• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino
 

Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino

on

  • 363 views

Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino

Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino

Statistics

Views

Total Views
363
Views on SlideShare
355
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 8

http://www.mo-mar.net 8

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Black Sea position : COM(2007) 160 final Black Sea Synergy communication 11 April 2007 Community accession to the Convention on the Protection of the Black Sea against Pollution is a priority. Arctic position : COM/2008/0763 final 20 November 2008 “ Enhance input to the Arctic Council in accordance with the Community’s role and potential. As a first step, the Commission will apply for permanent observer status in the Arctic Council.“
  • Criteria to be used by MSs for the use of the GES descriptors are laid down in COM Decision
  • Links within Art 8

Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino Presentation Transcript

  • La Direttiva Quadro sulla Strategia per l’Ambiente Marino (Direttiva 2008/56/CE) Marine Strategy Framework Directive (MSFD) Tratto dalla presentazione di Gianna Casazza all’evento del ProgettoMOMAR: Ambiente Marino, qualità e strategie – Alberese, maggio 2011 European Commission DG Environment, Marine Unit UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • La Direttiva Quadro sulla Strategia per l’Ambiente Marino Strumento normativo per la protezione del nostro mare Obiettivo: conseguire o mantenere un buono stato ecologico dell’ambiente marino entro il 2020.Approccio ecosistemico alla gestione delle Overarching Goal: attività umane, assicurando che la Achieve GES of EU’s Marine Waters by 2020 pressione collettiva di tali attività sia mantenuta entro livelli compatibili con il conseguimento di un buono stato Protected Sustainable Common Ecosystems Uses Approaches ecologico Clean, of Europe’s CooperationApproccio regionale per healthy, productive marine resources at the EU and regional level l’implementazione attraverso la seas delimitazione di sottoregioni marittime UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Strategia MarittimaCiascuno Stato membro elabora, per ogni regione o sottoregione marina interessata,una strategia per l’ambiente marino per le sue acque marineGli Stati membri che hanno in comune una regione o una sottoregione marinacooperano per garantire che, entro ciascuna regione o sottoregione marina, le misurenecessarie a conseguire gli obiettivi della direttiva…Costruendo in base alla legislazione europea e ad altre politiche come:Water Framework DirectiveHabitat and Birds DirectiveCommon Fishery PolicyInternational agreements, i.e. HELCOM, OSPAR, UNEP/MAP, Black Sea Convention UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Steps per lo sviluppo di una strategia marittima nazionale definizione del buono stato ecologico delle acque considerate, in conformità dell’articolo 9, paragrafo 1; definizione del buono stato ecologico delle acque considerate, in conformità dell’articolo 2012 9, paragrafo 1; definizione di una serie di traguardi ambientali e di corrispondenti indicatori, in conformità dell’articolo 10, paragrafo 1; elaborazione e attuazione di un programma di monitoraggio per la valutazione continua e l’aggiornamento periodico dei traguardi, in conformità dell’articolo 11, paragrafo 1; 2014 elaborazione di un programma di misure finalizzate al conseguimento o al mantenimento 2015 di un buono stato ecologico avvio del programma 2016 2020 Buono stato ecologico ambientale UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Steps operativi Principali steps: • Definizione dello stato iniziale • Definizione del GES (Buono Stato Ecologico) • Definizione di target e indicatori ambientali • Monitoring programme for ongoing assessment and regular updating of targets • Programma di misure per il mantenimento del buon stato ecologico • Esame dell’andamento degli step precedenti UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Cooperazione regionaleNEA subregions:-Greater North sea-Celtic sea-Bay of Biscay and Iberian coast-Atlantic ocean, Macaronesianregion (Azores, Madeira,Canaries) Mediterranean subregions MSFD -Western Mediterranean -Adriatic sea -Ionian sea UNIONE EUROPEA and Central Mediterranean UNION EUROPEENNE -Aegean-Levantine sea
  • In base alla legislazione e politiche esistentiWater Framework Directive:  Objective: achieving ‘Good Status’ for all EU groundwaters, rivers, lakes, coastal waters, etc. by 2015.  6-year planning cycle, River Basin Management Plans development. First reviewed in 2015.  Reduces marine pollution from land-based sources and protects ecosystems in coastal watersHabitats and Birds Directives:  Europe’s key laws on nature conservation  Provide special protection for key sites (the Natura 2000 network), animal/plants species and habitat types  Integration of these sites in MPAs networkCommon Fisheries Policy:  Collaborative way for managing the EU’s shared seas and fisheries  Objective: Ensuring that Europes fisheries are sustainable and do not damage the marine environment.  