Your SlideShare is downloading. ×
0
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia

1,592

Published on

intervento a cura di Cecilia Rossignoli in occasione dell'evento del Forum ICT CUOA "Social Commerce" del 13 marzo 2014

intervento a cura di Cecilia Rossignoli in occasione dell'evento del Forum ICT CUOA "Social Commerce" del 13 marzo 2014

Published in: Marketing
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,592
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
112
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. E-commerce nel mondo, in Europa, in Italia a cura di Cecilia Rossignoli 13 marzo 2014, Fondazione CUOA
  • 2. Indice • Valori dell’e-commerce • Nel mondo • Nord America – Asia-Pacific – altri Paesi • In Europa • In Italia • L’utilizzo dei social media nell’e-commerce
  • 3. Nel mondo • Nel 2013 il valore dell’e-commerce a livello globale ha raggiunto la cifra di 1,298 miliardi di dollari, con una crescita del 17% sul 2012. • Due mercati principali: • Nord America (Stati Uniti e Canada). • Paesi dell’Asia-Pacific (Cina, Giappone, India, Corea del Sud, Australia, Indonesia e altri paesi minori). Fonte: ‘EMarketer 2013’ tratto da www.centromarca.it
  • 4. Nord America • L’area degli Stati Uniti e Canada nel 2012 ha un valore dell’e- commerce di 364 miliardi di dollari. • Nel 2013 presenta una crescita del 11% raggiungendo un valore di 409 miliardi di dollari, complessivamente circa il 32% del mercato mondiale. • Nonostante il ruolo ancora dominante svolto dal Nord America, nel 2013 c’è stato il sorpasso dell’area Asia-Pacific. Fonte: ‘EMarketer 2013’ tratto da www.centromarca.it e www.franzrusso.it
  • 5. Paesi dell’Asia-Pacific • L’area dell’Asia-Pacific (332,4 miliardi di dollari nel 2012), presenta una crescita del 30%, superando i 433 miliardi di dollari nel 2013, un terzo dell’e-commerce a livello globale. • Cina, India e Indonesia sono i paesi in cui le vendite online sono cresciute maggiormente, grazie alla rapida penetrazione di internet tra la popolazione e l’aumento del numero di e-shopper. • La Cina nel 2013 ha da sola un valore di 181 miliardi di dollari, rispetto ai 110 miliardi del 2012, diventando il secondo mercato e-commerce globale, subito dopo gli Stati Uniti. • L’Indonesia cresce a un tasso dell’80%. • L’India presenta una crescita del 33% l’anno. Fonte: ‘Emarketer 2013’ tratto da www.centromarca.it - www.franzrusso.it e www.money.wired.it
  • 6. Nord-America Asia-Pacific Resto del mondo E-commerce nel Mondo
  • 7. Altri Paesi • La Russia, che nel 2013 ha un valore di oltre 11 miliardi di dollari, registra una crescita del 23%. • Finora il rallentamento dello sviluppo e-commerce è dovuto dalla scarsa penetrazione di internet e dalle difficoltà logistiche. • L’America Latina nel 2013 si è verificata un’elevata crescita, guidata dal Brasile con una crescita del 17%. Fonte: ‘EMarketer 2013’ tratto da www.centromarca.it e www.franzrusso.it
  • 8. Europa • Il mercato dell’e-commerce B2C ha raggiunte nel 2013 un valore complessivo di oltre 311 miliardi di euro, con una crescita del 19%. • Tre Paesi Principali in Europa: • Regno Unito • Germania • Francia Fonte: ‘European B2C Ecommerce Report 2013’ tratto da www.corriere.it costituiscono complessivamente il 61% del mercato
  • 9. E-commerce in Europa Regno Unito 96.000.000.000 31% Germania 50.000.000.000 16% Francia 45.000.000.000 14% Resto Europa 120.000.000.000 39% Regno Unito Germania Francia Resto Europa
