Corso valutazione sabbatini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Corso valutazione sabbatini

on

  • 1,243 views

Lezione tenuta il 13 aprile 2011 presso la Camera del Lavoro della FLC di Mantova

Lezione tenuta il 13 aprile 2011 presso la Camera del Lavoro della FLC di Mantova

Statistics

Views

Total Views
1,243
Views on SlideShare
1,242
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
14
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slashdocs.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Corso valutazione sabbatini Presentation Transcript

  • 1. La valutazione della professionalità docente Armida Sabbatini Dottorato di Ricerca in Sanità Pubblica e Scienze Formative Indirizzo pedagogico Università degli Studi di Pavia Coordinatore: Alessandra MarinoniTutor: Anna Bondioli A.A. 2006/2007-2009/2010 Tutor: Monica Ferrari Supervisione statistica: Mario Grassi
  • 2. Seminario d’approfondimento: La ricerca sulla valutazione della professionalità docente Mantova 13 aprile 2011 VIP. Doc. FACILEuno strumento di autovalutazione professionale - Valutazione Italiana Professionalità Docente Formazione Abilita Competenze Innovazione Lavoro Eccellente - Armida Sabbatini
  • 3. Programma dell’incontro del 13 Aprile Mantova RELATORE: Armida SabbatiniDottore di ricerca in Pedagogia generale e sociale, dirigente scolastico UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA a.a. 2006/2010RICERCA CONDOTTA FASI SCOPI METODOLOGIA ANALISI DATI RISULTATI ANCORAGGI TEORICI E FILOSOFIA DELLO STRUMENTOSVILUPPI FUTURI POSSIBILITÀ USO STRUMENTO VIP. DOC. FACILE
  • 4. FASI SCOPISOGGETTI PARTECIPANTI
  • 5. Disegno della ricerca II Rassegna letteratura Fase del pre-test: metavalutazione dello Inchiesta strumento VIP.Doc. FACILE messo a punto FASE Questionario VIP.Doc. Raccolta dei dati con prima I Intervista prova sul campo dello strumento VIP.Doc.FASE Restituzione, divulgazione, pubblicazioni Analisi dei dati Analisi dati Restituzione raccolti Validazione statistica strumento: Divulgazione unidimensionalità, affidabilità, consistenza interna, metricità Messa a punto versione definitiva dello strumento di autovalutazione professionalità docente VIP. Doc. FACILE I numeri
  • 6. I Fase II Fase 24 QUESTIONARIO 21 VIP. Doc. testimoni testimoni 111privilegiati 218 privilegiati Docenti valutatori valutatori scuole ogni prima soggetti prima ordine e grado versione versione di 7 Regioni INTERVISTE strumento per provaquestionario VIP.Doc. VIP.Doc. sul campo 43 strumento FACILE testimoni VIP. Doc. privilegiati FACILE
  • 7. Obiettivi 1ª fase Conoscere i punti di vista raccolta e analisi sul tema: opinioni di diversi valutazione tramite profili professionaliprofessionalità docente 2ª fase di gestione e valorizzazione delMettere a punto personaleuno strumento di valutazione della professionalità docente della rassegna letteratura
  • 8. LA I ^ FASE L’INDAGINE QUESTIONARI ONLINE e INTERVISTEa TESTIMONI PRIVILEGIATI
