Manuale di radioprotezione

4,570 views
4,454 views

Published on

La Radioprotezione nelle attività sanitarie: manuale informativo ad uso dei lavoratori

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,570
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
92
Actions
Shares
0
Downloads
57
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Manuale di radioprotezione

  1. 1. SanitàLA RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ SANITARIE: MANUALE INFORMATIVO AD USO DEI LAVORATORI
  2. 2. Alla redazione del presente manuale informativo hanno contribuito:Anna Anversa(1), Luisa Biazzi(2), Roberto Brambilla(3), Cristina Canzi(3), Stefano DeCrescenzo(1), Giuseppe Eulisse(3), Daniele Fantinato(4), Roberta Matheoud(3), GuidoPedroli(5), Gabriella Raimondi(3), Maurizio Rozza(3), Anna Maria Segalini(6), FrancoVoltini(3).(1) Direzione Generale Sanità - U.O. Prevenzione - Regione Lombardia(2) Università di Pavia(3) I.R.C.C.S Ospedale Maggiore Milano(4) I.R.C.C.S. Fondazione Salvatore Maugeri Pavia(5) A.O. Niguarda Ca’ Granda Milano(6) Libero professionista
  3. 3. PRESENTAZIONENel quadro dell’attuazione del “Progetto Obiettivo Prevenzione e sicurezza nei luo-ghi di lavoro in Lombardia, 1998-2000”, di cui alla deliberazione del ConsiglioRegionale n. VI/0848 dell’8 aprile 1998, e in sintonia con la realizzazione del pro-getto speciale “La prevenzione del rischio nel comparto Sanità”, la UnitàOrganizzativa Prevenzione della Direzione Generale Sanità della RegioneLombardia ha predisposto anche la realizzazione di una serie di iniziative per laprevenzione dei rischi professionali da esposizione alle radiazioni ionizzanti. Si trat-ta certamente di un fattore di rischio tra i più conosciuti e meglio affrontati dallanormativa di protezione in ambito occupazionale; infatti gli attuali sistemi e pro-cedure di limitazione delle dosi riescono ad ottenere, se correttamente applicati,la sostanziale protezione della stragrande maggioranza dei lavoratori, anche sepermane ovviamente il rischio incidentale e/o di eventi anomali ed in propositodeve essere adottato ogni utile strumento di prevenzione.A livello regionale sono state realizzate o avviate in questi anni diverse iniziativein materia di radioprotezione dei lavoratori: si ricordano l’altro le seguenti:– la definizione di linee guida per la classificazione di radioprotezione dei dipen- denti pubblici del comparto Sanità esposti a rischio derivante da radiazioni ionizzanti, approvate con la circolare regionale 15/SAN del 18/4/94 ed aggior- nate alla fine del 1995 in relazione all’entrata in vigore del D. Lgs. 230/95 il 1/1/1996;– l’emanazione della circolare regionale n. 4/SAN del 24 gennaio 2001, a seguito della entrata in vigore del D. Lgs. 241/2000, che ha modificato e integrato il D. Lgs. 230/95 recependo la direttiva 96/29/Euratom, introducendo tra l’altro diverse novità nel Capo VIII, riguardante la protezione sanitaria dei lavoratori;– sono in fase di avanzata elaborazione le informazioni ricevute in questi mesi da una trentina di strutture sanitarie pubbliche e private riguardo ai lavoratori esposti, ai relativi dati dosimetrici ed alla classificazione di radioprotezione: tali informazioni saranno la base per la formulazione di una linea guida regionale relativa all’applicazione del principio di ottimizzazione alle attività sanitarie com- portanti il rischio di esposizione alle radiazioni ionizzanti, in ottemperanza a quanto prescritto dall’art. 2 del citato D. Lgs. 230/95 e successive modifiche e integrazioni.Certamente la formazione ed informazione del personale esposto a rischio daradiazioni ionizzanti rappresenta un elemento importante per conseguire l’obietti-vo della tutela della salute dei lavoratori in questo campo e si è pertanto proget-tata la realizzazione di un’iniziativa specifica in materia; in questo contesto si èinserita la proposta, avanzata nell’autunno scorso da un gruppo di fisicidell’Associazione Nazionale Professionale Esperti Qualificati in radioprotezione(ANPEQ – Gruppo Regionale Lombardia), di un manuale informativo specifica-mente dedicato ai lavoratori esposti che operano nelle strutture sanitarie.
  4. 4. La proposta è stata accolta ed il manuale, rielaborato al fine di renderlo maggior-mente coerente con gli obiettivi regionali, è stato sottoposto anche all’esame dellaCommissione di esperti per l’applicazione del D. Lgs. 230/95 istituita presso la U.O.Prevenzione.Si ritiene che questo manuale informativo rappresenti un utile strumento perdare concreta applicazione agli obblighi di informazione dei lavoratori, previsti,oltre che dal D. Lgs. 626/94 sul piano generale, in maniera specifica dall’art. 61,comma 3, lettera e) del D. Lgs. 230/95; lo si mette a disposizione prima di tuttodei Direttori Generali delle Aziende Sanitarie lombarde ma anche dei datori di la-voro di tutte le strutture sanitarie pubbliche e private della Lombardia, con l’au-spicio che possa essere ampiamente utilizzato nell’ambito dell’attuazione degliadempimenti mirati alla prevenzione dei rischi da esposizione professionale alleradiazioni ionizzanti. L’Assessore regionale alla SanitàMilano, ottobre 2001 Carlo Borsani 2
  5. 5. INDICE1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 1.1. Le origini storiche e tecnologiche della radioprotezione . . . . . . . 6 1.2. Le radiazioni di origine naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 1.3. L’interazione delle radiazioni con i tessuti . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 1.3.1. Gli effetti delle radiazioni sulle cellule . . . . . . . . . . . . . . . 10 1.3.2. Gli effetti delle radiazioni sull’organismo . . . . . . . . . . . . . 10 1.4. I princìpi della radioprotezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 1.5. La normativa nazionale di radioprotezione . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 1.5.1. Criteri di classificazione dei lavoratori e delle zone . . . . . 17 1.5.2. Sorveglianza fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 1.5.3. Sorveglianza medica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 1.5.4. La protezione sanitaria della popolazione . . . . . . . . . . . . 21 1.6. Glossario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222. Le apparecchiature radiologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 2.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 2.2. Generalità sui meccanismi di formazione dell’immagine radiografica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273. Principi generali di radioprotezione operativa nelle attività comportanti l’utilizzo di apparecchiature radiologiche . . . . . . 29 3.1. Fonti di rischio in attività radiologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 3.1.1. Fascio primario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 3.1.2. Radiazione diffusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 3.1.3. Radiazione di fuga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 3.2. Rischio da irradiazione esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 3.3. Il rischio radiologico nelle attività comportanti l’impiego di apparecchiature radiologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 3.3.1. Il rischio in attività radiologica tradizionale . . . . . . . . . . . 32 3.3.2. Fonti di rischio in fluoroscopia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 3.3.3. Rischio radiologico nelle procedure speciali . . . . . . . . . . . 33 3.4. Esempi di tecniche di radioprotezione per la riduzione della dose agli operatori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334. La radiologia tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 4.1. Principali apparecchiature e accessori utilizzati in radiologia tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 4.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355. La mammografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 5.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 5.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376. La tomografia computerizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 6.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 6.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39 3
