I primi 20 anni con Silvio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

I primi 20 anni con Silvio

  • 5,300 views
Uploaded on

- I principali meriti di Berlusconi in politica ...

- I principali meriti di Berlusconi in politica
- I governi Berlusconi in sintesi

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Come ho già detto questo paese ha dei personaggi che fanno gli interessi degli altri e non quelli del popolo italiano. La guerra della Libia, non voluta da Berlusconi, è stata imposta da Napolitano (che pur essendo comunista appoggia esternamente i noti club). Gheddafi era un nostro alleato, avevamo grossi interessi in Libia ed ora ci troviamo nella situazione che il greggio importato è pari al 25% di prima, il gas è a rischio chiusura, mentre abbiamo ingrassato Francia, Gran Bretagna e USA che hanno preso il nostro posto nel paese. Berlusconi doveva opporsi a quella guerra o altrimenti dare le dimissioni, facendo più bella figura. Invece si è sottomesso alla cricca massonica, che poi lo ha portato alle dimissioni con l'elezione del fantoccio Monti (massone, Bilderberg, Trilaterale, Goldman Sachs) che veramente ci ha portato sull'orlo del disastro, seguito poi dal bamboccio Letta. E così ci troviamo con governi a favore dei matrimoni gay, della droga libera, dell'immigrazione selvaggia (dove la sinistra spera di recuperare i suoi voti futuri) spinta anche nei mesi invernali (tanto arriva la flotta a salvare le barche), tasse sempre più alte tanto da far emigrare tante industrie e ridurre la popolazione sempre più povera. Caro Marcello, adesso bisogna darsi una mossa e cercare di correre ai ripari prima che sia troppo tardi. Berlusconi sicuramente scenderà in piazza per vincere le elezioni, ma deve creare immediatamente anche un suo futuro sostituto perchè se dovesse defungere, il partito potrebbe anche crollare (i voti li attira lui) e il paese sarebbe completamente in mano alla sinistra, con tutto quel che segue.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • credo sia molto importante non rassegnarsi a questa 'corrente del golfo' che non ci porterà un clima più mite nel mondo politico, bensì ad un mondo pieno di falsità, ipocrisia,buonismo pelosoecc ecc. tutte cose negative ovviamente, almeno per coloro che vogliono bene al paese . stiamo attenti che lentamente stiamo cadendo nel baratro del politicamente corretto con tutte le conseguenze che ne derivano. droghe (leggere o meno),unioni gay con tutte le loro necessità (leggi adozioni),immigrati (serbatoi di voti per la sinistra in futuro), ius soli, diritti (ma quando parleranno anche doveri?), il cristianesimo(ma noi lo siamo),la paura di offendere(????) le altre religioni quando invece massacrano i ns correligionari nei paesi mussulmani ,ecc ecc . forse sarò troppo pessimista anche data l'età, ma sento il dovere di non rassegnarmi a questo stato di cose che invaderanno (e già sono presenti) il futuro ns e dei ns figli. pensiamoci bene, mi sono sentito rassicurato con la bossi-fini (scusate il secondo nome) , e seppur da modificare era una buona legge a ns tutela. ultima cosa che rimprovero anche a B è non aver mandato a quel paese Sarkosi invece di invadere la Libia, con quella amanovra ci siamo legati mani e piedi in un'avventura pericolosa e squalificante davanti agli occhi del mondo. speriamo bene . scusatemi per lo sfogo.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Concordo con Marilli sul fatto che ci sono le solite facce per tutti i partiti, mentre considero il cattocomunista Renzi una meteora che serve solo per catturare voti. Per quanto riguarda Errani, una parte di ragione ce l'ha, in quanto quando Silvio aveva una maggioranza cospicua non ha rivoltato il paese come un calzino. Ma c'è più di una ragione: tradimenti all'interno del partito stesso di maggioranza e della coalizione, una magistratura sempre alle costole che distoglieva il Presidente del Consiglio dal suo principale dovere che è quello di governare. Se ci fosse stata una riforma della giustizia il capo del governo dovrebbe essere giudicato alla fine del suo mandato, come d'altronde avviene in Francia, in modo che uno statista può impegnare il suo tempo a governare invece di passare giornate in tribunale. Le riforme