Your SlideShare is downloading. ×
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Il rosso n2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il rosso n2

207

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
207
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PERIODICO A CURA DEI DELEGATI FIOM G.D FONDATO NEL 2009 2° NUMERO Giugno 2009 In primo piano: Violazione monumento ai caduti e alle vittime del 2 agosto (pag. 3)INDICE:Pag.2 Piattaforma nazionale separata (di Sandra Sandrolini)Pag.3 Violazione monumento ai caduti e alle vittime del 2 agosto (di Valeria Frascari)Pag.4 Per la rubrica “una finestra sul mondo”: Siamo tutti migranti (di Andrea Felisatti)Pag.5 L’informativa industriale in G.D: alcune riflessioni (di Fabrizio Torri)Pag.9 Officine G.D: una risorsa (di Davide Zini) 1
  • 2. ACCORDO SEPARATO SUL MODELLO CONTRATTUALE .......... E LA CONTRATTAZIONE G.D? In questo momento, in cui il nostro paese sta attraversando una profonda crisi, ci troviamo di fronte a misure che vanno a ridisegnare tutto il panorama sociale, istituzionale e giuridico …. E “la crisi” viene utilizzata quando il sindacato è più debole con una logica neoautoritaria dove il lavoro e le questioni sociali non sono al centro, ma si segue una linea di destrutturazione del lavoro , con il risultato di una frantumazione dell’ universalità dei diritti. In questo contesto ci troviamo di fronte ad un accordo firmato da Confindustria CISL UIL e UGL che fissa le nuove regole su Contratto Nazionale e contrattazioni di secondo livello. La negazione del diritto democratico delle lavoratrici e dei lavoratori di potersi pronunciare in modo vincolante sulla validità di tale accordo rappresenta un’ attacco alla libertà, alla costituzione materiale del nostro paese. Con tale scelta Confindustria conferma la volontà di definire un sistema di regole incompatibili con una reale autonomia contrattuale nei luoghi di lavoro, indebolisce il Contratto Nazionale, svilisce e svuota il ruolo delle RSU, estende senza alcun limite forme di bilateralità che si andranno a sostituire alla contrattazione collettiva. Questo accordo, concordato solo con alcuni senza la CGIL, verrà applicato nei prossimi rinnovi contrattuali, si apriranno scenari a cui non siamo abituati, meccanismi che prevedono una strutturazione diversa dei rapporti sindacali. Il prossimo 30 giugno la segreteria nazionale della FIOM, i suoi gruppi dirigenti e centinaia di delegati si ritroveranno per discutere in riferimento alla scadenza del CCNL, di come concludere il ciclo negoziale tutt’ora aperto, con la presentazione della piattaforma per il rinnovo del biennio economico 2010-2011. Anche alcuni dei delegati FIOM G.D saranno presenti a quell’appuntamento molto importante, che ci porterà sicuramente a confrontarci con tutti i lavoratori al più presto. Ma apriamo ora un’ altro scenario che ci riguarda molto da vicino, dopo le posizioni prese da CISL e UIL firmando la riforma sulla contrattazione, in attesa di sapere che posizione terranno sul rinnovo del biennio economico, che scenario si aprirà in G.D? Sicuramente la prossima vertenza aziendale sarà uno spartiacque tra il passato ed il futuro tra ciò che è stato, e ciò che sarà. La nostra è una storia lunga, quasi 40 anni di contrattazione aziendale, grazie alla capacità di tanti delegati sindacali che negli anni si sono succeduti, grazie alla loro capacità di ascoltare i lavoratori, di avere il coraggio e la fantasia di osare e di non accontentarsi mai, hanno lasciato ai lavoratori G.D un grande patrimonio in fatto di: Salario, Diritti Individuali, Formazione Politica Industriale…(che potete trovare sul sito della FIOM G.D). Ciò che ha caratterizzato l’attività dei delegati sindacali G.D fino ad oggi è un modo di fare sindacato che ritiene, sì fondamentali le rivendicazioni salariali, ma