  6. 6. 7. La radioscopia e la radiologia interventistica . . . . . . . . . . . . . . 41 7.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 7.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418. La radiologia dentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 8.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 8.2. L’ortopantomografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 8.3. La radiologia dentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44 8.4. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459. La mineralometria ossea computerizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 9.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 9.2. Misure di prevenzione e protezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4610. La radioterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 10.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 10.1.1. Teleradioterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 10.1.2. Brachiterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .. . . . . . . . . . . 48 10.2. Misure di prevenzione e protezione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 10.2.1. Teleradioterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49 10.2.2. Brachiterapia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4911. Radioprotezione nelle attività che comportano l’utilizzo di sostanze radioattive non sigillate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 11.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 11.2. Rischio di irradiazione esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 11.3. Valutazione del rischio per irradiazione esterna . . . . . . . . . . . . . 53 11.4. Rischio di irradiazione interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 11.5. Valutazione del rischio per irradiazione interna in attività diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 11.5.1. Incorporazione per inalazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 11.5.2. Incorporazione per ingestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 11.6. Valutazione del rischio per irradiazione interna in attività terapeutica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5512. La radioimmunologia (R.I.A.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 12.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 12.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 12.3. Rifiuti radioattivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5713. Medicina nucleare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 13.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58 13.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59 13.3. Rifiuti radioattivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6014. Il ciclotrone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 14.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62 14.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6215. La tomografia ad emissione di positroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6416. La terapia radiometabolica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66 16.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66 4
  7. 7. 16.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66 16.3. Rifiuti radioattivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 16.3.1. Rifiuti solidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 16.3.2. Rifiuti liquidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6817. Irradiazione dei preparati biologici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 17.1. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 17.2. Misure di prevenzione e protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6918. Norme di radioprotezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 18.1. Appendice 1 - Unità di Misura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 18.2. Appendice 2 - Norme di radioprotezione in radiodiagnostica. . . . 72 5
  8. 8. 1. INTRODUZIONE1.1. Le origini storiche e tecnologi- emozione, che interponendo la propria che della radioprotezione. mano tra il tubo e lo schermo fluore-L’8 novembre 1895 Wilhelm Conrad scente appariva su questo l’ombra delleRöentgen, professore di fisica all’Univer- proprie ossa!sità di Wurzburg, stava studiando le ca- A questo punto comprese che qualcosaratteristiche dei raggi prodotti all’interno di sconosciuto, avente origine nel tubo,di un tubo nel quale era stato prodotto il era in grado di attraversare il cartonevuoto e generata un’alta differenza di po- opaco, o la cassetta di legno, la propriatenziale tra due elettrodi in esso conte- mano e di giungere a produrre fluore-nuti. Questi raggi, chiamati raggi catodi- scenza sullo schermo: aveva scoperto ici, avevano origine in prossimità dell’elet- raggi X, così chiamati da Röentgen pro-trodo catodo ed erano diretti verso l’elet- prio per sottolinearne la natura scono-trodo anodo. Röentgen studiava, in par- sciuta. Nel giro di poche settimaneticolare, la luminescenza indotta dal fa- Röentgen fu in grado di studiare e di de-scio di raggi catodici sul vetro del tubo. scrivere le più importanti caratteristicheA un certo punto decise di “oscurare” dei raggi X, e in particolare:questa luminescenza ricoprendo il tubo – la loro capacità di impressionare lastrecon un mantello sottile di cartone nero, fotografiche;in grado di impedire il passaggio dei – la loro capacità di produrre ionizzazio-raggi del sole o di una lampada ad arco; ne in aria o in altri gas;in queste condizioni notò una debole – la loro capacità di attraversare, senzaemissione luminosa provenire da un pic- apprezzabile attenuazione, molti ma-colo schermo fluorescente di carta spal- teriali a basso numero atomico e amato di platinocianuro di bario, che si bassa densità;trovava casualmente a una certa distan- – il loro significativo assorbimento du-za dal tubo. rante il passaggio attraverso materialiLa fluorescenza indotta sullo schermo ad alto numero atomico e ad altadurante il funzionamento del tubo persi- densità.steva anche allontanando lo schermo Il primo lavoro presentato da Röentgen,fluorescente o ponendo il tubo stesso intitolato “Un nuovo tipo di raggi”, ripor-in una cassetta di legno chiusa ermetica- tava, oltre alle modalità di produzione emente. alle caratteristiche principali dei raggi X,Tutto questo non trovava ragionevole anche l’immagine ormai famosa dellespiegazione con il fenomeno dei raggi “ombre delle ossa della mano” dellacatodici, oggetto di studio da parte di moglie.numerosi fisici in quel periodo (J.J. Proprio il diverso grado di assorbimentoThomson dimostrò nel 1897 che i raggi dei raggi X in materiali a diverso numerocatodici sono costituiti da cariche elet- atomico e a diversa densità è la caratte-triche negative, in seguito chiamate ristica che viene sfruttata in radiologiaelettroni). clinica per “vedere” l’interno del corpoRöentgen si accorse inoltre, con grande umano e, nell’industria e nella ricerca, 6
  9. 9. per esaminare peculiarità o difetti internia manufatti in genere metallici.La scoperta dei raggi X diede al clinicomedico, da alcuni decenni già in posses-so dello stetoscopio (lo “strumento cheguarda dentro il torace”) scoperto daLaennec, un formidabile mezzo diagno-stico in grado di indagare l’invisibile, at-traverso un oggetto fluorescente chia- Schema di un tubo a raggi Xmato criptoscopio, lo “strumento che os-serva le cose nascoste”.Lo sviluppo delle tecniche radiologiche Gli elettroni liberati dal filamento riscal-negli anni successivi fu impressionante dato vengono attratti dall’anticatodo (cheanche grazie alla realizzazione nel 1912 è l’elettrodo positivo): l’emissione dei raggida parte di Coolidge di un particolare X è dovuta all’interazione degli elettroni (itipo di tubo a raggi X, dello stesso tipo di raggi catodici studiati da Röentgen) conquelli ancor oggi utilizzati, sia pure con gli atomi dell’anticatodo.importanti aggiornamenti tecnici. All’epoca della realizzazione di Coolidge era già stata dimostrata da M. Von Laue la natura fisica dei raggi X: sono onde elettromagnetiche, fisicamente dello stesso tipo della luce visibile, caratteriz- zate da una diversa lunghezza d’onda, estremamente piccola (dell’ordine di 10-10 m). Poche settimane dopo la scoperta dei raggi X da parte di Röentgen, il fisico francese Becquerel, ricercando una re- lazione tra i raggi X appena scoperti e i fenomeni di fluorescenza indotti su sali di uranio, scopriva il fenomeno della ra- W. Röentgen dioattività naturale e avviava il mondo scientifico dell’epoca alla scoperta dellaIl tubo di Coolidge è schematicamente costituzione intima della materia.costituito da unampolla di vetro, nella Tra il 1898 e il 1902 Pierre Curie e laquale è praticato il vuoto spinto e nella moglie Marie Sklodowska scoprironoquale si trovano due elettrodi, un catodo altri elementi (tra i quali il radio) in gradoe un anodo (o anticatodo), quest’ultimo di presentare il fenomeno della radioat-costituito da un metallo ad alto numero tività, dimostrando quindi che questoatomico (ad esempio, tungsteno); nelle non è esclusivamente caratteristico del-vicinanze del catodo si trova un filamen- l’uranio.to che, riscaldato, libera elettroni. Nella Nel 1934 Irene Curie (figlia dei Curie)figura seguente è riportato uno schema e il marito Frederic Joliot scoprirono ildi massima. fenomeno della radioattività artificiale, 7
