• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
1969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243
 

1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243

on

  • 324 views

 

Statistics

Views

Total Views
324
Views on SlideShare
324
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    1969 accordi gd 10   1994 - 1995  pag 231 - 243 1969 accordi gd 10 1994 - 1995 pag 231 - 243 Document Transcript

    • ACCORDO AZIENDALE PER LUSO DEL TEMPO PARZIALECon riferimento alla Legge 19 dicembre 1984 n. 863, si concorda di applicare listituto del tempo parzialecon le seguenti modalità a modifica ed integrazione di quanto previsto con accordo aziendale del 4/2/88:a) Ne potranno fare richiesta i lavoratori tutti (esclusi i turnisti, trasfertisti ed impiegati con funzionidirettive, fatti salvi i casi di inequivocabile eccezionalità) nella misura del 2% del personale a tempo pieno.b) La richiesta va’ inoltrata per iscritto, con preavviso di tre mesi, alla Direzione Aziendale che nevaluterà la compatibilità con le esigenze di lavoro d ellAzienda.Tale richiesta dovrà essere giustificata da motivi di salute, necessità familiari e studio.O) La durata del periodo a tempo parziale non potrà essere, di norma, superiore a 12 mesi o noninferiore a 6 mesi, rinnovabile consensualmente.(1) La reversibilità della scelta resta reciprocamente garantita e le richieste di modifica del rapporto dilavoro dovranno pervenire per iscritto, di norma con preavviso di 3 mesi, per verificarne la compatibilitàcon le esigenze aziendali.e) Lorario di lavoro sarà articolato su 4 ore giornaliere per 5 giorni settimanali e 20 ore complessive(tempo parziale orizzontale). In alternativa lorario di lavoro sarà su 5 ore giornaliere per cinque giornisettimanali e 25 ore complessive.f) Il trattamento economico e gli istituti normativi (ferie, riduzione orario, 13a mensilità, premio diproduzione) saranno riproporzionati corrispondentemente alla prestazione effettuata rispetto allorarionormale previsto dal vigente Contratto Nazionale.in stretta relazione a quanto previsto dall’art. 5, 4° comma della Legge n. 863 del 1984, le particoncordano luso di limitate prestazioni di lavoro supplementare se motivate da necessità specifiche.per il Consiglio di Fabbrica per L’aziendaNota a verbale dellAziendaPer la sostituzione del lavoratore, ove ne ricorra la necessità, si farà. uso dello strumento del contratto atermine.Bologna, 22.04.1994 231
    • APPLICAZIONE PREVIDENZA INTEGRATIVA 1994VERBALE DI ACCORDOFra la Direzione G.D SPA, la FIM-FIOM-UILM Territoriale, ed il Consiglio di FabbricaPremesso- che il presente accordo si pone lobiettivo di rendere operativo quanto già sottoscritto in materia diprevidenza integrativa in data 4/2/88, 9/2/90 e 8/12/93, sulla base dellinterpretazione del D.L. n. 124 del 21aprile 1993 e futuri regolamenti di attuazione -- che le parti convengono di confermare quanto non espressamente derogato in questa sede -- e che le parti concordano nel ritenere che per i dipendenti che hanno aderito al Fondo Pensione"PREVILABOR" DI BOLOGNA (dora in poi FONDO) prima della data di entrata in vigore del citatoDecreto 124/93 è operativo quanto previsto dallart. 18 dello stesso Decreto -si conviene quanto segue:il presente accordo è operativo a far data 1 giugno 1994MODULISTICAIl dipendente che intende aderire al Fondo dovrà compilare apposito modello autorizzando lazienda adeffettuare le operazioni previste, indicando lammontare e la data di decorrenza delle trattenute in bustapaga relative ai contributi a suo carico da versare al Fondo.Gli importi potranno essere variati annualmente, nel rispetto dei limiti posti dagli accordi sottoscritti tra leparti, dai lavoratori già iscritti al Fondo.CONTRIBUTI AL FONDO PENSIONEI versamenti al Fondo sono a carico sia dellAzienda che del lavoratore socio del Fondo. Conformemente aquanto stabilito dallart. 13 del Decreto 124/93, limporto del contributo al Fondo non potrà eccedere il10%(dieci) della retribuzione assunta a base di calcolo del TFRIl versamento a carico dell’Azienda, pari a Lit. 130.000.-- annue, verrà effettuato con cadenza annuale a fardata da luglio 1994 sulla base della prestazione nel periodo 1/8 - 31/7.Il versamento a carico del lavoratore dovrà essere almeno di importo uguale alla quota del TFR di cui illavoratore chiede la destinazione al Fondo e verrà trattenuto mensilmente dalla sua busta paga.Il giorno di pagamento della retribuzione del mese di giugno di ciascun anno lAzienda verserà al Fondo laquota di TFR come da tabella allegata per ciascun lavoratore aderente. 232