che ha saputo leggere i bisogni delle persone, conquistando tanti Diritti che arricchendo quelli ottenuti dalla Contrattazione Nazionale, hanno fatto la differenza di come si vive nel luogo di lavoro. Se la riforma dei contratti venisse rigorosamente applicata, quella pratica contrattuale potrebbe esserci sottratta. Il senso di responsabilità ci porterà sempre ad ascoltare i bisogni delle persone, la fiducia che ci avete dato nel rinnovo della RSU, e gli impegni che abbiamo preso con i lavoratori nei vari accordi per noi sono vincolanti nelle nostre pratiche quotidiane di delegati FIOM. Sappiamo però che di fronte a queste riforme l’impegno e la serietà potrebbero non bastare, dovremo aspettarci piattaforme povere? E non solo economicamente! Ma può un sindacato, accettare un ruolo così passivo annullando quella identità creata in 107 anni della FIOM? Identità fondata su grandi2 battaglie …. Grandi conquiste! Sandra Sandrolini
  • 3. “Attenti al giorno in cui non avrete niente di cui lamentarvi” Legge di KranskeSettimane fa, alcuni monumenti di Bologna in memoria dei caduti della seconda guerramondiale e il monumento alle vittime della strage del 2 agosto 1980, sono stati imbrattati conscritte inneggianti il duce, Gelli e la loggia P2. Come delegati della FIOM G.D, condanniamoquesto gesto gravissimo. Vogliamo esprimere la nostra solidarietà al Presidente dell’ANPI econcordiamo con il comunicato da lui scritto in merito a questo deplorevole atto. Alcunidelegati FIOM sono tesserati ANPI, perché crediamo che associazioni come questadebbano continuare ad esistere, soprattutto in un momento storico come questo nel quale lacoscienza generale pare stia regredendo. Come la moda che ha un suo ciclo e poi riprende,anche la storia pare debba seguire la stessa sorte. Non riusciamo intelligentemente a capireche gli errori del passato devono servire unicamente come esperienza da non ripetersi. Chicommette questi atti, spesso e volentieri, sono ragazzi che non arrivano nemmeno ai 20anni e lo fanno perché votare un partito come “forza nuova” è diventato ormai uno stile, unamoda o perché si sentono forti, una forza che spesso nasce dal gruppo o “branco”. A voltenon sanno nemmeno cosa stanno scrivendo, mi chiedo, un ragazzo di 17 anni riuscirebbe aparlarmi della loggia P2 o di Licio Gelli? Il problema è che sono strumentalizzati da personeche sanno invece molto bene cosa stanno facendo, di cosa si sta parlando e trovano terrenofertile nelle nuove generazioni (spesso fra i più deboli e condizionabili), per non parlare deinostalgici che in questi ultimi tempi si stanno facendo forza, visto il momento storico europeoche stiamo vivendo, per uscire allo scoperto e riconfermare le loro ideologie xenofobe efasciste. A livello europeo si sta espandendo a macchia d’olio questa VECCHIA ideologia. InOlanda, Belgio ….. hanno vinto gruppi di estrema destra. In Italia stanno cercando dilegalizzare queste “camicie grigie”, gruppi di esaltati vigilantes. Vi invito ad informarvi suquali erano i compiti, all’inizio, delle SA in Germania o delle camicie nere qui in Italia.L’immigrato è la forza scatenante di questo dilagare di intolleranza e il fiorire di gruppi comequesti. Ma siamo sicuri che sia a lui che dobbiamo attribuire tutte le colpe? O le dobbiamoattribuire ai Governi che NON applicano le leggi che già abbiamo per chi delinque o NON necreano di nuove per evitare che persone che hanno in tasca già 3 fogli di via continuino acommettere reati nel nostro paese? Leggi che non servono solo all’extracomunitario, perchéil delinquere è un problema di ogni razza ed etnia. L’unica cosa che dovrebbe rimanere èche il delinquere è un reato e va punito. E come mai non si va ad agire sulla criminalitàorganizzata come camorra e mafia, che imperano nel nostro paese da anni e anniindisturbati? Pensiamoci