Social Network: dai valore alla tua rete - l'esperienza della Fondazione CUOA
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Social Network: dai valore alla tua rete - l'esperienza della Fondazione CUOA

  • 2,795 views
Uploaded on

Dai valore alla tua rete! Come usare i Social Network per promuovere se stessi e crearsi opportunità di carriera.

Dai valore alla tua rete! Come usare i Social Network per promuovere se stessi e crearsi opportunità di carriera.

More in: Education , Technology , Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,795
On Slideshare
2,791
From Embeds
4
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
80
Comments
0
Likes
2

Embeds 4

http://www.slideshare.net 4

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Tre ambiti:professionale, amicizia e relazioni amorose. Anche evoluzione delle web-radio. Non solo download. Pandora.com, Lastfm.it, musicovery.com, creano community.

Transcript

  • 1. Social Network: dai valore alla tua rete! Claudia Zarabara – Lorenzo Amadei [email_address]
  • 2. Dal Web 1.0 al Web 2.0
    • “ Col termine Web 2.0 generalmente ci si riferisce ad una seconda generazione di servizi disponibili sul WWW che consentono di collaborare e condividere informazioni online” tratto daWikipedia.com
    WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO IN RETE WEB 2.0 SIAMO LA RETE
  • 3. Il web 2.0
    • Web 2.0 indica un nuovo approccio sociale
    • alla generazione e distribuzione di contenuti
    • via web, che siano caratterizzati da
    • processi comunicativi aperti, con una
    • forte decentralizzazione dell’autorità,
    • libertà di condividere e riusare i contenuti stessi
    • In sintesi si può intendere con Web 2.0 un insieme di siti web più dinamici ed interattivi che consentano una maggiore partecipazione degli utenti attraverso forum, blog, wiki, social network, rss etc. E’ un mondo in costante evoluzione
    • Il Web 2.0 è costruito sull’ architettura della partecipazione e sulla fiducia radicale che consentono a gruppi di utenti distribuiti su scala internazionale di contribuire alla creazione della conoscenza
    • Le barriere tecnologiche sono drasticamente ridotte
      • creare contenuti on line è semplice e spesso gratuito
    • Il Web 2.0 è realmente multimediale
      • composto di suoni, immagini, realtà virtuali, filmati
    • L'utente è creatore di contenuti
  • 4.
    • Web 1.0
    • ( Diffuso fino agli anni ‘90)
    • Padronanza HTML
    • Maggiore popolazione tecnica
    • Siti web statici
    • Nessuna interazione con l’utente
    • Navigazione tra le pagine
    • Uso delle e-mail
    • Uso dei motori di ricerca
    • Web 2.0
    • Blog senza conoscenze tecniche
    • Apertura a tutte le persone
    • Partecipare
    • Siti web dinamici
    • Spiccata interazione sito-utente
    • Diverse applicazioni online: Blog, forum, chat oppure sistemi quali Wikipedia , Youtube , Facebook , MySpace , Wordpress , etc. etc.
    Dal web 1.0 al web 2.0. Evoluzione del Web
  • 5. … il lato debole
    • Il web 2.0 ci fornisce strumenti semplici per creare ambienti on line e pubblicare contenuti.
    • La realtà ci dice che su 100 persone:
      • 1 crea contenuti
      • 9 commentano, partecipano limitatamente
      • 90 si limitano a leggere passivamente ( lurkers )
    • Il limite del Web 2.0 sono i contenuti
  • 6. I social network Creare e gestire relazioni
  • 7. Social network
    • E’ un gruppo di persone connesse tra loro.
    • Si tratta di servizi web che consentono agli utenti di:
      • costruire un profilo pubblico o semi-pubblico all’interno di un sistema chiuso;
      • articolare una lista di altri utenti del sistema con i quali si condivide un collegamento;
      • consultare e “navigare” la propria lista di contatti e quelle create da altri all’interno del sistema.
    • Esplodono nel 2003
    • Per entrare in un social network online
      • occorre costruire il proprio profilo.
      • poi si invitano amici, che fanno lo stesso, per allargare il network
    • Si costruiscono community tematiche , aggregando utenti che condividono:
      • Relazioni professionali ( lobby , reti informali e formali di contatti): Linkedin, Viadeo, Plaxo,Naymz, VisualCV
      • Amicizie (ricerca amici, viaggi, scambio informazioni): FaceBook, NetLog, Multiply, MySpace, Anobii... etc.
      • Foto e Video : Flickr, Picasa, YouTube etc.
      • Contenuti: Slideshare, Issuu, Scribd etc.
  • 8. Alcuni dati
    • Nel mondo:
      • Le donne usano i social network più degli uomini (tranne in Linkedin)
      • La situazione si inverte all’aumentare dell’età (dopo i 35 gli uomini usano i SN più delle donne)
      • Myspace è il SN con più visitatori unici al mondo, ma è in calo costante
      • Linkedin è il SN con la crescita più consistente seguito da Facebook