  • 9. Indagine realizzata N.° % SoggettiDocenti 156 71,6Altri profili e/o 62 28,4cariche istituzionaliTotale partecipanti 218 100,0 I 218 soggetti partecipanti e compilatori del VIP. Doc. QuestionarioProfili professionali di Scuola: Risposte dell’infanzia, primaria,Docenti secondaria di primo grado, 156 secondaria di secondo grado, specializzandi SILSIS. Ministro Pubblica Istruzione, Università e Ricerca e Ministeriali, Direttore USR,Altri profili Dirigenti USP,professionali Dirigenti tecnici, 62e/o cariche Dirigenti scolastici,istituzionali Universitari, Direttori riviste scolastiche, ex IRRE, INVALSI, Associazioni di categoria, Sindacati nazionali, regionali e provinciali. Totale 218
  • 10. MESSA A PUNTO DEGLI STRUMENTI DELL’INDAGINE QUESTIONARIO + INTERVISTE Tot. n. Tot. n. item/Sezione questionario VIP.Doc. domande Sottoitem1. variabili strutturali 11 112. la professionalità docente: tra ruolo e funzione 10 733. la didattica 2 104. la professionalità docente: immagine e identità 4 185. la professionalità docente: reclutamento, 6 29formazione, sviluppo carriere6. la valutazione della professionalità docente e della 12 70deontologia professionale 45 211 10
  • 11. Le 43 interviste ai testimoni privilegiati TARGET 11 DOMANDEN.° testimoni Qualifica dei 43 intervistati privilegiati Ministro Istruzione Università e Ricerca M.I.U.R. 1 XVI Legislatura da 08.05.’08 Sottosegretario di Stato Ministero Pubblica Istruzione M.P.I. XV 1 Legislatura da 08.05.’08 1 Direttore generale Ordinamenti Scolastici M.I.U.R. 1 Direttore Ufficio Scolastico Regionale Lombardia 5 Dirigenti tecnici- ispettori U.S.R. Lombardia, Liguria, Veneto 2 Dirigenti UST Lombardia, Campania Docenti Universitari esperti in materia di valutazione e 7 appartenenti ad Università italiane 1 Responsabile delle relazioni internazionali INVALSI Responsabili di Associazioni delle categorie professionali 8 interessate Segretari nazionali e referenti regionali/provinciali delle varie 9 organizzazioni sindacali 7 Dirigenti scolastici di scuole di ogni ordine e gradoTot. 43 INTERVISTE
  • 12. IL RISULTATO DELLA I FASE HA PERMESSO DI METTERE A PUNTO lo STRUMENTOdi autovalutazione professionale VIPDOC FACILE
  • 13. METODOLOGIA ANALISI DATI I^ e II^ FASE
  • 14. ANALISI DATI I ^ FASE ANALISI ANALISI OGGETTI QUALITATIVA QUANTITATIVA VIP Doc. Questionario I ^ versione 24 soggetti testimoni Descrittiva Distribuzioni di frequenza privilegiati a. a. 2006/2007 Tecniche multidimensionali di tipo versione definitiva esplorativo: Questionario Questionario II ^ versione II ^ versione questionario a)analisi corrispondenze semplice VIP Doc. per semplificare dati di preferenza; Descrittiva b)analisi corrispondenze multipla 218 soggetti a. a. 2007/2009 per semplificazione dati ordinali; c)studio delle relazioni tra modalità di più variabili categoriali Descrittiva 43 interviste analisi per testimoni privilegiati Distribuzioni di frequenzanuclei tematici a. a. 2007/2009mediante griglie
  • 15. ANALISI DATI II ^ FASE ANALISI ANALISI OGGETTI QUALITATIVA QUANTITATIVA VIP Doc. FACILE Questionario I ^ versione Descrittiva 21 soggetti nuclei tematici -testimoni privilegiati- Distribuzioni di frequenza(metavalutazione) a. a. 2009/2010 strumento Questionario Questionario II ^ versione II ^ versione VIP Doc FACILE VERIFICA VALIDITÀ STRUMENTO 111 soggetti tramite studio: a. a. 2009/2010 multidimensionalità metricità VALIDAZIONE Descrittiva affidabilità VIP Doc. FACILE validità VERSIONE III ^ versione Questionario di ciascuna sezione strumento definitiva e successiva attribuzione VIP Doc. FACILE scoring finale a. a. 2009/ 2010
