (“privacy”).È in grado dicollaborare, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e diintervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell’organizzazione produttiva delle imprese;collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagireefficacemente, sia nella forma scritta che orale;esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale,concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell’obiettivo, nell’analisi e nella realizzazione delle soluzioni;utilizzare a livello avanzato la lingua inglese per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forteinternazionalizzazione;definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d’uso.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI • viene approfondita l’analisi, la • viene approfondita l’analisi, la comparazione e la progettazione di comparazione, la progettazione, dispositivi e strumenti informatici e lo installazione e gestione di dispositivi e sviluppo delle applicazioni strumenti elettronici e sistemi di informatiche. telecomunicazione, lo sviluppo di applicazioni informatiche per reti locali e servizi a distanza.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Informatica e telecomunicazioni” consegue irisultati di apprendimento, di seguito specificati in termini di competenze:1 – scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali.2 – Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione.3 – Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e dellasicurezza.4 – Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 10
  11. 11. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 – Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti.6 – Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza.In relazione alle articolazioni ”Informatica” e “Telecomunicazioni”, le competenze di cui sopra sono differentementesviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Materie comuni a tutte le articolazioni Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1 Sistemi e reti 4(2) 4 4 Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di 3(1) 3 4 telecomunicazioni Gestione progetto, organizzazione d’impresa 3Articolazione “Informatica”Informatica 6(4) 6 6Telecomunicazioni 3(1) 3Articolazione “Telecomunicazioni”Informatica 3 3Telecomunicazioni 6 6 6Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 11
  12. 12. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA”PROFILOIl Diplomato in Meccanica, Meccatronica ed Energia:ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni; inoltre, hacompetenze sulle macchine e sui dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizinei diversi contesti economici.Nelle attività produttive d’interesse, egli collabora nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e deiprodotti, nella realizzazione dei relativi processi produttivi; interviene nella manutenzione ordinaria e nell’esercizio disistemi meccanici ed elettromeccanici complessi; è in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impiantiindustriali.È in grado diintegrare le conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici dedicati con le nozioni dibase di fisica e chimica, economia e organizzazione; interviene nell’automazione industriale e nel controllo econduzione dei processi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione, all’adeguamento tecnologico eorganizzativo delle imprese, per il miglioramento della qualità ed economicità dei prodotti; elabora cicli di lavorazione,analizzandone e valutandone i costi;intervenire, relativamente alle tipologie di produzione, nei processi di conversione, gestione ed utilizzo dell’energia edel loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente;agire autonomamente, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale;pianificare la produzione e la certificazione degli apparati progettati, documentando il lavoro svolto, valutando irisultati conseguiti, redigendo istruzioni tecniche e manuali d’uso.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Meccanica e meccatronica Energia • sono approfondite, nei diversi contesti • sono approfondite, in particolare, le produttivi, le tematiche generali specifiche problematiche collegate alla connesse alla progettazione, conversione e utilizzazione dell’energia, ai realizzazione e gestione di apparati e relativi sistemi tecnici e alle normative sistemi e alla relativa organizzazione del per la sicurezza e la tutela dell’ambiente. lavoro.