veramente, pensiamo ad uno scenario governato da partiti delgenere, partiti come forza nuova e vorrei si facesse uno sforzo nel capire che oggi èl’immigrato, domani non basterà più. Domani ci saranno altri a cui dare addosso. La storia,non è solo un libro da imparare a memoria a scuola, la storia è ciò che è accaduto e chepurtroppo potrebbe risuccedere in ogni momento. Un esempio: dopo la seconda guerramondiale si disse “mai più lager”. Ma se rivediamo le immagini dei campi di concentramentoserbi durante la guerra in Bosnia, sembra di guardare immagini di repertorio di AuschwitzViviamo in un paese governato da boss mafiosi e camorristi e non abbiamo mai fatto nienteper debellare questo “cancro”. E’ allora sempre colpa di altri???? Lo sappiamo chi sono ipolitici immanicati con queste famiglie malavitose, ma li eleggiamo e arrivano addirittura afare i capi del Governo e quindi torno a chiedere, è sempre colpa di altri????? Penso, cheimbrattare anche il monumento delle vittime del 2 agosto, sia un atto oltre che spregevole, disconfitta della nostra città a tutti i livelli, per ogni appartenenza politica. Perché quella lapideè una ferita che di anno in anno viene ricordata sempre meno ma che non potremo maicancellare e NON dobbiamo cancellare. E’ una cicatrice che porteremo sempre. E imandanti non sono scesi da un gommone, ma siedono al senato indisturbati e decidonoanche oggi sulle nostre vite. I delegati FIOM G.D non dimenticano il 2 agosto e sarannocome ogni anno, in stazione quel giorno per ricordare.In ultimo, vorrei dare due suggerimenti: uno è di vedere il film “IL DIVO” se ancora non vi ècapitato e per secondo, vi consiglio la lettura di “1984” di G. Orwell, se non vi piace leggerepotete sempre vedere il film tratto dal libro. Valeria Frascari 3
  • 4. UNA FINESTRA SUL MONDO SIAMO TUTTI MIGRANTI Ho avuto loccasione di visionare il film documentario della Comencini "In Fabbrica",durante il racconto la regista si sofferma sulle condizioni di vita dei migranti che dalle campagne del sud si spostano nelle fabbriche del nord, più precisamente a Torino,dove in quel periodo (a cavallo tra gli anni 60/70), la FIAT attirava migliaia di lavoratori concedendogli il miraggio di un lavoro sicuro e di una vita migliore!! Le condizioni di vita dei migranti dellepoca non erano diverse di quelli di oggi. Stessi discorsi (le case ai torinesi-italiani), le stesse immagini (cantine e soffitte affollate, le condizioni igieniche carenti ecc.ecc.), ma sopratutto le stesse problematiche odierne!! Come e possibile che in cinquantanni lunica differenza è data dagli individui? Ieri i migranti provenienti dal sud del paese, oggi i migranti di origine straniera, di qui la maggioranza proveniente dal così detto sud del mondo. Ma come, noi che siamo un popolo di migranti non riusciamo a gestire un fenomeno vecchio come la storia del mondo, ossia quello riferito all immigrazione?? Allora bisogna andare a vedere cosa la politica ha fatto in questi ultimi anni per affrontare la questione e si scopre come limmigrazione non venga percepita come una risorsa ma bensì come un grosso problema. Difficilmente sento parlare di integrazione, il più delle volte limmigrato viene descritto da una consistente parte politica, come “portatore di problematiche” a tal punto che ad ogni tornata elettorale (politiche, amministrative ed europee), si scatena la solita propaganda contro il diverso, incutendo paura e diffidenza verso queste persone. Cosa fa il governo per gestire questa situazione, per calmarla? Nulla, anzi soffia sul fuoco, introducendo a colpi di maggioranza leggi e leggine che vanno nel senso opposto al sogno di integrazione. Esempi ce ne sono per tutti i gusti:1) la bossi fini 2) il reato di clandestinità 3) medici delatori 4) insegnanti delatori 5) aumento da 60 a 180 giorni di detenzione nei CEI(ex