Your SlideShare is downloading. ×
Clayver, l'argilla intelligente, presentazione di Luca Risso a #vuu 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Clayver, l'argilla intelligente, presentazione di Luca Risso a #vuu 2014

63

Published on

L'innovativo sistema di conservazione del vino in argilla intelligente, il sistema Clayver presentato a Vinix Unplugged Unconference da Luca Risso

L'innovativo sistema di conservazione del vino in argilla intelligente, il sistema Clayver presentato a Vinix Unplugged Unconference da Luca Risso

Published in: Engineering
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
63
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Benoit Tarlant, Produttore, Champagne Tarlant Sto provando Clayver sulle mie basi, in particolare sullo Chardonnay. Per farmi un'idea sul comportamento ho messo la stessa massa a fermentare in altri contenitori: acciaio, barrique e due diversi contenitori in terracotta. L'altro giorno abbiamo fatto gli assaggi per decidere i tagli e devo dire che Clayver ha vinto su tutti gli altri contenitori, e non solo dal punto di vista organolettico. Abbiamo infatti registrato una minore evaporazione del vino sia rispetto alla barrique che rispetto alle due anfore in terracotta. Negli assaggi alla cieca che abbiamo fatto, lo chardonnay fermentato in Clayver ha inoltre dimostrato di essere quello che più di tutti incontrava i nostri gusti: un vino aperto, fruttato, bilanciato. Andrea Sala, Piccolo Produttore Credo di essere stato uno dei primi a sperimentare questo nuovo materiale e devo confermare che la tenuta è perfetta: non ci sono perdite consistenti e si evita l’eccesso di riduzione dei contenitori in inox. Secondo me, due vantaggi non trascurabili, oltre a quelli già noti sono: una grande facilità di igiene (io uso l’idropulitrice a 90° senza problemi) ed il fatto che si possono allungare gli intervalli dei travasi senza il rischio di andare in eccesso di riduzione. Paolo Carlo Ghislandi, Produttore, Cascina I Carpini Sto utilizzando il Clayver dalla svinatura del mio Timorasso più promettente dell'annata 2013. Inizialmente il Clayver ha assorbito una quantità di vino simile ad una botte di rovere da 500L (Tonneaux), dopo tre settimane sembra essersi stabilizzato. Ad oggi, dalle degustazioni e dalle analisi non si è ritenuto necessario intervenire sulla massa (niente rame, niente solfiti, niente di niente). Secondo le mie impressioni personali non avvallate scientificamente, per ora il Clayver sembra avere un comportamento poliedrico. Si comporta a livello di isolamento termico similmente ad una vasca di cemento, fornisce uno scambio osmotico con l'ambiente esterno che appare simile al rovere e ha una "pulizia" paragonabile all'acciaio o al vetro. Nell'ultima degustazione comparativa la massa identica da cui ho prelevato il vino che ora è nel Clayver è risultata, alla cieca, meno definita e ancora "grezza", meno elegante, mentre la massa nel Clayver era decisamente più fine ed evoluta (seppur ancora giovanissime entrambe). I valori analitici, al momento, non presentano significativi elementi di distinzione. La particolare chiusura del Clayver rende inutile preoccuparsi delle ossidazioni o delle contaminazioni, nessuna correzione enologica è stata prevista al momento. Da non trascurare l'effetto estetico che rende ancora più piacevole l'esperienza di utilizzarlo. Per un vino Timorasso 2013 stiamo parlando di qualcosa di estremamente prematuro, credo che sarà interessante e rilevante analizzare il vino a maggio, con temperature decisamente più alte e malolattiche svolte.
  • 2. La certificazione alimentare dovrebbe essere obbligatoria, ma non sempre è fornita, specie in assenza di normativa per la ceramica: piombo e cadmio (Regolamento CE 1935/2004 - Direttiva 84/500 attuata con D.M. 4/4/85 e Direttiva 2005/31/CE attuata con D.M. 1/2/2007) gli altri elementi di solito presenti in ogni ceramica (Al, Si, Fe, Ca, Ti, Na, K): innocui

×