  10. 10. dopo la scoperta della radioattività na- turale, doveva accorgersi che le radia- zioni scoperte da lui e da Röentgen producono effetti sugli organismi vi- venti: nasceva quindi da una parte la radioterapia, una nuova disciplina della medicina basata sullo sfruttamento te- rapeutico degli effetti biologici delle ra- diazioni, dall’altra la radioprotezione, cioè la disciplina che tratta della prote- zione dalle radiazioni. 1.2. Le radiazioni di origine natu- rale La scoperta dei raggi X, avvenuta solo un secolo fa, e la diffusa preoccupazione de- stata dagli effetti devastanti delle esplo- sioni nucleari prodotte durante l’ultima guerra mondiale hanno diffuso l’idea che le radiazioni ionizzanti fossero solo un prodotto dell’attività umana.I coniugi Curie In realtà le radiazioni ionizzanti esisto- no da sempre sul nostro pianeta e lacioè la possibilità di produrre artificial- specie umana si è evoluta vivendo e ri-mente elementi radioattivi non presen- producendosi in un campo di radiazioniti in natura e aprirono la strada alla naturali, chiamato fondo naturale di ra-scoperta di un grande numero di isoto- diazioni.pi radioattivi artificiali (oggi sono centi- Le radiazioni naturali hanno origine innaia gli isotopi radioattivi producibili ar- parte dal sole e dallo spazio e in partetificialmente). dalla crosta terrestre; inoltre isotopi ra-La possibilità successiva di marcare dioattivi naturali sono normalmente pre-con isotopi radioattivi cellule, molecole senti nel nostro organismo, come in tuttio farmaci ha fornito ai ricercatori la gli esseri viventi.possibilità di seguire il comportamento L’intensità del fondo naturale è moltodegli stessi all’interno del corpo umano, variabile da luogo a luogo, è diversa al-in particolare consentendo di rilevare, l’aperto e dentro gli edifici; all’internodall’esterno del corpo, la distribuzione degli edifici può cambiare, spesso indella radioattività in un particolare or- modo significativo, in funzione di diffe-gano (la cosiddetta scintigrafia) ovvero renti materiali da costruzione e delladi eseguire indagini funzionali attraver- presenza di radon, gas nobile radioatti-so lo studio dell’accumulo e dell’elimi- vo che emana dal suolo e, in assenza dinazione del composto in un organo o in ventilazione, tende a rimanere al suolo,un tessuto biologico. essendo più pesante dell’aria.Proprio lo stesso Becquerel, pochi anni In Tabella 1 sono mostrate le dosi me- 8
  11. 11. diamente assorbite, espresse in milli- radiazioni. Per la definizione di dose sisievert (mSv), da un individuo della po- rimanda al glossario al termine di que-polazione a causa del fondo naturale di sto capitolo.Tabella 1 Dose efficace media assorbita da un individuo dovuta a fonti di irradiazione naturali presenti nell’ambiente. (fonte Health Physics, 58-3, 1990) Fonte mSv/anno Raggi cosmici 0.355 Radionuclidi presenti in natura prodotti dalla radiazione cosmica 0.015 Radionuclidi primordiali Irradiazione esterna 50.41 40 K 50.18 238 232 Famiglie radioattive ( U e Th) 55 1.42 (*) Totale 2.38(*) valore estremamente variabile (dipende dal contributo dovuto alla inalazione di radon, gas radioattivo natura- le emesso sia dal terreno sia dai materiali di costruzione degli edifici).1.3. L’interazione delle radiazioni con i tessutiI raggi X appartengono alla famiglia delleradiazioni elettromagnetiche, che com-prende anche la luce visibile, l’infrarosso,l’ultravioletto e i raggi gamma provenien-ti da decadimenti radioattivi; il solo ele-mento discriminante tra queste radiazio-ni è la lunghezza d’onda o la frequenza(che è inversamente proporzionale allalunghezza d’onda).I raggi X, (come anche le radiazioni elet-tromagnetiche provenienti dai decadi-menti radioattivi) a differenza della lucevisibile, dell’infrarosso e dell’ultravioletto, Spettro della radiazione elettromagneticasono radiazioni ionizzanti, perché nel loropassaggio attraverso la materia produco-no ionizzazioni, cioè alterazioni dellastruttura elettronica degli atomi; quando Nel seguito vengono riportati i principaliquesto avviene con gli organismi viventi meccanismi biologici che comportano(in particolare con l’uomo) possono pro- danno a seguito di esposizione alle radia-dursi danni biologici, a volte di estrema zioni ionizzanti e descritti i vari tipi digravità. danno. 9
  12. 12. 1.3.1. Gli effetti delle radiazioni Dopo un grande numero di replicazio- sulle cellule ni di cellule mutate può comparire unIl passaggio di radiazioni ionizzanti in effetto macroscopico nell’organismo.una cellula vivente può dare origine a Se la mutazione interessa le celluleuna complessa catena di eventi poiché germinali dell’individuo, è possibilenella cellula stessa sono presenti mole- che da una di queste cellule abbia ori-cole molto diverse, alcune molto sem- gine un embrione; in questo caso laplici (l’acqua), altre molto complesse (il mutazione avrà un effetto genetico,DNA). potendo comparire nell’individuo figlioIn ogni caso, il primo evento è la ioniz- e/o nei figli che da questo sarannozazione primaria di un atomo o di una generati.molecola della cellula. 1.3.2. Gli effetti delle radiazioni sull’organismo Gli effetti delle radiazioni ionizzanti sull’organismo possono essere di due tipi: somatici e genetici. Gli effetti somatici si riferiscono ai danni che si osservano nellindividuo esposto e si esauriscono con lui; gli ef- fetti genetici sono riferiti alle conse-Fenomeno della ionizzazione guenze dei danni prodotti sulle cellule germinali e trasmessi ai discendenti;La ionizzazione provoca la formazione tali conseguenze si manifestano solodi nuove entità chimiche, a volte molto nelle generazioni future.reattive, come nel caso dei radicali li- Gli effetti biologici, inoltre, possono es-beri derivanti dalla ionizzazione dell’ac- sere suddivisi in “stocastici” e “deter-qua; in questi casi possono avvenire ministici”.reazioni chimiche capaci di modificare il Gli effetti stocastici sono di tipo proba-contenuto della cellula stessa e quindi bilistico, ovvero la loro frequenza diin grado di produrre un effetto biologi- comparsa, comunque molto piccola, èco dipendente dalla natura del danno, funzione della dose; non hanno gra-dai componenti cellulari danneggiati e dualità di manifestazioni con la dosedalla specifica funzione della cellula in- assorbita, cioè sono del tipo tutto - o -teressata. niente quale che sia la dose.La cellula umana contiene 46 cromoso- Gli effetti deterministici sono viceversami, che possono essere schematizzati prevedibili, nel senso che è possibilecome catene di geni: le caratteristiche predire se una persona irradiata condi ciascun individuo sono determinate una data dose svilupperà questi effet-da questi geni e dalla loro disposizione. ti. Presentano un valore soglia di doseOgni cambiamento della struttura di un al di sopra del quale colpiscono tutti ogene, cioè ogni mutazione, si trasmet- quasi tutti gli irradiati e mostrano unte alle cellule figlie, che hanno origine aggravio di sintomi con l’aumentaredalla cellula mutata. della dose. 10
  13. 13. Possono manifestarsi entro qualche del radiologo”, che insorge dopo diver-giorno o qualche settimana dall’irra- si anni di latenza, ma che non regredi-diazione (effetti immediati) o dopo sce più, fino ad evolvere, potenzial-mesi o anni (effetti tardivi). mente, in epitelioma spinocellulare;I valori soglia al di sopra dei quali com- • le alterazioni ematologiche, essenzial-paiono effetti rilevabili clinicamente mente rappresentate da manifestazionisono dellordine del sievert o anche più. di aplasia midollare, con riduzione delGli effetti somatici possono essere di numero di granulociti, linfociti e piastri-tipo deterministico o stocastico. ne, e da anemie;Tra gli effetti somatici deterministici, • le alterazioni a carico dell’occhio, es-oltre a quelli dovuti all’esposizione glo- senzialmente rappresentate dalla cata-bale acuta di un individuo a dosi ele- ratta, che può insorgere, anche avate, di cui viene riportato in Tabella 2 distanza di diversi anni, a seguito del-un quadro schematico e semplificato l’esposizione ad una dose unica di 5-8della sintomatologia in rapporto alla sievert (Sv);dose, rientrano: • danni agli organi genitali, quali la ridu-• le radiodermiti, dal semplice eritema zione della fertilità o la sterilità per dosi cutaneo immediato alla “radiodermite superiori a 1 Sv.Tabella 2 Sintomatologia a seguito di esposizione globale acuta di un indi- viduo ad alte dosi Dose (Sv)Settimane dopo l’esposizione 1-3 4 >6 (subletale) (letale) (sopraletale) 1 fase latente nausea e vomito nausea e vomito, ma- (1 giorno) lessere, diarrea, febbre 2 depilazione, malessere bocca e gola infiamma- generale te, ulcerazioni, deperi- mento, morte 3 perdita appetito, depi- perdita appetito, emor- lazione, infiammazione ragia, diarrea, febbre, gola, emorragie deperimento, morte eventuale 4 diarrea, guarigione Sopravvivenza certa salvo complica- possibile nel 50% dei impossibile zioni (2.5 Sv sono mor- casi tali nel 5% dei casi) 11
  14. 14. Gli effetti somatici stocastici sono quelli rate a livello radioprotezionistico, sono dipiù importanti dal punto di vista radio- tipo stocastico. Essi sono dovuti a dueprotezionistico in quanto, almeno in via componenti principali: le mutazioni geni-teorica e come vedremo più avanti, si che e le aberrazioni cromosomiche. Lepossono verificare anche per livelli di mutazioni geniche si distinguono in domi-dose molto bassi; viceversa gli effetti de- nanti e recessive in rapporto alle modali-terministici si verificano solo per valori di tà di trasmissione. Anche le aberrazionidose elevati e sono quindi da escludere cromosomiche sono di due tipi: aberra-in attività ospedaliere comportanti l’im- zioni numeriche, in relazione alla presen-piego di radiazioni ionizzanti. za di cromosomi in più o in meno rispet-Gli effetti somatici stocastici sono rappre- to al numero caratteristico della specie;sentati da lesioni neoplastiche, quali le aberrazioni strutturali quando, pur man-leucemie e altre forme tumorali solide tenendosi questo numero invariato, i geni(cancro del polmone, tumore della mam- presenti su uno o più cromosomi sono inmella, carcinoma della tiroide, tumori eccesso o in difetto rispetto alla norma. Vidello scheletro, etc.). Tali effetti hanno sono infine molte condizioni di originetempi di latenza piuttosto lunghi: il ereditaria aventi trasmissibilità irregolare;tempo di latenza minimo varia da tre esse