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Meccanica, meccatronica ed energia” consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Individuare le proprietà dei materiali in relazione all’impiego, ai processi produttivi e ai trattamenti.2 – Misurare, elaborare e valutare grandezze e caratteristiche tecniche con opportuna strumentazione.3 – Organizzare il processo produttivo contribuendo a definire le modalità di realizzazione, di controllo e collaudo delprodotto.4 – Documentare e seguire i processi di industrializzazione.5 – Progettare strutture apparati e sistemi, applicando anche modelli matematici, e analizzarne le risposte allesollecitazioni meccaniche, termiche, elettriche e di altra natura.6 – Progettare, assemblare, collaudare e predisporre la manutenzione di componenti, di macchine e di sistemitermotecnici di varia natura.7 – Organizzare e gestire processi di manutenzione per i principali apparati dei sistemi di trasporto, nel rispetto dellerelative procedure. 12
  13. 13. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/138 – Definire, classificare e programmare sistemi di automazione integrata e robotica applicata ai processi produttivi.9 – Gestire ed innovare processi correlati a funzioni aziendali.10 – Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali della qualità e della sicurezza.In relazione alle articolazioni: ”Meccanica e meccatronica” ed “Energia”, le competenze di cui sopra sonodifferentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO MECCANICA MECCATRONICA E ENERGIA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazione “Meccanica e meccatronica” Meccanica, macchine ed 4(1) 4 4 energia Sistemi e 4(2) 3 3 automazione Tecnologie meccaniche di processo e 5(3) 5 5 prodotto Disegno, progettazione e organizzazione 3(2) 4 5 industrialeArticolazione “Energia” Meccanica, macchine ed 5 5 5 energia Sistemi e 4 4 4 automazione Tecnologie meccaniche di processo e 4 2 2 prodotto Impianti energetici, disegno e 3 5 6 progettazioneTotale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenza 13
  14. 14. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Prove: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO “ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA”PROFILOIl Diplomato in “Elettronica ed Elettrotecnica”:ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici, elettronici e dellemacchine elettriche, della generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, dei sistemi perla generazione, conversione e trasporto dell’energia elettrica e dei relativi impianti di distribuzione;nei contesti produttivi d’interesse, collabora nella progettazione, costruzione e collaudo di sistemi elettrici edelettronici, di impianti elettrici e sistemi di automazione.È grado dioperare nell’organizzazione dei servizi e nell’esercizio di sistemi elettrici ed elettronici complessi;sviluppare e utilizzare sistemi di acquisizione dati, dispositivi, circuiti, apparecchi e apparati elettronici;utilizzare le tecniche di controllo e interfaccia mediante software dedicato;integrare conoscenze di elettrotecnica, di elettronica e di informatica per intervenire dell’automazione industriale enel controllo dei processi produttivi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione e all’adeguamentotecnologico delle imprese relativamente alle tipologie di produzione;intervenire nei processi di conversione dell’energia elettrica, anche di fonti alternative, e del loro controllo, perottimizzare il consumo energetico e adeguare gli impianti e i dispositivi alle normative sulla sicurezza;nell’ambito delle normative vigenti, collaborare al mantenimento della sicurezza sul lavoro e nella tutela ambientale,contribuendo al miglioramento della qualità dei prodotti e dell’organizzazione produttiva delle aziende.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Elettronica Elettrotecnica Automazione • viene approfondita la • viene approfondita la • viene approfondita la progettazione, progettazione, progettazione, realizzazione e gestione realizzazione e gestione realizzazione e gestione di sistemi e circuiti di impianti elettrici civili e di sistemi di controllo. elettronici.. industriali.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’indirizzo “Elettronica ed elettrotecnica” consegue i risultatidi apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1– Applicare nello studio e nella progettazione di impianti e di apparecchiature elettriche ed elettroniche iprocedimenti dell’elettrotecnica e dell’elettronica.2 – Utilizzare la strumentazione di laboratorio e di settore e applicare i metodi di misura per effettuare verifiche,controlli e collaudi.3 – Analizzare tipologie e caratteristiche tecniche delle macchine elettriche e delle apparecchiature elettroniche, conriferimento ai criteri di scelta per la loro utilizzazione e interfacciamento.4 – Gestire progetti. 14
