Your SlideShare is downloading. ×
0
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Legislazione Floss
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Legislazione Floss

1,115

Published on

Normativa Europea, Italiana e Regionale sul software libero

Normativa Europea, Italiana e Regionale sul software libero

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,115
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Flavia Marzano - pag. 1 Progetto ClusterProgetto Cluster Opportunità del software liberoOpportunità del software libero
  • 2. Flavia Marzano - pag. 2
  • 3. Flavia Marzano - pag. 3 La legislazione italiana eLa legislazione italiana e regionale sul software libero.regionale sul software libero. Come trarre vantaggio dal FLOSS nelle offerte e nei bandi di gara Flavia Marzano flavia.marzano@gmail.com
  • 4. Flavia Marzano - pag. 4 Che lingua parliamo?  Tecnichese  Burocratese  … … e se parlassimo l’italiano? A volte non si può, a volte non si deve…
  • 5. Flavia Marzano - pag. 5 Premessa Codice dell’amministrazione digitale (CAD) D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 SEZIONE II (Diritti dei cittadini e delle imprese) ART. 3 (Diritto all’uso delle tecnologie) Comma 1 I cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere l’uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e con i gestori di pubblici servizi statali nei limiti di quanto previsto nel presente codice.
  • 6. Flavia Marzano - pag. 6 Obiettivi eEurope  eEurope 2002: connettere le persone  eEurope + (2003): connettere persone negli Stati candidati  eEurope 2005: stimolare servizi sicuri, applicazioni e basati sui contenuti su infrastrutture a banda larga
  • 7. Flavia Marzano - pag. 7 Obiettivi eEurope 2005 • Interactive public services: basic public services interactive and accessible for all. Relevant issues include exploiting the potential of broadband networks and multi- platform access, and addressing access for people with special needs • Public procurement: By end 2005 Member States should carry out a significant part of public procurement electronically, cutting costs and raising efficiency in government procurement
  • 8. Flavia Marzano - pag. 8 Obiettivi eEurope 2005 • Public Internet Access Points (PIAP's): All citizens should have easy access to PIAP's, preferably with broadband connections, in their communes or municipalities, In establishing PIAP's, Member States should use structural funds and work in collaboration with the private and/or voluntary sector, where necessary; • Broadband connections: Authorities should not discriminate between technologies when purchasing connections (see eEurope 2005/Broadband);
  • 9. Flavia Marzano - pag. 9 Obiettivi eEurope 2005 • Interoperability: The Commission presented a staff working paper on the importance of interoperability for e-Government services at the 2003 e-Government Ministerial Conference and intends to propose a European interoperability framework for pan- European e-Government services before the end of 2003;
  • 10. Flavia Marzano - pag. 10 Obiettivi eEurope 2005 • Secure communications between public services: the Commission and Member States will examine the possibilities to establish a secure communications environment for the exchange of classified government information.
  • 11. Flavia Marzano - pag. 11 I cambiamenti degli ultimi anni  Politici: costituzione europea, allargamento a 27 paesi, più forte ruolo delle pubbliche amministrazioni locali  Tecnologici: nanotecnologie, mobilità, 3G, Ipv6, nuova generazione di reti e computer  Normativi: Codice Amministrazione Digitale  Indirizzi: Piano di Azione eEurope 2005, Agenda di Lisbona, Fondi Strutturali, FP6, FP7, Programma IDA …
  • 12. Flavia Marzano - pag. 12 e-government action plan i2010  assicurare l'accesso a tutti i cittadini europei all'ampia gamma di tecnologie: dalla TV digitale, ai personal computer, alle comunicazioni mobili  aumentare l'efficienza attraverso l'e-government nei 25 Stati Membri provocando risparmi  attuazione dell'e-procurement  accesso sicuro ai servizi di e-government  rafforzare la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali e politici europei mediante l'e-democracy
  • 13. Flavia Marzano - pag. 13 La conoscenza • Tra gli obiettivi di Lisbona per diventare “ “the most competitive knowledge-based economy by 2010”, la conoscenza emerge come problematica centrale e il motore del nostro futuro comune.
  • 14. Flavia Marzano - pag. 14 Viviane Reding(1) • Il 50 % della crescita produttiva nelle economie moderne è determinato dall'ICT. Per questo è dall'ICT che si deve partire per una rinnovata strategia di attuazione degli obiettivi dell'Agenda di Lisbona, che prevede tre aree prioritarie di azione. – Il mercato europeo dei servizi – La conoscenza come fattore di sviluppo – Più lavoro a migliori condizioni
  • 15. Flavia Marzano - pag. 15 Viviane Reding(2) Ricerca S&T e ICT Investimenti in Europa: solo il 20% delle risorse finanziarie contro il 30% dei competitors diretti. R&D, settore privato, investimenti nell'ICT: Mondo 60% - Europa 38%. Fondi del Programma Quadro di ricerca diminuiscono di anno in anno (nonostante si aggiungano sempre nuove aree proprietarie di ricerca)
  • 16. Flavia Marzano - pag. 16 La visione • Costruire una “Società dell’informazione per tutti” anche attraverso le ICT: e-government • Partecipare alle scelte politiche: e-democracy e-participation e-inclusion Governance attraverso le ICT • Crescita, Innovazione, Sostenibilità: l'alfabetizzazione di domani non riguarderà più solo la capacità di utilizzare le nuove tecnologie, quanto piuttosto l'attitudine a vivere e a lavorare in una società basata sulla conoscenza
  • 17. Flavia Marzano - pag. 17 I temi delle politiche ICT • Accesso: dare a tutti la possibilità di usare Internet e gli altri mezzi di comunicazione • Libertà Civili: diritti umani come la libertà d’espressione, il diritto alla riservatezza, il diritto di comunicare, i diritti sulla proprietà intellettuale.
  • 18. Flavia Marzano - pag. 18 I temi delle politiche ICT Tali diritti, applicati ai mezzi di trasmissione radiofonica e televisiva, sono a rischio così come la comunicazione in Internet, da sempre libera, è minacciata da legislazioni sempre più restrittive. Gli attacchi alla libertà d’espressione nei paesi in via di sviluppo (Cina e Vietnam) e in nazioni dove la libertà d’espressione è acquisita (USA), si registrano tentativi di limitare la riservatezza e la libertà di scelta degli utenti di Internet. … ma le restrizioni atte a limitare il monopolio dei media vengono indebolite e trascurate.
  • 19. Flavia Marzano - pag. 19 “Nel riconoscimento dei fondamentali valori di libertà, dignità, giustizia e rispetto della diversità, la nostra visione della Società dell’informazione si fonda sul diritto a comunicare, come mezzo per promuovere e proteggere i diritti umani e rafforzare la vita delle persone e delle comunità, da un punto di vista sociale, economico e culturale. Pensiamo che informazione e conoscenza siano un’eredità comune, una risorsa fondamentale per la vita di ogni persona e ogni comunità, quindi un diritto da affermare sulla scena internazionale.” Communication Rights in the Information Society www.cris.orgwww.cris.org www.communicationrights.orgwww.communicationrights.org
  • 20. Flavia Marzano - pag. 20 Piano di Azione Giugno 2000  PA come front-office UNICO: “il cittadino potrà ottenere ogni servizio pubblico, cui ha titolo, rivolgendosi ad una qualsiasi amministrazione di front-office abilitata al servizio, indipendentemente da ogni vincolo di competenza territoriale o di residenza;” Interoperabilità, Fruibilità, AccessibilitàInteroperabilità, Fruibilità, Accessibilità FLOSSFLOSS
  • 21. Flavia Marzano - pag. 21 FLOSS Free Libre Open Source Software
  • 22. Flavia Marzano - pag. 22 Una definizione open-source (o programmi a codice sorgente aperto) applicazioni informatiche il cui codice sorgente può essere liberamente: • studiato • copiato • modificato • ridistribuito Glossario CNIPA http://www.cnipa.gov.it/site/_files/xGlossario%20e%20abbreviazioni%20fonti.pdf art. 2, direttiva PCM 19/12/2003
  • 23. Flavia Marzano - pag. 23 Programma a codice sorgente aperto “…programma per elaboratore la cui licenza di distribuzione consente all'utente di accedere al codice sorgente per studiarne il funzionamento, apportarvi modifiche, mantenerlo nel tempo, estenderlo e ridistribuirlo” Legge Regionale Toscana 1/2004 - Art. 3 comma 1d www.rtrt.it/Document/testo_legge_burt.pdf
  • 24. Flavia Marzano - pag. 24 FLOSS: definizioni1 di 4 - fonte www.innovazione.gov.it Open Source e Free Software “I termini “open source” e “software libero” vengono normalmente utilizzati per identificare software il cui codice sorgente può essere liberamente studiato, copiato, modificato e ridistribuito. In particolare, la definizione di software libero proposta dalla Free Software Foundation (FSF) recita testualmente: L’espressione “software libero” si riferisce alla libertà dell’utente di eseguire, copiare, distribuire, studiare, cambiare e migliorare il software. Più precisamente, esso si riferisce a quattro tipi di libertà per gli utenti del software:
  • 25. Flavia Marzano - pag. 25 FLOSS: definizioni2 di 4 - fonte www.innovazione.gov.it • Libertà di eseguire il programma, per qualsiasi scopo (libertà 0) • Libertà di studiare come funziona il programma e adattarlo alle proprie necessità (libertà 1). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito. • Libertà di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertà 2). • Libertà di migliorare il programma e distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio (libertà 3). L’accesso al codice sorgente ne è un prerequisito.