riguardano, per esempio, le predi-anni per le leucemie e i tumori ossei a sposizioni a malattie particolari di grandedieci anni per gli altri tumori solidi. rilevanza sociale, oppure condizioni nonVanno inoltre considerati i danni embrio- rilevabili nel singolo individuo, ma sullenali e fetali: infatti, a seguito dellazione popolazioni nel loro complesso (fertilità,delle radiazioni sul prodotto del concepi- durata della vita). Al fine di una valuta-mento, si possono osservare sia la morte zione più completa del rischio di esposi-fetale, sia alterazioni dello sviluppo con zione alle radiazioni ionizzanti è inoltrerischi di malformazioni. Nel primo mese di utile aver presente, per confronto, i datigravidanza dosi dell’ordine di 0.1 Sv rice- relativi allesposizione degli individui dellavute dall’embrione possono provocare l’a- popolazione alla radiazione dovuta alborto. Dalla fine del primo mese fino al fondo naturale contenuti in Tabella 1.terzo si possono produrre diversi tipi di Per un più diretto confronto fra il rischiomalformazione, mentre dalla fine del dovuto allesposizione alle radiazioni io-terzo mese si possono indurre effetti tar- nizzanti ed il rischio dovuto ad altre atti-divi, a carattere probabilistico, manife- vità lavorative, in Tabella 3 è mostrata lastantisi nei primi anni di vita del bambino. riduzione media della durata di vita do-Tra i danni al feto è inoltre da citare il ri- vuta ad incidenti in diverse attività lavo-schio di ritardo mentale grave a seguito di rative, mentre in Tabella 4 è mostratairradiazione nel periodo compreso tra l’ot- quella associata a varie cause di tipo nontava e la quindicesima settimana di ge- lavorativo. Per confronto viene indicata lastazione e, con minor intensità, tra la se- riduzione media della durata di vita do-dicesima e la venticinquesima settimana; vuta all’esposizione alle radiazioni ioniz-l’aborto e le malformazioni fetali sono ef- zanti valutata utilizzando i fattori di ri-fetti a carattere deterministico con un va- schio indicati nella pubblicazione 60 dellalore soglia di circa 50 mSv. Gli effetti ere- ICRP (International Commission onditari, almeno a livello delle dosi conside- Radiological Protection) e considerando 12
  15. 15. che la perdita media di spettanza vita, in zione continua di 5 mSv/anno, ovverocaso di tumore, risulta rispettivamente, l’esposizione massima che si riscontradi 13.4 anni per un individuo della popo- normalmente nei lavoratori in ambientelazione e di 12.7 anni per un lavoratore. sanitario, e di 1 mSv/anno, ovvero il limi-Il confronto è effettuato per una esposi- te di dose per le persone del pubblico.Tabella 3 Riduzione media della durata di vita dovuta ad incidenti in diverse attività lavorative. (fonte Health Physics, 61-3, 1991) Attività lavorativa Riduzione media della durata di vita (giorni) Commercio 27 Industria manifatturiera 40 Servizi 27 Trasporti 160 Agricoltura 320 Costruzioni 227 Valore medio 60 Esposizione alle radiazioni (5 mSv/anno) 40Tabella 4 Riduzione media della durata di vita associata a varie cause di tipo non lavorativo. (fonte Health Physics, 36-6, 1979 e 61-3, 1991) Causa Riduzione media della durata di vita ( giorni ) Abuso di alcool 4000 Essere celibe, vedovo o divorziato 3500 Fumo (1 pacchetto di sigarette/giorno) 2250 Essere nubile, vedova o divorziata 1600 Essere sovrappeso ( + 20% ) 1040 Incidenti con veicoli a motore 207 Alcool 130 Incidenti in casa 74 Fumo passivo 50 Esposizione lavorativa alle radiazioni (5 mSv/anno) 40 Cadute 28 Esposizione alle radiazioni di individui della popolazione (1 mSv/anno) 18 Esami RX-diagnostici 6 Caffè 6 13
  16. 16. 1.4. I princìpi della radioprotezione. introduzione o prosecuzione producaScopo della radioprotezione è la preven- un beneficio netto e dimostrabile;zione totale degli effetti dannosi non sto- – secondo principio, detto di ottimizza-castici (che, come detto in precedenza, zione: ogni esposizione umana alleavvengono sopra una determinata soglia radiazioni deve essere tenuta tantodi dose) e la limitazione a livelli conside- bassa quanto è ragionevolmente otte-rati accettabili della probabilità di accadi- nibile, facendo luogo a considerazionimento degli effetti stocastici. economiche e sociali (principio ALARA,La prevenzione degli effetti deterministici dalle iniziali della frase inglese: “tantosi ottiene fissando limiti di equivalente di bassa quanto è ragionevolmente otte-dose individuale a valori sufficientemente nibile”);bassi, tali che nessuna dose soglia venga – terzo principio, detto di limitazionemai raggiunta. La limitazione degli effetti delle dosi individuali: l’equivalentestocastici si ottiene con il “sistema di li- di dose ai singoli individui non devemitazione delle dosi”, che si propone di superare determinati limiti appropria-contenerli ai livelli più bassi ragionevol- tamente sicuri, stabiliti per le varie cir-mente ottenibili. costanze.La radioprotezione si fonda su tre princìpi: Nella tabella 5 è riportato, sia pure in ma-– primo principio, detto di giustifica- niera schematica e incompleta, il corso zione: nessuna attività umana che storico della radioprotezione dagli albori esponga alle radiazioni deve essere ac- a oggi. colta o proseguita, a meno che la suaTabella 5: Alcune date importanti nella storia della radioprotezione. Periodo Evento 1915 Prime raccomandazioni per la protezione dei lavoratori emanate dalla British Röentgen Society Anni Definizione della dose di tolleranza, uguale per lavoratori e popolazione, pari venti a 1 R/settimana al corpo intero, cioè 50 R/anno. 1925 I Congresso internazionale di Radiologia a Londra e costituzione dell’ICRU (Commissione Internazionale per le unità di misura) 1928 II Congresso internazionale di Radiologia a Stoccolma e costituzione dell’ICRP (Commissione internazionale per la radioprotezione) 1931 Il röentgen (R) è adottato come unità di misura della dose da esposizione al fine di “misurare” i raggi X 1934-1935 In Italia sono promulgati il Testo Unico delle leggi sanitarie e il relativo rego- lamento di attuazione; viene disciplinato l’esercizio della radiologia Anni Definizione di dose genetica intesa come dose media alle gonadi tra gli quaranta individui in età fertile. Detta dose è posto che sia “dose di tolleranza” 1941 Il Comitato USA per la radioprotezione raccomanda per il Radio il “deposito corporeo massimo di 0.1 µCi” 14
  17. 17. Periodo Evento Anni Ipotesi di linearità nella relazione dose/effetto stocastico, caduta del concetto cinquanta di dose di tolleranza, ricerca di una dose a basso rischio biologico 1952 Le malattie professionali da Radio, raggi X e sostanze radioattive sono inclu- se, in Italia, nella tabella delle lavorazioni per cui è obbligatoria l’assicurazio- ne contro gli infortuni e le malattie professionali 1953 Il rad è adottato come unità di misura della dose assorbita 1956 È introdotto in Italia per decreto l’obbligo delle visite mediche preventive e periodiche sui lavoratori addetti a mansioni che implicano l’uso del Radio, dei raggi X e delle sostanze radioattive. 1956-1959 L’ICRP definisce le dosi massime ammissibili al corpo intero per i lavoratori (5 rem/anno) e per gli individui della popolazione (0,5 rem/anno), la dose ge- netica media per gli individui di una vasta popolazione ( 5 rem in 30 anni), e propugna la lotta a ogni rischio indebito 1958 È obbligatoria in Italia l’assicurazione dei medici contro le malattie e le lesio- ni da raggi X e da sostanze radioattive 1959 La Comunità Europea emana proprie direttive di radioprotezione 1960 L’ICRP raccomanda di porre in atto ogni sforzo inteso a ridurre le esposizioni nei limiti più ristretti possibili 1964 L’Italia ha la normativa di radioprotezione (il DPR n. 185) 1965 Principio ALARA (as low as reasonably achievable): le dosi siano mantenute tanto basse quanto è ragionevolmente ottenibile, facendo luogo a considera- zioni economiche e sociali 1965-1969 Sono promulgate leggi italiane sulla professione del tecnico sanitario di ra- diologia medica 1969 Il DPR n. 128 sancisce l’obbligo di istituire in taluni ospedali un Servizio di Fisica Sanitaria 1977 La ICRP raccomanda un nuovo sistema di limitazione delle dosi 1995 L’Italia ha una nuova normativa di radioprotezione, in attuazione di varie di- rettive Euratom (il D.Lgs. n. 230) 2000 Viene modificato e integrato il D.Lgs. 230/95 recependo le Direttive Euratom 96/29 e 97/431.5. La normativa nazionale di ra- Il testo fondamentale in materia di pro- dioprotezione tezione sanitaria contro il rischio derivan-In Italia esiste un regime giuridico del- te dallimpiego di sorgenti di radiazioni io-l’impiego pacifico dell’energia nucleare, nizzanti è il Decreto Legislativo 17 marzonel quale rientra quindi, come caso parti- 1995, n. 230; questo, al fine di recepirecolare, la detenzione e l’impiego di mac- la direttiva Euratom 96/29, è stato modi-chine generatrici di raggi X o la detenzio- ficato e integrato dal D. Lgs. 26 maggione e l’impiego di sorgenti radioattive ar- 2000, n. 241, e dal D. Lgs. 9 maggiotificiali a scopi diagnostici o terapeutici. 2001, n. 257. 15