  15. 15. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 – Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali.6 – Utilizzare linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ad ambiti specifici di applicazione.7 – Analizzare il funzionamento, progettare e implementare sistemi automatici.In relazione alle articolazioni: ”Elettronica”, “Elettrotecnica” ed “Automazione”, le competenze di cui sopra sonodifferentemente sviluppate e opportunamente integrate in coerenza con la peculiarità del percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Diritto ed economia[O] 2 2 Materie comuni a tutte le articolazioni Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative [S-O] 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [O] 3 Complementi di matematica 1 1 Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici 5(3) 5 6Articolazioni “Elettronica” ed “Elettrotecnica”Elettrotecnica ed elettronica 7(3) 6 6Sistemi automatici 4(2) 5 5Articolazione “Automazione”Elettrotecnica ed elettronica 7 5 5Sistemi automatici 4 6 6Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 8 9 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 15
  16. 16. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE”PROFILOIl Diplomato in “Chimica, materiali e biotecnologie”:ha competenze specifiche nel campo dei materiali, delle analisi strumentali chimico-biologiche, nei processi diproduzione, in relazione alle esigenze delle realtà territoriali, negli ambiti chimico, merceologico, biologico,farmaceutico, tintorio e conciario;ha competenze nel settore della prevenzione e della gestione di situazioni a rischio ambientale e sanitario.È in grado di:collaborare, nei contesti produttivi d’interesse, nella gestione e nel controllo dei processi, nella gestione emanutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici, partecipando alla risoluzione delle problematicherelative agli stessi;ha competenze per l’analisi e il controllo dei reflui, nel rispetto delle normative per la tutela ambientale;integrare competenze di chimica, di biologia e microbiologia, di impianti e di processi chimici e biotecnologici, diorganizzazione e automazione industriale, per contribuire all’innovazione dei processi e delle relative procedure digestione e di controllo, per il sistematico adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese;applicare i principi e gli strumenti in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, del miglioramentodella qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi; - collaborare nella pianificazione, gestione e controllo dellestrumentazioni di laboratorio di analisi e nello sviluppo del processo e del prodotto;verificare la corrispondenza del prodotto alle specifiche dichiarate, applicando le procedure e i protocolli dell’area dicompetenza; controllare il ciclo di produzione utilizzando software dedicati, sia alle tecniche di analisi di laboratoriosia al controllo e gestione degli impianti; essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie nelcontesto culturale e sociale in cui sono applicate.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: Chimica e materiali Biotecnologie ambientali •vengono identificate, acquisite e approfondite, •vengono identificate, acquisite e approfondite le nelle attività di laboratorio, le competenze competenze relative al governo e controllo di relative alle metodiche per la preparazione e per progetti, processi e attività, nel rispetto delle la caratterizzazione dei sistemi chimici, normative sulla protezione ambientale e sulla all’elaborazione, realizzazione e controllo di sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro, e allo progetti chimici e biotecnologici e alla studio delle interazioni fra sistemi energetici e progettazione, gestione e controllo di impianti ambiente, specialmente riferite all’impatto chimici. ambientale degli impianti e alle relative emissioni inquinanti.A conclusione del percorso quinquennale, Il Diplomato nell’indirizzo “Chimica, materiali e biotecnologie” consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Acquisire i dati ed esprimere quantitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni di un fenomenoattraverso grandezze fondamentali e derivate.2 – Individuare e gestire le informazioni per organizzare le attività sperimentali.3 – Utilizzare i concetti, i principi e i modelli della chimica fisica per interpretare la struttura dei sistemi e le lorotrasformazioni.4 – Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie, nel contesto culturale e sociale in cui sonoapplicate. 16