  • 26. Flavia Marzano - pag. 26 FLOSS: definizioni3 di 4 - fonte www.innovazione.gov.it I termini “open source” e “free software” sono da taluni considerati sinonimi. In realtà essi si riferiscono a filosofie ed approcci diversi: Free software Secondo la FSF di Richard Stallman il software deve essere libero non in quanto gratuito, ma per una questione etica e di principio. Esistono una serie di diritti dell’utente del software (indicati nella definizione proposta in precedenza) che devono essere adeguatamente tutelati; il software deve essere “libero” per questi motivi prima ancora che per motivi di carattere economico e di mercato.
  • 27. Flavia Marzano - pag. 27 FLOSS: definizioni4 di 4 - fonte www.innovazione.gov.it Open source La comunità del software OS condivide in larga misura le posizioni del mondo del software libero, ma deenfatizza gli aspetti etici, fondando le proprie scelte e motivazioni su considerazioni di carattere tecnico-economico. Secondo i sostenitori del software OS, tali motivazioni tecnico- economiche sono sufficienti a giustificare la necessità del software aperto/libero.
  • 28. Flavia Marzano - pag. 28 Il futuro dal passato: dal centro  Legge 633, 21 Aprile 1941. Art. 11 Alle amministrazioni dello stato, alle province ed ai comuni spetta il diritto di autore sulle opere create e pubblicate sotto il loro nome ed a loro conto e spese.  Legge 24 Novembre 2000, n. 340. “Disposizioni per la delegificazione di norme e per la semplificazione di procedimenti amministrativi” all’art. 25 norme in merito all’accesso alle banche dati pubbliche: “Le pubbliche amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del Decreto Legislativo 3 Febbraio 1993, n. 29, che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno facoltà di darli in uso gratuito al altre amministrazioni pubbliche, che li adattano alle proprie esigenze”  Febbraio 2002: Senato: proposta di legge Cortiana, DDL 1188. www.senato.it/leg/14/BGT/Schede/Ddliter/16976.htm  Marzo 2002: Camera: proposta di legge Folena, DDL 2544. www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stampati/sk3000/articola/2544.htm  Ottobre 2002: Commissione nazionale per il software a codice sorgente aperto nella PA (c.d. Commissione Meo 1)  Dicembre 2003: Direttiva (Stanca) Sviluppo e utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/alleg ati/Dir191203.pdf - Febbraio 2004: pubblicazione in G.U. 31/2004
  • 29. Flavia Marzano - pag. 29 Il futuro dal passato: dal centro  Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 pubblicato in G.U. del 16 maggio 2005, n. 112 - S.O. n. 93 "Codice dell’amministrazione digitale” (CAD) aggiornato dal D.Lgs. n. 159 del 4 aprile 2006 pubblicato in G.U. del 29 aprile 2006, n. 99 – S.O. n. 105 “Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante codice dell’amministrazione digitale”. All’articolo 69, comma 1 “Riuso dei programmi informatici” recita: Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno obbligo di darli in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni.  Agosto 2006: Dichiarazione del Ministro Nicolais: “evitiamo di legarci alle grandi aziende di software. La pubblica amministrazione ha bisogno di software liberi”  Fine 2006: Finanziaria 2007- I Commi 892 e 895 prevedono la disponibilità di un fondo di 30 milioni di euro per il sostegno agli investimenti per l'innovazione negli enti locali e verrà data priorità a chi utilizza o sviluppa applicazioni software a codice aperto.  Maggio 2007: Commissione Meo 2
  • 30. Flavia Marzano - pag. 30 Il dibattito è passato dalla discussioneIl dibattito è passato dalla discussione sulle definizioni e sui possibili utilizzisulle definizioni e sui possibili utilizzi a quella dell'opportunitàa quella dell'opportunità di adottarlo nella PAdi adottarlo nella PA
  • 31. Flavia Marzano - pag. 31 Il futuro dal passato: dal centro  …e contemporaneamente (7 Maggio 2007: Protocollo intesa con MS). “Il Ministro dell’Università e della Ricerca, Fabio Mussi, il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, Luigi Nicolais, insieme all’amministratore delegato della Microsoft, Marco Comastri: protocollo d’intesa che prevede un rapporto di collaborazione che ha come obiettivi principali la formazione, il trasferimento tecnologico e la facilitazione di progetti di ricerca. Il protocollo prevede la costituzione di tre Centri per l’Innovazione nelle Regioni Piemonte, Campania e Toscana, per lo sviluppo di attività basate sulle tecnologie Microsoft.” Un milione di euro all'anno per "fornire formazione, supporto allo sviluppo delle società nel settore dell'ICT e ricerca applicata in collaborazione con le aziende interessate, università locali e altri centri di ricerca". (Mussi)  Risposta di ASSOLI: “malgrado non si sappia ancora quanto costerà questa operazione ai cittadini italiani, Microsoft si è resa disponibile ad erogare ben 737.300 euro in tre anni, ovvero 245.766 euro all’anno, poco più di 20.000 euro al mese da suddividere in tre Centri di Ricerca, ovviamente non in contanti, ma “tramite terze parti, sulla base delle necessità specifiche di prodotti hw, sw, servizi di supporto tecnico e attività formative”. Da sottolineare che questa cifra rappresenta lo 0,0007 % del fatturato della suddetta corporation”.
  • 32. Flavia Marzano - pag. 32 Il futuro dal passato: dal centro  “L’Associazione per il Software Libero http://softwarelibero.it, sensibile alle difficoltà economiche del Governo, che si vede costretto ad accettare una cifra così irrisoria da parte di una multinazionale statunitense, ha deciso di venire incontro ai nostri rappresentanti proponendo un accordo molto più vantaggioso”. http://www.softwarelibero.it/progetti/proposta_governo.  “Al fine di realizzare quanto sopra indicato, l’Associazione per il Software Libero si impegna a mettere a disposizione del Governo, per un periodo di cinque anni, attività formative, materiale didattico, soluzioni tecnologiche e software, direttamente o delegando aziende italiane che lavorano nell’ambito del software libero, per un valore complessivo dell’ordine di 10.000.000 (dieci milioni) di euro all’anno.”  Gennaio 2008 (più di un anno dopo) Lettera aperta al ministro Nicolais: “Dove sono finiti?”
  • 33. Flavia Marzano - pag. 33 Il futuro dal passato: dal centro  Risponde il Sottosegretario Beatrice Magnolfi:  Decreto 16 Maggio 2007:  2.050.000 Innovazione nella scuola  4.000.000 Innovazione nella sanità  1.500.000 Innovazione nel settore del lavoro  2.450.000 Studi e ricerche per la SdI  Decreto 23 Gennaio 2008  3.500.000 Innovazione nella scuola  2.000.000 Innovazione nella sanità  2.000.000 Innovazione nel settore del lavoro  2.500.000 Cittadini digitali all'estero, Servizi consolari online  Resta da capire:  Con quail criteri si sono scelti i beneficiari?  Quanto software libero c'è “dentro”?  La community potrà fruirne?  Come?  Quando?
