Lorenza Boninu
Dipartimento di Scienze Politiche
Università di Pisa
L’utilizzo della Rete in ambito educativo si sta configurando
secondo due modalità distinte, sebbene non manchino
sovrappo...


Ingresso di soggetti (Università, sia pubbliche che
private, ma anche altre realtà, come Google,
Amazon, Microsoft) cap...


Massive Open Online Courses

Un MOOC è un corso online che prevede la partecipazione aperta e
gratuita di un larghissim...
Fondato da Daphne Koller e Andrew Ng nel 2011, ha finora coinvolto 4 milioni
di studenti in tutto il mondo. Ha da poco rac...
A chi non piacerebbe frequentare gratuitamente un corso
in Computer Science in un’università esclusiva come la
Stanford Un...







Inizio e conclusione del corso sono prestabiliti.
Le settimane di lezione contengono ciascuna un certo numero d...
Extensive use of interactive exercises.
 Mastery Learning
 Usage of Automated Assessment Software
 Peer Assessments (fo...


La normalizzazione delle pratiche educative in Rete,
legata alle scelte strategiche di soggetti forti sia dal
punto di ...






Rischio di banalizzazione di contenuti complessi,
presentati in modo non criticamente e filologicamente
approfond...
Rischio di svalutazione dei titoli accademici, se
ottenuti attraverso questa modalità (della quale si
tende a sottolineare...
La Rete, in futuro, potrà continuare ad essere il
luogo della condivisione, della comunità, della
sperimentazione creativa...




l’inevitabile trasformazione si tradurrà in una positiva liberazione di
energie e capacità …
… o, al contrario, nell...
Piattaforme
 
http://www.khanacademy.org/
https://www.coursera.org/
https://www.edx.org/
http://www.oilproject.org/
https:...
GRAZIE
La sfida educativa fra utopie libertarie e nuovi autoritarismi
La sfida educativa fra utopie libertarie e nuovi autoritarismi
La sfida educativa fra utopie libertarie e nuovi autoritarismi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

La sfida educativa fra utopie libertarie e nuovi autoritarismi

572 views
442 views

Published on

X Convegno Nazionale AIS. Firenze, 11 ottobre 2013. Workshop: "Nuove tecnologie, mutamento sociale e costruzione del Sé".

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
572
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La sfida educativa fra utopie libertarie e nuovi autoritarismi

