0
Gli Sciti  & i popoli Nord Europei
<ul><li>- Gli  sciti  (un popolo tutt’ altro che barbaro ) </li></ul><ul><li>-  I  Sarmati </li></ul><ul><li>-  Testimonia...
1000 a.C. 2000 a.C. Gli sciti arrivano in Europa I Celti giungono in Europa e si espandono L’ invasione Unna finisce il po...
<ul><li>Gli sciti furono una popolazione  seminomade  di origine iranica che, intorno al VII sec. a.C., sì affacciò sul pa...
<ul><li>La società scita era verticalmente strutturata con alla vetta della gerarchia gli Sciti Reali a susseguire gli Sci...
<ul><li>Una curiosità della cultura scita è la  parità dei sessi. </li></ul><ul><li>Anche in battaglia le donne venivano c...
<ul><li>Le città scite consistevano in accampamenti circolari alla cui difesa si ergevano grandi palizzate, anche se gli s...
<ul><li>Gli sciti adoravano diverse divinità tra cui Kolaksay, eroe elevato al rango di divinità che secondo la leggenda f...
<ul><li>Gli sciti, di origine iranica, si spostarono gradualmente verso nord, nord-ovest fino ad affacciarsi sul continent...
<ul><li>Presto gli sciti entrarono in contatto con la civiltà persiana, che tentò inutilmente di sconfiggerli. </li></ul><...
<ul><li>Anche a causa della vastità dei territori conquistati o assoggettati e della multietnicità delle popolazione sotto...
<ul><li>I Sarmati come gli Sciti provenivano dalla zona sub iranica. Si dividevano probabilmente in 4 tribù:  </li></ul><u...
<ul><li>I Sarmati erano abili guerrieri e ci furono spesso conflitti tra questi ultimi e i Romani. Nel II sec. d.C., ad es...
<ul><li>Il benestare dei capi sciti non si manifestava in palazzi oppure in templi, ma li seguiva nella tomba. Dai tumuli ...
Arte Orafa Spilla floreale con pietre semi-preziose Orecchini decorati  con tre sfere in oro
Pettorale scita usato per cerimonie o parate militari Collana e orecchini  placcati in oro  per funzioni di tipo religioso...
<ul><li>La maggior parte delle opere d’ arte scite sono giunte a noi per mezzo delle kurgan ( tombe monumentali scavate ne...
<ul><li>I popoli nord europei erano in gran parte preindoeuropei e si erano lentamente sviluppati durante la preistoria fo...
<ul><li>Molto importanti furono le popolazioni scandivane, formatesi nell’ età del bronzo scandinava(1800-500 a.C.), che s...
<ul><li>La vita di questi popoli era incentrata sulla pesca, per questo motivo le città erano situate nei pressi dei fiord...
<ul><li>Dai ritrovamenti si capisce che questi popoli veneravano principalmente il dio sole. Nei petroglifi veniva anche r...
<ul><li>Tra i reperti di questa popolazione più interessanti vi sono  la   ragazza di Egtved , una mummia perfettamente co...
<ul><li>Si tratta di una mummia giunta fino a noi intatta. </li></ul><ul><li>E’ datata intorno al XIV sec. a.C. </li></ul>...
<ul><li>Il carro solare di trundholm è un manufatto bronzeo risalente all’ età del bronzo. </li></ul><ul><li>La statua raf...
<ul><li>Il tumulo di Håga è una kurgan alta circa 7m e di circa 45m di diametro. </li></ul><ul><li>Venne costruita intorno...
<ul><li>I popoli scandinavi e i popoli sciti avevano in realtà  un’ origine comune , come è testimoniato dalla  presenza d...
<ul><li>Culturalmente molto differenti dalla “civiltà delle qurgan” erano i Celti, una popolazione nord europea di origine...
In seguito si fermarono nell’ Europa centro settentrionale e in Gran Bretagna. Alcuni ritrovamenti sono stati fatti persin...
<ul><li>I Celti avevano una unica cultura ma tuttavia definirli un unico popolo è sostanzialmente impreciso,essi erano div...
<ul><li>Nel tempo le varie tribù si separarono tanto da perdere alcuni tra i tratti comuni, ad esempio, si formarono sosta...
<ul><li>“ Galli” era il nome con il quale i romani indicavano le popolazioni celtiche abitanti la Francia. Come tutte le p...
<ul><li>Popolazioni celtiche raggiunsero la Gran Bretagna, superando La Manica all’ incirca attorno al VIII sec. A.C. </li...
<ul><li>La società celtica ricalcava le strutture fondamentali di quella indoeuropea, imperniata sulla &quot;grande famigl...
