Gli strumenti finanziari per facilitare il passaggio generazionale - g dal piva

  • 1,480 views
Uploaded on

Gli strumenti finanziari per facilitare il passaggio generazionale - G. Dal Piva. …

Gli strumenti finanziari per facilitare il passaggio generazionale - G. Dal Piva.
Seminario "Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari", Fondazione CUOA, 24 marzo 2012

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Il tema assai scottante, ancor più in questo periodo di crisi, del passaggio generazionale (o di consegne) all’interno delle imprese di famiglia, quasi sempre PMI, è stato al centro di un interessante dibattito organizzato dalla Banca Generali di Como, nella persona del responsabile commerciale Guido Stancanelli.

    Questo incontro fa parte di un progetto ad ampio spettro, che coinvolge anche le associazioni locali delle province di Como e Lecco, e si articola in una serie di approfondimenti e tavole rotonde con esponenti dell’università, dell’impresa e della finanza.

    http://www.powercoach.it/2012/05/il-passaggio-generazionale-nella-impresa-di-famiglia/
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,480
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
49
Comments
1
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Strumenti finanziari per facilitare il passaggio generazionale Costruire una strategia finanziaria al servizio della sucessione Altavilla Vicentina, 24 marzo 2012
  • 2. Indice CASE HISTORY: Società Alpha FAMILY BUY-OUT CASE HISTORY: Società Beta RICERCA PARTNER STRATEGICO CASE HISTORY Società Gamma ACQUISTO AZIONI PROPRIEStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 2
  • 3. Profilo dell’aziendaStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 3
  • 4. Quadro generale Imprenditore socio unico in età avanzata ma, contrariamente Famiglia ai figli, ancora interessato all’azienda. Di recente introduzione, con notevoli capacità gestionali.Management Fortemente motivato. Interessato ad acquisire una partecipazione in società. L’azienda ha mantenuto il ruolo di leader di nicchia nonostante la crisi di settore Business Ha sviluppato un piano di crescita che prevede investimenti per lo sviluppo di nuvoi prodotti e apertura di nuove sedi nei mercati emergenti. Ingresso di un partner finanziario SOLUZIONE IDENTIFICATAStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 4
  • 5. Scelta del partner finanziarioFattori da considerare: Esperienze maturate nel settore o in quelli limitrofi; Presenza internazionale; Modalità d’ingresso normalmente praticate; Livello di coinvolgimento nella gestione; Periodo medio di permanenza.Di norma il fondo entra se: Sono presenti in azienda competenze manageriali o se èin grado di reperirli sul mercato; Se c’è un progetto di sviluppo.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 5
  • 6. Business PlanStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 6
  • 7. Schema tipico di una operazione di LEVERAGEStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 7
  • 8. Struttura dell’operazione Fondo Banca Management Investimento Eroga un finanziamento Sottoscrive capitale sociale Sottoscrive capitale M/L termine + finanziamento soci sociale Newco Reinveste parte delprezzo nella NEWCO Acquista il 100% sottoscrivendo della target. capitale sociale e finanziamento soci ImprenditoreStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 8
  • 9. Struttura dell’operazione • Valutazione: Target EV = 31,3M Equity = 20M PFN = (11,3)M Dotazione finanziaria NEWCO Fin. € 000.000 Equity Totale Partecipazione Soci Fondo PE 5,3 3,0 8,3 55,5% Imprenditore 4,0 2,0 6,0 40,0% Managers 0,7 0,0 0,7 4,5% Totale 10,0 5,0 15,0 100,0% Banca 5,0 Totale dotazione 20,0Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 9
  • 10. Ipotesi di valore a fine 2013Ipotesi di valore a 3 anni post-acquisizione. Totale Incasso Prezzo di Rimborso incasso Incasso Incasso Cash on € 000.000 pre earn vendita fin. soci pre earn earn out totale cash out outFondo PE 3,6 14,0 17,7 (0,6) 17,1 2,0xImprenditore 2,4 10,1 12,5 (0,4) 12,1 2,0xManagers 1,1 1,1 1,0 2,1 3,2xTotale 31,3 6,0 25,3 31,3 0,0 31,3Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 10
  • 11. Condizioni che hanno consentito il FMBO Progetto molto allettante per dimensioni, prospettive e posizionamento. Flussi di cassa prospettici positivi e in grado di ripagare il debito e sostenere gli investimenti. Possibilità di usare la leva finanziaria. Way out «accessibili». Management capace.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 11
  • 12. Indice CASE HISTORY: Società Alpha FAMILY BUY-OUT CASE HISTORY: Società Beta RICERCA PARTNER STRATEGICO CASE HISTORY Società Gamma ACQUISTO AZIONI PROPRIEStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 12
  • 13. Profilo dell’aziendaStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 13
  • 14. Profilo e ruoli delle persone chiave Candidato successore 44 anni Notevoli doti tecniche e commerciali Figlio Competenze gestionali carenti Leadership non riconosciuta a tutti i livelli 72 anni Figura molto carismatica e stimata sia in azienda che fuori Fondatore Rientrato alla guida dell’impresa dopo che il figlio aveva dimostrato limiti gestionali Personalità molto forte Direttore Ha occupato tutti gli spazi lasciati liberi dal figlio AFC Gode della fiducia di tutti i membri di tutta la famiglia Consulente Commercialista tra i più quotati della zona. esternoStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 14
