ACCORDO AZIENDALE 1980                                                                                                  10...
Fermo restando quanto sopra, per la sistemazione di reparti o macchine, le parti fanno riferimentoalle documentazioni pres...
PARTE 2 :RETRIBUZIONELe parti convengono i seguenti aumenti salariali:1) - a decorrere dal l/7/l980 un aumento del premio ...
a) L’Azienda corrisponderà inoltre, con lacconto del mese di Novembre 1980 limporto lordo diLire 60.000.= a titolo una - t...
Verifica periodiche durante il processo di sperimentazione.;Con scadenza quadrimestrale a partire dallinizio della seconda...
MONTAGGIO MACCHINESi concorda che anche allo scopo di consentire adeguate rotazioni di lavoro, lAzienda limiterànormalment...
SALA ESPERIMENTISi concorda che verranno presentati ai delegati del montaggio programmi di massima che siintendono svolger...
(Allegato 2) INQUADRAMENTO UNICODECLARATORIECon riferimento al preambolo al reticolo aziendale allegato allaccordo del 19 ...
Ovvero:Lavoratori che oltre le conoscenze e la pratica necessaria a montare diversi tipi di macchine, hannoconoscenze spec...
(Allegato 3) PERCORSI PROFESSIONALICon le finalità, scadenze e modalità previste alla parte terza organizzazione del lavor...
E) Per favorire la possibilità di rotazione sui percorsi si potranno istituire, ove del caso,temporaneamente turni di lavo...
(Allegato 4) AMBIENTE DI LAVORORETTIFICASi fa riferimento alle informazioni industriali per Anzola. Leliminazione delle ma...
COLLAUDO ELETTRICOIl problema della collocazione verrà esaminato nel contesto della complessiva sistemazione deireparti de...
106
CLASSIFICAZIONE DEI LAVORATORI E PROFILI PROFESSIONALI AZIENDALIIl documento allegato riporta i criteri concordati tra la ...
1. PRODUZIONE      2 3 4 5 5S 6 7COSTRUTTORE     SU X X X X X X      fino al 5° liv. vedi declaratorie e profili del C.C.N...
2   3   4   5   5S 6   7A.6 TRAPANO           X X X                  Al 5° livello: con tutti i requisiti del 4° opera in ...
2   3 4 5 5S 6   7A.11 DENTATRICE        X X X            Si riconosce lo sviluppo professionale al 5° livello per i lavor...
2 3 4 5 5S 6   7D) IMBALLATORE      X X X X            Parcheggio al 2° liv. in attesa di acquisire la necessaria esperien...
2   3   4   5   5S 6   7                           CAPI REPARTO                           Si ritiene che la funzione dei c...
2   3 4 5 5S 6 72. MONTAGGI             X X X X X      Fino al 5° livello vedi declaratorie e profili C.C.N.L.A)      MONT...
2   3   4   5 5S 6 7B) TECNICO ESTERNO               X X X      Al 5° livello vedi declaratorie e profilo "installatore im...
2   3   4   5   5S 6   7                                               il montatore di 6° livello     dovrà svolgere sia i...
2   3 4 5 5S 6   7D)        COLLAUDO       X X X            3°       Lavoratori che, sulla base di indicazioni e con lausi...
2   3 4 5 5S 6   73. COLLAUDATORE         X X X            il 5° livello si giustifica in funzione della completezza della...
2 3 4   5 5S 6 76. MANUTENZIONE    X X X   X X XA)   MANUTENZIONE    X X   X          Fino al 5° livello vedi C.C.N.L.; pe...
2   3 4 5   5S 6   7E) CENTRALINO        X X                4° livello: si richiede sufficiente conoscenza dei termini di ...
2   3   4   5   5S 6   7                           7° livello: specialista di sistema - oltre ad avere i requisiti del pro...
2   3   4   5   5S 6   7                           SETTORE COLLEGAMENTO UTENTI                           3° livello: lavor...
2   3   4   5   5S 6   710. STUDIO ECOORDINAMENTOLAVORAZIONIA) ANALISTA, TEMPI,                  X X    XMETODI,      PROC...
2   3   4   5 5S 6 712. VENDITORE                    X X X X Analogie con approvvigionatore: vedi declaratorie.           ...
2   3   4   5   5S 6   7                           4° livello: lavoratori che, con le conoscenze tecniche richieste dal C....
2   3   4   5   5S 6   714. LAVORI NON                                      14.A) Compiti vari dufficioSPECIALIZZATI      ...
NORMA TRANSITORIA              Passaggi in 5°SNel momento di rendere applicativi i nuovi criteri di mobilità ed i nuovi pr...
- ALLEGATO -NOTA A VERBALE PER LAZIENDA SULLA NORMA TRANSITORIALa norma transitoria richiesta dal C. di F. è accettabile s...
UFFICIO TECNICO OFFICINALa nuova figura professionale che si vuole ipotizzare deve, con le caratteristiche professionali p...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Accordi gd 05 1980 - 1982 pag 93 - 128

260

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
260
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Accordi gd 05 1980 - 1982 pag 93 - 128

  1. 1. ACCORDO AZIENDALE 1980 10 luglio 1980TRA LA DIREZIONE DELLA G.D. S.p.A. e IL CONSIGLIO DI FABBRICA e LA F.L.M.PROVINCIALE DI BOLOGNA si concorda quanto segue :PARTE 1 INFORMAZIONI INDUSTRIALI PROSPETTIVE PRODUTTIVE E DI SVILUPPOINFORMAZIONI INDUSTRIALILazienda ha fornito alle rappresentanze sindacali le informazioni industriali richieste in materia di- prospettive di ricerche di mercato e commerciali- prospettive di ricerca tecnica- prospettive produttive e ruolo delle diverse unità organizzative (sede Anzola, consociata Comesca,unità di sviluppo)- prospettive occupazionali- decentramento produttivo- investimenti.Le organizzazioni sindacali danno atto allazienda di avere acquisito, con tale informativa, unquadro completo delle prospettive di sviluppo e delle scelte generali di politica industriale della G.DPROSPETTIVE PRODUTTIVE E DI SVILUPPOLe parti fanno riferimento ai documenti presentati dalla Direzione e alle precisazioni verbali e aiconfronti intervenuti nel quadro degli incontri per le informazioni di cui al punto precedente, sia perciò che si riferisce agli indirizzi che alle finalità della ricerca1)Per quanto riguarda il ruolo delle singole unità organizzative, l’azienda conferma che loStabilimento di Via Pomponia conserverà anche per il futuro caratteristiche produttive conformi alleattuali o in grado di assicurare, anche tramite la presenza dellintero ciclo lavorativo, ilmantenimento e lo sviluppo professionale come previsto nella parte terza.2)Lo Stabilimento di Anzola consentirà di conseguire una maggiore capacità produttiva dellaziendae la risoluzione dei problemi di ambiente di lavoro di alcuni reparti o lavorazioni sia nella stessaunità che in Via Pomponia, anche con riferimento alla 5 parte del presente accordo.Il realizzo dello Stabilimento di Anzola consentirà altresì di risolvere problemi diimmagazzinamento e di realizzare il rientro delle operazioni di montaggio eseguite al di fuori dellaG.D e sue consociate entro il 1/1/1985. 93
  2. 2. Fermo restando quanto sopra, per la sistemazione di reparti o macchine, le parti fanno riferimentoalle documentazioni presentate e illustrate (allegato n. I) con la riserva di verificarne (secondo icriteri del confronto in uso) l’operatività ambientale, professionale e produttiva nel momento in cuii singoli reparti saranno pienamente funzionanti.3)La G.D continuerà a sviluppare rapporti preferenziali con la consociata Comesca nellintento dipotenziarne ulteriormente le strutture organizzative e produttive.Le parti concordano che per la realizzazione di tale obiettivo assume particolare importanza losviluppo dellautonomia tecnica e professionale relativa alla gestione dei programmi produttiviassegnati. Si prevede fra laltro nel 1980 la costruzione di officina e montaggio di circa 25 CK,come da documenti presentati.Qualora la realizzazione di nuovi impegni industriali portasse la G.D a ritenere di modificare lecaratteristiche dei rapporti di cui sopra, ne darà comunicazione alle rappresentanze sindacaliprovinciali ed .aziendali.4)Premesso che le organizzazioni sindacali considerano elemento importante e positivolacquisizione della CIMA S.p.A. da parte della G.D, premesso che tale operazione viene valutatadalle stesse organizzazioni sindacali di onere rilevante sotto laspetto finanziario e gestionale, laG.D si rende disponibile allacquisizione di tale ditta, attualmente in procedura di amministrazionecontrollata, semprechè le condizioni di acquisto non ancora definite e chiarite risultino accettabili,rilevandone lo stabilimento industriale.In relazione a quanto sopra e tenuto conto delle finalità espresse dalle organizzazioni sindacali conla presentazione della piattaforma aziendale (punto 4 della piattaforma), lazienda valuterà, incoerente relazione con i propri obiettivi industriali e produttivi, la possibilità di un iniziativaindustriale nel Sud da concretizzarsi mediante lacquisizione, anche parziale, di una realtàproduttiva già esistente oppure con la creazione di una nuova unità produttiva.A tale scopo lazienda darà inizio alle informazioni sulliniziativa a decorrere dall1.1.1985,attraverso i normali sistemi di informazione industriale in uso, predisponendo di conseguenza unpiano operativo, entro i termini tecnici richiesti, in modo da dar corso allinizio della realizzazioneentro il 1987.N.B.: Le parti concordano che la validità dellaccordo di cui sopra è subordinata allacquisizionedella CIMA S.p.A., nei tempi tecnici necessari, da parte della G.D. 94