<ul><li>La donna godeva di uguali diritti all'interno della società dei Celti. Poteva ereditare come gli uomini ed essere ...
<ul><li>Tutte le tribù celtiche avevano una religione e in ognuna c’era almeno un  druido , sacerdote collegamento tra l’ ...
<ul><li>I Celti avevano un’ economia principalmente centrata sull’ allevamento (bovini e suini) e sull’ agricoltura(farro,...
<ul><li>L’ arte celtica era molto avanzata. </li></ul><ul><li>Tra esse spiccava l’  oreficeria  e l’  architettura , ma an...
<ul><li>Anche la musica era molto diffusa tra i Celti ed erano diffusissimi i bardi(poeti o cantori di imprese epiche). </...
<ul><li>Wikipedia ( http:// it.wikipedia.org / ) </li></ul><ul><li>Google ( http:// images.google.it / ) </li></ul><ul><li...
<ul><li>In alto a partire da sinistra: Zaccarini Francesco, Semidoppio Nicola. </li></ul><ul><li>In basso a partire da sin...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Gli sciti e i popoli Nord_Europei

3,056

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,056
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
24
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Gli sciti e i popoli Nord_Europei"

  1. 1. Gli Sciti & i popoli Nord Europei
  2. 2. <ul><li>- Gli sciti (un popolo tutt’ altro che barbaro ) </li></ul><ul><li>- I Sarmati </li></ul><ul><li>- Testimonianze dell’ arte scita </li></ul><ul><li>- I popoli nordeuropei della penisola scandinava </li></ul><ul><li>- Un’ origine comune ( kurgan ) </li></ul><ul><li>- I Celti </li></ul>Sommario
  3. 3. 1000 a.C. 2000 a.C. Gli sciti arrivano in Europa I Celti giungono in Europa e si espandono L’ invasione Unna finisce il popolo scita I Sarmati si espandono lungo il mar nero Compaiono civiltà nella penisola scandinava La civiltà delle kurgan fa la sua comparsa 3000 a.C. Il linguaggio celtico si diffonde nel panorama europeo La civiltà kurgan si divide in molti rigagnoli a se stanti I Celti si uniscono sotto la guida di Vercingetorige per fermare Cesare Linea Del Tempo
  4. 4. <ul><li>Gli sciti furono una popolazione seminomade di origine iranica che, intorno al VII sec. a.C., sì affacciò sul panorama europeo e in breve tempo si spinse fino alla Siberia e ai margini dell’ Anatolia dove si scontrò con i Persiani. </li></ul>Gli Sciti
  5. 5. <ul><li>La società scita era verticalmente strutturata con alla vetta della gerarchia gli Sciti Reali a susseguire gli Sciti Elleni (GUERRIERI), gli Sciti coltivatori e gli Sciti allevatori di vacche. </li></ul><ul><li>La loro cultura aveva sia aspetti asiatici che ellenici e per anni furono un tramite tra la Cina e la Grecia. </li></ul>La Societa' Scita
  6. 6. <ul><li>Una curiosità della cultura scita è la parità dei sessi. </li></ul><ul><li>Anche in battaglia le donne venivano considerate alla pari ed esisteva un particolare gruppo di guerriere, le cacciatrici di teste, armate di lunghe asce e di spade, solitamente in groppa a cavalli, che si potevano sposare solamente dopo aver combattuto e venivano considerate spose migliori quelle che riportavano al villaggio più teste mozzate di nemici. </li></ul>
  7. 7. <ul><li>Le città scite consistevano in accampamenti circolari alla cui difesa si ergevano grandi palizzate, anche se gli sciti non temevano incursioni nemiche. </li></ul><ul><li>Il cuore del villaggio era “la casa del guerriero”, un edificio amministrativo dove si riuniva il popolo per decidere le varie suddivisioni dei lavori. </li></ul>Le Citta' Scite
  8. 8. <ul><li>Gli sciti adoravano diverse divinità tra cui Kolaksay, eroe elevato al rango di divinità che secondo la leggenda fondò la Scizia e si impossessò di tre grandi tesori divini : </li></ul><ul><li>un aratro, una coppa e un’ alabarda.   </li></ul><ul><li>Inoltre adoravano la dea Api (Madre Terra), la madre di tutti gli dei. Veniva celebrata come dea della fertilità.   </li></ul>Religione
  9. 9. <ul><li>Gli sciti, di origine iranica, si spostarono gradualmente verso nord, nord-ovest fino ad affacciarsi sul continente europeo nel VII sec a.C. </li></ul><ul><li>Durante questo spostamento si scontrarono con i Medi , che per primi sperimentarono il potere guerriero scita. Già di questo periodo si ritrovano testimonianze di villaggi sciti dove si riscontra un alto livello di benessere e di attività artistica. </li></ul>Dai Primordi Alla Fine...
