1969 accordi gd 09 1992 - 1993 pag 197 - 230

374 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
374
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

1969 accordi gd 09 1992 - 1993 pag 197 - 230

  1. 1. VERBALE DI ACCORDO FLESSIBILITA’ 1992Lazienda ha dato informazione alla controparte sulla situazione dei tempi di consegna di alcuni complessile cui specifiche sono state rese; note.Valutata la situazione e le necessità globali, si conviene di predisporre un programma di lavoro per ottosabati dei mesi di febbraio e marzo 1992, per il reparto montaggio meccanico ed elettrico, con le seguentimodalità.1 Sono invitati a partecipare, sia pur salvaguardando la volontarietà della prestazione, i tecnici del repartomontaggio meccanico ed elettrico.2.Orario: di norma dalle ore 7.00 alle ore 13.00 di sabato oltre ad una eventuale ora serale.3.Sarà possibile, ad ogni lavoratore che lo richieda, il recupero come permesso personale del 25% delle orelavorate, dopo il mese di maggio 1992.4.Le ore lavorate saranno maggiorate del 50% come da CCNL con le altre maggiorazioni di CCNL, quelleserali.5.Si corrisponderanno inoltre le seguenti maggiorazioni orarie lorde:fino al 4° livello Lit. 2.500 5° 2.700 5/s 3.000 6 3.400Lazienda fornirà, a consuntivo, le risultanze di questo accordo.Per il C.d.F. per l’aziendaBologna, 5 febbraio 1992 197
  2. 2. VERBALE DI ACCORDO FLESSIBILITA’ 1992 (2)1) L’Azienda ha illustrato alla controparte la situazione dei tempi di produzione e consegna di alcunicomplessi di formati, di gruppi e di ricambi, meglio specificati in allegato, che richiedono un impegnostraordinario per circa quattro sabati (29/2 - 7/3 - 14/3 - 21/3) per il montaggio formati meccanici edelettrici, collaudo macchine ed imballi e montaggio macchine e ricambi.2) Sono state inoltre valutate le necessità di intervento in Sala Esperimenti e Manifattura per i prototipidella X2000, per i quali si prevede la continuazione di alcuni turni di lavoro e di straordinario secondonecessità fino alla data di consegna al cliente del secondo prevista per settembre p.v.Valutato quanto precede si conviene di predisporre un programma di lavoro per il punto 1) fino al 21/3, coneventuale verifica della situazione a quella data e per il punto 2) secondo modalità convenute verbalmentein rapporto alle problematiche tecniche organizzative specifiche dei singoli prototipi. Le modalità dieffettuazione di quanto precede sono le seguenti:1. Sono invitati a partecipare, sia pur salvaguardando la volontarietà della prestazione, i lavoratori deireparti interessati.2. Orario: di norma dalle ore 7.00 alle ore 13.00 di ogni sabato.3.Sarà possibile, ad ogni lavoratore che lo richieda, il recupero come permesso personale del 25% delle orelavorate, dopo il mese di settembre 1992.4. Le ore lavorate saranno maggiorate del 50% come da CCNL.5. Si corrisponderanno inoltre le seguenti maggiorazioni orarie lorde:fino al 4° livello Lit. 2.800 5° 3.000 5/s 3.300 6 3.700Lazienda fornirà, a consuntivo, le risultanz e di questo accordo.per il C.d.F. per l’aziendaBologna, 26.02.1992 198
  3. 3. SALARIO-PRODUTTIVITA (ACCORDI 04/02/88 e 31/07/89)In adempimento dellesperienza sperimentale in oggetto, lazienda ha dato informazione alla controparte deirisultati del 1991.Sulla base dei parametri riscontrati viene previsto il pagamento, a saldo del 1991, dei seguenti importi conla retribuzione del mese di febbraio corrente.CATEGORIE SALDO 19912a 91.9293a 100.0004a 108.0675a 125.0005/S 143.5536a 169.2887a 195.962Inoltre in relazione allandamento del triennio 1989-1990-1991 preso in considerazione, con la retribuzionedel mese di luglio 1992, verranno corrisposti i seguenti valori consolidati come previsto nellaccordo 31luglio 1989.CATEGORIE LORDO ANNUALE4a 349.3553a 380.0004a 410.6455a 475.0005S 545.4846a 643.5487 744.677Le parti si danno atto di avere realizzato il puntuale adempimento di quanto stabilito con gli accordiaziendali in oggetto.per il C. d F. per l’aziendaBologna, 28.02.1992 199
  4. 4. 05 gennaio 1993 VERBALE DI ACCORDO FLESSIBILITA’ 1993LAzienda ha informato il CdF/ G.D in merito ai contenuti ed alla consistenza dei programmi e degliimpegni produttivi già assunti per il 1993, per la realizzazione dei quali è richiesto un proficuo impegno ditutte le risorse aziendali.Le parti valutane concordemente di estrema importanza che il raggiungimento degli obiettivi in premessapermetta di mantenere o sviluppo del quadro occupazionale già realizzato nel 1992 (con un incremento di lcirca 70 posti di lavoro) e delleventuale possibile ulteriore aumento per i prossimi anni con i conseguentiprogrammi di investimento.In corso di svolgimento di quanto sopra concordato ed al fine di facilitarne la realizzazione e tenendo ancheconto delle esigenze che il C.d.F. ha esposto alla direzione aziendale, le parti svilupperanno confrontiinformativi finalizzati a migliorarne lapprofondimento e la valutazione dei problemi aziendali interni dirilevante interesse comune come, ad esempio, quelli inerenti lo sviluppo professionale dei lavoratori, la suavalutazione ed eventuali problemi critici riguardanti la qualità ed efficacia della struttura produttiva.in stretta relazione con quanto precede e tenuto conto dellImpegno positivamente espresso dai lavoratori,lazienda corrisponderà, con il mese di Febbraio 1993, i seguenti importi lordi una -tantum, a titolo diconseguimento del livelli produttivi per lanno 1992:2° livello Lit. 500.0003° 530.0004° 560.0005° 610.0005°/S 660.0006° 730.0007° 800.000Con il mese di Ottobre 1993, in relazione al positivo andamento nella consegna delle macchine, laziendacorrisponderà un ulterio re importo lordo una-tantum, secondo la seguente specifica:2° livello Lit. 1.000.0003° 1.070.0004° 1.140.0005° 1.240.0005°/S 1.340.0006° 1.470.0007° 1.600.000 200
  5. 5. - Allegato 1-Tenuto conto del rilevante sforzo necessario per il conseguimento degli obiettivi produttivi previsti per leconsegne del 1993, le parti si impegnano ad operare secondo un programma straordinario, predisposto apartire dal primo trimestre del 1993, e che riguarderà gli interventi di flessibilità necessari per risolvereproblemi critici di tempi e modalità di consegna delle commesse con verifiche normalmente trimestrali.MODALITA DI PAGAMENTOI due importi saranno erogati come elemento retributivo una-tantum comprensivo di ogni incidenza sugliistituti di legge e di contratto ed utile ai fini del TFR.Il primo dei due importi verrà corrisposto al personale in forza al 1° febbraio 1993 ed in servizio dal1/10/1992, con la paga di febbraio 1993.Gli assunti o rientrati in azienda dopo il 1/10/1992 riceveranno quote uguali al numero dei mesi di servizioprestato da ottobre 1992 a febbraio 1993 (o frazioni superiori a 15 giorni).Il secondo verrà pagato al personale in forza al 31/10/1993 ed in servizio al 1/1/1993, con la paga di ottobre1993.Per gli assunti e i rientrati in servizio dopo il 1/1/1993 verranno pagate quote mensili pari ai mesi diservizio prestato (o frazioni superiori a 15 giorni).I cessati fra il 1/1/1993 e il 31/10/1993 riceveranno quote mensili pari ai mesi di servizio prestato (ofrazioni superiori a 15 gg.).La qualifica di riferimento è quella attribuita ad ogni persona nel periodo di paga in cui viene erogata luna-tantum.NOTA A VERBALE DEL C.d.F./G.DIl Consiglio di Fabbrica ha informato la Direzione Aziendale che continuerà a sviluppare al suo interno itemi proposti ai lavoratori nella assemblea del 17.12.1992 e si impegna a portarne avanti lo sviluppo senzacreare ostacoli al raggiungimento degli obiettivi del presente accordo. 201