per il rilancio del paese non saranno sicuramente messe in atto da questo governo il cui capo (come d'altronde il suo predecessore) è membro del club Bilderberg, della Trilaterale, della Goldman Sachs, ecc. Questi signori fanno gli interessi dei loro gruppi e non sicuramente dell'Italia e per questo dovrebbero essere processati per alto tradimento. Spero che tu sappia che il signor Monti ha firmato il MES (Meccanismo Europeo di Stabilità), che è un trattato con cui l'Italia si è impegnata a versare 125 miliardi di euro per un fondo europeo destinato alle nazioni a rischio fallimento. Nel momento in cui una nazione rischia di fallire non riceverà i soldi che ha versato (dopo averli presi dalla nostre tasche), ma dovrà chiederli come prestito con interessi. Inoltre Monti non ha trovato i soldi per eliminare l'IMU (4 miliardi), però per darli al MPS (4 Miliardi) ha emesso i Monti-bond e a suo tempo ha già versato 12,5 miliardi al MES. E questi sarebbero i bravi amministratori che dovrebbero portarci fuori dal precipizio mentre invece pensano solo agli interessi dell'Europa e del club di cui fanno parte? Almeno Berlusconi ha sempre amato l'Italia, cercando di fare, pur con tutti i limiti che sappiamo, il bene degli individui, delle famiglie, delle imprese, non delle BANCHE! Perciò: o ci liberiamo di questa gentaglia, oppure dovremo andare a vivere all'estero.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • il signor(??)Errani esprime concetti che vanno bene per il suo partito, che penso sia il pd. desidero dirgli anche che a proposito di solite facce anche i suoi non scherzano. è inutile che ci venga a dire che loro stanno cercando di migliorare la loro rappresentanza,sappiamo bene come andrà a finire: la loro nomenclatura fermerà tutto e tutti, compreso il Fonzie di Firenze che per precisione non lo considero il mio sindaco pur essendo fiorentino .
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Commentare quello che avete fatto richiederebbe troppo tempo, dite piuttosto quello che non avete fatto o avete fatto male nonostante la maggioranza che vi abbiamo dato avesse tutte le possibilità.

    TUTTO quello che Re Silvio ci aveva promesso non è stato fatto, non è stato tagliato un cent di sprechi e spese superflue, TUTTI hanno continuato a farsi i propri interessi infischiandosene del Paese che stava andando in malora e quando siete arrivati sul precipizio per manifesta incapacità a governare avete passato la mano a Monti e poi a Letta. BRAVI complimenti, vi dovrebbero dare il premio oscar. Continuate a proporre le stesse facce, ma non avete capito che non ci sentiamo più rappresentati da voi? Dai soliti Berlusconi, Verdini, Gasparri, Bondi, Bonaiuti, Santanchè. Gasparri, Capezzone, Scilipoti, Razzi, Biancofiore, Brambilla, Prestigiacomo, Gelmini, Carfagna, ecc. ecc. TUTTI mangia pane a tradimento, incapaci nonchè parassiti servi adulatori.

    L’Italia sta morendo e voi ci fate ancora le stesse promesse, grazie, tempo scaduto, togliete il disturbo e lasciate che altri provino a fare quello che voi non siete stati capaci di fare.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
5,300
On Slideshare
5,225
From Embeds
75
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
26
Comments
9
Likes
3

Embeds 75

http://forzaitaliabitonto.it 73
https://twitter.com 1
http://www.facebook.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. I PRIMI VENTANNI www.forzaitalia.it SILVIO
  • 2. I prin cipali merit di Ber i luscon in pol i itica www.forzaitalia.it
  • 3. NELL’INTERESSE DEL PAESE 1 2 I cittadini scelgono il Premier BB erlusconi ha tolto alle segreterie dei partiti e consegnato ai cittadini la possibilità di scegliere premier, coalizione e programma di governo. Bipolarismo, democrazia compiuta stabilità di governo 2 B B ipolarismo e alternanza di governo sono il frutto dell’azione politica di Silvio Berlusconi. Essa ha inoltre prodotto lo “sdoganamento” della destra politica, che prima era fuori dal cosiddetto “arco costituzionale”, la piena inclusione della Lega Nord, un ricambio del personale politico grazie all’impegno diretto di migliaia di cittadini, giovani, imprenditori, professionisti, docenti, che prima non si erano mai occupati della cosa pubblica.