  18. 18. Per quanto riguarda in particolare la ra- Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n.dioprotezione del paziente, la normativa 230 “Attuazione delle direttive Euratomdi riferimento è attualmente rappresenta- 89/618, 90/641, 92/3 e 96/29 in mate-ta dal D. Lgs. 26 maggio 2000, n. 187, con ria di radiazioni ionizzanti”.il quale è stata recepita la direttiva SommarioEuratom 97/43. L’obiettivo fondamentale Capo I: Campo di applicazione. Principidel D. Lgs. 230/95 può essere riassunto generali di protezione dalle radiazioni io-dall’art. 2 che recepisce le raccomanda- nizzanti.zioni internazionali emanate dall’I.C.R.P. Capo II: Definizioni.60 del 1991 (International Commission on Capo III: Organi.Radiological Protection) e di cui di seguito Capo III bis: Esposizioni da attività la-vengono riportati i passi più rilevanti: vorative con particolari sorgenti naturali1. Nuovi tipi o nuove categorie di prati- di radiazioni che che comportano un’esposizione Capo IV: Lavorazioni minerarie. alle radiazioni ionizzanti debbono es- Capo V: Regime giuridico per importa- sere giustificati, anteriormente alla zione, produzione, commercio, trasporto loro prima adozione o approvazione, e detenzione. dai loro vantaggi economici, sociali o Capo VI: Regime autorizzativo per le in- di altro tipo rispetto al detrimento sa- stallazioni e particolari disposizioni per ri- nitario che ne può derivare. fiuti radioattivi.2. I tipi o le categorie di pratiche esisten- Capo VII: Impianti. ti sono sottoposti a verifica per quan- Capo VIII: Protezione sanitaria dei la- to concerne gli aspetti di giustificazio- voratori. ne ogniqualvolta emergano nuove ed Capo IX: Protezione sanitaria della po- importanti prove della loro efficacia e polazione. delle loro conseguenze. Capo X: Stato di emergenza nucleare.3. Qualsiasi pratica deve essere svolta in Capo XI: Norme penali. modo da mantenere l’esposizione al li- Capo XII: Disposizioni transitorie e vello più basso ragionevolmente otte- finali. nibile, tenuto conto dei fattori econo- Allegato I: Determinazione delle condi- mici e sociali. zioni di applicazione delle disposizioni per4. La somma delle dosi derivanti da tutte le materie radioattive e per le macchine le pratiche non deve superare i limiti di radiogene. dose stabiliti per i lavoratori esposti, Allegato I bis: Condizioni per l’applica- gli apprendisti, gli studenti e gli indivi- zione del Capo III bis dui della popolazione. Allegato II: Spedizioni, importazioni edNel seguito, salvo diversa indicazione, si esportazioni di rifiuti radioattivi.farà quindi riferimento al citato Decreto Allegato III: Determinazione, ai sensiLegislativo n. 230/95, del quale si riporta dell’art. 82, delle modalità e dei criteril’indice. per l’adozione della sorveglianza fisicaIn appendice è anche riportato un glos- nonché dei criteri e delle modalità per lasario dei termini, delle grandezze e delle classificazione dei lavoratori, degli ap-unità di misura più comunemente utiliz- prendisti e degli studenti, nonché dellezati in radioprotezione. aree di lavoro. 16
  19. 19. Allegato IV: Determinazione, ai sensi immesse in commercio, nonché delledell’art. 96, dei limiti di dose per i lavora- esenzioni da tale obbligo.tori, per gli apprendisti, gli studenti e le Allegato VIII: Determinazione dei cri-persone del pubblico gli individui della teri e delle modalità per il conferimentopopolazione, nonché dei criteri di compu- della qualifica di sorgente di tipo ricono-to e di utilizzazione delle grandezze ra- sciuto, ai sensi dell’articolo 26.dioprotezionistiche connesse. Allegato IX: Determinazione, ai sensiAllegato V: Determinazione, ai sensi dell’articolo 27, comma 2, delle condizio-degli artt. 78 e 88, delle modalità, titoli di ni per la classificazione in Categoria A edstudio, accertamento delle capacità tec- in Categoria B dell’impiego delle sorgentinico professionali per l’iscrizione negli di radiazioni, delle condizioni per l’esen-elenchi degli esperti qualificati e dei me- zione dal nulla osta e delle modalità perdici autorizzati. Istituzione degli elenchi il rilascio e la revoca del nullaosta.degli esperti qualificati e dei medici auto- Allegato X: Determinazione, ai sensirizzati e determinazione ai sensi degli ar- dell’articolo 31, delle disposizioni proce-ticoli 77 e 88 delle modalità, titoli di stu- durali per il rilascio dell’autorizzazione al-dio, accertamento della capacità tecnico- l’attività di raccolta di rifiuti radioattiviprofessionale per l’iscrizione. provenienti da terzi e delle esenzioni daAllegato VI: Determinazione, ai sensi tale autorizzazione.dell’art. 74, delle modalità e dei livelli di Allegato XI: Determinazione ai sensiesposizione professionale di emergenza. dell’art. 62, comma 3, dell’art. 81, commaAllegato VII: Determinazione, ai sensi 6 e dell’art. 91, comma 5, delle modalitàdell’articolo 18, delle modalità della noti- di tenuta della documentazione relativafica delle pratiche di importazione e di alla sorveglianza fisica e medica dellaproduzione, a fini commerciali, di materie protezione dalle radiazioni ionizzanti eradioattive, di prodotti, apparecchiature del libretto personale di radioprotezionee dispositivi in genere contenenti dette per i lavoratori esterni.materie, nonché delle esenzioni da tale Allegato XII: Determinazione, ai sensiobbligo; determinazione, ai sensi dellar- dell’art. 115 comma 2, dei livelli di inter-ticolo 18-bis delle disposizioni procedura- vento nel caso di emergenze radiologicheli per il rilascio dellautorizzazione per e nucleari.l’aggiunta intenzionale di materie ra-dioattive nella produzione e manifattura 1.5.1. Criteri di classificazione deidi beni di consumo e per l’importazione o lavoratori e delle zonel’esportazione di tali beni di consumo; Secondo il D. Lgs. 230/95 si definiscedeterminazione delle modalità di notifica lavoratore esposto chiunque sia suscetti-delle pratiche di cui al comma 1 dell’arti- bile, durante l’attività lavorativa, di unacolo 22 e dei valori di attività e dei valori esposizione alle radiazioni ionizzanti su-di concentrazione di attività per unità di periore a uno qualsiasi dei limiti fissatimassa di cui alle lettere a) e b) del per le persone del pubblico.comma 2 dello stesso articolo; determi- I lavoratori che non sono suscettibili dinazione, ai sensi dell’articolo 19 delle una esposizione alle radiazioni ionizzantimodalità di attuazione dell’obbligo di in- superiore a detti limiti sono da classifi-formativa relativo alle materie radioattive carsi lavoratori non esposti. 17
  20. 20. I lavoratori esposti, a loro volta, sono condizioni per la classificazione di lavora-classificati in categoria A e categoria B. tori esposti di categoria A.I lavoratori esposti sono classificati in ca- Viene definita zona sorvegliata un am-tegoria A se sono suscettibili di un’espo- biente di lavoro in cui può essere supe-sizione superiore, in un anno solare, a rato in un anno solare uno dei pertinentiuno dei seguenti valori: limiti fissati per le persone del pubblico e• 6 mSv di dose efficace; che non è zona controllata.• i tre decimi di uno qualsiasi dei limiti di A integrazione di quanto sopra indicato, dose equivalente per il cristallino (150 si segnalano alcuni aspetti della normati- mSv in un anno solare), per pelle, va citata di particolare rilevanza: mani, avambracci, piedi e caviglie (500 1. l’accertamento delle condizioni che mSv in un anno solare). portino alla classificazione dei lavora-I lavoratori esposti non classificati in cate- tori è di competenza esclusiva dell’e-goria A sono classificati in categoria B. sperto qualificato; al datore di lavoroNella tabella seguente sono riportati i compete, ovviamente, solo la defini-limiti di dose in funzione della classifi- zione delle attività che i lavoratori de-cazione. vono svolgere; 2. il criterio di classificazione non viene Lavoratori Lavoratori più associato al tipo, al luogo, ai esposti non esposti tempi, all’abitualità o all’occasionalitàDose efficace 20 mSv/anno 1 mSv/anno ed alle modalità di svolgimento del la-Dose equivalente 150 mSv/anno 15 mSv/anno voro, ma resta legato al rischio effetti-cristallino vo di ricevere dosi superiori a limitiDose equivalente 500 mSv 50 mSv prefissati, in considerazione del rischiopelle e estremità di irradiazione esterna e contaminazio- ne interna e anche in considerazioneIl sistema di limitazione delle dosi indivi- di esposizioni potenziali conseguenti aduali rappresenta un mezzo per garanti- eventi anomali e malfunzionamenti chere che il lavoro che si espone ai rischi siano suscettibili di aumentare le dosiderivanti dalle radiazioni ionizzanti possa dei singoli derivanti dalla normale atti-essere ricompreso tra i “lavori comune- vità lavorativa programmata. Quantomente ritenuti sicuri” (utile al proposito sopra comporta, per esempio, che lail raffronto con i dati contenuti nella ta- presenza di operatori in zone classifi-belle 3). cate non determini automaticamentePer quanto riguarda la classificazione la classificazione dei lavoratori stessidegli ambienti di lavoro, la normativa come lavoratori esposti.prescrive al datore di lavoro di classifi- In altre parole, esemplificando, all’in-care e segnalare gli ambienti in cui è terno di una zona controllata è possi-presente il rischio di esposizione alle ra- bile avere lavoratori classificati espostidiazioni ionizzanti e regolamentarne di categoria A e/o lavoratori classifica-l’accesso. ti esposti di categoria B e/o lavoratoriIn particolare, viene definita zona con- classificati non esposti, a seconda del-trollata un ambiente di lavoro in cui sus- l’entità del rischio radiologico associa-sistono per i lavoratori in essa operanti le to all’attività lavorativa. 18