  • 16. RISULTATI
  • 17. RISULTATI Indagine I ^ Fase218 questionari 43 interviste Rilevazioni opinioni sulla tematica Valutazione professionalità docente
  • 18. TEMATICHE OGGETTO INDAGINE I ^ FASEINDIVIDUAZIONE : SCOPI - FINALITÀ - SOGGETTI VALUTATORI standard definizione codici: misurazione valutazione DEONTOLOGICO COMPETENZE COMPORTAMENTO DISCIPLINA rivalutazione sociale Operazione di STATUS VALUTAZIONE politica scolastica DOCENTE di SVILUPPO ridefinizione GESTIONE valorizzazione PROFESSIONALITÀ VALORIZZAZIONE FUNZIONE RISORSE UMANE DOCENTE DOCENTE sviluppo formazione CARRIERE INIZIALE MOBILITÀ PROFESSIONALE PERMANENTE ATTRATTIVITÀ PROFESSIONE
  • 19. RISULTATI INDAGINE I ^ FASE VALUTAZIONE di sistema con più Professionalità docente soggetti: Apprendimenti alunni CHIDirigente, IspettoriEsperti esterniRicercatori universitariDocenti esperti interni CHEColleghi COME VALUTARE COSAStudenti, FamiglieDocente interessatoRappresentantiorganizzazioni sindacali a livello nazionale: standard DOVE a livello territoriale: 1) Autovalutazione valutazione confronto tra risultati valorizzazione personale ottenuti e attesi 2) Valutazione mista
  • 20. RISULTATI INDAGINE I ^ FASE STRUMENTI 43 INTERVISTE di INDAGINE 218 risposte QUESTIONARIO online A) Ineludibilità valutazione S B) Necessità interventi livello politico e tecnico I RECLUTAMENTO FORMAZIONE SVILUPPO CARRIERAA G N C) Necessità sistema chiaro e trasparente indicatoriSP IE F D) Revisione profilo e stato giuridicoT IT C E) Recupero prestigio socialeI A T F) Valore formativo valutazione I V G) Necessità sistema valutazione formativa COMPOSITO I - con varie funzioni e a più livelli - (nazionale, locale) - con più soggetti istituzionali in SINERGIA
  • 21. RISULTATI indagine I Fase 1 alta complessità 2 tematica 3 assenza definizione mancanza cultura indicatori e standard valutazione professionali 6 PROBLEMI 4fragilità valutazione per assenza pratica valutativa ambiti poco anche a livelli dirigenziali oggettivabili 7rischio cultura meritocratica slegata dallo sviluppo formativo permanente insegnante e causa probabili disagi relazioni e possibili iniquità
  • 22. Implicazioni dei risultati analisi I ^ fase sulla II ^ direttamente connesseRISPOSTE - Interessanti OSSERVAZIONI - Utili SUGGERIMENTI hanno permesso di RIFLETTERE in vista della DEFINIZIONE VIP. Doc. FACILE INDAGINE: II ^ Fase Messa a punto strumento di autovalutazione professionalità docente 111 Docenti di scuole di ogni ordine e grado lo sperimentano Validazione VIP. Doc. FACILE redazione versione definitiva
  • 23. diScuole di ogni ordine e grado TARGET II ^ Fasedi 7 Regioni 111 Docenti Campionamento a scelta ragionata Non probabilistico = Docenti disponibili e interessati DOCENTI di SCUOLA totale % Target effettivo 111 per per Insegnanti Infanzia Primaria Secondaria Secondaria Regio Regio I II ne ne MILANO 3 3 4 3 13 12 Comuni LOMBAR 1 4 3 5 13 12 prov. MI PAVIA e DIA altri Comuni 1 3 3 5 12 11 LOMBARDIA 1 4 4 3 12 11 PIEMONTE 0 3 2 2 7 6 TOSCANA 1 6 3 4 14 13 CAMPANIA 1 3 2 8 14 13 PUGLIA 1 1 2 4 8 7 SICILIA 3 6 5 4 18 16 SARDEGNA Tot. 12 33 28 38 111 grado scolastico n. % 11 30 25 34 100 100 grado scolastico