  17. 17. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/135 - Intervenire nella pianificazione di attività e controllo della qualità del lavoro nei processi chimici e biotecnologici.6 – Elaborare progetti chimici e biotecnologici e gestire attività di laboratorio.7 – Controllare progetti e attività, applicando le normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza.In relazione a ciascuna delle articolazioni le competenze elencate sono sviluppate coerentemente con la peculiaritàdel percorso di riferimento.QUADRO ORARIO INDIRIZZO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3(1) 3(1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3(1) 3(1) Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3(2) Scienze e tecnologie applicate [S-P] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazioni “Chimica e materiali”Chimica analitica e strumentale 7(4) 6 8Chimica organica e biochimica 5(3) 5 3Tecnologie chimiche industriali 4(1) 5 6Articolazione “Biotecnologie ambientali”Chimica analitica e strumentale 4 4 4Chimica organica e biochimica 4 4 4Biologia, microbiologia e tecnologie di controllo ambientale 6 6 6Fisica ambientale 2 2 3Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 17 10Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 17
  18. 18. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “TRASPORTI E LOGISTICA”PROFILOIl Diplomato in “Trasporti e logistica”:- ha competenze tecniche specifiche e metodi di lavoro funzionali allo svolgimento delle attivitàinerenti la progettazione, la realizzazione, il mantenimento in efficienza dei mezzi e degli impiantirelativi, nonché l’organizzazione di servizi logistici;- opera nell’ambito dell’area Logistica, nel campo delle infrastrutture, delle modalità di gestionedel traffico e relativa assistenza, delle procedure di spostamento e trasporto, della conduzione delmezzo in rapporto alla tipologia d’interesse, della gestione dell’impresa di trasporti e della logisticanelle sue diverse componenti: corrieri, vettori, operatori di nodo e intermediari logistici;- possiede una cultura sistemica ed è in grado di attivarsi in ciascuno dei segmenti operativi delsettore in cui è orientato e di quelli collaterali.Sbocchi professionali:- Partecipare ai concorsi pubblici.- Lavorare presso società di navigazione aree, marittime e dei trasporti terrestri.- Operare come impiegato nelle industrie come responsabile della logistica.- Svolgere la libera professione.- Accesso a tutti i percorsi universitari o potrà proseguire gli studi nei corsi di formazioneprofessionale post diploma.Nella “top ten” delle figure più difficili da reperire, secondo i dati Excelsior di Unioncamere, gliaddetti alla logistica sono al secondo posto.Nell’indirizzo sono previste le seguenti articolazioni: "Costruzione del mezzo" e "Logistica" Costruzione del mezzo Logistica • riguarda la costruzione e la • riguarda l’approfondimento delle manutenzione del mezzo aereo, navale problematiche relative alla gestione, al e terrestre e l’acquisizione delle controllo degli aspetti organizzativi del professionalità nel campo delle trasporto aereo, marittimo e terrestre, certificazioni didoneità all’impiego dei anche al fine di valorizzare mezzi medesimi. l’acquisizione di idonee professionalità nell’interrelazione fra le diverse componenti.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione “Costruzione del mezzo”consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Identificare, descrivere e comparare tipologie e funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto.2 – Gestire il funzionamento di uno specifico mezzo di trasporto e intervenire nelle fasi diprogettazione, costruzione e manutenzione dei suoi diversi componenti. 18