  6. 6. PROGRAMMA STRAORDINARIO 1993In relazione agli obiettivi assunti dalle parti mediante accordo 5/1/93, si concorda di realizzare unprogramma straordinario, la cui prima parte avrà decorrenza fino al 30 aprile p. v. (allegato 1)Tale programma riguarda i problemi critici di più rilevante entità prevedibili attualmente; investe in lineaprincipale i settori tecnici, i montaggi, i servizi legati alla produzione (magazzini, imballi, collaudo,trasporti etc.) e configura una previsione di interventi anche nei reparti dofficina, al momento nonquantificabili dettagliatamente e che lo saranno soltanto in relazione allavanzamento del lavoro sullecommesse ed alle reali necessità di uso dello straordinario.Modalità:1 - Si fa salva la volontarietà della prestazione nei limiti delle finalità dellaccordo e la possibilità dialternare prestazioni straordinarie durante i giorni lavorativi normali e di sabato.2 - Allo scopo di compensare ulteriormente lo sforzo aggiuntivo di coloro che daranno attività oltre le 12, le18 oppure le 24 ore mensili, lazienda corrisponderà un compenso forfetario in aggiunta alle maggiorazionidi contratto nazionale, come definito nellallegato (2) Tale compenso non deve costituire precedente per altre operazioni future con diverse finalità ed obiettivi eva’ inquadrato nello spirito complessivo dellaccordo 5/1/93.In occasione delle valutazioni periodiche concordate per i mesi di maggio e settembre p.v., il programmastraordinario sarà rinnovato a cura dellazienda sempre in relazione mirata alle ulteriori situazioni critiche etenendo conto delle difficoltà eventualmente riscontrate e allimpegno relativo ai tempi di consegna dellecommesse. 202
  7. 7. Allegato 1) PROGRAMMA AL 30/04/1993 (dati orientativi) OreMontaggio Formati Meccanici 500 Elettrici 400 Meccanici (GD 3) 1800 Elettrici (GD 3) 500Montaggio Macchine, Ricambi, Sala Esperimenti X2000 2000Ufficio Tecnico Meccanico (X2000) 270 (C600 - CK) 300 (CT - CV) 360 (Cataloghi Lay-out altri) 700 Formati 1200 tecnico Elettrico(BO) 1100Ufficio Tecnico Meccanico (GD3) 1400 Elettrico(GD3) 560Imballi, Pulizie, Collaudo 500 203
  8. 8. Allegato 2)Categoria 12 ore mensili 18 ore mensili 24 ore mensili.-2a L.32.000 L.48.000 L.64.0003a L.32.000 L.48.000 L.64.0004a L.34.000 L.51.000 L.68.0005a L.36.000 L.54.000 L.72.0005/S L.40.000 L.64.000 L.80.0006a L.44.000 L.66.000 L.88.000N.B. LAzienda riporterà a dicembre 1993 le ore di straordinario di ogni mese superiori a 6 e fino a 11, da13 a 17 e da 19 a 23 per il pagamento del compenso in oggetto in forma globale. Il premio turno giornaliero di L. 7.500 verrà erogato soltanto su macchine a più avanzata tecnologiaspecificamente individuate.Bologna, 26.01.1993 204
  9. 9. 205
  10. 10. ACCORDO AZIENDALE 8/12/1993TRA LA DIREZIONE DELLA G.D S.p.A. e il CONSIGLIO DI FABBRICA DELLAZIENDA CONLASSISTENZA DELLA FIOM-CGIL, DELLA FIM-CISL E DELLA UILM-UIL SI CONVIENEQUANTO SEGUE:1) POLITICA INDUSTRIALELe parti hanno effettuato unaccurata ed approfondita analisi dellattuale fase di recessione economica, sueconseguenze ed effetti ed osservano con forte preoccupazione landamento del mercato del tabacco per isuoi possibili riflessi futuri sulla politica industriale e sugli assetti organizzativi dellazienda.Sulla base di quanto precede, pertanto, le parti concordemente ribadiscono che sono obiettivi fondamentalidi comune interesse:1.mantenere e sviluppare la competitività dellimpresa mediante il perseguimento di miglioramentiqualitativi della produttività globale2. sviluppare le professionalità e le c apacità della risorsa umana in forme sempre più integrate, comeprevisto specificamente ai punti seguenti, al fine di conseguire il miglior utilizzo degli investimenti tecnici eproduttivi.3. continuare a perseguire nei limiti delle compatibilità finanziarie aziendali, una politica di investimenti inuomini e mezzi dedicata allinnovazione per il mantenimento della leadership nei tradizionali settorimerceologici dellazienda e per gli studi di prodotti diversi e/o di soluzioni tecniche innovative rispettoallesperienza realizzata.Quanto sopra premesso, si concorda di configurare un quadro di relazioni industriali articolate sul confrontotradizionale tra le parti, che si sviluppi con modalità sempre più consape voli, responsabili e costruttive, conmetodo pragmatico indirizzato alla soluzione dei problemi e al conseguimento degli obiettivi aziendali edegli interessi generali dei lavoratori.Per quanto concerne gli assetti industriali, le parti considerano che, anche grazie allimpegno ed agliinvestimenti realizzati, la produzione delle macchine tradizionali nellAzienda ACMA si è andatacaratterizzando secondo i programmi e le previsioni come entità sempre più autonoma e diversificata daltabacco, integrandosi in tale azienda.Tuttavia, tenuto conto di quanto concordato in occasione delloperazione di conferimento del ramotradizionale, le parti convengono di proseguire la prassi dellinformativa annuale sulloperazione e sui suoifuturi sviluppi.Qualora peraltro fatti straordinari determinassero cambiamenti sostanziali della struttura di tale ramo diazienda, verrà attivata unulteriore informativa a richiesta del Consiglio di Fabbrica. 206
