Business case gm & chrysler

478 views
422 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
478
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Business case gm & chrysler

  1. 1. Business Case A cura di: • Teresa Scuotto • Mariateresa Sorrentino • Florindo Russo
  2. 2. SWOT ANALYSIS Opportunità  Sviluppo mass-market cars  Minacce  Forte presenza dei giapponesi nel mass- market- cars
  3. 3. GAP ANALYSIS
  4. 4. BPR IDEA
  5. 5. BPR: AS IS 1980s STRUCTURE Alta integrazione vert. Decentralizzazione Controllo top-down STRATEGY SYSTEMSLeadership di costo Pesanti investimenti Obsolescenza Assenza sist. centr. centralizzato SHARED VALUES Alta rigidità SKILLS STYLECompetenze tecnico- Autocraticoingegneristiche STAFF Risorse umane professionali
  6. 6. BPR: AS IS 1980s STRUCTURE Bassa integraz. vert. Centralizzazione Controllo top-down STRATEGY SYSTEMSLeadership di costo Computerbased SHARED VALUES Bassa rigidità SKILLS STYLECompetenze tecnico- Autocraticoingegneristiche STAFF Risorse umane professionali
  7. 7. BPR: TO BE Cells approach  Platform team approach  Piccole unità produttive  Project team  Limitata autonomia  Empowered team Rapporto con fornitori  Invariato  Co-competition  Alta specializzazione  Riduzione del numero
  8. 8. BPR: TO BE Processo produttivo  Aumento della  Lean manufacturing standardizzazione  Accorciamento e  Aumento della razionalizzazione del automatizzazione ciclo produttivo  Focalizzazione su prodotti  Organizzazione logica e ad alto valore aggiunto fisica di dati  Riduzione del time to market
  9. 9. BPR: TO BE Struttura organizzativa  Unicità dell’asse  Flessibilità e strategico partecipazione lavorativa Innovazione di prodotto  Implementazione di un  Implementazione di un centro sviluppo centro sviluppo
  10. 10. ICT 1980S “Shotgun” approach  “Rifle” approach  Investimenti simultanei in  Investimenti incrementali high-tech projects in high-tech projects
  11. 11. ICT 1980S Utilizzo EDS  Utilizzo CAD  Integrazione sistemi  Focalizzazione su sistemi manifatturieri, informativi comunicazione corporate- ed amministrativi wide e gestione scorte jit  Integrazione stadi del processo produttivo  Integrazione “totale” delle attività
  12. 12. ICT 1990S Utilizzo COE  Integrazione attività operative  Implementazione rete informatica con fornitori Integrazione “totale” delle attività
  13. 13. IMPATTO ICT… Aumento della  Produzione snella standardizzazione  Direzione del progetto  Lavoro di squadra Riduzione dei prezzi  Comunicazione  Sviluppo simultaneo Produzione efficiente e di qualità  Riduzione dei costi Aumento dei margini  Bassi livelli di scorte
  14. 14. …e allora PERCHE’???… Alto time to market  Continua innovazione Eccessiva offerta  Continua ricerca della rispetto alla domanda qualità Struttura concessionari poco localizzata  Alta Quota di Mercato Costi produzione alti
  15. 15. …CHANGE MANAGEMENT!!
  16. 16. …CHANGE MANAGEMENT!!
  17. 17. LE DIFFERENZE NASCOSTE
  18. 18. ICT ‘N’ UNSOLVING PROBLEMS Knowledge Mgmt  Difficile condivisione della conoscenza per mancanza di formazione del personale “ICT” Aspetti culturali  Resistenza al cambiamento “Contatto” personale UN MEZZO…  Integrazione personale …NON UN FINE!  Interazione personale
  19. 19. Business Case A cura di: • Teresa Scuotto • Mariateresa Sorrentino • Florindo Russo

×