  19. 19. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/133 – Mantenere in efficienza il mezzo di trasporto e gli impianti relativi.4 – Gestire e mantenere in efficienza i sistemi, gli strumenti e le attrezzature per il carico e loscarico dei passeggeri e delle merci, anche in situazioni di emergenza.5 – Gestire la riparazione dei diversi apparati del mezzo pianificandone il controllo e laregolazione.6 – Valutare l’impatto ambientale per un corretto uso delle risorse e delle tecnologie.7 – Gestire le attività affidate seguendo le procedure del sistema qualità, nel rispetto dellenormative di sicurezza.A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell’articolazione "Logistica" consegue irisultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze:1 – Gestire tipologie e funzioni dei vari mezzi e sistemi di trasporto.2 – Gestire il funzionamento dei vari insiemi di uno specifico mezzo di trasporto.3 – Utilizzare i sistemi di assistenza, monitoraggio e comunicazione nei vari tipi di trasporto. /p>4 – Gestire in modo appropriato gli spazi a bordo e organizzare i servizi di carico e scarico, disistemazione delle merci e dei passeggeri.5 – Gestire l’attività di trasporto tenendo conto delle interazioni con l’ambiente esterno (fisico edelle condizioni meteorologiche) in cui viene espletata.6 – Organizzare la spedizione in rapporto alle motivazioni del viaggio ed alla sicurezza deglispostamenti.7 – Sovrintendere ai servizi di piattaforma per la gestione delle merci e dei flussi passeggeri inpartenza ed in arrivo.8 – Operare nel sistema qualità nel rispetto delle normative di sicurezza. 19
  20. 20. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13QUADRO ORARIO INDIRIZZO TRASPORTI E LOGISTICA 1° biennio 2° biennioDISCIPLINE con indicazione prove di valutazione I° II° III° IV° V° Lingua e letteratura italiana [S-O] 4 4 4 4 4 Storia [O] 2 2 2 2 2 Lingua inglese [S-O] 3 3 3 3 3 Matematica [S-O] 4 4 3 3 3 Materie comuni a tutte le articolazioni Diritto ed economia [O] 2 2 2 2 2 Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) [O] 2 2 Scienze integrate (Fisica) [O-P/G] 3 3 Scienze integrate (Chimica) [O-P/G] 3 3 Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica [O-P/G] 3 3 Scienze motorie e sportive [O-P] 2 2 2 2 2 Religione Cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 Tecnologie informatiche [S-P] 3 Scienze e tecnologie applicate [S-P] 3 Complementi di matematica 1 1Articolazione “Costruzione del mezzo”Struttura, costruzione, sistemi e impianti del mezzo 7 6 8Meccanica, macchine e sistemi propulsivi 5 5 3Logistica 4 5 6Articolazione “Logistica”Scienze della navigazione e struttura dei mezzi di trasporto 4 4 4Meccanica e macchine 4 4 4Logistica 6 6 6Scienze della navigazione e struttura dei mezzi di trasporto 2 2 3Totale 32 32 32 32 32Totale ore di laboratorio 5 3 17 10 20
  21. 21. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORDINAMENTO PREVIGENTE[classi quarte e quinte]Il triennio è finalizzato a consolidare e sviluppare la formazione generale e a costruire la professionalità attraverso leproposte formative delle varie specializzazioni. Come previsto dal DPR emanato il 15 marzo 2010 in tutte le classi èstata effettuata la riduzione a 32 ore settimanali. (Circolare 4651 del 31 /05/2011).INDIRIZZO CHIMICO AMBIENTALEIl diploma di perito chimico permette:di esercitare la libera professione come consulente nel settore ambientale (inquinamento dellaria, acqua e suolo) edigienico sanitario;di inserirsi in tutte le industrie alimentari, chimiche e manifatturiere, come capo reparto addetto al controllo qualità,nei laboratori pubblici e privati, nelle pubbliche amministrazioni come esperto nel settore ecologico ambientale.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe IV Classe VReligione/Attività alternative 1 1Lingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia e Filosofia [O] 2 2Lingua straniera [O] 3 2Matematica [S-O] 3 3Economia Industriale, elementi di diritto e legislazione sanitaria ed ambientale[O] 2 2Chimica fisica ambientale [O] 2(1) 3Chimica organica, bio-organica, elementi di ecologia e tossicologia [O-P IV° anno]; [O V° anno] 5 (3) 3 (2)Analisi chimica, elaborazione dati e laboratorio [O-P/G] 4 (3) 4 (4)Chimica degli agenti inquinanti [O] - 2(2)Tecnologie chimiche ambientali, principi di automazione e laboratorio [S/G-O] 5 (2) 5 (2)Educazione fisica [O-P] 2 2Totale ore – tra parentesi ore di laboratorio- 32 (9) 32 (10)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO MECCANICOIl diploma di perito meccanico: prepara al ruolo di caporeparto dellindustria meccanica ed al ruolo di organizzazione della manutenzione in qualsiasitipo di industria;consente lesercizio della libera professione nel campo della progettazione di impianti idrici, di riscaldamento e di ariacompressa; crea la figura di perito per linfortunistica stradale. 21