  • 15. Analisi della situazione • Mercati tradizionali (Italia, Europa Centrale): di sostituzione, con margini in contrazione. • Nuovi mercati (Est-Europa): in forte evoluzione grazie ai mercati contributi erogati dalla Comunità Europea. • Mercati potenziali (Nord America e America Latina): difficoltà di gestione dall’Italia. • Fondatore vuole ritirarsi. • Figlio fortemente motivato a continuare l’attività. famiglia • Forti legami con il territorio. • Necessità di ripartire il patrimonio tra i membri della famiglia.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 15
  • 16. Analisi della situazione 2 • Le opportunità offerte dal mercato rischiano di non poter essere colte per l’impegno finanziario richiesto. • Nuovi prodotti da sviluppare necessitano investimenti in R&D. azienda • Le dimensioni raggiunte richiedono un nuovo modello organizzativo e l’introduzione di sistemi di controllo più efficienti. • Il passaggio del testimone al figlio va accompagnato da un supporto per sopperire alle carenze manageriali. Soluzione identificata Ingresso di un partner strategicoStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 16
  • 17. Profilo del partner “ideale” Linee guida fornite dal cliente Profilo del potenziale partner • Industria manifatturiera. • Quotata al NYSE. • Non Italiana. • Sede in California con subsidiaries • Interessata a mantenere commerciali in Nord Europa l’attuale livello • Mercato locale equivalente a quello occupazionale. europeo servito con tecnologia • Disponibile a riconoscere un inferiore a quella della target ruolo al figlio. • Fatturato: Usd 120M. • Cash: Usd 25M. • Settore complementare alla target. • Dispone di brevetti e tecnologia utilizzabili dal cliente.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 17
  • 18. Operazione proposta • Acquisto del 100% della società cliente. Deal Modalità • 75% cash al closing. pagamento del • 25% in azioni della società acquirente. prezzo Ruoli dei venditori • Figlio: responsabile dello sviluppo della nuova divisione. nella nuova • Padre: consulente per l’attività di implementazione della società tecnologia.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 18
  • 19. Operazione proposta • Utilizzo rete commerciale acquirente per lo sviluppo dell’attività in Nord America ed America latina • Produzione impianti venduti oltre oceano presso gli Progetto stabilimenti del partner industriale • Trasferimenti incrociati di tecnologia per migliorare i prodotti delle due aziende • Sviluppo congiunto di nuovi prodotti Esito delle trattative NegativoStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 19
  • 20. Motivazioni NO. L’offerta era in linea con le iniziali aspettative del PREZZO? cliente. DIFFERENZE NO. Fin dal primo momento si era stabilita una forte CULTURALI? intesa, anche sul piano personale, tra le parti. NON con il figlio che parla correttamente 4 lingue. BARRIERE FORSE con il padre che conosce superficialmente LINGUISTICHE? l’Inglese. DIVERSE NO. Il piano di crescita steso dal cliente era stato fatto VEDUTE SULLE proprio, ed implementato, dall’acquirente. STRATEGIE? … Allora perché?Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 20
  • 21. MOTIVAZIONI Irregolarità riscontrate nella conta- Impossibilità ad ottenere i bilità del magazzino hanno impedito documenti richiesti dalla SEC per il filing dell’operazione ai revisori di rilasciare una dichiarazione di «full audit». L’operazione era vista come Atteggiamento ostile della elemento destabilizzante dei loro responsabile AFC e del commercialista ruoli in azienda. L’allungamento dei tempi e le difficoltà riscontrate in sede di DD Perdita del «Momentum» hanno spinto la famiglia a ritornare sui propri passi.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 21
  • 22. Indice CASE HISTORY: Società Alpha FAMILY BUY-OUT CASE HISTORY: Società Beta RICERCA PARTNER STRATEGICO CASE HISTORY Società Gamma ACQUISTO AZIONI PROPRIEStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 22
  • 23. Profilo dell’aziendaStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 23
  • 24. Storia societariaStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 24
  • 25. Motivazioni per un riassetto societario Perseguire una strategia di crescita per linee esterne. Strategiche Consentire l’entrata di un partner finanziario per il Finanziarie reperimento delle risorse necessarie per lo sviluppo. Agevolare il trasferimento delle partecipazioni all’interno Famigliari della famiglia. Soluzione identificata Acquisto di azioni proprieStaffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 25
  • 26. Struttura dell’operazione • Da S.r.l. a S.p.A. Trasformazione • Il nuovo art. 2357 c.c. consente l’acquisto di azioni proprie forma societaria nei limiti degli utili e delle riserve disponibili. • Delibera d’acquisto di azioni proprie riservata al socio di minoranza. Delibera • Acquisto frazionato in 2 tranches a 12 mesi di distanza societaria l’una dall’altra per consentire il reperimento dei fondi necessari. • In parte facendo ricorso al debito. • In parte tramite i flussi generati dall’attività. La Reperimento suddivisione in 2 tranches consente alla gestione il tempo fondi necessario per produrre la cassa necessaria al pagamento del socio. • Permanenza nel CDA del socio uscente sino al Clausole completamento della transazione. accessorie • Modifica della clausola statutaria riguardante il potere di veto delle maggioranze qualificate.Staffetta generazionale e sviluppo delle imprese familiari, 24 marzo 2012 26
  • 27. Grazie!Altavilla Vicentina, 24 marzo 2012