  21. 21. 3. Un’attenzione particolare viene dedi- Le attività lavorative considerate sono: cata dalla normativa agli apprendisti e – quelle che si svolgono in tunnel, sotto- studenti. vie, catacombe, grotte e in tutti i luo-4. Un’attenzione particolare viene altre- ghi di lavoro sotterranei, oppure in su- sì dedicata dalla normativa anche perficie in zone ben individuate, in re- alla tutela della lavoratrice gravida e lazione alla possibile esposizione a del neonato: viene infatti prescritto radon e a radiazioni gamma; che, ferma restando l’applicazione – quelle che implicano l’uso o lo stoc- delle norme speciali concernenti la caggio di materiali abitualmente non tutela delle lavoratrici madri, le considerati radioattivi ma che con- donne gestanti non possono svolge- tengono radionuclidi naturali, o che re attività in zone classificate o, co- comportano la produzione di residui munque, attività che potrebbero abitualmente non considerati radioat- esporre il nascituro ad una dose che tivi ma che contengono radionuclidi ecceda 1 mSv durante il periodo naturali; della gravidanza. È inoltre vietato – quelle in stabilimenti termali o quelle adibire le donne che allattano ad at- connesse ad attività estrattive non di- tività comportanti un rischio di con- sciplinate dal Capo IV; taminazione. – quelle su aerei, con riferimento al per-5. I principali casi di non applicazione sonale navigante. della citata normativa possono essere Sono previsti una serie di obblighi per gli riassunti come segue: esercenti le attività di cui sopra, i quali a) esposizione di pazienti nell’ambito devono provvedere, a seconda dei casi, a di un esame diagnostico o di una misurazioni di radon e/o a valutazioni di terapia che li concerne; esposizione nei luoghi di lavoro; in caso b) esposizione di persone che coscien- di superamento dei livelli di azione fissa- temente e volontariamente collabo- ti nell’Allegato 1 bis, gli esercenti devono rano a titolo non professionale al adottare azioni di rimedio entro tempi sostegno e all’assistenza di pazien- definiti. Qualora tali azioni di rimedio ri- ti sottoposti a terapia o a diagnosi sultino inefficaci, l’esercente adotta i medica; provvedimenti previsti dal Capo VIII. c) esposizione di volontari che prendo- no parte a programmi di ricerca 1.5.2. Sorveglianza fisica medica o biomedica, essendo tale Il Capo VIII del D.Lgs. 230/95 (Protezione esposizione disciplinata da altro sanitaria dei lavoratori) prevede che i da- provvedimento legislativo. tori di lavoro, esercenti attività compor-6. Il D.Lgs. 241/00 ha introdotto, tra tanti la classificazione degli ambienti di l’altro, al Capo III bis la tutela dei lavoro in una o più zone controllate o sor- lavoratori nei confronti della esposi- vegliate oppure la classificazione degli zione derivante da attività con par- addetti interessati come lavoratori espo- ticolari sorgenti naturali di radiazio- sti, assicurino la sorveglianza fisica per ni che non può essere trascurata mezzo di esperti qualificati iscritti in elen- dal punto di vista della radioprote- chi nominativi presso l’Ispettorato medi- zione. co centrale del lavoro. 19
  22. 22. Tra le attribuzioni specifiche dell’esper- lasciare il relativo benestare, dalto qualificato si ricordano (art. 79 del punto di vista della sorveglianza fi-D. Lgs. 230/95): sica, dei progetti di installazione chea) redazione della relazione contenente comportano rischi di esposizione, le valutazioni e le indicazioni di radio- nonché delle modifiche alle installa- protezione inerenti le attività espo- zioni implicanti rilevanti trasforma- nenti a rischio al fine di integrare il zioni delle condizioni, dell’uso o della documento di cui all’art. 4 del Decreto tipologia delle sorgenti; legislativo 19 settembre 1994, n. 626 • effettuare la prima verifica, dal (la normativa sulla prevenzione e si- punto di vista della sorveglianza fi- curezza nei luoghi di lavoro) per gli sica, di nuove installazioni e delle aspetti concernenti i rischi da radia- eventuali modifiche apportate alle zioni ionizzanti e la collaborazione con stesse; il Servizio di prevenzione e protezione • eseguire la verifica periodica dell’ef- dell’azienda (art. 80 comma 3, D. Lgs. ficacia dei dispositivi e delle tecni- 230/95); che di radioprotezione;b) fornire indicazioni al datore di lavoro • effettuare la verifica periodica delle affinché gli ambienti di lavoro in cui buone condizioni di funzionamento sussista un rischio da radiazioni ven- degli strumenti di misurazione; gano individuati, delimitati, segnala- h) effettuare la sorveglianza ambientale ti, classificati in zone e che l’accesso di radioprotezione nelle zone control- ad essi sia adeguatamente regola- late e sorvegliate; mentato; i) procedere alla valutazione delle dosic) fornire indicazioni al datore di lavoro in considerazione del rischio di irra- affinché i lavoratori interessati siano diazione esterna e, ove pertinente, classificati ai fini della radioprotezione; del rischio di contaminazione interna.d) fornire indicazioni al datore di lavoro per predisporre norme interne di pro- 1.5.3. Sorveglianza medica tezione e di sicurezza, consultabili nei I datori di lavoro esercenti attività com- luoghi frequentati dai lavoratori, in portanti la classificazione degli addetti in- particolare nelle zone controllate; teressati come lavoratori esposti devonoe) fornire indicazioni al datore di lavoro assicurare la sorveglianza medica per perché siano forniti ai lavoratori, ove mezzo di medici autorizzati, iscritti in necessario, i mezzi di sorveglianza dosi- elenchi nominativi presso l’Ispettorato metrica e di protezione; medico centrale del lavoro, nel caso di la-f) fornire indicazioni al datore di lavoro voratori esposti di categoria A e per al fine di rendere edotti i lavoratori, mezzo di medici autorizzati o medici nell’ambito di un programma di for- competenti (D. Lgs. 277/91) nel caso di mazione finalizzato alla radioprote- lavoratori esposti di categoria B (art. 83 zione; del D. Lgs. 230/95).g) effettuare l’esame e la verifica delle at- Il datore di lavoro deve inoltre provvede- trezzature, dei dispositivi e degli stru- re a che: menti di protezione e in particolare: • i lavoratori esposti siano tutti sottoposti • procedere all’esame preventivo e ri- a visita medica preventiva a cura del 20
  23. 23. medico addetto alla sorveglianza medi- gnificato delle dosi ricevute, delle intro- ca (medico autorizzato o medico com- duzioni di radionuclidi, degli esami medi- petente, come già spiegato); ci e radiotossicologici.• i lavoratori esposti classificati in cate- Tra le attribuzioni specifiche del medico goria B siano sottoposti a visita medica addetto alla sorveglianza medica si ricor- periodica almeno una volta all’anno a dano i seguenti adempimenti (art. 83 del cura del medico autorizzato o del me- D. Lgs. 230/95): dico competente; a) analisi dei rischi individuali connessi• i lavoratori esposti classificati in cate- alla destinazione lavorativa e alle man- goria A siano sottoposti a visita medica sioni al fine della programmazione di periodica almeno con periodicità seme- indagini specialistiche e di laboratorio strale a cura di un medico autorizzato. atte a valutare lo stato di salute delPer quanto riguarda la visita medica pre- lavoratore, anche attraverso accessiventiva, essa deve comprendere una diretti negli ambienti di lavoro;anamnesi completa dalla quale risultino b) gestione dei documenti sanitari per-anche le eventuali esposizioni preceden- sonali;ti, dovute sia alle mansioni esercitate sia c) prestazione di consulenza al datore dia esami e trattamenti medici, e un lavoro per la messa in atto di infra-esame clinico generale completato da strutture e procedure idonee a garan-adeguate indagini specialistiche e di la- tire la sorveglianza medica dei lavora-boratorio per valutare lo stato generale tori esposti, sia in condizioni di lavorodi salute del lavoratore. normale che in caso di esposizioni ac-In base alle risultanze della visita medica cidentali o di emergenza.preventiva il medico addetto alla sorve-glianza medica comunica per iscritto al 1.5.4. La protezione sanitaria delladatore di lavoro la classificazione dei la- popolazionevoratori come: Il Capo IX del D. Lgs. 230/95 è relativo• idonei; alla protezione sanitaria della popolazio-• idonei a determinate condizioni; ne. Di questo aspetto vengono qui ripor-• non idonei (devono essere immediata- tati solo gli elementi fondamentali, in mente allontanati dal lavoro compor- qualche modo connessi alle attività sani- tante esposizione a radiazioni ioniz- tarie. zanti). Viene esplicitato il divieto di utilizzareIn base alle risultanze delle visite medi- sorgenti di radiazioni ionizzanti sulle per-che periodiche e straordinarie il medico sone se non per scopi di diagnostica, diaddetto alla sorveglianza medica della terapia o di ricerca. Viene affermato cheprotezione può disporre anche la sorve- chiunque esplichi attività comportantiglianza medica dopo la cessazione del la- l’uso di sorgenti di radiazioni ionizzantivoro che ha esposto i lavoratori alle ra- deve evitare che le persone del pubblicodiazioni ionizzanti. siano esposte al rischio di ricevere o im-Particolarmente innovativo rispetto alla pegnare dosi superiori ai limiti, anche aprecedente normativa è poi l’obbligo, da seguito di contaminazione di matrici am-parte del medico addetto alla sorveglian- bientali.za medica, di illustrare al lavoratore il si- In particolare viene sottolineato che, in 21