  • 10. Regno Unito Germania e Francia • La crescita nel 2012 per questi tre Paesi continua a essere significativa, presentando tassi di crescita compresi tra il 10% e il 15%. • A livello di penetrazione dell’e-commerce la Gran Bretagna raggiunge il 14%, la Germania l’8% e la Francia il 6%. Fonte: ‘European B2C Ecommerce Report 2013’ tratto da www.corriere.it Paesi Vendite on-Line Regno Unito 96 miliardi € Germania 50 miliardi € Francia 45 miliardi €
  • 11. Regno Unito Germania e Francia E-COMMERCE in Europa PAESE Valori Crescita vs 2012 Penetrazione Regno Unito 96 miliardi € tra 10-15% 14% Germania 50 miliardi € 8% Francia 45 miliardi € 6%
  • 12. Mobile e-commerce • In Paesi come Regno Unito, Scandinavia e Francia, dove la percentuale di e-shopper sul totale della popolazione è già elevata, sono i primi in cui si sta verificando il passaggio al mobile e- commerce. • Le vendite mobile sul totale e-commerce: • 20% in Gran Bretagna. • 8% nei Paesi Scandinavi. • 5% in Francia. • Oggi il 47,6% della popolazione europea possiede uno smartphone. Fonte: ‘E-Commerce in Italia 2013’ tratto da www.centromarca.it
  • 13. Italia • Nel 2013 l’e-commerce in Italia presenta buoni tassi di crescita: • + 18% per un valore complessivo di 11,3 miliardi di euro se consideriamo le vendite da siti italiani verso consumatori italiani e stranieri. • + 15% per un valore complessivo di 12,6 miliardi di euro se consideriamo gli acquisti di clienti italiani che effettuano acquisti in internet. • + 20% la crescita dei “Web shopper” (coloro che hanno acquistato online almeno una volta negli ultimi tre mesi), arrivati a più di 14 milioni: almeno 1 utente internet italiano ogni 2. • Nonostante tutto, l’Italia siede al 5°posto nella classifica europea, dopo la Spagna. Fonte: ‘Osservatorio e-Commerce B2C di Netcomm e School of Management del Politecnico di Milano’
  • 14. TOP 10 MERCHANT ITALIANI • Da sottolineare che 7 sono “dot.com”: a. Amazon. b. eBay. c. Banzai commerce. d. iBS.it. e. Privalia. f. vente-privee.com. g. yoox.com. • E solamente 3 imprese tradizionali: a. Esselunga. b. LuisaviaRoma. c. Media World. Fonte: www.ict4executive.it
  • 15. Prospettive future • Nonostante la continua crescita, gli spazi di sviluppo sono assai ampi, visto che la penetrazione delle vendite online rispetto al totale delle vendite Retail si attesta solamente sul 3% (Spagna 4,5). • I settori di sviluppo sono: • il turismo, con un peso di circa il 45% sul valore totale delle vendite online (4,9 miliardi, + 13% sul 2012). • l’abbigliamento (1,3 miliardi, + 30% sul 2012). • l’informatica/elettronica (1,2 miliardi, + 20%). Fonte: ‘Osservatorio e-Commerce B2C di Netcomm e School of Management del Politecnico di Milano’
  • 16. Esportazioni Per quanto riguarda l’export (ovvero le vendite da siti italiani ad acquirenti esteri) supera i 2 miliardi di euro, con una crescita del 28%, trainato prevalentemente dal turismo (55%) e dall’abbigliamento (32%). • I paesi dell’area Unione Europea sono i mercati principali in termini di vendite internazionali per le aziende italiane, in particolare Francia, Germania e Regno Unito. • Per i mercati extra europei, invece, il 37% delle aziende è presente negli Stati Uniti, mentre la presenza è più limitata in Russia (14%) e nei paesi dell’estremo Oriente. • I paesi meno serviti dalle aziende italiane sono quelli dell’America Latina e Africa. Fonte: tratto da www.ict4executive.it e www.centromarca.it