  11. 11. 2) PROCEDURE E REGOLENellintento di perseguire un costante miglioramento degli obiettivi indicati in premessa sviluppando valideforme di rapporti sindacali aziendali, le parti convengono di costituire i due seguenti gruppi tecnici, la cuicomposizione sarà definita e individuata per argomento, in rappresentanza dellAzienda e del Consiglio diFabbrica:Gruppo Tecnico pari - opportunità uomo - donnaGruppo Tecnico ambiente di lavoro e sicurezza.Tali gruppi, nellambito delle relative competenze specifiche descritte negli allegati, svilupperanno la loroattività consultiva su obiettivi di analisi, studio, scambio di informazioni e conoscenze tra le parti, eproposte sui problemi trattati.Considerata la rilevanza degli argomenti della formazione e dello sviluppo professionale che avrannoapprofondimenti nei punti successivi, tali tematiche verranno affrontate direttamente tra il Consiglio diFabbrica e la Direzione Aziendale.3) ASSETTI PRODUTTIVI E DECENTRAMENTOPremesso che il rilevante aumento dei volumi produttivi ha forzatamente portato lAzienda a sviluppare leproprie attività di processo in numerose unità produttive non vicine tra loro, lAzienda conferma limpegnoa raggiungere un pieno e razionale utilizzo delle stesse con lintendimento di ridurre al massimo i costi inparte derivanti dalle loro diverse dislocazioni.Il miglioramento continuo dei collegamenti costituisce pertanto un importante obiettivo da perseguiremediante interventi di programmazione dei flussi di materiali, tenendo conto delle tipologie e complessitàdelle lavorazioni e delle caratteristiche dei cicli produttivi (vedi allegato 1).DECENTRAMENTO PRODUTTIVOTale attività risponde alle esigenze d i flessibilità della produzione aziendale secondo gli orientamenti giàespressi dalle parti in precedenti accordi.Inoltre lo sviluppo dellintero ciclo produttivo continuerà a privilegiare, in caso di necessità future, lesoluzioni di produzione interna e su tale obiettivo le parti si confronteranno quando necessario secondo leprassi in uso.In merito alle prove di autocertificazione della produzione avviate presso alcuni fornitori, lAzienda forniràal Consiglio di Fabbrica indicazioni e valutazioni tecniche che saranno oggetto di riferimenti e valutazioniper la definizione di orientamenti aziendali. 207
  12. 12. 4) RICERCA E SVILUPPOLe parti ribadiscono quanto concordato in premessa sull’importanza strategica di una politica diinvestimenti in tale settore.In questo ambito, i rilevanti investimenti che sono stati riservati alla costituzione di gruppi dedicati allaricerca, alla progettazione ed allo sviluppo delle macchine esistenti, sia per la parte meccanica che per laparte elettronica, necessitano di un impegno di coordinamento e di diffusione delle informazioni tecniche.Fatta salva la necessaria riservatezza e cautela in materia di proprietà industriale, le parti concordano sullaopportunità che vengano perseguite forme e modalità avanzate di diffusione interna della documentazionetecnica che impegneranno direttamente i responsabili delle varie unità progettuali, avvalendosi sia distrumenti elettronici che di altre forme di comunicazione.Nellambito delle iniziative di formazione verrà data specifica rilevanza anche alle tematiche connesse allaformazione del personale interessato.5-6) ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E VALORIZZAZIONE PROFESSIONALEIn una visione integrata dello sviluppo dellAzienda ed al fine di coglierne le novità che si sono verificatesia in ambito tecnico che organizzativo ed inoltre per realizzare quanto previsto al punto 2 degli obiettivigenerali del capitolo Politica Industriale l’inquadramento professionale delle persone e lorganizzazione dellavoro si prestano ad una sintesi che consenta di predisporre concetti e strumenti adatti al formaleinquadramento dei lavoratori e, contemporaneamente, valorizzi levoluzione delle conoscenze tecniche e deiruoli organizzativi.Nellintento di verificare lo sviluppo dei modelli di organizzazione del lavoro e le possibilità direalizzazione dei percorsi professionali, le parti concordano di descrivere nellambito aziendale, quei criterie quelle esperienze che potranno essere particolarmente utili nella identificazione di tappe professionali, diesigenze di formazione, e conoscenze acquisite e da acquisire, il tutto al fine di migliorare laspecializzazione e lo sviluppo professionale individuale, valorizzare la capacità… dei singoli di integrarsicon le diverse attività aziendali e le complesse esigenze di gestione organizzativa.LAzienda ed il C.d.F. verificheranno entro 12-18 mesi dalla firma del presente accordo, il raggiungimentodegli obiettivi sopra definiti. Lazienda ha fornito alcuni allegati con le indicazioni di sviluppoprofessionale, al fine di consolidare, sulla base delle esperienze maturate, gli obiettivi e gli strumenti dicrescita professionale che si sono dimostrati coerenti con levoluzione della nostra realtà aziendale.7) AMBIENTE DI LAVOROLa cura, lattenzione e linteresse per i problemi dellambiente, della sicurezza, delligiene del lavoro, deiservizi aziendali costituiscono elementi di qualità delle relazioni industriali.Come logica e coerente conseguenza di quanto sopra, le parti concordano di sviluppare un gruppo tecnicosperimentale come descritto in allegato 2. 208
  13. 13. 8) SALARIOLe parti concordano di realizzare un programma di aumenti di retribuzione con le decorrenze indicate nelletabelle seguenti.Il programma di aumenti salariali in parte riconoscerà la maggiore professionalità acquisita ed in parteincentiverà la realizzazione dei programmi di produttività e qualità concordati fra l e parti.TABELLA A SUPERMINIMO AZIENDALE PARAMETRAZIONE E SCAGLIONAMENTI VALORI AUMENTI AL:PARAMETRO LIVELLO 01/01/94 01/01/95 01/01/96 TOTALE114 2° 72.500 13.000 8.500 94.000124 3° 78.500 14.000 9.500 102.000134 4° 85.000 15.000 10.000 110.000178 5/S 113.000 20.000 13.500 146.500210 6° 133.000 23.500 15.500 172.000243 7° 154.000 27.000 18.000 199.000TABELLA B RETRIBUZIONE VARIABILE VALORI NOMINALI DI RIFERIMENTO (ANNUO)PAR. LIVELLO 1994 1995 1996 1997114 2° var.1 424.000 424.000 424.000 424.000 var.2 371.000 636.000122 3° var.1 454.000 454.000 454.000 454.000 var.2 397.000 680.000129 4° var.1 480.000 480.000 480.000 480.000 var.2 420.000 720.000141 5° var.1 525.000 525.000 525.000 525.000 var.2 460.000 787.000152 5/S var.1 566.000 566.000 566.000 566.000 var.2 495.000 848.000167 6° var.1 621.000 621.000 621.000 621.000 var.2 544.000 932.000183 7° var.1 681.000 681.0006 681.000 681.000 var.2 596.000 1.021.000 209