  24. 24. caso di contaminazione radioattiva non – I fattori di conversione da utilizzareprevista o accidentale all’interno di una quando l’attività è espressa in curieinstallazione o durante un’operazione di (Ci) sono i seguenti:trasporto che comporti un rischio di si- – 1 Ci = 3,7 x 1010 Bqgnificativo incremento del rischio di espo- – 1 Bq = 2,7027x 10-11 Cisizione delle persone, l’esercente, ovvero – contaminazione radioattiva: conta-il vettore autorizzato al trasporto, deve minazione di una matrice, di una super-intraprendere le iniziative idonee ad evi- ficie, di un ambiente di vita o di lavoro otare l’aggravamento del rischio. di un individuo, prodotta da sostanze ra-Nei casi di maggiore gravità, cioè nel dioattive. Nel caso particolare del corpocaso che l’evento comporti diffusione umano, la contaminazione radioattivadella contaminazione all’aria, all’acqua, include tanto la contaminazione esternaal suolo e ad altre matrici, o comunque quanto la contaminazione interna, peresposizione delle persone all’esterno del qualsiasi via essa si sia prodotta;perimetro dell’installazione, l’esercente – detrimento sanitario: stima del ri-deve darne immediata comunicazione al schio di riduzione della durata e dellaPrefetto, ai Vigili del fuoco, agli organi del qualità della vita che si verifica in unaServizio Sanitario Nazionale e all’ANPA popolazione a seguito dell’esposizione(Agenzia Nazionale per la Protezione a radiazioni ionizzanti. Essa include ladell’Ambiente). riduzione derivante da effetti somatici,Sempre al fine di ridurre rischi di esposi- cancro e gravi disfunzioni genetiche;zione alle persone del pubblico, il D. Lgs. – dose: grandezza radioprotezionisti-230/95 prevede la necessità di adottare ca ottenuta moltiplicando la dose as-le misure necessarie affinché la gestione sorbita (D) per fattori di modifica de-dei rifiuti radioattivi, ad esempio prove- terminati a norma dell’articolo 96, alnienti da un servizio di Medicina Nucleare fine di qualificare il significato dellaovvero da un laboratorio di ricerca scien- dose assorbita stessa per gli scopitifica, avvenga nel rispetto delle specifi- della radioprotezione;che norme di buona tecnica e delle even- – dose efficace (E): somma delle dosituali prescrizioni tecniche contenute nei equivalenti nei diversi organi o tessuti,provvedimenti autorizzativi. ponderate nel modo indicato nei prov- vedimenti di applicazione; l’unità di1.6. Glossario dose efficace è il sievert (Sv);– attività (A): quoziente di dN diviso – dose efficace impegnata (E(t)): per dt, in cui dN è il numero atteso di somma delle dosi equivalenti impegnate transizioni nucleari spontanee di una nei diversi organi o tessuti HT(t) risultan- determinata quantità di un radionucli- ti dall’introduzione di uno o più radionu- de da uno stato particolare di energia clidi, ciascuna moltiplicata per il fattore in un momento determinato, nell’in- di ponderazione del tessuto wT; la dose tervallo di tempo dt; efficace impegnata E(t) è definita da:– becquerel (Bq): nome speciale dell’u- E(t) = ∑TwTHT(t) nità di attività (A); un becquerel equi- dove t indica il numero di anni per i vale ad una transizione per secondo. quali è effettuata l’integrazione; l’unità 1 Bq = 1 s -1 di dose efficace impegnata è il sievert; 22
  25. 25. – dose impegnata: dose ricevuta da un 3) l’esposizione totale: combinazio- organo o da un tessuto, in un determi- ne dell’esposizione esterna e dell’e- nato periodo di tempo, in seguito allin- sposizione interna; troduzione di uno o più radionuclidi; – esposizione accidentale: esposizio-– dose equivalente (HT): dose assor- ne di singole persone a carattere for- bita media in un tessuto o organo T, tuito e involontario; ponderata in base al tipo e alla qualità – esposizione d’emergenza: esposi- della radiazione nel modo indicato nei zione giustificata in condizioni partico- provvedimenti di applicazione; l’unità lari per soccorrere individui in pericolo, di dose equivalente è il sievert; prevenire l’esposizione di un gran nu-– dose equivalente impegnata: in- mero di persone o salvare un’installa- tegrale rispetto al tempo dell’intensità zione di valore e che può provocare il di dose equivalente in un tessuto o or- superamento di uno dei limiti di dose gano T che sarà ricevuta da un indivi- fissati per i lavoratori esposti; duo, in quel tessuto o organo T, a se- – esposizione parziale: esposizione guito dell’introduzione di uno o più ra- che colpisce soprattutto una parte del- dionuclidi; l’organismo o uno o più organi o tes-– emergenza: una situazione che ri- suti, oppure esposizione del corpo in- chiede azioni urgenti per proteggere tero considerata non omogenea; lavoratori, individui della popolazione – esposizione potenziale: esposizio- ovvero l’intera popolazione o parte di ne che, pur non essendo certa, ha una essa; probabilità di verificarsi prevedibile in– esperto qualificato: persona che anticipo; possiede le cognizioni e l’addestramen- – esposizione soggetta ad autoriz- to necessari sia per effettuare misura- zazione speciale: esposizione che zioni, esami, verifiche o valutazioni di comporta il superamento di uno dei li- carattere fisico, tecnico o radiotossico- miti di dose annuale fissati per i lavo- logico, sia per assicurare il corretto ratori esposti, ammessa in via eccezio- funzionamento dei dispositivi di prote- nale solo nei casi indicati nel decreto zione, sia per fornire tutte le altre indi- di cui all’articolo 82; cazioni e formulare provvedimenti atti – fondo naturale di radiazioni: insie- a garantire la sorveglianza fisica della me delle radiazioni ionizzanti prove- protezione dei lavoratori e della popo- nienti da sorgenti naturali, sia terrestri lazione. La sua qualificazione è ricono- che cosmiche, semprechè l’esposizio- sciuta secondo procedure stabilite; ne che ne risulta non sia accresciuta in– esposizione: qualsiasi esposizione di modo significativo da attività umane; persone a radiazioni ionizzanti. Si di- – gray (Gy): nome speciale dellunità stinguono: di dose assorbita 1) l’esposizione esterna: esposizio- 1 Gy =1 J kg-1 ne prodotta da sorgenti situate al- I fattori di conversione da utilizzare l’esterno dell’organismo; quando la dose assorbita è espressa in 2) l’esposizione interna: esposizio- rad sono i seguenti: ne prodotta da sorgenti introdotte 1 rad = 10-2 Gy nell’organismo; 1 Gy = 100 rad 23
  26. 26. – gruppi di riferimento (gruppi cri- lavoratori esposti sono classificati in tici) della popolazione: gruppi che categoria B; comprendono persone la cui esposi- – limiti di dose: limiti massimi fissati zione è ragionevolmente omogenea e per le dosi derivanti dall’esposizione rappresentativa di quella degli indivi- dei lavoratori, degli apprendisti, degli dui della popolazione maggiormente studenti e delle persone del pubblico esposti, in relazione ad una determi- alle radiazioni ionizzanti causate dalle nata fonte di esposizione; attività disciplinate. I limiti di dose si– incidente: evento imprevisto che applicano alla somma delle dosi rice- provoca danni ad un’installazione o ne vute per esposizione esterna nel pe- perturba il buon funzionamento e può riodo considerato e delle dosi impe- comportare, per una o più persone, gnate derivanti dall’introduzione di ra- dosi superiori ai limiti; dionuclidi nello stesso periodo;– intervento: attività umana intesa a – livelli di allontanamento: valori, prevenire o diminuire l’esposizione degli espressi in termini di concentrazioni di individui alle radiazioni dalle sorgenti attività o di attività totale, in relazione che non fanno parte di una pratica o ai quali possono essere esentati dalle che sono fuori controllo per effetto di prescrizioni le sostanze radioattive o i un incidente, mediante azioni sulle sor- materiali contenenti sostanze radioat- genti, sulle vie di esposizione e sugli tive derivanti da pratiche soggette agli individui stessi; obblighi previsti dal decreto;– introduzione: attività dei radionuclidi – livello di intervento: valore di dose che penetrano nell’organismo prove- oppure valore derivato, fissato al fine nienti dall’ambiente esterno; di predisporre interventi di radioprote-– lavoratore esterno: lavoratore di zione; categoria A che effettua prestazioni in – materia radioattiva: sostanza o insie- una o più zone controllate di impianti, me di sostanze radioattive contempora- stabilimenti, laboratori, installazioni in neamente presenti. Sono fatte salve le genere gestiti da terzi in qualità sia di particolari definizioni per le materie fis- dipendente, anche con contratto a ter- sili speciali, le materie grezze, i minerali mine, di una impresa esterna, sia di quali definiti dall’articolo 197 del tratta- lavoratore autonomo, sia di apprendi- to che istituisce la Comunità europea sta o studente; dell’energia atomica e cioè le materie– lavoratori esposti: persone sotto- fissili speciali, le materie grezze e i mi- poste, per l’attività che svolgono, a nerali nonché i combustibili nucleari; un’esposizione che può comportare – matrice ambientale: qualsiasi com- dosi superiori ai pertinenti limiti fissa- ponente dell’ambiente, ivi compresi ti per le persone del pubblico. Sono aria, acqua e suolo; lavoratori esposti di categoria A i la- – medico autorizzato: medico re- voratori che, per il lavoro che svolgo- sponsabile della sorveglianza medica no, sono suscettibili di ricevere in un dei lavoratori esposti, la cui qualifica- anno solare una dose superiore a zione e specializzazione sono ricono- uno dei pertinenti valori stabiliti con il sciute secondo le procedure e le mo- decreto di cui all’articolo 82; gli altri dalità stabilite; 24