  • 24. LA RESTITUZIONEA CIASCUN DOCENTE PARTECIPANTE
  • 25. LA FASE DELLA RESTITUZIONE Limiti fiduciali che definiscono lintervallo Limite inferiore Limite superiore Lettera ideale fattuale ideale Fattuale informativa a ciascun valori medi, Docente limiti minimi e massimi, in forma della valutazione dei riservata valutatori di ciascun grado scolastico con comunicazioneoperazioni relative alla validazione statistica e indicazioni di lettura del grafico: profilodella differenza fra il livello/piano ideale della professionalità docente e quello fattuale
  • 26. Profilo risultante dall’autovalutazione Confronto trapiano ideale (significatività di)piano fattuale (padronanza di) delle diverse competenze importante concentrarsi sui punti di forza e di criticità con particolare attenzione alle differenze e allo scarto tra i 2 piani Fondamentale ragionare insieme su discrepanze e livelli minimi registrati in entrambi i piani problematizzando le criticità con uno scopo prioritariamente formativo
  • 27. È stato suggerito a ciascun docente partecipante di verificare per ogni area la collocazione del proprio punteggio: sotto all’interno o sopra l’ INTERVALLO Su questa base si possono ipotizzare possibili percorsi formativiin grado di sviluppare progetti di miglioramento professionale
  • 28. Le finalità dello strumentoVIP. Doc. FACILE = autovalutazione processo punto di partenzaper ulteriori progressi e miglioramenti di sviluppo professionale progettando percorsi formativi ad hocnelle aree in cui vi è un significativo scarto tra il livello ideale (alto) e il livello fattuale (basso)
  • 29. VALIDAZIONE DELLOSTRUMENTO E SUA VERSIONE DEFINITIVA
  • 30. Esito validazione VIP. Doc. FACILE ha generato:8 scale definite dalla somma di item binari2 scale definite dalla somma di item ordinali a 4 modalità di risposta
  • 31. Risultato finale Entrambe le modalità consentono di giungere al risultato finale definendo il punto di vista del PROFILO DI CIASCUN DOCENTE Si tratta delle modalità di attribuzione del punteggio = in grado di discriminare su una scalada a0 10 una ordinabilitàdelle categorie di risposta lungo un continuum
  • 32. Fin qui il lavoro svolto Da qui possibili sviluppi progetto . . . UTILIZZO dello STRUMENTO di autovalutazione dellaprofessionalità docente su più ampia scala in COLLEGI DOCENTI di SCUOLE entro percorsi di VALUTAZIONE FORMATIVA
  • 33. L’uso del VIP. Doc. FACILE CONSENTIRÀ DOCENTEeffettuare prima valutazione qualità COLLEGIO e livello efficacia promuovere cultura valutazione sua professionalità ricorrente e sviluppare attività di ricerca nella scuola attivando competenza riflessiva
  • 34. SVILUPPI FUTURIUSO VIP DOC FACILE SU PIÙ AMPIA SCALA
  • 35. Lo strumento: la struttura gli itemle modalità di risposta
  • 36. Impianto e struttura del V.I.P. Doc. F.A.C.I.L.E.Il V.I.P. Doc. F.A.C.I.L.E. presenta 100 aspetti checontribuiscono a definire la professionalità docentesuddivisi in 10 aree:Per ciascuno degli aspetti vengono richieste due tipidi valutazione[1]:a) significatività dell’aspetto consideratob) possesso dell’aspetto considerato[1] Otto scale definite dalla somma di item binari (per Area, 1- 8) edue scale (9-10) definite da item ordinali a 4 modalità di risposta.
