0
 
L’evoluzione del mercato <ul><li>elevata pressione competitiva </li></ul><ul><li>alto numero di opzioni tra cui scegliere ...
I  consumatori , nonostante possano scegliere tra diverse tipologie di prodotti/servizi e tra più aziende produttrici/forn...
<ul><li>È necessario che  le aziende  rivalutino il tradizionale sistema di creazione del valore incentrato su se stesse e...
<ul><li>Le organizzazioni devono  rafforzare e tutelare le relazioni coi propri stakeholder .  </li></ul><ul><li>La  Corpo...
La Reputazione <ul><li>“ una condivisa, o comune, percezione rispetto una persona ”.  </li></ul><ul><li>Possedere una buon...
La Corporate Reputation <ul><li>La reputazione di un’organizzazione è  il giudizio complessivo dato da coloro che in modo ...
Intorno al mondo dell’azienda si instaurano  nove circuiti di relazione comunicativa . Fonte immagine:  Marco Camisani Cal...
<ul><li>E’ da  questo incrocio di flussi comunicativi che nasce la Corporate Reputation  ed è proprio per la sua  natura i...
Il comunication mix ,   ovvero l’insieme degli strumenti di comunicazione pianificati dall’impresa,  dovrebbe essere ripen...
Il Web, e più nello specifico  il Web 2.0 , per la sua velocità, capillarità, interattività e capacità di instaurare rappo...
“ Viviamo in un'epoca in cui ogni consumatore ha un megafono. Molti lo stanno usando. E le aziende farebbero meglio ad asc...
<ul><li>  </li></ul><ul><li>La ricerca  utilizzo dei motori in Italia  ha rilevato che: </li></ul><ul><li>l'83%  degli ita...
<ul><li>La reputation 2.0 , ovvero le conversazioni che hanno luogo sulla Rete,  devono essere tenute costantemente sotto ...
Brand 2.0 , un’operazione di  personal branding <ul><li>Per verificare le affermazioni precedenti, ho deciso di costruire ...
<ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>dimostrare la capacità della Rete di farsi territorio ideale per la creazione delle r...
Il mio avatar
 
Fase 1: Pianificazione <ul><li>Il social media </li></ul><ul><li>La piattaforma di blogging </li></ul><ul><li>Il dominio <...
Fase 2: Misurazione Visite : mensili settimanali giornaliere Media giornaliera= 25 Tot. Visite = 2.870  Dati dal 9/07/2008...
<ul><li>Siti che portano traffico al blog  </li></ul><ul><li>MyBlogLog </li></ul><ul><li>Motore di ricerca interno di Word...
<ul><li>Il numero di commenti </li></ul>132 commenti per 60 post Media = poco più di 2 commenti per post Backlink Pochi ma...
<ul><li>Iscritti ai Feed </li></ul>
 
Fase 3: Profittabilità <ul><li>Il concetto di  guadagno , nella parte abitata della Rete,  non nasce dal possesso , quindi...
Fase 4: Analisi e correzione di metodi e strumenti  <ul><li>dopo aver osservato  i risultati conseguiti ed aver constato d...
<ul><li>Incremento del numero di commenti su blog inerenti </li></ul><ul><li>Un utilizzo maggiore dei social network </li>...
Conclusione
<ul><li>I  Social Media  si dimostrano </li></ul>Strumenti di marketing Spazi capaci di aumentare il  brand engagement Mig...
<ul><li>www.branduepuntozero.wordpress.com </li></ul>
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

I Social Media e la Corporate Reputation

5,225

Published on

I social media si dimostrano territori adatti alla creazione, sviluppo e mantenimento delle relazioni, quindi al miglioramento della Corporate Reputation, asset che in un mercato evoluto come il nostro, assume sempre maggiore importanza.