  • 17. Fattori di Sviluppo • Lo sviluppo dell’e-commerce è dovuto a 2 fattori principali: 1. la maggiore confidenza da parte dei consumatori verso la rete. 2. una maggiore fiducia negli strumenti di online payment. • Ma anche dalla presenza di smartphone e tablet. Nel 2013 si è registrata: • una crescita del mobile commerce del 255% per un totale di 510 milioni di euro complessivi (160 milioni circa nel 2012 e quindi una crescita 350 milioni di euro di crescita). • Gli utenti che navigano da Smartphone sono circa il 90% di quelli che navigano da Pc. Alla fine del 2013 in Italia c’erano 7,5 milioni di Tablet e 37 milioni di Smartphone. Fonte: ‘Osservatorio e-Commerce B2C di Netcomm e School of Management del Politecnico di Milano
  • 18. Social Media in Italia • I social media sono i luoghi dove recepire le preferenze e le aspettative dei clienti, intercettando le conversazioni sul brand o attraverso iniziative specifiche come concorsi e live chat. • Per le aziende italiane 3 sono gli obiettivi principali della presenza sui social media: • la creazione di brand awareness. • lo sviluppo dell’interazione con i clienti. • la generazione di traffico al sito. Oltre 35 milioni di italiani frequentano mensilmente i Social Media. Fonte: ‘E-Commerce in Italia 2013’ tratto da www.centromarca.it
  • 19. Principali Directories • Le attività sui social media si concentrano prevalentemente su Facebook con 22,7 milioni di utenti mensili, con una crescita del 4,7% sul 2012 vs 2011. • Gli altri social più utilizzati sono: • Google Plus con 3,8 milioni (+56,7%). • Linkedin con 3,5 milioni (+18,3%). • Twitter con 3,3 milioni (-11,6%). • Quasi il 90% degli utenti Internet visitano mensilmente i Social Network. Fonte: tratto da www.ilsole24ore.com del 31 maggio 2013
  • 20. Esempi di utilizzo dei Social Network • Nel 2013 Facebook ha potenziato gli strumenti a disposizione dei merchant attraverso: • l’introduzione di Gifts. • Facebook Offers. E’ possibile creare promozioni speciali dedicate ai fan al fine di spingere l’acquisto di un determinato prodotto. • McDonald’s Svezia ad esempio ha incrementato di ¼ le vendite di caffè di ⅓ le vendite di colazioni grazie a una Facebook Offer utilizzata da oltre 32 mila di utenti. Fonte: ‘E-Commerce in Italia 2013’ tratto da www.centromarca.it
  • 21. Esempi di utilizzo dei Social Network • Nel 2013 è stata introdotta anche in Italia la possibilità di orientare gli annunci su Facebook utilizzando i dati di navigazione degli utenti tracciati al di fuori del social network, attraverso lo strumento Facebook Exchange, “che utilizza una tecnologia che consente di marcare con una cookie l’utente loggato su Facebook che visita un altro sito. Quando l’utente torna sul social network viene riconosciuto e visualizza il messaggio pubblicitario desiderato”. Questa tecnica si chiama Retargeting. • Altro esempio è Twitter che ha lanciato in collaborazione con American Express l’acquisto di prodotti attraverso l’inserimento di uno specifico hashtag nel tweet. Fonte: ‘E-commerce in Italia 2013’ tratto da www.centromarca.it
  • 22. Pubblicità • Nel 2013 il Mobile Advertising ha registrato una crescita del 130% rispetto al 2012, passando da 89 a circa 200 milioni di euro. • Mentre la pubblicità sui Social Network è aumentata del 75%, con un valore passato da 55 milioni a circa 95 milioni di euro. • La maggioranza di questo fatturato è gestito da Facebook, con un ruolo chiave della componente Mobile: circa il 70% degli utenti infatti accede al principale Social Network anche in mobilità su Smartphone e Tablet. Fonte: ‘Osservatorio New Media & New Internet della School of Management del Politecnico di Milano’

×