Your SlideShare is downloading. ×
Altro   esito questionario gd 2007
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Altro esito questionario gd 2007

247
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
247
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Inchiesta
della
FIOM
sulle
condizioni
di
lavoro
e
di
vita
delle
lavoratrici
e
dei
lavoratori
metalmeccanici
 

 www.fiom.cgil.it/inchiesta
 La voce di 100mila lavoratrici e lavoratori Sintesi dei questionari raccolti alla GD di BolognaLa Fiom ha condotto lo scorso anno una inchiesta di massa sulle condizioni di lavoro e di vita dellelavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici.È stata la più grande inchiesta mai realizzata in una categoria, con circa 100mila risposte a unquestionario di 118 domande, distribuito dalle delegate e dai delegati in oltre 4.000 imprese, in tutti icomparti del settore metalmeccanico e su tutto il territorio nazionale.I risultati dell’inchiesta si basano su questionari raccolti nei posti di lavoro nel corso del 2007 efotografano una condizione già allora drammatica: i salari sono bassi, il lavoro è in larga misuramonotono, ripetitivo e parcellizzato, le condizioni ambientali e fisiche di lavoro segnalano che gliimpianti sono spesso obsoleti, i rischi per la salute molto alti e le prospettive per il futuro - anche primadella crisi - molto incerte.1. Chi ha risposto alla GD GDHanno risposto 290 lavoratrici e lavoratori (oltre 6.000 in tutto il territorio di Bologna), dicui un terzo non è iscritto ad alcun sindacato.Gli intervistati sono tutti italiani e quasi tutti hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato. La maggior parte C la ssi d i e tà C la ssi d i e tà delle donne è GD Italia impiegata meno di 35 anni 35,0 36,7 da 36 a 45 42,8 34,9 oltre 45 22,3 28,4 Totale 100,0 100,0 M a n s io n i M a n s io n i operaio/a 31,7 → Gli operai sono quasi tutti specializzati impiegato/a 29,5 → Il 40% fino al 5° livello, il 60% dal 6° in poi tecnico 32,0 coordinatore 6,8 e/o preposto totale 100,0 T it o l o d i s t u d io T it o l o d i s t u d io D a q u an to tem p o D a q u an to tem p o GD Italia la v o r i a lla G D ? la v o r i a lla G D ? media 20,2 39,1 meno di 2 anni 3,5 qualifica profess. 13,9 19,5 da 2 a 6 anni 22,0 diploma di scuola 61,3 35,4 da più di 6 anni 74,5 media superiore laurea 4,5 6,0 totale 100,0 Totale 100,0 100,0
  • 2. Inchiesta
della
FIOM
sulle
condizioni
di
lavoro
e
di
vita
delle
lavoratrici
e
dei
lavoratori
metalmeccanici
 

 www.fiom.cgil.it/inchiesta
2. Ill sallariio e ll’’orariio dii llavoro I sa ar o e orar o d avoro I l r e d d it o in d iv id u a l e I l r e d d it o in d iv id u a l e GD Italia operai impiegati/e tecnici operai impiegati/e tecnici fino a 1.200 13,8 2,6 11,8 63,9 33,7 23,9 da 1.200 a 1.300 32,5 16,9 15,3 17,7 16,1 14,6 da 1.300 a 1.500 28,8 32,5 22,4 12,5 21,8 23,4 da 1.500 a 1.700 23,8 18,2 24,7 3,4 13,1 16,4 oltre 1.700 1,3 29,9 25,9 2,5 15,4 21,6 Totale 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0Due terzi degli intervistati (66%) dice di integrare il I s a l a r i d i d o n n e e u o m in i I s a l a r i d i d o n n e e u o m in ireddito mensile con straordinari o turni. Questa uomini donnecondizione interessa in particolare gli operai (75%) e gli fino a 1.200 9,1 21,7uomini più che le donne (68,5% gli uomini - 48% ledonne). da 1.200 a 1.300 19,8 26,1Tutti ricevono il premio di risultato. Il 30% riceve un da 1.300 a 1.500 25,9 21,7premio non contrattato-bonus individuale (questi da 1.500 a 1.700 23,0 8,7sono in particolare - ma non soltanto - tecnici e impiegati oltre 1.700 22,2 21,7e quasi in ugual misura uomini e donne). totale 100,0 100,0 I l r e d d it o f a m il ia r e I l r e d d it o f a m il ia r e Il 22,5% degli intervistati vive in famiglie mono- operai/e impiegati/e tecnici reddito.fino a 1.900 29,2 16,7 25,7da 1.900 a 2.300 23,1 10,6 12,2 Spese per l’abitazione:da 2.300 a 2.600 - il 12,5% paga l’affitto; 23,1 19,7 5,4 - il 47% paga il mutuo;oltre 2.600 24,6 53,0 56,8 - il 41% ha una casa di proprietà.totale 100,0 100,0 100,0 Al 28% degli intervistati capita più o meno spesso L’’orario settimanale L o r a r io s e t t im a n a l e di fare giornate molto lunghe di lavoro (anche operai/e impiegati/e tecnici oltre le 10 ore).meno di 36 ore 48,2 10,0 1,1 Poco più della metà (51%) lavorano il sabato40 ore 40,0 62,5 54,5 (perlopiù uno o due settimane al mese). Questa44 ore 8,2 16,3 35,2 condizione riguarda sia gli operai che gli impiegatioltre 44 ore e i tecnici, ma quasi esclusivamente gli uomini: 3,5 11,3 9,1totale 100,0 100,0 100,0 lavora di sabato il 55% degli uomini e soltanto l’8% delle donne.La maggior parte degli intervistati (58%) vorrebbe lavorare meno ore (la percentuale la v o r a r e m e n o o r eaumenta tra le donne al 70%). Quasi nessuno è disponibile a lavorare di più. Nella media italiana, glioperai che dicono di voler lavorare meno ore sono il 46,2%.iù
  • 3. Inchiesta
della
FIOM
sulle
condizioni
di
lavoro
e
di
vita
delle
lavoratrici
e
dei
lavoratori
metalmeccanici
 