  14. 14. OBIETTIVI E CRITERI DEGLI INDICATORI DI SALARIO PRODUTTIVITAPremessa generale:Per tutti gli indicatori si prenderà a riferimento landamento dei trend aziendali a consuntivo e previsionali,sui quali porre lobiettivo per il raggiungimento del valore a cui corrisponderà la quota salariale nominaledefinita nellaccordo.Si cercherà di cogliere nei trend il contenuto specifico dellattuale prestazione, in modo tale da potervalutare prestazioni che differiscono dalla base di riferimento.Variabile 1Indicatore sulla base del quale avviene lerogazione della quota salariale legata alla valutazione dellaprestazione tecnico - qualitativa.Come indicatori da definire in sede tecnica aziendale, si opererà sui seguenti:a. tempi di attraversamento come da accordo 1990b. modifiche tecniche di macchina su Unità Macchina consegnate, in riferimento a trend oggettivamenteriscontrabilic. errori di lavorazione dofficina e di montaggio intesi in riferimento al loro trend oggettivamenteriscontrabile.Variabile 2Indicatore sulla base del quale avviene lerogazione della quota salariale legata alla prestazione aziendaleglobale.Come indice di riferimento si opererà sul rapporto tra Unità Macchine consegnate e numero di dipendentidellazienda, avendo come obiettivo il miglioramento di quel rapporto che lesperienza aziendale del passatoha dimostrato essere in grado di assicurare la competitività dellazienda ed in riferimento al quale verràcorrisposta la quota salariale nominale definita in questo accordo.Per entrambi i due tipi di variabile le parti concordano di individuare entro il mese di aprile 1994 la tecnicadi rilevazione adeguata.Per la quota salariale variabile 1 le parti concordano lerogazione di un acconto nel mese di luglio a partiredal 1994 pari a Lit. 360.0O0.= e del saldo entro il mese di febbraio dellanno successivo a quello che nedetermina l’entità, come da tabella allegata.In riferimento alla quota salariale variabile 2 le parti verificheranno il raggiungimento degli obiettiviallinizio dellanno successivo a quello di riferimento con erogazione della quota salariale nel mese difebbraio dello stesso anno, come da tabella allegata. 210
  15. 15. 9) FORMAZIONE PROFESSIONALELe parti concordano di prestare particolare attenzione a tre orientamenti:a. la rilevazione dei bisogni di formazione inerente il normale sviluppo professionale, levoluzione delletecnologie usualmente utilizzate, lacquisizione delle conoscenze necessarie allo sviluppo di nuovetecnologie, di processo e di prodotto.b. la "messa in comune" di esperienze professionali avanzate e, comunque la capacità di raccontare, dipartecipare agli altri esperienze professionali che, per caratteristiche innovative e/o di eccellenza, possanointeressare una vasta pluralità di lavoratori.c. il controllo delle iniziative di formazione, al fine di consolidare le esperienze positive e migliorarecostantemente il "prodotto" formazione.Per concretizzare quanto sopra tra il Consiglio di Fabbrica e lAzienda si definiranno annualmente alcunetematiche formative di rilevanza generale e relative modalità di impegno.10) OCCUPAZIONELAzienda annualmente metterà a disposizione del Consiglio di Fabbrica gli indicatori delle assunzionieffettuate integrandoli con valutazioni utili a sviluppare le più coerenti opinioni ed analisi.La Direzione Aziendale, nel caso di necessità di assunzione di personale, oltre ad unattenzione ai giovaniin cerca di prima occupazione, verificherà assunzioni possibili dalle liste di mobilità.11) PARI OPPORTUNITAVedi allegato 3.12) ORARI DI LAVOROLe parti metteranno allo studio una tipologia di orario flessibile personalizzato per gli impiegati degli uffici,mediante una flessibilità limitata alla mezzora (dalle 8.00 alle 8.30 con uscita dalle 17.00 alle 17.30).Per gli stabilimenti di Anzola si valuterà la soluzione già sperimentata in G.D 2 (consistente nella riduzionea 45 minuti dell’intervallo di mensa e conseguente uscita anticipata alle ore 16.45), per estenderla anche aG.D 3 e nei suoi possibili sviluppi.Le parti concordano di aumentare l’indennità giornaliera per lavoratori turnisti di Lit. 1.500 lorde. 211
  16. 16. La turnazione del CED prevede le seguenti modalità:1. Gli operatori di sala macchine lavoreranno a rotazione in turni come di seguito indicati:1° Turno dalle ore 06.00 alle ore 13.00 dal lunedì al venerdì2° Turno dalle ore 13.00 alle ore 20.00 dal lunedì al venerdì3° Turno dalle ore 20.00 del lunedì alle ore 3.00 del sabato mattina, di cui mez zora di straordinarionotturno.2. La prestazione di lavoro effettiva sarà di ore 6.30 minuti per turno giornaliero con un intervallo di 30minuti per il pasto, escluso il notturno.Pertanto lorario settimanale normale viene determinato in 32 ore e 30 minuti effettivi per turno, fermorestando il trattamento economico di 40 ore e il pagamento del premio turno giornaliero e dellamaggiorazione contrattuale del 15% per le ore oltre le 20.00 serali.Inoltre viene corrisposto un compenso di Lit. 13.000. a libro paga per il turno notturno a titolo di indennitàdi mancata mensa.Lestensione del terzo turno ad altre aree aziendali potrà avvenire a seguito di intesa tra Azienda e Consigliodi Fabbrica.In tempi brevi le parti procederanno inoltre ad una valutazione complessiva dellapplicazione dellanormativa dellaccordo aziendale del 1988 sul part-time.LAzienda istituirà una forma limitata di aspettativa non retribuita e senza decorrenza di anzianità pernessun istituto, compatibilmente con le necessità di lavoro, per gravi e comprovati motivi di cura e diassistenza da parte del lavoratore richiedente, di un suo stretto familiare (moglie, marito, tiglio, padre,madre, convivente).La durata dellaspettativa non potrà superare i quattro mesi. La richiesta dovrà essere fatta alla DirezioneAziendale in forma scritta, con almeno un mese di preavviso rispetto alla data ipotizzata di decorrenza econtestualmente linteressato dovrà dichiararne i motivi ed impegnarsi a fornire la necessariadocumentazione.Il richiedente potrà ottenere lanticipazione di una quota del suo TFR maturato nellanno fino ad unmassimo di Lit. 600.000.= mensili cumulative lorde o di limite di capienza. 212
  17. 17. 13) PREVIDENZA E SANITAPREVIDENZA INTEGRATIVALe parti riconfermano laccordo aziendale 1988 in materia di previdenza integrativa.In relazione allesistente situazione normativa, lazienda mette a disposizione di tutti i lavoratori dipendenti,a far data dal luglio 1994, Lit. 130.000 annuali da utilizzare esclusivamente ai tini previsti dalla Legge124/93.Entro il mese di febbraio 1995 le parti si incontreranno per rimuovere tutte le eventuali incongruenze inmateria fiscale e normativa, alla luce dei decreti attuativi della sopra citata legge.SANITALAzienda si impegna a valutare la possibilità di stipulare, con le USL competenti, una convenzione chepreveda sperimentalmente leffettuazione di prelievi diagnostici individuali in azienda al di fuori delnormale orario di lavoro di ciascun interessato, al mattino, con restituzione degli esiti agli interessati neglistessi orari.Tale convenzione non deve prevedere oneri per lazienda se non per i locali e strutture idonei da mettere adisposizione per tale finalità.Le modalità verranno definite con apposito documento in applicazione della convenzione.CURE TERMALIPer le cure termali assimilate legislativamente alle malattie (legge 412/1991 e D.M. 12/8/1992) laziendacorrisponderà il trattamento economico a suo carico per legge e per contratto, a condizione del rispetto delleprocedure di documentazione ed accertamento previste dalle due leggi suddette e dalle relative disposizioniamministrative.In relazione ed occasione del possibile variare della situazione normativa, le parti valuteranno econcorderanno nuove coerenti forme di regolamentazione. 213