  3. 3. PARTE 2 :RETRIBUZIONELe parti convengono i seguenti aumenti salariali:1) - a decorrere dal l/7/l980 un aumento del premio di produzione pari a Lire 23.OOO.= lordemensili per i lavoratori in forza alla stessa data.2) - a decorrere dalll/7/1980 un aumento dei superminimi collettivi per i seguenti importi lordi:2° livello 12.0003° livello 12.0004° livello 12.0005° livello 14.0005° livello super 25.0006° livello 23.0007° livello 12.0003) - a decorrere dalll/l/1981 un aumento dei superminimi collettivi per i seguenti importi lordi:2° livello 13.0003° livello 13.0004° livello 13.0005° livello 17.0005° livello super 28.0006° livello 20.0007° livello 11.000Pertanto limporto complessivo degli aumenti mensili lordi a regime dal 1/1/1981 risulterà ilseguente:2° livello 25.0003° livello 25.0004° livello 25.0005° livello 31.0005° livello super 53.0006° livello 43.0007° livello 23.000I nuovi superminimi collettivi dalll/l/1981 si intendono determinati come segue:2° livello 73.0003° livello 82.0004° livello 93.0005° livello 112.0005° livello super 123.0006° livello 146.5007° livello 175.000ferma restando per la 7- categoria la clausola dellaccordo aziendale del 1974. 95
  4. 4. a) L’Azienda corrisponderà inoltre, con lacconto del mese di Novembre 1980 limporto lordo diLire 60.000.= a titolo una - tantum a tutti i lavoratori in forza al luglio 1980.Per gli assunti e cessati nel periodo luglio - dicembre 1980 verranno corrisposti importi frazionati inrapporto al numero dei mesi di servizio intero prestati.b) - Con lacconto del mese di marzo 1981 sarà e rogato limporto lordo di Lire 60.000.= a titolo diulteriore una - tantum a tutti i lavoratori in forza al 1 luglio 1980.Per gli assunti e cessati nel periodo Luglio - Dicembre 1980 verranno corrisposti importi frazionatiin rapporto ai mesi di servizio intero prestati.c) - Nessun importo di una - tantum verrà attribuito al personale assunto a partire dalll/1/1981.PARTE 3 :ORGANIZZAZIONE DEL LAVOROa)Le parti convengono di rivedere il reticolo professionale aziendale allegato al contratto del 1974.Il reticolo aziendale aggiornato in sede tecnica sarà aggiunto al presente accordo (allegato 2).b) - In relazione a quanto previsto dellarte 4 lettera c) Mobilità professionale - Disciplina Generale- Sezione terza del C.C.N.L. e in particolare alle finalità di sviluppo e valorizzazione delle capacitàprofessionali dei lavoratori nellambito di quanto richiesto dalle attività aziendali e nel comuneinteresse di un equilibrato evolversi delle tecnologie, delle organizzazioni, della produttività e dellecapacità professionali stesse", verrà dato inizio a partire dal 1 gennaio 1981 ad una provasperimentale che, anche mediante una nuova forma di organizzazione del lavoro è diretta arealizzare lo sviluppo e la valorizzazione delle capacità professionali di cui sopra mantenendo e, sepossibile, migliorando le capacità produttive - operative dellAzienda.Lesperienza si svilupperà come segue:1a. fase- Esperienza programmata di qualificazioneDal 1° gennaio 1981 i lavoratori interessati dei reparti macchine utensili e attrezzeria, daindividuare secondo criteri concordati che tengano comunque conto della volontarietà,svilupperanno la loro professionalità, alternandosi su diverse macchine o posizioni di lavoro,secondo percorsi professionali individuati come da allegato n. 3, al fine di conseguire una capacitàdi lavoro polivalente su più macchine o posizioni di lavoro.Analogamente per collaudo ed aggiustaggio verranno definiti percorsi professionali.2a. fase - Studio della costituzione dei gruppi di lavoroA sei mesi lavorativi dallinizio della prima fase verrà fatta unapposita verifica tesa ad accertare se ilavoratori interessati hanno positivamente iniziato ad acquisire, sia pure ancora in modo parziale,primi elementi di polivalenza; a fronte di una comune valutazione positiva (che non comportaconseguenze sul piano dellinquadramento professionale dei lavoratori), La direzione aziendalepresenterà uno studio tecnico, con tempi di attuazione comunque non superiori a sei mesi, perrealizzare un lay-out sperimentale di macchine corrispondente alla configurazione di un gruppo diproduzione dei lavoratori legati allo stesso percorso.La fase di cui sopra interessa solo i reparti macchine utensili e attrezzeria. 96
  5. 5. Verifica periodiche durante il processo di sperimentazione.;Con scadenza quadrimestrale a partire dallinizio della seconda fase, le parti si incontreranno pervalutare landamento dellesperimento ed eventualmente modificare i percorsi originariamenteindividuati o valutare qualsiasi modifica ritenuta necessaria al buon fine dello stesso nei limiti diquanto precedentemente concordato.3a. fase - Verifica conclusiva dellesperimentoAd un anno dalla data della costituzione del gruppo di produzione le parti effettueranno unavalutazione complessiva per concordare la continuazione e la eventuale estensibilità delliniziativacosì come le eventuali modifiche suggerite dallesperienza svoltasi.La valutazione finale terrà conto del risultato delle relazioni di collaudo per i particolari lavorati edei risultati produttivo - operativi individuali e complessivi.I parametri di valutazione saranno gli stessi in uso nella normale produzione.Inquadramento dei lavoratoriA far data dallottobre del 1981 verranno fatte verifiche secondo le prassi usuali rispetto alledeclaratorie contrattuali esemplificate nei reticoli aziendali allegati, per valutare la corrispondenzadei requisiti professionali di ciascuno dei lavoratori interessati a quelli previsti nelle declaratoriestesse.c) - Per gli uffici produzione e i magazzini le parti convengono sulla necessità di unautonomiagestionale nellambito delle scelte organizzative generali.Questo peraltro non significa valutazione discrezionale di indirizzo ma una maggiore partecipazionedei responsabili delle unità operative e dei tecnici alle scelte di cui sopra che consenta agli stessimaggiore consapevolezza e autonomia nell’attività tecnica e nel coordinamento di attività elavoratori per leffettiva realizzazione degli obiettivi aziendali. Pertanto linformazione riguardo allemodifiche dellorganizzazione del lavoro disposte sarà fornita in maniera razionale e completa atutti gli interessati e integrata, ove necessario, da corsi professionali sulluso degli strumenti eprocedure di lavoro.Sul problema della mobilità lazienda accetta il sistema del confronto con le rappresentanzesindacali per verificare le condizioni e i requisiti di idoneità… dei lavoratori proposti.d) - UFFICIO RICAMBILazienda conferma che il potenziamento dellUfficio Ricambi è collegato alle innovazionitecnologiche in corso di applicazione la cui maggiore razionalità operativa dovrà essere verificata,ed eventualmente corretta, periodicamente attraverso aggiornamenti e confronti tra i responsabiliinteressati dei diversi settori collegati al servizio (CED - Spedizione - Magazzino - etc.).LAzienda fornirà ulteriori informazioni, istruzioni e mezzi di conoscenza allo scopo di migliorarele qualità del lavoro e favorirà la più ampia diffusione ed apprendimento fra i lavoratorieventualmente realizzando, ove necessario, corsi professionali.Si concorda che il coordinamento dell’attività inerente il Servizio Ricambi dovrà essere ricompostoallinterno dellufficio e sotto la direzione del responsabile dellufficio, nellambito di uncoordinamento organizzativo generale che integri ed armonizzi il servizio con la programmazionedella produzione. 97
