Morire di austerità - tutto quello che ha veramente detto lorenzo bini smaghi

353 views

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
353
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Morire di austerità - tutto quello che ha veramente detto lorenzo bini smaghi

  1. 1. 16 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta i dossier www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 591 MORIRE DI AUSTERITA’ Tutto quello che ha veramente detto Lorenzo Bini Smaghi
  2. 2. 2 EXECUTIVE SUMMARY  Nel suo ultimo libro, “Morire di austerità”, l’economista Lorenzo Bini Smaghi, scrive che “l’austerità, decisa in emergenza, è frutto dell’incapacità dei sistemi democratici di affrontare tempestivamente, e con misure adeguate, i problemi che stanno attanagliando i paesi avanzati. La cura non è però efficace. Genera malcontento e alimenta forze disgreganti all’interno della società, favorendo la nascita di movimenti populistici e mettendo a rischio la democrazia stessa”.  Nelle sue conclusioni, l’economista lancia un invito a credere nell’Unione Europea, nonostante il disincanto dovuto all’attuale crisi. Una Unione monetaria che deve però concludersi anche con l’unione politica, un passaggio che richiede una nuova cessione di sovranità da parte degli Stati. 2
  3. 3. 3 EXECUTIVE SUMMARY  Quanto all’ipotetico “complotto” di Germania e Francia nei confronti del governo Berlusconi, che nel novembre 2011 sarebbe stato costretto alle dimissioni per aver prospettato l’idea che l’Italia potesse abbandonare la moneta unica, a onor del vero, tale ipotesi non è mai esistita;  Piuttosto, il presidente Berlusconi ha denunciato il grande imbroglio dello spread, per cui sono state attribuite al governo italiano responsabilità che erano, invece, in capo alle istituzioni europee, che hanno reagito sempre troppo tardi e troppo poco alle ondate speculative sui debiti sovrani dei paesi dell’area euro. 3
  4. 4. 4 EXECUTIVE SUMMARY  Come è stato, infatti, dimostrato dai principali organismi internazionali e nazionali, dal Fondo Monetario alla Banca d’Italia, solo per 1/3 lo spread dipende dalle politiche economiche degli Stati, mentre per 2/3 è da imputarsi al rischio di break-up dell’euro, vale a dire al rischio di implosione della moneta unica, derivante dalla fragilità dell’architettura istituzionale europea, che ha una valuta comune, ma non un unico bilancio, un’unica politica fiscale e un’unica visione strategica;  Conclusioni cui, tra l’altro, giunge, nel suo libro, lo stesso Bini Smaghi. Benvenuto nel club! 4
  5. 5. 5 EXECUTIVE SUMMARY  Un’ultima annotazione maliziosa: dalla corsa al rialzo degli spread dei paesi del Sud dell’area euro, oggetto delle diverse ondate speculative, ha beneficiato soprattutto la Germania, che ha visto scendere a picco il rendimento dei propri titoli del debito sovrano, con relativi risparmi per le casse dello Stato e per il suo tessuto industriale, che è riuscito, così, a finanziarsi a costi risibili.  Forse è questo il vero motivo dell’imbroglio e, se così vogliamo chiamarla, della “congiura” nei confronti del nostro paese, cui proprio il comportamento di Bini Smaghi in occasione della nomina del nuovo governatore della Bce ha dato una spinta decisiva, indebolendo la reputazione del nostro paese presso le istituzioni europee. 5
  6. 6. 6 INDICE  I 19 capitoli del libro 1) Una morte annunciata 2) Una nascita prematura 3) Indietro non si torna 4) Una crisi nata male 5) Crisi, ma non per tutti 6) Una crisi incompresa 7) Senza rete di salvataggio 8) Come farsi del male 9) Non ci sono cure indolori 10) Il “gioco del coniglio” 11) Il prezzo dell’orgoglio 12) La colpa delle banche 13) L’unione bancaria 14) Morire di austerità 15) Rigore nazionale e sviluppo europeo 16) L’Europa tedesca 17) Eurobond: un’illusione 18) Stampare moneta 19) Guadagnare tempo 66