  • 34. Flavia Marzano - pag. 34 Il futuro dal passato: dal centro  Il primo decreto dichiara: “Le azioni individuate sono state quindi integrate nei programmi che il Dipartimento sta attuando per le varie linee di intervento, permettendo così di sostenere ulteriormente, attraverso l’applicazione di soluzioni software a codice aperto, le politiche a favore del riuso e dello sviluppo collaborativo tra amministrazioni.”  “Per tale motivo, per ogni linea di intervento si fornisce nel seguito una breve descrizione delle attività in corso, con particolare attenzione alla tematica del software a codice aperto e evidenziando il contributo delle azioni attuate con i finanziamenti di cui al comma 892.  In allegato, infine, è riportato un quadro sintetico degli stanziamenti previsti e delle relative attività in corso o in fase di preparazione per ciascuno dei due decreti attuativi.”  Tra l’altro si legge: “fornire a 1650 classi di 550 scuole delle regioni Calabria, Sicilia, Puglia, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo e Molise, 1 lavagna elettronica, 1 proiettore e 2 PC portatili ciascuna” ma non si dice se i suddetti PC avranno software libero o meno; la "lavagna elettronica", funzionerà con linux o poi si dovrà comprare ms windows per farla funzionare?).  ”Come previsto dal comma 892, il codice sorgente delle componenti sviluppate appositamente nell’ambito di queste iniziative sarà reso disponibile attraverso apposito un ambiente di sviluppo cooperativo”…  23 Aprile 2008: Relazione della Commissione per il software “open source” nella PA
  • 35. Flavia Marzano - pag. 35 Il futuro dal passato: la PAL Intanto che cosa fa la PAL?  Marzo 2003: Provincia di Pisa organizza il PRIMO evento su Open source e Pubblica Amministrazione. Diventato nel 2004: SALPA Saperi Aperti e Liberi nella Pubblica Amministrazione.  Settembre 2003: Provincia di Pisa, prima delibera di indirizzo  Gennaio 2004: Prima legge regionale (Toscana) LR 1/2004. Altre ne sono seguite: RER, Umbria (estate 2006), …  Altre in preparazione: FVG, Campania, Lombardia, Sardegna (annunciata a PAAL lo scorso 17 aprile)  Comuni, Province, Comunita Montane e Regioni: convegni, incontri, proposte, delibere dì indirizzo,...
  • 36. Flavia Marzano - pag. 36 E la community?  Luglio 2007: Petizione online Libera Software - www.liberasw.org  Perché il sistema operativo del MIO PC deve essere deciso da altri?  Perché il MIO PC deve contenere programmi a pagamento senza che io possa sceglierli?  Perché il costo del MIO PC deve essere maggiorato a causa di programmi che potrei sostituire con alternative gratuite e libere?  Perché è così difficile ottenere il rimborso di software non scelti da me per il MIO PC? Quando acquisto un PC:  Voglio che il prezzo del sw preinstallato sia indicato chiaramente  Voglio poter rinunciare al sw preinstallato e pagare solo il computer, risparmiando e scegliendo i programmi che preferisco  Voglio che il prezzo del software preinstallato sia realistico, simile al prezzo dello stesso programma acquistato a parte.
  • 37. Flavia Marzano - pag. 37 E la Community?  ADUC vs HP: si al rimborso di Windows prenistallato sul PC. Firenze, 18 Ottobre 2007 Il Giudice di Pace di Firenze (Alberto Lo Tufo) ha depositato la sentenza promossa da Marco Pieraccioli, consulente informatico dell'Aduc difeso dagli avvocati dell'Aduc Anna Maria Fasulo e Claudia Moretti, con la quale viene accolta la richiesta di rimborso del costo per l'obbligo di acquisto della licenza Microsoft Windows incorporata in un PC portatile con sistema operativo pre-installato.  Causa fondata sul presupposto che la HP italiana, titolare del marchio Compaq, nella "licenza d'uso del sistema operativo Microsoft" (Eula), dice "qualora l'utente non accetti le condizioni del presente contratto, non potrà utilizzare o duplicare il software e dovrà contattare prontamente il produttore per ottenere informazioni sulla restituzione del prodotto o dei prodotti e sulle condizioni di rimborso in conformità alle disposizioni stabilite dal produttore stesso". HP si era difesa negando il rimborso in quanto il computer sarebbe stato inscindibile dal sistema operativo, non tanto per problemi tecnici ma commerciali. Il Giudice ha condannato HP al rimborso del costo della licenza previa restituzione della stessa, e riconoscendo il rimborso delle spese legali..." http://www.aduc.it/dyn/comunicati/comu_mostra.php?id=197413
  • 38. Flavia Marzano - pag. 38 Standard e formati dei documenti  Formati aperti e Standard  ODF: UNI CEI ISO/IEC 26300 "Tecnologie informatiche - Formato Open Document per applicazioni d'ufficio (OpenDocument) v.1.0" – Gennaio 2007  PDF: ISO/IEC 32000 – Dicembre 2007  OOXML: ISO/IEC 29500 – Aprile 2008
  • 39. Flavia Marzano - pag. 39 Che cosa fa “paura”? • la libertà di studiare? • la libertà di copiare? • la libertà di modificare? • la libertà di mantenere? • la libertà di estendere? • la libertà di ridistribuire? …… tutto, ma a chi e perché?tutto, ma a chi e perché?
  • 40. Flavia Marzano - pag. 40 Fonte:eGovernmentR&Dfocus http://europa.eu.int/information_society/activities/egovernment_research/focus/index_en.htm Gli indirizzi dell'Europa
  • 41. Flavia Marzano - pag. 41 Fonte:http://ec.europa.eu/idabc/en/document/7389/5998 Gli indirizzi dell'Europa Strategic approach  2000: the Commission defined a pragmatic strategy concerning the use of OSS products by the Commission services. This strategy allowed, for example, the recognition and use of the Apache Web Server as a recommended solution on UNIX systems. It was also recommended to further investigate Linux.  2003: revised version of the OSS Strategy Document...  The rationale behind the strategy is to "formally allow and encourage" the use of Open Source Software where "a clear benefit can be expected"... financial, technical or tactical:  Improvement of the development process through adoption of the typical OSS community approach;  Broader choice of solutions, reducing captivity towards any particular product. This will also yield better positions when conducting procurement procedures;  Faster and cheaper delivery of IT services by customisation and deployment of OSS solutions as opposed to full-scale development;  Improvement of the IT staff skills through hands-on experience with emerging technologies.
  • 42. Flavia Marzano - pag. 42 FLOSS in Europa  “la Commissione definirà una disciplina per la interoperabilità intesa a promuovere la fornitura di servizi paneuropei di e-government ai cittadini e alle imprese.  Il documento affronterà la questione dei contenuti dell'informazione e raccomanderà alcune iniziative e specificazioni di natura tecnica per aggregare i sistemi informativi della Pubblica Amministrazione in tutta l'UE; si baserà su standard aperti e incoraggerà l'impiego di software libero (open software).” eEurope 2005
  • 43. Flavia Marzano - pag. 43 FLOSS in Europa  Il Sesto Programma Quadro 2003-2004 l’OSS e l’ODS: “The development of open standards and open source software will be encouraged when appropriate to ensure interoperability of solutions and to further innovation”.  IDA: Interchange of Data between Administrations  Osservatorio Open Source: http://europa.eu.int/ISPO/ida/oso  Open Source Migration Guidelines: http://www.europa.eu.int/ISPO/ida/export/files/en/1618.pdf  Catalogo di progetti OSS http://europa.eu.int/information_society/activities/opensou rce/doc/pdf/catalogue.pdf
  • 44. Flavia Marzano - pag. 44 Le leggi regionaliLe leggi regionali sul software liberosul software libero a confrontoa confronto
  • 45. Flavia Marzano - pag. 45 Legge Regionale Toscana Art. 1 Finalità 1. La Regione con la presente legge: d) favorisce il processo di innovazione organizzativa e tecnologica delle pubbliche amministrazioni del territorio regionale in un contesto organizzato di cooperazione istituzionale; b) promuove lo sviluppo della società dell’informazione e della conoscenza in ambito regionale a fini di progresso sociale e miglioramento della qualità della vita, favorendo la realizzazione personale e professionale nonché forme di cittadinanza attiva.
  • 46. Flavia Marzano - pag. 46 Legge Regionale Toscana … Art. 1 Finalità 2. Nel perseguimento delle finalità di cui al comma 1, la Regione opera per rimuovere e prevenire gli ostacoli che di fatto impediscono la piena parità di accesso alle informazioni e alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, tenendo conto in particolare delle situazioni di disabilità, disagio economico e sociale e diversità culturale.