  • 4. NELL’INTERESSE DEL PAESE 3 4 Libertà e sussidiarietà per uno Stato al servizio dei cittadini BB erlusconi ha affermato il primato della persona e della società sui partiti e sullo Stato, che devono essere al servizio dei cittadini e non viceversa. Il principio di sussidiarietà e la riduzione del perimetro di azione dello Stato sono il cardine di questa politica e di tutte le riforme intraprese: ne sono esempi la riforma del fisco 2003-2005, (no tax area, due tagli delle tasse per un totale di 11 miliardi, sistema delle deduzioni); l’attenzione concreta al mondo del non profit con iniziative come il 5x1.000 e la deduzione dei contributi alle realtà del terzo settore; le scelte di fronte ai temi eticamente sensibili, fatte seguendo i valori non negoziabili della vita umana. Riforme istituzionali per poter governare davvero BB erlusconi ha sempre ribadito l’assoluta necessità di una riforma delle istituzioni che metta chi governa in condizione di realizzare gli impegni con gli elettori. La riforma costituzionale del 2005 (cancellata dal referendum del 2006) aveva reso le istituzioni più moderne ed efficienti, rafforzando i poteri del premier, eliminando il bicameralismo perfetto, riducendo di 175 il numero dei parlamentari, ristabilendo l’equilibrio tra competenze nazionali e regionali.
  • 5. NELL’INTERESSE DEL PAESE 5 6 Avvio delle grandi riforme RR iforma della scuola, dell’università, del mercato del lavoro, della pubblica amministrazione, del fisco, delle pensioni, della giustizia, della Costituzione, federalismo, legge obiettivo per le grandi opere, legge sull’immigrazione, codice della strada, del turismo... non c’è settore nel quale i governi Berlusconi non abbiano avviato quelle riforme strutturali che il nostro Paese attendeva da decenni e il cui completamento è fondamentale per il futuro del nostro Paese. Miglioramento della qualità della vita quotidiana AA bolizione della leva obbligatoria, divieto di fumare nei locali pubblici, abolizione dell’Ici, patente a punti, digitalizzazione dei servizi della pubblica amministrazione e la loro fruizione nelle tabaccherie, in posta e nelle aziende. Questi sono alcuni esempi dei provvedimenti dei governi Berlusconi che hanno realizzato miglioramenti “piccoli” ma concreti della vita quotidiana dei cittadini.
  • 6. NELL’INTERESSE DEL PAESE 7 8 Mai così tanti successi contro la criminalità II nasprimento delle pene, impulso all’attività investigativa, nuove leggi per aggredire i patrimoni mafiosi, codice antimafia: questi strumenti hanno reso possibile l’arresto di 32 dei più pericolosi latitanti e la sottrazione alla mafia di beni per oltre 25 miliardi. La lotta alla grande criminalità è sempre stata affiancata da iniziative contro la “piccola” criminalità come il poliziotto e carabiniere di quartiere, l’operazione “strade sicure” con oltre 4.000 militari a presidiare le periferie cittadine, l’aumento delle pene contro gli stupri, l’introduzione del reato di stalking, i nuovi poteri ai sindaci in materia di sicurezza. Contro l’uso politico della giustizia BB erlusconi ha provato e continua a provare sulla sua pelle la necessità di realizzare un corretto equilibrio tra politica e ordine giudiziario, la cui parte politicizzata ha svolto una funzione disgregante della coesione nazionale. Questa anomalia giudiziaria non è nata con la discesa in campo di Berlusconi ma si è sviluppata ulteriormente come reazione alle proposta di riforma.
  • 7. NELL’INTERESSE DEL PAESE 9 1 0 Più forza all’Italia in Europa e nel mondo CC on il suo stile personale ma incisivo, Berlusconi ha promosso il legittimo interesse nazionale attraverso una politica estera chiara e senza titubanze: stretta e amichevole collaborazione con gli Stati Uniti; fedeltà alla Nato e ampliamento dell’alleanza; piena integrazione europea della Federazione Russa e della Turchia; sostegno a Israele; sviluppo euro mediterraneo; ruolo attivo dell’Italia nelle missioni di pace e nella lotta contro il terrorismo internazionale; nessuna subalternità rispetto ai partner europei; sviluppo della “diplomazia commerciale”, con nuovi contratti per oltre 30 miliardi per le imprese italiane. Nuovo modo di comunicare BB erlusconi ha rivoluzionato la comunicazione politica e le campagne elettorali, utilizzando creativamente tutti gli strumenti di comunicazione per parlare direttamente ai cittadini, usando un linguaggio chiaro, semplice, diretto, concreto. L’esatto opposto del linguaggio opaco e autoreferenziale tipico della politica italiana fino al 1994.