  18. 18. 14) MONTATORI TRASFERTISTISi concorda di adeguare lattuale normativa aziendale come da allegato n. 4.Lazienda completerà il trattamento di trasferta del personale che svolge attività presso altre sedi edecentramento.15) MONTE ORE DEL CONSIGLIO DI FABBRICAIl monte ore previsto per le attività del C.d.F. viene elevato a 5000 allanno, con riserva di modifica in basead eventuali diverse previsioni della legge attesa sulle R.S.U.Lazienda fornirà inoltre un rendiconto periodico alla controparte sulluso delle ore retribuite allo scopo diverificare il rispetto dellaccordo di cui sopra.16) CIRCOLO AZIENDALEA decorrere dal 1° gennaio 1994 lazienda eleverà a Lit. 2000 mensili il contributo pro - capite al CircoloAziendale e provvederà alla trattenuta dalla retribuzione dei lavoratori di una quota di Lit. 1000 mensili.17) QUOTA CONTRATTOPremesso che il Consiglio di Fabbrica ha dichiarato che richiederà ad ogni singola lavoratore non iscritto alsindacato il pagamento volontario di una quota di servizio contratto di Lit. 50.000, lazienda acconsentirà atrattenere ai lavoratori stessi dalla loro busta paga tale somma, facendo salva una loro chiara dichiarazionescritta individuale di non assenso, fornendo un rendiconto finale al Consiglio di Fabbrica.per il Consiglio di Fabbrica per lAziendaper la FIOM - CGILper la FIM - CISLper la UILM - UILBologna, 8 dicembre 1993 214
  19. 19. ALLEGATO 1: ASSETTI PRODUTTIVIIl quadro generale delle strutture organizzative è il seguente:a. Nella Sede principale G.D 1 non sono individuabili ulteriori spazi disponibili e idonei ad un significativoampliamento del reparto montaggio, che continuerà pertanto ad essere indirizzato in unità distaccate (G.D 7e G.D 8) a breve distanza dalla prima.b. Le strutture logistiche ed i magazzini sono in buona parte collocati a G.D 4, sono in fase dicompletamento e adeguamento costante alle necessità produttive di cui lAzienda terrà informato ilConsiglio di Fabbrica.Particolare cura ed attenzione verranno dedicate alla definizione degli obiettivi delle diverse strutture diservizio delle varie unità produttive (G.D 1 e G.D 2).c. Alla fine di luglio è stato realizzato il "Centro di Addestramento" nella nuova sede di via Veronese (G.D9).Lazienda ritiene che tale investimento costituisca un passo per affrontare i problemi di competitivitàderivanti dalla sfida tecnologica e commerciale dei prossimi anni, allo scopo di migliorare ulteriormente laqualità del servizio al cliente e limmagine dellazienda e del prodotto.I programmi di formazione del personale tecnico dei nostri clienti sono già iniziati in quantità rilevante.Nella fase iniziale di attività, dedicata in modo particolare ai problemi organizzativi e di gestione, vieneriservata molta attenzione alla definizione e messa a punto dei programmi di formazione, mediante lutilizzodi gruppi di macchina e di sofisticate apparecchiature strumentali e nuove metodologie di addestramento,allo scopo di accrescere le nostre esperienze globali in termini di efficacia dell’attività formativa -d. Nell’unità G.D 5 di Anzola sono iniziati i lavori di ampliamento e ristrutturazione che prevedono lamessa a disposizione di spazi per il miglioramento dellefficienza organizzativa delle attività di produzionedella Maker e della Mettifiltro con le connesse attività complementari e di servizio, in linea con iprogrammi illustrati nel corso dellinformazione industriale annuale.Ulteriori sviluppi saranno oggetto di informativa annuale. 215
  20. 20. ALLEGATO 2 "GRUPPO TECNICO SICUREZZA E AMBIENTE DI LAVORO"Le parti concordano di procedere dal 1° gennaio 1994 alla realizzazione di un Gruppo Tecnico per iproblemi della sicurezza e ambiente di lavoro composto di tre membri designati dallazienda e tre designatidal Consiglio di Fabbrica e avente lo scopo di analizzare, studiare e proporre soluzioni su eventualiproblemi aziendali.Il ruolo e l’attività del Gruppo sinquadra altresì nelle logiche della Legge n. 300/70 in ordine ai problemiattinenti la sicurezza sul lavoro.Pertanto, fatte salve lautonomia di gestione e responsabilità dellazienda, si conviene che tale Gruppo, lacui attività si intende sperimentalmente finalizzata alla prevenzione degli infortuni sul lavoro ed alla igienedel lavoro, preveda tra le proprie competenze:1. Iniziative di formazione alla sicurezza dei suoi membri, con specifico riferimento alle problematicheaziendali, da realizzarsi a partire dal mese di gennaio 1994 con impegnodi apprendimento individuale.2. Analisi sullapplicazione della legislazione nazionale e comunitaria in materia di sicurezza del lavoro,prevenzione, informazione dei lavoratori su tali tematiche, studio delle direttive sullimpiego dei mezzipersonali di tutela e prevenzione.3. Studio delle normative antinfortunistiche su impianti, attrezzature e ambienti di lavoro.4. Definizione di criteri per la raccolta, lelaborazione e la diffusione delle informazioni sui rischi delleattività lavorative e sui mezzi più idonei per evitarli.5. Controllo delle analisi delle sostanze e delle qualità dei materiali di lavorazione e di costruzioneambientale presenti nel nostro processo.6. Studio delle caratteristiche e qualità degli indumenti di lavoro e dei mezzi di protezione.7. Studio ed informazione sugli eventi infortunistici (statistiche per causali numero interventi, proposte dimezzi di protezione e verifiche congiunte sul loro effettivo e corretto utilizzo) e su altri fatti interessanti lasicurezza del lavoro.Il programma di lavoro del Gruppo, che agirà in stretto rapporto con le parti contraenti, dovrà prevedere, adecorrere dal 1° gennaio 1994, almeno una riunione mensile per tutto lannoAl termine del lavoro sperimentale che occuperà tutto il 1994, il Gruppo presenterà alla DirezioneAziendale ed al Consiglio di Fabbrica una valutazione scritta conclusiva del suo lavoro con indicazione deirisultati conseguiti in termini di argomenti e problemi trattati ed eventuali suggerimenti in materia. 216
  21. 21. ALLEGATO 3 GRUPPO TECNICO PARI-OPPORTUNITALa legislazione nazionale ha indicato le premesse e le linee generali di sviluppo di criteri di pari opportunitàdi lavoro e di condizioni fra donne e uomini.In relazione a quanto precede le parti ritengono utile costituire un Gruppo Tecnico dedicato a tale tematica.Il Gruppo, costituito da rappresentanti dellazienda e tre rappresentanti dei lavoratori, avrà funzioniconsultive e compiti di studio di fattibilità di azioni positive per diffondere atteggiamenti e comportamenticoerenti con i principi di pari opportunità. 217