  6. 6. MONTAGGIO MACCHINESi concorda che anche allo scopo di consentire adeguate rotazioni di lavoro, lAzienda limiterànormalmente il numero massimo di macchine da montare in serie non superando, salvo eccezionirichieste dalle caratteristiche particolari o da problemi eventuali connessi a certi tipi di macchine, le10/15 macchine o gruppi.La Direzione del Montaggio porterà a conoscenza dei capi - gruppo i tempi prevedibili di lavoro edi consegna delle commesse, le urgenze e le modifiche ai programmi di loro interesse specifico.In relazione a quanto sopra i capi - gruppo risponderanno al caporeparto, dello avanzamento dellavoro e del rispetto delle qualità e delle consegne stabilite.Eventuali modifiche in fase di montaggio verranno portate a conoscenza del gruppo dalla Direzionedel Montaggio e dell’ufficio Tecnico. Il gruppo, nell’ambito delle direttive generali, avrà autonomiadecisionale rispetto allavanzamento dei lavori.Le eventuali revisioni parziali o totali di macchine su richiesta dei clienti i verranno realizzateallinterno dellazienda con conseguente assegnazione di lavoro ai giovani sotto la responsabilità ditecnici qualificati, onde realizzarne forme complementari di addestramento.Per realizzare una rotazione dei lavoratori disponibili alle trasferte tale da far acquisire il maggiorebagaglio- professionale possibile di cognizione delle diverse posizioni di montaggio, si concorda diseguire i seguenti criteri:A) - AnzianitàB) - Percorso professionale nellambito del reparto che preveda uno spostamento dei lavoratori sudiverse posizioni di lavoro comprendenti il montaggio di diversi tipi di gruppi di macchine, siatradizionali che tabacchi.Individuazione gruppo sperimentaleSi concorda di individuare sperimentalmente, con i criteri sopra stabiliti, alcuni lavoratori (4-5) cheabbiano possibilità di svolgere, in una prima fase anche senza continuità diretta, prima il montaggiodi un tipo di macchina e quindi ladattamento del formato, senza che questo significhi la lorodefinitiva collocazione in una posizione di lavoro che preveda solo ladattamento delle parti aformato.COLLAUDO MACCHINENellintento di trovare elementi di arricchimento professionale per i lavoratori addetti, sarà loroconsentito a rotazione di prendere conoscenza dei punti di intervento principali riguardanti ilcontrollo delle macchine.Il gruppo riceverà in assegnazione lavori di montaggio vari, in quanto disponibili, in modo piùcontinuativo. Inoltre sarà loro consentito di addestrarsi alle piccole riparazioni che si rendesseronecessarie in tale fase. Per quanto concerne le anomalie riscontrate durante il controllo, dovrannoessere segnalate al Caporeparto incaricato del montaggio, il quale valuterà per lassegnazione omeno al collaudo della riparazione in rapporto alla difficoltà prevista dellintervento.MONTAGGIO RICAMBILe parti concordano di verificare entro marzo 1981 il contesto organizzativo generale entro il qualedeve operare il montaggio ricambi e la sua definitiva collocazione operativa. In tale attesa l’aziendaeffettuerà unanalisi completa per una soluzione integrata di tutta la procedura ricambi.Lorganizzazione attuale, con un organico minimo di 3 persone, non subirà modifiche fino alla datadi cui sopra. 98
  7. 7. SALA ESPERIMENTISi concorda che verranno presentati ai delegati del montaggio programmi di massima che siintendono svolgere in Sala Esperimenti.Periodicamente verranno tenuti incontri informali fra la Direzione del Montaggio, lUfficio Tecnico,il responsabile Sala Esperimenti e i delegati interessati per brevi confronti sui programmi stessi.PARTE 4 :OCCUPAZIONESi concorda che nelle assunzioni per nuovi posti di lavoro sarà compresa una quota di giovani alprimo impiego pari ad almeno un terzo del totale.Entro la fine del 1981 verranno assunti, con le procedure previste dallaccordo aziendale del25.6.1979, n° 6 lavoratori in mobilità dalle aziende in crisi, da inserire indicativamente in aree dimanovalanza e, tenendo conto di criteri di formazione e rotazione, anche in aree produttive quali, adesempio, il collaudo.PART-TIMESi concorda di istituire in forma sperimentale per lanno scolastico 1981/82 n. 4-5 borse di studio dautilizzare con una presenza part-time della durata di circa 12 mesi allinterno della fabbrica.Lesperienza ha motivazioni e caratteristiche simili a quelle che hanno portato le parti a concordarele borse estive per gli studenti dellI.T.I.S.Gli studenti, appartenenti alla facoltà di ingegneria, saranno scelti fra coloro che frequentano glianni intermedi del corso di laurea.Modalità di presenza, percorsi professionali e importo delle borse saranno definiti in tempi utili.MOBILITA INTERNAPer quanto riguarda la mobilità tra la Sede ed Anzola Emilia, tenuto conto delle modalità e deiproblemi inerenti le caratteristiche generali dellinvestimento, si concorda di tener conto di quantosegue:- volontarietà del trasferimento- domicilio del lavoratore- necessità di mantenimento di un equilibrio professionale ed organizzativo tra le due unità- comunicazione del trasferimento alle rappresentanze sindacali.In rapporto allo sviluppo dellinvestimento produttivo e della occupazione, le parti esamineranno lemodalità di utilizzo del servizio mensa e leventuale necessità di un trasporto collettivo.PARTE 5 :AMBIENTE DI LAVOROSi concordano gli interventi sullambiente di lavoro di cui allallegato 4).DICHIARAZIONELe rappresentanze sindacali, nello spirito delle intese intercorse, concordano sulla necessità dioperare per rendere possibile limpiego degli strumenti contrattuali vigenti e l’elasticità… dellaforza lavoro (mobilità, straordinari, turni) con modalità da concordare per la realizzazione deiprevisti obiettivi produttivi e della necessaria integrazione tra le varie unità organizzative. 99
  8. 8. (Allegato 2) INQUADRAMENTO UNICODECLARATORIECon riferimento al preambolo al reticolo aziendale allegato allaccordo del 19 aprile 1974, siconcordano le seguenti declaratorie:5/S - NORMATIVA IIILavoratore che, oltre a possedere per la sua specifica qualificazione di lavoro tutte le caratteristicheprofessionali del 5 livello del CCNL, operando in maniera corrispondente su diverse attivitàsecondo i percorsi individuati in allegato, ha conseguito capacità e conoscenze polifunzionali chegli consentono di eseguire lavorazioni complesse con i requisiti richiesti dal CCNL per le aree dispecializzazione.Ovvero:Lavoratore che, sulla base della capacita professionale di 5 livello conseguita su macchinetradizionali, operando con continuità su diverse macchine a CN, esegue in piena autonomia, suparticolari complessi, il programma di lavoro direttamente in macchina (o similmente),determinandone i parametri di lavorazione, la scelta degli utensili, la successione delle operazioni econcorre se necessario assieme allU.T.O. o al caporeparto alla modifica del ciclo di lavoro e/o delleattrezzature.6 CATEGORIALavoratore che sulla base di conoscenze tecniche e teorico - pratiche (conseguite servendosi anchedi corsi professionali) equivalenti alla media superiore e comunque operando su macchine utensilidi diverse famiglie, oltre a quanto stabilito per il 5/S, concorre alla scelta e alla progettazione diattrezzature anche complesse, di utensili, alla determinazione del ciclo e del programma dellesingole macchine e saltuariamente esercita funzioni di coordinamento di lavoratori e attività.MONTAGGIO MACCHINE5/S CATEGORIAI Lavoratori che con le caratteristiche professionali del 5 livello svolgono funzioni dicoordinamento di squadra (3-4 lavoratori) con responsabilità ed autonomia decisionale riguardo ilmontaggio completo del lavoro assegnato alla squadra, la successione delle operazioni, la fasaturadi diversi tipi di macchine.Ovvero:con la stessa piena ed autonoma capacità di cui sopra sono in grado di realizzare revisioni totali emodifiche che presuppongono la rifasatura e la sostituzione di parti importanti di macchine eleventuale montaggio di parti di formato inerenti la revisione stessa, con significativi interventi intrasferta. 100