  • 47. Flavia Marzano - pag. 47 Legge Regionale Toscana … Art. 4 Principi e criteri guida … f) interoperabilità dei sistemi: capacità di sistemi tecnicamente differenti di interagire e condividere dati e programmi informatici; g) cooperazione applicativa: modalità operativa di procedure informatiche diverse che cooperano nello svolgimento di una stessa funzione o di funzioni diverse tra loro correlate; …
  • 48. Flavia Marzano - pag. 48 Legge Regionale Toscana … Art. 4 Principi e criteri guida … i) promozione, sostegno ed utilizzo preferenziale di soluzioni basate su programmi con codice sorgente aperto, in osservanza del principio di neutralità tecnologica, al fine di abilitare l’interoperabilità di componenti prodotti da una pluralità di fornitori, di favorirne la possibilità di riuso, di ottimizzare le risorse e di garantire la piena conoscenza del processo di trattamento dei dati.
  • 49. Flavia Marzano - pag. 49 Politiche e strategie per...  la diminuzione del digital divide  aumentare le competenze ICT nella PA  aumentare la “consapevolezza” e favorire nuovi approcci di governance delle ICT nella PA  uno sviluppo sostenibile  lo sviluppo dei territori dal punto di vista economico e sociale
  • 50. Flavia Marzano - pag. 50 Garanzie per la PA (1 di 2) • Trasferibilità ad altre amministrazioni delle soluzioni acquisite • Interoperabilità e cooperazione applicativa tra amministrazioni • Non dipendenza da un unico fornitore o da un'unica tecnologia (concorrenza e pluralismo delle soluzioni) • Disponibilità del codice sorgente (almeno per ispezione e tracciabilità) • Esportabilità dei dati e documenti in formati aperti • Integrazione con il software già in uso
  • 51. Flavia Marzano - pag. 51 Garanzie per la PA (2 di 2) • Garanzie di sicurezza e rispetto della privacy • Continuità dei dati • Proprietà e disponibilità delle strutture dei dati • Proprietà del sw custom (art.69 CAD) • Qualità/Prezzo per acquisti e manutenzione e TCO • Open Standard • Accessibilità ... le 4 libertà...
  • 52. Flavia Marzano - pag. 52 Dall'Europa... (1 di 2) “The need for greater interoperability, better security and cost-efficiency is attracting a growing interest among EU public administrations on the use of Open Source Software (OSS). Indeed, OSS has several characteristics that fit particularly well the needs of public sector administrations. It allows organisations to share software and know-how and re-use it to build solutions adapted to their needs. Importantly, it can ensure adherence to open standards, thus improving interoperability and equal access to public sector information and services”.
  • 53. Flavia Marzano - pag. 53 Dall'Europa... (2 di 2) “Interoperability - the ability of public sector administrations to communicate easily with their counterparts across Europe and with citizens and business - being a key objective of IDABC, support for initiatives that encourage uptake of OSS and spread good practice in its use has been a logical step for the programme. But it is also motivated by the aim of sharing eGovernment solutions at all levels and modernising the European public sector”. •Fonte: http://ec.europa.eu/idabc/en/document/2627/5894
  • 54. Flavia Marzano - pag. 54 ... alle politiche Regionali Obiettivo dell’indagine: Verificare lo stato di adozione di politiche in favore del software a codice sorgente aperto nelle Regioni e Province Autonome italiane. Leggi, delibere e/o mozioni di indirizzo, inserimento di azioni specifiche nei documenti e/o piani strategici. Hanno risposto: Provincia Autonoma BZ, Provincia Autonoma TN, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Veneto, Regione Autonoma Valle d’Aosta
  • 55. Flavia Marzano - pag. 55
  • 56. Flavia Marzano - pag. 56 Le legge Regionale Toscana • Gennaio 2004 “Promozione dell'amministrazione elettronica e della società dell'informazione e della conoscenza nel sistema regionale. Disciplina della “Rete telematica regionale toscana” • Parole chiave: Società dell'informazione e della conoscenza, Riuso, Formazione, Punti di Accesso Assistito, Interoperabilità, Cooperazione applicativa, standard, qualità, sicurezza, neutralità tecnologica, educazione all'uso consapevole (del patrimonio informativo, statistico, della rete...), governance della rete, Centro di Competenza • Norma finanziaria...
  • 57. Flavia Marzano - pag. 57 Toscana... Oggetto • Programmazione e promozione delle attività volte a:  realizzare modalità di amministrazione elettronica a fini sia di semplificazione, trasparenza e integrazione dei processi interni, sia di efficienza dei servizi per i cittadini e le imprese;  contribuire ad attuare una strategia organica e unitaria per lo sviluppo della società dell’informazione e della conoscenza. • Disciplina della Rete Telematica Regionale Toscana (RTRT) ... quale forma stabile di coordinamento del sistema regionale delle autonomie locali e di cooperazione del sistema stesso con altri soggetti, pubblici e privati...
  • 58. Flavia Marzano - pag. 58 Toscana... Finalità  favorire il processo di innovazione organizzativa e tecnologica delle PA regionali  promuovere sviluppo della società dell’informazione e della conoscenza in ambito regionale a fini di progresso sociale e miglioramento della qualità della vita, favorendo la realizzazione personale e professionale nonché forme di cittadinanza attiva.  rimuovere e prevenire gli ostacoli che di fatto impediscono la piena parità di accesso alle informazioni e alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, tenendo conto in particolare delle situazioni di disabilità, disagio economico e sociale e diversità culturale.
  • 59. Flavia Marzano - pag. 59 La Legge dell'Emilia Romagna • Maggio 2004 “Sviluppo regionale della società dell’informazione” • Parole chiave: accesso alla conoscenza, divario digitale, efficienza, sistema informativo regionale, infrastrutture, sicurezza, pluralismo informatico, verifica dei risultati, rete delle PA regionali, Centro di alta competenza • Copertura finanziaria...
  • 60. Flavia Marzano - pag. 60 Emilia Romagna: obiettivi • semplificazione dei rapporti tra soggetti privati e pubbliche amministrazioni, miglioramento dell'efficienza • valorizzazione del patrimonio di dati pubblici ... quale mezzo per favorire l'esercizio del diritto all'informazione e dei diritti di partecipazione democratica • infrastruttura tecnologica, interoperabilità, standard liberi e/o aperti, accessibilità e disponibilità dei dati, sistema di monitoraggio e controllo sullo sviluppo delle ICT
  • 61. Flavia Marzano - pag. 61 Emilia Romagna: finalità • sviluppo delle condizioni di vita dei cittadini attraverso un più facile e diffuso accesso alla conoscenza, rimuovendo le cause di divario digitale fra cittadini e tutelando il diritto alla riservatezza e alla autodeterminazione nell'uso dei dati personali; • sviluppo economico e sociale del territorio (competitività del sistema-Regione, adeguamento infrastrutture, diffusione omogenea dell'utilizzo delle nuove tecnologie, supporto capacità delle imprese regionali di rispondere alle nuove esigenze del mercato)
  • 62. Flavia Marzano - pag. 62 La legge Umbra • Luglio 2006 “Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e la diffusione del software a sorgente aperto e sulla portabilità dei documenti informatici nell’amministrazione regionale.” • Parole chiave: Pluralismo informatico, libertà di scelta, portabilità, accessibilità, sicurezza, R&D, Centro di Competenza • Fondo per lo sviluppo del sw a codice aperto e Norma finanziaria...
  • 63. Flavia Marzano - pag. 63 Umbria: finalità e oggetto • favorisce il pluralismo informatico, garantendo l'accesso e la libertà di scelta nella realizzazione di piattaforme informatiche, eliminando altresì ogni barriera dovuta a diversità di standard. • nel rispetto del principio costituzionale di buon andamento e di economicità dell’attività amministrativa favorisce l’adozione di software a sorgente aperto • incentiva la diffusione e lo sviluppo del software a sorgente aperto, con particolare riferimento agli enti locali e agli enti pubblici dell’Umbria, in considerazione delle sue positive ricadute sullo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e sulla riduzione dei costi per l’acquisto delle licenze
  • 64. Flavia Marzano - pag. 64 ...obiettivi del CdC Umbria • creare ed aggiornare una mappa delle richieste, delle competenze e delle esperienze disponibili sul territorio; • promuovere attività di formazione/informazione dirette alle amministrazioni locali ed alle Piccole e Medie Imprese, di seguito PMI, del territorio regionale, attraverso la collaborazione con Università, Associazioni ed Imprese • creare una Community di soggetti, informatici e utenti impiegati nella P.A., utilizzatori privati, sviluppatori, PMI, studenti, collegata agli obiettivi e alle strategie del Centro di competenza sull’open source;
  • 65. Flavia Marzano - pag. 65 ...obiettivi del CdC Umbria • contribuire alla individuazione di un adeguato percorso formativo e universitario, per la preparazione professionale di esperti FLOSS, e diretto alle scuole primarie e secondarie per la diffusione di una cultura FLOSS; • confrontare tecnicamente fra loro le architetture dei differenti progetti di sviluppo software per contribuire affinché siano comunque sempre conseguiti gli obiettivi generali di interoperabilità, uso di standard aperti, scalabilità nel tempo e semplicità di riuso da parte delle Pubbliche Amministrazioni.