  22. 22. ALLEGATO 4 REGOLAMENTAZIONE DELLE TRASFERTEORGANIZZAZIONE DELLE TRASFERTELe parti considerano molto utile per il conseguimento di miglioramenti di qualità ed efficienzadellassistenza tecnica, sviluppare le condizioni organizzative idonee a rafforzare i programmi e processi diformazione mediante 1’impiego delle più aggiornate tecniche e strumenti e con la disponibilità e limpegnodei lavoratori interessati.Particolare importanza rivestono le informazioni e documentazioni tecniche sulle caratteristiche generalidellintervento sulle modalità e tipologia della macchina, sulla sua condizione tecnica e le annotazioni suinterventi precedenti, attrezzature occorrenti ed altri suggerimenti.Tra gli strumenti riveste fondamentale importanza la realizzazione in fase di completamento di un sistemadi acquisizione, selezione e gestione di informazioni tecniche su banca dati con le finalità previstedall’accordo aziendale del 1988 che si ripetono qui di seguito per comodità e chiarezza:"Il database del reparto avrà lintendimento di favorire sia il necessario processo di aggiornamentopermanente dei lavoratori che la raccolta e la diffusione delle informazioni.Tale strumento sarà articolato sui seguenti contenuti:1. relazioni sulle trasferte2. rapporti scritti su esperienze tecniche significative3. libri di istruzione4. manuali di istruzione per lavori specifici (gruppi complessi)5. note tecniche di montaggio6. informazioni utili per la trasfertae questo mediante lutilizzo di un archivio centrale in funzione di supporto informatico.Il criterio di accesso alla banca dati è quello della finalizzazione delle informazioni allo svolgimento deicompiti affidati.Lo strumento di cui sopra dovrà evidenziare, nella sua applicazione, il ruolo particolare delle relazionitecniche più significative per contenuti ed accuratezza di analisi.Si conferma inoltre che il database di cui sopra comprenderà ed evidenzierà gli elementi più significatividelle osservazioni tecniche raccolte in trasferta valutate come utili elementi di riferimento per successiviinterventi similari.Alla luce dellaumentata complessità delle linee e con riferimento alle competenze diversificate richieste aitecnici, si concorda che lo svolgimento dellintervento possa in tali casi essere affidato anche a due tecnicimeccanici. 218
  23. 23. Potrà inoltre essere utilizzato prioritariamente per lintervento fuori Sede, fatte salve le esigenze tecniche dicui sopra, il tecnico che ha curato il collaudo finale in Sede della stessa macchina.Annualmente si svilupperà un confronto tra Azienda e Consiglio di Fabbrica che avrà ad oggetto i problem iorganizzativi delle trasferte.ORGANIZZAZIONE DEL LAVOROPer quanto concerne i percorsi organizzativi e professionali le parti rinviano a quanto previsto al punto 5/6dellaccordo aziendale.Le trasferte verranno normalmente richieste con una settimana di anticipo con lutilizzo del modelloallegato (A)Nelle situazioni realmente prevedibili (manutenzioni periodiche, collaudi a scadenze precise, etc.) laziendaprogrammerà un calendario di trasferte con ricerca e preavviso a scadenza definita ai lavoratori interessati,fatte salve esigenze particolari.In caso di revisioni complete e trasformazioni di macchine saranno inviati un tecnico con esperienza diformato e uno del montaggio macchine, quando la natura del lavoro lo giustifichi.Alla luce di quanto definito in premessa, verranno attuati criteri di rotazione che permettano ai tecnici diconseguire la maggior qualificazione ed escludano, nei limiti della disponibilità, prestazioni ripetuteparticolarmente nelle zone disagiateSotto laspetto della programmazione generale, in relazione principalmente alla maggior complessità edurata degli interventi per collaudi completi in paesi molto lontani, in caso di comprovate importantinecessità aziendali verrà consentito il superamento della base annuale della quantità media delle trasferte .In caso di comprovate importanti necessità personali o familiari verrà consentito il rientr o dalla trasferta inqualsiasi momento.In prospettiva le parti si danno atto di un reciproco impegno diretto a conseguire la migliore qualificazionetecnico - professionale dei lavoratori e le più razionali condizioni operative di trasferta.A tale scopo la tendenza sarà quella di una progressiva ricomposizione dei lavori di montaggio, collaudo eriparazione dei vari gruppi di macchine, estendendo, nel limite delle esigenze organizzative e produttive, leforme di rotazione e sperimentazione in tutta larea professionale del montaggio. 219
  24. 24. RETRIBUZIONE DI TRASFERTA1 - PREMIO TRASFERTA GIORNALIEROIl premio trasferta viene fissato nei seguenti importi giornalieri lordi:DAL 01.01.1994 4/5 5/S 6/7a) USA e Canada L. 18.400 20.700 26.500b) Europa e Oceania L. 28.700 32.000 39.000c) Sud America e Messico L. 35.700 40.000 46.000d) Africa e Asia L. 40.000 46.000 55.0002 - PREMIO TRASFERTA ANNUALEil premio annuale viene definito nelle seguenti misure lorde, rapportate al numero di giorni di trasfertanellanno:DAL 01.01 1994 4/5 5/5 6/7da 42 a 60giorni 520 .000 635 .000 750. 000da 61 a 75giorni 750 .000 920 .000 1.050. 000da 76 a 90giorni 920 .000 1.150 .000 1.400. 000oltre i 90giorni 1.200 .000 1.500 .000 1.700. 000e sarà pagato con la retribuzione del mese di gennaio successivo allanno di svolgimento delle trasferte. 220
  25. 25. RIMBORSI A PIE DI LISTAMASSIMALI DI SPESA (COLAZIONE, PASTI E PICCOLE SPESE)1. Verranno rimborsate soltanto le spese accompagnate da idonei documenti giustificativi.2. Le piccole spese varie (frigobar, caffè, bevande, giornali etc.) vengono indicate in valore massimalegiornaliero e dovranno essere giustificate. Germania Berlino USA G.Bret. Italia Austria Grecia Jugoslavia Portogallo Est Europa Equivalente DM DM $ Lst Lire ShColazione 16 26 11 12 15.000 110Due pasti 138 150 88 60 97.000 960Piccole spese 10 14 6 5 13.000 95 Spagna Svizzera Francia Finlandia Svezia Pts. Fr.Sv. Fr.Fr. Marchi F. KoronaColazione 1.000 20 60 55 80Due pasti 9.250 142 480 455 760Piccole spese 850 10 45 40 60 Belgio/Lussemb. Norvegia EIRE Danimarca Fr. Belgi Korona Lst.Irl. KoronaColazione 370 75 9 60Due pasti 2.950 600 49 600Piccole spese 280 45 5 50 Giappone Canada Australia Olanda Yen $ Canadesi $A F.Ol.Colazione 1.450 13 15 20Due pasti 13.630 88 114 174Piccole spese 920 9 11 14 Hong Kong Singapore Corea Vietnam US $ US $ US $Colazione 11 11 13Due pasti 88 88 98Piccole spese 6 6 9Considerando lelevata svalutazione delle monete degli altri Paesi extraeuropei, si stabilisce di fissare imassimali in $ U.S.A. 221