  22. 22. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13QUADRO ORARIO Discipline del piano di studio Classe Classe V IV Lingua e lettere italiane [S-O] 3 3 Storia [O] 2 2 Lingua straniera [O] 2 2 Matematica [S-O] 3 3 Economia Industriale ed elementi di diritto [O] 2 2 Meccanica applicata e Macchine fluido [S-O] 4 (1) 4 Tecnologia meccanica ed Esercitazioni [O-P] 5 (3) 5 (4) Disegno, Progettazione ed Organ.ne ind.le [S/G-O] 5 (1) 5 (2) Sistemi ed Automazione industriale [O-P] 3 (3) 3 (2) Educazione fisica [O-P] 2 2 Religione/Attività Alternative 1 1 Totale ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32 (8) 32 (8)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONIIl diploma di perito elettronico:crea una figura di tecnico specializzato in settori di avanguardia: elettronica, automatismi,telecomunicazioni e informatica, permettendo linserimento in ogni tipo di industria, laboratorio,studio tecnico, azienda e pubblica amministrazione.consente lesercizio della libera professione nel campo elettrico ed elettronico.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe Classe IV VLingua e lettere italiane[S-O] 3 3Storia[O] 2 2Lingua Straniera ; [O] 3 2Economia industriale ed elementi di diritto [O] 2 2Matematica [S-O] 3 3Meccanica e macchine [O] - -Elettrotecnica [S-O] 2 -Elettronica [S-O-P] 4 (2) 4 (2)Sistemi elettronici automatici [S-O] 3 (2) 5 (2) 22
  23. 23. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13Telecomunicazioni [S-O] 3 4 (1)Tecnologie elettroniche disegno e progettazione [G-O-P] 4 (3) 4 (3)Educazione Fisica [O-P] 2 2Religione / Attività alternative 1 1Totale ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32(7) 32(8)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= GraficoINDIRIZZO ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONEIl diploma di perito elettrotecnico:permette di esercitare la libera professione nel campo della progettazione degli impianti elettrici civili ed industriali;consente linserimento nella piccola, media e grande industria con responsabilità di caporeparto addetto allaprogettazione, al controllo e alla manutenzione degli impianti e dei macchinari elettrici.QUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe IV Classe VLingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia [O] 2 2Lingua Straniera [O ] 2 2Economia industriale con elementi di diritto [O] 2 2Matematica [S-O] 3 3Meccanica e macchine [O] - -Elettrotecnica [S-O-P] 4 (2) 5 (2)Elettronica [O] 3 -Sistemi elettrici automatici [S-O] 3 (2) 4 (2)Impianti elettrici[S-O] 3 4Tecnologie elettriche, disegno e progettazione 4 (3) 4 (3)[S-O-P]Educazione Fisica [O-P] 2 2Religione / Attività alternative 1 1Totale ore –tra parentesi le ore di laboratorio 32(7) 32(7)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 23
  24. 24. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO INFORMATICA (ABACUS)Il perito Industriale per linformatica collabora all’analisi di sistemi informatici ed alla progettazione di programmiapplicativi, sviluppa pacchetti software di vario genere, progetta sistemi di elaborazione dati anche in rete locale,pianifica lo sviluppo delle risorse informatiche nelle aziende, cura l’esercizio di sistemi di elaborazione dati, assiste gliutenti dei sistemi di elaborazione dati fornendo consulenza e formazione di baseQUADRO ORARIODiscipline del piano di studio Classe Classe V IVLingua e lettere italiane [S-O] 3 3Storia ed educazione civica [O] 2 2Educazione fisica [O-P] 2 2Lingua straniera (Inglese) [O] 3 3Matematica [S-O-P] 4(1) 3(1)Calcolo delle probabilità, statistica, ricerca operativa [O-P] 3 3(1)Elettronica e telecomunicazioni [S-O-P] 4(2) 5(3)Informatica [S-O] 5(3) 5(4)Sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni 5(3) 5(3)[S-O-P]Religione - attività alternativa 1 1TOTALE ore – tra parentesi le ore di laboratorio 32(9) 32(12)Tra parentesi sono indicate le ore in compresenzaProve: S= Scritto; O= Orale; P= Pratico; G= Grafico 24