  • 37. Lo strumento V.I.P. Doc. ITEM N. Valutazione Italiana Professionalità Docente totaleAREA F.A.C.I.L.E. da n.° a n.° item Formazione Abilità Competenze Innovazione Lavoro Eccellente 1 CONOSCENZE DI BASE E COMPETENZE DISCIPLINARI 1 10 10 BUONE PRATICHE, COMPETENZE METODOLOGICO 2 11 20 10 DIDATTICHE E ORGANIZZATIVE 3 COMPETENZE PSICO-PEDAGOGICHE 21 30 10 4 COMPETENZE RELAZIONALI CON GLI ALLIEVI 31 40 10 5 COMPETENZE RELAZIONALI CON GLI ADULTI 41 50 10 ETICA E RENDICONTAZIONE SOCIALE ; RESPONSABILITÀ 6 51 60 10 INDIVIDUALE E COLLEGIALITÀ 7 COMPETENZE DI PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE 61 70 10 8 COMPETENZE DI VERIFICA E VALUTAZIONE 71 80 10 9 COMPETENZE DI RICERCA E SVILUPPO 81 90 10 10 INCARICHI E FUNZIONI 91 100 10
  • 38. Area 1,2,3,4,5,6,7,8 = modalità risposta binaria Area 1-8 piano ideale: Area 1-8 piano fattuale: 80 item modalità di 80 item modalità di risposta risposta binaria binaria Grado di IMPORTANZA Grado di PADRONANZA attribuito posseduto + - da adeguato importante importante migliorare punteggio 1 0 0 1Punteggio scala = somma item (1;0) per area
  • 39. PIANO / LIVELLO PIANO / LIVELLO STRUMENTO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA PROFESSIONALITÀ IDEALE FATTUALE DOCENTE Indichi per ogni item quale grado di AREA 1 Indichi per ogni item quale grado di importanza attribuisce ad ogni singola padronanza ritiene di possedere in merito conoscenza /abilità/ competenza /attitudine declinata in alle conoscenze /abilità /competenze /attività per una pratica (ottimale o di qualità) n. 10 item /attitudini /attività. della professionalità docente. importante importante migliorare Adeguato CONOSCENZE DI BASE E COMPETENZE DISCIPLINARI meno più da ITEM 1 Definizione itemGli item declinano per ogni area le competenze del profilo professionale dei docenti possono contare sui seguenti ancoraggi teorici e normativi: La rassegna della letteratura nazionale e internazionale ha rappresentato lo sfondo teorico, utile eorientante l’ideazione del primo strumento messo a punto per condurre l’indagine e propedeuticoalla progettazione del VIP.Doc. FACILE, nella seconda fase dello studio fortemente interconnessacon la prima.Ragioni di sintesi suggeriscono di indicare solo alcuni autori, rapporti, studi, esiti di indaginicondotte sulla tematica di interesse, in vista della redazione finale dello strumento di autovalutazioneprofessionale messo a punto, sperimentato e validato e della progettazione delle sue linee di sviluppoper un possibile uso nelle scuole su una più ampia scala.Contributi utili di Becchi E.; Bondioli A., Ferrari M., D. Savio (gruppo di ricerca afferente agli studipedagogici dell’Ateneo pavese, con il quale lavoro, in particolare sull’evaluation), Cenerini A., DeLandsheere G., Drago R., Genovesi G., Gordon T., Quagliozzi A.E, Rogers C., Schön D. A., Spencer L.M., Spencer S., Stame N., per citare i principali; devo molto anche a numerosi altri autori che hannoofferto spunti di riflessione e di interesse davvero utili.
  • 40. Area 9 e 10= modalità risposta a 4 opzioni Area 9 piano ideale: Area 9 piano fattuale 10 ITEM ORDINALI 10 ITEM ORDINALI a 4 MODALITÀ di RISPOSTA a 4 MODALITÀ di RISPOSTA Grado di importanza attribuito Grado di padronanza posseduto max min min max 4 3 2 1 1 2 3 4 Area 10 piano ideale: Area 10 piano fattuale 10 ITEMpiano ideale: Area 10 ORDINALI 10 ITEM ORDINALI Area 10 piano fattuale a 4 MODALITÀ di RISPOSTA 10 ITEM ORDINALI a 4 MODALITÀ di RISPOSTA 10 ITEM ORDINALI a 4 MODALITÀ di RISPOSTA Grado di importanza attribuito a 4 MODALITÀ di RISPOSTA Grado di padronanza/efficacia Grado di importanza attribuito posseduto Grado di padronanza/efficacia max min min posseduto max max min min 1/mai max 4 3 2 1 2 3 4 svolto 1/mai 4 3 2 1 2 3 4 svolto punteggio 1 0.66 0.33 0 0 0.33 0.66 1Punteggio scala = somma item (1;0.66;0.33;0) per area