  7. 7. 7 I 19 CAPITOLI DEL LIBRO  Nei 19 capitoli del libro “Morire di austerità”, Lorenzo Bini Smaghi illustra tutta la storia dell’Euro, le perplessità che lo hanno accompagnato sin dalla sua formazione, le vittorie e i fallimenti politici che hanno portato alla sua introduzione.  Riporta anche dei fatti relativi a dei presunti incontri che il governo Berlusconi ebbe con le istituzioni europee nei quali si ventilò l’ipotesi di smembrare l’Euro. Episodio che, a suo dire, comportò le dimissioni del presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi (falso).  Accusa, infine, i governi italiani, tra i quali quello dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, di non aver attuato le riforme suggerite in sede europea (anch’esso falso). 7
  8. 8. 8 1. UNA MORTE ANNUNCIATA  La fine dell’Euro era stata annunciata ancora prima della sua nascita: Martin Feldstein, dell’Università di Harvard, aveva già scritto nel 1997 che una moneta che non abbia dietro uno Stato non può sopravvivere a lungo.  L’Euro, pensato per togliere alla Germania uno strumento di predominio monetario (il marco), finanziario e politico è nato senza rispettare i criteri delle aree economiche monetarie ottimali definite dal premio Nobel Robert Mundell: elevata integrazione e flessibilità dei mercati finanziari e mobilità dei fattori produttivi, capitale e lavoro. 8
  9. 9. 9 1. UNA MORTE ANNUNCIATA  La flessibilità diventa un fattore decisivo per assorbire le asimmetrie che contraddistinguono le economie europee.  In presenza di economie fortemente diversificate come quelle europee, la presenza di cosiddetti shock asimmetrici, che colpiscono diversamente le economie possono essere assorbite, in assenza di diverse valute, solo dalla flessibilità dei prezzi, determinata in grossa parte dalla flessibilità dei salari.  Senza una integrazione delle finanze pubbliche e la creazione di un debito e bilancio europeo sembrava chiaro fin dall’inizio che il progetto di una valuta comune fosse destinato al fallimento. 9
  10. 10. 10 2. UNA NASCITA PREMATURA  La nascita dell’Euro avrebbe potuto essere rimandata di qualche anno, per consentire una piena convergenza economica e politica tra i paesi membri.  Si sarebbe così evitato di mettere il carro davanti ai buoi. Ma in questo modo, probabilmente l’unione monetaria non sarebbe mai nata. Una moneta unica, infatti, comportar l’effetto positivo di promuovere l’integrazione dei mercati, ma il processo richiede del tempo.  Si ritiene che la fretta con la quale l’Euro è nato potrebbe aver rallentato il processo di riforme strutturali in alcuni paesi, a causa dell’abbassamento dei tassi d’interesse e la stabilità offerta dalla nuova moneta che ha fatto “sedere” paesi come Spagna, Portogallo, Grecia e Italia. 10
  11. 11. 11 3. INDIETRO NON SI TORNA  L’economista Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea dal 2005 al 2011, esordisce scrivendo che “L’uscita di un paese dalla moneta unica sarebbe un evento drammatico”.  Elenca poi tutte le complessità che l’operazione di uscita comporta e spiega perché sia praticamente impossibile da praticare: in virtù dei trattati europei vigenti, l’uscita dall’Euro comporterebbe automaticamente l’uscita dall’Unione Europea.  Spiega poi come l’uscita dalla valuta unica renderebbe i residenti non in grado di ripagare i loro debiti, ridenominati in una nuova valuta che si svaluterebbe immediatamente nei confronti di quelle più forti. 11
  12. 12. 12 3. INDIETRO NON SI TORNA  In pratica, afferma Bini Smaghi, il paese diventerebbe insolvente nei confronti dell’estero.  Nascerebbero contenziosi nei rapporti sia tra privati sia tra settore pubblico e settore privato.  Il solo rischio di una uscita dall’Euro comporterebbe una “corsa agli sportelli” dei cittadini che ritirerebbero immediatamente tutti i loro risparmi dalle banche per detenerli in banconote o portandoli all’estero, a meno di divieti legali imposti dall’alto.  La conseguenza sarebbe il crollo del settore bancario.  L’uscita dall’Euro provocherebbe la chiusura di ogni possibilità di rivolgersi ai mercati finanziari, non disposti a finanziare un paese che vede a rischio i propri capitali. 12