  25. 25. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13CORSO SERALE PROGETTO SIRIOIl progetto SIRIO è nato dall’esigenza di rispondere ai profondi cambiamenti dell’ultimo ventennioche hanno posto l’esigenza di soddisfare, in modo adeguato, i nuovi bisogni formativi espressidalla società, con il ricorso ad efficaci forme di educazione permanente. Esso, infatti, intendesoddisfare la necessità di realizzare più agili e nuove forme di qualificazione di giovani ed adultiprivi di una professionalità aggiornata per i quali il possesso del diploma di licenza media noncostituisce più una garanzia dall’emarginazione culturale e/o lavorativa. Parimenti, risponde albisogno di consentire la “riconversione professionale” ad adulti già inseriti in attività lavorative,che vogliano ripensare o debbano ricomporre la loro identità professionale. Questo interventointende anche essere, da un lato, uno strumento volto a contenere la dispersione scolastica e,dall’altro, una risposta ai bisogni di una maggiore formazione espressa dal mondo imprenditoriale.Il percorso formativo è caratterizzato da elementi di flessibilità e modularità ed è strutturato, nelnostro istituto, in un triennio finalizzato al conseguimento della maturità tecnica industriale negliindirizzi meccanica ed elettrotecnica e automazione. I corsi, considerata la particolaritàdell’utenza, prevedono le attività curricolari nella fascia serale su cinque giorni e 28 oresettimanali.ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONEMaterie e quadro orarioMateria III ° IV ° V° ProvaItaliano e Storia 4 4 4 SOInglese 2 2 2 SO (a)Economia industriale e Diritto - 2 2 OMatematica 4 3 2 SOMeccanica e macchine 3 - - OElettronica 4(2) 3 - SO (b)Elettrotecnica 4(2) 4(2) 6(2) SOPSistemi elettrici 3(2) 3(2) 3(2) SOImpianti elettrici - 3 4 SOTecnologie, disegno e progettazione 4(3) 4(4) 5(4) GOPArea di progetto (c) (c) (c)Totale ore 28(9) 28(8) 28(8)NoteI numeri tra parentesi indicano le ore di laboratorioProve: S Scritto O Orale P Pratico G Grafico(a) Nel quarto e quinto anno la prova è solo orale(b) Nel quarto anno la prova è solo orale(c) AllArea di progetto può essere assegnato un monte ore annuo pari ad un massimo del 10% del monte oreannuo delle discipline coinvolte. 25
  26. 26. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13MECCANICAMaterie e quadro orarioMateria III ° IV ° V° ProvaItaliano Storia 4 4 4 SOInglese 2 2 2 SO (a)Economia industriale e Diritto - 2 2 OMatematica 4 3 2 SOMeccanica e macchine a fluido 6(2) 4(2) 4 SOTecnologia meccanica 4(4) 4(4) 5(5) OPe esercitazioniDisegno, progettazione e organizzazione 4 5(1) 5(2) SGOSistemi e automazione 4(2) 4(3) 4(3) OPArea di progetto (b) (b) (b)Totale ore 28(8) 28(10) 28(10)NoteI numeri tra parentesi indicano le ore di laboratorio che si svolgono sempre con la presenza dellinsegnantedella materia e di un insegnante tecnico pratico specifico della materia.Prove: S Scritto O Orale P Pratico G Grafico(a) Nel quarto e quinto anno la prova è solo orale(b) AllArea di progetto può essere assegnato un monte ore annuo pari ad un massimo del 10% del monte oreannuo delle discipline coinvolte.ORARIO DELLE LEZIONIITIS “ALESSANDRINI” Lunedì e Sabato Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 1^ora 2^ora 3^ora 4^ora 5^ora 8.05 9.05 10.05 11.05 12.05 8.05 9.35 10.35 11.35 12.35 9.05 10.05 11.05 12.05 13.05 9.35 10.35 11.35 12.35 13.30 Intervallo biennio 9.55 – 10.05 Intervallo biennio 10.25 – 10.35 Intervallo triennio 10.55 – 11.05 Intervallo triennio 11.25 – 11.35 26
  27. 27. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ORARIO SERALE PROGETTO SIRIO Ora Lun. Mar. Mer. Gio. Ven. 1 17.00 -17.50 2 17.50 – 18.40 3 18.40 – 19.30 4 19.30 – 20.20 5 20.20 – 21.10 6 21.10 – 22.00L’ITG “C.FORTI”LI.T.G. "C.Forti" è un Istituto tecnico , settore tecnologico, con indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio.I corsi si articolano in cinque anni, al termine dei quali gli allievi conseguono un diploma di scuola secondaria disecondo grado.SPAZI E LABORATORIL’area di pertinenza della scuola è composta da un ampio spazio antistante, recintato, parte del quale è arredato averde, parte destinato a parcheggio e parte per attività sportive (campo di pallacanestro).La planimetria dell’edificio ha la forma di una elle (L), con due ali collegate tra di loro dall’atrio di ingresso:  una con direzione Sud-Est, che si eleva in parte a tre piani ed in parte a due piani;  l’altra con direzione Sud-Ovest, che si eleva in parte a due piani ed in parte al solo piano rialzato.Per i collegamenti verticali dell’edificio, sono presenti tre ampie scalinate, situate una al centro dell’atrio di ingressoprincipale e le altre due nelle estremità delle ali. È presente, inoltre, un ascensore nell’ala Sud-Est, che collegal’ingresso del piano terra al secondo piano. 27