  26. 26. I seguenti massimali valgono quindi per tutto il Sud America, lAmerica Centrale, il Messico lAfrica, lAsiae la Turchia. Colazione Due pasti Piccole spese 10 77 6Gli importi sopra indicati devono essere cons iderati dei massimi non superabili; nel caso non fosseroraggiunti, la differenza verrà inserita in busta paga.Il dipendente può indicare chiaramente, nelle «Note varie» dellultimo foglio delle note spese, limportocomplessivo di questa differenza per facilitare il lavoro dellufficio incaricato della liquidazione.3 - VARIAZIONI DI CAMBINel caso in cui il cambio delle valute estere vari in più o meno di oltre il 5% rispetto alla lira, si darà corsoad una tempestiva revisione dei massimali indicati entro 15 gg. dal raggiungimento del 5%.Ad ogni revisione verrà modificato lallegato B riassuntivo dei cambi.4 VARIAZIONI DI INFLAZIONEI massimali di spese saranno rivalutati annualmente, entro la fine del mese di Marzo, sulla base di indicatorieconomici del costo della vita dei singoli paesi, con revisione del quadro riassuntivo dei massimali.5 - COLAZIONE IN CASO DI ORARI DI LAVORO NON CONVENZIONALINei casi documentati di orari di lavoro che non consentano dieffettuare la prima colazione in albergo, con autorizzazionepreventiva ne verrà riconosciuto e rimborsato il prezzodocumentato.6 - TELEFONATE PERSONALILe telefonate personali saranno contenute in termini accettabili di durata e di frequenza.In ogni caso verranno rimborsate solo le spese telefoniche documentate nei conti degli alberghi o risultantida altra idonea documentazione.Nella sede di confronto annuale prevista a pagina 2 si farà riferimento anche a tale problema.7 - SPESE TAXIDovranno essere limitate e verranno rimborsate solo quando il percorso per recarsi al lavoro non sia servitoda mezzi pubblici efficienti. Tenuto conto del fatto che le spese taxi vengono addebitate ai clienti, l’aziendasi riserva di controllare la necessità delluso del taxi.In caso di assoluta necessità, lAzienda autorizzerà preventivamente luso del noleggio auto. 222
  27. 27. 8 - LAVANDERIALe spese di lavanderia, normalmente giustificate, verranno rimborsate solo per trasferte superiori ai quattrogiorni e se inserite possibilmente nei conti degli alberghi.9 - MODALITA DI RIMBORSO E NATURA DELLINTERVENTOLAzienda informerà normalmente in via preventiva i tecnici sulle modalità di rimborso spese e sullecaratteristiche generali del lavoro previsto mediante lapposito modello (allegato A)10 - RENDICONTI SPESEI rendiconti delle trasferte dovranno essere presentati entro 30 giorni dal rientro.La valuta residua dovrà essere resa immediatamente e comunque non oltre il limite di cui sopra.LAzienda definirà contabilmente i rimborsi spese entro 30 giorni dalla loro presentazione.11 - USO AUTO PERSONALEIn caso di uso dellauto personale preventivamente autorizzato, il rimborso verrà effettuato secondo tabelleaziendali.RETRIBUZIONE DI TRASFERTA SISTEMA FORFETTARIO1 - PREMIO TRASFERTA GIORNALIEROIl premio trasferta viene fissato negli importi giornalieri lordi indicati al punto 1 pagina 4.2 - PREMIO TRASFERTA ANNUALEIl premio annuale viene definito nelle misure lorde, rapportata al numero di giorni di trasferta nellanno,indicate al punto 2 pagina 4 e sarà pagato con la retribuzione del mese di gennaio successivo allanno disvolgimento delle trasferte.3 - PREMIO TRASFERTA SEDI DISAGIATENei paesi con scarsità di servizi e che richiedono spese superiori per ottenere condizioni di vita accettabili,si conviene di corrispondere i seguenti importi giornalieri di premi trasferta: 4/5 5/S 6/701.01.1994 60.000 70.000 80.000Tale situazione vale per i clienti ubicati nelle seguenti zone: Indonesia - piccoli centri, Cina - grandi centri,Nigeria, Etiopia, Sudan, Grecia - piccoli centri, Bulgaria – piccoli centri, Yemen, Pakistan, Arabia Saudita,Algeria – piccoli centri, Macedonia. 223
  28. 28. 4 - PREMIO TRASFERTA SEDI DI GRAVE DISAGIONei piccoli centri della Repubblica Popolare Cinese, in considerazione del documentato grave disagio, ilpremio di trasferta lordo giornaliero viene definito come segue: 4/5 5/S 6/701.01.1994 90.000 100.000 110.000Se in futuro dovessero essere evidenziate altre sedi di lavoro del tutto assimilabili, si farà luogo allo stessotrattamento.Lo stesso trattamento viene riconosciuto dal 1/1/94 per la Sede di Prilep - Macedonia.RIMBORSI CON SISTEMA FORFETTARIO1. Il rimborso forfetario giornaliero di Lit. 66.500 potrà essere pagato dallAzienda mediante conguagliodella valuta consegnata al lavoratore al cambio dellultimo giorno di trasferta.2.Le spese viaggio, taxi e trasporto in genere sono rimborsate in base ai giustificativi presentati.Le spese taxi verranno successivamente addebitate al cliente e quindi lAzienda si riserva di controllare lanecessità delluso del taxi e gli importi richiesti.3. TelefonateLe telefonate personali saranno contenute in termini accettabili di durata e di frequenza.In ogni caso verranno rimborsate solo le spese telefoniche documentate nei conti degli alberghi o risultantida altra idonea documentazione.Nella sede di confronto annuale prevista a pagina 2 si farà riferimento anche a tale problema.NORMATIVE GENERALI1. - ASSICURAZIONE PERSONALE A BENEFICIO DEI TRASFERTISTIIn aggiunta e a complemento delle assicurazioni antinfortunistiche previste dalla legge, lazienda stipuleràunassicurazione che garantisce il pagamento di L. 500.000.000 ai dipendenti o ai loro eredi legittimi incaso di invalidità permanente totale o morte (una somma proporzionalmente ridotta in caso di inabilitàpermanente parziale) conseguente a viaggio e a permanenza fuori sede debitamente autorizzati per motivi dilavoro. Lassicurazione copre rischi di viaggio di andata ritorno dal domicilio del lavoratore con qualunquemezzo, compreso laereo, e i rischi professionali ed extra professionali per il periodo della permanenza fuorisede.Tale importo sarà cumulabile con quanto eventualmente corrisposto dalla assicurazione di legge (INAIL)Copia del contratto sarà disponibile presso lufficio personale per visione e conoscenza.2. - VISITE MEDICHE, CONTROLLI E PREVENZIONE SANITARIALazienda conferma il suo impegno a fornire informazioni preventive ai lavoratori in trasferta sullecondizioni ambientali e igienico sanitarie locali e sulle condizioni di lavoro allinterno delle fabbriche in cuisono avviati, condizioni da rilevare a mezzo dellapposito modello allegato (A).Tali informazioni riguarderanno in particolare zone e paesi a rischio di malattie infettive nonché‚suggerimenti e/o prescrizioni terapeutiche e preventive, come le vaccinazioni consigliate dai SMPIL. 224