  • 8. I gove Berlu rni s in sin coni tesi www.forzaitalia.it
  • 9. 2001 MENO TASSE Raddoppio delle detrazioni per i figli. Abolizione tassa di successione e donazione. RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO Regole più semplici per creare, gestire e far crescere un’impresa, in linea con le direttive europee. L’ultima riforma organica risaliva al 1942. LEGGE OBIETTIVO PER LE GRANDI OPERE Velocizza l’iter per l’avvio dei lavori e possibilità di utilizzare capitali privati. Piano Grandi Opere, con 125 opere fondamentali. PIANO D’AZIONE PER L’AFRICA E-GOVERNMENT PER LO SVILUPPO Il G8 di Genova decide il Piano di Azione per l’Africa. AUMENTO DELLE PENSIONI MINIME Un milione di lire (516 euro) al mese. Ha interessato 1.835.000 pensionati anziani e poveri. 2001 AFGHANISTAN: PARTECIPAZIONE A “ENDURING FREEDOM” Missione militare in Afghanistan, per difendere la popolazione dai terroristi e avviare la ricostruzione.
  • 10. 2002 POLIZIOTTO E CARABINIERE DI QUARTIERE All’inizio in 28 capoluoghi di provincia. A fine legislatura sono 3.700 in 748 zone di tutte le città. OPERAZIONI “VIE LIBERE” Prevenzione contro la criminalità di strada, lo spaccio, la prostituzione, l’immigrazione clandestina, i furti, gli scippi, la contraffazione. CONFERMA LEGGE 41 BIS Stabilizzazione del regime di carcere duro contro i mafiosi. LEGGE BOSSI-FINI Contrasto dell’immigrazione clandestina e permesso di soggiorno vincolato al possesso di un contratto di lavoro. Regolarizzazione di 635.000 lavoratori immigrati. ACCORDO NATO-RUSSIA A PRATICA DI MARE La Russia nel vertice NATO e Dichiarazione di Roma sugli interventi comuni contro il terrorismo e la non proliferazione delle bombe atomiche. 2002 RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Prima semplificazione delle norme e delle procedure per i cittadini e per le imprese. Portale nazionale italia.gov.it.
  • 11. 2003 PRIMA RIDUZIONE DELLE TASSE No tax area fino a 6.500 euro di reddito. Prima riduzione dell’ Irpef (5,5 miliardi) per i redditi fino a 25.000 euro. Prima riduzione Irap. LEGGE BIAGI Riforma del mercato del lavoro e nuovi strumenti per far emergere il lavoro nero. A fine legislatura la disoccupazione scende dal 9,6% al 7,1%. I nuovi posti di lavoro sono 1.536.000, di cui due su tre a tempo indeterminato. RIFORMA MORATTI La prima riforma complessiva della scuola italiana dai tempi della riforma Gentile (1923). MIGLIORA LA VITA DEI CITTADINI Patente a punti. A Marzo 2006 gli incidenti sono 91.117 in meno. Legge contro il fumo nei locali pubblici. Conferma detrazione per le ristrutturazioni edilizie. 2003 PIANO PER IL SUD Passaggio dal finanziamento a pioggia a un uso più efficiente delle risorse pubbliche e dei fondi comunitari. MISSIONE DI PACE IN IRAQ Per proteggere la popolazione e aiutare la ricostruzione materiale delle nuove istituzioni irachene.