CPT) 6) classi separate 7) respingimenti in mare 8) impronte digitali nei campi rom 9) caccia al lavavetri 10) accordi bilaterali con la Libia (paese che non riconosce le convenzioni sui diritti umani), un bel decalogo non c’è che dire!! Altro che integrazione.........la parola giusta diventa segregazione!!!! Perchè tutto ciò? A quale scopo? Lo scopo e sempre lo stesso, "dividi et impera". Si mettono in competizione le persone più deboli tra loro, su diritti basilari, CASA, LAVORO, SANITA ed istruzione, giocando sullignoranza e sul martellamento dei mass- madia. Ma non esiste solo questo: il migrante va bene se è sottopagato, quando raccoglie i prodotti della terra nel sud, quando lavora nelle concerie del nord, quando accudisce i nostri anziani, appena però alza la testa e reclama uno straccio di diritto, viene rispedito al mittente.....zitto lavora e non fare domande!! Certo se il migrante sul territorio ha comportamenti che vanno contro la legge, è normale che ne paghi le conseguenze a livello personale però, non che di tutta lerba se ne faccia un FASCIO!! Invece purtroppo cosi non è........ e anche se lISTAT pubblica documenti dove il lavoro dei migranti contribuisce con il 10% al PIL nazionale (lavoratori che pagano tasse e contributi allo stato), in un paese in cui le nascite stagnano, i migranti danno nuova linfa allo sviluppo dello stesso. In un mondo globalizzato, limmigrazione ha un ruolo molto importante, essa deve essere gestita per il bene dellindividuo ma anche della collettività. Bisognerebbe ridisegnare il percorso tracciato fino a qui dai nostri governanti, facendo leva sul buon senso e soprattutto su una buona dose di umanità e di rispetto reciproco, che di queste "regole" non ha bisogno, anzi il “metticciato” e la forma di cultura più universale esistente. Altro che flussi, quote o visti, siamo tutti su questa barca e consapevoli del fatto che prima o poi le barriere alzate in maniera artificiosa dalluomo cadranno travolte dalla pressione di migliaia di persone che legittimamente andranno in cerca di un futuro più degno. Di questo bisogna esserne consapevoli, perché che4 ci piaccia o no siamo tutti figli della stessa TERRA!!!!! Andrea Felisatti
  • 5. L’INFORMATIVA INDUSTRIALE IN G.D: ALCUNE RIFLESSIONIIl senso di questo scritto, è quello di focalizzare meglio alcuni aspetti, a mio avvisoestremamente rilevanti, che sono emersi durante l’Informativa Industriale tenuta dallaDelegazione Aziendale alla R.S.U e alle Organizzazioni Sindacali Territoriali il 5/6/2009. Inquella occasione, oltre ad avere un quadro complessivo sulla situazione corrente e diprospettiva di G.D, c’era la forte necessità, almeno per la FIOM–CGIL, di provare adintrodurre degli elementi di novità rispetto ad un evento che negli ultimi anni staprogressivamente diventando, nella migliore delle ipotesi una sorta di conferenza stampaa beneficio del Sindacato e nella peggiore uno spot pubblicitario aziendale, dove alla finesi finge sia di ascoltare che di intavolare una qualsiasi forma di contraddittorio. Inambedue i casi, i risultati sono davvero poco significativi. Rompere uno schema quindi, oalmeno tentare di farlo nella consapevolezza che in quel momento non si è ad un tavolo ditrattativa, non si va li per fare accordi, però è senz’altro un’occasione importante in cui sideve segnalare la necessità di avviare successivamente dei confronti, se questi sidovessero rendere necessari. Questo è lo spirito con cui la FIOM ha ritenuto opportunoapprocciare l’Informativa Industriale e di seguito cercherò di sintetizzare quello che èavvenuto. Abbiamo ascoltato con attenzione i dati forniti dall’Amministratore Delegatosullo stato di salute di G.D, compresa la sua dichiarazione che una possibile situazione dicrisi in G.D, non è attualmente all’ordine del giorno, ma qui voglio fare un