 www.fiom.cgil.it/inchiesta
4. L’’organiizzaziione dii llavoro L organ zzaz on e d avoro I c o n te n u ti d e l la v o r o I c o n te n u ti d e l la v o r o GD Italia operai impiegati/e operai impiegati/eIl lavoro è ripetitivo : r ip e t it iv o 62% 42% 74,3% 44,3%Il lavoro è monotono : m o n o to n o 37% 38% 60% 44,3%Il lavoro comporta compiti complessi : c o m p it i c o m p le s s i 64% 70,8% 41% 66,6%Il lavoro comporta l’apprendimento di nuove nozioni : n u o v e n o z io n i 60,7% 78% 55,6% 79,2%Rispetto ai margini di controllo sulla prestazione di lavoro: m a r g in i d i c o n t r o l l o s u l l a p r e s t a z io n e - il 50% degli operai non può cambiare l’ordine e la priorità dei compiti da svolgere (52,3% la media degli operai italiani); - il 75% non può influire in modo determinante sul suo orario di lavoro (84,1% la media degli operai italiani).La maggior parte degli intervistati, però, dice di essere libero di cambiare la velocità e il metodo dilavoro, di poter fare una pausa quando ne ha bisogno, di poter decidere quando prendere giorni di ferieo di permesso.5. Le condiiziionii dii llavoro,, lla sallutte,, lla siicurezza L e con d z on d avoro a sa u e a s cu rez z aRispetto alla media delle altre fabbriche metalmeccaniche, le condizioni ambientali e fisiche di lavorosono mediamente meno negative. In ogni modo, circa il 25% degli operai dice di essere esposto avibrazioni o rumori; il 32% a vapori (in entrambi i casi sono comunque circa 10-15% punti percentualiin meno sulla media).Sulla formazione e informazione ricevuta in tema di sicurezza, prevalgono giudizi positivi su tutti gliaspetti presi in considerazione → tra l’80% e il 90% di risposte positive:- informazione ricevuta sui rischi derivanti da utilizzo di materiali o strumenti di lavoro;- formazione ricevuta sulla sicurezza;- informazioni ricevute sulle protezioni di sicurezza.L’’85% ritiene che nel proprio posto di lavoro siano rispettate leL 8 5 % r it ie n e c h e n e l p r o p r io p o s t o d i l a v o r o s ia n o r is p e t t a t e l enorme necessarie per lavorare in sicurezza (60,7% la media tra tutti in o r m e n e c e s s a r ie p e r l a v o r a r e in s ic u r e z z ametalmeccanici italiani). Non più del 10-12% degli operai intervistati pensa che nel proprio lavoro siaalto il rischio di farsi male, fare male ad altri o contrarre malattie.La stragrande maggioranza degli intervistati (91%) dice che l’azienda ha fatto negli ultimi 3 anniinterventi finalizzati al rispetto delle norme di sicurezza e al loro miglioramento (77%).Quasi tutti conoscono l’Rls e la maggioranza (70%) dice di aver avuto contatti negli ultimi anni.Anche rispetto ai disturbi denunciati, le percentuali di risposta - sia tra gli operai che tra gli impiegati -sono più basse che nelle altre fabbriche: sono meno del 10-13% gli operai intervistati che denuncianodisturbi muscolo-scheletrici o segni di stanchezza e affaticamento (soltanto il mal di schiena vienesegnalato dal 22% degli operai – comunque con percentuali che sono quasi la metà rispetto alle altrefabbriche).In ogni modo, il 43% degli operai crede che non potrà fare lo stesso lavoro di oggi quando avrà 60 anni.(circa 60% la media degli operai italiani).
  • 4. Inchiesta
della
FIOM
sulle
condizioni
di
lavoro
e
di
vita
delle
lavoratrici
e
dei
lavoratori
metalmeccanici
 

 www.fiom.cgil.it/inchiesta
6. La perceziione delllla propriia condiiziione e lle La percez one de a propr a cond z one e ep r o s p e t t iv e p e r il f u t u r op r o s p e t t iv e p e r il f u t u r o Neii prossiimii 2 annii,, per ll’’aziienda,, N e p ross m 2 an n p er az en d a vedii una siituaziione: ved u n a s tu az o n e: GD Italiadi miglioramento 8,2 18,6di peggioramento 35,0 29,9stabile 56,8 51,5Totale 100,0 100,0 Neii prossiimii 2 annii,, temii iill riischiio N e p ro ss m 2 an n tem r sch o dii perdere iill posto dii llavoro? d p erd ere p o sto d avo ro ? GD Italiasì 20,0 34,1no 80,0 65,9Totale 100,0 100,0