Your SlideShare is downloading. ×
0
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010

1,487

Published on

Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010 …

Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010
Relativa alla revisione del Testo Integrato
delle Connessioni Attive (TICA)

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,487
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Emanuele Alemagna Avvocato Socio dello studio legale LCA – Lega Colucci e Associati Banca Popolare di Milano, Via Massaua 6 Milano, 6 Ottobre 2010 Delibera ARG/elt 125/10 del 4/8/2010 Relativa alla revisione del Testo Integrato delle Connessioni Attive (TICA)
  • 2. Scopi della Revisione 1.Evitare l’occupazione della capacità di trasporto della rete in assenza della concreta realizzazione degli impianti. 2.Individuare le linee prossime a saturazione (“Aree e Linee Critiche”) anche in funzione della pianificazione regionale dei nuovi impianti di produzione. 3.Garantire uno sviluppo più razionale della rete per promuovere l’accesso dei nuovi impianti di produzione
  • 3. Rimedi contro l’occupazione della rete È richiesta la disponibilità del sito ove sorgerà l’impianto, tranne nei casi in cui lo stesso è sottoposto ad autorizzazione unica. Decadenza del preventivo nei seguenti casi: • Mancato avvio del procedimento autorizzativo entro: 60 giorni per BT; 90 giorni per MT; 120 giorni per AT; 180 giorni per AAT. • Mancato inizio dei lavori entro: 6 mesi per BT; 12 mesi per MT; 18 mesi per AT/AAT. • Mancata ultimazione dei lavori di realizzazione dell’impianto entro il termine concesso dall’ente autorizzante, salvo proroghe per forza maggiore. • Salvaguardia del sollecito.
  • 4. Rimedi contro l’occupazione della rete (continua)  Versamento del 30% del corrispettivo della connessione anche se il richiedente realizza in proprio la connessione. L’anticipo è restituito a fine lavori.  Il corrispettivo dovuto dal richiedente in caso di realizzazione in proprio della linea è limitato alla differenza tra il costo della connessione stimato in STMD ed il corrispettivo che sarebbe stato dovuto se la linea fosse stata realizzata dal gestore di rete.  Obbligo di prestazione di garanzie aggiuntive se la richiesta riguarda “Aree o Linee critiche”
  • 5. Rimedi contro l’occupazione della rete (continua)  Modificabilità del preventivo all’esito dell’iter autorizzativo, onde consentire eventuali riduzioni di potenza prenotata ovvero spostamenti dell’impianto imposti dalla P.A..  Penale pari a 3 volte il corrispettivo per il servizio di trasporto dell’energia in caso di potenza connessa eccedente quella dichiarata nella richiesta di connessione.
  • 6. Individuazione Aree e Linee Critiche  Entro il 15 ottobre 2010 Terna e i Gestori devono individuare le Linee AT critiche e le Aree Critiche.  Le “Aree Critiche” sono le Province o l’insieme dei Comuni in cui esistono linee AT ovvero cabine primarie AT/MT prossime alla saturazione, tenuto conto dei preventivi accettati e della pianificazione regionale per la costruzione di nuovi impianti di produzione.  Le “Linee Critiche” sono le linee AT esterne ad un’Area Critica, prossime alla saturazione della capacità di trasporto.  L’atlante delle Aree e Linee Critiche deve essere aggiornato ogni 8 mesi per le linee AT e ogni 4 mesi per le altre linee a decorrere dal 1° luglio 2011.
  • 7. Garanzie relative alle connessioni in aree critiche: Sono dovute dai richiedenti diversi dai clienti domestici finali. Fideiussione bancaria o deposito cauzionale per i seguenti importi: • 20.250 €/MWp in AT/AAT; • 60.000 €/MWp in MT; • 110.000 €/MWp in BT.
  • 8. Garanzie relative alle connessioni in aree critiche (continua): La verifica delle criticità si effettua alla data della comunicazione della richiesta di preventivo e successivamente con cadenza annuale. Ogni 12 mesi il richiedente deve prestare una garanzia addizionale di pari importo sino al completamento dei lavori. Le garanzie sono aggiuntive rispetto a: • Corrispettivi per la connessione; • Garanzie che dovranno essere previste dal Ministero dello Sviluppo Economico ai sensi del D.L. 105/2010; • Oneri e condizioni relativi al procedimento autorizzativo; • Misure di compensazione regionali.
  • 9. Garanzie relative alle connessioni in aree critiche (continua): Le garanzie sono escusse in tutti i casi di decadenza del preventivo, anche se derivante dall’esito negativo del procedimento autorizzativo. Se il richiedente rinuncia la garanzia è escussa fino al 70% dell’importo. La mancata integrazione delle garanzie è essa stessa causa di decadenza del preventivo. I proventi derivanti dall’escussione delle garanzie sono versati alla Cassa Conguaglio per il settore elettrico a valere sul Conto per la Perequazione dei costi di Trasmissione, Distribuzione e Misura dell’Energia.
  • 10. Pianificazione e trasparenza: Oltre all’atlante delle Aree Critiche e delle capacità di rete, entro il 30 giugno 2011 i distributori con almeno 100.000 clienti pubblicano i propri piani di sviluppo delle reti, tenendo conto dello sviluppo atteso della produzione di energia elettrica. Con delibera 124/10 del 4 agosto 2010 l’AEEG ha dato avvio al sistema GAUDÌ (Gestione delle Anagrafiche Uniche degli Impianti) che costituirà un’anagrafica unica degli impianti di produzione e di monitoraggio degli iter di allaccio dei nuovi impianti, accessibile agli utenti della rete.
  • 11. Pianificazione e trasparenza (continua):  Oltre a rendere disponibili sui propri siti internet le MCC (Modalità e Condizioni Contrattuali di allaccio) i gestori con più di 100.000 clienti devono predisporre entro il 30 giugno 2011 un portale informatico finalizzato alla gestione degli iter di connessione.  Sono state, inoltre, inserite nel TICA norme volte a coordinare l’azione dei gestori qualora la richiesta di connessione coinvolga più gestori.
  • 12. Regime transitorio: Entrata in vigore: il nuovo TICA si applica a tutte le richieste presentate a partire dalla data del 1° gennaio 2011. Tuttavia le seguenti norme si applicano anche alle richieste presentate prima della data del 1° gennaio 2011: • Le norme procedurali si applicano a tutte le richieste pendenti a partire dalla data del 1° gennaio 2011; • La dichiarazione di inizio lavori deve essere inviata entro 90 giorni dal 1° ottobre 2010 per tutti i preventivi accettati sino al 30 settembre 2010 e dalla data di accettazione del preventivo, se accettato dopo il 30 settembre 2010;
  • 13. Regime transitorio (continua): • Individuazione delle aree critiche entro il 15 ottobre 2010; • Per le richieste inviate prima del 7 agosto 2010 (incluso), la garanzia dovuta per le connessioni in situazioni di criticità deve essere prestata contestualmente alla dichiarazione di inizio lavori, se successiva al 15 novembre 2010 (se la dichiarazione è successiva al 7 agosto 2011 la dichiarazione deve essere prestata entro il 7 agosto 2011); • Per le richieste inviate dopo il 7 agosto 2010 la garanzia deve essere prestata contestualmente all’accettazione del preventivo ovvero entro 45 giorni dalla data di comunicazione della criticità, se successiva.

×