  9. 9. Ovvero:Lavoratori che oltre le conoscenze e la pratica necessaria a montare diversi tipi di macchine, hannoconoscenze specifiche anche di montaggio di parti di formato che permettono interventi significativiin trasferta.6 CATEGORIALavoratori che oltre le caratteristiche del 5/S, sulla base di conoscenze tecniche, teoriche, praticheequivalenti alla media superiore o maturate anche attraverso lunga esperienza, (acquisite anchemediante significative trasferte periodiche) hanno conseguito una piena autonomia decisionaleriguardo la successione delle operazioni di montaggio di diversi tipi di macchine complesse, chepermette loro di svolgere con continuità funzioni di coordinamento di diverse squadre e diaddestramento professionale e di dare un contributo determinante alla "normalizzazione" delleprime serie in collaborazione diretta con la direzione montaggio e lUfficio Tecnico.Il lavoratore di 6 livello dovrà svolgere sia in sede che in trasferta tutti indistintamente i lavorinormalmente di competenza dei reparti montaggio.6 CATEGORIAMONTATORI TRASFERTISTILavoratori che hanno maturato una completa esperienza di montaggio macchine e montaggioformati per i quali siano state verificate sia in sede che in trasferta il possesso delle seguenticaratteristiche:- capacità di intervenire con sicurezza su ogni macchina o nel settore tradizionale o nel settoretabacchi con piena disponibilità di polifunzionalità nei 2 settori.- Capacità di analizzare con precisione le condizioni di funzionamento delle macchine, siameccaniche che relative al processo di incarto, individuando le anomalie e relazionando in manieraefficace ed analitica.- disponibilità, in stretto accordo con la direzione montaggio e lufficio tecnico, a mantenere uncostante aggiornamento sulle modifiche o innovazioni.- disponibilità ad effettuare trasferte in tutti i paesi dove viene richiesta assistenza tecnica in base acriteri di rotazione.- capacità di stabilire un rapporto di fattiva collaborazione con i tecnici dei clienti contribuendo allaloro istruzione sia durante che dopo la installazione e messa in produzione di una macchina o di uncomplesso avvalendosi anche di una conoscenza elementare di una o più lingue straniere.Il montatore di 6 livello dovrà svolgere sia in sede che in trasferta tutti indistintamente i lavorinormalmente di competenza dei reparti montaggio. 101
  10. 10. (Allegato 3) PERCORSI PROFESSIONALICon le finalità, scadenze e modalità previste alla parte terza organizzazione del lavoro punto b) siconcordano i seguenti percorsi professionali relativi alle 3 fasi stabilite.1) TORNIO - FRESA - ALESATRICE2) RETTIFICA INT./EST. - TORNIO - FRESA3) RETTIFICA INT./EST. - RETTIFICA TANGENZIALE - AFFILATRICE - TORNIO4) TRAPANI LIMATRICI TORNIO-FRESA COPIATRICI DENTATRICI5) ATTREZZERIA - AGGIUSTAGGIO - SALDATURA - o TORNIO - o FRESA (Possibilmente nellambito del reparto attrezzeria)E i seguenti percorsi relativi alla sola 1 fase;1) AGGIUSTAGGIO (RADDRIZZATURA) - (SALDATURA) - ATTREZZERIA - o TORNIO - oFRESA2) TRAPANI - AGGIUSTAGGIO (RADDRIZZATURA) - SALDATURA - ATTREZZERIA – oTORNIO o FRESA(Possibilmente nellambito del reparto attrezzeria)3) COLLAUDO COMPLETO (TRACCIATURA) - AGGIUSTAGGIO - TORNIO4) I percorsi concordati non escludono la possibilità di concordarne in fase di applicazione altri concaratteristiche professionali omogenee.A) I punti di partenza nellambito dello stesso percorso sono intercambiabiliB) La valutazione della crescita professionale dei lavoratori verrà effettuata sulla basedellesperienza compiuta sullintero percorso; pertanto si concorda che di norma la permanenza nellesingole posizioni del percorso sia fissata in un periodo di 6-9 mesi.C) I lavoratori che effettuano lesperienza programmata di qualificazione lungo un percorsocostituito da diversi reparti di macchine utensili; opereranno di norma su una sola macchina utensilecon caratteristiche universali per ogni reparto al di fuori di quello di provenienza.D) Il numero di lavoratori che parteciperà allesperienza sui diversi percorsi individuali avràdimensioni significative tali da garantire uneffettiva valutazione dellesperienza, comeindicativamente riportato nello schema scambiato fra le parti. 102
  11. 11. E) Per favorire la possibilità di rotazione sui percorsi si potranno istituire, ove del caso,temporaneamente turni di lavoro sulle macchine utensili interessate. La rotazione avverrà comunquetenendo conto della necessità del pieno utilizzo delle macchine interessate.F) Per i lavoratori che partecipano allesperienza sui percorsi 1 e 2 relativi alla prima fase, siprevede la possibilità, tenendo conto delle esigenze aziendali, di inserirsi in una delle tre posizionidel percorso stesso. 103
  12. 12. (Allegato 4) AMBIENTE DI LAVORORETTIFICASi fa riferimento alle informazioni industriali per Anzola. Leliminazione delle macchine ad asseverticale con forte esportazione di materiale consentirà di superare i problemi di ambiente di cui aipunti a) b) c) della piattaforma aziendale 1980.TAGLIO-FERRO E MAGAZZINO FUSIONILazienda partendo dal progetto concordato nellaccordo del 1979 opererà per portarlo a soluzioneentro il 1981.In rapporto alle dimensioni del problema si prevede la possibilità di effettuare gli spostamenti variutilizzando in via privilegiata i momenti di inattività operativa dei reparti interessati.Le parti ritengono comunque di valutare preventivamente ogni aspetto delle soluzioni proposte sottoil profilo antinfortunistico.VERNICECollocazione e caratteristiche generali dellimpianto che sarà realizzato in G.D. 2 sono in corso distudio e saranno presentati come d1uso alle rappresentanze sindacali per un giudizio attraverso icanali informativi usuali.U.S.A.L.Lazienda procederà a regolare il carico e scarico allinterno del reparto e in rapporto a questo verràstudiata la sistemazione, entro novembre 1980, delle tettoie, prevedendo la chiusura laterale.AGGIUSTAGGIOLazienda studierà possibili soluzioni da realizzarsi entro il 1981 per migliorare lambiente sottolaspetto dellinsonorizzazione e per dotare il reparto di una strumentazione per le operazioni diraddrizzatura; prima di avviare la soluzione, lazienda presenterà come duso lo studio effettuato allerappresentanze sindacali.COLLAUDO-MONTAGGIOEntro il 1981 si realizzerà… la collocazione in ambiente chiuso delle macchine lava - pezzi pereliminare i vapori di clorotene.MANUTENZIONE E SERVIZILazienda porterà a soluzione i punti a) b) c) della piattaforma aziendale entro il 1981 con acquistodi una attrezzatura adattaI.B.M.Si analizzano immediatamente, tramite luso delle apparecchiature di misurazione, i problemi dicondizionamento e di rumorosità, e se necessario si interverrà per ridurre nel limite del possibile iproblemi posti. 104
  13. 13. COLLAUDO ELETTRICOIl problema della collocazione verrà esaminato nel contesto della complessiva sistemazione deireparti del montaggio, in zona a lato della cabina elettrica con un necessario ampliamento.AREA OFFICINALa ristrutturazione dello stabilimento G.D. consentirà di risolvere i problemi posti ( polveri, fumi,spazio).Per il C.D.F:per la F.L.M.per l’AziendaDipendenti n° 900Ore di sciopero n.° 31 105
  14. 14. 106
  15. 15. CLASSIFICAZIONE DEI LAVORATORI E PROFILI PROFESSIONALI AZIENDALIIl documento allegato riporta i criteri concordati tra la Direzione e le rappresentanze sindacali perlapplicazione delle norme del C.C.N.L. sullinquadramento professionale dei lavoratori. Essorappresenta la oggettiva applicazione delle declaratorie e dei profili professionali previsti dalC.C.N.L. alla realtà professionale aziendale.In sede di valutazione e classificazione dei lavoratori, le parti convengono di applicare metodi diinterpretazione con riferimento a caratteristiche omogenee di professionalità e tra aree professionaliaffini nello spirito del C.C.N.L.29/10/1981 107
  16. 16. 1. PRODUZIONE 2 3 4 5 5S 6 7COSTRUTTORE SU X X X X X X fino al 5° liv. vedi declaratorie e profili del C.C.N.L. integrati dalle note specifiche successive:MACCHINA UTENSILE 5°s Lavoratore che, oltre a possedere per la sua specifica qualificazione di lavoro tutte le caratteristiche professionali del 5° livello del C.C.N.L., operando in maniera corrispondente su diverse attività secondo i percorsi individuati in allegato, ha conseguito capacità e conoscenze polifunzionali che gli consentono di eseguire lavorazioni complesse con i requisiti richiesti dal C.C.N.L. per le aree di specializzazione. Lavoratore che, sulla base della capacità professionale di 5° livello conseguita su macchine utensili tradizionali operando con continuità su diverse macchine a C.N., esegue in piena autonomia, su particolari complessi, il programma di lavoro direttamente in macchina (o similmente), determinandone i parametri di lavorazione, la scelta degli utensili, la successione delle operazioni e concorre se necessario assieme allU.T.O. o al capo - reparto alla modifica del ciclo di lavoro e/o delle attrezzature. 6° Lavoratore che sulla base di conoscenze tecniche e teorico - pratiche (conseguite servendosi anche di corsi professionali) equivalenti alla media superiore e comunque operando su macchine utensili di diverse famiglie, oltre a quanto stabilito per il 5°s, concorre alla scelta e alla progettazione di attrezzature anche complesse, di utensili, alla determinazione del ciclo e del programma delle singole macchine e saltuariamente esercita funzioni di coordinamento di lavoratori e attività.A.1 TORNIOA.2 FRESA X X XA.3 RETTIFICA X X XA.4 ALESATRICE X X X X X XA.5 AFFILATRICE X X X X Al 5°livello: capacità di svolgere in maniera autonoma tutta la gamma di attività che richiedono particolare difficoltà (affilatura di creatori , alesatori, filiere, maschi, ecc.).