    • MODALITA VERSAMENTI AL FONDO PENSIONELazienda verserà al Fondo, su apposito conto corrente, i contributi individuali trattenuti con la distinta delleposizioni ed i relativi importi previsti, con valuta del giorno di pagamento delle retribuzioni di ciascunmese.Analogamente, con cadenza mensile, comunicherà al Fondo attraverso apposito supporto magnetico, i datirelativi ad ogni singola posizione.NUOVI ASSUNTIPer i lavoratori assunti successivamente al presente accordo, l’Azienda si impegna, trascorso un anno dalladata di assunzione, a consegnare copia dello statuto, del regolamento e modulo di adesione al Fondo stessoal fine di consentirne l’adesione al Fondo.I contributi dei neo assunti verranno trattenuti nel primo mese utile e versati con la stessa periodicità sopradescritta.Il TFR verrà anticipato nel mese di Luglio successivo al compimento del primo anno di anzianità.NORMA FINALEQuanto oggetto del presente accordo dovrà in ogni modo essere conforme alle normative fiscali eprevidenziali in vigore e di nuova emanazione.Le parti si impegnano a riesaminare modifiche o innovazioni del quadro normativo che possano avereinfluenza sull’operatività del presente accordo per valutarne congiuntamente gli effetti e le ripercussionisulla gestione.TABELLA DEI VERSAMENTI 1994 - 1997dal 1 gennaio 1990Anticipo azienda TER contributo individuale minimoAnnuale annuale mensile360.000 360.000 30.000420.000 420.000 35.000480.000 480.000 40.000dal 1 gennaio 1995 un ulteriore fascia:600.000 600.000 50.000Bologna, 27/05/1994 233
    • ACCORDO NOVEMBRE 1994 - FLESSIBILITA 1995Il programma di produzione del 1995 è stato varato mediante il contemporaneo lancio in lavorazione dinumerose commesse, lancio che per la sua entità, la complessa articolazione, le prevedibili conseguenze, ladurata del ciclo produttivo, linteressamento di reparti e settori diversi prevede la mobilitazione di tutte leenergie e potenzialità dell’azienda,. nonché delle strutture esterne.Alla luce di quanto sopra le parti inizieranno a valutare nel suo complesso la situazione produttiva edoccupazionale nellambito degli obiettivi aziendali programmati ed in questo senso concorda di effettuareincontri trimestrali (o secondo necessità); a partire dalla firma del presente accordo, che di volta in voltaanalizzeranno la situazione nelle varie aree e nel corso dei quali si concorderanno le misure necessarie afronteggiare le difficoltà produttive.Tali incontri saranno finalizzati allapprofondimento di eventuali problemi di rilevante interesse comune,quali possono essere quelli riguardanti la qualità e 1’efficacia della struttura produttiva.Le parti convengono altresì che occorre conseguire la disponibilità dei lavoratori mediante informazioni eriferimenti ad obiettivi riconosciuti e condivisibili.Si conviene pertanto sull’utilità di realizzare un programma di lavoro straordinario concordato, nelle areeinvestite dalle necessità produttive e dallaumentato flusso di lavoro ed allo scopo si prevede anche larealizzazione di assunzioni, anche con contratti a termine, per i quali si applicherà la legge n.56/1987 e lart.1 bis d.g. sez. III paragrafo 2 lettera B del vigente C.C.N.L.Con tale premessa e con riferimento alle conseguenti valutazioni, tra le parti si concorda che: - per il taglio dei metalli si chiederà la disponibilità volontaria a mobilità interna e a turni di lavoro per 6/8 persone per circa quattro mesi. Per tale programma è previsto lorario di turni di lavoro con le modalità in atto aziendalmente, compensato con la tradizionale indennità giornaliera di Lit. 9.000 e con la corrispondente riduzione di orario. Trattandosi peraltro di turni occasionali, non si darà luogo