  • 12. 2004 BONUS BEBÈ Bonus di 1.000 euro dal secondo figlio in poi, naturale o adottato. Il bonus sarà attivo anche nel 2005 e nel 2006. 2004 RIFORMA DELLE PENSIONI Aumento dell'età pensionabile per garantire le pensioni di tutti, giovani e anziani Superbonus del 32,7% in busta paga per chi decide di rinviare il pensionamento pur avendo raggiunto i requisiti. ABOLIZIONE LEVA MILITARE OBBLIGATORIA Dopo 143 anni, dal 1° gennaio 2005 non più un obbligo fare il militare ma un’opportunità per ragazzi e ragazze che vogliano imparare una professione al servizio della patria. PIÙ INTERNET NELLE FAMIGLIE E A SCUOLA Bonus di 200 euro per l’acquisto di un computer connesso a Internet per le famiglie con un reddito inferiore ai 15.000 euro. “Vola con internet”: contributo di 175 euro per l’acquisto di un computer da parte dei ragazzi che compiono 16 anni: in due anni 100.000 giovani hanno beneficiato di questa iniziativa. Per i docenti, acquisto a condizioni agevolate di computer portatili connessi a Internet da utilizzare nella didattica. Più computer nelle scuole: a fine legislatura un computer ogni 10 studenti (erano uno ogni 28 nel 2001). Attivati più di 20.000 laboratori di informatica. Contributo di 75 euro per agevolare l’accesso alla banda larga per i collegamenti ad Internet. Regolarizzata la possibilità di seguire corsi universitari on line e l’apertura di università telematiche. FISCO AMICO Riduzione dal 36 al 33% dell’imposta sulle imprese. LEGGE SUL CONFLITTO D’INTERESSI Rispetto dei diritti costituzionali di proprietà e di accesso alle cariche pubbliche. Sanzioni amministrative, pecuniarie e politiche per gli atti di conflitto d’interesse.
  • 13. 2005 PIÙ TUTELATA LA LEGITTIMA DIFESA La risposta all’aggressione è considerata sempre legittima se chi viene aggredito in casa sua o nel proprio luogo di lavoro ha motivo di temere per la propria vita e per i propri familiari. MIGLIORA LA VITA DEI CITTADINI Introduzione del 5x1.000 per ricerca e onlus. Legge contro la droga: drogarsi non è un diritto. Legge contro la pedofilia. Deduzione fino a 70.000 euro dei contributi per le onlus (“Più dai meno versi”). SECONDA RIDUZIONE DELLE TASSE No tax area fino a 7.500 euro di reddito. Seconda riduzione dell’Irpef (5,5 miliardi) per i redditi fino a 48.000 euro. Sistema delle deduzioni invece delle detrazioni. Seconda riduzione Irap. Ora 12,5 milioni di cittadini rientrano nella no tax area; complessivamente lo Stato ha restituito ai cittadini 13,7 miliardi di euro di diminuzione Irpef. 2005 RIFORMA DELLA COSTITUZIONE Più poteri al premier, per garantire stabilità e governabilità. Riduzione di 175 parlamentari. Fine della confusione delle competenze tra Stato e Regioni. Senato delle Regioni. GRANDI OPERE: CANTIERI APERTI PER 51 MILIARDI A dicembre 2005, Il Comitato Interministeriale per la programmazione economica ha approvato opere per 71 miliardi di euro, il 100% delle opere previste nel 2001. Sono 70 i cantieri aperti per un totale di 51 miliardi di euro (nella legislatura 1996-2001 erano stati aperti cantieri per soli 7 miliardi).
  • 14. 2008 SEMPRE PIÙ DURI CONTRO LA CRIMINALITÀ Nuove norme per colpire i patrimoni dei mafiosi; inasprimento regime di detenzione speciale; “modello Caserta”, militari contro la Camorra; operazione “strade sicure”: militari in pattuglia nelle periferie delle città. PER UNA SCUOLA DI QUALITÀ Maestro unico, voto in condotta, voti invece dei giudizi. Disciplina, merito, educazione, più scelta per le famiglie VOLA LA NUOVA ALITALIA La cordata italiana permette la nascita di una nuova compagnia di bandiera, che non pesa più sulle spalle dei contribuenti e promuove l’Italia nel mondo. INTERVENTI CONTRO LA CRISI Messa al sicuro dei risparmi in banca con la garanzia dello Stato e messa al sicuro dei conti pubblici, con la manovra triennale. 2008 EMERGENZA RIFIUTI In soli 58 giorni risolta l’emergenza rifiuti a Napoli e in Campania. Agli enti locali tocca d’ora in poi garantire la normalità della raccolta. A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA Abolizione ICI sulla prima casa; social card; abolizione ticket sanitari; detassazione straordinari e premi di produzione. POLITICA ESTERA Mediazione crisi militare Russia-Georgia; accordo con la Libia; Moratoria ”pacchetto clima” Unione europea. Gli USA accolgono la linea italiana di non far fallire le banche travolte dalla crisi finanziaria.