  17. 17. 2 3 4 5 5S 6 7A.6 TRAPANO X X X Al 5° livello: con tutti i requisiti del 4° opera in completa autonomia esecutiva svolgendo qualsiasi lavoro di elevato grado di difficoltà su attrezzature complesse e con padronanza di interpretazione del disegno e con assoluta autonomia nella gestione e nelluso degli utensili.A.7 LIMATRICE X X X Al 5° 1ivello: con caratteristiche del 4° livello oltre a completa esperienza e totalità di autonomia esecutiva sia nellinterpretazione del disegno sia nellimpostazione del lavoro sia nella costruzione degli utensili e loro uso su tutti i materiali compresa contornatura e profili rispettando, ove occorre, anche alti gradi di precisione. Nella eventualità di carenze di lavori di 5° liv. si prevede la possibilità di rotazione su tornio o fresa.A.8 CAMMES X X X Al 5° livello: ampia autonomia, interpretazione disegno, impostazione e preparazione macchina con messa a punto varie attrezzature ausiliariee correttori di leva, prepara utensili ed imposta velocità ed avanzamenti di lavoro; conosce ed esegue il controllo delle cammes nella quota dimensionale; ristretto grado di finitura e controllo geometrico compreso controllo della freccia di leva. Il tutto eseguito con perizia, senso critico e completa capacità di gestione della macchina.A.9 LAPIDELLO X X X Parcheggio al 2° livello in attesa di acquisizione della necessaria esperienza di lavoro. LAzienda, compatibilmente con le sue esigenze organizzative e tecnico - produttive, si impegna a valorizzare le capacità professionale degli addetti mediante rotazione su rettifica o affilatrice per il conseguimento del 5° livello per coloro che ne maturino i requisiti.A.10 PANTOGRAFO X X X 5° livello per i lavori di attrezzature e/o trincianti con strette tolleranze svolti in modo preponderante; oppure in caso di carenza di tali lavori si richiede capacità lavorativa di specializzazione acquisita anche in attrezzeria. 109
  18. 18. 2 3 4 5 5S 6 7A.11 DENTATRICE X X X Si riconosce lo sviluppo professionale al 5° livello per i lavoratori che eseguono calcoli: quote cordali, profondità e numero denti differenziali e posseggono una più vasta conoscenza e/o capacità di realizzazione di dentature di tipo diverso, e con capacità critica per la scelta dei parametri per il miglior utilizzo della macchina.A.12 STOZZA X X X LAzienda si impegna a valorizzare le capacità professionali degli addetti mediante rotazione su tornioFILETTATRICE per il conseguimento del 5° livello, previa dimostrazione di autonomia nelluso delle macchine.RAGNATRICEBROCCIACAVATRICEB) COSTRUTTORE SUMACCHINEATTREZZATEB.1 PALLINATRICE X X Parcheggiò al 2° livello in attesa di acquisizione della necessaria esperienza di lavoro.B.2 BARILATRICE X XB.3 TAGLIO FERRO X X X 4° livello: arricchimento area professionale tramite rotazione su taglierine taglio lamiere, capacità registrazione interpretazione disegno relativo a taglierina e taglio ferro con capacità critica per la scelta dei parametri per il miglior utilizzo della macchina.C) COSTRUTTORI SU X X X X X X Fino al 5° livello vedi C.C.N.L.; per il 5° e il 6° vedi note a proposito costruttore di macchine utensili.BANCOC.1 SALDATORE X X XC.2 AGGIUSTATORE X X XC.3 ATTREZZISTA X X X 110
  19. 19. 2 3 4 5 5S 6 7D) IMBALLATORE X X X X Parcheggio al 2° liv. in attesa di acquisire la necessaria esperienza di lavoro.FALEGNAME Al 4° liv.: lavoratori che sulla base di indicazioni o disegni o schizzi di massima eseguono qualsiasi lavoro di natura complessa per limballaggio di macchine, formati, ricambi, costruendo e stabilendo lopportuna collocazione di tiranti, sostegni, protezioni, ancoraggi in legno necessari per la sicurezza del trasporto. Al 5° liv.: oltre a tutte le operazioni di falegnameria relative allimballo tramite la conoscenza delle macchine utensili, svolge in autonomia tutte le lavorazioni di falegnameria normalmente richieste (prototipi in legno, culle e attrezzature, modelli e mobili semplici).F) SBAVATORE X X L Azienda compatibilmente con le sue esigenze tecnico produttive ed organizzative, si impegna a valorizzare le capacità professionali degli addetti, mediante rotazione in aggiustaggio o altro reparto, per il conseguimento di un livello superiore per coloro che ne maturino i requisiti. Parcheggio al 2° liv. in attesa di acquisire la necessaria esperienza di lavoro.G) VERNICIATORE X X X Al 5° livello: con le caratteristiche ed i requisiti del 4° livello svolge lavori di distribuzione sulla linea che richiedono completa conoscenza della gamma di attività, interpretazione critica delle specifiche di lavorazione, in riferimento alle caratteristiche e finiture richieste, buona conoscenza delle qualità fisiche e meccaniche dei particolari.H) COORDINAMENTO X X X X Al 5° livello - N.va 2 - guida e controllo di un gruppo, competenza tecnico - pratica, iniziativa per laE CONTROLLO condotta e i risultati delle lavorazioni.TECNICO Al 5°s liv. - N.va 3 - iniziativa per la condotta e il risultato delle lavorazioni con autonomiaPRODUTTIVO professionale più ampia del livello precedente - coordinamento e controllo di attività tecniche - capacità organizzative e di addestramento di altri lavoratori. 111
  20. 20. 2 3 4 5 5S 6 7 CAPI REPARTO Si ritiene che la funzione dei capi - reparto sia quella di esercitare compiti tecnico - professionali, di formazione ed addestramento dei lavoratori, analisi e controllo organizzativo dei livelli di produttività e dei carichi di lavoro, di organizzazione dei livelli di organico. 6° livello. Lavoratore che nei limiti delle direttive generali stabilite per il suo campo di attività., svolgendo funzioni di coordinamento in uno o più reparti con capacità, attitudine e preparazione professionale specifica, acquisita anche attraverso la conoscenza di più attività e tecnologie produttive allinterno dellAzienda, ne risponde, in autonomia di decisione e di iniziativa, nel campo tecnico operativo, con capacità di organizzazione, di addestramento, di formazione e di controllo dell’efficienza del reparto. 7° livello. Lavoratore che, oltre a tutte le caratteristiche del livello precedente e sempre nei limiti delle direttive generali stabilite per il suo campo di attività svolge con ampia autonomia funzioni di coordinamento di servizi o reparti partecipando alla definizione di scelte organizzative e di armonizzazione fra le attività dei reparti nel settore, con la competenza e la conoscenza dei settori correlati acquisita tramite lunga esperienza o processi formativi interni od esterni allAzienda. 112
  21. 21. 2 3 4 5 5S 6 72. MONTAGGI X X X X X Fino al 5° livello vedi declaratorie e profili C.C.N.L.A) MONTATORE X X X X X 5°s Con la stessa piena ed autonoma capacità di cui sopra sono in grado di realizzare revisioni totali eINSTALLATORE modifiche che presuppongono la rifasatura e la sostituzione di parti importanti di macchine e leventuale montaggio di parti di formato inerenti la revisione stessa con significativi interventi in trasferta. ovvero Lavoratori che con le caratteristiche professionali del 5° liv. svolgono funzioni di coordinamento di squadra (3-4 lavoratori) con responsabilità ed autonomia decisionale riguardo il montaggio completo del lavoro assegnato alla squadra, la successione delle operazioni, la fasatura di diversi tipi di macchine. ovvero Lavoratori che oltre le conoscenze e la pratica necessaria a montare diversi tipi di macchine, hanno conoscenze specifiche anche di montaggio di parti di formato che permettono interventi significativi in trasferta. 6° Lavoratori che oltre le caratteristiche del 5°s, sulla base di conoscenze tecniche, teoriche, pratiche equivalenti alla media superiore o maturate anche attraverso lunga esperienza, (acquisite anche mediante significative trasferte periodiche) hanno conseguito una piena autonomia decisionale riguardo la successione delle operazioni di montaggio di diversi tipi di macchine complesse che permette loro di svolgere con continuità funzioni di coordinamento di diverse squadre e di addestramento professionale, e di dare un contributo determinante alla "normalizzazione" delle prime serie in collaborazione diretta con la Direzione Montaggio e lUfficio tecnico. Il lavoratore di 6° livello dovrà svolgere sia in sede che in trasferta tutti indistintamente tutti i lavori normalmente di competenza dei reparti montaggio. 113