  27. 27. – persone del pubblico: individui tà di dose equivalente o di dose effi- della popolazione, esclusi i lavoratori, cace. Se il prodotto dei fattori di mo- gli apprendisti e gli studenti esposti in difica è uguale a 1: ragione della loro attività e gli individui 1 Sv = 1 J kg-1 durante l’esposizione di cui all’articolo Quando la dose equivalente o la dose 3, comma 5; efficace sono espresse in rem valgono– popolazione nel suo insieme: l’in- le seguenti relazioni: tera popolazione, ossia i lavoratori 1 rem = 10-2 Sv esposti, gli apprendisti, gli studenti e 1 Sv = 100 rem le persone del pubblico; – smaltimento: collocazione dei rifiuti,– pratica: attività umana che è suscet- secondo modalità idonee, in un depo- tibile di aumentare l’esposizione degli sito, o in un determinato sito, senza individui alle radiazioni provenienti da intenzione di recuperarli; una sorgente artificiale, o da una sor- – smaltimento nell’ambiente: im- gente naturale di radiazioni, nel caso missione pianificata di rifiuti radioatti- in cui radionuclidi naturali siano tratta- vi nell’ambiente in condizioni control- ti per le loro proprietà radioattive, fis- late, entro limiti autorizzati o stabiliti; sili o fertili, o da quelle sorgenti natu- – sorgente artificiale: sorgente di ra- rali di radiazioni che divengono sog- diazioni diversa dalla sorgente natura- gette a disposizioni ai sensi del capo le di radiazioni; III bis. Sono escluse le esposizioni do- – sorgente di radiazioni: apparec- vute ad interventi di emergenza; chio generatore di radiazioni ionizzan-– radiazioni ionizzanti o radiazioni: ti (macchina radiogena) o materia ra- trasferimento di energia in forma di dioattiva, ancorché contenuta in ap- particelle o onde elettromagnetiche parecchiature o dispositivi in genere, con lunghezza di onda non superiore a dei quali, ai fini della radioprotezione, 100 nm o con frequenza non mino- non si può trascurare l’attività, o la re di 3·1015 Hz in grado di produrre concentrazione di radionuclidi o l’e- ioni direttamente o indirettamente; missione di radiazioni;– rifiuti radioattivi: qualsiasi materia – sorgente naturale di radiazioni: radioattiva, ancorché contenuta in ap- sorgente di radiazioni ionizzanti di parecchiature o dispositivi in genere, origine naturale, sia terrestre che co- di cui non è previsto il riciclo o la riuti- smica; lizzazione; – sorgente non sigillata: qualsiasi– servizio riconosciuto di dosime- sorgente che non corrisponde alle ca- tria individuale: struttura ricono- ratteristiche o ai requisiti della sorgen- sciuta idonea alle rilevazioni delle let- te sigillata; ture dei dispositivi di sorveglianza do- – sorgente sigillata: sorgente forma- simetrica individuale, o alla misurazio- ta da materie radioattive solidamente ne della radioattività nel corpo umano incorporate in materie solide e di fatto o nei campioni biologici. L’idoneità a inattive, o sigillate in un involucro svolgere tali funzioni è riconosciuta se- inattivo che presenti una resistenza condo procedure stabilite; sufficiente per evitare, in condizioni– sievert (Sv): nome speciale dell’uni- normali di impiego, dispersione di ma- 25
  28. 28. terie radioattive superiore ai valori non si può trascurare l’attività o la stabiliti - dalle norme di buona tecnica concentrazione; applicabili; – zona classificata: ambiente di lavo-– sorveglianza fisica: l’insieme dei ro sottoposto a regolamentazione per dispositivi adottati, delle valutazioni, motivi di protezione contro le radiazio- delle misure e degli esami effettuati, ni ionizzanti. Le zone classificate pos- delle indicazioni fornite e dei provvedi- sono essere zone controllate o zone menti formulati dall’esperto qualificato sorvegliate. È zona controllata un am- al fine di garantire la protezione sani- biente di lavoro, sottoposto a regola- taria dei lavoratori e della popolazione; mentazione per motivi di protezione– sorveglianza medica: l’insieme delle dalle radiazioni ionizzanti, in cui si ve- visite mediche, delle indagini speciali- rifichino le condizioni stabilite con il stiche e di laboratorio, dei provvedi- decreto di cui all’articolo 82 ed in cui menti sanitari adottati dal medico, al l’accesso è segnalato e regolamentato. fine di garantire la protezione sanitaria È zona sorvegliata un ambiente di la- dei lavoratori esposti; voro in cui può essere superato in un– sostanza radioattiva: ogni specie anno solare uno dei pertinenti limiti chimica contenente uno o più radionu- fissati per le persone del pubblico e clidi di cui, ai fini della radioprotezione, che non è zona controllata.2. LE APPARECCHIATURE RADIOLOGICHE2.1. GeneralitàVengono di seguito sinteticamente esemplicemente descritti i costituenti co-muni delle apparecchiature radiologicheutilizzate in radiodiagnostica o in radiote-rapia con particolare riferimento a quegliaspetti più direttamente connessi alla ra-dioprotezione degli operatori addetti alloro funzionamento. Il tubo radiogeno: consta di un’ampolla di vetro in cui è stato creato il vuoto e in cui sono colloca- ti due elettrodi affacciati denominati catodo e anodo; un fascio di elettro- Tubo radiogeno ni emessi dal catodo per effetto ter- moelettronico viene accelerato da La guaina o cuffia: per evidenti esi- una differenza di potenziale e colpi- genze pratiche ci si trova nella necessi- sce un bersaglio metallico, l’anodo: tà di limitare l’emissione delle radiazio- questa interazione è causa dell’e- ni ad un fascio utile, collimato ed orien- missione dei raggi X e del riscalda- tato in una precisa direzione: a tale mento del tubo. scopo i tubi radiogeni vengono sempre 26
  29. 29. impiegati in “contenitori” denominati di kVp e di durata dell’esposizione,“guaine” o “cuffie” che hanno lo scopo, la quantità di fotoni X emessa dalunitamente al sistema costituito dai tubo radiogeno;collimatori e dai diaframmi, di evitare – la durata dell’esposizione.la dispersione di radiazione X non utile L’intensificatore di brillanza (I.B.)all’effettuazione dell’esame o della te- e la catena televisiva: alcuni mate-rapia. Norme di buona tecnica defini- riali, interagendo con le radiazioni ioniz-scono la massima entità della radiazio- zanti, presentano la proprietà di emet-ne di fuga dalla cuffia dipendentemen- tere luce (fluorescenza): tale fenomenote dalla tipologia di apparecchiatura. è alla base di tutte le attività diagnosti-Generatore di alta tensione: si in- che che utilizzano gli schermi fluore-tende la combinazione di tutti gli ele- scenti; l’intensità della luce emessa damenti per il controllo e la produzione tali schermi è sempre molto bassa indell’energia elettrica necessaria all’ali- rapporto alle capacità visive dell’occhiomentazione di un tubo radiogeno; umano: gli intensificatori di brillanzacomprende necessariamente un tra- sono dispositivi elettronici che hanno lasformatore di alta tensione e un siste- funzione di accrescere il livello luminosoma di controllo. Un tubo radiogeno dell’osservazione per portarlo a condi-utilizzato in una attività diagnostica, zioni più favorevoli per l’occhio umano.infatti, funziona con tensioni compre- La radiazione X, dopo aver attraversatose tra circa 25 kVp e circa 150 kVp, il paziente, investe la finestra dingressomentre un tubo radiogeno utilizzato in dell’intensificatore di brillanza, dietro laterapia può arrivare a circa 300 kVp. quale è posto un fotocatodo; questo,La tecnologia mette a disposizione investito dai fotoni, emette elettroni chevari tipi di generatori (sistemi trifase, vengono accelerati e focalizzati da lentitriesafase, dodecafase, a scarica di elettroniche verso lo schermo fluore-condensatore, ad alta frequenza). scente posto sulla finestra d’uscita. IlTavolo di comando: è quel compo- segnale d’uscita, amplificato varie voltenente dell’impianto radiologico nel grazie allaccelerazione degli elettroni equale sono raggruppati tutti gli orga- alla riduzione del campo di vista, puòni elettrici di regolazione e controllo essere visualizzato tramite una oppor-dei dati di esposizione, gli eventuali tuna catena elettronica su uno schermodispositivi di sicurezza necessari alla televisivo. Limmagine analogica otte-protezione dei circuiti elettrici e del nuta può essere trasformata in immagi-tubo da eventuali sovraccarichi e i dis- ne digitale e successivamente memoriz-positivi di comando dell’emissione zata in un computer per una eventualeraggi. I principali parametri imposta- elaborazione. Un tipico esempio è costi-bili dal tavolo di comando sono: tuito dal procedimento di sottrazione– il valore dell’alta tensione (in d’immagine in angiografia digitale. kVp), che determina la qualità della radiazione emessa dal tubo 2.2. Generalità sui meccanismi di radiogeno; formazione dell’immagine ra-– il valore della corrente del filamen- diografica to (in mA) che determina, a parità La proprietà più evidente che presentano 27

×