inciso:tutt’attorno a noi c’è un vero e proprio disastro industriale, che sta toccandopesantemente anche i fornitori della filiera di G.D. Parlo di Aziende che stannorichiedendo in maniera massiccia l’utilizzo della Cassa Integrazione, parlo di Aziende chehanno già dichiarato (o stanno per farlo) il fallimento. Da questo punto di vista la FIOM nonha condiviso in alcun modo la posizione dell’Amministratore Delegato, nella quale siafferma che nel mercato deve vigere una sorta di legge Darwiniana, cioè sopravvive il piùforte. Credo che ogni commento a questa posizione sia assolutamente superfluo,soprattutto se pensiamo che stiamo comunque parlando di Lavoratori come noi, chehanno famiglie come molti di noi e a cui va invece data una risposta che miri a nondisperdere le loro professionalità, che sono comunque un tassello importante del tessutoproduttivo Bolognese presente e futuro. Da questo punto di vista la FIOM ha sollecitato inpiù di un’occasione G.D affinchè si aprisse un confronto che portasse a condividere dellesoluzioni, ma non ci pare di aver recepito particolari sensibilità su questo problema.
  • 6. Riguardo invece alla realtà G.D, abbiamo iniziato la discussione con una premessa e cioè che le problematiche che avremmo posto, ed alcune azioni che ritenevamo necessarie e da attuare in tempi rapidi, miravano da una partea dare un contributo come Sindacato rispetto ad una serie di situazioni in cui l’Azienda cisembra francamente in difficoltà, e dall’altro tentare di predisporre gli anticorpi necessarinel malaugurato caso che questa crisi toccasse anche G.D.I principali problemi che abbiamo evidenziato sono i seguenti:G.D-3/G.D-6: rileviamo come da svariati anni l’Amministratore Delegato non manchi dievidenziare, in ogni occasione pubblica, il fatto che la Serie 1000 è la principale prioritàper G.D. Noi riconosciamo che questo è un progetto dalla valenza strategica per glisviluppi complessivi futuri di G.D, di più, riteniamo fondamentale l’esperienza che iLavoratori di quelle realtà hanno fatto in questi anni e continuano a fare, collaborando adun progetto innovativo e crediamo che tale esperienza vada condivisa col resto di G.D.Notiamo però che il forte accentramento di un progetto così articolato e complessosull’area Ricerca e Sviluppo di G.D-3, ulteriormente accentuatosi in quest’ultimo periodo,produca una assoluta mancanza di chiarezza sul confine che deve separare l’esperienzaciò che è Ricerca e Sviluppo dall’aspetto produttivo (riconducibile a G.D-6, per intenderci)del progetto, e come ciò generi ulteriori ed inevitabili rallentamenti sulla conclusione di delprogetto stesso, ormai aperto da circa dodici anni. La proposta concreta che abbiamoformulato riguarda l’apertura di un confronto sul progetto della Serie 1000, che porti ad unaccordo tra Azienda e Sindacato su almeno quattro punti fondamentali:1. Quali le possibili deleghe progettuali su parti di esso a cominciare dalla H1000 che di fatto, ci risulta, potrebbe tranquillamente essere affidata ad un gruppo autonomo da G.D-32. Ripotenziamento della struttura di GD-6 (al di la di un suo possibile ricollocamento fisico), quale luogo per operare sulle deleghe concordate ed in reale autonomia.3. Quali e quante risorse per garantire l’efficace funzionamento di GD-3 e GD-64. Ristabilire confini e competenze precise di tutto ciò che è Ricerca e Sviluppo, rispetto a quello che attiene l’aspetto produttivo del progetto stesso.Iniziare una discussione del genere permetterebbe al Sindacato e all’Azienda di definirel’inizio di un percorso che porti a fare chiarezza anche su problematiche legate ad altresituazioni G.D. Citando alcuni esempi:G.D-1: al di là delle dichiarazioni “di forma”, quanto l’Amministratore Delegato crederealmente nel progetto della macchina flessibile e sul conseguente sviluppo produttivodella stessa?!