  10. 10. <ul><li>Presto gli sciti entrarono in contatto con la civiltà persiana, che tentò inutilmente di sconfiggerli. </li></ul><ul><li>Dario I infatti, tra il VI sec. A.C. V sec. A.C., intraprese una campagna contro i popoli nomadi della scizia che si concluse con una disfatta. </li></ul><ul><li>Migliori furono i rapporti intrapresi di lì a poco con la civiltà ellenica e lo stesso Erodoto visita la scizia ammirandone la cultura e la forza in guerra. </li></ul><ul><li>Nonostante tutto i Greci continuarono a considerare erroneamente gli Sciti dei barbari. </li></ul>
  11. 11. <ul><li>Anche a causa della vastità dei territori conquistati o assoggettati e della multietnicità delle popolazione sottomesse, gli Sciti andarono incontro ad una frammentazione delle tribù e presto furono preda degli attacchi di popoli emergenti e più coesi come i Sarmati, provenienti dalla Mesopotamia settentrionale. </li></ul><ul><li>Le ultime popolazioni indipendenti di origine scita resistettero fino all’ invasione unna del IV sec. d.C. </li></ul><ul><li>I Sarmati conservarono gran parte delle tradizioni scite e ne acquisirono la cultura. </li></ul>
  12. 12. <ul><li>I Sarmati come gli Sciti provenivano dalla zona sub iranica. Si dividevano probabilmente in 4 tribù: </li></ul><ul><li>I Roxolani ( che si insediarono a nord del mar Nero intorno al II sec. A.C. sconfiggendo gli Sciti ) </li></ul><ul><li>Gli Lagizi ( che si insediarono a est della Dacia e poi in Germania tra il II e il I sec. a.C.) </li></ul><ul><li>Gli Aorsi ( che furono presto soppiantati dagli Alani nell’ area a nord del Caucaso ) </li></ul><ul><li>Gli Alani ( che si insediarono a nord del mar Nero e a nord del Caucaso sconfiggendo i “cugini” Aorsi ) </li></ul>I Sarmati
  13. 13. <ul><li>I Sarmati erano abili guerrieri e ci furono spesso conflitti tra questi ultimi e i Romani. Nel II sec. d.C., ad esempio, i Sarmati fronteggiarono i romani insieme ai Daci, nel tentativo di fermare l’ avanzata dell’ iperatore Traiano. Nonostante tutto quest’ ultimo li sconfisse indebolendoli molto. Per questo motivo alla fine del secolo i Goti non ebbero difficoltà a insediarsi. </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Il benestare dei capi sciti non si manifestava in palazzi oppure in templi, ma li seguiva nella tomba. Dai tumuli funerari sono stati trovati dei capolavori della cultura e dell’arte scita le kurgan . </li></ul>Testimonianze dell'arte scita
  15. 15. Arte Orafa Spilla floreale con pietre semi-preziose Orecchini decorati con tre sfere in oro
  16. 16. Pettorale scita usato per cerimonie o parate militari Collana e orecchini placcati in oro per funzioni di tipo religioso e per occasioni di vario genere
  17. 17. <ul><li>La maggior parte delle opere d’ arte scite sono giunte a noi per mezzo delle kurgan ( tombe monumentali scavate nel sottosuolo o nelle grotte dove i grandi re sciti portavano i loro beni terreni). La maggior parte delle kurgan è giunta intatta fino ai nostri giorni e conserva una grande quantità di informazioni su questa civiltà antica. </li></ul>
  18. 18. <ul><li>I popoli nord europei erano in gran parte preindoeuropei e si erano lentamente sviluppati durante la preistoria formando una cultura e delle tradizioni molto complesse. </li></ul><ul><li>Con il passare del tempo queste popolazioni scesero più a sud nel continente e diventarono i progenitori di molte popolazioni più conosciute. </li></ul>I popoli nordeuropei
  19. 19. <ul><li>Molto importanti furono le popolazioni scandivane, formatesi nell’ età del bronzo scandinava(1800-500 a.C.), che scesero poi nell’ Europa centrale e andarono a formare i popoli germanici (quali Goti e Longobardi). </li></ul>rosso = insediamenti prima del 750 a.C. arancione = fino al 500 a.C. giallo = fino al 250 a.C. verde = fino alla fine del I secolo a.C. Le Popolazioni Scandinave