Published in: Business
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
5,225
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
94
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "I Social Media e la Corporate Reputation"

  1. 2. L’evoluzione del mercato <ul><li>elevata pressione competitiva </li></ul><ul><li>alto numero di opzioni tra cui scegliere </li></ul><ul><li>inesorabile evoluzione delle tecnologie </li></ul><ul><li>infedeltà dei consumatori </li></ul><ul><li>passaggio del Web alla così detta fase 2.0 </li></ul><ul><li>rapidità con cui i prodotti divengono obsoleti </li></ul>
  2. 3. I consumatori , nonostante possano scegliere tra diverse tipologie di prodotti/servizi e tra più aziende produttrici/fornitrici, spesso si scoprono confusi e frustrati dall’esperienza d’acquisto. Le imprese , nonostante le maggiori possibilità strategiche, generano profitti più bassi e minor valore per il mercato.
  3. 4. <ul><li>È necessario che le aziende rivalutino il tradizionale sistema di creazione del valore incentrato su se stesse e pongano al centro dell’attività aziendale il consumatore . </li></ul><ul><li>Il mercato si configurerebbe come un grande forum dove chi vuole può intervenire, dialogare e partecipare con l’azienda alla co-creazione di valore. </li></ul>
  4. 5. <ul><li>Le organizzazioni devono rafforzare e tutelare le relazioni coi propri stakeholder . </li></ul><ul><li>La Corporate Reputation diviene asset strategico per costruire vantaggio competitivo sui mercati globali. </li></ul>
  5. 6. La Reputazione <ul><li>“ una condivisa, o comune, percezione rispetto una persona ”. </li></ul><ul><li>Possedere una buona reputazione significa avere maggiori possibilità di intrecciare rapporti, sia lavorativi, sia umani . </li></ul>
  6. 7. La Corporate Reputation <ul><li>La reputazione di un’organizzazione è il giudizio complessivo dato da coloro che in modo diretto o indiretto ne influenzano l’operato . </li></ul><ul><li>I vantaggi apportati da una buona reputazione sono: </li></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>Maggiore forza contrattuale; </li></ul><ul><li>Aumento delle vendite; </li></ul><ul><li>Facilità di approvvigionamento di risorse, umane, materiali e finanziarie; </li></ul><ul><li>Miglioramento del grado di fedeltà delle persone; </li></ul><ul><li>Miglioramento della collaborazione e della qualità dei propri fornitori; </li></ul><ul><li>Maggiore impegno e coinvolgimento del personale; </li></ul><ul><li>Miglioramento del dialogo con enti e media; </li></ul><ul><li>Maggiore sostegno di comunità locali. </li></ul>
  7. 8. Intorno al mondo dell’azienda si instaurano nove circuiti di relazione comunicativa . Fonte immagine: Marco Camisani Calzolari
  8. 9. <ul><li>E’ da questo incrocio di flussi comunicativi che nasce la Corporate Reputation ed è proprio per la sua natura incontrollabile che le viene riconosciuta tanta autorevolezza. </li></ul>
  9. 10. Il comunication mix , ovvero l’insieme degli strumenti di comunicazione pianificati dall’impresa, dovrebbe essere ripensato in una nuova ottica di trasparenza, dialogo, collaborazione e rispetto reciproco .
  10. 11. Il Web, e più nello specifico il Web 2.0 , per la sua velocità, capillarità, interattività e capacità di instaurare rapporti uno ad uno, si dimostra piattaforma perfetta per la creazione e il mantenimento di relazioni .
  11. 12. “ Viviamo in un'epoca in cui ogni consumatore ha un megafono. Molti lo stanno usando. E le aziende farebbero meglio ad ascoltare.” Chris Anderson “ Non ci sono segreti. Il mercato online conosce i prodotti meglio delle aziende che li fanno. E se una cosa è buona o cattiva, comunque lo dicono a tutti.” Cluetrain Manifesto , punto 12
  12. 13. <ul><li>  </li></ul><ul><li>La ricerca utilizzo dei motori in Italia ha rilevato che: </li></ul><ul><li>l'83% degli italiani online utilizza i motori di ricerca per trovare informazioni decisive per un acquisto </li></ul><ul><li>il 91% di questi, una o più volte , ha deciso l'acquisto di un prodotto o di un servizio basandosi sulle informazioni ottenute attraverso i motori di ricerca . </li></ul><ul><li>Sems e OTO Research , Maggio 2008 </li></ul>
