Strategia del governo in materia nucleare

1,029 views
997 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,029
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Strategia del governo in materia nucleare

  1. 1. Strategia del Governo in materia nucleare (D. lgs 31/2010 – Art.3)Il Consiglio dei Ministri è chiamato a presentare un documento programmatico definito “Strategiain materia nucleare”. Il documento viene adottato sulla base del testo proposto dal Ministerodello Sviluppo Economico, sentita l’Agenzia per la Sicurezza Nucleare e gli altri Ministeri individuaticome concertanti, vale a dire il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministerodell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del mare e il Ministero dell’Istruzione, Università eRicerca.La Strategia nucleare è parte integrante della più ampia strategia energetica nazionale, che trova ilsuo riferimento normativo nell’articolo 7 della legge 133 del 6 agosto 2008. La norma affida alGoverno la definizione delle priorità nel medio e lungo termine per il settore energetico del Paese,comprendendo tra gli obiettivi indicati la realizzazione di impianti nucleari nel territorio nazionale,insieme alla promozione dell’attività di ricerca sul nucleare di quarta generazione o da fusione. Strategia Energetica Nazionale – Gli obiettivi (Legge 6 agosto 2008, n. 133 – Art. 7) a) Diversificazione delle fonti di energia e delle aree geografiche di approvvigionamento; b) miglioramento della competitività del sistema energetico nazionale e sviluppo delle infrastrutture nella prospettiva del mercato interno europeo; c) promozione delle fonti rinnovabili di energia e dellefficienza energetica; d) realizzazione nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare; d-bis) promozione della ricerca sul nucleare di quarta generazione o da fusione; e) incremento degli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore energetico e partecipazione ad accordi internazionali di cooperazione tecnologica; f) sostenibilità ambientale nella produzione e negli usi dellenergia, anche ai fini della riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra; g) garanzia di adeguati livelli di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratoriIl documento programmatico affidato al Governo definisce gli obiettivi strategici in materianucleare, definendo i benefici in termini di sicurezza dell’approvvigionamento energetico e disviluppo del sistema industria, gli obiettivi di capacità energetica e di impatto ambientale che siintendono raggiungere oltre ai parametri di efficienza in termini di tempi e costi dell’investimentoprevisto. La Strategia in materia nucleare detta, inoltre, le indicazioni di base sulle garanzie diaffidabilità per la radioprotezione e la sicurezza ambientale, definisce gli indirizzi per la gestionedelle scorie e la fase di disattivazione degli impianti al termine del loro ciclo produttivo.
  2. 2. Strategia nucleare – I contenuti(D. lgs 31/2010 – Art. 3, comma 3)a) laffidabilità dellenergia nucleare, in termini di sicurezza nucleare ambientale e degliimpianti, di eventuale impatto sulla radioprotezione della popolazione e nei confronti dei rischidi proliferazione;b) i benefici, in termini di sicurezza degli approvvigionamenti, derivanti dallintroduzione di unaquota significativa di energia nucleare nel contesto energetico nazionale;c) gli obiettivi di capacità di potenza elettrica che si intende installare in rapporto ai fabbisognienergetici nazionali ed i relativi archi temporali;d) il contributo che si intende apportare, attraverso il ricorso allenergia nucleare, in quantotecnologia a basso tenore di carbonio, al raggiungimento degli obiettivi ambientali assunti insede europea nellambito del pacchetto clima energia nonche alla riduzione degli inquinantichimico-fisici;e) il sistema di alleanze e cooperazioni internazionali e la capacità dellindustria nazionale edinternazionale di soddisfare gli obiettivi del programma;f) gli orientamenti sulle modalità realizzative tali da conseguire obiettivi di efficienza nei tempie nei costi e fornire strumenti di garanzia, anche attraverso la formulazione o la previsione diemanazione di specifici indirizzi;g) gli indirizzi in materia di gestione dei rifiuti radioattivi e di disattivazione degli impianti a finevita, per i nuovi insediamenti e per gli impianti dismessi;h) i benefici attesi per il sistema industriale italiano e i parametri delle compensazioni perpopolazione e sistema delle imprese;i) la capacità di trasmissione della rete elettrica nazionale, con leventuale proposta diadeguamenti della stessa al fine di soddisfare lobiettivo prefissato di potenza da installare;l) gli obiettivi in materia di approvvigionamento, trattamento e arricchimento del combustibilenucleare.

×