Planned reform in 2011 – integration of issue of environmental impacts of fishing UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • r e ate Tid el hw res dary nm nm line Lev TL) F un200 12 3 nm 1 nm B ase (MH Bo MSFD, if not already covered by MSFD other Directives Chemical status Water Framework Directive Ecological status Natura 2000 network OSPAR (Northeast Atlantic) HELCOM (Baltic Sea) UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Buono Stato Ecologico o Good Environmental Status (GES)stato ecologico delle acque marine tale per cui queste preservano la diversitàecologica e la vitalità di mari ed oceani che siano puliti, sani e produttivi nelle proprie condizioni intrinseche e l’utilizzo dell’ambiente marino resta ad un livello sostenibile, salvaguardando in tal modo il potenziale per gli usi e le attività delle generazioni presenti e futura) la struttura, le funzioni e i processi degli ecosistemi che compongono l’ambiente marino, assieme ai fattori fisiografici, geografici, geologici e climatici, consentono a detti ecosistemi di funzionare pienamente e di mantenere la loro resilienza ad un cambiamento ambientale dovuto all’attività umana. Le specie e gli habitat marini sono protetti, viene evitata la perdita di biodiversità dovuta all’attività umana e le diverse componenti biologiche funzionano in modo equilibrato;b) le proprietà idromorfologiche e fisico-chimiche degli ecosistemi, ivi comprese le proprietà derivanti dalle attività umane nella zona interessata, sostengono gli ecosistemi come sopra descritto. Gli apporti antropogenici di sostanze ed energia, compreso il rumore, nell’ambiente marino non causano effetti inquinanti. UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Definición de Buen Estado EcológicoIl Buono Stato Ecologico è determinato a livello di regione o sottoregione marina (osottoregione), sulla base dei "descrittori qualitativi" di cui allallegatotenendo conto degli indicatori di cui allallegato III:Tab.1: caratteristiche fisiche e chimiche, tipi di habitat, le caratteristiche biologichee idromorfologiaTab. 2: pressione e degli impatti delle attività umane UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • UNIONE EUROPEAUNION EUROPEENNE
  • Annex I Annex III Descrittori qualitativi CaratteristicheD 1 Biodiversità Fisiche e chimicheD 2 Specie non indigene introdotte •Topografia e batimetria • Nutrienti, O2D 3 Pesci e molluschi sfruttati Tipi di habitatD 4 Elementi rete trofica marina • Sul fondo, nella colonna d’acqua, ecc Biological featuresD 5 Eutrofizzazione • Comunità biologicheD 6 Integrità del fondo marino Altre • Contaminanti in sedimento e biotiD 7 Condizioni idrografiche Pressioni / ImpattiD 8 Contaminanti • Perdita fisica o soffocamento • Danni fisiciD 9 Contaminanti nei pesci • Rumori sotto marini • RifiutiD 10 Rifiuti marini • Arricchimento di nutrienti • Introduzione di specie non indigeniD 11 Introduzione di • Pescaenergia (rumore) UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Criteri e indicatorirelativi agli 11descrittori chedeterminano ILBuono StatoAmbientale UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • GES: Principi comuni GES Descrittori Descrittore 10 – Marine litter does not cause harm to A livello europeo the coastal and marine environment GES Criteri •Caratteristiche dei rifiuti nellambiente marino e costiero A livello di stati membri •Impatti dei rifiuti sulla vita marina INDICATORI •quantità di rifiuti portati a riva e / o depositati sulle coste GES Indicatori •quantità di rifiuti nella colonna dacqua e depositati sul fondale Dettagli marino •quantità, distribuzione e composizione di micro-particelle •composizione di materie plastiche ingerite dagli animali marini Target Target (esempi)Se I target si raggiungono il buono •X% di riduzione complessiva del volume di rifiuti sulle stato ecologico è garantito coste dai rilevati nel 2010 entro il 2020. • Meno del 10% di uccelli marini con più di 0,1 g di particelle di plastica nel loro stomaco • Nessun aumento di micro-plastica entro il 2020 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Descrittori della biodiversità - Criteri BIODIVERSITA’ SPECIE NON INDIGENEDistribuzione delle specie•Dimensioni delle • Quantitàpopolazione • Impatti•Condizioni delle popolazioni POPOLAZIONE DI PESCI•Distribuzione degli habitat • Pressione esercitata dalla•Estensioni pesca•Condizioni • Capacità riproduttiva•Struttura degli ecosistemi •Età e distribuzione RETI TROFICHEProduttività di specie al top della rete trofica INTEGRITA’ DEL FONDALE MARINO •Danni fisici UNIONE EUROPEA •Condizioni delle comunità bentoniche UNION EUROPEENNE
  • Articolo 8 - Valutazione Art. 8 Allegato IIIun’analisi degli elementi e dellecaratteristiche essenziali edello stato ecologico attuale delle acque, Tabella 1 – caratteristicherealizzata sullabase degli elenchi indicativi di elementiun’analisi delle pressioni e degli impattiprincipali, compresi Tabella 2 – pressioni e impattiquelli derivanti dalle attività umaneun’analisi degli aspetti socio-economicidell’utilizzo delledette acque e del costo del degradodell’ambiente marino. UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Attività Pressioni Stato Attività A Pressione X Petrolio & Componente A Rumore gas Cetacei sottomarino IMPACTS Activity B Componente B Sand & Pesci Estrazione Pressione Y di ghiaia Component C Inquinamento Uccelli marini Activity C Trasporto Componente D marino Habitat pelagico Pressione Z Activity D Disturbo fisico Component E Pesca Fondali marini Valutazione Valutazione dello Analisi socio delle pressioni Stato economica Art 8.1b Art 8.1a Art 8.1c Tabella 2 Tabella 1 UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE
  • Implementazione della Strategia UNIONE EUROPEA UNION EUROPEENNE