  • 41. IDEALE PROFESSIONALITÀ DOCENTE FATTUALE Indichi per ogni item quale Indichi per ogni item in che grado di importanza misura in termini di AREA 10attribuisce ad ogni incarico o efficacia ritiene di avere declinata in n. 10 item funzione per la crescita svolto/ricoperto ogni professionale. incarico o funzionema ma min min x x INCARICHI E FUNZIONI DOCUMENTABILI 1/4 3 2 1 mai 2 3 4 svolto ITEM Definizione item 91 Tra gli studi, rapporti di indagini e normativa di riferimento, oltre agli Art. 26 e Art. 27 CCNL Scuola 2006-2009 che definiscono competenze e funzione docente e che rappresentano il frame di riferimento, cito almeno i seguenti: Rapporto Faure - Delors J. 1996 all’UNESCO; Rapporto dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico del 1994, curato dalla Conferenza Nazionale dei Centri Universitari di Ricerca Educativa e Didattica CO.N.C.U.R.E.D; Ricerca della Hay McBer; Documento approvato dalla commissione MURST-MPI l’11.12.1997 (contributo alla definizione del quadro di abilità da sviluppare negli insegnanti), Normativa istitutiva dei Corsi di laurea in scienze della formazione primaria e delle Scuole di specializzazione allinsegnamento secondario ed in particolare allegato A del D.M. 26.05.1998, Principi comuni europei per le competenze e le qualifiche degli insegnanti elaborato dalla Commissione europea e presentato a Bruxelles nel 2005, Strategia di Lisbona 2010, ora 2020 (programma di riforme economiche approvato a Lisbona nel 2000 dai Capi di Stato e di Governo dellUnione europea).
  • 42. Una scheda “dati profilo professionale”in cui indicare titoli di studio, culturali, scientifici, professionaliaccompagna lo strumento per valutare la professionalità docente, con finalità prettamente formative e di tipo auto valutativo
  • 43. Strumento di autovalutazione della professionalità docente Riflettere sulle proprie competenze professionali ri-orientarle con maggior efficacia, individuare i punti di criticità, base di partenza per successivi progetti di miglioramento e formativi (sono anche secondo lopinione di chi lo ha giàsperimentato e prima ancora, meta-valutato, aspetti diutilità che contraddistinguono lo strumento).
  • 44. Strumento di autovalutazione della professionalità docente- lutilità dei risultati che luso dello strumentopresuppone per la fase di preparazione del pianoannuale della formazione; - lutilità anche per il personale docente che entra sunuovo incarico, costituendo un punto d’incontro fra lamemoria storica e nuove professionalità.
  • 45. Osservazioni conclusive II ^Fase Domanda 2 Domanda 1S Significatività item = Esaustività = 62% sìI 38% suggerisce Esaustività 72% sì di cui il 23% offre suggerimentiG accorpamenti itemN Domanda 5I Utilità strumento = 100% sìF VIP. Doc. FACILEI Le parole deiC partecipanti riconoscono UtilitàA agli itemTIVI Domanda 3 e 4T Praticabilità Praticabilità Chiarezza = 81% sìÀ Chiarezza 14% offre suggerimenti 5% non risponde
  • 46. ANCORAGGI TEORICI EFILOSOFIA DELLO STRUMENTO
  • 47. Valutazione formativa: è una precisa scelta Connota uno specifico approccio alla Valutazione di contesto di orientamento peculiarmente PedagogicoTrova le sue radici in precisi riferimenti teorici e nel lavoro condotto negli anni dal gruppo di ricercatori che fa capo agli insegnamenti pedagogicidell’Università degli Studi di Pavia di cui faccio parte
  • 48. Parole chiave che prendono le mosse dallo sfondo teorico funzione formativa valutazione contesto finalità trasformativa valutazione natura intersoggettiva del giudizio valutativo. L’intero processo è importante per: acquisire consapevolezza scambiare e negoziare significati e idee circa l’educazione, chiarire, precisare e ridefinire gli obiettivi, riflettere sull’esperienza (cfr. Anna Bondioli Insegnamenti di Pedagogia Sperimentale Università degli Studi di Pavia)
  • 49. Utilità modello di valutazione/autovalutazione, rientrante nel più ampio sistema di valutazione della professionalità docente e di valutazione di sistema. Modello = semplificatore, pragmatico, scegliendo di concentrarsi sugli elementi ritenuti rilevanti ai fini della messa a punto di uno strumento ad hoc. Ricerca di un modello per soddisfare criteri: utilità, affidabilità, praticità, accuratezza, tutti mutuati dagli studi di quarta generazione (1)[1] Per una rassegna bibliografica al riguardo cfr. Bondioli A., Ferrari M. (2000), a curadi, Manuale di valutazione del contesto educativo, FrancoAngeli, Milano; Bondioli A.,Ferrari M., (2004), a cura di, Verso un modello di valutazione formativa, Junior,Bergamo-Azzano S. Paolo; Guba E. G., Lincoln Y. S,. La valutazione di quartagenerazione, in Stame N., Donald T. , Campbell e alii (2007), a cura di, Classici dellavalutazione, FrancoAngeli, Milano.