  13. 13. 13 3. INDIETRO NON SI TORNA  L’economista Bini Smaghi ritiene che l’uscita di un paese dall’Euro avrebbe delle ripercussioni economiche, sociali e politiche drammatiche, sia per il paese che esce, sia per il resto del sistema la cui sopravvivenza verrebbe messa in discussione. Ritiene quindi che la soluzione non sia la disgregazione della valuta unica, ma il completamento dell’unione fiscale e politica 13
  14. 14. 14 3. INDIETRO NON SI TORNA  La minaccia, ritiene Bini Smaghi, di uscire dall’Euro, non sembra essere una strategia negoziale vantaggiosa perché:  destabilizza i mercati, con effetti controproducenti soprattutto per il paese stesso .  il ricorso al ricatto d’uscita genera inoltre un clima di sfiducia presso gli altri paesi europei, che non è propizio alla concessione di aiuti, come hanno potuto verificare i governi greco e italiano nell’autunno 2011. 14
  15. 15. 15 3. INDIETRO NON SI TORNA  Non è un caso, sostiene Bini Smaghi, che le dimissioni del primo ministro greco Papandreu siano avvenute pochi giorni dopo il suo annuncio di tenere un referendum sull’Euro e che quelle del presidente del consiglio italiano Silvio Berlusconi siano anch’esse avvenute dopo che l’ipotesi di uscita dall’Euro era stata ventilata in colloqui privati con i governi degli altri paesi.  L’economista italiano boccia anche una ipotesi di uscita “dall’alto” ovvero dei paesi dell’area nordica (Germania e Finlandia in testa), poiché questa provocherebbe una fuga di capitali verso questi paesi, nell’aspettativa di un rapido apprezzamento della loro nuova valuta e quindi di maggiori guadagni in conto capitale. 15
  16. 16. 16 3. INDIETRO NON SI TORNA  Nel complesso, conclude quindi Bini Smaghi, una uscita dall’Euro, indipendentemente dal fatto che essa avvenga dall’alto o dal basso, produrrebbe delle conseguenze che vanno ben oltre gli aspetti economici.  Avrebbe invece un impatto sul futuro dell’Unione europea e sulla comunità internazionale. 16
  17. 17. 17 4. UNA CRISI NATA MALE  La crisi dell’Euro nasce dalla scoperta che i conti pubblici della Grecia erano stati falsificati da anni.  Questo episodio ha generato un clima di sfiducia tra i governi europei e nei confronti delle istituzioni comunitarie responsabili di far rispettare le regole.  Questo clima di sfiducia ha reso molto più difficile costruire il consenso politico per aiutare finanziariamente la Grecia e successivamente gli altri paesi e per rafforzare i meccanismi decisionali dell’Unione. 17
  18. 18. 18 5. CRISI, MA NON PER TUTTI  La crisi dell’Euro ha avuto una gestione complessa anche perché si è manifestata in modo asimmetrico nei vari paesi dell’Unione.  Nei paesi più aperti al commercio internazionale come la Germania il recupero è stato rapido e indolore, mentre in quelli più chiusi come Spagna e Grecia l’impatto è stato drammatico per milioni di famiglie e imprese.  La Germania ha risentito poco della crisi: il tasso di disoccupazione è infatti sceso e le retribuzioni aumentate, dopo anni di stagnazione.  La Germania ha beneficiato favorevolmente delle riforme Hartz del 2000 che l’hanno fatta uscire dalla situazione di “grande malato europeo” nella quale si trovata. 18
  19. 19. 19 6. UNA CRISI INCOMPRESA  Anche se la crisi è iniziata con la destabilizzazione del debito greco, la causa principale non è la finanza pubblica.  L’impatto sui conti pubblici è il sintomo di squilibri più ampi che si sono accumulati all’interno dell’unione monetaria, identificabili nei gap di competitività e alla fragilità del sistema bancario europeo.  Non avere capito questo tratto ha allungato i tempi di intervento e generato soluzioni parziali.  Correggere i saldi di bilancio è necessario ma non sufficiente per superare la crisi: occorre realizzare le riforme strutturali, come quelle fiscali e del lavoro. 19
  20. 20. 20 7. SENZA RETE DI SALVATAGGIO  L’Euro è stato creato nell’aspettativa – o nell’illusione - che non ci sarebbero più state crisi finanziarie.  Non si è pensato quindi a creare una rete di salvataggio finanziario per aiutare i paesi in difficoltà, una volta scoppiata la crisi.  Quando essa è scoppiata davvero, si è dovuto pensare in fretta e furia a trovare questa rete, che a volte si è rivelata inadeguata. 20