alla riduzione della quota di ROL spettante contrattualmente ai normalisti. Si provvederà inoltre ad assumere 2 persone con contratti a termine, come addette alle mansioni di taglio da impiegare nei turni e/o come normalisti.Questo accordo rappresenta il segmento iniziale di un programma di valutazioni ed iniziative che le partiritengono di adottare per fare fronte ad una situazione produttiva molto impegnativa e per risolvere lamedesima con modalità conformi all’interesse comune, partendo dalle considerazioni generali contenutenegli accordi aziendali vigenti.Prima della fine del corrente anno verrà concordato un nuovo trattamento retributivo e normativo del lavorostraordinario avanzata dai responsabili dei reparti ed uffici, allo scopo di contenerne e mirarnel’effettuazione alle sole situazioni di vera necessità, nel rispetto del presente accordo.per lAzienda per le R.S.U.10 novembre 1994 234
    • ACCORDO FLESSIBILITA 1995 Le parti concordano di proseguire la valutazione dei problemi della qualità ed efficacia della strutturaproduttiva con riferimento al programma di lavoro per il 1995 e alla premessa dellaccordo del 10/11/1994.OCCUPAZIONE E ASSETTI PRODUTTIVINel corso dei successivi incontri previsti tra le parti dallaccordo 10/11/94, verranno aggiornate levalutazioni dei problemi occupazionali e produttivi delle varie aree sulla base di un programma dicommesse produttive e di corrispondenti ore straordinarie richieste dallazienda, come da allegato 1). Taleallegato sarà oggetto di un primo incontro di confronto da realizzarsi entro il 20/01/1995.L’azienda metterà a disposizione delle RSU indicatori ed informazioni sulle assunzioni effettuate nel 1993e 1994 integrandole con valutazioni utili a sviluppare le più coerenti analisi e soluzioni.Come primo quadro generale, si prevede di realizzare il programma di assunzioni per il 1995,.secondo gliobiettivi e le finalità sopra definite, come previsto nellallegato 2).Quanto sopra metterà in evidenza la necessità di misure di flessibilità e renderà possibile sviluppareleffettuazione di lavoro straordinario con le seguenti modalità e trattamenti.TRATTAMENTO RETRIBUTIVO E NORMATIVO1 - Volontarietà: si fa’ salva la volontarietà della prestazione nei limiti delle finalità dellaccordo e lapossibilità di alternare straordinari durante i giorni lavorativi normali e al sabato.2 - Quote di maggiorazione per ogni ora (vedi sistema dellaccordo 1993):Livelli Maggiorazione Lorda2° - 3° Lit. 3.300.4° 3.500.5° 3.700. 5°/S 4.000.6° 4.500.3 - Possibilità di usare nel 1996 di permessi non retribuiti per un numero di ore fino al 15% delle ore distraordinario effettuate individualmente nel 1995.4 - Per compensare limpegno produttivo previsto per il 1995 si concorda di pagare a titolo di salariovariabile per lo stesso 1995 i seguenti importi:Livello Acconto Febbraio 1995 Saldo Novembre 1995 TOTALE2° Lit. 123.666 Lit. 247.334 Lit. 371.000.3° 132.333 264.667 397.000.4° 140.000 280.000 420.000.5° 153.333 306.667 460.000.5°/S 165.000 330.000 495.000.6° 181.333 362.667 544.000.7° 198.666 397.337 596.000. 235
    • La quota salariale sopra indicata non sarà oggetto di riferimento per la definizione del salario variabile 2.N.B. Gli importi del punto 4 saranno utili agli effetti del TFR.APPLICAZIONE ACCORDO 8 DICEMBRE 1993Le parti si danno atto che lapplicazione dellaccordo 1993 dovrà prevedere a partire dal gennaio 1995,incontri di verifica sui punti indicati nellallegato 3).la definizione degli indicatori di variabile 1 e variabile 2 verrà effettuata, sulla base di quanto previsto apag. 7 dellaccordo aziendale 8/12/93 (obiettivi e criteri degli indicatori di produttività), entro marzo/aprile1995.per le RSUper LAziendaBologna, 20 gennaio 1995 236
