Business Case                NOKIAA cura di:• Teresa Scuotto• Mariateresa Sorrentino• Florindo Russo
SERVONO SISTEMI   INFORMATIVI  AUTOMATIZZATIPER UNA GESTIONE    INTEGRATA: NOI SAP…PIAMO  COME FARE!!
IL MERCATO DEGLI ERP
CARATTERISTICHE DEL            SAP• Modularità                          • Parametrizzazione  Struttura a moduli autonomi  ...
UN CASO ESEMPLARE                                GRUPPO NOKIA               NOKIA VENTURES                  NOKIA RESEARCH...
IL CHECK-UP DEI S.I.A.     DEL GRUPPO NOKIA    Analisi della strutturazione dei Sistemi     Informativi Automatizzati    ...
IL CHECK-UP DEI S.I.A.     DEL GRUPPO NOKIA    Diagnosi dei fabbisogni     Presidio unitario di tutte le problematiche c...
ANALISI SAP R/3IMPLEMENTATION   FASE PRELIMINAREFASE A                FASE B
FASEPRELIMINARE   Chi     Implementazione top-down attraverso un sistema pilota      ad opera di un international team p...
FASE A10                                                               Livello di9                                       ...
FASE B   Valutazione allineamento strategico     Chiara la comprensione delle esigenze di reportistica     Elevato il l...
FASE B       Posizionamento nella griglia di valutazioneALTO              Posizione      Posizione           Sotto-utiliz...
SUPPLY CHAIN    COLLABORATION        EXTENDED SUPPLY CHAIN MANAGEMENT                   PRODUZIONEF                       ...
SAP R/3: BACK-END     PER PIATTAFORME   MYSAP WORK PLACE     Collegare le unità aziendali in modo rapido ed      efficie...
SAP R/3: BACK-END     PER PIATTAFORME   MYSAP PRODUCT LIFECYCLE MGMT     Integrare tutti i partecipanti al processo di s...
SAP R/3: BACK-END     PER PIATTAFORME   MYSAP HUMAN RESOURCE     Aiutare a creare un buon ambiente di lavoro dove      f...
SCENARI COLLEGATI        A SAP R/3   KNOWLEDGE MANAGEMENT     Trasmettere tutte le capacità intellettuali di un’azienda ...
GIU’ LA MASCHERA...cerchiamo ora di analizzare, in qualità distudenti, anche quelli che sono i costi ed irisvolti organizz...
L’IMPATTO DI SAP   I costi hard di implementazione    –   Licenze per il software    –   Acquisti dell’hardware    –   Se...
L’IMPATTO DI SAP   Presenza di rilevanti opposizioni     – Salto tecnologico     – Impiego irreversibile di risorse     –...
Business Case                NOKIAA cura di:• Teresa Scuotto• Mariateresa Sorrentino• Florindo Russo
Business case nokia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Business case nokia

772

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
772
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Business case nokia"