  • 50. Epistemologia fondata solo su razionalità tecnico-strumentale = inadeguata per lo studio della professionalità docente (D. Schon,1983) Caratteristiche competenze Riferimento meta-riflessione sul meta-riflessive: teorico 3 processo insegnamento- 1 le POTENZIALITÀ dello strumento apprendimento 1 VIP. Doc. FACILE ATTIVA 4 apertura al nuovo “la riflessione competenze 2 e consolida le sull’azione” metodologiche buone pratiche RAFFORZA didattiche esistenti l’identità professionale autovalutazione professionale Riflessione individuale 5 in corso di Riflessione azione sull’azione Schön D. A. (1983), Il professionista riflessivo, trad. it. Bari, Dedalo, 1993.
  • 51. Riflessione e ricerca = strumenti per sviluppo professionale consapevole e per un’azione didattica efficace e innovativa 2 sulla qualità dell’intervento educativo 1 VIP. Doc. FACILE ATTIVA “la riflessione in 3 l’intervento educativo una sua corso di azione” ai bisogni modificazione degli allievi RAFFORZA l’identità professionale lo stile di insegnamento Riflessione in itinere 4 in corso di azione Riflessione sull’azione Schön D. A. (1983), Il professionista riflessivo, trad. it. Bari, Dedalo, 1993.
  • 52. Lo strumento VIP. Doc. FACILE 2 1 Criticità Trasformate rilevate collegialmente modello teorico evaluation che richiede in virtù della NATURA VALORIALE valutazione di avviare un processo esplicitazione costruzione e di tutti i attribuzione CONDIVISA 3 soggetti deldi SIGNIFICATO e VALORE Punti di forza contesto ai dati che si raccolgono 5 in un particolare CONTESTO Sul tema evaluation cfr. 4 Scriven M. (2000), La valutazione: con una nuova scienza, in Bondioli A., Ferrari M., a cura di, Manuale di miglioramento valutazione del contesto educativo, professionale Milano, FrancoAngeli;Bondioli A., Ferrari M. (2004), a cura soggetto di, Verso un modello di valutazione autovalutatore formativa, Azzano S. Paolo (BG), Junior.
  • 53. Lo strumento VIP. Doc. FACILE, dunque, il cui copyright èdell’Università degli Studi di Pavia, per gli ancoraggi teorici acui fa riferimento e per le finalità per cui è stato messo a punto,sperimentato e validato statisticamente prevede l’utilizzo inpercorsi di valutazione formativa, nell’ambito di un processoarticolabile in 5 fasi:I fase: formazione.II fase: applicazione dello strumento.III fase: analisi dei risultati mediante lo studio statistico dei dati.IV fase: restituzione.V fase: progetto di miglioramento.
  • 54. Lo strumento VIP. Doc. FACILE L’autovalutazione, fondandosi su finalità formative (1) e di empowerment professionale per tutti i docenti di ciascun Collegio, ha un valore indipendentemente da qualunque meccanismo di premialità.(1) Per valutazione formativa = si intende larilevazione di elementi di criticità, risorse e punti diforza, condotta al fine di prospettare percorsi dimiglioramento.
  • 55. Lo strumento VIP. Doc. FACILEI benefici di un tale processo interessato e rivolto atutti i Docenti di un Collegio (elementoqualificante il percorso) possono favorire il clima di collaborazione a vantaggio del miglioramento del sistema scuola nel suo complesso,senza innescare improduttivi meccanismi dicompetizione individuale.
  • 56. armida.sabbatini@unipv.it