    • CALENDARIO DI LAVORO PER IL 1995In relazione a quanto previsto dal vigente C.C.N.L. le parti convengono quanto segue:1 - a)la riduzione di orario contrattuale per i lavoratori a regime di orario normale e discontinuo vienerealizzata per il 1995 mediante godimento individuale nel corso dellanno di 64 ore di permesso personaleretribuito.Tali permessi dovranno trovare posto nella normale programmazione dei riposi e delle prestazioni ecomunque essere richiesti con congruo anticipo ai capireparto, salvo casi eccezionali di necessita e urgenza.i;) La riduzione di orario contrattuale di ulteriori 8 ore viene attribuita a tutti i lavoratori mediante chiusuracollettiva il 24 aprile 1995.In via transitoria per il 1995 1amministrazione delle R.O.L non sarà tenuta separata, ma le ore spettantiverranno cumulate alle ore spettanti di ferie.Le quattro ex festività lavorate saranno recuperate con le seguenti modalità:14 Agosto 199527 Dicembre 199528 Dicembre 199529 Dicembre 1995Pertanto gli stabilimenti di Bologna, Anzola e Villanova resteranno chiusi nel periodo natalizio dal23/12/1995 al 1/1/1996.Nel caso in cui siano necessarie prestazioni lavorative nelle giornate di chiusura sia nel periodo natalizioche nei due ponti del 24-25 aprile e del 14-15 agosto, le ore di ROL e di ex Festività non godute verrannoretribuite e le ore lavorate verranno compensate con le maggiorazioni contrattuali aziendali.3 - La festività del S. Patrono è fissata il 4 Ottobre 1995 anche per gli stabilimenti di Anzola e Villanova.4 – Le parti si danno reciprocamente atto della necessità di programmare il calendario a partire dal 1996 inmodo da tener conto dellaumentata quantità delle ore di ROL al fine di realizzare una equilibrataripartizione tra quote a godimento individuale e collettivo -5 - Si ritiene infine di dover operare per modificare abitudini personali ed obiettivi di programmazione inmateria di godimento delle ferie individuali.Lazienda pagherà le residue ore non fruite nel 1995 con la paga di febbraio 1996 e impartirà tassativedisposizioni a tutte le strutture per limitare i riporti di ore al 1996.Per le RSU Per l’aziendaBologna 11.04.1995 237
    • 238
    • ACCORDO SULLA FLESSIBILITA 1995Sulla base di unampia informazione riguardante landamento di mercato e di prodotto, i programmi didecentramento, le caratteristiche e le connotazioni delloccupazione aziendale suddivisa per funzioni ed areecon riferimento alla particolare situazione critica della produzione, le parti continuano lanalisi e lavalutazione dei problemi della qualità ed efficacia della struttura produttiva.Un quadro ancora più preciso e di prospettiva sarà fornito in occasione dellinformativa annuale che avverràentro il corrente mese o inizi di maggio p.v.Si concorda che i problemi in parte congiunturali ed in parte strutturali legati agli aumenti dei volumiproduttivi e di sviluppo richiedono soluzioni che assicurino nel medio periodo i livelli occupazionalinecessari ai volumi di lavoro previsti e risolvano nel breve le eccedenze critiche derivanti dallattualesituazione che registra una domanda superiore allo sviluppo atteso.Le parti concordano di dare applicazione alle valutazioni previste dagli accordi 10/11/94 e 20/1/95, perapprofondire problemi riguardanti i reparti e le aree interessate.PROGRAMMA PRODUTTIVO E OCCUPAZIONALELazienda ha fornito dettagliate informazioni sui programmi produttivi gli investimenti, la ricerca, inriferimento anche agli obiettivi da conseguire, agli attuali ed ai nuovi progetti.Inoltre è stata fornita unanalisi dettagliata delle assunzioni effettuate (61 unità tra gennaio e marzo 1995) edin corso di effettuazione, consistenti in ulteriori 20 unità previste per il corrente mese, articolate per aree ereparti.Tale situazione verrà aggiornata trimestralmente allo scopo di consentire le più coerenti valutazionidellimpatto sui programmi produttivi interni e dello sviluppo del decentramento, anche in relazione allanecessità di flessibilità, che costituisce parte del presente accordo.Coerentemente con quanto sopra, lAzienda si impegna ad effettuare ulteriori 50 nuove assunzioni,aggiuntive al ripristino del turnover, di cui 25 entro il mese di luglio nellarea di produzione e 25 entrolanno nelle aree ufficio tecnico e montaggio.Pertanto i lavoratori occupati saranno a fine 1995 almeno 1530, con almeno 131 nuovi assunti, con laconferma, da valutare tra le parti alla scadenza, dei contratti a termine realizzati nei presupposti deiprogrammi produttivi in oggetto.I lavoratori neo assunti, continuando nella prassi in uso, saranno messi in condizione di conseguire unaadeguata formazione professionale tramite affiancamento.In aggiunta lAzienda ha predisposto iniziative di ulteriore decentramento produttivo in aziende contecnologie compatibili, favorendo il consolidamento occupazionale in quelle realtà. Tuttavia lAziendastima che il programma produttivo da conseguire internamente per il 1995 debba essere incrementatorispetto allaccordo già vigente. 239