  20. 20. <ul><li>La vita di questi popoli era incentrata sulla pesca, per questo motivo le città erano situate nei pressi dei fiordi o comunque della costa. L'importanza della navigazione per queste popolazioni è mostrata dalla frequenza di raffigurazioni di navi nei petroglifi e dalle cosiddette &quot;navi di pietra&quot;, circoli funerari di pietre infisse verticalmente nel terreno che tracciano il perimetro di una nave, che si riferiscono probabilmente alla nave funebre del defunto. </li></ul>Cultura & Religione
  21. 21. <ul><li>Dai ritrovamenti si capisce che questi popoli veneravano principalmente il dio sole. Nei petroglifi veniva anche rappresentata una coppia di gemelli riflessa nella frequente dualità degli oggetti sacri e una dea madre (probabilmente chiamata Nerthus). </li></ul><ul><li>I sacrifici di animali o anche di uomini erano connessi con l'acqua e i riti si svolgevano spesso in luoghi sacri presso piccoli laghi o stagni, dove sono stati rinvenuti numerosi manufatti. Gli oggetti rituali venivano infatti offerti agli dei insieme al sacrificio. </li></ul>
  22. 22. <ul><li>Tra i reperti di questa popolazione più interessanti vi sono la ragazza di Egtved , una mummia perfettamente conservata del XIV sec. a.C., il carro solare di Trundholm , una tipica rappresentazione del Sole secondo la mitologia norrena, e </li></ul><ul><li>il tumulo di Håga , una kurgan in cui erano conservate le spoglie del re Björn. </li></ul>
  23. 23. <ul><li>Si tratta di una mummia giunta fino a noi intatta. </li></ul><ul><li>E’ datata intorno al XIV sec. a.C. </li></ul><ul><li>Era vestita con abiti di cuoio e ai suoi piedi vi era un bambino e del cibo. Ciò dimostra che era praticata una cerimonia funeraria. </li></ul>La Ragazza Di Egtved
  24. 24. <ul><li>Il carro solare di trundholm è un manufatto bronzeo risalente all’ età del bronzo. </li></ul><ul><li>La statua raffigura un cavallo ed un grande disco, collocati in una struttura a forma di carro con ruote a quattro raggi ognuna. Gli studiosi ritengono che il disco rappresenti Sòl, una divinità solare della mitologia norrena. </li></ul>Il Carro Solare Di Trundholm
  25. 25. <ul><li>Il tumulo di Håga è una kurgan alta circa 7m e di circa 45m di diametro. </li></ul><ul><li>Venne costruita intorno all'anno 1000 a.C. in quello che allora era uno stretto istmo. </li></ul><ul><li>Il corredo funebre si componeva di diversi oggetti in bronzo, tra i quali una spada , un rasoio , due fibule e bottoni in bronzo dorato . </li></ul>Il Tumulo Di Håga
  26. 26. <ul><li>I popoli scandinavi e i popoli sciti avevano in realtà un’ origine comune , come è testimoniato dalla presenza di kurgan in entrambe le culture. </li></ul><ul><li>Questo antenato comune viene definito dagli storici come la “ civiltà delle kurgan ”, una civiltà sviluppatasi nel nord Europa tra il 4000 e il 2000 a.C. che si divise in mille rigagnoli e si diffuse rapidamente tra il nord Europa e l’ attuale Russia. </li></ul>Un’ Origine Comune....
  27. 27. <ul><li>Culturalmente molto differenti dalla “civiltà delle qurgan” erano i Celti, una popolazione nord europea di origine indoeuropea. </li></ul><ul><li>I Celti Giunsero in Europa in varie ondate, fra il 3500 e il 1500 a.C. spostandosi dalle regioni interne dell’Asia e attraversando il Caucaso e il Medio Oriente. </li></ul>Un’ altra popolazione nord europea: I CELTI
  28. 28. In seguito si fermarono nell’ Europa centro settentrionale e in Gran Bretagna. Alcuni ritrovamenti sono stati fatti persino in Anatolia.
