Your SlideShare is downloading. ×

Post - Fukushima, giudizi e proposte da 33 paesi

1,193

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,193
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LE AUTORITA’ PER LA REGOLAMENTAZIONE DELNUCLEARE SI ESPRIMONO SUL FOLLOW UPDELL’INCIDENTE DI FUKUSHIMALe autorità per la regolamentazione del nucleare dei paesi del G8, ipaesi membri dell’Agenzia per l’Energia Nucleare dell’OCSE ealcuni paesi associati tra i quali il Brasile, l’India, la Romania, ilSudafrica e l’Ucraina, si sono incontrati oggi a Parigi per discuteresullo stato delle conoscenze rispetto all’incidente avvenuto nellacentrale nucleare di Fukushima e per decidere le azioni di follow upda adottare a livello internazionale.Il Forum su Fukushima dal titolo l’Incidente di Fukushima: giudizie proposte, costituisce un importante passo della comunitàinternazionale nella direzione di incrementare, condividere edimplementare le conoscenze sulla base delle lezioni apprese inseguito dell’incidente di Fukushima. All’apertura del Forum,Nathalie Kosciusko-Morizet, il Ministro francese per l’Ambiente, loSviluppo Sostenibile, i Trasporti e l’Edilizia Abitativa, ha fatto ilpunto sulla posizione condivisa dai governi dei 33 paesi presenti aconclusione del seminario ministeriale che si era tenuta il giornoprima presso l’OCSE.Secondo la co-presidenza del Forum, di Francia, Regno Unito eStati Uniti “oggi il dibattito è stato di alto livello e si è focalizzato suquello che abbiamo appreso e sulle azioni che stiamo adottando.”Le autorità di regolamentazione riconoscono la gravità dellasituazione a Fukushima e prendono atto dei continui sforzi intentatidalle autorità e dalla popolazione giapponese. Ulteriori azioni difollow-up continueranno a essere adottate e il Forum ha catalizzatol’attenzione delle autorità di regolamentazione sulle priorità e sullequestioni primarie”.I partecipanti al Forum hanno raggiunto il consenso sulle priorità ele raccomandazioni in modo da condividere le conoscenze e lepossibili proposte. Il testo integrale delle conclusioni del forum,insieme alle raccomandazioni conclusive, saranno resi disponibilisul sito NEA (www.oecd-nea.org).Gli aspetti più salienti sono:
  • 2. - In linea con il comunicato stampa del vertice del G8 tenutosi a Deauville il 26-27 maggio 2011 e del seminario ministeriale tenutosi presso l’OCSE il 7 giugno 2011, le autorità per la sicurezza del nucleare si impegnano a continuare a perseguire il più alto livello di sicurezza attraverso il miglioramento costante della sicurezza. In tale contesto, rimangono impegnati a trovare nuove strade per aumentare la sicurezza delle centrali già in esercizio e di quelle in costruzione sulla scorta delle lezioni apprese dall’incidente di Fukushima.- In seguito sll’incidente di Fukushima importanti test ed analisi sulla sicurezza delle centrali nucleari sono in corso mentre altri sono già stati conclusi. I partecipanti al Forum invitano tutte le autorità per la regolamentazione degli impianti nucleari ad avviare test ed analisi di questo tipo il prima possibile.- le autorità di regolamentazione continueranno a far crescere sistematicamente le conoscenze relative a tutte le tipologie di impianto e a tutte possibili situazioni determinate in seguito a un incidente. Tra le priorità occorre citare gli eventi naturali estremi e la resistenza agli shock esterni; questo comprende tutti i rischi associati con gli incidenti, le diverse tipologie di centrale e la capacità dei sistemi di sicurezza di resistere a gravi impatti, la risposta alle emergenze, le capacità di gestione e comunicazione, i piani di soccorso delle centrali e la loro implementazione.- Le autorità per la regolamentazione continueranno ad potenziare il livello di cooperazione all’interno del Comitato NEA sulle Attività di Regolamentazione Nucleare (CNRA) per migliorare il livello di affidabilità dei comunicati stampa emanati e destinati alle comunità e alle istituzioni governative, sia a livello nazionale che internazionale. Inoltre rifletteranno sull’opportunità offerte dagli strumenti attualmente in uso per comunicare in modo trasparente con il pubblico sulla gravità di un incidente, contemplando anche l’uso della Scala INES, uno strumento messo a punto dall’IAEA in collaborazione con la NEA dell’OCSE.- le autorità di regolamentazione hanno altresì sottolineato la necessità di fornire una risposta immediata alla gestione di tali situazioni di incidenti.
  • 3. - le autorità di regolamentazione hanno sottolineato che la responsabilità primaria della sicurezza nucleare spetta agli operatori titolari delle licenze di gestione. Al riguardo, hanno accolto con favore gli impegni della WANO (World Association of Nuclear Operators) e dei suoi membri a potenziare gli sforzi per la sicurezza nucleare attraverso un uso sempre più intenso della peer review, della trasparenza e della cooperazione internazionale tra operatori.- È stato riconosciuto che la NEA può mettere a disposizione una valida rete di esperti che garantisce il coordinamento delle autorità di regolamentazione dei paesi associati e per diffondere le procedure migliori in materia di sicurezza nucleare. Le autorità di regolamentazione hanno chiesto che i comitati permanenti tecnici della NEA, compreso il Comitato per la sicurezza degli impianti nucleari (CSNI) ed il Comitato per la Protezione delle Radiazioni e della Salute Pubblica (CRPPH) possano realizzare ulteriori analisi tecniche e possano diffondere i risultati delle loro attività a livello internazionale.- Le autorità di regolamentazione dei paesi del G8, i paesi membri della NEA ed i paesi associati hanno dichiarato il loro impegno a continuare a lavorare insieme a livello internazionale, in quanto ritengono che la situazione attuale, per quanto delicata, con il tempo migliorerà, grazie al potenziamento del livello di sicurezza nucleare internazionale. La Conferenza ministeriale dell’IAEA che si terrà a fine giugno sarà la prossima importante tappa, tra le tante, per far crescere la sicurezza nucleare globale.

×