  • 66. Flavia Marzano - pag. 66 La legge del Friuli Venezia Giulia • “Legge regionale per l’adozione del Free Software nella Regione FVG”... work in progress • Keywords: Software libero, standard aperti, European Interoperability Framework, accessibilità, obblighi per la PA, incentivazione all'R&D, • eParticipation: “mezzo per diffondere cultura informatica e abbattere le barriere digitali permettendo agli individui di partecipare a forme di cittadinanza attiva” • Norma finanziaria...
  • 67. Flavia Marzano - pag. 67 Friuli: finalità • promuove lo sviluppo della Società dell’Informazione al fine di sviluppare servizi pubblici più efficaci, efficienti ed accessibili. Favorisce la diffusione dei saperi e della conoscenza come fattore determinate per abbattere le barriere digitali e la realizzazione personale e professionale nonché le forme di cittadinanza attiva. • Sono sostenute la diffusione e l’uso di standard e formati aperti come principio di garanzia per il pluralismo informatico e la libertà di scelta nella realizzazione di piattaforme informatiche, garantendo altresì la competitività e la trasparenza del mercato.
  • 68. Flavia Marzano - pag. 68 Friuli: finalità • Sono inoltre incoraggiate la diffusione e lo sviluppo di Software Libero e Open Source quali programmi per elaboratore, in considerazione delle sue ricadute sull’economia pubblica, sull’alfabetizzazione informatica, sulla diffusione dei saperi provenienti dallo sviluppo della ricerca scientifica e una ricaduta in innovazione tecnologica sul territorio.
  • 69. Flavia Marzano - pag. 69 Orizzonti Fonte: Angelo Buongiovanni
  • 70. Flavia Marzano - pag. 70 Open Source = Farmaci generici “Like the generic drugs that have transformed health care provision in the South, open source software is royalty and license free, and is therefore substantially cheaper to acquire than branded alternatives. The reason for this is that open source software is developed by volunteer collectives who are not seeking to profit from its sale. In addition, just as the recipe for generic drugs is made public, so the source code or inner workings of open source software is accessible to the user. Any qualified person can see exactly how the software works and can easily make changes to the functionality.” - IICD Open Source in Africa Brief
  • 71. Flavia Marzano - pag. 71 Vincoli e Garanzie1 di 3 Che cosa deve garantire la PA quando compra software?  pluralismo, concorrenza, sicurezza;  integrazione con il software già in uso;  la “continuità” dei dati (la possibilità di poterli leggere anche in futuro);  interoperabilità e cooperazione;  disponibilità del codice sorgente almeno per ispezioni e tracciabilità (anche in caso di sw proprietario);
  • 72. Flavia Marzano - pag. 72 Vincoli e Garanzie2 di 3 Che cosa deve garantirsi la PA quando compra software?  essere proprietaria della “struttura dei dati”;  essere proprietaria del software custom;  ottenere soluzioni con la miglior ratio prezzo/prestazioni;  ottenere manutenzione con la miglior ratio prezzo/prestazioni;
  • 73. Flavia Marzano - pag. 73 Vincoli e Garanzie3 di 3  verificare il TCO (Total Cost of Ownership);  comprare software basato su Open Standard;  garanzia di poter cambiare fornitore  verificare che il software acquisto faccia tutto e solo quello per cui è stato comprato (backdoors…)
  • 74. Flavia Marzano - pag. 74 E i cittadini? 1 di 2 “La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici.” Legge 4/2004Legge 4/2004
  • 75. Flavia Marzano - pag. 75 Nel fornire informazioni la PA deve garantire:  trasparenza;  privacy;  accessibilità (sia per quanto riguarda la disponibilità dei documenti che per l’accesso ai diversamente abili);  possibilità di leggere documenti pubblici (o partecipare a bandi pubblici) senza dover acquisire alcun software (o licenza) E i cittadini? 2 di 2
  • 76. Flavia Marzano - pag. 76 I miti del software libero  Minori / Maggiori Costi  Affidabilità / Inaffidabilità  Sicurezza / Nessuna Sicurezza  Sinistra / Destra  Chi farà la manutenzione?  Il sw “importante” non può essere libero...  La licenza, i diritti, ...di chi?  ...
  • 77. Flavia Marzano - pag. 77 Le opportunità per la PA: per passione o per dovere?1 di 3 Tutti concordano che la PA quando compra software deve poterlo:  Studiare (università, scuole, centri di ricerca, …)  Copiare e ridistribuire ad altre amministrazioni (principio di sussidiarietà)
  • 78. Flavia Marzano - pag. 78 Le opportunità per la PA: per passione o per dovere? 2 di 3  Modificare e magari adattare alle proprie esigenze…  Mantenere nel tempo … (adeguamenti normativi e/o tecnologici)  Estendere e migliorare (e rendere pubblici i miglioramenti in modo che ne possano fruire anche altri)
  • 79. Flavia Marzano - pag. 79 Le opportunità per la PA: per passione o per dovere? 3 di 3 “rimuovere e prevenire gli ostacoli che di fatto impediscono la piena parità di accesso alle informazioni e alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, tenendo conto in particolare delle situazioni di disabilità, disagio economico e sociale e diversità culturale.” … ancora Legge Regionale Toscana 1/2004
  • 80. Flavia Marzano - pag. 80 Nuove norme? 1 di 2 … e se applicassimo quelle che esistono? E non solo quelle più “ovvie” come:  Leggi Bassanini  Direttiva 19 dicembre 2003 (G.U. 7 febbraio 2004, n. 31)  Decreto Legislativo del 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell’amministrazione digitale …
  • 81. Flavia Marzano - pag. 81 Nuove norme? 2 di 2 art. 69 comma 1 Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno obbligo di darli in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni.
  • 82. Flavia Marzano - pag. 82 Legge 22 aprile 1941 n. 633 Art. 11  Alle amministrazioni dello stato, alle province ed ai comuni spetta il diritto di autore sulle opere create e pubblicate sotto il loro nome ed a loro conto e spese. software = operasoftware = opera
  • 83. Flavia Marzano - pag. 83 FLOSS per la PA? 1 di 2 Perché la PA dovrebbe acquisire FLOSS? • Proprietà dei dati. I dati devono essere a completa disposizione dell’amministrazione che li gestisce. Non solo devono essere in ogni caso fruibili, ma se ne deve conoscere la struttura in modo da poter, ad esempio, cambiare fornitore senza problemi di migrazione dei dati! • La possibilità di cambiare fornitore. Dal punto di vista tecnico non ci sono ostative al cambiamento di un fornitore sw … disponibilità dei dati e volontà delle imprese... • La certezza del contenuto delle procedure acquisite. Il sw acquisito deve fare tutto e SOLO quanto richiesto (pericolo backdoors).
  • 84. Flavia Marzano - pag. 84 • La proprietà del codice. Il codice acquisito DEVE essere di proprietà della Pubblica Amministrazione appaltante (da tempo obbligatorio per la PAC). I Capitolati lo devono prevedere (eventualmente anche non in forma esclusiva). • Come già visto, l’applicazione dell’Art. 69 (Riuso dei programmi informatici) comma 1 del Codice dell’Amministrazione Digitale: “Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno obbligo di darli in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni.” FLOSS per la PA?2 di 2
  • 85. Flavia Marzano - pag. 85 Atti di indirizzo - Delibere di Giunta-Consiglio per: • rendere disponibile il proprio software ad altre amministrazioni • rendere pubblico l’elenco delle procedure che altre Amministrazioni possono acquisire gratuitamente • dare mandato alla struttura di inserire, in ogni capitolato, una clausola specifica • promuovere l’utilizzo di piattaforme FLOSS … sempre più Governi, PAC, PAL, … FLOSS per la PA: che fare?
  • 86. Flavia Marzano - pag. 86  Commissione Europea: Open Source Observatory http://europa.eu.int/idabc/en/chapter/452  EU case studies http://europa.eu.int/idabc/en/chapter/470:  OSS Migration in the Belgian City of Schoten  OSS Migration at the Orwell High School, UK  Prague works with OSS  Bologna engages with Open Source  A Brief Overview – Open Source Software in Romania  Open Source Software Adoption in the Polish City of Gda skń Tutti matti?