  • 7. Che fine hanno fatto gli impegni assunti contrattualmente con la RSU durante l’ultima Vertenza Aziendale, rispetto agli investimenti su una macchina per la media velocità concettualmente innovativa?.Su questo aspetto è opportuno ricordare un inciso di carattere generale che è statoproposto all’Amministratore Delegato: il punto di valore per la FIOM sono i progetti inquanto tali, non chi li concepisce o dove li si concepisce, dal momento che per noi G.Dcontinua ad essere un’unica Azienda. Altra cosa è invece stabilire con estrema chiarezzache la gestione della produzione, piena ed autonoma, degli stessi deve essere affidataunicamente alle strutture produttive. Insomma, è il quadro di sviluppo occupazionale eproduttivo di G.D quello che ci interessa, e che crediamo dovrebbe interessarel’Amministratore Delegato se davvero il suo obiettivo è valorizzare questa Azienda. Inquest’ottica lo abbiamo invitato a non sottovalutare le diatribe interne o i veti incrociati che,dalla creazione delle B.U., caratterizzano in maniera sempre più preoccupante ilmanagement G.D.G.D-5: Come si giustifica il fatto che questa struttura è monitorata rigidamente sulla vocecosti anche rispetto a progetti strategici quali sono, come dice l’Amministratore Delegatostesso, quelli legati alla macchina per i filtri o alla maker a 20.000 sig/min, mentrecontemporaneamente la Ricerca e Sviluppo di G.D-3 ha avuto negli anni carta bianca suicosti di un progetto altrettanto strategico? Quindi perché in G.D-5 non si sta investendocon decisione in termini di incremento delle risorse progettuali e produttive interne? Indefinitiva, perché due pesi e due misure? Ed ancora: com’è possibile che in un sitoproduttivo così importante, non si sia ancora definita la figura di un Direttore Tecnico, chedal nostro punto di vista significa non voler pianificare uno sviluppo futuro per quellarealtà?OFFICINE, MONTAGGI, MAGAZZINI: un elemento che accomuna professionalità cosìdiverse tra loro, è il fatto che negli anni continuano a verificarsi processi diesternalizzazione di lavorazioni, e attività. Questo sta cominciando a produrre fenomeni dide-professionalizzazione dei Lavoratori G.D, segnalati in particolar modo e con sempremaggiore frequenza da quelli che operano nelle varie aree dei Montaggi, con un tassocrescente di malumore tra gli stessi. Forti preoccupazioni sul proprio futuro lavorativovengono invece segnalati tra i Lavoratori delle Officine e dei Magazzini. Non è forseopportuno aprire una discussione che affronti questi temi? Noi riteniamo di si.Da questa analisi è quindi scaturita una richiesta molto precisa che abbiamo fattoall’Amministratore Delegato: è necessario riaprire un tavolo di confronto sul temadella Politica Industriale in G.D.!