  29. 29. <ul><li>I Celti avevano una unica cultura ma tuttavia definirli un unico popolo è sostanzialmente impreciso,essi erano divisi in svariate tribù , ognuna delle quale riconosceva un antenato comune divino e una lingua con molte similitudini fonetiche e di significato. L’organizzazione sociale in tribù ( teuta ) </li></ul><ul><li>o clan (famiglie) era l’unica forma di aggregazione sociale riconosciuta dai Celti, che non crearono mai un unico grande “Stato dei Celti” né un grande impero.   </li></ul>Storia delle tribù Celtiche
  30. 30. <ul><li>Nel tempo le varie tribù si separarono tanto da perdere alcuni tra i tratti comuni, ad esempio, si formarono sostanziali diversità tra i Galli e i Britanni. </li></ul><ul><li>Questo portò ad una frammentazione completa di questo popolo che conservò la cultura delle origini solo in poche zone. </li></ul><ul><li>Il momento di massimo splendore dei Celti fu il IV sec. a.C., quando i Celti raggiunsero l’ apice culturale. In quell'epoca, la lingua e la cultura celtica costituivano l'elemento più diffuso e caratteristico dell'intera Europa. </li></ul>
  31. 31. <ul><li>“ Galli” era il nome con il quale i romani indicavano le popolazioni celtiche abitanti la Francia. Come tutte le popolazioni celtiche anche i Galli erano frazionati in numerose tribù, che solo in rari casi riuscirono a coalizzarsi per far fronte a un nemico comune: come quando, nel 52 a.C. numerose tribù guidate da Vercingetorige si ribellarono alla conquista delle Gallie da parte di Giulio Cesare. </li></ul><ul><li>Questa conquista era già in atto dal III sec. a.C. </li></ul>I Galli
  32. 32. <ul><li>Popolazioni celtiche raggiunsero la Gran Bretagna, superando La Manica all’ incirca attorno al VIII sec. A.C. </li></ul>I Britanni Qui si formò la più fiorente e duratura cultura celtica che resistette a più spedizioni romane e sopravisse fino al 1000 d.C., anche se molto indebolita e modificata dai popoli che la sottomisero.
  33. 33. <ul><li>La società celtica ricalcava le strutture fondamentali di quella indoeuropea, imperniata sulla &quot;grande famiglia&quot; patriarcale. Il gruppo famigliare comprendeva varie decine di persone. Più clan formavano una tribù, a capo della quale era posto un re. Alla famiglia spettava anche la proprietà della terra. </li></ul>Società La struttura sociale prevedeva una notevole articolazione in classi. L'aristocrazia era principalmente guerriera, mentre prerogativa del popolo erano le attività economiche, principalmente centrate sull'agricoltura e l'allevamento.
  34. 34. <ul><li>La donna godeva di uguali diritti all'interno della società dei Celti. Poteva ereditare come gli uomini ed essere eletta a qualsiasi carica, comprese quelle di druido o di comandante in capo degli eserciti, circa come nella cultura scita. </li></ul>Condizione Della Donna
  35. 35. <ul><li>Tutte le tribù celtiche avevano una religione e in ognuna c’era almeno un druido , sacerdote collegamento tra l’ umano e il divino e protettore della natura. L’ educazione di un druido durava vent’ anni e comprendeva insegnamenti di astronomia e erboristeria avanzata. </li></ul><ul><li>I Celti avevano una religione politeista , con una particolare valenza religiosa data alla quercia . </li></ul><ul><li>Inoltre credevano nella trasmigrazione delle anime, e ciò dava coraggio ai guerrieri in battaglia, che non temevano la morte. </li></ul>Religione
  36. 36. <ul><li>I Celti avevano un’ economia principalmente centrata sull’ allevamento (bovini e suini) e sull’ agricoltura(farro, frumento e segale). Anche la pesca era molto praticata sulle coste. </li></ul><ul><li>L’ artigianato e la metallurgia erano avanzati già nel VIII sec. a.C., e ciò permise loro di disporre di asce e falci funzionali. </li></ul><ul><li>Inoltre crearono una moneta(le statere). </li></ul>Daghe celtiche in ferro Economia
  37. 37. <ul><li>L’ arte celtica era molto avanzata. </li></ul><ul><li>Tra esse spiccava l’ oreficeria e l’ architettura , ma anche la scultura . </li></ul>A destra un muro celtico, sotto un esempio di arte orafa Arte
  38. 38. <ul><li>Anche la musica era molto diffusa tra i Celti ed erano diffusissimi i bardi(poeti o cantori di imprese epiche). </li></ul><ul><li>Testimonianze di quest’ ultima sono giunte fino a noi. Inoltre la tessitura era molto avanzata. </li></ul><ul><li>Esempi di scultura e architettura celtica. </li></ul>
  39. 39. <ul><li>Wikipedia ( http:// it.wikipedia.org / ) </li></ul><ul><li>Google ( http:// images.google.it / ) </li></ul><ul><li>Libri di testo </li></ul><ul><li>Volantini e libricini di mostre </li></ul>I contenuti di questa presentazione sono stati ricavati da :
  40. 40. <ul><li>In alto a partire da sinistra: Zaccarini Francesco, Semidoppio Nicola. </li></ul><ul><li>In basso a partire da sinistra: Servadei Enrico, Tozzi Samuele, Scardovi Filippo. </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×