  29. 29. A richiesta degli interessati verranno concesse ore di permesso retribuite per effettuare le vaccinazionisuggerite.Al rientro dalle trasferte di durata superiore al mese in paesi di condizioni climatiche e ambientali moltodiverse dalle nostre, il lavoratore avrà diritto a controlli medici specifici presso istituti pubblici.Per le analisi diagnostiche eventuali si procederà come da accordo aziendale.In particolare nei casi di dichiarata urgenza (certificato del medico personale dei lavoratori) o nel pericolodi malattie epidemico - contagiose, tali controlli saranno a carico dellazienda e potranno essere effettuatieccezionalmente anche presso istituti privati. I relativi referti medici dovrannoessere sempre recapitati o ritirati dallinteressato o familiare.In caso di ricovero ospedaliero avvenuto durante la trasferta il montatore non perde il diritto al premiotrasferta (giornaliero ed annuale) fino al suo rientro in sede.3.- TRATTAMENTO DEI GIORNI FESTIVI IN TRASFERTA E PERMESSI DIRECUPEROI giorni lavorativi a Bologna e festivi nel paese di trasferta, ma non lavorati, sono forfettariamente retribuiticon 4 ore ordinarie.Il dipendente deve comunque essere autorizzato dai responsabili nell’eventualità di possibile rientro inSede.Gli stessi giorni, se lavorati, saranno retribuiti a trattamento ordinario le prime 8 ore, a trattamentostraordinario le ore successive, secondo la normativa italiana.I giorni festivi a Bologna lavorati presso il cliente, saranno retribuiti come straordinario festivo secondo lanormativa italiana.A richiesta dei montatori che eccezionalmente non abbiano goduto del riposo settimanale di legge peresigenze lavorative, l’azienda si impegna a concedere un numero equivalente di giorni di permesso nonretribuito al termine della trasferta.Tale permesso deve essere preventivamente autorizzato dal responsabile; è ammesso il cumulo di orefrazionate prestate al titolo di cui sopra, per raggiungere una o più giornate di recupero.GIORNO FESTIVO Convenire con G:DDAL CLIENTE, 4 ORE ORDINARIE Eventuale possibileNON LAVORATO RientroGIORNO FESTIVO 8 ORE ORDINARIE,DAL CLIENTE,LAVORATO successive straordinarie norm.va italianaGIORNO FESTIVO Straordinario Possibilità di recuperare unA BOLOGNA, Festivo numero equivalente di ore nonLAVORATO Norm.va italiana retribuiteDAL CLIENTE 225
  30. 30. 4. - VIAGGIO IN GIORNI NON LAVORATIVIIl cumulo delle ore di viaggio effettuate nei giorni non lavorativi a Bologna potrà essere recuperato con unnumero equivalente di giorni di permesso non retribuito. Tale permesso deve essere preventivamenteautorizzato dal responsabile.5. - PERMESSI RETRIBUITI CON RIPOSO COMPENSATIVOIn relazione alla durata del viaggio e allo sfasamento orario conseguente, si concorda lattribuzione di ungiorno di riposo retribuito per ogni volo di durata superiore a cinque fusi orari o se il viaggio aereocomunque risulta di durata effettiva superiore a cinque ore, escluse le soste intermedie.Quanto sopra vale sia per il viaggio di andata che per quello di ritorno.I permessi di cui sopra sono fruibili solo immediatamente, il giorno successivo a quello di viaggio perlandata e il primo giorno lavorativo al rientro in Sede.Viene inoltre concordato il godimento di un giorno di riposo nei casi di trasferte estere di durata superioreai 30 giorni senza rientro intermedio.Nel caso del volo verso la Cina, il giorno di riposo verrà normalmente effettuato ad Hong Kong.6. - PAGAMENTO DELLE ORE VIAGGIOFermo quanto stabilisce il contratto nazionale di lavoro per le condizioni e limiti, verranno retribuiteinteramente a trattamento ordinario le ore di viaggio dei trasfertisti, a condizione che litinerario e i mezziprescelti corrispondano a quelli autorizzati dallazienda oppure quando si verifica una ipotesi documentatadi forza maggiore durante il viaggio.7. - VIAGGI AEREI DI LUNGA DURATALazienda riconosce luso della business class per tutti i voli diretti al Giappone.Per gli altri voli di durata superiore a 10 ore consecutive saranno consentiti scali intermedi a scopo diriposo, con onere di spese a carico dellazienda, nei casi in cui tali scali siano possibili (per esempioAustralia).Per le altre destinazioni, lazienda riconferma il suo impegno a ricercare, attraverso le proprie strutturecompetenti, le condizioni di quelle compagnie aeree che offrono garanzie di migliore comfort ed altrecondizioni migliorative (orario, qualità di servizio, assistenza etc.).Tali agevolazioni non sostituiscono i permessi di cui al punto 5 che continueranno ad essere effettuatiall’arrivo in Sede e dal cliente.8. - RELAZIONI TECNICHE SULLE TRASFERTEFermo quanto previsto da accordi precedenti sulle relazioni tecniche, si conviene che le stesse debbanoessere possibilmente scritte, almeno come primo appunto sintetico, sul posto di lavoro e direttamente sullamacchina, allo scopo di conseguire la più precisa e completa esposizione dei fatti tecnici interessanti. 226
  31. 31. Inoltre, nel comune intendimento di sviluppare tale strumento di conoscenza ed informazione e diutilizzarne i possibili contenuti nel modo più efficace, si concorda che il nucleo essenziale delle relazionisarà oggetto di valutazione in sede tra il tecnico, i responsabili del montaggio e, in caso di utilità,dellufficio tecnico.In tale occasione la relazione potrà essere configurata con modalità tali da poter essere inclusa nel data basegenerale.9. - ORARIO DI LAVOROIn via di principio le parti tendono allo svolgimento di un normale orario di lavoro contrattuale.I tecnici in trasferta programmeranno le loro attività per conformarsi, per quanto possibile, agli orari dilavoro ed ai sistemi organizzativi locali.In considerazione di quanto precede, si concorda che le ore di prestazione straordinaria potranno essereeffettuate di massima entro il limite delle 8 ore settimanali. A richiesta del tecnico le ore eccedenti sarannorecuperate con permessi non retribuiti.Ulteriori aggiornamenti del presente contratto, che ha termini di validità corrispondenti a quelli dellaccordoaziendale, saranno concordati con il Consiglio di Fabbrica assistito da rappresentanti dei tecnici interessati.Fanno eccezione a quanto sopra le modifiche previste ai punti 3 e 4 di pagina 6 che avranno le decorrenzeivi previste espressamente. 227
  32. 32. ALLEGATO ADA TOTC A (1) MONTAGGIO MECCANICOUFFICIO VENDITE (2) MONTAGGIO ELETTRICO (3) UFFICIO VIAGGILA DITTADIRICHIEDE NS. TECNICO/I N. !_! MECCANICO/I N. !_! ELETTRICISTA/IPER PARTENZA ILPER !_! COLLAUDO !_! RIPARAZIONE !_! CAMBIO FORMATO-C.O./ 0.1 !_! VARIMACCHINA/E TIPO MATR./C.OSPECIFICHE PROTOCOLLOINTERVENTO A TITOLO I_! ONEROSO I_I GRATUITO 1_I DA DEFINIRERIMBORSO SPESE TECNICO I_I PIE4 DI LISTA I_I FORFEUARIOVISTO DI INGRESSO NO I_I SI !_!PROFILASSI SANITARIASITUAZIONE AMBIENTALENOTE 228
  33. 33. BOLOGNA FIRMA 229
  34. 34. ALLEGATO BVALUTA 03.11.1993$USA 1.636,74DMTEDESCO 965,06FR.SVIZZERO 1.088,98FR.FRANCESE 276,69LGS.STERLINA 2.422,38LIRA IRLANDESE 2.289,64$CANADESE 1.250,85FL.OLANDESE 859.72FR.BELGA 45,17KR.DANESE 241,39KR.NORVEGESE 222,22RR.SVEDESE 200,63FINLANDESE 287,07SH.AUSTRIACO 137,22PST. SPAGNOLA 12,06YENGIAPPONESE 15,21$AUSTRALIANO 1107,25 230

×