  • 15. 2009 PIÙ SERVIZI AI CITTADINI Certificati a portata di mano con “Reti amiche”. Piano e-government 2012. “Linea amica”, la pubblica amministrazione a portata di mano. CITTÀ PIÙ SICURE Più poteri ai sindaci per la sicurezza, contro prostituzione, spaccio, contraffazione, vagabondaggio. Introduzione del reato di stalking. Nuove misure contro l'immigrazione clandestina. A SOSTEGNO DEI LAVORATORI Nuovi fondi per la cassa integrazione e sua estensione anche ai lavoratori delle pmi e anche ai lavoratori a progetto. LE GRANDI RIFORME Giustizia civile, pubblica amministrazione, federalismo fiscale. ABRUZZO: UNA CASA PER TUTTI A TEMPO DI RECORD Tendopoli chiuse in meno di 8 mesi. Con il progetto C.A.S.E. alloggi antisismici per 15.000 persone. Avvio del piano di ricostruzione definitiva, che durerà dieci anni. 2009 CONTRO LA CRISI: PIÙ FORZA ALLE IMPRESE Incentivi per auto, moto e veicoli commerciali; fondo di garanzia per le pmi; moratoria debiti con le banche; iva di cassa per imprese fino a 200.000 euro di fatturato. A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA Bonus famiglia fino a 1.000 euro. Stabilizzazione detrazione 19% spese asilo nido. Fondo nuovi nati fino a 5.000 euro. Bonus gas e bonus elettricità per famiglie numerose e/o meno abbienti. POLITICA ESTERA Azione per la pace in Medio Oriente; G8 a L’Aquila; Mediazione con la Turchia per la scelta del nuovo segretario generale della NATO. Riavvicinamento USA - Russia.
  • 16. 2010 NUOVE MISURE CONTRO L’EVASIONE FISCALE Piano straordinario di controllo dei falsi invalidi; controllo reddito-stile di vita. Scudo fiscale per l'emersione dei capitali all’estero. Attività detenute nei paradisi fiscali considerate evasione salvo prova contraria. CONTRO LA CRISI: PIÙ FORZA ALLE IMPRESE Incentivi per elettrodomestici, mobili, auto; detassazione utili reinvestiti in macchinari; 25,7 miliardi di rimborsi fiscali (2009-2010). SCUOLA 2.0 Lavagne interattive digitali. Pagelle, supplenze e certificati on line. Colloquio famiglia/scuola via sms ed e-mail. PIÙ SICUREZZA Sbarchi a Lampedusa ridotti dell’88%. Arrestati quasi tutti i latitanti più pericolosi. Confische record dei patrimoni mafiosi. 2010 RIFORMA DELL’UNIVERSITÀ Riduzione degli sprechi e concorsi trasparenti. Fondi assegnati in base al merito. Bilanci trasparenti e commissariamento università “in rosso”. Nuovo sistema di valutazione. NUOVO PIANO PER IL SUD Banca del Sud, riavvio grandi opere, lotta alla mafia, attuazione federalismo fiscale, uso efficiente dei fondi europei, fondi per ricerca e distretti tecnologici. POLITICA ESTERA Diplomazia commerciale: ordini per 30 miliardi alle imprese italiane. Proposta del piano di difesa dell’euro dagli attacchi speculativi.
  • 17. 201 1 RIFORMA DELLE PENSIONI Progressivo aumento dell’età pensionabile; equiparazione tra donne e uomini nella pubblica amministrazione. Agganciamento dell'età pensionabile alle attese di vita. TAGLI AI COSTI DELLA POLITICA Ridotti del 20% i consiglieri comunali e provinciali; Accorpamento piccoli comuni e conseguente taglio di decine di migliaia di posti di consigliere comunale; Complessivi tagli del 20% degli emolumenti dei parlamentari; piano dimezzamento auto blu. MENO BUROCRAZIA Cancellati complessivamente 411.298 leggi e provvedimenti inutili. Portale www.normattiva.it, per conoscere le leggi in vigore. PER I GIOVANI Liberalizzazione del collocamento, nuovo apprendistato. Riforma dei tirocini. Fondo di garanzia giovani coppie. Tasse al 5% per le imprese dei giovani. “Dote lavoro “ di 5.000 euro per chi assume i giovani precari. 2011 SEMPRE PIÙ DURI CONTRO L’EVASIONE FISCALE Fattura elettronica; chiusura partite IVA inattive. Coinvolgimento dei comuni nella lotta all’evasione; carcere per i grandi evasori. POLITICA ESTERA Computo del debito privato nel calcolo del debito degli Stati europei. Nomina di Mario Draghi a capo della banca centrale europea. Posizione equilibrata nella crisi libica.
  • 18. www.forzaitalia.it