  13. 14. <ul><li>La reputation 2.0 , ovvero le conversazioni che hanno luogo sulla Rete, devono essere tenute costantemente sotto controllo . </li></ul>ma come fare? Vivendo la Rete
  14. 15. Brand 2.0 , un’operazione di personal branding <ul><li>Per verificare le affermazioni precedenti, ho deciso di costruire un caso aziendale che avesse come obiettivo la costruzione della mia immagine su Internet. </li></ul>Ho aperto un blog , Brand 2.0
  15. 16. <ul><li>Obiettivi: </li></ul><ul><li>dimostrare la capacità della Rete di farsi territorio ideale per la creazione delle relazioni, quindi per la formazione della propria reputazione; </li></ul><ul><li>trasformare alcuni dei legami instaurati, in rapporti lavorativi. </li></ul>
  16. 17. Il mio avatar
  17. 19. Fase 1: Pianificazione <ul><li>Il social media </li></ul><ul><li>La piattaforma di blogging </li></ul><ul><li>Il dominio </li></ul><ul><li>I contenuti </li></ul><ul><li>La grafica (template, logo e avatar) </li></ul><ul><li>Description e Pagine ( Blog , About me , About Brand 2.0 ) </li></ul><ul><li>I widget </li></ul>
  18. 20. Fase 2: Misurazione Visite : mensili settimanali giornaliere Media giornaliera= 25 Tot. Visite = 2.870 Dati dal 9/07/2008 al 3/01/2009 Record visite = 136 (lunedì 24 Novembre)
  19. 21. <ul><li>Siti che portano traffico al blog </li></ul><ul><li>MyBlogLog </li></ul><ul><li>Motore di ricerca interno di Wordpress </li></ul><ul><li>Twitter </li></ul><ul><li>Online Marketing Blog </li></ul><ul><li>socialnetworking.ning.com </li></ul><ul><li>Twine </li></ul><ul><li>Performance sui motori di ricerca </li></ul><ul><li>Buzz marketing : in seconda pagina con Wordpress; </li></ul><ul><li>Corporate Reputation : appaio in terza pagina con un link dal motore di ricerca di Wordpress </li></ul><ul><li>Corporate Reputation tesi : prima della prima pagina </li></ul><ul><li>Aziende web reputation : seconda pagina </li></ul><ul><li>Web marketing : non avendo trovato il mio blog, alla decima pagina mi sono fermata! </li></ul>
  20. 22. <ul><li>Il numero di commenti </li></ul>132 commenti per 60 post Media = poco più di 2 commenti per post Backlink Pochi ma tutti da siti “trusted” e a tema
  21. 23. <ul><li>Iscritti ai Feed </li></ul>
  22. 25. Fase 3: Profittabilità <ul><li>Il concetto di guadagno , nella parte abitata della Rete, non nasce dal possesso , quindi dalla vendita, ma viceversa dalla condivisione . </li></ul><ul><li>Ogni soggetto, in base alla propria natura e ai propri obiettivi può ottenere vantaggi differenti. </li></ul><ul><li>Per una studentessa universitaria significa fare promozione di se stessa , un’esperienza che può aggiungere valore al proprio curriculum , ma che può anche rivelarsi luogo d’incontro e d’instaurazione di rapporti lavorativi importanti . </li></ul>
  23. 26. Fase 4: Analisi e correzione di metodi e strumenti <ul><li>dopo aver osservato i risultati conseguiti ed aver constato di aver raggiunto gli obiettivi prefissati, mi sono proposta di colmare la mia lacuna più grande </li></ul><ul><li>incrementare il numero di visitatori </li></ul>volti ad aumentare le possibilità di conoscere persone interessanti e di crearmi un’identità più forte, quindi allargare la mia community ( )
  24. 27. <ul><li>Incremento del numero di commenti su blog inerenti </li></ul><ul><li>Un utilizzo maggiore dei social network </li></ul><ul><li>Una scrittura più attenta ai motori di ricerca </li></ul>Aspetti da migliorare:
  25. 28. Conclusione
  26. 29. <ul><li>I Social Media si dimostrano </li></ul>Strumenti di marketing Spazi capaci di aumentare il brand engagement Miglioramento della Corporate Reputation Territori adatti al controllo delle opinioni dei consum-attori
  27. 30. <ul><li>www.branduepuntozero.wordpress.com </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×