  1. 1. Business Case NOKIAA cura di:• Teresa Scuotto• Mariateresa Sorrentino• Florindo Russo
  2. 2. SERVONO SISTEMI INFORMATIVI AUTOMATIZZATIPER UNA GESTIONE INTEGRATA: NOI SAP…PIAMO COME FARE!!
  3. 3. IL MERCATO DEGLI ERP
  4. 4. CARATTERISTICHE DEL SAP• Modularità • Parametrizzazione Struttura a moduli autonomi Capacità di adattamento alle installabili indipendentemente diverse esigenze di ogni azienda sfruttando le best practices • Gestione work flow• Accessibilità Governo del flusso di Facilità di estrazione e utilizzo informazioni con regole di dati nella forma desiderata instradamento dati e di dall’utente gestione delle eccezioni• Flessibilità • Sicurezza Garanzia Capacità di collegare obiettivi nella diffusione dei dati strategici a indicatori di vario genere
  5. 5. UN CASO ESEMPLARE GRUPPO NOKIA NOKIA VENTURES NOKIA RESEARCH ORGANIZATION CENTERNOKIA MOBILE PHONES NOKIA TELECOMMUNICATIONS NOKIA COMMUNICATIONS PRODUCTS Primo produttore mondiale di telefoni cellulari Secondo produttore mondiale di reti GSM Fatturato complessivo di circa 13.3 miliardi di euro Più di 44.000 persone impiegate
  6. 6. IL CHECK-UP DEI S.I.A. DEL GRUPPO NOKIA Analisi della strutturazione dei Sistemi Informativi Automatizzati  Forte grado di autonomia decisionale delle consociate  Elevata reattività alle pressioni del mercato Diagnosi delle disfunzioni  La molteplicità e la variabilità dei S.I.A. determina differenti prassi aziendali difficilmente gestibili
  7. 7. IL CHECK-UP DEI S.I.A. DEL GRUPPO NOKIA Diagnosi dei fabbisogni  Presidio unitario di tutte le problematiche connesse all’ICT  Monitoraggio organico dell’ambiente interno ed esterno Terapia da adottare  Razionalizzazione della struttura e delle modalità di funzionamento mediante 5 piattaforme guida: • Servizi amministrativi • Risorse umane • Servizi generali SAP R/3 • Aspetti legali IMPLEMENTATION • Information management
  8. 8. ANALISI SAP R/3IMPLEMENTATION FASE PRELIMINAREFASE A FASE B
  9. 9. FASEPRELIMINARE Chi  Implementazione top-down attraverso un sistema pilota ad opera di un international team project Quando  Implementazione a step • SEED – fine ‘97 • START UP – inizio ‘98 • EXPANSION – fine ‘98 • MATURITY – ‘99
  10. 10. FASE A10 Livello di9 copertura: grado di8 automazione del 7 processo65 Impatto4 automazione: grado3 di problem solving2 Livello 1 d’investimento:0 Risorse umane Commerciale Cont abile Cont rollo fabbisogno Aree gest ionali dei servizi amminist rat ivi finanziario
  11. 11. FASE B Valutazione allineamento strategico  Chiara la comprensione delle esigenze di reportistica  Elevato il livello di attenzione prestato alle esigenze degli utenti  Costante il coinvolgimento degli utenti
  12. 12. FASE B  Posizionamento nella griglia di valutazioneALTO Posizione Posizione Sotto-utilizzo Impatto ottima buona organizzativoCOPERTURA NOKIA sottostimato LIVELLO DI Posizione Posizione Re-planning del Scarsa buona buona sistema automazione informativo Rischio di scarsa Rischio di scarsa efficienza efficaciaBASSO BASSO ALTO ALTO BASSO LIVELLO D’INVESTIMENTO LIVELLO D’INVESTIMENTO ALTO IMPATTO DELL’AUTOMAZIONE BASSO
  13. 13. SUPPLY CHAIN COLLABORATION EXTENDED SUPPLY CHAIN MANAGEMENT PRODUZIONEF CO LR IN ACQUISTI VENDITE EIT SAP N TO IRI RISORSE UMANE MARKETING INTERNAL SUPPLY CHAIN MANAGEMENT
  14. 14. SAP R/3: BACK-END PER PIATTAFORME MYSAP WORK PLACE  Collegare le unità aziendali in modo rapido ed efficiente per soddisfare specifiche esigenze lavorative MYSAP SUPPLY CHAIN MGMT  Realizzare una catena congiunta con i fornitori per integrare e definire informazioni critiche in tempo reale MYSAP E-PROCUREMENT  Gestire l’intero ciclo acquisti ottimizzando tutti gli aspetti della catena di approvvigionamento MYSAP CUSTOMER RELATIONSHIP MGMT  Gestire i rapporti con la clientela in modo efficiente
  15. 15. SAP R/3: BACK-END PER PIATTAFORME MYSAP PRODUCT LIFECYCLE MGMT  Integrare tutti i partecipanti al processo di sviluppo prodotti: disegnatori, fornitori, fabbricanti e clienti MYSAP BUSINESS INTELLIGENCE  Disporre di una grande quantità di dati gestionali sul business aggiornati in tempo reale, organizzati e sfruttati al meglio per supportare l’attività decisionale e reagire in tempi rapidi alle dinamiche del mercato MYSAP FINANCIAL  Ricercare la soluzione finanziaria ottimale migliorando la comunicazione con gli investitori e integrando distinti aspetti della catena di approvvigionamento finanziario
  16. 16. SAP R/3: BACK-END PER PIATTAFORME MYSAP HUMAN RESOURCE  Aiutare a creare un buon ambiente di lavoro dove fondamentale è la collaborazione e la condivisione delle informazioni fra soggetti MYSAP MOBILE BUSINESS  Monitorare e sfruttare le tecnologie mobili per una completa integrazione organizzativa con gli utenti mobili MYSAP MARKET PLACE  Offrire infrastrutture necessarie per lo sviluppo di mercati virtuali estendendo i confini aziendali con processi di business orizzontali e verticali attraverso software multipli e servizi a valore-aggiunto
  17. 17. SCENARI COLLEGATI A SAP R/3 KNOWLEDGE MANAGEMENT  Trasmettere tutte le capacità intellettuali di un’azienda ai knowledge workers e collegare le persone al patrimonio di conoscenze STRATEGIC QUALITY MANAGEMENT  Concepire la qualità in termini user-based attraverso l’integrazione interfunzionale delle unità organizzative INDUSTRY SOLUTIONS  Consegnare specifiche soluzioni per le aziende di ogni settore BUSINESS OPPORTUNITY  Offrire new solution systems nel B2C, B2B, B2R
  18. 18. GIU’ LA MASCHERA...cerchiamo ora di analizzare, in qualità distudenti, anche quelli che sono i costi ed irisvolti organizzativi del BPR attraversol’implementazione di un ERP come il SAPR/3...
  19. 19. L’IMPATTO DI SAP I costi hard di implementazione – Licenze per il software – Acquisti dell’hardware – Servizi consulenziali – Training – Ore di lavoro perso a causa del coinvolgimento dei dipendenti nel progetto e di fermi nell’attività I costi soft di implementazione – Rischio legato al fornitore del software e dell’hardware – Costi legati alla complessità del nuovo sistema e alla necessità di dare in outsourcing alcuni servizi – Costi relativi al ritardo nel go-live
  20. 20. L’IMPATTO DI SAP Presenza di rilevanti opposizioni – Salto tecnologico – Impiego irreversibile di risorse – Gestione di un profondo cambiamento organizzativo Risvolti organizzativi – Accentramento e standardizzazione funzionale – Ridimensionamento potere/autonomia del middle management – Interazione tra differenti stili manageriali – Job design: variazioni nella specializzazione orizzontale e verticale, aumento formalizzazione e formazione – Job enrichment e job empowerment – Downsizing – Trasformazione dei processi decisionali
  21. 21. Business Case NOKIAA cura di:• Teresa Scuotto• Mariateresa Sorrentino• Florindo Russo

×