  • 87. Flavia Marzano - pag. 87 … tutti matti?  Open Source Migration at the Spanish Ministry for Public Administration  Open Source Software Survey in Italian Schools  Open Source Case Study – OpenOffice trials in the Province of Genova  How Local Authorities can help in bridging the digital divide: the Province of Rome’s policy for FLOSS  …il secondo bando CNIPA DTT: “…realizzazione di set-top- box avanzati in open source che garantiscano l’integrazione fra piattaforma TDT e IP (Internet Protocol)”
  • 88. Flavia Marzano - pag. 88 Quali opportunità?  Promuovendo la filosofia FLOSS al proprio interno e nelle proprie comunità la Pubblica Amministrazione facilita una maggiore diffusione delle tecnologie e migliora le opportunità di accesso e di partecipazione di cittadini e imprese!  L'interesse principale del FLOSS consiste nel dare alle Amministrazioni un più alto grado di indipendenza dai fornitori di soluzioni informatiche, nel permettere loro di favorire lo sviluppo di una robusta imprenditoria di scala locale, laddove i software proprietari tipicamente implicano una forte dipendenza dalle grandi aziende d'oltre oceano.
  • 89. Flavia Marzano - pag. 89 Quali difficoltà?  Non ci sono difficoltà nell’acquisto di FLOSS in quanto chi sviluppa software per la PA potrebbe direttamente sviluppare FLOSS (soprattutto se così richiesto direttamente ed esplicitamente nel capitolato).  Questo garantirebbe immediatamente:  la proprietà del codice  la proprietà dei dati  la proprietà delle strutture  la modificabilità del software acquisito  la possibilità di ridistribuire il software acquisto
  • 90. Flavia Marzano - pag. 90 www.innovazione.gov.it/ita/intervento/normativa/allegati/Dir191203.pdf “Con la presente direttiva si forniscono alle pubbliche amministrazioni indicazioni e criteri tecnici e operativi per gestire più efficacemente il processo di predisposizione o di acquisizione di programmi informatici. In particolare, nella presente direttiva si indica come le pubbliche amministrazioni debbano tener conto della offerta sul mercato di una nuova modalità di sviluppo e diffusione di programmi informatici, definita “open source” o “a codice sorgente aperto”. L’inclusione di tale nuova tipologia d’offerta all’interno delle soluzioni tecniche tra cui scegliere, contribuisce ad ampliare la gamma delle opportunità e delle possibili soluzioni, in un quadro di equilibrio, di pluralismo e di aperta competizione.” La Direttiva - Finalità
  • 91. Flavia Marzano - pag. 91 Direttiva – Criteri di comparazione  “Le pubbliche amministrazioni, nella predisposizione o nell’acquisizione dei programmi informatici, privilegiano le soluzioni che presentino le seguenti caratteristiche:  c) soluzioni informatiche che, con il preventivo consenso del CNIPA ed in assenza di specifiche ragioni contrarie, garantiscano la disponibilità del codice sorgente per ispezione e tracciabilità da parte delle pubbliche amministrazioni ferma la non modificabilità del codice, fatti salvi i diritti di proprietà intellettuale del fornitore e fermo l’obbligo dell’amministrazione di garantire segretezza o riservatezza;” La “non modificabilità del codice” è adesso in contraddizioneLa “non modificabilità del codice” è adesso in contraddizione con l’Art. 69 del CAD.con l’Art. 69 del CAD.
  • 92. Flavia Marzano - pag. 92 Direttiva - Riuso “2) Nei contratti di acquisizione di programmi informatici sviluppati per conto e a spese delle amministrazioni, le stesse includono clausole, concordate con il fornitore e che tengano conto delle caratteristiche economiche ed organizzative di quest’ultimo, volte a vincolarlo, per un determinato lasso di tempo, a fornire, su richiesta di altre amministrazioni servizi che consentono il riuso delle applicazioni. Le clausole suddette definiscono le condizioni da osservare per la prestazione dei servizi indicati.” Manca in vincolo del contraente a fornire, su richiesta di altreManca in vincolo del contraente a fornire, su richiesta di altre amministrazioni, servizi che consentano il riuso delle applicazioniamministrazioni, servizi che consentano il riuso delle applicazioni da parte dell’amministrazione richiedente.da parte dell’amministrazione richiedente.
  • 93. Flavia Marzano - pag. 93 http://www.crcitalia.it/UserFiles/116.pdf “la Commissione definirà una disciplina per la interoperabilità intesa a promuovere la fornitura di servizi paneuropei di e- government ai cittadini e alle imprese. Il documento affronterà la questione dei contenuti dell'informazione e raccomanderà alcune iniziative e specificazioni di natura tecnica per aggregare i sistemi informativi della Pubblica Amministrazione in tutta l'UE; si baserà su standard aperti e incoraggerà l'impiego di software libero (open software).” eEurope - Interoperabilità
  • 94. Flavia Marzano - pag. 94 FLOSS e Open Data Standard “The development of open standards and open source software will be encouraged when appropriate to ensure interoperability of solutions and to further innovation”. IDA: Interchange of Data between Administrations • Osservatorio Open Source: http://europa.eu.int/ISPO/ida/oso • Open Source Migration Guidelines: http://www.europa.eu.int/ISPO/ida/export/files/en/1618.pdf • Catalogo di progetti OSS http://europa.eu.int/information_society/activities/opensource/ doc/pdf/catalogue.pdf Il Sesto Programma Quadro FP6
  • 95. Flavia Marzano - pag. 95 Formati Aperti / Standard1 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it “Formati aperti” non è un concetto perfettamente definito e condiviso; si interseca peraltro con quello di “standard”. È pertanto necessario esaminare preliminarmente ciascuno dei concetti separatamente (formato, aperto, standard) per poi procedere alla definizione dei concetti di formato aperto e formato standard.
  • 96. Flavia Marzano - pag. 96 Formato Indica generalmente le modalità con cui i dati vengono rappresentati elettronicamente in modo che i programmi possano elaborarli; per elaborare un file, un programma deve sapere come i dati vi sono “memorizzati” cioè in che forma, ovvero formato, sono rappresentati. Il formato specifica la corrispondenza fra la rappresentazione binaria e i dati rappresentati (testo, immagini statiche o dinamiche, suono, ecc.). Esempi di formati sono BITMAP, GIF, JPEG, ecc. “Formato testo” indica un sottoinsieme di formati che specificano la corrispondenza biunivoca fra un carattere alfanumerico di un determinato alfabeto (p.e. latino, greco, cirillico, arabo, ecc.) e il valore del gruppo di bit costituenti l’unità di informazione di quel formato (p.e. 7 bit ASCII, 16 bit UNICODE). Formati Aperti / Standard2 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 97. Flavia Marzano - pag. 97 Aperto Nell’accezione condivisa da tutti, una tecnologia si dice “aperta” quando è resa pubblica ed è documentata esaustivamente. “Aperta” si oppone a “proprietaria”, che indica una tecnologia posseduta in esclusiva da un soggetto che ne mantiene segreto il funzionamento e può modificarla a proprio piacimento. Al requisito della pubblicità per alcuni si aggiunge anche quello relativo alla proprietà. Per costoro una tecnologia è aperta se, oltre ad essere pubblicamente documentata, non è di proprietà di un singolo soggetto. Formati Aperti / Standard3 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 98. Flavia Marzano - pag. 98 Standard Uno standard è una specifica o norma condivisa da una comunità. Può essere emanato da un ente di standardizzazione (ISO, ANSI, W3C, ecc.) oppure essersi imposto “di fatto” (industry standard). Tuttavia gli standard di fatto non sono garantiti in quanto il proprietario ha la piena libertà di modificarli. Formati Aperti / Standard4 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 99. Flavia Marzano - pag. 99 Formato aperto e formato standard (1) In base ai precedenti paragrafi un “formato aperto” può essere definito come la “modalità di rappresentazione dei dati in forma elettronica, deliberatamente resa pubblica, completamente documentata ed utilizzabile da chiunque”. In questo senso per esempio il formato utilizzato da “OpenOffice.org” è un formato aperto in quanto: – È una modalità di rappresentazione dei dati in forma elettronica. – È esaustivamente documentato ed utilizzabile da chiunque (i dati vengono rappresentati nativamente in XML e salvati come documenti XML la cui struttura è definita in una DTD, grammatica di una classe di documenti XML, pubblica). Formati Aperti / Standard5 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 100. Flavia Marzano - pag. 100 Formato aperto e formato standard (2) Un formato è standard quando è definito da un