  21. 21. 21 8. COME FARSI DEL MALE  Il Fondo salva Stati europeo, utilizzato per erogare prestiti ai paesi in difficoltà, è stato creato sul modello del Fondo Monetario Internazionale, ma con alcune differenze sostanziali che hanno contribuito ad aggravare la crisi.  Il risultato è stato quello di aumentare l’azzardo morale praticato da alcuni paesi membri. 21
  22. 22. 22 9. NON CI SONO CURE INDOLORI  Ci sono 3 modi per ridurre un debito eccessivo:  una ristrutturazione, che riduce il valore nominale del debito;  una riduzione del valore reale, attraverso l’inflazione;  una manovra correttiva di bilancio che consente nel tempo di ridurre il peso del debito rispetto al reddito.  Il primo metodo sembra il più semplice e meno doloroso, come si fa per le aziende in difficoltà finanziarie. Con la differenza che lo Stato non è una azienda. 22
  23. 23. 23 10. IL “GIOCO DEL CONIGLIO”  L’uscita dall’Euro è divenuta un gioco pericoloso d’azzardo morale tra i governi degli Stati membri e le istituzioni europee.  Gli stati, in primis la Grecia, hanno spesso utilizzato un comportamento poco in linea con la disciplina fiscale prevista da Bruxelles, nella consapevolezza che avrebbero ottenuto un salvataggio nel caso la situazione si fosse rivolta al peggio.  Tuttavia, essendo quello della reputazione un gioco ripetuto, una volta che un paese si dimostra insolvente viene si salvato, ma la sua reputazione crolla agli occhi del mondo e in seguito le istituzioni reagiscono subordinando i futuri interventi a draconiane misure che il paese deve prendere. 23
  24. 24. 24 11. IL PREZZO DELL’ORGOGLIO  I governi cercano di affrontare la crisi con le proprie forze, nel timore che una richiesta di aiuto alle istituzioni internazionali comporti una perdita di sovranità e una perdita di credibilità a livello internazionale.  Gli aiuti vengono così chiesti in ultima istanza, quando la pressione dei mercati finanziari non è più arrestabile.  A quel punto, la situazione è compromessa e le misure necessarie per stabilizzare i mercati devono essere molto più drastiche. 24
  25. 25. 25 12. LA COLPA DELLE BANCHE  Al cuore della crisi, europea e globale, c’è stato il sistema bancario. Le banche hanno prestato troppo e in modo troppo rischioso prima della crisi, sono state salvate dai contribuenti e hanno contribuito poco all’uscita dalla crisi.  Il sistema andava vigilato meglio e in maniera più omogena. 25
  26. 26. 26 13. L’UNIONE BANCARIA  Per sciogliere il rapporto perverso tra rischio degli stati sovrani e rischio del sistema bancario, che mette a rischio la stabilità dell’Euro, il sistema bancario europeo deve essere pienamente integrato, con una regolamentazione unica, una vigilanza unica e un meccanismo di risoluzione delle crisi pienamente integrato.  Per compiere questo passo, le autorità nazionali devono cedere parte della loro sovranità. Sono però disposte a farlo solo quando vi sono costrette dalla crisi. 26
  27. 27. 27 14. MORIRE DI AUSTERITA’  Le politiche di bilancio messe in atto dagli stati per risanare i loro conti pubblici hanno provocato effetti fortemente recessivi sull’attività economica, peggiorando la dinamica del debito nel breve periodo.  L’aggiustamento andrebbe spalmato nel tempo, se si vuole diluire l’aspetto recessivo. Ma ciò è possibile solo se, e fin quando, lo Stato riesce a indebitarsi sui mercati finanziari condizioni sostenibili. 27
  28. 28. 28 15. RIGORE NAZIONALE E SVILUPPO EUROPEO  Questo è il capitolo che ha generato le maggiori tensioni politiche tra l’autore e il capogruppo del PDL alla Camera dei Deputati, on. Renato Brunetta.  Lorenzo Bini Smaghi sostiene che, se le riforme strutturali vengono rimandate a dopo il risanamento fiscale, il costo politico delle riforme aumenta. Pertanto:  le riforme tendono ad essere annacquate;  la crescita ristagna e a quel punto non resta che appellarsi alle istituzioni europee, per promuovere politiche di rilancio.  Ne deriva che l’Europa non dispone più di strumenti efficaci per stimolare la crescita, venendo essi negati dagli stessi Stati membri, ed è così accusata di non esistere. 28