    • “ La categoria Member Community , che comprende blog e social network, è ormai la quarta categoria web più visitata in assoluto , con 242 milioni di utenti e una penetrazione sul totale navigatori forte in tutti i mercati: dal 51% di Svizzera e Germania all’80% del Brasile, la media globale è del 67%”. Il nostro paese è sopra la media, con il 73% degli internauti italiani che visitano blog e social network. “ (Fonte: Nielsen Ratings – 21 aprile 2009)
  • 9. Come usarli professionalmente?
    • E-reputation : cosa dicono gli altri di te e della tua azienda?
    • E-recruitment: selezione del personale attraverso gli strumenti in rete
      • I social Network servono a creare relazioni, reti, network . Questo è l’aspetto principale da sfruttare
      • Il proprio profilo professionale acquista valore in rapporto alle relazioni professionali che si creano, ai gruppi cui si appartiene etc..
      • Permettono aggiornamenti in tempo reale
      • Occorre identificare gli strumenti giusti per farsi conoscere per essere aggiornati
      • Creare contenuti
      • La rete permette di essere ricercabili
    • … facciamoci trovare!
  • 10.
    • Una premessa: quello che si scrive in rete resta per sempre , o quasi...
    • Il Garante sulla Privacy ha pubblicato un documento nel quale “mette in guardia” dai Social Network: “Social Network: attenzione agli effetti collaterali” http://www.garanteprivacy.it/garante/document?ID=1617888
      • Dice “CERCHI LAVORO?”:
      • Sai che le società di selezione del personale cercano informazioni
      • sui candidati utilizzando i principali motori di ricerca on-line?
      • Le foto che hai pubblicato sui social network, e i post che hai inserito potranno danneggiarti nella ricerca del tuo prossimo lavoro?
      • Il curriculum che hai spedito all’azienda corrisponde con quello che hai messo su Internet?
      • Quello che racconti della tua vita nelle tue “ chiacchiere on-line ” è coerente con le tue aspirazioni professionali?
    Quali strumenti scegliere?
  • 11. Facebook
    • Non è utile per promuoversi!
    • Attenzione a quello che si pubblica...
    • E’ utile per “farsi” aggiornare
  • 12. LinkedIn
    • E’ il social network dei professional: www.linkedin.com
    • Dice Linkedin che “Non si può più definire LinkedIn come uno strumento di nicchia in quanto i suoi utenti coprono un ampio range di età, settori, livelli di reddito e di istruzione e che le motivazioni che spingono li ad usarlo sono molto diverse: alcuni cercano lavoro, altri social networking più interessante di quanto si può trovare su Myspace o Facebook, ma c’è anche chi lo usa semplicemente per restare in contatto con i vecchi colleghi”
    • Conta attualmente oltre 70 milioni di professional registrati. Una ricerca demografica del 2008 descrive così gli utenti registrati a Linkedin
      • Exploring Options : 21% (scarso potere d’acquisto, reddito medio basso,in cerca di lavoro)
      • Senior Executives : 28% (reddito 104.100 dollari e potere d’acquisto più alto in Linkedin, non cercano lavoro ma occasioni di network)
      • Savvy Networkers “ 9 milioni (sono dediti al Networkng: questo gruppo è molto vario per quanto riguarda le tipologie di impiego: il 30% ha un lavoro full-time ma ne cerca un altro, il 25% ha un lavoro full-time e non ne cerca un altro, il 19% sono consulenti a tempo pieno, il restante 9% sono consulenti che cercano un altro lavoro.). Secondo posto per potere d’acquisto e reddito (93.484 dollari)
      • Late Adopters 22% (non fanno network e si sono iscritti solo perché invitati da amici)
  • 13. Linkedin: valorizzare la rete
    • Scegliere le parole giuste che rendono rintracciabile il proprio CV
    • Tenere aggiornato il proprio CV
    • Arricchirlo con slide che descrivono il proprio percorso, le ambizioni etc. (Slideshare)
    • Curare le proprie relazioni : servono a validare il proprio cv e a promuoversi
    • Controllare gli accessi alla propria pagina
    • Chiedere contatti alle Agenzie di Selezione ? E’una scelta...
  • 14. You Tube
    • Ottimo per aggiornarsi (lezioni online brevi, ma molto dettagliate)
    • Ottimo per promuoversi : il video cv
    • Attenzione a non mischiare privato e professionale (creare due canali distinti)
    • Non improvvisare : preparare il video nel dettaglio!
    • Scegliere i tag giusti per inserire il proprio video cv
  • 15. Il CUOA e i Social Network: una rete di valore!
    • La Fondazione CUOA crede nei Social Network: crede in un approccio di comunicazione nuovo in cui a parlare, a comunicare siano gli utenti stessi.
    • Crede in uno spazio destrutturato che dia valore alla sua rete di relazioni
    • Da circa un anno il CUOA dispone di:
      • un blog : www.cuoaspace.it
      • pagina Facebook : http://www.facebook.com/pages/Altavilla-Vicentina-Italy/Fondazione-CUOA/50860901026
      • pagina Linkedin : http://www.linkedin.com/ groups ?gid=1791553
      • canale YouTube : http://www.youtube.com/fondazionecuoa/
      • numerose community :
        • Associazione Master CUOA: http://www.amcuoa.it/
        • Alumni: http://www.alumnicuoa.it/
        • JobLeader: community Linkedin