ente di standardizzazione (per esempio, HTML) o è di fatto condiviso da una comunità (per esempio, PDF). Un formato è uno standard aperto quando soddisfa il requisito di pubblicità e di normazione (p.e. XML e HTML sono standard aperti perché le loro specifiche sono pubblicamente documentate, definite e mantenute da un ente di standardizzazione, il W3C). Formati Aperti / Standard6 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 101. Flavia Marzano - pag. 101 Indipendenza. La documentazione pubblica e completa del formato consente l’indipendenza da uno specifico prodotto e fornitore; tutti possono sviluppare applicazioni che gestiscono un formato aperto. Interoperabilità. Usando formati aperti (e a fortiori formati aperti standard) sistemi eterogenei sono in grado di condividere gli stessi dati. Neutralità. I formati aperti non obbligano ad usare uno specifico prodotto, lasciando libero l’utente di scegliere sulla base del rapporto qualità/prezzo. Formati Aperti / Standard: benefici7 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 102. Flavia Marzano - pag. 102 Inoltre, i formati testo aperti standard (e a fortiori se sono autodocumentanti) comportano l’ulteriore beneficio della persistenza, caratteristica importante per la tutela del patrimonio informativo nel tempo a fronte del mutamento tecnologico. Infatti, il formato testo è il formato più indipendente dall’evoluzione tecnologica; pertanto le informazioni rappresentate con questo formato sono recuperabili anche molto tempo dopo la generazione, senza necessità di pesanti riconversioni. Questa caratteristica è ancor più vera per quei formati come SGML e XML che al dato associano la relativa descrizione (metadato) in linguaggio naturale. Formati Aperti / Standard: benefici8 di 8 - fonte www.innovazione.gov.it
  • 103. Flavia Marzano - pag. 103 Open Document1 di 3 “Formato per file da ufficio come testi, fogli elettronici e presentazioni, basato su XML. Successore dei file .doc, .xls e .ppt che ancora “infestano” i nostri PC (anche quando usiamo solo Gnu/Linux!) OpenDocument è già il formato di default di OpenOffice 2.0 ed è, o sarà presto, utilizzabile anche in molti altri programmi, sia GPL sia commerciali.” http://opendocumentfellowship.org/Applications/HomePage
  • 104. Flavia Marzano - pag. 104 Open Document: quali vantaggi? 2 di 3 “I formati di file sono alfabeti. I programmi software (indipendentemente dalla loro licenza) potrebbero anche cambiare ogni anno senza causare danni eccessivi. Ma per avere un qualsiasi vero progresso, o almeno efficienza nella condivisione di informazioni, i formati di file devono essere quanto più stabili possibile e completamente aperti, senza segreti, limitazioni d'uso di alcun tipo od obbligo di conversioni continue da uno standard all'altro.” http://www.scarichiamoli.org/main.php?page=interviste/fioretti
  • 105. Flavia Marzano - pag. 105 Open Document: quali vantaggi? 3 di 3 “Gli antichi scrivevano con stili e pietre, noi col computer, passando attraverso penne d'oca, a sfera, torchi da stampa, rotative e stampanti laser. Ci siamo riusciti in pochi secoli proprio perché NON è stato necessario riscrivere da capo tutto lo scibile umano, a ogni generazione, con un alfabeto diverso. Oggi i formati proprietari vengono usati come armi commerciali, per costringere gli utenti di un programma a non cambiare. Il software potrebbe anche essere di qualcun altro, dato solo in licenza, ma non c'è dubbio che i nostri dati sono solo nostri.” http://www.scarichiamoli.org/main.php?page=interviste/fioretti
  • 106. Flavia Marzano - pag. 106 Riuso: di che cosa? “È necessario sostenere e facilitare il riuso dei software custom di proprietà delle PA, e la disseminazione dei risultati e delle best practices tra tutte le PA del paese.” “È necessario definire politiche di disseminazione per i progetti di ricerca e innovazione tecnologica finanziati con fondi pubblici affinché vi sia maggiore riuso dei risultati. La modalità open source può essere uno strumento utile da sperimentare per diffondere prodotti software innovativi risultanti da tali progetti. Inoltre, tale approccio può essere sperimentato anche per ciò che concerne i software custom prodotti nell’ambito dei progetti finanziati attraverso i bandi di e-government.” Da: “Indagine conoscitiva sul software a codice sorgente aperto e libero nella PA”
  • 107. Flavia Marzano - pag. 107 Riuso: come? Codice dell’amministrazione digitale (CAD) ART. 69 (Riuso dei programmi informatici) … 2. Al fine di favorire il riuso dei programmi informatici di proprietà delle pubbliche amministrazioni, ai sensi del comma 1, nei capitolati o nelle specifiche di progetto è previsto ove possibile, che i programmi appositamente sviluppati per conto e a spese dell'amministrazione siano facilmente portabili su altre piattaforme. 3. Le pubbliche amministrazioni inseriscono, nei contratti per l'acquisizione di programmi informatici, di cui al comma 1, clausole che garantiscano il diritto di disporre dei programmi ai fini del riuso da parte della medesima o di altre amministrazioni.
  • 108. Flavia Marzano - pag. 108 Riuso: clausole Codice dell’amministrazione digitale (CAD) ART. 69 (Riuso dei programmi informatici) 4. Nei contratti di acquisizione di programmi informatici sviluppati per conto e a spese delle amministrazioni, le stesse possono includere clausole, concordate con il fornitore, che tengano conto delle caratteristiche economiche ed organizzative di quest'ultimo, volte a vincolarlo, per un determinato lasso di tempo, a fornire, su richiesta di altre amministrazioni, servizi che consentono il riuso delle applicazioni. Le clausole suddette definiscono le condizioni da osservare per la prestazione dei servizi indicati.
  • 109. Flavia Marzano - pag. 109 Riuso: quali difficoltà? “Per quanto riguarda il riuso del software custom, i principali fattori frenanti sono, anche in questo caso, la disinformazione sulla consistenza e la tipologia del software sviluppato per le PA e le concrete difficoltà di personalizzazione del software custom a seconda delle esigenze della particolare amministrazione.” “Il problema è la difficoltà che molte amministrazioni hanno nell’accettare applicativi sviluppati da altre PA e nella difficoltà che incontrano nell’adattarlo alle proprie esigenze.” “…la coerenza tra il software sviluppato e i requisiti dell’utenza, la disponibilità di una amministrazione a rendere disponibile e riusare software esistente e la presenza di adeguati strumenti di supporto al riuso (per esempio, la documentazione di progetto)” Da: “Indagine conoscitiva sul software a codice sorgente aperto e libero nella PA”
  • 110. Flavia Marzano - pag. 110 Riuso: quali opportunità?1 di 2 “appare importante fornire elementi tali da spingere le pubbliche amministrazioni a: Verificare in anticipo se esistono soluzioni software già realizzate da altre amministrazioni e valutare la possibilità e la convenienza di servirsi di tale software adattandolo alle proprie esigenze, prima di ricorrere allo sviluppo di software specifico e ad eventuali procedure di selezione del contraente cui affidarne lo sviluppo. Definire meglio le prescrizioni contrattuali relative alla piena titolarità (anche non esclusiva) dei programmi sviluppati ad hoc per le stesse (software custom), in particolare esplicitando chiaramente la titolarità, oltre che dell’eseguibile, anche del relativo codice sorgente.” Da: “Indagine conoscitiva sul software a codice sorgente aperto e libero nella PA”
  • 111. Flavia Marzano - pag. 111 “Definire meglio e più dettagliatamente i requisiti tecnico/funzionali dei programmi da realizzare e meglio svolgere la fase di collaudo. Tra tali requisiti vanno incluse anche le caratteristiche minimali per potere poi agevolmente condividere i programmi realizzati (quali la modularità del software, una chiara identificazione al suo interno delle parti mature/stabili e di quelle che vanno ottimizzate o che sono soggette a rilasci frequenti, la disponibilità oltre che del codice sorgente anche di una documentazione esauriente, contenente ad esempio una mappa che consenta di navigare nel codice). ... Dare informazione, entro una certa data dal collaudo, sui programmi di cui è entrata in possesso al fine di consentirne il riuso. Ciò anche mediante la pubblicazione delle informazioni sul proprio sito web o su strutture gestite a livello nazionale e/o locale ...” Da: “Indagine conoscitiva sul software a codice sorgente aperto e libero nella PA” Riuso: quali opportunità? 2 di 2
  • 112. Flavia Marzano - pag. 112 • Catalogo delle soluzioni • Avviso del CNIPA sul Riuso • … Riuso: quali sviluppi?