  22. 22. 2 3 4 5 5S 6 7B) TECNICO ESTERNO X X X Al 5° livello vedi declaratorie e profilo "installatore impianti". Al 5°s livello: con autonomia professionale più ampia di quella prevista al livelli precedente, esegue normalmente attività fuori sede per installazione, collaudo, avviamento macchine ed impianti; esegue qualsiasi intervento di elevato grado di difficoltà, capacità di addestramento del personale addetto alla conduzione delle macchine; eventuale conoscenza lingue; eventuale coordinamento controllo di personale in addestramento. Al 6° livello: con le caratteristiche del lavoratore del 5°s livello, svolge, prevalentemente fuori sede attività tecnica abbinata ad attività commerciale con autonomia di poteri e facoltà di decisione nellambito delle direttive generali, oppure attività di natura direttiva come previsto dalla relativa declaratoria. ovvero lavoratori che hanno maturato una completa esperienza di montaggio macchine e montaggio formati per i quali siano state verificate sia in sede che in trasferta il possesso delle seguenti caratteristiche: - capacità di intervenire con sicurezza su ogni macchina o nel settore tradizionale o nel settore tabacchi con piena disponibilità di polifunzionalità nei due settori. - capacità di analizzare con precisione le condizioni di funzionamento delle macchine, sia meccaniche che relative al processo di incarto, individuando le anomalie e relazionando in maniera efficace ed analitica. - disponibilità, in stretto accordo con la direzione montaggio e lufficio tecnico a mantenere un costante aggiornamento sulle modifiche o innovazioni. - disponibilità ad effettuare trasferte in tutti i paesi dove viene richiesta assistenza tecnica in base a criteri di rotazione. - capacità di stabilire un rapporto di fattiva collaborazione con i tecnici dei clienti contribuendo alla loro istruzione sia durante che dopo la installazione e messa in produzione di una macchina o di un complesso avvalendosi anche di una conoscenza elementare di una o più lingue straniere. 114
  23. 23. 2 3 4 5 5S 6 7 il montatore di 6° livello dovrà svolgere sia in sede che in trasferta tutti indistintamente i lavori normalmente di competenza dei reparti montaggio.C) MONTATORE X X X X 4° Esecuzione, con perizia di cablaggi a banco e montaggi di impianti completi su vari tipi diINSTALLATORE gruppi o macchine attraverso l’interpretazione critica del disegno.ELETTRICO 5° Lavoratori che eseguendo in autonomia il montaggio e il collaudo di impianti sia in sede che in trasferta su macchine di diverse tecnologie, individuano e valutano i guasti, scelgono la successione e la modalità degli interventi oltre i modi di esecuzione degli interventi stessi. 5°s Lavoratori che con le caratteristiche professionali del 5° livello svolgono funzioni di coordinamento di diversi lavoratori di 4° e 5° livello con responsabilità ed autonomia decisionali riguardo il collaudo dellimpianto completo ed il collaudo di diversi tipi di macchine; ovvero lavoratori in grado di eseguire in piena autonomia il collaudo e la messa a punto di macchine e complessi che utilizzano tecnologie le più avanzate e con alta percentuale di componenti elettronici. 6° Lavoratori le cui conoscenze tecniche, teoriche e pratiche vengono continuamente aggiornate anche attraverso una marcata permanenza in trasferta e con interventi su macchine e complessi dalle tecnologie più avanzate e che sono in grado di svolgere funzioni di istruttore professionale nei confronti di lavoratori specializzati e di organizzare e portare a termine corsi di addestramento di tecnici esterni. Si richiede pertanto una capacità di stabilire un rapporto di fattiva collaborazione con i tecnici dei clienti contribuendo alla loro istruzione sia durante che dopo linstallazione e messa in produzione di una macchina o di un complesso avvalendosi anche di una conoscenza elementare di una o più lingue straniere. Il lavoratore di 6° livello dovrà svolgere sia in sede che in trasferta tutti indistintamente i lavori normalmente di competenza dei reparti montaggio. 115
  24. 24. 2 3 4 5 5S 6 7D) COLLAUDO X X X 3° Lavoratori che, sulla base di indicazioni e con lausilio di apparecchiature già predisposteELETTRICO (simulatori) o di strumenti elettrici semplici (tester), effettuano il collaudo delle apparecchiature più semplici ad esempio: relè, micro, teleruttori, materiale da cablaggio (morsetti, prese e spine), segnalando le anomalie riscontrate. 4° Lavoratori che sulla base di indicazioni, disegni, cataloghi o schemi delle apparecchiature in esame, e con lausilio di simulatori e/o strumenti di misura, effettuano il collaudo di tutte le apparecchiature elettromeccaniche (termostati, resistenze, trasformatori, etc. ..) con una maggiore autonomia nella predisposizione del circuito, rispetto al terzo liv. e con la scelta e la predisposizione degli strumenti di misura (tester, voltmetri, amperometri). 5° Lavoratori che con la scelta della successione delle operazioni di strumenti di misura, compiono con maggior autonomia esecutiva con la predisposizione del circuito di misura, la scelta e la predisposizione delle apparecchiature, il collaudo delle apparecchiature, anche le più complesse (amplificatori, testine amplificate, alimentatori, schede e integrati), valutando e segnalando le anomalie riscontrate. Partecipano alla elaborazione e alla costruzione dei simulatori per il collaudo, con conoscenza ed interpretazione critica dei particolari elettrici da collaudare, ricavando tali dati da schemi, disegni, cataloghi.E) COLLAUDO X X X Al 2° livello parcheggio in attesa della necessaria acquisizione.MACCHINE Al 3° livello: lavoratori che su precise indicazioni eseguono controlli accurati su macchine finite ferme per lindividuazione di errori o dimenticanze (elementari e rilevabili a vista) di montaggio. Al 4° livello: al momento non esistono i requisiti per linquadramento al 4° livello; è previsto il 4° livello per i lavoratori che mediante lattuazione del processo di arricchimento professionale previsto per il reparto dallaccordo aziendale 80, saranno in grado di svolgere, oltre a quanto previsto al 3°, piccole riparazioni e di effettuare montaggio di gruppi semplici su indicazioni precise o schemi o disegni di montaggio. 116
  25. 25. 2 3 4 5 5S 6 73. COLLAUDATORE X X X il 5° livello si giustifica in funzione della completezza della figura professionale: l’addetto deve essereTRACCIATORE in grado di svolgere qualunque collaudo dimensionale e tracciatura. il 5°s livello è conseguibile mediante rotazione sui percorsi indicati con le caratteristiche dellaccordo 80 ( vedi note a proposito costruttori su macchine utensili).4. MAGAZZINIERI E X X X MPF e MPCDISTRIBUZIONEMATERIALI E previsto il 4° livello soltanto per il MPF ed MPC. 4° livello Lavoratore che oltre alle caratteristiche della declaratoria del 3° livello possiede completa e specifica conoscenza del lavoro, spiccata iniziativa e capacità di interpretazione di tutti i documenti, conoscenza e capacità di uso di tutte le transazioni CED, relative alle procedure dei diversi settori di lavoro (capacità di recuperare ed inventariare scorte e di realizzare raggruppamenti complessi di materiale per i reparti richiedenti). Distribuzione materiali, al 4° liv. buona conoscenza del disegno che permette esatta interpretazione dei cicli di lavoro per lo smistamento dei particolari ai vari centri di lavoro. Parcheggio al 2° livello.5. CARICO, SCARICO, X X Parcheggio al 2° livello.MOVIMENTAZIONE,SISTEMAZIONE CONCARRELLIELEVATORI 117
  26. 26. 2 3 4 5 5S 6 76. MANUTENZIONE X X X X X XA) MANUTENZIONE X X X Fino al 5° livello vedi C.C.N.L.; per il 5°s vedi note a proposito costruttore su macchine utensili.IMPIANTI MECCANICIELETTRICIB) MANUTENZIONE X X X X 3° liv. lavoratori che eseguono lavori di normale difficoltà sulla base di istruzioni dettagliate o schemiSTABILI elementari. 4° liv. capacità di eseguire (con perizia) tutti i lavori dì muratura o di carpenteria normalmente richiesti alla manutenzione (ristrutturazioni, pavimentazione, soffittatura nel settore muratura; serrande, portoni, infissi, costruiti e montati nel settore carpenteria) lettura del disegno o di schemi equivalenti cognizioni elementari di carpenteria per i muratori e viceversa. 5° liv. capacità di eseguire in piena autonomia (con perizia) tutti i lavori di muratura o carpenteria normalmente richiesti alla manutenzione (vedi 4° liv.) lettura critica del disegno, scelta materiali, determinazione ordine e metodi esecuzione lavoro, cognizioni di carpenteria per i muratori e viceversa. Lettura critica del disegno edile intesa come caratteristica generale del lavoro.7. SERVIZI X X Vedi declaratoria discontinuo - 5° livello infermiere professionale.GENERALIA) INFERMIEREB) PORTIERE X X Previsto il 4° livello all attuazione del controllo entrata - uscita merci e relativi compiti (registrazioni accurate, pesatura, ......) "discontinuo" vedi contratto 77.C) AUTISTA E X XFATTORINO ESTERNOD) PULIZIA X 118