    • ORARIO DI LAVOROVerificati i volumi produttivi, limpegno occupazionale, gli investimenti e tutte le soluzioni messe in atto, siconviene che per tutto il 1995 fatta salva la volontarietà e il rispetto del calendario concordato e programmiferie 1995, sarà possibile il ricorso a regimi di orari di lavoro flessibili con le seguenti modalità:1. Possibilità per i normalisti di effettuare ore di straordinario in entrata o in uscita tra le ore 7,00 e le 18,00, dal lunedì al venerdì con un sistema di orario a frazione di 30.2. Possibilità per i normalisti di effettuare ore di straordinario nella mat tinata del sabato tra le ore 7,00 e le 13,00.3. Possibilità dellutilizzo di regimi di turnazioni non strutturali in montaggio, in particolare in fase di collaudo dei complessi ed ove strettamente necessario.4. Possibilità di utilizzare sabati lavorativi nelle aree mirate, su due turni, dalle ore 6,00 alle 12,00 e dalle ore 12,00 alle 18,00.FORMAZIONE PROFESSIONALEI progetti di formazione professionale programmati per il 1995 e per parte dei quali lAzienda ha richiestocontributi al Fondo Sociale Europeo, sono stati oggetto di una prima informazione tra le parti al momentodella presentazione del progetto di finanziamento. Essi saranno oggetto di un approfondimento con le R.S.U. in merito ai contenuti, al numero deipartecipanti, alle modalità di accesso, alle condizioni di partecipazione ed ai riflessi professionali, nel mesedi maggio.Sperimentalmente, a partire dal 1996, le parti valuteranno le modalità per attivare un programma diformazione estiva per i giovani delle scuole industriali, tecniche e professionali, con la possibilità dicostituire piccoli gruppi di lavoro da affidare a lavoratori «senior» con elevata capacità professionale.In riferimento alla certificazione della qualità ISO 9001 e più in generale sulle esigenze della Qualità e lanecessaria valorizzazione delle risorse umane, si darà corso nel mese di giugno ad un incontro tra le R.S.U.e la Direzione Aziendale per una specifica informazione sul merito.INQUADRAMENTO PROFESSIONALENel ribadire gli orientamenti e le linee operative espresse negli accordi aziendali vigenti in materia diprofessionalità, entro il mese di maggio verranno valutate, con le normative vigenti le proposte dei passaggidi categoria presentate dalle R.S.U. Inoltre a partire dal mese di giugno si inizierà lapplicazione delcontratto aziendale 1993 mediante valutazione delle proposte delle parti in materia di nuove figureprofessionali non previste dagli attuali reticoli aziendali. 240
    • AMBIENTELAzienda effettuerà un’attenta analisi su clima e temperatura ambientale nei reparti critici e verificherà intempi utili con le R.S.U. le soluzioni più idonee per alleviare tali problemi per il periodo estivo, a partire dal1995.Nel frattempo sono in corso di svolgimento lavori di riassetto delle coperture dei reparti tornio, attrezzeria,ex sala esperimenti e lavori di sopraelevazione con ricostruzione parziale della copertura del repartomontaggio e della sala mensa G.D 1. Si conviene di analizzare i risultati di tali opere allo scopo diverificarne gli effetti conseguiti sul clima ambientale al fine di trovare le soluzioni più idonee da applicareprima dellestate 1996.RETRIBUZIONE In relazione al programma. di lavoro straordinario concordato per le aree mirate in allegato, si convieneche, fermo restando ladesione volontaria di ogni singolo lavoratore/trice ed in base alle modalità di orariodi lavoro sopra concordate, per tutto il 1995 lAzienda erogherà per ogni singola ora straordinaria lesottoindicate maggiorazioni aggiuntive allaccordo del 20/1/95 e riparametrate al 5° livello, sulla base deiparametri