  1. 1. Lorenza Boninu Dipartimento di Scienze Politiche Università di Pisa
  2. 2. L’utilizzo della Rete in ambito educativo si sta configurando secondo due modalità distinte, sebbene non manchino sovrapposizioni.  La progressiva digitalizzazione dell’insegnamento, spesso svolta all’insegna del fai-da-te, che, nonostante ritardi, contraddizioni, ingenuità, contribuisce ad ampliare e innovare il sistema.  La veloce affermazione di un modello ben più strutturato e articolato, che travalica i confini dei sistemi nazionali di istruzione, apparentemente ispirato dall’encomiabile desiderio di “democratizzazione” della conoscenza, in realtà non immune da implicazioni di tipo economico e ideologico.
  3. 3.  Ingresso di soggetti (Università, sia pubbliche che private, ma anche altre realtà, come Google, Amazon, Microsoft) capaci di mobilitare grandi investimenti nel business dell’insegnamento a distanza, apparentemente molto promettente in considerazione della crisi generale (economica e valoriale) in cui versano i tradizionali modelli di istruzione superiore
  4. 4.  Massive Open Online Courses Un MOOC è un corso online che prevede la partecipazione aperta e gratuita di un larghissimo numero (potenzialmente illimitato) di utenti in tutto il mondo In aggiunta al materiale tradizionalmente utilizzato nelle esperienze di elearning (video, letture, set di esercizi) un MOOC in genere offre anche si partecipanti esperienze di interazione attraverso forum dedicati,blog e social network (twitter, facebook etc)
  5. 5. Fondato da Daphne Koller e Andrew Ng nel 2011, ha finora coinvolto 4 milioni di studenti in tutto il mondo. Ha da poco raccolto 43 milioni di dollari in venture capital, fondi che permetteranno di triplicare la sua crescita. (http://www.forbes.com/sites/georgeanders/2013/07/10/coursera-hits-4-million-students-and-triples-its-funding/)
  6. 6. A chi non piacerebbe frequentare gratuitamente un corso in Computer Science in un’università esclusiva come la Stanford University o il MIT, comodamente seduto davanti al proprio computer di casa, ottenendo una certificazione potenzialmente spendibile in ambito accademico o lavorativo?
  7. 7.     Inizio e conclusione del corso sono prestabiliti. Le settimane di lezione contengono ciascuna un certo numero di videoconferenze di durata variabile, dagli 8 ai 15 minuti ciascuna, all’interno delle quali vengono inseriti quiz per valutare il grado di comprensione Per le verifiche, c’è una tempistica da rispettare: ogni giorno di ritardo, a seconda del corso, implica una diminuzione dei crediti oppure l’impossibilità ad accedere all’esame finale. Gli studenti possono interagire fra loro e con alcuni moderatori in forum studiati per commentare le lezioni e porre alla comunità domande di chiarimento (più improbabile l’interazione diretta con il docente). Alcuni organizzano meetup di studio con altri studenti e sottocomunità su base regionale.
  8. 8. Extensive use of interactive exercises.  Mastery Learning  Usage of Automated Assessment Software  Peer Assessments (for Humanities, e.g.)  Crowdsourcing  Active Learning in the classroom  https://www.coursera.org/about/pedagogy http://www.youtube.com/watch?v=U6FvJ6jMGHU
  9. 9.  La normalizzazione delle pratiche educative in Rete, legata alle scelte strategiche di soggetti forti sia dal punto di vista della reputazione, sia da quello delle possibilità economiche e organizzative, comporta numerose criticità.
  10. 10.    Rischio di banalizzazione di contenuti complessi, presentati in modo non criticamente e filologicamente approfondito. Rischio di oscuramento e depotenziamento per altre tipologie di didattica in Rete, meno visibili mediaticamente (perché più polverizzate e artigianali) ma legate ad un’autentica iniziativa dal basso. Rischio di colonizzazione culturale, visto che le più gettonate fra queste esperienze si collocano nel contesto educativo statunitense
  11. 11. Rischio di svalutazione dei titoli accademici, se ottenuti attraverso questa modalità (della quale si tende a sottolineare, anche in sede politica, l’economicità e la presunta efficienza rispetto al modello tradizionale)  Possibile svilimento, legato ad un progressivo disimpegno pubblico nel campo dell’educazione, proprio di quella esigenza di democratizzazione del sapere rivendicata per MOOCs e OpenCourseWare. 
  12. 12. La Rete, in futuro, potrà continuare ad essere il luogo della condivisione, della comunità, della sperimentazione creativa, del confronto critico …  … o è destinata a trasformarsi in larga misura in un meccanismo di controllo, dominato dalle leggi del marketing e monopolizzato da pochi attori in grado di sfruttarne a proprio vantaggio le potenzialità? 
  13. 13.   l’inevitabile trasformazione si tradurrà in una positiva liberazione di energie e capacità … … o, al contrario, nell’affermazione di una nuova forma di autoritarismo tecnocratico opportunamente mascherato da una sorta di populismo pedagogico?
  14. 14. Piattaforme   http://www.khanacademy.org/ https://www.coursera.org/ https://www.edx.org/ http://www.oilproject.org/ https://iversity.org/   Articoli online   http://www.nytimes.com/2012/11/04/education/edlife/massive-open-online-courses-are-multiplying-at-a-rapid-pace.html http://www.ted.com/talks/daphne_koller_what_we_re_learning_from_online_education.html http://cacm.acm.org/magazines/2012/11/156587-will-moocs-destroy-academia/fulltext http://www.shirky.com/weblog/2012/11/napster-udacity-and-the-academy/ http://www.technologyreview.com/featuredstory/429376/the-crisis-in-higher-education/ http://www.hackeducation.com/2011/07/19/the-wrath-against-khan-why-some-educators-are-questioning-khan-academy/ http://www.oxydiane.net/politiche-scolastiche-politiques/evolution-des-systemes-d/article/moocs-successo-di-iscrizioni-ma   Bibliografia   Casati, Roberto, Contro il colonialismo digitale. Istruzioni per continuare a leggere. Bari, Laterza, 2013 Codeluppi, Vanni, Ipermondo. Dieci chiavi per capire il presente. Bari, Laterza, 2012 Ferri, Paolo, La scuola digitale. Come le nuove tecnologie cambiano la formazione. Milano, Paravia, 2008 Morin, Edgar, La tête bien faite, 1999, Seuil (tr.it. Susanna Lazzeri, La testa ben fatta. Riforma dell'insegnamento e riforma del pensiero, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2000) Russo, Lucio, Segmenti e bastoncini. Dove sta andando la scuola , Milano, Feltrinelli, 1998, nuova edizione 2000 Simone, Raffaele, La terza fase. Forme di sapere che stiamo perdendo. Roma-Bari, Laterza, 2001. Toschi, Luca, La comunicazione generativa, Milano, Apogeo, 2011
  15. 15. GRAZIE

×