  • 8. La risposta complessiva dell’Amministratore Delegato è stata uno sconcertante “No, Grazie!”, nel senso che di questi temi se ne occupa lui e basta, che la Politica Industriale e affar suo e non oggetto di condivisione col Sindacato.A questo punto siamo sicuramente arrivati ad un bivio: o tutti noi pensiamo che sullaPolitica Industriale non possiamo/dobbiamo avere nessuna voce in capitolo, oppureriteniamo che, se da un lato è certamente vero che non sono i Lavoratori e la RSU che lirappresenta che devono assumersi il cosiddetto “rischio di impresa” e le conseguentiscelte strategiche che esso comporta, dall’altro abbiamo però il titolo per discutere suimetodi con cui vengono messe in atto queste scelte compreso il fatto di poter concordare,quando necessario, gli opportuni correttivi alle scelte stesse, altro non fosse perché ne vail nostro futuro lavorativo. Io credo che dobbiamo assolutamente scegliere questa secondastrada. Dobbiamo riaprire una stagione di documenti concepiti da RSU e Lavoratori cheanalizzino area dopo area, le problematiche locali al fine di costruire un quadrocomplessivo e rivendicativo sia legato alle inevitabili particolarità delle varie B.U. che allaG.D nel suo complesso. Tematiche concrete, che a partire da quelle proposteall’Informativa Industriale e che ho cercato di evidenziare in questo scritto, ci permettanodi ottenere i tavoli di confronto, perché sostenute con convinzione dai Lavoratori stessi.Per quello che mi riguarda dico: i Delegati a cui riferirvi li conoscete, la discussione tra noiè aperta.Fabrizio Torri!
  • 9. Officine G.D: una risorsaCon le mie 23 primavere di militanza dentro G.D, ho potuto constatare che negli annipassati, le officine G.D, erano un cardine importante di questa azienda. Si aprì un grossostabilimento ad Anzola oltre la storica officina di via Battindarno. Ma con l’avvento dellanuova gestione, si caratterizzò fin da subito, l’ idea ben precisa che i costi erano troppoalti, tanto che appena ci fu una flessione di mercato, ci fu una sfoltita di personale proprionelle officine. Anche a livello sindacale le officine sono state da sempre il motore trainantedi tutte le iniziative più importanti: a livello aziendale per contratti interni e altreproblematiche e a livello nazionale per difendere i nostri diritti e come solidarietà ad altrecategorie bisognose di sostegno e solidarietà. Purtroppo negli anni questo”amore”per ilsindacato si è un pò interrotto, certamente anche grazie alle problematiche che di anno inanno ci venivano poste dall’azienda. Quella che ha maggiormente ha contribuito adincrinare i rapporti fra lavoratori e RSU, è stata la richiesta da parte dell’Azienda, di uncambio di turnazione e dei sabati programmati, per favorire l’uso delle macchine utensiliper più ore possibili, con l’intento di abbassasse il costo dell’officina e renderci competitivicon l’ esterno. Sono serviti 15 mesi di sofferta contrattazione, con l’ansia sempre presente,di vedere con gli anni l’officina spostata in un paese con bassi costi lavorativi, diminuendosempre più gli investimenti fino a portarla in pochi anni ad essere obsoleta. Questo tipo diturnazione fa si che i lavoratori siano sottoposti ad orari che creano dei problemi famigliarie a volte lavorativi inquanto non permettono lo scambio di consegne con il collega delturno opposto. Noi delegati della RSU G.D, abbiamo creduto di firmare un accordo, che sìpurtroppo può creare problemi, ma di fatto, salva le officine, perché l’azienda ha investitosia su G.D1 che su G.D2 comprando macchine utensili di nuova generazione, tutelandoleda un pericolo comunque presente, di uno spostamento della produzione (vedi officineavviate in Malesia che restando una preoccupazione sia della RSU che dei lavoratoriperchè avviate da ex capi e ex dipendenti in pensione contattati dall’ azienda perinsegnare l’ABC della meccanica al personale presente la). In questo periodo di crisiinternazionale, che ha messo e continua a mettere in ginocchio diverse aziende, mi sentodi dire che l’accordo sulle officine, pur avendo commesso qualche errore, sta aiutando noilavoratori (sperando senza problemi per il futuro), a superare questa fase molto brutta dicontrazione dei mercati. Vorrei dire un’ultima cosa: non dimenticate mai che se ilsindacato viene chiamato dall’ azienda, è quasi sempre per proporci situazioni a discapitodei lavoratori. E’ importante quindi che continuiate a supportarci, così che l’azienda nonvada ad incrinare quel buon rapporto di collaborazione e fiducia che i lavoratori hanno conla RSU con l’intento comune di migliorare sempre. Davide Zini 9
  • 10. FIOM G.D

×