  29. 29. 29 15. RIGORE NAZIONALE E SVILUPPO EUROPEO  All’interno del capitolo viene scritto al riguardo della “lettera inviata dalla Banca centrale europea al governo italiano, il 5 agosto 2011” che “conteneva come prima raccomandazione una serie di riforme strutturali, in particolare la liberalizzazione dei servizi pubblici locali e delle professioni, le privatizzazioni, il mercato del lavoro e il sistema di welfare, il sistema di contrattazione per incentivare la produttività. L’aggiustamento fiscale veniva indicato in secondo luogo, con l’anticipo di bilancio al 2013, attraverso misure principalmente dal lato della spesa, e il completamento della riforma pensionistica. Il terzo punto riguardava la riforma dell’amministrazione pubblica, e in particolare l’abolizione delle province”. 29
  30. 30. 30 15. RIGORE NAZIONALE E SVILUPPO EUROPEO  L’economista Lorenzo Bini Smaghi ricorda inoltre le successive raccomandazioni della Commissione europea, che seguivano le stesse priorità.  A questo punto, l’economista lancia una accusa esplicita affermando che “Fu fatto esattamente l’opposto. Prima è stato fatto l’aggiustamento fiscale, principalmente con misure dal lato delle entrate, nell’estate e a fine 2011. Le riforme sono state messe in cantiere successivamente, nel corso del 2012 e sono state realizzate solo in parte”. 30
  31. 31. 31 15. RIGORE NAZIONALE E SVILUPPO EUROPEO  “La combinazione di una politica fiscale restrittiva e riforme strutturali parziali” prosegue Lorenzo Bini Smaghi, “ha prodotto un effetto fortemente recessivo e protratto sul sistema economico, con ripercussioni negative sulla coesione sociale e sul grado di accettazione delle misure prese”.  “Senza crescita economica” conclude l’autore, “tende a diffondersi il senso di malessere nella società. Vengono così rimesse in discussione le scelte fatte e il dito viene puntato contro le misure di austerità fiscale, invece che sulle mancate riforme”. 31
  32. 32. 32 16. L’EUROPA TEDESCA  Se tutti i paesi diventassero come la Germania, la Germania non potrebbe più essere la Germania di oggi.  Infatti, se l’aggiustamento degli squilibri dei pagamenti attualmente esistenti venisse effettuato solo dai paesi in disavanzo, la domanda di esportazioni dei paesi con saldo in attivo come la Germania si ridurrebbe.  In assenza di una fonte alternativa di crescita, che compensi quella dei paesi che stanno risanando, l’economia dell’intera area ne soffrirebbe. 32
  33. 33. 33 17. EUROBOND: UN’ILLUSIONE  Senza una vera e propria unione fiscale compiuta mediante l’integrazione del debito e dei bilanci, l’Euro non è sostenibile. Per realizzare l’unione fiscale non basta emettere un unico strumento di debito, l’Eurobond.  i paesi devono rinunciare alla sovranità di bilancio, altrimenti l’emissione di debito pubblico va fuori controllo e l’unione monetaria rischia di saltare.  Non è attualmente chiaro quanti paesi siano disposti a compiere questo passo politico. 33
  34. 34. 34 18. STAMPARE MONETA  Per uscire più rapidamente dalla crisi la Banca centrale europea potrebbe stampare moneta, acquistando i titoli pubblici che il mercato non vuole più, e riducendo i tassi di interesse per stimolare consumi e investimenti.  La ricetta del signoraggio o delle politiche estreme di allentamento quantitativo sembra semplice, ma nasconde una serie di insidie, come la perdita dell’indipendenza e della legittimità democratica della banca centrale e l’accusa che ad essa viene affidato un ruolo di redistribuzione del reddito. 34
  35. 35. 35 19. GUADAGNARE TEMPO  La politica monetaria è uno strumento potente, perché incide sulle condizioni alle quali si finanzia il sistema economico, incluso il settore pubblico. Non può tuttavia, da sola, risolvere i problemi connessi a un eccesso di indebitamento pubblico e privato.  Può solo dare tempo per mettere in atto le misure di aggiustamento. Ma se il tempo concesso è troppo lungo, l’incentivo a risanare la situazione diminuisce.  La politica monetaria rischia così di essere controproducente. 35

×