  27. 27. 2 3 4 5 5S 6 7E) CENTRALINO X X 4° livello: si richiede sufficiente conoscenza dei termini di conversazione telefonica in due lingue estere.8. LAVORIAMMINISTRATIVI8.1 SEGRETARIO X X X X X Vedi declaratorie e profili. Al 7° livello soltanto per segreteria tecnica: oltre a mansioni di natura direttiva, svolge attività tecnico - commerciali che richiedono notevole esperienza ed autonomia, trattative importanti e rapporti con i clienti, alta specializzazione.8.2 CONTABILE X X X X X X Vedi declaratorie e profili. Al 7° livello “specialista amministrativo” solo direttive generali; alta specializzazione ed importanza - autonomia9. C.E.D. X X X X X X SETTORE SVILUPPO SISTEMA 4° livello: aspirante operatore - allievo operatore alla consolle, vedi C.C.N.L. 5° livello: operatore di consolle - operatore alla consolle, vedi C.C.N.L. operatore alla consolle, che inizia una attività orientata ai problemi del sistema. 5°s livello: operatore di sistema - lavoratore che coordina e istruisce altri operatori alla consolle, segue lintroduzione operativa di nuove procedure, ha conoscenza di più sistemi operativi. Lavoratore che svolge attività di manutenzione di sistemi operativi o sottosistemi e, se riferita a prodotti - programma generalizzati listruzione degli utilizzatori per luso degli stessi. 6° livello: programmatore di sistema - lavoratore che segue e controlla linstallazione e/o modifica di sistemi operativi o prodotti - programma e può proporre modifiche alla struttura dei programmi applicativi o dei relativi archivi al fine di ottimizzare il sistema elaborazione dati. 119
  28. 28. 2 3 4 5 5S 6 7 7° livello: specialista di sistema - oltre ad avere i requisiti del programmatore di sistema analizza le compatibilità tra il sistema (HARDWARE e SOFTWARE) esistente e le proposte di nuove applicazioni, sistemi operativi o prodotti - programma, coordina inoltre lattività dei programmatori di sistema. Fa’ proposte nella pianificazione HARDWARE e SOFTWARE. SETTORE SVILUPPO PROCEDURE 4° livello: aspirante programmatore - lavoratore che, assistito da persone più esperte, intraprende lo studio di un linguaggio di programmazione. 5° livello: aiuto programmatore - lavoratore che, sulla base di istruzioni e con riferimenti a metodologie esistenti, è in grado di produrre la codifica di semplici programmi già pseudocodificati, controllarne i risultati ed apportare agli stessi eventuali variazioni. Viene seguito nelle prove da un programmatore. 5°s livello: programmatore - lavoratore che è in grado di effettuare la progettazione di programmi (pseudocodifica) su specifiche definite da un analista, portandone autonomamente a compimento la codifica e le prove. 6° livello: programmatore analista - lavoratore che progetta limpostazione generale di programmi anche complessi, risolvendone direttamente i nodi critici e ne porta autonomamente a compimento le relative prove, provvede autonomamente alla manutenzione e/o alla correzione di programmi relativi ad una procedura già in essere, può coordinare inoltre lattività di un gruppo di programmazione. 7° livello: .analista di procedure E.D.P. - lavoratore che progetta la struttura completa di una procedura applicativa, definendone i programmi che dovranno essere sviluppati, la relazione con le strutture di dati e la pianificazione dei tempi di realizzo, coordina le prove generali e ne convalida il risultato, può avere la responsabilità del lavoro dei gruppi di programmazione 120
  29. 29. 2 3 4 5 5S 6 7 SETTORE COLLEGAMENTO UTENTI 3° livello: lavoratore che assistito da persone esperte apprende i dettagli operativi relativi alla distribuzione e al data entry e svolge lavoro di preparazione documenti di produzione (imbustamento bolle). 4° livello: lavoratore che, secondo procedure prestabilite ed eseguendo istruzioni dettagliate, svolge attività di immissione dati a video o di perforazione e verifica schede ed esamina, per larchiviazione e lo smistamento, tabulati prodotti dallelaboratore. 5° livello: lavoratore che è a conoscenza delluso delle procedure (documenti e/o transazioni) ed è in grado di utilizzarli e interpretarli per condurre operazioni collaterali di rettifica che coinvolgono aspetti critici delle procedure. Può intervenire, dietro precisa istruzione o con riferimento a metodologie esistenti presso gli utenti per interpretare luso delle transazioni e/o dei documenti. 5°s livello: lavoratore che avendo tutti i requisiti del 5° livello ha anche conoscenza delle procedure e metodologie aziendali, acquisite con 1 esperienza relative al settore in cui opera. Coordina il lavoro esecutivo di lavoratori ai livelli precedenti. E di supporto allutente nellindividuare i passi procedurali da seguire allatto del sorgere di necessità non esplicitamente rientrante in una casistica codificata. 6° livello: lavoratore che, conoscendo le applicazioni e le loro correlazioni ne cura linserimento nel contesto aziendale, ne controlla il funzionamento, ricerca le cause di eventuali errori intervenuti e mette in essere tutti gli strumenti atti alla correzione degli stessi. 7° livello: oltre alle caratteristiche professionali del 6° livello, in contatto diretto coi reparti interessati alle applicazioni, provvede a guidarli nello uso delle procedure a rendere le stesse sempre più corrispondenti alle esigenze operative dei reparti stessi. Sottopone alla Direzione E.D.P. proposte di modifiche alle procedure esistenti o soluzioni che implicano procedure nuove. Si richiede conoscenza di analisi di programmi applicativi. 121
  30. 30. 2 3 4 5 5S 6 710. STUDIO ECOORDINAMENTOLAVORAZIONIA) ANALISTA, TEMPI, X X XMETODI, PROCESSI,CICLIB) PROGRAMMATORE X X X X X X 3° livello: lavoratore che su precise istruzioni esegue transazioni C.E.D. e compila documentazioni cheDI PRODUZIONE non richiedono particolari esperienze di ufficio, tecniche e di procedura. 4° livello: lavoratore che oltre a quanto previsto al livello precedente, sulla base di una sufficiente conoscenza del disegno meccanico e delle procedure in uso, esegue la ricerca dei particolari mancanti di una commessa e che su indicazioni del responsabile dellufficio interviene per sollecitare i suddetti particolari. 5° livello: lavoratori con esperienza completa di lavorazioni dofficina, del disegno meccanico e delle tecnologie produttive in fase di applicazione in lavoro di impegno superiore. 5°s livello: lavoratore che, oltre a quanto previsto ai livelli precedenti, sulla base di una completa conoscenza del disegno meccanico e delle tecnologie produttive acquisita in un settore operativo dellazienda, o con equivalenti studi sotto la responsabilità del capo - ufficio è incaricato di mantenere i rapporti con un gruppo di fornitori esterni ed ha la capacità di dare chiarimenti su indicazioni ricevute per quanto concerne caratteristiche e modalità di lavorazioni, uso di attrezzature ed eventuali problemi relativi al materiale fornito in maniera tale da rendere più efficiente lo svolgersi del lavoro. 6° e 7° livello: vedi C.C.N.L.11. X X X X Vedi declaratorie e profili - al 7° livello "specialista di approvvigionamenti" - rapporti impegnativi con iAPPROVVIGIONATOR fornitori; imposta e conclude importanti trattative sulla base di direttive generali.E 122