  28. 28. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13ALA Piano Terra Atrio di ingresso principale BibliotecaSUD- (ingresso su Archivio uffici di SegreteriaEST Via Cona): Laboratorio di Tecnologia delle Costruzioni Palestra con gradinata Spogliatoi (n°2) con servizi (n°2) e docce Magazzini (n°2) annessi alla Palestra Uffici di Presidenza e Segreteria Piano Primo Aule (n°8) (rialzato): Servizi (n°3) Magazzini per attrezzature (n°3) Laboratorio di Chimica e Fisica Laboratorio di Lingue Aule di Informatica (n°3) Aula Multimediale Aula C.I.C. Aula di Disegno con tecnigrafi Aule (n°5) Piano Aula di Agraria e Scienza . Secondo: Aula di Costruzioni Laboratorio di G.P.S. e Fotogrammetria Servizi (n°2) Scale di sicurezza 28
  29. 29. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13 Aule (n°5) ALA Piano Primo Servizi (n°2 + 1 per portatori handicap) Sala Professori SUD- (rialzato) Auditorium con saletta di regia OVEST Laboratorio di Informatica Aula Centro Educazione Ambientale Zona di ricreazione con bar Ripostiglio attrezzi pulizia Aule (n°5) Piano Secondo Servizi (n°2) Scale di sicurezzaLABORATORI Aula di Disegno con tecnigrafi. 2 Aule di Informatica. Aula multimediale con proiezione audiovisiva collegata al PC per disegno tridimensionale . Aula per il C.I.C.. Laboratorio di Tecnologia delle Costruzioni. Laboratorio di Fisica. Laboratorio di Chimica. Laboratorio di Lingue. Laboratorio di Agraria e Scienze. Laboratorio di Costruzioni. Laboratorio di Topografia. Laboratorio di Fotogrammetria (G.P.S.). 29
  30. 30. I.I.S. ALESSANDRINI – MARINO-FORTI POF 2012/13INDIRIZZO “COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO”PROFILO PROFESSIONALE DEL DIPLOMATO IN COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIOLa preparazione specifica del diplomato in “Costruzioni, Ambiente e Territorio” si basa prevalentemente sul possessodi capacità grafico-progettuali, relative ai settori del rilievo e delle costruzioni e di conoscenze inerenti l’organizzazionee la gestione del territorio.La formazione integrata da idonee capacità linguistico-espressive e logico-matematiche sarà completata da buoneconoscenze economiche, giuridiche ed amministrative e consentirà al diplomato l’inserimento in situazioni di lavorodiversificate e/o la prosecuzione degli studi.Il livello di formazione, orientato verso un’operatività professionale di grado intermedio, sarà raggiunto tramitel’acquisizione dei principi e dei metodi fondamentali delle aree di competenza. Frequenti esercitazioni ed incontri conesperienze reali renderanno familiari all’alunno le moderne tecniche operative e ne stimoleranno la propensione alcontinuo aggiornamento dopo il conseguimento del diploma.COERENTEMENTE CON QUESTE FINALITÀ, IL DIPLOMATO DOVRÀ:  Partecipare alla progettazione, realizzazione, conservazione, trasformazione e miglioramento di opere civili di caratteristiche coerenti con le competenze professionali.  Operare, anche in gruppi di lavoro, nell’organizzazione, assistenza, gestione e direzione dei cantieri.  Organizzare e redigere computi metrici preventivi e consuntivi e tenere regolamentari registri di cantiere, anche con l’ausilio di mezzi informatici.  Effettuare rilievi utilizzando metodi e tecniche tradizionali ed innovative, con applicazioni relative alla rappresentazione del territorio urbano ed extraurbano.L’ATTIVITÀ DIDATTICA DOVRÀ ESSERE IMPOSTATA IN MODO DA CONSENTIRE LAMATURAZIONE DI CAPACITÀ OPERATIVE CHE METTANO IL DIPLOMATO IN GRADO DI:  Collaborare alla progettazione e realizzazione di modesti impianti tecnologici (idrici, igienico-sanitari, termici), anche in funzione del risparmio energetico.  Inserirsi in gruppi di lavoro per progettazioni urbanistiche ed elaborazioni di carte tematiche.  Partecipare ad interventi sul territorio, sia in fase progettuale che esecutiva, per la realizzazione di infrastrutture, di opere di difesa e salvaguardia, di interventi idraulici e di bonifica di modeste dimensioni.  Valutare, anche sotto l’aspetto dell’impatto ambientale, immobili civili ed interventi territoriali di difesa dell’ambiente.  Effettuare accertamenti e stime catastali.Le capacità indicate saranno integrate con una sufficiente conoscenza della legislazione inerente il campo di attività.L’Istituto, inoltre, attraverso interventi compensativi, migliora la formazione dell’alunno con l’acquisizione disignificative conoscenze informatiche e linguistiche, dell’utilizzo degli strumenti tecnici e professionali più aggiornati(visite alle mostre, studi professionali, laboratori ed aziende), per meglio rispondere alle esigenze di una professione incontinua evoluzione e costretta a misurarsi nel contesto europeo e mondiale. 30

×