  • 113. Flavia Marzano - pag. 113 Uso – usabilità - accessibilità(1) Legge 4/2004 Art. 1 (Obiettivi e finalità) 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici. 2. È tutelato e garantito, in particolare, il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione e ai servizi di pubblica utilità da parte delle persone disabili, in ottemperanza al principio di uguaglianza ai sensi dell'articolo 3 della Costituzione. FLOSS, ODS, Riuso?
  • 114. Flavia Marzano - pag. 114 Legge 4/2004 Si applica a: tutte le amministrazioni dello Stato, regioni, province e comuni, istituti e scuole di ogni ordine e grado aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale; agli enti pubblici economici, alle aziende private concessionarie di servizi pubblici, alle aziende municipalizzate regionali, agli enti di assistenza e di riabilitazione pubblici, alle aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico e alle aziende appaltatrici di servizi informatici Obblighi: i contratti devono prevedere i requisiti dell’accessibilità, altrimenti sono considerati nulli (ciò vale per i nuovi contratti, ma anche per modifica, rinnovo, novazione di contratti esistenti); Prevede sanzioni (responsabilità dirigenziale e responsabilità disciplinare ) in caso di inadempienza! Uso – usabilità – accessibilità(2)
  • 115. Flavia Marzano - pag. 115 Conoscenza  digital divide? La principale risorsa che rende libere le persone è la conoscenza. “società dell’informazione e della conoscenza: l’assetto delle società industriali avanzate, basato sulla centralità dell’informazione e della conoscenza quali risorse essenziali per lo sviluppo economico, sociale e culturale;” Legge Regionale Toscana1/2004
  • 116. Flavia Marzano - pag. 116 www.master.netseven.itwww.master.netseven.it
  • 117. Flavia Marzano - pag. 117 … master  area tecnologica  area management  area economica  area legale  area socio-politica ……stagisti…stagisti…
  • 118. Flavia Marzano - pag. 118 Link  http://it.wikipedia.org/wiki/Software_libero  http://it.wikipedia.org/wiki/Open_source  http://www.innovazione.gov.it/ita/normativa/allegati/Dir191203.pdf  http://www.cnipa.gov.it/site/_files/Rapporto%20conclusivo_OSS.pdf  http://www.opensource.org/  http://it.wikipedia.org/wiki/Free_Software_Foundation  http://www.fsf.org/  http://ec.europa.eu/idabc/en/chapter/452  http://it.wikipedia.org/wiki/GNU_General_Public_License  http://www.stallman.org/  http://it.wikipedia.org/wiki/Copyleft  http://www.catb.org/~esr/  http://perens.com/Articles/OSD.html  http://www.javaopenbusiness.it/  http://perens.com/Articles/Patents.html  http://www.apogeonline.com/openpress/doc/cathedral.html  http://it.wikipedia.org/wiki/Open_document  www.creativecommons.it  www.oasis-open.org
  • 119. Flavia Marzano - pag. 119 http://www.flickr.com/photos/piermario/ Il software e la conoscenza non si deteriorano con il riuso...Il software e la conoscenza non si deteriorano con il riuso... Se tu hai una mela, eSe tu hai una mela, e io ho una mela, e ceio ho una mela, e ce le scambiamo, allorale scambiamo, allora tu ed io abbiamotu ed io abbiamo sempresempre una mela peruna mela per uno.uno. Ma se tu hai un'idea,Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ceed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allorale scambiamo, allora abbiamoabbiamo entrambi dueentrambi due ideeidee.. (George Bernard Shaw)
  • 120. Flavia Marzano - pag. 120 Che cosa fare?Che cosa fare? Lasciateci la libertà di scegliere, crescere e innovare (Franco Violi) Non importa quanto vai piano, l'importante è che non ti fermi (Confucio)
  • 121. Flavia Marzano - pag. 121 Linee di intervento del legislatore italiano  Qualificare la domanda pubblica di prodotti e servizi informatici  Contenimento della spesa pubblica  Garantire lo sviluppo di un libero mercato concorrenziale  Trasparenza delle operazioni di trattamento dati
  • 122. Flavia Marzano - pag. 122 Trasparenza: il cittadino deve avere piena conoscenza del processo di trattamento dei dati.  Art .7 Codice in materia di trattamento dei dati personali. diritto di ottenere l’indicazione della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici
  • 123. Flavia Marzano - pag. 123 Gli strumenti di qualificazione della domanda pubblica di beni e servizi informatici nel D.L.vo. 39 del 1993  Capitolati ( art. 12 del D.L.vo 39/93 e D.P.C.M. 452 del 1997)  Pareri di congruità tecnico-economica sugli schemi dei contratti concernenti l’acquisizione di beni e servizi relativi ai sistemi informativi automatizzati  Studio di fattibilità e monitoraggio
  • 124. Flavia Marzano - pag. 124 Pareri (relazione CNIPA-Pareri, www.cnipa.gov.it) • “la valutazione delle offerte deve riservare un peso adeguato alla “portabilità” delle soluzioni proposte”. • “le condizioni economiche devono venire adeguate a quelle già praticate a un’altra amministrazione”. • In relazione all’acquisto di licenze di software per automazione di ufficio e per sistemi operativi per server l’AIPA ha espresso parere favorevole a condizioni che vengano sperimentate soluzioni open source con la possibilità di modificare nel corso del periodo contrattuale la quota parte delle licenze proprietarie.
  • 125. Flavia Marzano - pag. 125 L’acquisizione dei programmi informatici ex art. 68 del Codice dell’amministrazione digitale L’amministrazione acquistano programmi informatici a seguito di una valutazione comparativa fra diverse soluzioni: 2. Amministrazione può far sviluppare programmi ad hoc che abbiano i requisiti da essa indicati 3. Riusare programmi informatici sviluppati per conto e a spese della stessa o di altre amministrazioni 4. Acquistare la licenza d’uso di programmi informatici di tipo proprietario 5. Acquisire di programmi a codice sorgente aperto 6. Combinazione delle soluzioni precedenti
  • 126. Flavia Marzano - pag. 126 La comparazione fra le diverse soluzioni:criteri di selezione  Esistono programmi già sviluppati idonei ad assolvere alle esigenze dell’amministrazione  Profili economici  Garantire l’interoperabilità fra amministrazioni e la cooperazione applicativa  Favorire soluzioni informatiche che consentano la rappresentazione dei dati e documenti in più formati di cui almeno uno di tipo aperto
  • 127. Flavia Marzano - pag. 127 Riuso dei programmi informatici art. 69 del CAD Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifica indicazione del committente pubblico, hanno l’obbligo di darli in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre pubbliche amministrazioni che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni.
  • 128. Flavia Marzano - pag. 128 Capitolati e specifiche di progetto art. 69 CAD  Nei capitolati o nelle specifiche di progetto è previsto, ove possibile, che i programmi appositamente sviluppati per conto e a spese dell’amministrazione siano facilmente portabili su altre piattaforme  Le amministrazioni inseriscono nei contratti clausole che garantiscano il diritto di disporre dei programmi al fine del riuso da parte della medesima o di altre amministrazioni  Possono inserire clausole, concordate con il fornitore che tengano conto delle caratteristiche economiche e organizzative di quest’ultimo, volto a vincolarlo per un determinato lasso di tempo a fornire, su richiesta di altre amministrazioni servizi che consentano il riuso delle applicazioni
  • 129. Flavia Marzano - pag. 129 Ratio del riuso  Economicità  Riorientare investimenti in settori non ancora coperti dall’informatizzazione  Riduzione del rischio di progetto  Omogeneità fra servizi offerti dal settore pubblico  Dare impulso a modelli cooperativi fra amministrazioni
  • 130. Flavia Marzano - pag. 130 Banca dati dei programmi riutilizzabili art. 70 CAD  CNIPA previo accordo con la Conferenza Unificata valuta e rende note applicazioni tecnologiche realizzate dalle pubbliche amministrazioni, idonee al riuso da parte di altre pubbliche amministrazioni  Le pubbliche amministrazioni centrali che intendono acquisire programmi applicativi valutano preventivamente la possibilità di riuso delle applicazioni analoghe rese note dal CNIPA motivandone l’eventuale mancata adozione
  • 131. Flavia Marzano - pag. 131 Grazie dell’attenzioneGrazie dell’attenzione flavia.marzano@gmail.com Questa presentazione, nelle sue parti originali, è coperta da licenza Creative Commons: attribuzione, non commerciale, condividi allo stesso modo, 2.5

×