  31. 31. 2 3 4 5 5S 6 712. VENDITORE X X X X Analogie con approvvigionatore: vedi declaratorie. Al 5° livello: allievo - venditore - redige corrispondenza sotto controllo e secondo istruzioni - partecipa a trattative di minore importanza. Al 6° livello: particolare preparazione professionale; facoltà di decisione ed autonomia di iniziativa come da declaratoria. Al 7° livello: notevole esperienza ed autonomia in attività prevalentemente esterne - imposta e conclude trattative importanti su direttive generali; oppure con le caratteristiche del 6° livello possiede conoscenze tecnico - funzionali delle strutture, del funzionamento delle possibilità operative delle macchine anche più complesse tali da consentire condizioni di trattativa ed offerte di soluzioni alternative immediate in funzione delle specifiche richieste ed esigenze dei clienti. Trattative impegnative e complesse. Notevole esperienza ed autonomia.13. DISEGNATORI X X X X X X Vedi declaratorie e profili.A) UFFICIO TECNICO Al 3° livello, inizio carriera, allievo senza precedente esperienza specifica. 5°s livello: disegnatori in grado di interpretare criticamente lo studio o progetto per ricavarne i particolari anche più complessi, eseguono studi di modifiche, relativamente complesse, a gruppi già esistenti sotto diretto controllo di lavoratori di categoria superiore (studi comprensivi di quote materiali, tolleranze) ovvero disegnatore che sulla base di conoscenze analoghe a quanto richiamato nella linea precedente, realizza prevalentemente il disegno di assiemi di gruppi o complessi, effettuando un controllo dimensionale e di montaggio; evidenziando quote e riferimenti utili al montaggio. Al 7° livello "progettista di complessi" oltre a possedere le caratteristiche del 6° livello, sviluppa e realizza progetti completi e complessi con ampia autonomia impostando e definendo i parametri in funzione del risultato richiesto. Alta specializzazione - innovazione.B) SISTEMA GRAFICO X X X X X X 3° livello: lavoratori che, sulla base di procedure prestabilite e seguendo istruzioni dettagliate, svolgono attività esecutive inerenti la preparazione e lo smistamento dei documenti dal calcolatore, alla loro archiviazione e allinserimento di dati a mezzo di video terminali (data entry). 123
  32. 32. 2 3 4 5 5S 6 7 4° livello: lavoratori che, con le conoscenze tecniche richieste dal C.C.N.L. inerenti lo specifico settore di intervento (U.T.M., U.T.E., U.T.F.), hanno capacità operativa sul computer - grafico acquisita mediante corsi professionali specifici (capacità intesa come uso del sottoprodotto). 5° livello: lavoratori che, con le conoscenze tecniche per la definizione di disegni, schemi elettrici etc... richiesti dal C.C.N.L. inerenti lo specifico settore dintervento (U.T.M., U.T.L., U.T.F.)e avendo conoscenze di gestione dei disegni (acquisite mediante corsi) conoscenza transazioni e loro utilizzo sui terminali I.B.M. eseguono su computer - grafico particolari o schemi complessi predisponendoli per le procedure operative, inseriscono dati ai terminali I.B.M. per esecuzione di distinte e personalizzati, preparano i personalizzati, modificano programmi di disegno per le elaborazioni gestionali. 5°s livello: lavoratore che con le conoscenze del 5° livello è in grado di eseguire il coordinamento di procedure di risoluzione dei formati. 6° livello: Lavoratore che sulla base di specifiche conoscenze tecniche di progettazione inerenti il settore di intervento (U.T.M., U.T.E., U.T.F.) è in grado di provvedere a quanto necessario allaggiornamento del sistema operativo e al suo sviluppo e controllo. Può proporre modifiche alla struttura dei programmi applicativi e dei relativi archivi e/o deve essere in grado di eseguire analisi tecnica e di normalizzazione di tutti i formati. 7° livello: analista di procedure - determina la struttura completa di una procedura applicativa definendo programmi da sviluppare, il loro flusso nella procedura stessa e le relazioni con la struttura di “Data Base”. Valuta lentità dei programmi ai fini della pianificazione dei lavori. Stabilisce le fasi di sviluppo della programmazione, coordina le prove generali e ne convalida il buon fine e/o svolge lavori di progettazione meccanica con 1ausilio del computer e lo studio e 1analisi di possibili sviluppi futuri di progettazione e di nuovi metodi di lavoro. Può occuparsi anche di gestione e coordinamento di uno o più gruppi di lavoro. 124
  33. 33. 2 3 4 5 5S 6 714. LAVORI NON 14.A) Compiti vari dufficioSPECIALIZZATI Attività amministrativa di natura esecutiva - buona preparazione e pratica dufficio - vedi declaratorie eD’UFFICIO profili.A) COMPITI VARI A. 1. Stenodattilografa D’UFFICIO A.2. Archivista A.3. Addetto riproduz. copieA.1. A.4. Addetto riproduz. DisegniSTENODATTILOGRAFO X { Costituiscono esemplificazioni delle attività amministrative di cui sopra - buona preparazione eA.2 ARCHIVISTA X pratica di ufficio o corrispondente esperienza di lavoro.A.3 ADDETTO RIPROD.COPIE XA.4 ADDETTO RIPROD.DISEGNI XB) FATTORINI DIUFFICIO X X 125
  34. 34. NORMA TRANSITORIA Passaggi in 5°SNel momento di rendere applicativi i nuovi criteri di mobilità ed i nuovi profili professionali per il 5°s, nellearee di produzione (officina e montaggio), previsti dallaccordo aziendale del luglio 80, le parti concordanosulla necessità di individuare una norma di transizione avente valore in questo esclusivo momento e conlintesa che non costituirà in futuro termine di confronto. Si ric onosce il livello dì 5°s ai lavoratori che, nelcorso di una prolungata esperienza dì operaio specializzato provetto (facenti parte della prima quota dioperai al 5° livello) hanno dato particolari contributi ai lavoro dei reparti trasmettendo, anche conladdestramento di apprendisti e operai, un patrimonio essenziale e per la loro età avrebbero difficoltà adiniziare nuovi percorsi professionali.I lavoratori interessati allapplicazione di tale norma transitoria per i quali si fa’ luogo al passaggio dicategoria alla 5as a decorrere dall1/l/1981 risultano essere i seguenti:1039 Ret. PEDROLINI 25961032 “ DALLA 2597782 M.M. ZANELLO 25981498 Man. LABANT I 25991501 “ CAMPORESI 2600700 Agg. CARRETTI 2601989 “ SERMENGHI 2602848 “ MARCHESI 26031094 “ ZACCARI 2604642 Tor. REATTI 2605729 “ ANNOVI 26061910 “ NEGRI 2607768 PAGANINI 2608Le parti concordano nel ritenere questa norma e la sua applicazione non oggetto di ulteriore applicazione inaltri casi di passaggi di categoria. 126
  35. 35. - ALLEGATO -NOTA A VERBALE PER LAZIENDA SULLA NORMA TRANSITORIALa norma transitoria richiesta dal C. di F. è accettabile sotto laspetto economico (livello di paga di 5aS) enei limiti oggettivi di; persone e requisiti concordati in data 31/3/81.LAzienda ne attuerà tuttavia anche la parte normativa (liquidazione dellindennità di licenziamentosecondo contratto e riconoscimento della qualifica impiegatizia a tutti gli effetti) soltanto allo scopo dievitare una vertenza altrimenti insanabile.Eventuali ulteriori richieste personali o collettive che venissero in futuro proposte a titolo di confronto conla situazione dei lavoratori in oggetto, non potranno in alcun modo basarsi su di essa né invocate lavalutazione di cui sopra come precedente.Per L’azienda f.to Tagliani 31 ottobre 1981Lavoratori addetti a servizi di manovalanza e inseriti al secondo livello in assunzione.Si concorda di ritenere i 26 mesi previsti dallaccordo l971 come termine massimo al passaggio automaticoal 3° livello di lavoratori inseriti in lavori di produzione. Si concorda di valutare dopo un periodo minimo diun anno le caratteristiche professionali acquisite dai lavoratori inseriti in produzione. Quanto precede nonrappresenta un passaggio automatico alla categoria superiore. 127
  36. 36. UFFICIO TECNICO OFFICINALa nuova figura professionale che si vuole ipotizzare deve, con le caratteristiche professionali previste dal5° e 6° livello per 1’analista di metodi, cicli e tempi o attrezzi:Essere in grado, sulla base di una completa conoscenza del disegno costruttivo, di realizzare attrezzatureanche complesse, in base alle indicazioni generali ricevute, con capacità dì valutazione tecnico - economicaacquisita mediante una buona conoscenza delle tecnologie di lavorazione.Avere la capacità di effettuare lanalisi critica del disegno e di determinare, sempre in base ad istruzionigenerali, i parametri della lavorazione, la scelta degli utensili, la valutazione e le modifiche dei cicli dilavoro e la preparazione dei nastri per il CN.Essere in grado di effettuare lanalisi critica e la valutazione tecnico - economica di stampati e prelavorati.Per i lavoratori che non posseggono le conoscenze sopra richieste si concorda un metodo di rotazione.Si conviene di iniziare questa rotazione con i seguenti spostamenti articolati nelle seguenti fasi:1^ FASE ( da iniziare appena ultimato il lavoro corrente)Nanni J. U. prelavoratiNaldi GG C.N.Muzzi - Limoni } riprendono la conoscenza del C.N. in tempi diversificati e scaglionati2^ faseMuzzi - Limoni } arricchimento e rotazione allUTM con modalità da definire4.3.92 f.to Tagliani 128

×