concordati:1. Prestazioni straordinarie dal lunedì al venerdì: Lit. 3.000.2. Prestazioni straordinarie nella giornata di sabato: Lit. 5.000.3. Prestazioni straordinarie a turno nella giornata di sabato: Lit. 5.000.Inoltre per il turno del mattino del sabato viene riconosciuta unulteriore indennità di Lit. 15.000, che saràelevata a Lit. 50.000 per il turno del pomeriggio.LAzienda, a seguito delle verifiche già stabilite per i mesi di giugno, ottobre e dicembre 1995, e qualora lasituazione produttiva rispetti gli obiettivi oggetto dellaccordo erogherà a consuntivo per ogni orastraordinaria effettuata nel periodo in esame unulteriore maggiorazione di Lit. 1.500 al 5° livello suparametri concordati.A conclusione del presente accordo, che vede un sensibile impegno delle parti nel far fronte ad unadomanda superiore allo sviluppo atteso, e nel rispetto degli obiettivi concordati, l’Azienda erogherà a tutti idipendenti una quota salariale UNA-TANTUM di Lit. 300.000 riparametrate al 5° livello, utile agli effettidel TFR, con erogazione nella retribuzione del mese di dicembre 1995: come da prospetto allegato.per lAzienda per le RSUBologna, 4 Maggio 1995 241
    • ALLEGATO APARAMETRAZIONE DELLE MAGGIORAZIONIIMPORTI LORDI ORARIPRESTAZIONI PRESTAZIONI PRESTAZIONIPUNTO 1) PUNTO 2 e 3) A CONSUNTIVO TRIMESTRALE2° liv. 2680 4460 13203° 2680 4460 13204° 2840 4730 14005° 3000 5000 15005°/S 3240 5400 16006° 3650 6070 1800Le maggiorazioni di cui sopra competono ai lavoratori compresi nelle aree mirate previste in allegato, per ilperiodo maggio - dicembre. Eventuali aggiunte di reparti o gruppi di lavoratori saranno oggetto di specifica valutazione congiunta,soltanto se e dal momento in cui si renderanno necessari aumenti delle quantità di ore previste dalprogramma allegato allaccordo 20/1/1995.UNA-TANTUM DICEMBRE 1995IMPORTI LORDI2° Lit. 250 .0003° 260 .0004° 280 .0005° 300 .0005°/S 330 .0006° 360 .0007° 390 .000NORME TRANSITORIELe parti concordano di abolire per il 1995 il limite delle 24 ore mensili previsto nei precedenti accordi, adecorrere dal 2/5/1995, non sarà più operante il limite di cui sopra, oltre il quale verranno pertanto pagate lemaggiorazioni concordate per reparti e tipologie.Le parti concordano inoltre di eliminare i riporti di ore da pagare a fine 1995 ancora previsti dallaccordo20/1/95 e pertanto tutte le ore di straordinario effettuate dal 2/5/95 saranno pagate nel mese di competenza,fatta esclusione soltanto della maggiorazione di Lit. 1.500 parametrata al 5° livello come sopra. Inoltre tutte le ore di straordinario già accantonate nei mesi gennaio - aprile 1995saranno liquidate con la retribuzione del mese di aprile. 242
    • Bologna, 7 Luglio 1995 ACCORDO AZIENDALE REPARTI TORNERIALe parti convengono e riconoscono che nell’ambito del processo aziendale di perseguimento delmiglioramento di qualità del prodotto, la formazione e qualificazione professionale dei lavoratorirappresentano al tempo stesso uno strumento ed un obiettivo da conseguire anche mediante limpiego ditecnologia avanzata.In relazione a questo, l’Azienda ha dato ampia informazione alle RSU su un progetto sperimentale daattuare nei reparti di torneria, articolato sul controllo e collaudo del pezzo, sulla segnalazione di nonconformità, sull’automanutenzione e sulla corretta movimentazione dei pezzi.Tale sperimentazione avrà la durata di circa un anno e sarà dotata di strumentazione informatica: verrannoinfatti prossimamente installati a bordo macchina dei PC con funzione di raccolta dati di produzione.I collaudi delle lavorazioni verranno eseguiti in parallelo (dall’operatore stesso e dal reparto collaudo)durante il periodo di sperimentazione secondo i procedimenti in uso già noti, con la dovuta assistenza deicapi - reparto e tecnici individuati.Le parti convengono che tale progetto potrà determinare un arricchimento professionale dei lavoratoricoinvolti.A sperimentazione ultimata, e secondo necessità le parti si confronteranno per valutarne i risultati e, selesperienza sarà stata positiva, per definire le modalità per la prosecuzione della stessa.Alleghiamo documentazione esplicativa del procedimento. 243